Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 30 settembre 2008

(Testo blu in Italiano)
In attesa delle Pagelle dei Crociati è meglio mandare la squadra del Parma a Fontanellato

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
In atéza dìl Pagéli di Crozè l'é méj mandär la scuädra dal Pärma a Fontanlè
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

lunedì 29 settembre 2008

2 ottobre 2008 V° anniversrio della morte di Baldassarre Molossi Direttore della "Gazzetta di Parma" "Al Diretór"

(Testo blu in Italiano)
Il 2 ottobre del 2003 moriva all'età di 76 anni Baldasarre Molossi conosciuto dai Parmigiano come “ Al Diretór ädla Gazètta äd Pärma”. Giovedì 2 ottobre, per ricordare il quinto anniversario della scomparsa, ADE S.p.a, organizza al Cimitero Monumentale della Villetta un momento di ritrovo e di preghiera davanti alla tomba di Molossi. Alla fine della cerimonia davanti alla tomba di Padre Lino verrà letta la poesia dialettale “Padre Lino” di cui Baldassarre Molossi era molto devoto.
Baldassarre Molossi, è stato uno dei più noti direttori di quotidiani di provincia in Italia. Ha diretto per 35 anni, dal 1957 al 1992 la Gazzetta di Parma, di cui il padre Gontrano Molossi e il nonno Pellegrino Molossi furono proprietari e direttori dal 1880 al 1928 Ha debuttato nel giornalismo nel 1945, come redattore capo del quindicinale "Pagine libere", poi negli anni '49-'50 ha diretto il settimanale liberale "L'uomo libero", fino a che, nel 1950, è stato assunto alla Gazzetta di Parma, dove è stato redattore, capocronista e redattore capo fino a diventare direttore il 21settembre 1957. Negli anni Cinquanta sé succeduto ad Attilio Bertolucci come critico teatrale e cinematografico. È stato presidente del Centro Studi Bodoni; segretario e presidente del Rotary Club Parma ('74-'75) e, dal 1983, delegato di Parma dell' Accademia Italiana della cucina e membro della Consulta accademica e del consiglio di presidenza.
Nel 1989 la città di Parma gli ha conferito la medaglia d'oro del Premio Sant Ilario
Suo figlio Giuliano Molossi è direttore della Gazzetta di Parma dal 1 maggio 1998.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
2 otòbbor 2008 cuìnt anivarsäri ädla mòrta äd Baldassarre Molòs.


Al 2 otòbbor dal 2003 morìva a l'etè ä 76 àni Baldasarre Molòs conosù da i Pramzàn cme “ Al Diretór ädla Gazètta äd Pärma”. Giovedì 2 otòbbor, par ricordär al cuìnt anivarsäri ädla mòrta, ADE S.p.a, l' organìzza al Simitéri Monumentäl ädla Vilètta un momént äd ritróv e preghjéra davanti ala tómba äd Molòs. Ala fén ädla cerimònja davànti ala tómba äd Padre Lino a srà lét la poezìa djaletäla “Padre Lino” parsón'na che Baldassarre Molòs l'éra devòt bombèn.
Baldassarre Molòs l'é stè vón di pù famóz diretór äd giornäl äd provìncia in Itàlja. L'à dirét par 35 àni, dal 1957 al 1992 la Gazètta äd Pärma, che al pädor Gontrano Molòs e al nòn Pellegrino Molòs j éron stè i proprjetäri e diretór dal 1880 al 1928 L' à comincè in-t-al giornalìsom in-t-al 1945, cme redatór capo dal cuindicinäl "Pagine libere", po' in-t-i àni '49-'50 l'à dirétt al setimanäl liberäl "L'uomo libero", fin a che, in-t-al 1950, l'é stè asùnt ala Gazètta äd Pärma, indò l'é stè redatór, capcronìssta e redatór capo infìnna a dvintär diretór al 21 setémbor 1957 . In-t-i àni Sincuànta l'é andè al pòst äd Attilio Bertolucci cme crìttich teaträl e cinematogràfich. L'é stè presidént dal Céntor Stùdi Bodoni; segretäri e presidént dal Rotary Club Pärma ('74-'75) e, dal 1983, deleghè äd Pärma äd l' Accadémja Italjàna ädla cuzén'na e mémbor ädla Consulta accadémica e dal consìlli äd presidénsa.
In-t-al 1989 la citè äd Pärma l'a gh'à conferì la mdàja d'òr dal Prémi Sant Iläri.
Sò fjól Giuliano Molossi l'é diretór ädla Gazètta äd Pärma dal 1 äd màg' dal 1998.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

sabato 27 settembre 2008

Regalo di compleanno per Andrea De Adamich

(Testo blu in Italiano)
Regalo di compleanno per Andrea De Adamich

Andrea De Adamich è nato a Trieste il 3 ottobre del 1941, dal 1990 risiede a Varano Melegari, dove è manager dell’autodromo di Varano “Riccardo Paletti”. Il 3 ottobre 2008 , Andrea De Adamich
spegnerà 67 candeline e per un Parmigiano acquisito come lui, la TEP gli ha regalato per il compleanno la Presidenza dell’Azienda di trasporti Parmigiana, che proprio in questi giorni compie 60 anni.
De Adamich, ha esordito in Formula 1 nel Gran Premio di Spagna nel 1967, classificandosi al quarto posto alla guida di una Ferrari. Nel 1972, su una Surtees- Ford, ottiene il miglior risultato della sua carriera piazzandosi quarto in Spagna. E’ stato Campione Italiano di Formula 3, Campione Europeo Turismo per due anni e Campione Italiano assoluto nel 1972 e nel 1974.Parmaindialetto, unitamente a tutti i “Pramzàn” , oltre a fare ad Andrea De Adamich gli auguri di buon compleanno, augura buon lavoro al Campione “Pramzàn” alla guida della TEP


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Regàl äd compleàn p’r Andrea De Adamich

Andrea De Adamich l’é nasù a Triést al 3 otòbbor dal 1941. Dal 1990 al stà ‘d cà a Varàn Melgär, indó l’é manager ädla pìsta da córsa dal circuìt äd Varàn “Riccardo Paletti”. Al 3 otòbbor 2008 , Andrea De Adamich al zmorsarà 67 candlén’ni e p’r un Pramzàn acvistè cme lu, la TEP l’à gh’à regalè p’r al compleàn la Presidénsa äd l’Azjénda di traspórt Pramzàna che pròprja in chi gióron chì la compìssa s’sànt àni.
De Adamich, l’à ezordì in Formula 1 in-t-al Gràn Prémi äd Spagna in-t-al 1967 e l’è rivè al cuärt pòst con ‘na Feräri. In-t-al 1972, con ‘na Surtees- Ford, l’ oténa al miljór rizultät ädla sò carjéra rivànd cuärt in Spagna. L’é stè Campjón Italjàn äd Formula Trì, Campjón Evropéo Turìsom par dù àni e Campjón Italjàn asolùt in-t-al 1972 e in-t-al 1974.
Parmaindialetto, insèmma a tùtt i “Pramzàn” , óltra a fär a Andrea De Adamich ilj avgùri äd bón compleàn, l’ àvgura bón lavór al Campjón “Pramzàn” ala gvìda ädla TEP.

(Tgnèmmos Vìsst)

(Pramzàn dal sas)

La prima foto, Andrea de Adamich 1974, Nürburgring, Alfa Romeo 33 TT 12
La seconda foto, Andrea de Adamich al volante di un'auto sportiva

venerdì 26 settembre 2008

Il Regista Mario Lanfranchi alla "Famìja Pramzàna"


(Testo blu in Italiano)

Mario Lanfranchi alla Famìja Pramzàna
Un evento da non perdere per i Parmigiani, è la visita di

MARIO LANFRANCHI

In

“da Shakespeare a Pezzani
attraverso Verdi”

Alla Famìja Pramzàna, venerdi 3 ottobre 2008 alle ore 18.00.
L’incontro del grande regista, attore e maestro si svolgerà nella sala Barilla della sede del sodalizio Parmigiano in viale Vittoria 4.

Il pomeriggio culturale sarà aperto a tutta la città.
Un ringraziamento per l’organizzazione al consiglio dell’Associazione Culturale
“Famìja Pramzàna” e al Presidente Anna Maria Dall’Argine



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Mario Lanfrànchi ala Famìja Pramzàna
Un evént da ‘n pèrdor mìga p’r i Pramzàn, l’ é la vìzita äd

MARIO LANFRÀNCHI

In

“da Shakespeare a Pezzani
attraverso Verdi”

Ala Famìja Pramzàna, venardì 3 otòbbor 2008 alj óre 18.00.
L’incóntor dal grànd regìssta, atór e méstor al srà in-t-la säla Barilla ädla séde ädla socetè Pramzàna in vjäl Vitòrja 4.

Al dopmezdì culturäl al srà avért a tùtta la citè.
Un ringrasjamént par l’organizasjón al consìlli äd l’Asociasjón Culturäla
“Famìja Pramzàna” e al Presidént Anna Maria Dall’Argine
(Tgnémmos Vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Nella foto: Porta San Francesco, sede della Famìja Pramzàna.

giovedì 25 settembre 2008

Al Figaro äd Marinäli

(Testo blu in Italiano)

Parmaindialetto pubblica questa poesia in dialetto Parmigiano scritta da una persona che si firma Gufo. Gufo ha dedicato queste rime dialettali a Renato Valla, che da 50 anni ha la barberia situata in via Spezia località Marinelli. Il barbiere Renato è conosciuto anche come un bravo ballerino e la sua piccola barberia è luogo di ritrovo degli abitanti della zona. Questa poesia dimostra che il nostro vernacolo non stà morendo. Gufo fa parte di una delle tante persone che a Parma si dilettano nello scrivere testi in dialetto Parmigiano.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)

Parmaindialetto pùblica cla poezìa chì in djalètt Pramzàn scrìtta da 'na parsón'na ch' la 's fìrma Gufo. Gufo l'à dedichè ch'il rìmmi djaletäli chì a Renato Valla, che da sincuant'àni al gh'à la barbarja in via Spésja localitè Marinéli. Al barbér Renato l'é conosù anca cme un bräv balarén e la sò botéga da barbér l'é un pòst äd ritróv ädj abitànt äd la zòna. Cla poezìa chì l'à da dimostrasjón che al nóstor djalètt al n'é mìga drè morìr. Gufo al fa pärta äd vùnna dil tanti parsón'ni che a Pärma i's divartìsson a scrìvvor in djalètt Pramzàn.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Al Figaro äd Marinäli


A Marinäli gh’è 'n barbér
ch’l’é un campjón p’r al so mestér,
lu al té scuädra e po al té tónda
al t’ fa i riss e po ànca l’onda.


L’é un Figaro ecelént
ch’al vól bén ai so cliént,
giòvvon, véc’, ält o picén,
sia lontàn che còj azvén.


L’é al salòt äd Marinäli,
chi gh’é tutt il novitè
bianchi o ròssi, brutti o béli
äd via Spesia o 'dla citè.


Ai cliént, sira e matén’na
con adòs l’agitasjón
al gh’é zlónga ‘na medzén’na
ch’al ilj a tén férom e bón.


‘Na medzén’na ch’lé ‘n po ägra
cuälchidón al dìz ch’lé viägra
al gh’e da l’arcmandasjón
äd ciuciärla da razón,


parchè se a mandärla zo
l’indurìssa indo’ gh’è mòl
se t’la ciùcc in bòcca un po
l’indurìssa ätor che al còl.


Tésta férma e còppa dura
l’è un momént la sfumadùra,
un srvìssi p’r al cliént
par fär si ch’al sia contént.



He!!! Balarén “di lunga pista”!!!
Va Rosina ch’a t’lò vìssta;
vìssta co vè barbizón
vót ch’at dàga du sciafón ?



Dzèmma acsì par schèrs ragàs
tango, walzer, tutt i pàs,
al gh’arìss ‘na scóla äd bal,
s’an fùss mìga parchè al gh’a i caj.

(Gufo)

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn" Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 25 settembre 2008

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzan)

Pärma Frosinón 2-2

Pegolo sét : al prìmm cuärt d’ora al paräva l’órs di baracón, ì gh’ fävon al tìr al barsàj ! Sénsa nissùna cólpa sui gol l’ ha salvè col pòch ch’ a gh’éra da salvär a l’ùltom minud

Toast sìncov : piantè cme un grùggn, sénsa parsonalitè, sénza bècch äd fér, a fär còl ch’ à fa lù a’s fäva séns’ andär tant lontàn, al Mòla, al diretór sportìv dal Marsolära, a’t n’in càta äd tarsén acsì fin ch’a ‘t n’è vója

Castlén sìncov : anca lù l’à spachè al cambi e a gh’ funsión’na il ridòtti e basta ! sémpor in dificoltè, béle prónt p’r un taljànd dopa sìnch partìdi, andèmma bén

Paci zéro: du gol ciapè tùtt du par colpa sòvva, inguardàbil, narvóz, lént, du pè da amatori, un zugadór ch’ l’é drè a precipitär

Lucaréli picén zéro : a’s pól där la man col so sòsi centräl ! e po’ ch’ la comédia da mario merola ch’ a n’é miga farén’na dal nóstor säch ! rimandè in tutt’ il matéri

Morón sèt : al gh’ à da fär tùtt lù lì in méza e l’ a và a fnìr ch’ a ‘n é gh’ la cäva a fär njénta povrètt, al gh’ é stà mäl cme un càn, cme nojätor tifóz, dai Stefano ‘t al sé anca tì che la curva a ti la ’t vól bén e miga pòch

Bùdel sìncov : al pòst dal nómm al gh’ é pól scrìvvor tolasudólsa insìmma a la màja ! njént’ ätor da dir.

Leòn séz : l’ùltom da tirär zò, e invéci l’é stè al prìmm ! un mìsster da ilj idéi céri un bél po’, gh’ é mäl

Pisanu séz : la prìmma partìda äd l’an’ l’ha fat col ch’ al podäva, certo njént äd speciäl ma alméno l’ é andè fóra ch’ al n’ in podäva pù

Lucaréli grand: sèt : l’é tirè, al s’impìggna, al s’càncra cme un mat, mo al fa ‘na fadìga che secónd mi l’é ala frùta dabón, e ch’al né sia a la ricevùda fiscäla, al vót l’é p’r avér ciamè la scuädra sòtta la curva e avér parlè sénsa paura ai tifóz, da òmm, da capitàn ! Bravo, a Pärma l’é la manéra giùssta par färos rispetär !

Paloschi sèt : ‘na bala bón’na un gol, se dù pu dù fa sémpr cuàtor, a chilù s’a sé gh’ la cavìss a där cuàtor bali a partìda a sarìs ‘n a pòst; séns’ ätor al zugadór pù fort äd tùtt

Cagni zéro : Tròp narvóz, tròp zò ‘d fórma, e pò Dino al pòst äd Leòn a gh’ vräva pròprja un mago a strolgärla fóra ch’ la sostitusjón lì ! e po’ mìsster a gh’ l’ ò béle dìtt che la partìda a la vdämma tùtt, ch’al läsa lì a la zveltén’na äd contär dil bali ch’ a sämma béle stuf capì ??? patti chiari amicizia lunga

Ghìro zéro : Presidént, l’é còmda ciapär j’ aplàusi insìmma a l’avtobus scuatè, l’é còmda dir il sòliti cuàtor paròli scontädi in conferénza stampa, l’é còmda dir sémpor mi chi mi là mi su mi zò, incó a’t gh’äv da gnìr sòtta ala curva davanti a tùtt dato ch’at pjäsa bombén fär al capo, un capo da razón al stà davanti primma äd tùtt cuand la va mäl, invèci che guardär tùtt dal trono e po’ sparìr ! Male, la pasjénsa l’é drè a fnìr, Ghiro a sémma drè gratär in fonda al barìl !
(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di Crociato 63, supervisione ortografica di Enrico Maletti)

martedì 23 settembre 2008

Lo sparso per il mondo. Al strajè p’r al mónd.

(Testo blu in Italiano)

Una delle tante parole del dialetto Parmigiano che sono andate in disuso o sono state sostituite da vocaboli Italianizzati è la parola (sparso), che viene pronunciata (spèrs), mentre in Parmigiano si scrive e si pronuncia (strajè). Questa è una delle tante parole del dialetto Parmigiano che cerco di riscoprire nel nostro parlare di tutti i giorni.
Negli anni passati, prima e dopo l’ultima guerra mondiale, le persone di Parma e della nostra provincia che erano costrette ad emigrare per motivi di lavoro in grandi città Italiane come Milano, Torino, oppure fuori dall’Italia, in Francia, Inghilterra, Germania, Argentina, Venezuela, Stati Uniti, Brasile, ecc… automaticamente per i Parmigiani diventavano dei (Pramzàn strajè p’r al mónd). Proprio dai Pramzàn strajè sono nate in questi anni delle associazioni in tutto il mondo, e parecchie si rivolgono al nostro sito
www.parmaindialetto.it , per chiedere informazioni di Parma o testi di poesie in dialetto e traduzioni tutte nel nostro vernacolo, esempio c’è chi dalla lontana Tailandia ha chiesto la traduzione in Parmigiano della Preghiera del Padre Nostro, Ave Maria, Gloria al Padre, da questi strajè arrivano qualsiasi tipo di richiesta e noi con la possibilità di internet cerchiamo di far sentire queste persone più vicine a Parma. Un servizio che www.parmaindialetto.it fa molto volentieri .
E’ da alcuni mesi la notizia che viaggia su internet della nascita di un blog dal nome
www.pramzanblog.com , di cui ci siamo già occupati alcuni giorni fa sul blog di Parmaindialetto. Pramzàn blog è nato da una idea di un vero strajè Pramzàn, ed è il giornalista Achille Mezzadri, che da quasi quarant'anni, vive per motivi di lavoro nella metropoli Milanese ma con il cuore nella sua Parma. Anche se a sentirlo parlare non ha la parlata Parmigiana con l’inconfondibile (R) che fa da firma a tanti Parmigiani strajè p’r al mónd, Mezzadri, dopo tanti anni all’ombra della “Madunìna”, non ha perso il suo accento Parmigiano.
Ha cominciato a lavorare nella redazione di cronaca della Gazzetta di Parma diretta da Baldassarre Molossi nel 1966. Alla "Gazzetta" ha realizzato scoop di cronaca e interviste a personaggi famosi, da Charlie Chaplin a Mina. Nel maggio 1971 si è trasferito a Milano, alla Mondadori dove fino al 1974 è stato caposervizio a "Bolero Teletutto", diretto da Luciano Pedrocchi uno dei "padri" del fotoromanzo italiano. Dopo una breve esperienza al Tempo Illustrato diretto da Guglielmo Zucconi è passato come redattore capo all'"Ambrosiano Trenta Giorni" e nel febbraio 1976 a "Eva Express". Dal 1979 fino al 2005 ha lavorato al settimanale Gente dove è stato redattore, caposervizio, inviato e infine redattore capo, nell'ufficio centrale. Anche a Gente ha intervistato personaggi famosi, da Bjorn Borg a Bernardo Bertolucci Nel 1980 ha realizzato uno scoop giornalistico con l'esclusiva mondiale sulla vicenda dei sei Gemelli Giannini. Come inviato, ha seguito il record dell’ora di Francesco Moser a Città del Messico nel 1984 e nello stesso anno la XXII Olimpiade di Los Angeles. Dal 1978 al 1980 ha lavorato nelle emergenti Tv private e ha collaborato ad Antenna Nord la "madre" di Italia Uno (diretta da Lillo Tombolino). Qui è stato responsabile dei servizi sportivi e nel 1979 ha organizzato con altri un evento allo stadio di San Siro, in occasione di un derby Milan-Inter: il "Derby Show", con cantanti, attori, sbandieratori sul campo di gioco, un paio d'ore prima dell'incontro. Nel 1978 -1979 ha condotto una delle prime trasmissioni sportive delle Tv private, "San Siro ieri" con Eugenio Gallavotti. Ad Antenna Nord ha realizzato anche degli special televisivi (sull'elezione di Papa Luciani e sulla sua scomparsa, "Una culla a sei piazze", "Cara Gazzetta").
Nel 1980 ha realizzato la trasmissione a puntate "Dossier fame" con la collaborazione del missionario giornalista padre Piero Gheddo Il programma fu premiato con la targa Telegatto.
E dite poco? Ecco un Parmigiano sparso per il mondo...pardòn “strajè p'r al mónd” che si è fatto onore e ha portato il nome di Parma nel cuore e in giro per il mondo ed ora, con il suo blog, lo vediamo raccogliere e raccontare di Parmigiani che hanno fatto e fanno la storia di Parma.
Achille Mezzadri uno dei tanti Parmigiani “strajè p'r al mónd”




(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Lo sparso per il mondo. Al strajè p’r al mónd.


Vùnna dil tanti paròli dal djalètt Pramzàn ch' j én andè in dizus o j én städi sostituìdi da di vocàbol Italjanizè l'é la paròla (sparso), ch' l' a vén pronunciäd (spèrs), però in Pramzàn la 's é scrìva e pronùncia (strajè). Còsste l'é vùnna dil tanti paròli dal djalètt Pramzàn che mi a sérch äd riscoprìr in-t-al nòstor parlär äd tùtt i gióron.
In-t-i àni pasè, primma e dòpa l’ùltma guéra mondjäla, il parsón’ni äd Pärma e provìncia ch’j’ éron costrètti a emigrär par motìv äd lavór in-t-il citè Italjàni cme Milàn, Torén, o fóra äd l’Itàlja, in Frànsa, Inghiltéra, Germània, Argentén’na, Venesuéla, America, Brazìl, ecc… automaticamént p’r i Pramzàn i diventävon di (Pramzàn strajè p’r al mónd). Pròprja da chi Pramzàn strajè chì è nasù in-t-i àni dilj asociasjón in tùtt al mónd, e parècci i ricòrron al nòstor sit
www.parmaindialetto.it , par dmandär informasjón su Pärma o di tést äd poezjj in djalètt e tradusjón tùtti in-t-al nòstor djalètt, ezémpi gh’’è chi dala lontana Tailandia l’ à dmandè la tradusjón in Pramzàn äd la Preghjéra dal Pädor Nòstor, Ave Maria, Glòrja al Pädor, da chi strajè chì ariva cualùnncue tìpo äd richjésta e nojätor, con la posibilitè d’ internet sarchèmma äd fär sentìr ch’ il parsón’ni chì pù azvén a Pärma. Un sarvìssi che www.parmaindialetto.it al fa vlontéra bombén.
L’é da socuànt méz la notjzia ch’ l’a viàza su internet ädla nàsita d’un blog dal nòmm
www.pramzanblog.com , che a ‘n’émma béle parlè socuànt gióron fa in-t-al blog äd Parmaindialetto. Pramzàn blog l’é nasù da ‘n' idéa d’ un vér strajè Pramzàn, ch' l’é al giornalìssta Achille Mezzadri, (in Pramzàn Mezädri) che da cuäzi cuarànt' àni, al stà par motìv äd lavór in-t-la metropoli Milanéza mo con al cór in-t-la sò Pärma. Anca se a sintìrol parlär al n’è gh’à mìga la parläda Pramzàna con la (R) ch’ l’a fa da fìrma a tant Pramzàn strajè p’r al mónd, Mezzadri, dòpa tant àni a l’ómbra ädla “Madunìna”, al ‘n à miga pèrs al sò acént Pramzàn.
L’à cominciè a lavorär in-t-la redasjón ädla crònaca ädla Gazètta äd Pärma diréta da Baldassarre Molossi, (in Pramzàn Molòss), in-t-al 1966. Alla "Gazètta" l’ à realizè notissì äd crònaca e intarvìssti a parsonàg’ famóz, da Charlie Chaplin a Mina. In-t-al màg’ dal 1971 al sè trasferì a Milàn, ala Mondadori indó infìnna al 1974 l’é stè capsarvìssi a "Bolero Teletutto", dirét da Luciano Pedrocchi vón di "pädor" dal fotoromànz italjàn. Dòpa ‘n esperjénsa al “Témp Illustrè” dirét da Guglielmo Zucconi l’é pasè cme redatór capo a "l’ Ambrozjan Trenta Gióron" e in-t-al farvèr dal 1976 a "Eva Express". Dal 1979 fìnna al 2005 l'à lavorè al setimanäl Gente indó l’é stè redatór, capsarvìssi, inviè e ala fén redatór capo, in-t-l’ ufìssi centräl. Anca a Gente l’à intervistè parsonagg’ famóz, da Bjorn Borg a Bernardo Bertolucci In-t-al 1980 l’à realizè ‘na notìssia giornalìsstica con l'escluziva mondiäla par la vicénda di séz zméj Giannini. Cme inviè, l' à seguì al rècord äd l’óra äd Francesco Moser a Città del Messico in-t-al 1984 e al stés an' la XXII Olimpjade äd Los Angeles. Dal 1978 al 1980 l'à lavorè in-t-il nóvi Tv privädi e l'à colaborè a Antenna Nord la "mädre" d' Italia Uno (diréta da Lillo Tombolino). Chì l'é stè responsàbil di sarvìssi sportìv e in-t-al 1979 l'à organizè con ädj ätor un evént al càmp sportìv äd San Siro, in ocazjón d' un derby Milan-Inter: al "Derby Show", con cantànt, atór, zbandieratór sul càmp da zógh, socuànt óri primma äd l'incóntor. In-t-al 1978 -1979 l'à fat al condutór äd vùnna dil prìmmi trazmisjón sportìv dil Tv privädi, "San Siro ieri" con Eugenio Gallavotti. A Antenna Nord l' à realizè anca di speciäl televizìv (par l'elesjón äd Papa Luciani e par la so mòrta, "’Na cón’na a séz pòst", "Cära Gazètta").
In-t-al 1980 l'à realizè la trasmisjón a puntädi "Dossier fame" con la colaborasjón dal misionäri giornalìssta pädor Piero Gheddo Al progràma l'é stè premiè con la tärga dal Telegatto.
E dzèmmia pòch? Ecco un Pramzàn spèrs p'r al mónd...pardòn “strajè p'r al mónd” che al s'é fàt onór e l' à portè al nòmm äd Pärma in-t-al cór e in gìr p'r al mónd e adésa, con al so blog, a'l vdèmma catär su e contär stòrjj äd Pramzàn ch' j' àn fàt e i fàn la stòrja äd Pärma.
Achille Mezzadri (Mezädri) vón di tànt Pramzàn “strajè p'r al mónd”.
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

lunedì 22 settembre 2008

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 22 settembre 2008

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Grosseto Pärma 1-0

Pavarén sìncov : sul gol sénsa colpa, però al pär sénsa maròlla dal filón ädla schén’na (midollo spinale) deblén anémich, t’ani fàt j’ezàm dal sàngov ? va a magnär col Ghiro ‘na cuälca volta va !

Pegolo séz : almeno al g’ha la mìssa da portér, po’ p’r al rést l’ ha fat col ch’al g’äva da fär

Toast sìncov ; sénsa prinsìppi e sénsa fèn, al n’ ha miga fàt di gran erór, ma in generäl a né ’s sa miga col ‘s faga su

Castlén sìncov : du balón da tirär e fär gòl l’ha sarchè äd fär di cross, la mania äd fär di ghirigori cuand a sarvìssa ésor decìz, concrét ! Lòmo a sämma in serie B sa ‘n t l’è ancòrra capìda

Rossi dù : bravo Marco, t’è pisstè i pè fin’ adésa par zugär, nojätor a t’èmma dè corda, riva al tò momént e a’t fè la siochèssa pù gròsa ch’as pòsa fär ! mah,

Lucaréli picén trì : l’é sémpor con dò märci in meno che l’ avarsäri ch’al g’ha da marcär ! I t’ han vindù sénsa färot prìmma al taljänd, chi genvéz pjoción lì !

Morón sìncov : A’ gh’ l’ha caväda a mèttrot in confuzjòn Cagni con ch’ la formasjón dal prìmm témp, a’t giräv cme p’r al camp cme ‘n òrob sénsa bastón e sénsa càn !

Mariga sìncov : I’ n l’ han ancòrra capìda che chilù a gh’ vól fat fär ädla tecnica e ‘dla tàtica e basta, che con col fìzich lì in forma al gh’è sémpor ? parchè al còrra al còrra mo la conisjón lasämma pèrdor

Parazvén sìncov : n’ätor ch’al pìssta i pè par zugär e po’, al fa meno dàn cuand al sta in banchén’na ! l’é dvintè trìsst

Reginäld zéro : l’ha sbaljè un gol ch’al fäva anca mì, e tùtt par concentrasjón, a’s vèdda che còla lì l’é riserväda a ch’ la ragàsa, e cuand al va in camp l’é sùtt cme ‘na brèssca

Antonéli séz : séns’ ätor l’é stè còl ch’al g’ha mìss pù vlontè, pù grénta, miga un fenòmon però l’impìggn al n’é miga manchè

Papón séz : lasè da lù cme un malè contagjóz la davanti al prìmm témp, povrèt mi sarìss rabì e miga pòch

Lucaréli grand séz : boh, l’impìggn al né manca miga elóra co sucéda ? è fnì la benzina dal tùtt ? a són preocupè, l’é n’an’ ch’al nè va mäj in forma, cuél a gh’é

Paloschi séz : n’assist strepitóz, ch’ a väla la suficénsa da lù, purtròp ala parsón’na zbaljäda, al pròsim gìr fa tut da tì ch’ l’ é méj

Cagni zéro ; Gigén l’é béle tärdi vè ! formasjón dal prìm témp che gnànca mimmodicarlo l’arìss fàt péz ! e pò t’ al dìg sùbbt ch’ an se sbaljämma miga, sta miga contär d’ il bali in conferénsa stampa che chi l’é la còza ch’ a dà pù fastìddi, läsa lì äd tirär fóra dil scùzi e pärla meno ! Patti chiari amicizia lunga !

(Tgnèmmos vìsst)

(Testi di Crociato 63, supervisione ortografica di Enrico Maletti)





domenica 21 settembre 2008

A Parma Mostra del Correggio dal 20 settembre 2008 al 25 gennaio 2009


(Testo in Italiano)
“Correggio” aperto al pubblico

Si è svolta nel cortile del Guazzatoio la presentazione della grande mostra dedicata al correggio
Presenti all’inaugurazione il Ministro per i Beni Culturali Sandro Bondi. Il Sindaco di Parma Pietro Vignali, il Presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, il presidente della Fondazione Cariparma Carlo Gabbi. Il Ministro Bondi si è complimentato con le personalità Parmigiane e ha elogiato le manifestazioni culturali che la nostra città stà mettendo in campo, confermando l’impegno del Governo a favore di queste iniziative. Il Ministro ha auspicato che anche il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi venga a Parma per visitare la mostra. Il sindaco Vignali ha definito il Correggio come uno dei geni del Rinascimento.
Ospite eccezionale è stato Vittorio Sgarbi, che ha dichiarato ai giornalisti che nella mostra è esposto un falso, ma senza dire quale possa essere, probabilmente un’opera esposta in Galleria Nazionale?
Dopo la presentazione le autorità hanno fatto il giro delle quattro sedi dove sono esposti i capolavori dell’Artista che risponde al nome di Antonio Allegri detto il Correggio, nato a Correggio Emilia, da Pellegrino e Bernardina Piazzoli degli Ormani, nella seconda metà del quattrocento presumibilmente, secondo storici e critici, nel 1489,
morto sempre a Correggio il 5 marzo 1543,


(Testo giallo dialetto Parmigiano)

“Corèzz” avèrt al pùbblch

L’è städa in-t-al cortìl dal Guazzatoio la prezentasjón ädla grànda mòsstra dedicäda al Corèzz
Gh’ éra prezént a l’inaugurasjón al Minìsstor p’r i Bén Culturäj Sandro Bondi. Al Sìnndich äd Pärma Pédor Vignäli, al Presidént ädla Provìncia Viséns Bernasól, al Presidént ädla Fondasjón Caripärma Càrlo Gabbi. Al Minìsstor Bondi al s’é complimentè con il parsonalitè Pramzàni e l’ ha fat j elòg’ al manifestasjón culturäli che la nòstra citè l’è drè mèttor in càmp, confermànd l’impìggn dal Govèron a favór d’inisjatìvi dal gènnor. Al Minìsstor l’ ha dìtt che anca al Presidént dal Consìlli Silvio Berlusón al dovrìss gnìr a Pärma par vizitär la mòsstra dal Corèzz. Al Sìnndich Vignäli l’ ha definì al Corèzz cme vón di géni dal Rinasimént.
Òspit ecesjonäl l’é stè Vitòri Sgärbi, ch’l’ha dichjarè ai giornalìssta che in-t-la mòsstra a gh’è espòst un fäls, mo sénsa dìr cuäl al pòsa ésor, probabilmént ‘n’òpra espòsta in-t-la Galarìa Nasjonäl?
Dòpa la prezentasjón, ilj autoritè j han fàt al gir di cuàtor pòst indó gh’è espòst i caplavór äd l’Artìssta ch’ al rispónda al nòm d’ Antònni Alégri e cme stranòm dìtt al al Corèzz, nasù a Corèzz Emìlja, da Pelegrén e Barnardén’na Piazzoli di Ormàn, in-t-la secónda metè dal cuatorsént probabilmént, secónd i stòrich e cìtich in-t-al 1489,
e mòrt sémpor a Corèzz al 5 märs dal 1543,

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

Le Opere di Antonio Allegri. Il Correggio
(Testo solo in Italiano)

Madonna col Bambino, Elisabetta e Giovanni Battista, 1510 1512, Filadelfia. Piladelphia Museum.
Matrimonio mistico di santa Caterina, 1510-1514. Detroit Institute of Arts.
Matrimonio mistico di santa Caterina, 1510-1515. Washington, National Gallery of Art.
Madonna con Bambino e san Giovannino, 1512-1514. Milano Castello Sforzesco.
Madonna col Bambino, 1512-1514. Vienna, Kunsthistorisches Museum.
Cristo si congeda dalla Madre, 1514. Londra National Gallery.
Madonna con san Francesco, 1514. Dresda, Gemäldegalerie.
Refettorio grande del monastero di San Benedetto in Polirone San Benedetto Po, Mantova
I santi pietro, Marta, Maria Maddalena e Leonardo, 1514-1516. New York, Metropolitan Museum.
Sacra Famiglia con san Giovannino, 1515 Los Angeles County Museum of Art.
Salvator Mundi, 1515. Waschintong, National Gallery of Art.
Ritratto di giovane donna, 1515. Miami, Lowe Art Museum.
Madonna con Bambino (La Zingarella), 1515-1516. Napoli, Museo Capodimonte.
Madonna col Bambino e Giovanni Battista, 1516. Madrid, Museo del Prado.
Adorazione dei Magi, 1516-1518. Milano Pinacoteca Brera.
Riposo durante la fuga in Egitto con San Francesco, 1517. Firenze G alleria degli Uffizi.
Nozze mistiche di santa Caterina, 1517-1518. Napoli, Museo di Capodimonte.
Ritratto di una Gentildonna, 1517-1519. San Pietroburgo, Museo dell’Ermitage.
La Vergine che adora il Bambino, 1518-1520. Firenze Galleria degli Uffizi.
Sacra Famiglia con san Gerolamo, 1519. Windstor, Royal Collection.
La Camera di San Paolo, 1519-1520. affreschi a Parma.
Matrimonio mistico di santa Caterina, 1520. Parigi Musée du Louvre.
Lucrezia 1520-1530. Vienna, Kunsthistorisches Museum.
Visione di San Giovanni Patmos, 1520-1521. Parma San Giovanni Battista.
Testa di un angelo, 1522. Londra, National Gallery.
Teste di due angeli, 1522. Londra, National Gallery.
Madonna della scala 1523. Parma Galleria Nazionale.
Madonna del cestino, 1524. Londra, National Gallery.
Martiri dei Santi Placido, Flavia, Eutichio e Vittorino, 1524-1525. Parma Galleria Nazionale.
Noli me tangere, 1525. Madrid Museo del Prado.
Deposizione dalla croce, 1525. Parma Galleria Nazionale.
Ritratto di scolaro, 1525. Madrid, Museo Thyssen-Bornemisza.
Madonna della scodella, 1525-1530. Parma Galleria Nazionale.
Pilato mostra Gesù al popolo (Ecce Homo), 1525-1530. National Gallery Londra.
Assunzione della Vergine, 1526-1530. Parma Duomo.
Madonna di San Gerolamo, 1527-1528. Parma Galleria Nazionale.
Educazione di Cupido, 1528. Londra National Gallery.
Venere e amore spiati da un satiro, 1528. Parigi, Musée du Louvre.
Natività, 1528-1530. Dresda, Gemäldegalerie.
San Giuseppe e un devoto, 1529. Napoli, Museo di Capodimonte.
Testa di Cristo coronato di spine, 1530. Los Angeles, J. Paul Getty.
Madonna col Bambino e Santi, 1530-1532. Dresda, Gemäldegalerie
Santa Caterina leggente, 1530-1532. Windsor, Royal Collection.
Danae, 1531. Roma, Galleria Borghese.
Ratto di Ganimede, 1531-1532. Vienna, Kunsthistorisches Museum.
Io e Giove, 1531-1532, Vienna, Kunsthistorisches Museum.
Leda e il Cigno, 1531-1532. Berlino, Staatliche Museum.
Allegoria della Virtù, 1532-1534. Parigi, Musée du Louvre.


venerdì 19 settembre 2008

Turismo, taglio del nastro per "Parma Point"


(Testo blu in Italiano)
Arriva “Parma Point” nuovo punto di informazioni

Un nuovo punto informazioni per Parma è stato aperto in via Garibaldi tra il Palazzo della Provincia e il Teatro Regio. Tre stanze ristrutturate sotto la supervisione della Sovrintendenza per i beni archittetonici e un gioiello di tecnologia per navigare in tempo reale su tutto il territorio. Nell'interno una parete con un grafico con il nome di tutti i Comuni della Provincia di Parma. Su appositi contenitori si possono trovare tutti i materiali turistici della provincia, procurati dagli uffici turistici, enti e associazioni del territorio. Dai Castelli, alle terme alle strade dei sapori, le pievi, agli alberghi agli eventi culturali gastronomici alle escursioni a piedi e in bicicletta.
Nel reparto editoriale trovano spazio libri d'arte e un angolo dedicato a Giovannino Guareschi, parecchie pubblicazioni sulla gastronomia.
Un logo è stato studiato e rappresenta un punto con i colori giallo blu e una linea di podotti “Parma Point”, matite, gomme, magneti, post-it, grembiuli, ombrelli, magliette e tanti altri prodotti che arricchiscono il catalogo. Non mancano cartoline e immagini del Correggio, Parmigianino, Giuseppe Verdi e Toscanini. “Parma Point” è gestito da Parma Turismi, ed è a disposizione di turisti e anche di cittadini Parmigiani che vogliono visitare le bellezze di questa piccola capitale di cultura che si chiama Parma.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
E' rivè “Pärma Point” un pónt d' informasjón
Un pónt d' informasjón par Pärma l'é stè avèrt in via Garibäldi tra 'l Palàs ädla Provìncia e al Teàtor Regio. Trèj stansi ristruturädi sòtta la supervizjón ädla Sovrintendénsa p'r i bén architetònich e un giojél äd tecnologìa par navigär in témp reäl su tùtt al teritòri. In-t-l' intèron 'na parèj con un gràfich con al nòm äd tùtt i Cmón ädla Provìncia äd Pärma. Insìma a socuànt contenitór, a's pól catär tùtt i materiäj turìsstich ädla provìncia, mìs a dispozisjón da j ufìssi turìsstich, ént e asociasjón dal teritòri. Dai Castéj, al tèrmi al strädi di savór, il piévi, a j' albèrogh a j' evént culturäl, gastronòmich a j' escursjón a pè e in biciclètta.
In-t-al repärt editorjäl a gh'è di lìbbor d'ärt e 'n àngol dedichè a Giovannino Guareschi, parècci publicasjón su la gastronomìa.
Un stèmma l'é stè studjè e al raprezénta un pónt con i colór giäld e blu e 'na lìnea äd prodòt marchè “Pärma Point”, matìti, gòmmi, magnéti, post-it, grembiulén, ombréli, majètti e tànt ätor prodòtt chi fan pu rìch al catàlogh. A 'n manca mìga cartolén'ni e imàgini dal Corèz, Pramzanén, Pepino Verdi e Toscanén . “Pärma Point” l'é gestì da Pärma Turìsom, e l' é a dispozisjón äd turìssti e anca di citadén Pramzàn chi vólon vizitär il blèssi äd cla picén'na capitäla äd cultùra ch' la 's ciàma Pärma.
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

Cinema Roma un pezzo di Parma che se ne va


(Testo in Italiano)

Cinema Roma un pezzo di Parma che se ne va


Anche per il cinema Roma, che ha fatto parte della storia di Parma dal dopoguerra alla fine degli anni novanta, è suonata la campanella. Fra poche settimane le ruspe daranno inizio alla demolizione dello stabile del cinema Roma in viale Tanara. Al posto dell’area ubicata di fronte alla vecchia entrata dello stabilimento della Barilla, ex viale Veneto ora viale Barilla e Barilla Center, verrano costruiti tre interrati privati e un parcheggio in superficie a righe blu. Sembra che venga costruito anche un piccolo parco con gioco bimbi, ma alcuni sono scettici su questa scelta dato che a pochi metri sfreccia il traffico giornaliero di viale Antonio Tanara. Con la venuta delle maxi sale come quelle del Barilla Center e quelle che presto saranno inaugurate al Campus Universitario, le strutture come il cinema Roma sono destinate a sparire. Un altro pezzo di Parma vecchia che se ne va.

(Testo dialetto Parmigiano)
Cìnema Ròmma un tòch äd Pärma ch’ al ‘s nin va.


Anca p’r al cìnema Ròmma, ch’ l ha fàt pärta ädla stòrja äd Pärma da dòp la guéra, ala fén di àni novanta, l’è sonè la campanéla. Fra socuànt stmani il rùsspi i daràn inìssi ala demolisjón dal fabricät dal cìnema Ròmma in vjäl Tanära. Al pòst äd l’area ch’l’é ‘d frónta ala vécia enträda äd la fabbrica ädla Barilla, ex vjäl Veneto, adésa vjäl Barilla e Barilla Center, a gh’ s’ra costruì tri pjan äd garag’ sott’ téra p’r i privè e un parchègg’ fora con il rìghi blu. A pära ch’ i gh’ fàgon anca un pärch picén p’r i zógh di putén, mo cuälchidón l’è incrédul par ch’la còza chì, dato che a socuànt mètor a pasa al trafich giornaljér äd vjäl Antonio Tanära. Con la costrusjón dil maxi säli cme còlla dal Barilla Center e còlli che prést i s’ran inaugurädi al Campus Universitäri, il costrusjón cme al cìnema Ròmma j’én destinädi a sparìr. ‘N’ ätor toch äd Pärma vécia ch’ al sparìssa.
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

mercoledì 17 settembre 2008

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn" Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 18 settembre 2008

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Albinoleffe Pärma 1-0

Pavarén cuàtor : dit e fat a’t ciamarò manganòn par tùtt la vìtta, a ne’ ‘t tén strìcch ‘na bala che vùnna, che lavór mama mia ! Boh mi a’n sò miga parchè Bucci no e chilù sì !

Zenón dù : ‘na tragédja, mòl cme ‘na pàna còta, imbranè cme n’òca, in-t-la primavéra gh’ él miga un tarsén déstor basta ch’ sia ? Tant méj che chilù !

Castlén séz : al meno péz äd tùtt, alméno l’ ha mìss un cuälch cròss bén fàt, ma il pónti i
s’ éron scomsumädi tròp con l’Ancón’na

Paci zéro : a’t gh’è ‘na corsa da “dolce euchessina”, fat spiegär dai tò véc’ co vol dir, sténch cme un tòcc äd lèggn, a ’t pär pròprja incioldè ! improponìbbil

Lucaréli picén, cuàtor : al continua a ’n fär miga d’ il gran figuri ma zugär atàca a ch’ l’ ätor pilolón lì l’é un probléma miga da rìddor

Morón séz : cme ‘l solit l’é col dal contachilòmetro pù frùsst äd tùtt, ma stasira njént’ ätor che la corsa

Bùdel sìncov : a ne ’s vèdda praticamént mäj, ma in méza al camp a gh’è da färos vèddor e come, i dìson ch’ l’é ordinè, ah sì al zbalja pòch parchè a ’n n’in ciàpa pochi tut lì

Leòn zéro : da déz a zéro, a t’è fat a l’arvèrsa äd Ligabue, narvóz, lént, tacabriga, oh lòmo, mäj pù d’acòrdi ????

Paloschi sìncov : mòl anca lù, dò ocazjón da fär in-t-al prìmm tèmp, a tutt il manéri l’é un zugadór da tirär mäj, mäj zò

Lucaréli grand, cuàtor : oh lòmo sit béle tornè còl äd l’ an’ pasè ? no ah ? stasìra a paräva infìn ch’ à t’avìss mìss su un cuälch ètto, a ’t n’è miga imbrochäda vùnna che vùnna

Reginäld zéro : a t’ é ‘m mètt in imbaràs, parchè un po’ che in serie B a’m tòcca fär ‘na pagéla ogni trì par dù, e sóra al cónt ormäj a’n so pù co dìrot, parchè a’t j’ ho béle dìtti tùtti e a són rivè in fónd al cavàgn ! Vèdda tì, mì cambiarìss pròprja mestér. La Ely la ne’t càta miga da fär cuél in tivù ???

Mateén zéro : chilù al tira i s’ciàff a l’òrba, al vén su invéci che sarcär äd spacär al mónd al pär ch’al zùga par piazér, mòl cme un lumagón, a pära ch’al la faga apòsta ! E catär l’ùss ala prìmma ocazjón ??

Cagni cuàtor : Gigén n’é miga sémpor domenica, o mäj sàbot, cuàtor pónti cuand a s’é spompè in-t-il gambi e in-t-la tésta i ’n pólon miga zugär, e po’ al ragasén al né ‘s tira mäj zò, a ne’ ‘t dirè miga che a dezdòt’an’ l’é stùf parchè l’ha zughè sabot no ? Dai là Gigén un po’ pù d’elasticitè par piazér ah ? E tàca a där dil strénghi a chi j a merita sionò a ’t fè la fén äd còj äd l’an’ pasè

Pubblich sént déz : pù o meno cme i tifóz che al martedì a séz e trì dal dopmezdì j’én rivè a Bèrgom a vèddor col scàndol lì ! Bravi, complimént a vojätor sèrta génta la ne ’v merita miga dato chi n’en gnanca gnù a salutär, béla forsa gnìr sòtta ala curva cuand a’s vénsa e basta eh ! Tachèmma a ciapär la pìga äd l’an’ pasè ?

(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)

domenica 14 settembre 2008

Pietro Barilla nel 15° aniversario della morte


(Testo blu in Italiano)
l 16 Settembre 1993 moriva a Parma all'età di 80 anni
Pietro Barilla, una personalità illustre, affettuosamente ricordato da tutti i Parmigiani per le sue grandi doti umane, di imprenditore, di uomo di cultura e di generoso promotore dell'arte e della socialità, oltre che protagonista fondamentale dello sviluppo della nostra Città. Nella ricorrenza del 15° anniversario della Sua morte, Parmaindialetto gli dedica una poesia in dialetto Parmigiano scritta dal poeta dialettale Umberto Tamburini, che per tanti anni è stato il Presidente del “club dei 27”. Questa poesia è stata scritta da Tamburini, in occasione di una visita dell'imprenditore Pietro Barilla, alla sede del club Verdiano più famoso del mondo pochi mesi prima di morire.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al 16 Setémbor 1993 a morìva a Pärma a l' etè d' 80 àni Pietro Barilla, 'na parsonalitè illùstra, afetvosamént arcordè da tutt i Pramzàn p'r il sò grandi dòti umàni, d' imprenditór, d' òmm äd cultùra e generóz promotór äd l'ärta ädla socialitè, e protagonìssta fondamentäl dal zvilùpp ädla nòsstra Citè. In-t-la ricorénsa dal 15° anivarsäri ädla sò mòrta, “Parmaindialetto” a gh' dèdica 'na poezìa in djalétt Pramzàn scrìtta dal poéta djaletäl Umberto Tamburini, che par tànt àni l'é stè al Presidént dal “club di 27”. Ch' la poezìa chì l'è städa scrìtta da Tamburini, in ocazjón äd 'na vizita äd l'imprenditór Pietro Barilla, ala séda dal club Verdjàn pù famóz dal mónd, socuànt méz prìmma äd morìr.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

Al Cavaliér

L'éra 'na sira veramént speciäla,
con tutt i vintisèt vestì a fésta:
'na sira che a sarcärla täla e cuäla
l'é difìccil cme catär al co' 'd 'na césta.

Al “covo” tirè a lùsstor. Al Gran Méstor
dént'r ala nìccia con la luza in fronta,
con l'atmosfera che soltant li déntor
la 't ciapa al cor, e l'alma l'é za pronta

a volär su ilj äli d'òri dal pensér,
lontan da tùtti: in cél, sul mär, sui mont,
Al coro dal “Nabuch” ch' al 't fa pu alzér,
al 't fa sparir i mäl,i crussi e i cónt.
Dopa dònni äd riguärd, òmmi important,
méstor, studént, scritór e giornalìssta,
compärsi, diretór e grand cantant,
al sjòr Barilla al s' é zontè ala lìssta.

E l'é, fra i tant ricòrd, forsi al pu bél.
L'èmma sentì di nòstor, e ala man,
s'cètt cme 'l lambrùssch e ciär cme un rag' dal cél,
l'à fat capir che an' lu l'éra un Verdjàn.
Còsst a vól dir ésor un òmm modést,
òmm äd rigor col cor grand cme 'na ca,
prónt a promèttor e mantgnìr pu prést,
e sensa sarcär äd rimandär a dman;

amär la libartè e la giustìssja,
vrér sémpor al triónf äd la vritè,
schivär chi preferìssa la pigrìssia
e avér p'r amìgh la päza e l'onestè.
Al Cavaliér l'éra dabón acsì
e Pärma l'à gh'à sémpor volsù bén,
parchè, sinceramént, a dirla chì
äd j'òmmi cme lu 's in cata pòch bombén.

A ringrasjèmma al Sgnór p'r avérsol dè,
p'r avérsol fat conòssor cme amigh,
p'r avér portè con lu su la citè
un rag' äd sól: un sól äd stamp antigh.
Pensànd a lu tutt còl ch' al s'à ditt
gòmmod a gòmmod chi sòtta la vòlta
'n arìss mäj pu cardù che gh' arìs scrìtt
cój lùssi a j' òc, tarmand, par l'ultma volta
.

Dal libro “àcua ciära” di Umberto Tamburini.
La foto che raffigura Pietro Barilla è riferente al quadro dell' artista e pittore Proferio Grossi donato da lui stesso alla "Famìja Pramzàna". Il quadro è di proprietà della "Famìja Pramzàna" ed è esposto nella sala Barilla della stessa sede di viale Vittoria n° 4 a Parma, (porta San Francesco). Enrico Maletti, Presidente di Parmaindialetto, ringrazia il Presidente dell'Associazione "Famìja Pramzàna" Signora Anna Maria Dall'Argine per avere permesso la pubblicazione della foto su questo blog.

sabato 13 settembre 2008

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma il 15 settembre 2008

(testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Ancón'na 4-1


Pavarén séz : d’ incoragiamént miga p'r ätor parchè s’at vè drè n’ätor po’ a ’n blochèr gnànca un tir, a ’t ciamarò manganón

Zenón séz : Dino un prim témp da Dario Argento, al secónd mólt méj mo njént äd speciäl vè, suficénsa stirasäda un bél pò

Castlén sèt : du assist strepitóz, l’ éra ora ch ' à té ’t metìss il scarpètti drìti

Paci séz : a väla al discórs äd Dino, prim témp da zgrizór, secónd témp in disésa, mo a gh’è da miljorär e miga pòch

Lucaréli picén: séz : pròprja parchè dòpa un cuatr’ a vón a ’n vój där gnànca n’ insificénsa, sionò a’t zarìss stè in prima fila di rimandè

Morón òt : dìt e fàt, sbaljè la prìmma al s’è béle arpichlè e ala granda! un secónd témp da combatimént, e la bala la saltäva sémpor fóra in-t-i so' pè! 'na garansìa asoluta

Bùdel séz : 'na cälma, un pàs da tolasudólsa che, mama; al né cambia mäj märcia, l’é cme un ciao a préza diréta, sénsa gnànca al variatór, dailà lòmo mèta du dìd in-t-la préza äd la corénta par ciapär 'na scòsa

Leòn déz : do partìdi du déz, miga mäl no ! técnica, témp giùsst p'r il zugädi, vizjón äd zögh e anca 'na grénta da fär paura ! in serie B séns’ ätor un fuoriclàsa, un piazér par j’ òcc bravo avanti acsì

Reginäld séz : a gh’ ära d’ avìs d’ésor ancòrra ala fésta äd ch’ la ragàsa, dato ch' l’ ha continuè a balär dil sambi fin in fónda, un pistamént äd pè da fär paura tutt al témp, però la vója la 'n manca miga elóra séz e amen

Paloschi déz : gol, zugädi facili, conisjón fóra dal normäl, umiltè, maruga, e tùtt a dezdòt àn ! Chilù l’é stè n’acuìsst imbrochè dabón, sarà un piazér vèdrol zugär con la crozàda adòs

Lucaréli grand: déz : l’ha fàt pòch ( a’ s fa par dir ) mo col pòch al momént giùsst e fat ala perfesjón ! Col ch' a’s vól che un zugadór cme lù al fàga ! Ch' al dàga al cólp äd gràsia cuand l'é ora, e incó l’é stè parfét e po’ a gh' són stè atént in sèrt ategjamént a s’ è capì ch’ a gh' téna dabón e miga pòch ! Capitano…déz !

Mariga, Mateén e Papón òt : trì cambi e trì zugadór motivè, entrè in partìda subìt, con la vója äd zugär e anca äd fär bén, a vól dir che se Dio vól a gh’è armonia in-t-la scuädra !

Cagni òt : formasjón sbilanciäda miga da rìddor, però a s’è dimostrè ch' l’è stè tut calcolè, l’ha fat fiacär j’aversäri e dòpa n’óra al s’è podù parmätor äd risparmiär par martedì tut dù j’atacànt, la scuädra l’é sémpor drè a crèssor fizicamént, dónca Gigi p'r adésa tutt a pòst basta andär avanti acsì

Pùbblich déz : 'na curva e un tifo da sérja A, séns’ ätor a ’n sèmma miga génta da sérja B, però st’ an' al purgatòri al s’ é drè fär bén anca a nojätor
(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di Crociato 63 supervisone ortografica di Enrico Maletti)


mercoledì 10 settembre 2008

Una bomba in via Zarotto










(Testo blu in Italiano)
Via Zarotto, si temeva una bomba
Allarme bomba in una cabina telefonica in via Zarotto angolo via Mascagni.
Verso le 17,30 di oggi alcuni passanti e i proprietari della tabaccheria in angolo con via Mascagni, sita davanti ad una cabina telefonica, hanno individuato dentro la stessa il peluche di un cane con cappello rosso e un buco di circa 40 centimetri in una zampa. Questo buco ha insospettito le persone, che temendo si trattasse di una bomba, hanno chiamato subito i Militari dell'Arma dei Carabinieri, che subito hanno delimitato il tratto di strada. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco, alcune pattuglie della Polizia Municipale e i Ris della sezione chimica esplosivi e infiammabili che hanno utilizzato un apparecchio usato con successo per i casi di Unabomber nel Veneto. Via Zarotto è stata chiusa fino alle 20,30 circa, il traffico, molto sostenuto in funzione dell'orario, si è riversato sulla via Emilia e le vie limitrofe, creando lunghe file e ingorghi. Alla fine è stata aperta la strada ed è ritornata la normalità, pensando ha chi può essere stato a creare questo scherzo di cattivo gusto che ha tenuto mobilizzato per tre ore una importante strada di traffico.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Via Zaròt, a's temäva 'na bómba.
Alärmi bómba in-t-na gabén'na dal telèfono in via Zaròt àngol via Mascagni.
Vèrs il sìnch e méz dal dopmezdì d' incó socuànt parsón'ni e i proprietäri ädla tabacarìa in àngól con via Mascagni, ch' l'é davànti a 'na gabén'na dal telèfono, j'han indviduè déntor un pupàs äd càn con un capél ròss e un bùz äd cuarànta centimèttor in-t-na sanfa. Al bùz l' ha insospetì la génta ch'la pasäva par la sträda, parchè j'ävon paura ch' a's tratìs äd 'na bómba, e j'han ciamè i Carabinér, che sùbit j'han sarè su al tòch äd sträda. Dòpa è rivè i Pompér, i Vigìl Urbàn e i Ris ädla sesjón chimica esplozìv e infiamàbili ch' i han drovè 'n aparèc' utilizè con sucés p'r i cäz d' Unabomber in-t-al Vèneto. Via Zaròt l'é städa saräda fìnna cuäzi òt e méz äd sìra. Al tràfich mólt sostgnù in funsjón äd l'oräri, al s'é rivarsè insìmma ala via Emilia e il vìj d'intórna, con dil fìli lónghi d' intazamént. Ala fén è stè avèrt la sträda e l'é tornäda la normalitè, pensànd ha chi pól ésor stè col cojón ch' l'ha fat col schèrs äd catìv gùsst chì, ch' l'ha tgnù mobilizè par trè óri 'n' importànta sträda äd Pärma.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

domenica 7 settembre 2008

L'Associazione culturale "Parma Nostra"



(Testo blu in Italiano)
Associazione Culturale “PARMA NOSTRA”

L’associazione Culturale “Parma Nostra” nasce nel 1979, in tutti questi anni si è dedicata al servizio culturale della nostra città.
Furono Enzo Terenzani e il giornalista della Gazzetta di Parma Lorenzo Sartorio ad avere l’idea di questa associazione culturale parmigiana, con lo scopo principale della “tutela della città” attraverso idonei ed opportuni interventi per tenere vive le tradizioni, farne conoscere la storia, l’arte, i personaggi illustri e quelli popolari di notevoli caratteristiche, la letteratura in lingua e in dialetto e, in modo particolare, in questi momenti di difficoltà per i nostri dialetti, fare tutto il possibile perché la lingua nostra locale continui ad essere conosciuta, parlata e, per quanto possibile scritta. Fu così che i due ideatori con l’intento di fondare un’associazione culturale, invitarono diverse personalità della cultura locale, che avevano “interessi parmigiani”, presso una conosciuta trattoria del centro cittadino ed esposero loro i progetti con i fini che si proponevano per raggiungere il fine. Quella sera erano presenti l’Ing. Fausto Bertozzi, poeta dialettale parmigiano, l’Ing. Vittotrio Botti, studioso e ricercatore di cose parmigiane, fine dicitore di testi in dialetto, il prof. Carlo Antinori, bibliofilo e storico, l’arbitro Alberto Michelotti, il rag. Ugo Montanari, il cav. Armando Scianchi, il geom. P.Luigi Caporali. Dopo un ampio dibattito i presenti approvarono una bozza di statuto eleggendo come coordinatore Enzo Terenzani, che diventerà poi presidente del sodalizio, (carica che ha coperto fino alla morte avvenuta nel luglio del 2006). ”Parma Nostra” è un’associazione culturale apolitica apartitica e aconfessionale, gli scopi che si prefigge sono promuovere e patrocinare qualsiasi iniziativa atta a conservare e a far rinascere costumi e tradizioni popolari, il tutelare i valori culturali del dialetto, difendendone il contenuto di autentica civiltà, organizzare tavole rotonde, dibattiti, convegni e premi letterari sul dialetto parmigiano. Fra le prime occasioni di farsi conoscere ed amare dai nostri concittadini, Parma Nostra ebbe l’idea di organizzare alcuni concerti “parmigiani” presso il Conservatorio di musica “Arrigo Boito” e nella Chiesa della Steccata. Dopo vi fu un importante e simpatica prova organizzativa: l’arrivo a Parma, in seguito ad una insistente richiesta e, soprattutto ad una dimostrazione di fattività organizzativa, di una tappa del giro d’Italia.
Nel 1981 Parma Nostra pubblicò il primo numero del Lunario Parmigiano, che ricalcando la tradizione degli Almanacchi dell’ottocento, fa veicolo di divulgazione di tutti gli aspetti della parmigianità. Da subito sponsorizzato dalla Cassa di Risparmio è fra gli omaggi di fine anno maggiormente richiesti agli sportelli dell’Istituto di Credito. Il lunario si è dimostrato un valido veicolo di parmigianità e di sussidio alla conoscenza delle nostre radici storiche, prezioso raccoglitore ed esponente della nostra storia. Un grazie vada anche a chi collabora nella stesura del lunario; Antinori, Bertozzi, Botti, Maletti, Mezzadri, Nardi, Oddi, Sartorio e Laura Terenzani continuatrice delle tradizioni gastronomiche parmigiane. Altra iniziativa importante di Parma Nostra è il premio S.Ilario che si svolge dal 1994 ed ha veramente valorizzato personaggi spesso non sufficientemente apprezzati pur nella loro importanza “presenza” nella nostra, città dall’anno di istituzione del premio S. Ilario sono stati premiati parecchi cittadini benemeriti. Parma Nostra ha inoltre promosso attività presso le scuole, Corridoni, Don Minzoni, Pezzani e Cocconi, grazie alla collaborazione di insegnanti benemeriti, si parla di tradizioni, storia, dialetto e poesia e di tutto quanto si può definire cultura parmigana. Per quanto esposto, possiamo aggiungere attività editoriali (libri scritti dai nostri soci) e collaborazioni a riviste e giornali, “Parma Nostra” ha dato un buon contributo culturale alla nostra città. Il presidente di “Parma Nostra” Enzo Terenzani, è stato autore di tre volumi dal titolo “Omnibus” e di un opuscolo a carattere locale, nonché la pubblicazione di tre opuscoli in occasione, del 10°, 20°, 25° di attività del sodalizio. Ha favorito rapporti con altre associazioni e Enti locali. Nel luglio del 2006 è venuto a mancare Enzo Terenzani storico Presidente e fondatore di Parma Nostra. Al suo posto è subentrato Renzo Oddi, il quale ha saputo dare una continuità a livello del precedente Presidente, con la collaborazione dello staff che lo ha seguito e lo stà seguendo, per portare nel 2009 a festeggiare il 30° anno di fondazione di Parma Nostra. In questi due anni di Presidenza Oddi ha organizzato il Premio S,Ilario nel 2007 premiando personaggi di spicco come l'allora Sindaco Elvio Ubaldi, il Colonnello dell'Arma dei Carabinieri Marino Ollari, Il Prefetto Dottor Angelo Tranfaglia e il Questore Dottor Stingone. Un salto di qualità è avvenuto con il Premio S. Ilario 2008, svoltosi nella suggestiva sede del salone di Palazzo San Vitale sede della Banca del Monte. Il S Ilario del 2008 che ha toccato il ramo giornalistico di Parma, ha visto premiati i giornalisti Pino Agnetti, Carlo Allodi, Padre Berardo Rossi, ideatore 50 anni fa, dello Zecchino d'oro a Bologna e il giovane giornalista Parmigiano Matteo Billi.
Per merito di una organizzazione che è nata nel 1979 quest'anno si stà già lavorando per festeggiare il 30° anno di vita di Parma Nostra, che si è dimostrata un' Associazione meritevole dell'appellativo di “Parmigianità.


(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
Asociasjón Culturäla “PÄRMA NÒSTRA”

L’asociasjón Culturäla “Pärma Nóstra” nasùda in-t-al 1979, in tùtt chi àni chì l' a s'è dedicäda al sarvìssi culturäl ädla nòsstra citè.
L’è stè Enzo Terenzani e al giornalìssta ädla Gazètta äd Pärma Lorenzo Sartorio chi gh' han avù l’idéa äd ch' l' asociasjón culturäla pramzàna chi, con al scòpo principäl ädla “tutela ädla citè” atravèrs importàn intarvént par tgnìr vìvi il tradisjón, fãrni conòssor la stòrja, l’ärta, i parsonàg' famóz e còj popolär d' importànti caraterìstichi, la leteratùra in lénngua e in djalètt e, in particolär, in chi momént chi äd dificoltè p'r i nostor djalètt, fär tùtt al posìbil parché la lénngua nòstra locäla la contìnnua a ésor conosùda, parläda e, par cuànt posìbil scrìta. L'é stè acsì che i du ideatór con l’intént äd fondär 'n asociasjón culturäla, j' han invitè divèrsi parsonalitè ädla cultùra locäla, ch' j' ävon “intarés pramzàn”, in-t-na famóza tratorìa dal céntor citadén e j'han prezentè i progét con còl chi 's proponävon par ragiùngior al fén. Ch' la sìra li gh'éra prezént l’Inzniér. Fausto Bertozzi, poéta djaletäl pramzàn, l’Inzniér Vittotrio Botti, studjóz e ricercatór äd còszi prarmzàni, fén dicitór äd tést in djalètt, al profesór Carlo Antinori, bibliòfil e stòrich, l’àrbitro äd càllcio Alberto Michelotti, al ragionér Ugo Montanari, al cavaljér Armando Scianchi, il geòmetro. P.Luigi Caporali. Dòp un àmpi dibàtit i prezént j' han aprovè 'na bòsa ä statùt e j'han elét cme coordinatór Enzo Terenzani, ch' l'é dvintè po' al presidént dal sodalìssi, (carga ch' al gh'à avù fin ala morta lùgjj dal 2006). ”Pärma Nòstra” l'é 'n’asociasjón culturäla apolitica apartitica e aconfesjonäla, còl ch' la ‘s promètta äd fär l'é promóvor e patrocinär cualsìasi inisjatìva fàta par conservär e a fär rinàsor costùm e tradisjón popoläri, al tutelär i valór culturäl dal dialètt, e diféndor al so' contgnù d' auténtica civiltè, organizär tävli rotóndi, dibàtit, convègn e prémi leteräri sul djalètt pramzàn. Fra il prìmmi ocasjón äd färos conòssor e amär dai nòstor concitadén, Pärma Nòstra la gh'ha avù l’idéa d' organizär socuànt concèrt “pramzàn” al Conservatòri äd mùzica “Arrigo Boito” e in-t-la Céza ädla Stecäda. Dòpa gh'é stè 'n importànta e simpàtica próva organizatìva: l’ariv a Pärma, in séguit a 'na insistént richiésta e, pù che ätor, a 'na dimostrasjón äd fativitè organizatìva, äd 'na tàpa dal gìr d’Itàlja.
In-t-al 1981 Pärma Nòstra l' ha publichè al prìm nùmmor dal Lunäri Pramzàn, che ricalcànd la tradisjón di Almanàch äd l’otzént, al fa veìccol äd divulgasjón äd tùtt j' aspét ädla parmigianitè. Da sùbbit sponsorizè dala Càsa äd Rispärmi l'é fra j' omàg' äd la fén äd l' an' magiormént richiést in-t-i sportél äd l’Istitùt äd Crédit. Al lunäri al s'é dimostrè un vàlid veìcol äd parmigianitè e äd susìddi ala conosénsa dìl nòstor ravìzi äd stòrja, presjóz racoglitór e esponént ädla nòsstra stòrja. Un gràsja al vaga anca a còj ch'a colaborè ala stezùra dal Lunäri; Antinori, Bertozzi, Botti, Maletti, Mezzadri, Nardi, Oddi, Sartorio e Laura Terenzani ch' la continuè il tradisjón ädla gastonomìa pramzàna. Ätra inisjatìva importànta äd Pärma Nòstra l'é al prémi S.Iläri ch' al gh' é dal 1994 e l'ha veramént valorizè parsonag' spèss mìga suficéntement apresè anca in-t-la sò importànsa “prezénsa” in-t-la nòsstra, citè dal prìmm an' dal prémi S. Iläri è stè premjè parèc' citadén benemérit. Pärma Nòstra l'ha anca promòs attivitè in-t-il scóli, Corridoni, Don Minzoni, Pezzani e Cocconi, gràsja ala colaborasjón d' insegnànt benemérit, a' s pärla äd tradisjón, stòrja, dialètt e poezìa e tùtt cuant a's pól definìr cultùra pramizàna. Par cuànt espòst, podèmma zontär ativitè editorjäli (lìbbor scrìt dai nòsor sòsi) e colaborasjón a rivìsste e giornäj, “Pärma Nòstra” l' ha dè un bón contribù culturäl ala nòstra citè. Al presidént äd “Pärma Nòstra” Enzo Terenzani, l'é stè autór äd trì volùm dal tìtol “Omnibus” e d' un opùscol a caràtor locäl, e la publicasjón äd trì opùscol in ocazjón, dal 10°, 20°, 25° äd l' ativitè dal sodalìssi. L' ha favorì rapòrt con ätri asociasjón e Enti locäl. Al 7 äd lùjj dal 2006 è gnù a mancär Enzo Terenzani stòrich Presidént e fondatór äd Pärma Nòstra. Al sò pòst è subentrè Renzo Oddi, ch' l' ha savù där 'na continuitè a livél dal precedént Presidént, con la colaborasjón dal staff ch' al l'ha seguì, par portär in-t-al 2009 a festegiär al 30° an' äd fondasjón äd Pärma Nòstra. In chi du àni äd Presidénsa. Oddi l' ha organizè al Prémi S,Ilärio in-t-al 2007 premiànd parsonag' cme l'alóra Sìndich Elvio Ubaldi, al Colonél äd l'Ärma di Carabinér Marino Ollari, al Prefét Dotór Angelo Tranfaglia e al Cuestór Dotór Stingone. Un sält äd qualitè l'é stè con al Prémi S. Ilärio 2008, ch'al sé zvòlt in-t-la sugestìva séda dal salón dal Palàs San Vidäl séda ädla Banca dal Mónt. al S Ilärio dal 2008 ch' l' ha tochè al ràm giornalìsstich äd Pärma, l'ha vìsst premiär i giornalìssta Pino Agnetti, Carlo Allodi, Padre Berardo Rossi, ideatór 50 àni fa, dello Zecchino d'oro a Bològgna e al giòvvon giornalìssta Pramzàn Matteo Billi.
Par mérit äd 'n’ organizasjón ch' l'é nasùda in-t-al 1979, st' àn a s'é drè a lavorär par festegär al 30° an' äd vìtta äd Pärma Nòstra, ch' la s' è dimosträda 'n' Asociasjón ch' l' ha meritè l'apelatìv äd “Parmigianitè”.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella prima foto Premio S.Ilario 2008. I relatori: la giornalista di TV Parma Francesca Strozzi madrina della manifestazione, il giornalista della Gazzetta di Parma Lorenzo Sartorio, Il Presidente di Parma Nostra Renzo Oddi, Enrico Maletti e Giuseppe Mezzadri Vice Presidenti di Parma Nostra. Nella seconda foto Premio S. Ilario 2007. il Questore Dott. Stingone, Renzo Oddi, Elvio Ubaldi, lo scultore Maurizio Zaccardi, il prefetto Dott. Angelo Tranfaglia e il Comandante dell'Arma dei Carabinieri Colonnello Marino Ollari. Nella terza foto Enzo Terenzani, coofondatore e Presidente per 25 anni di Parma Nostra) Foto di Michele Frazzi

La festa degli Alpini a Parma in Cittadella



(Testo blu in Italiano)
In occasione della festa degli Alpini che si stà svolgendo a Parma in questo fine settimana di settembre in Cittadella, Parmaindialetto pubblica la poesia dal titolo “Sono tutte belle le donne degli Alpini” scritta dall’Alpino Renzo Sossai della sezione A.N.A. di Conegliano Vaneto. Questa poesia è stata tradotta in dialetto Parmigiano da Enrico Maletti con il titolo “J’én tùtti béli il dònni ädj Alpén” in occasione della 75°adunata degli Alpini svoltasi a Parma nel maggio 2005.




(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
In ocazión ädla fésta ädj Alpén ch’ l’é a Pärma in chi gióron chì äd setémbor in Citadéla, Parmaindialetto pùblica la poezìa dal tìtol “Sono tutte belle le donne degli Alpini” scrìta da l’Alpén Renzo Sossai äd la sesjón A.N.A. äd Conegliano Veneto. Ch’la poezia chi lé städa tradòtta in djalètt Pramzàn da Enrico Maletti con al tìtol “J’én tùtti béli il dònni ädj Alpén” in ocazjón ädla 75°adunäda ädj Alpén ch’ l’é städa fata a Pärma in màg’ dal 2005.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)



(Testo blu in Italiano)

Sono tutte belle le donne degli Alpini

Sono tutte belle
le donne degli Alpini.
Sono tutte belle:
siano madri, mogli,

figlie e sorelle,
sono come fiori di campo
così splendenti di beltà
nella loro semplicità.

Sanno cogliere i silenzi,
sanno accettare le attese, le assenze,
sanno capire il senso dell’impegno,
sanno spronarti ed aiutarti nel bisogno.

Sono tutte belle le donne degli Alpini.

Renzo Sossai
(sede sezione A.N.A di Conegliano)

(Testo giallo in dialetto Parmigiano)

J’én tùtti béli il dònni ädj Alpén

j’én tùtti béli
il dònni ädj Alpén.
j’én tùtti béli:
mädri, mojéri,

fjóli e soréli,
j’én cme di fiór ‘d càmp
acsì luzénti ‘d beltè
in-t-la lór semplicitè.

I sàn catär i silénsi,
acetär ilj atézi, ilj asénsi,
i sàn capìr al séns ädl’ impìggn,
j’én bónni äd spronärot e aiutärot in-t-al bizòggn.


J’én tùtti béli il dònni ädj Alpén

Traduzione in dialetto Parmigiano di Enrico Maletti

sabato 6 settembre 2008

Tombe di Famiglie storiche all'asta alla Villetta


Tombe di Famiglie storiche allasta alla Villetta

(Testo blu in Italiano)
Il Comune di Parma e la Società ADE SpA, che gestisce i Cimiteri cittadini per conto dell’ Ente, informano tutti i cittadini interessati che nel corrente mese di Settembre avrà luogo l’asta per la concessione di 6 sepolcri privati nei Cimiteri cittadini, dei quali 5 siti nel Cimitero Monumentale della Villetta e 1 nel cimitero di Marore. Si tratta per quel che riguarda il Cimitero cittadino di sepolcri di varia tipologia costruiti per lo più dalla seconda parte dell’ 800 in poi, da famiglie nobili o benestanti della nostra città nella parte centrale della Villetta, quella nata originariamente per iniziativa di Maria Luigia e chiamata ancora oggi Ottagono per la sua forma. Questi sepolcri privati originariamente concessi in uso alle famiglie nominate sono ritornati nella disponibilità del Comune per scelta degli eredi aventi diritto e vengono pertanto messi all’ asta al fine di essere riassegnati alle famiglie che si dimostreranno interessate.


(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
TÓMBI ÄD FAMIJA STÒRICHE A L'ASTA ALA
VILÈTTA

Al Cmón äd Pärma e la Socetè ADE SpA, ch’ l’ a gestìssa i Simitéri äd la citè, par cónt äd l’ Enta, i infórmon tùtt i citadén interesè che in-t-al corént méz äd Setémbor a gh’ sarà l’asta par la concesjón äd séz sepólcor privè in-t-i Simitéri citadén, sìncov in-t-al Simitéri Monumentäl ädla Vilètta e vón in-t-al Simitéri äd Marór. A’s tràta par còl ch’ riguärda còl äd la Vilètta, äd sepólcor äd divèrs tìpo costruì dala secónda pärta äd l’ 800 in avànti, da dil famiìj nòbili o benestànti ädla nòstra citè in-t-la pärta centräl ädla Villètta, còlla nasùda originariamént p’r inisiatìva äd Maria Luvìggia e ciamè ancòrra incó Ottagono par la sò fórma. Chi sepólcor privè chì, originarjamént dè in ùz al famìj nominädi j’én ritornè in-t-la disponibilitè dal Cmón par sélta d’ i erédi chi gh’ àn dirìt e i vénon par tant mìss a l’asta al fén d’ésor riasegnè al famìj pu interesädi.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

venerdì 5 settembre 2008

L'ex Federale intitolato ad Aldo Monardi


L’ex Federale intitolato ad Aldo Monardi

(Testo blu in Italiano)
Il nuovo complesso socio-sportivo realizzato dal Comune di Parma sull’area dell’ex Federale in via XXIV Maggio, che comprende centro di aggregazione giovanile, area verde, campo da calcio da allenamento, campo da calcetto e campo da beach volley, è stato dedicato alla memoria del calciatore parmigiano Aldo Monardi nato a Parma il 13 marzo del 1932 e morto sempre a Parma il 6 dicembre 2002. Aldo Monardi fu anche tra i soci fondatori del club “Ex Gialloblu”, indimenticato difensore del Parma negli anni cinquanta in serie C e in serie B, approdato poi nel Genoa in serie A, vero Parmigiano del sasso. L’inaugurazione avverrà domenica 7 settembre alle 11,30. Saranno presenti all’inaugurazione parecchie personalità della città tra i quali l’ Assessore alle attività motorie del Comune di Parma Vittorio Adorni.

(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
L’ex Federäl intitolè a Aldo Monärdi.

Al nóv complés socio-sportìv realizè dal Cmón äd Pärma insìmma a l’àrea äd l’ex Federäl in via XXIV Maggio, ch’ al comprénda céntor d’ agregasjón giovanìl, àrea vérda, càmp da càlcio d’ alenamént, càmp da calcètt e càmp da beach volley, l’ é stè dedichè ala memòrja dal calciatór pramzàn Aldo Monärdi, nasù a Pärma al 13 märs dal 1932 e mòrt sémpor a Pärma al 6 äd dzémbor dal 2002. Aldo Monärdi l’è stè anca tra i sòsi ch’ l’à fondè al club “Ex Gialloblu”, difensór dal Pärma in-t-i àni sincuànta in sérja C e in sérja B, par po’ zugär anca in-t-al Genoa in sérja A, vero Pramzàn dal sas. L’inaugurasjón la sarà doménica 7 setémbor alle 11,30. A srà prezént a l’inaugurasjón parècci parsonalitè ädla citè trà i cuäj l’ Asesór al sport dal Cmón äd Pärma Vittorio Adorni.
(Tgnémmos Vìsst)
(Pramzàn dal sas)

giovedì 4 settembre 2008

Sorelle Picchi cambia gestione a metà settembre


(Teato blu in Italiano)
La Trattoria Sorelle Picchi, un ambiente rustico, familiare e molto accogliente cambia gestione.
Nel cuore della città di Parma, via Farini che qualcuno definisce l'anima serale della città, la salumeria Sorelle Picchi, con annesso ristorante, che da 60 anni rappresenta un vero e proprio biglietto da visita della città (in tutta Italia non sono molte le salumerie con annesso ristorante). Dopo 60 anni di onorato servizio, dunque, uno dei negozi storici più belli di Parma, volta pagina.
Da circa trent'anni la Salumeria faceva anche servizio di ristorazione, in un locale ricavato nel retrobottega del negozio di alimentari e salumeria, i clienti per accedere al ristorante dovevano passare dalla Salumeria. Una vera e propria istituzione cittadina. In sala a servire, e a tenere i contatti con la clientela sempre più numerosa, delle sorelle era rimasta solo la signoro Flora con il figlio Lorenzo e la moglie Giuliana Cavazzini.
Ma a prelevare questo pezzo di Parmigianità ci ha pensato un Imprenditore che di Parmigianità ne sa parecchio, Marco Rosi, per i Parmigiani il Signor “Parmacotto”, che sicuramente con una moderna ristrutturazione non farà rimpiangere una delle Salumerie più vecchie e più
famose d’Italia.

(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
Sorelle Picchi càmbia gestjón a metè setémbor

La Tratorja Sorelle Picchi, un ambiént rùstic, familjär e acoljénte, càmbia gestjón. In-t-al cór ädla citè äd Pärma, via Farini che cuälchidón al definìssa l'alma seräla ädla citè,la Salumerìa Sorelle Picchi, con insèmma ristorànt, che da 60 àni raprezénta un vér e pròpri biljèt da vizita ädla citè (in tùta Itàlja i n’én mìga bombén il salumerji con insèmma al ristorànt). Dòpa 60 àni d’ onorè sarvìssi, dónca, vùnna dil botéghi stòrici pù béli äd Pärma, la vòlta pagina.
Da cuäzi trent'àni la Salumerìa la fa anca sarvìssi äd ristorasjón, in-t-un locäl, ricavè dardè ala botéga d’alimentär e salumerìa, i cliént p’r enträr al ristorànt i gh’ han da pasär dala Salumerìa. ‘na véra e pròprja istitusjón citadén’na.In säla a sarvìr, e a tgnìr i contàtt con la clientéla sémpor pù numeróza, dil soréli gh’éra restè sol la sjòra Flora con al fjól Loréns e la mojéra Giuliana Cavasén.Ma a prelevär cól tòch äd Parmigianitè chi gh’ ha pensè un Imprenditór che la Parmigianitè al la conòssa bén bombén, Marco Rosi, p’r i Pramzàn al Sjòr “Parmacotto”, che sicuramént con ‘na modérna ristruturasjón al né farà mìga rimpjànzor vùna dil Salumerji pù véci e pù famózi d’Itàlja
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

mercoledì 3 settembre 2008

E' nato "Pramzànblog"

E’ nato Pramzànblog

(Testo blu in Italiano)
Da quando la nostra vita quotidiana viaggia in Internet sono nati parecchi siti e blog che si occupano di tutto quello che ci circonda. A Parma che si occupa del nostro amato vernacolo esiste il sito
www.parmaitaly.it dove una rubrica sul dialetto è gestita da Giuseppe Mezzadri cultore di tutto quello che riguarda Parma, autore di tre libri, “Apén’na da Biasär” scritto oltre 30 anni fa, “Riz e Vérzi”, che risale alla prima metà degli anni novanta e il neonato “Pärma e Brazìl” che è stato presentato in gennaio di quest’anno al teatro S. Benedetto di Parma in un pomeriggio condotto dal giornalista della Gazzetta di Parma Lorenzo Sartorio, da Renzo Oddi, presidente di “Parma Nostra”, l’Associazione che si occupa del lunario Parmigiano, dallo studioso Professor Pietro Bonardi e da Enrico Maletti che ha letto alcuni pezzi del libro in dialetto, e insieme a Mezzadri è vice presidente di “Parma Nostra”.
Da alcuni anni è nato il sito
www.parmaindialetto.it il primo sito in Italiano e dialetto Parmigiano,
ideato da Marco e Enrico Maletti che da pochi giorni è stato affiancato da
http://parmaindialetto.blogspot.com/ fratello minore di parmandialetto che si occupa anche
dell’inserimento delle pagelle dei giocatori del Parma in dialetto parmigiano e italiano che vengono
pubblicato sulla Gazzetta di Parma, con i testi di Crociato 63, un simpatico tifoso del Settore Crociato del Parma. Tutti questi mezzi di informazione via Internet sono gestiti da persone a livello amatoriale, non professionisti che amano raccontare tutto quello che riguarda la storia, il dialetto e anche la realtà della città di Parma.”
Da un paio di mesi a questa parte si è affacciato alla finestra di Internet un nuovo blog dal nome
www.pramzanblog.com . L’inventore di questo blog è il giornalista Achille Mezzadri, che non è parente di Giuseppe Mezzadri, e come dice lui è in esilio in quel di Milano. Per oltre quaranta anni è stato giornalista professionista, ha cominciato alla Gazzetta di Parma, poi ha fatto la carriera giornalistica a Milano, dove risiede con la sua famiglia, e ora raggiunta l’età della pensione ha deciso di dedicarsi a questo blog che racconta di persone e fatti che hanno fatto la storia della sue e nostra Parma. Un bravo a Achille Mezzadri per questa idea che in sinergia con gli altri siti Parmigiani sta dando degli ottimi risultati. Grazie Achille questa cosa mancava per i Parmigiani che amano la propria città.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
E’ nasù Pramzànblog

Da cuand la nòstra vìtta äd tutt i dì la viaza in Internet è nasù parècc siti e blog chi pärlon äd tùtt còl ch’l’é dintorna a nojätor. A Pärma ch’ s’ òcupa dal nòstor amè djalètt a gh’è al sito
www.parmaitaly.it indò ghé ‘na rubrica sul djalétt ch’l’é gestida da Giuseppe Mezzadri cultór äd tùtt còl ch’ a riguärda Pärma, avtór äd trì lìbbor, “Apén’na da Biasär” scrìtt pù äd 30 àni fa, “Riz e Vérzi”, ch’ l’è äd la prìmma metè d’ i àni novanta e al tèrs, apén’na nasù, al libbòr “Pärma e Brazìl” ch’ l’é stè prezenè in znär äd st’an’ al teàtor S. Bendètt äd Pärma in-t-un dòp mézdi prezentè dal giornalìsta ädla Gazètta äd Pärma Lorenzo Sartorio, da Renzo Oddi, presidént äd “Pärma Nostra”, l’Associasjón ch’ la fa al lunäri Pramzàn, dal studjós Professor Pietro Bonardi e da Enrico Maletti ch’ l’ ha lezù socuànt tòch dal lìbbor in djalètt, e insémma a Mezzadri l’ é vice presidént äd “Pärma Nostra”.
Da socuànt àni è nasù al sito
www.parmaindialetto.it al prìmm sito in Italjàn e djalètt Pramzàn,
ideè da Marco e Enrico Maletti e da socuànt gióron l’ é stè afianchè da
http://parmaindialetto.blogspot.com/ fradél pù picén äd parmandialetto ch’ al cura
l’inserimént dìl pagéli di zugadór dal Pärma in djalètt pramzàn e italjàn chi vénon
publicädi insìmma ala Gazètta äd Pärma, con i tést äd Crociato 63, un simpàtich tifóz dal Settore Crociato dal Pärma. Tùtt chi méz d’ informasjón chi i vénon gestì da parsón’ni a livél amatorjäl, mìga di profesjonìssta ch’ a gh’ pjäz contär tùtt còl ch’ a riguärda la stòrja, al djalètt e anca la realtè ädla citè äd Pärma.”
Da ‘n pär ‘d méz è gnù fóra in Internet un nóv blog dal nòm
www.pramzanblog.com . L’inventór äd sté blog l’é al giornalìssta Achille Mezzadri, ch’ al n’è mìga parént äd Giuseppe Mezzadri, e cme al dìz lu l’é in ezìlli a Milàn. Par pù äd cuarant’ àni l’é stè giornalìssta profesjonìssta, l’ ha cominciè ala Gazètta äd Pärma, po’ l’ha fàt la carriéra giornalìsstica a Milàn, indó ‘l stà äd ca con la so famìja, e adésa ch’ l’é in pensjón, l’ ha decìz äd dedicäros a còl blog chì ch’ al cónta äd parsón’ni e fàt ch’ i’ han fàt la stòrja ädla nòsstra Pärma. Un bräv a Achille Mezzadri par ch’ l’ idéa chì che insèmma con ch’ i’ ätor sìti Pramzàn l’è adrè där di òtim rizultät. Gràsia a Achille, ch’ la còza chì la mancäva ai Pramzàn ch’al vól bén ala pròprja citè.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)