Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 30 novembre 2008

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 30 novembre 2008

(Per il video delle pagelle clicca qui)


(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Salernitana Pärma 1-2

Pavarén òt : äd sòlit l’é acsì trancuìl ch’al pära cuäzi drè a dormir, jerdlà la cälma l’é städa fondamentäla, trì o cuator intarvént decizìv, fat pròprja in trancuilitè ! L’éra ora pilolòn adésa però s’t a’t miga ciapär dormì ah ?

Zenón sèt : oh Dino sta miga catär dil scuzi adésa ch’ a té ’t zi fat mäl ah ? No parchè t’èmma spetè n’ an’ adésa ch’ a ’t brùz l’èrba sarìss un dispiazér s’ a ’t dovìss saltär ‘na cuälca partìda

Castlén òt : sbalotè ded chì e ded là’ na partìda suficénta, mo al vót l’é par la memòrja da elefant, a gh’ són andè a vèddor subìt, sät ch’ l’éra pròprja a Grosseto ch’ la facénda là ch’ a’t m’è dìtt l’ätra sìra? A’t gh’è pròprja ragión !

Rossi séz : tì lòmo a’t podrè dìr còl ch’ a’t n’è vója, mo un pramzàn in camp con la crozäda adòss, l’é na còza meraviljóza ch’ l’ a mètta ì zgrizór dabón

Falcón sét : pjan pianén da canarén l’é drè dvintär un falchètt, a tutt il manéri a vól dè mérit ala so profesionalitè, al s’è sémpor alenè anca s’ l’ éra fóra scuädra e al momént giùsst al s’é fat catär prontìsim ! Bravo !

Lucaréli picén òt : al centräl äd riferimént par tùt, ‘na sicurèssa. Cme j’ ho dìt jerdlà n’acuìsst cój barbìz

Bùdel séz : a’m däva l’idea ch’a’t gh’avìss frèd, secónd mi a té ’t zì scordè la maja äd lana e t’é gnù su la cervicäla, a ch’ l’a da fastidi ??? Mì n’in so cuél… a’t paräv un marlùss tùt sténch lì in méza al camp

Morón òt : ah bé cuand’a gh’è da lasär zò al fiorètt e tirär fóra la späda, al balón d’òr l’é al sòv sénsa discusjón, un spetàcol in trinséra

Leòn òt : otantanóv minùd cuäzi gornè, dò zugädi da león dabón, un pasàgg’ a Reginäld fàt col calibro, e ‘na punisjón vlinóza che cme difati l’é dvintäda un gòl ! Du cólp äd pnél da l’artìssta äd la scuädra

Lucaréli grand, òt : oh là Capitàn , ‘na partìda da capitàn, miga p’r al gòl ch’ al n’éra miga dificilìssim, mo par tùtta la partìda zugäda con parsonalitè sénsa paura a còrror, ciapär dil bòti, a lotär…..da Capitàn !

Reginäld sèt: a väla al discórs äd Leòn, partìda anònima, mo ‘na zugäda sul prìmm gòl strepitóza ch’la väla da lè un bél vót ! ‘Na zugäda acsì a partìda e a gh’ n’è pù par nisón ! Bravo Cohiba

Guidolin òt: Elóra Don a’s tachèmma a s’ciarìr ilj idéi ? Béla formasjón, béj cambi, béla mentalitè
Secónd mi l’é l’alenadór giùst par Pärma, dai ch’ a provämma a scrìvvor ‘na béla fòla tutt’insèmma

Tifóz & crozäda sent’déz e lòde : dai lasìm fnìr acsì, meraviljóz i tifóz che in méza a ‘na stagjón insensäda j’ han traversè l’ Itàlja e j’én rivè a Salèron, meraviljóza la Maja Crozäda tùtta infanghénta mo trionfànta dòpa la batàlja ! AVANTI CROZE’ IN MAJA CROZÄDA !

(Tgnèmmos vìsst)


(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)

sabato 29 novembre 2008

Si torna a pattinere in piazzale Picelli

(Testo blu in Italiano)
Si torna a pattinere in piazzale Picelli

Per il settimo anno riapre la pista di Hot Ice Village in piazzale Picelli. La pista rimarrà aperta fino al 22 febbraio. Gli orari sono: domenica e festivi dalle 10 alle 12,30, dalle 14,30 alle 19,30 e dalle 21 alle 24. I giorni feriali dalle 14,30 alle 19,30 e dalle 21 alle 24. Nei feriali delle vacanze di Natale, l’apertura sarà anche al mattino dalle 10 alle 12,30, sabato e prefestivi la chiusura serale sarà alle 0,30, con la sospensione della musica alle ore 23.
L'assessore allo sport del Comune di Parma Vittorio Adorni, nei giorni scorsi ha annunciato la costruzione di una struttura permanente funzionante estate e inverno. Un impianto funzionante 365 giorni l'anno, è stato richiesto da parecchi Parmigiani.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
A's tórna a patinär in pjasäl Picéli.
P'r al sétim an' a réva la pìssta d' Hot Ice Village in pjasäl Picéli. La pista la restrà avèrta fin al 22 farvär. J oräri j én: doménica e festìv dal 10 al 12,30, dal 14,30 al 19,30 e dal 21 aj 24. I gióron feriäl dal 14,30 al 19,30 e dal 21 al 24. In-t-i feriäl dil vacànsi äd Nadäl, l’apertùra la srà anca alla matén’na dal 10 al 12,30, sàbot e prefestìv la chiuzùra seräla la srà alj óri 0,30, con la sospensjón ädla mùzica alj óri 23. L'asesór al sport dal Cmón äd Pärma Vitòri Adorni, in-t-i gióron indrè l' ha anuncè la costrusjón äd 'na strutùra permanént funsjonànt istè e invèron. N' impjànt funsjonànt 365 gióron a l'an', ch'l' é stè richiést da parècc' Pramzàn.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

venerdì 28 novembre 2008

Presentato il calendario Battei 2009

(Testo blu in Italiano)
Presentato il calendario Battei 2009

Il Calendario Battei per il 2009 si è affidato a 7 maestri fotografi che hanno immortalato con i loro scatti la nostra Parma. I “magnifici 7” professionisti della fotografia sono: Claudio Carra, Angelo Ceresa, Franco Furoncoli, Bruno Magnani, Luca Monducci, Giuseppe Frattini e Giovanni Badodi .
Le foto sono state scattate in vari punti della città. La Cattedrale di sera nella prima pagina del calendario, la foto di Vittorio Bottego, la cupola della Chiesa di Santa Maria della Steccata, non poteva mancare il Battistero, piazza Garibaldi, la costruzione del Petitot, il convento della Santissima Annunziata, i Portici del Grano, il ponte Verdi, la Cittadella, il Teatro Regio e il tempietto dell’Arcadia al Parco Ducale. La scelta dei soggetti fotografici è stata fatta da Antonio Battei con la collaborazione di Luigi Gianola Bazzini.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Prezentè al lunäri Battei 2009

Al Lunäri Battei p’r al 2009 al s’è afidè a 7 mésstor fotògraf ch’ j han immortalè con i sò scàt la nòstra Pärma. I “grandjóz 7” profesjonìssta ädla fotografìa j én: Claudio Carra, Angelo Ceresa, Franco Furoncoli, Bruno Magnani, Luca Monducci, Giuseppe Frattini e Giovanni Badodi .
Il fotogrfìi j’én städi scatädi in socuànt póst ädla citè. La Cattedräla äd sìra in-t-la prìma pàgina dal lunäri, la foto äd Vittorio Bottego, la cupola ädla Céza äd Santa Maria ädla Stecäda, a’n podäva mìga mancär al Batistéri, pjasa Garibäldi, la costrusjón dal Petitot, al convént ädla Santìsima Nonsjäda, i Pòrtogh dal Gràn, al pónt Verdi, la Citadéla, al Teàtor Régio e al tempjètt äd l’Arcadia in Zardén Pùbblich. La sèlta di sogét fotogràfich l’é städa fàta da Antonio Battei con la colaborasjón äd Luigi Gianola Bazzini.

(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)


Dalla Segreteria dell'On. Prof. Vittorio Sgarbi riceviamo e pubblichiamo. Vittorio Sgarbi il 30 novembre 2008 a Parma alla "Corale Verdi"


(Testo blu in Italiano)
On. Prof. Vittorio SGARBI
Segreteria
Ro Ferrarese (FE)
0532-869469

Con la presente, si conferma la presenza di Vittorio SGARBI, la sera del 30 novembre 2008, ore 21.00, alla sede della “Corale Verdi” di Parma, per la presentazione in anteprima dell’ultimo libro:

VITTORIO SGARBI
CLAUSURA
Da Suor Letizia a Salemi
(e ritorno) Edizioni Bomipiani

Segreteria Organizzativa
Prof. Paolo Fontanesi
Ro Ferrarese (FE)
Amministratore Unico Dott.ssa Rina Cavallini Sgarbi347.0494252


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
On. Prof. Vitòri SGÄRBI
Segretarja
Ro Feraréza (FE)
0532-869469

Con la prezénta, a’s conférma la prezénsa äd VITÒRI SGÄRBI, la sìra dal 30 novémbor 2008, alj óri 21.00, ala séda ädla “Coräla Verdi” äd Pärma, par la prezentasjón in anteprìmma äd l’ùltom lìbbor:

VITÒRI SGÄRBI
CLAVZÙRA
Da Suor Letìssia a Salemi
(e ritóron)
Edisjón Bomipiani.
Segetarja Organizatìva
Prof. Pàvol Fontanéz
Ro Feraréza (FE)
Aministratór Ùnnich Dott.ssa Rina Cavalli Sgärbi 347.0494252
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

giovedì 27 novembre 2008

Il Manipolo e' la prima squadra di touch rugby di Parma e provincia


(Testo blu in Italiano)
Il Manipolo e' la prima squadra di touch rugby di Parma e provincia

Il touch rugby e' la versione accessibile a tutti del mitico sport della palla ovale: niente calci e rimesse laterali nessun contatto violento, solo gioco alla mano, agilità e corsa.Del rugby mantiene pero' i valori piu' importanti: sportivita', rispetto per l'avversario e per l'arbitro, voglia di socializzare e di amicizia.Tutto nasce da un'idea di Giuseppe e Pietro i primi di febbraio 2008, divulgata subito ad amici storici.Si concretizza quando la voce giunge a Riccardo e finalmente inizia l'avventura: la ricerca di un campo, l'organizzazione degli allenamenti e tutto quel che serve per tirare su una squadra di Touch Rugby!Il primo allenamento si e' svolto a Parma nel campo di via De Sica ai primi di Marzo in vista del torneo Tocamagnabevi di Rovigo svoltosi il primo di Giugno 2008 (purtroppo con risultati al di sotto delle aspettative).Non perdendosi d'animo il Manipolo prosegue l'avventura e partecipa al NoceTouch, alla prima edizione della Coppa Italia svoltasi ad Este e ad un torneo nazionale in quel di Mantova. Oggi il Manipolo si e' spostato a Parola (PR) dove, in breve tempo, e' riuscito a reclutare e far appassionare tanti ragazzi, provenienti da varie esperienze sportive, a questa nuova disciplina emergente.Con il passare dei giorni il Manipolo si è insediato nel territorio e conta tra i suoi amici anche il mitico Filippo "Pippo" Frati.
Il Manipolo e' la prima squadra di touch rugby di Parma e provincia riconosciuta dalla
Lega Italiana Touch Rugby (L.I.T.R.).
Per informazioni scrivete a:
info.manipolo@gmail.com


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al Manipolo lé la prìmma scuädra äd touch rugby äd Pärma e provìncia

Il touch rugby l’é la versjón acesìbil a tùtt dal mìtich sport ädla bàla oväla: njénta cäls e rimèssi lateräli nìson contàtt violént, sól zógh ala màn, agilitè e córsa.Dal rugby al manténa pero' i valór pu' importànt: sportivitè, rispét par l'aversäri e par l'àrbitro, vója äd socializär e d’ amicìssja.Tùtt al nàsa da n' idea äd Giusép e Pédor i prìmm äd farvär 2008, divulgäda sùbbit a d’j amìgh stòrich.L’ a dvénta realtè cuand la vóza la rìva a Riccardo e finalmént comìncia l'aventùra: la ricérca d’ un càmp, l'organizasjón di alenamént e tùtt còll ch’ a sarvìssa par tirär su ‘na scuädra äd Touch Rugby!Al prìmm alenamént l’é stè a Pärma in-t-al càmp äd via De Sica ai prìmm äd Märs in previzjón dal tornéo Tocamagnabevi äd Rovigo al prìmm äd zùggn 2008 (purtròp con di rizultè sòtta alj aspetatìvi).Sénsa mäi pärdros d’ànim al Manipolo al contìnva la so aventùra e al partècipa al NoceTouch, ala prìmma edisjón ädla Coppa Italia a Este e a ‘n tornèo nasjonäl a Màntva. Incó al Manipolo al s’è spostè a Paróla (PR) indó, in pòch témp, l’é riusì a reclutär e fär apasjonär tànt ragàs, provenjént da parécci esperjénsi sportìvi, a ch’ la nóva disiplén’na emergénta chì.Con al pasär di gióron al Manipolo l’é entrè in-t-al teritòri e al gh’ à trà i sò amìgh anca al mìtich Filippo "Pippo" Frati.
Al Manipolo l’é la prìmma scuädra äd touch rugby äd Pärma e provìncia riconosùda dala
Lega Italiana Touch Rugby (L.I.T.R.).
P’r informasjón scrìvor a:
info.manipolo@gmail.com
(Tgnèmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

mercoledì 26 novembre 2008

La Contea di S. Secondo

(Testo blu in Italiano)
La Contea di S. Secondo

Pier Luigi Poldi Allaj presenterà l’8 dicembre alle ore 17 nella sala ex Scuderie della Rocca dei Rossi, di San Secondo Parmense.
“La Contea di San Secondo”, per la Collana “Studi e materiali per la Storia di Parma”.
Poldi Allaj, ne parlerà con Mariantonietta Acocella, dottore di ricerca Universitaria di Losanna, William Spaggiari, docente di Letteratura Italiana all’Università di Milano, ArnaldoScaramuzza, scrittore, Paolo Panni giornalista della Gazzetta di Parma, e l’editore Antonio Battei,che ha pubblicato il volume. Interverrà il Sindaco di San Secondo Roberto Bernardini.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
La Contea äd S. Zgónd

Pier Luigi Poldi Allaj al prezentarà l’8 dzémbor alj óri 17 in-t-la säla ex Scudarìi ädla Ròca di Ròss, äd San Zgónd Parméns.
“La Contea di San Secondo”, par la Colàna “Studi e materjäl par la Stòrja äd Pärma”.Poldi Allaj, al n’in perlarà con Mariantonietta Acocella, dotór äd ricérca Univàrsitäria äd Losanna, William Spaggiari, docént äd Leteratùra Italjàna a l’Univarsitè äd Milàn, Arnaldo Scaramuzza, scritór, Paolo Panni giornalìssta ädla Gazètta äd Pärma, e l’editór Antonio Battei, ch’ l’ ha publiche al volùm. A srà prezént al Sindich äd San Sgónd Roberto Bernardini

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)



PIER LUIGI POLDI ALLAJ
LA CONTEA
DI SAN SECONDO
BATTEI
Collana: Studi e Materiali per la storia di Parma e Provincia
240 pagine - illustrato a colori
Brossura unghiata con patelle
prezzo di copertina: € 32,00
Nella collana Studi e materiali per la storia di Parma e Provincia nasce il libro “La Contea di San Secondo” dello studioso di storia locale Pier Luigi Poldi Allaj. Un affresco storico ricco e dettagliato che ripercorre le vicende del borgo nel XVI secolo attraverso le straordinarie gesta della famiglia Rossi. Vero e proprio centro di gravità della narrazione, la magnifica Rocca di San Secondo, monumento di enorme interesse storico e artistico che l’autore descrive con dovizia di particolari, soffermandosi soprattutto sui preziosi affreschi della “Sala delle Gesta Rossiane” e della “Sala dell’Asino d’oro”. Non mancano interessanti approfondimenti sugli altri rilevanti monumenti storici di questo antico paese della Bassa, e pagine sulla rinomata spalla di San Secondo e il vino rosso Fortanina, sulla Fiera d’agosto e il Palio delle Contrade: su tutte quelle antiche tradizioni che ancora oggi rendono vivo e vivace quest’angolo di terra parmense.


martedì 25 novembre 2008

Buon compleanno a due amici di “Parmaindialetto”.


(Testo bu in Italiano)
Buon compleanno a due amici di “Parmaindialetto”.

Il 26 novembre spengono le candeline per il loro compleanno due amici di “Parmaindialetto”.
Cesare Pattacini classe 1943, titolare della Banda con Majorètte Cesare Pattacini di Montechiarugolo, ritenuto da chi lo conosce un Parmigiano con un cuore grande come una casa, ed è contento quando può fare del bene. Buon compleanno anche a Ferdinando Sandroni, per gli amici Nando, classe 1951 responsabile dell’Agenzia Decentramento del Comune di Parma, anche lui persona disponibile in qualunque posto ci sia da fare del bene. Tanti auguri a Cesare e Nando da “Parmaindialetto”.





(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Bón compleàn a du amìgh äd “Parmaindialetto”.

Al 26 äd novémbor a zmòrsa il candlén’ni p’r al so compleàn du amìgh äd “Parmaindialetto”.
Cesare Pattacini classe 1943, titolär ädla Banda con Majorètte Cesare Pattacini äd Monc’rùggol, consù a Pärma cme un Pramzàn con un cór grànd cme ‘na cà, e l’é contént cuand al pól fär dal bén. Bón compleàn anca a Ferdinando Sandroni, p’r iamìgh Nando, clàsa 1951 responsàbil äd l’Agensja Decentramént dal Cmón äd Pärma, anca lu parsón’na disponìbbil indò gh’ è da fär dal bén. Tànt avguri a Cesare e Nando da “Parmaindialetto”.
(Tgnèmmos Vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Nella foto scattata nel 2004 per la festa di compleanno di Sandroni e Pattacini: da sinistra Ferdinando Sandroni, Franco Ferrari, Enrico Maletti, Cesare Pattacini)

Casa Editrice Battei. Appuntamenti del 26 e 27 novembre.

(Testo solo in Italiano)
APPUNTAMENTI DI NOVEMBRE DI QUESTA SETTIMANA


MERCOLEDì 26 NOVEMBRE, ore 17.30
Libreria Battei
Strada Cavour - Parma

presentazione del libro
"LA CACCIATA DEI MUSULMANI DALL'EUROPA"

DI LUCIO LAMI
giornalista e scrittore
presidente onorario Pen Club


Dialogano con l'Autore
GIUSEPPE MARCHETTI critico letterario
ANTONIO BATTEI editore
__________________________

GIOVEDì 27 NOVEMBRE, ore 11.00
Libreria Battei
Strada Cavour - Parma

conferenza stampa di presentazione del nuovo

CALENDARIO BATTEI 2009
"PARMA: IL FASCINO DELL'ARTE"
illustrato con le più belle copertine del Corriere di Parma
dedicate alla città
Intervengono

CLAUDIO CARRA fotografo
LUIGI GIANOLA BAZZINI scrittore
ANTONIO BATTEI editore

__________________________

TUTTI GLI INCONTRI SONO AD INGRESSO LIBERO

lunedì 24 novembre 2008

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Testo publicato sulla Gazzetta di Parma del 24 novembre 2008

(Per il video delle pagelle clicca qui)

(Testo solo in dialetto parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)
Pärma Livóron 0-0

Pavarén sìncov : l’é véra ch’ l’ ha fat trè parädi decizìvi mo anca trè usìdi ch’ a né ’s pól miga fär : un portér a ‘n pól miga ésor acsì indecìz

Zenón séz : meno ordinè dal sòlit, però cme da un méz a sta pärta al pù bón ädla scuädra, certo che incó a gh’ vräva pòch

Castlén séz : specialmént in-t-al secónd tèmp al vén sémpor fóra ala granda, al mètta déntor sémpor socuant cròss, mo a ’n gh’è mäj nisón a casärla déntor

Paci séz : njàn malàs dato ch’ al rienträva dòpa parècci fésti ch’ l’é stè fóra, certo che cuand al gh’à la bala tra i pè ätor che Dario Argento a gh’ vól ädla coramìna

Falcón sìncov : dòpa sìnc minud amonì e tut’al rést ädla partìda zughè con la paura ! E Rossi indò érol ?

Lucaréli picén séz : béla partìda, al ‘n ha miga patì äd zugär contra la sò citè, un bél acuìst njénta da dìr.

Bùdel sìncov : a MIlàn j’ én ciamè i Venesjàn, còj che cuand a gh’ riva al balón i ‘nal d’ han gnànca pù a l’arbitro cuand al fiss’cia la fén ! Però l’é stè l’ùnnich a tirär in porta. A digh l’ùnnich …fì vù

Mariga sìncov : ‘na gran confuzjón déd chi e déd là, e po’ cuand la va bén al pasa la bala indrè, cuand la va mäl al la pèrda! Un zugadór da zéro a zéro, a’s porta a cà il spézi, l’é un bél lavór arfilärol a cuälchidòn prìmma ch’a’s pól

Kutuzov trì : a v’al garantìss mi che in-t-i amatór a gh’è di zugadór pù bón e pù zvèlt che chilù ! I fan a témp a fumär ‘na sigarètta e tornär indrè i difensór aversäri, che lù l’é ancòrra lì ch’al pìssta dil pòcci

Lucaréli grand, cuator : cme al sòlit l’impìggn l’é conträri al rendimént ! Impìgggn totäl rendimént inezistént, un gol su asjón in cuìnndoz partìdi l’é un dato preocupànt un bél po’, parchè sénsa i so gol a ‘né ‘s va in nisón sìt

Papón trì : lòmo tirämma zò la media, l’èra tùtt un dèz, incò trì miga äd pù ! Jerdlà a t’ ho scrìtt che secónd mi a’t réndi al màsim cuand a’t zùgh méz óra, da l’inìssi a’t réndi al déz par sént !

Guidolin cuator : Don co sucéda ! éni béle tornè in-t-la lór chi zugadór lì ? a s’è béle scarghè il pìlli ??? Mìster l’é drè a ciapär ‘na bruta pïga ch’ la stagjón chi, a’n són miga trancuìll, dailà a gh’ sarà miga un virus dabón a Pärma ah ?

Tifóz sìncov : dzämma ch’ a sèmma andè drè a la scuädra invéci che färos gnìr adrè a nojätor ! Certo che a catär la vója äd fär dal tifo con col ch ’a ‘s vèdda in camp l’é n’impréza ! PERÒ, AVANTI CROCIATI, CON LA CROCIATA ADDOSSO!

(Tgnèmmos vìsst)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)

Una curiosità che si associa con la prima neve del 2008 a Parma


(Testo blu in Italiano)
Questa mattina la città di Parma si è svegliata tutta bianca. E’ la prima nevicata dell’inverno 2008.
Girando per la città ho notato che in alcune edicole un quotidiano di Parma ha esposto la locandina tutta bianca, sicuramente per rimanere in tema.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
‘Na curiozitè ch’ l’é uguäla ala prima néva dal 2008

Stamatén’na la citè äd Pärma la sé dezdäda tùtta bjànca. L’é la prìmma nevicäda äd l’invèron 2008.
Girànd par la citè j ho vìsst che in socuànti edìccoli da giornäj, un giornäl äd Pärma l’ ha mìs fóra la locandén’na tùtta bjànca, sicuramént par restä in téma.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)


sabato 22 novembre 2008

"Virgo Fidelis” i Carabinieri hanno celebrato la sua Patrona alla Chiesa dell' Annunziata.


(Testo blu in Italiano)
“Virgo Fidelis” i Carabinieri hanno celebrato la sua Patrona

Alla Chiesa della Santissima Annunziata l’Arma dei Carabinieri di Parma ha celebrato con una Santa Messa la sua Patrona. La Cerimonia è stata celebrata dal Vescovo di Parma Monsignor Enrico Solmi, il quale nell’Omelia ha approfondito l’importanza di creare un senso di fiducia e di responsabilità reciproca tra le persone da parte delle forze dell’ordine.
La funzione è stata animata dal coro delle Voci Bianche della Corale Verdi diretto dalla maestra Beniamina Carretta. Un breve discorso del Comandante provinciale dei Carabinieri Paolo Cerruti ha concluso la Cerimonia. Per l’occasione “Parmaindialetto” pubblica la Preghiera “VirgoFidelis” sia in Italiano che in dialetto Parmigiano, già presentata nel mese di giugno per la ricorrenza del 194° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Virgo Fidelis” i Carabinér j han celebrè la sò Protetóra

Ala Céza äd la Santìsima Anonsjäda l’Ärma di Carabinér äd Pärma l’ ha celebrè con ‘na Sànta Mèssa la sò Protetóra. La Cerimònja l’é städa celebräda dal Vèsscov äd Pärma Monsgnór Enrico Solmi, che in-t-l’ Omelìa l’ha aprofondì l’importànsa äd creär un séns äd fidùcia e responsabilitè reciprocamént tra il parsón’ni da pärta dil fòrsi äd l’órdin.
La funsjón l’é städa animäda dal ‘l còro dil Vózi Bjànchi ädla Coräla Verdi dirét dala méstra Beniamina Carretta. Un brév discórs dal Cmandànt provincjäl di Carabinér Paolo Cerruti l’ha conclùz la Cerimònia. Par l’ocazjón “Parmaindialetto” pùblica la Preghjéra “VirgoFidelis” sia in Italjàn che in dialètt Pramzàn, béle prezentäda in-t-al méz äd zuggn par la ricorénsa dal 194° anivarsäri ädla fondasjón äd l’Ärma di Carabinér.



(Testo blu in Italiano)
PREGHIERA DEL CARABINIERE

Dolcissima e Gloriosissima Madre di Dio e nostra,noi Carabinieri d’Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero,fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!Tu, che le nostre Legioni invocano confortatricee protettrice col titolo di “Virgo Fidelis”,Tu accogli ogni nostro proposito di benee fanne vigore e luce per la Patria nostra;Tu accompagna la nostra vigilanza,Tu consiglia il nostro dire,Tu anima la nostra azione,Tu sostenta il nostro sacrificio,Tu infiamma la devozione nostra!E da un capo all’altro d’Italia suscitain ognuno di noi l’entusiasmo di testimoniare,con fedeltà sino alla morte,l’amore a Dio e ai fratelli Italiani.Amen!





(Testo giallo dialetto Parmigiano)
PREGHJÉRA DAL CARABINÉR

Dólsa e Glorióza Mädra dal Sgnór e Mädra nostra,nojätor Carabinér d’Itàlja, a Ti alvèmma con rivarénsa al pensér,pjénna ‘d sperànsa la preghjéra e cäld al cór!Ti, che il nòstri Legión i sercon confortansae protetóra col tìtol äd “Virgo Fidelis”,Ti aceta ogni nòstor propòzit äd béne fàni forsa e luza par la Pàtrja nòstra;Ti acompàgna la nòstra sorveljànsa,Ti dà consìlli al nòstor dir,Ti dà vìtta al nòstor fär,Ti da sostèggn al nòstor sacrifìssi,Ti infiàma la nòstra devosjón!E da ‘n co a l’ätor äd l’Itàlja fà nàsorin tutt nojätor l’entuzjàzom äd testimonjär,con fedeltè infìnna ala mòrta,l’amór al Sgnór e ai fradéj Italjàn.E ‘csi sia

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)


venerdì 21 novembre 2008

Buon compleanno alla Questura di Parma che compie 100 anni

( Testo blu in Italiano)
La Casa Editrice Battei ha pubblicato un volume sulla storia dell’istituzione che in questi giorni compie 100 anni. La Questura di Parma è stata fondata nel 1908 e per festeggiare questo secolo di attività al servizio dei Parmigiani domenica 30 novembre alle ore 20 la banda della polizia suonerà al teatro Regio con Cheryl Porter e Andrea Cgriminelli.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Bón compleàn ala Cuestura, äd Pärma ch’ l’a compìssa 100 àni

La Cà Editrìce Battei l’ ha publichè un volùm su la stòrja äd l’istitusjón che in chi gióron chì la compìssa 100 àni. La Cuestura äd Pärma l’é städa fondäda in-t-al 1908, e par festegiär un sécol d’ ativitè al sarvìssi di Pramzàn, doménica 30 novémbor alj ori 20 la banda ädla polisja la sonarà al teàtor Regio con Cheryl Porter e Andrea Cgriminelli

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

Uno svago che da oltre 76 anni piace a tanti Parmigiani. La Settimana Enigmistica compie "4000 copie".

Testo blu in Italiano
La Settimana Enigmistica
Fu inventata da un nobile di origine sarda, il cavaliere del lavoro e grande ufficiale, dottor ingegnere Giorgio Sisini di Sennori, in provincia di Sassari già Conte di Sant'Andrea e figlio del fondatore del Rotary Club di Sardegna, deceduto nel giugno del 1972. Il primo numero fu pubblicato il 23 gennaio 1932; sulla copertina si trovava l'immagine dell'attrice messicana Lupe Vélez. Da allora la rivista ha vantato fra i suoi collaboratori i più famosi enigmisti, come ad esempio lo stesso direttore Conte Giorgio Sisini, che creò enigmi per i lettori sino agli ultimi giorni di vita, gli indimenticati Piero Bartezzaghi e Giancarlo Brighenti. È dunque storicamente, in un certo senso, un capostipite dei giornali di enigmistica italiana, almeno per quanto riguarda la diffusione di quest'arte presso il grande pubblico. Tant'è vero che una delle didascalie in fondo alla prima pagina di copertina, recita che la “Settimana Enigmistica "è il settimanale che vanta innumerevoli tentativi di imitazione". Numerosi altri periodici sono infatti sorti sulla scia della sua popolarità. Una caratteristica che tuttavia rende unica la “Settimana Enigmistica” è quella di non accettare pubblicità al suo interno, e di usarla raramente per la propria diffusione. Nonostante in copertina vi sia la dicitura "ESCE IL SABATO", in realtà arriva nelle edicole il mercoledì. A novembre 2008 ha toccato il traguardo dei 4000 numeri. Oltre settantasei anni e non li dimostra.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
La Stmana Enigmìsstica l’ a compìssa 4000 còpii
Uno svägh che da óltra 75 àni al pjäz a tant Pramzàn.

La Stmàna Enigmìsstica.

L’é städa inventäda da un nòbil d’ orìgin särda, al cavaljér dal lavór e grànd uffciäl, dotór inzgnér Giorgio Sisini äd Sennori, in provìncia äd Sassari, zamò Cónt äd Sant' Andrea e fjól dal fondatór dal Rotary Club äd Sardèggna, mòrt in zuggn dal 1972. Al prìmm nùmmor l’é stè publichè al 23 znär dal 1932; insìmma ala copartén’na a gh’éra la fòto äd l'atrice mesicàna Lupe Vélez. Da alóra la rivìssta l’à gh’ à avù frà i sò colaboratór i pù famóz enigmìssta, cme p’r ezémpi al stés diretór Cónt Giorgio Sisini, ch’ l’a fàt dilj enigmìsstichi p’r i so letór fìnna a jùltom gióron ädla so vìtta, ilj indimenticàbil Piero Bartezzaghi e Giancarlo Brighenti. L’é dónca storicamént, in-t-un sèrt séns, un cap-e-stìrpa di giornäj d’ enigmìsstica italjàna, alméno par cuant rigvärda la difuzjón äd ch’ l’ ärta ch’ l’é atàca al grànd pùbblich. E pròprja vùnna dìl scritti in fónda ala prìmma pàgina äd la copartén’na, l’ a dìz che la “Setmana Enigmìsstica " l’é al setimanäl ch’ al vànta un infinitè äd tentatìv d’ imitasjón". Parèc’ ätor perjòdich j én nasù insìmma ala sträda ädla sò popolaritè. Un particolär ch’ al rénda ùnnich la “Stmana Enigmìsstica " l’é còlla äd fär mìga ädla publicitè al sò intèron, e drovärla raramént par la pròprja difuzjón. Anca se in-t-la copartén’na a gh’è la scrìtta "L A VÉN FÓRA AL SÀBOT", in realtè l’ arìva in-t-ilj edìccoli da giornäj al marcordì. Al gióron 19 äd novémbor 2008 l’à tochè al tragvärd di 4000 nùmmor.
Óltra stantaséz àni e a’ n ‘j ‘a dimòsstra mìga.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

mercoledì 19 novembre 2008

Chi erano Italo e Giulio Clerici ? Il 22 novembre ricorre il 49°anniversario della scomparsa di Giulio Clerici; Attore dialettale.

(Testo blu in Italiano)
Noi parmigiani dobbiamo ringraziare il giornalista Achille Mezzadri, ideatore di
http://www.pramzanblog.com/ che giornalmente nel suo blog ricorda i compleanni oppure gli anniversari di personaggi che hanno fatto la storia della nostra amata Parma. Il 22 novembre ricorre il 49° anniversario della morte di Giulio Clerici, che con il fratello Italo hanno portato il dialetto Parmigiano in tanti teatri d’ Italia. Parmaindialetto pubblica la storia sintetica, sia in Italiano che in dialetto Parmigiano, di questi due indimenticabili artisti del teatro dialettale Parmigiano


Giulio e Italo Clerici

Attori e autori Parmigiani

I fratelli Clerici vengono da una famiglia numerosa, Albertina, Dardine, Dario, Emilia, Giulio, Italo, Luigi e Pepén questi i nomi di tutti i fratelli.

Attori e autori dialettali di questa famiglia furono, Giulio 1896 - 1959
e Italo 1901- 1956.

In alcuni dei loro testi dialettali si firmavano con lo pseudonimo di Tespi.
Come autori raggiunsero un grande livello artistico con l’esperienza arrichitasi col passare del tempo, fino ad essere punto di riferimento per gli autori della zona che si rivolgevano a loro per chiedere consigli, tanto era la fiducia e la professionalità artistica che avevano acquisito. Il loro modo di scrivere si mantenne a livello simpatico e popolare da Parmigiani del sasso.

I titoli delle principali commedie dal 1930 al 1950 scritte dai fratelli Clerici in collaborazione con altri autori:

I Guia äd Crispén Di Giulio e Italo Clerici; L’onorevole Crispén di Italo Clerici; Ròbi d’l’ètor mớn, di Italo Clerici; Un bél partì, di Italo Clerici; La gàbja da lmèrol, di Italo Clerici; I Crezmànt, di Italo Clerici; Al Pramzàn c’mé l’è, di Giulio Clerici;
Còzi ch’ succeda, di Giulio Clerici e Mario De Marchi; La pontùra, di Italo Clerici;
Al ciòld in-t-la scartaciäva, di Italo Clerici; Al monumént äd cicoläta, di Italo Clerici;
La rosäda äd San Zvàn, di Giulio Clerici e Mario De Marchi; Al Miràcol, riduzione di Italo Clerici; I pogiớj in stra’ méstra, riduzione di Italo Clerici; Còl cadàvor a sớn mi, riduzione di Italo Clerici; Pepìno Verdi, di Italo Clerici e Romano Preti; La banda äd Boglés, di Giulio Clerici e Mario De Marchi; ‘ Na mànga äd bagolớn, riduzione di Italo Clerici; Minghètt zò ‘d pirla, riduzione di Italo Clerici; Lo zio Bernardo, di Giulio Clerici e Romano Preti; Una nớta dòp il dòddoz, riduzione di Italo Clerici; A giùr e spargiùr, di Tespi; La tombola in pjàsa, di Tespi; La violétta äd Pärma, di Tespi; La reginètta dal marchè, di Italo e Giulio Clerici; Don Césor, di Rovinelli e Tespi; La fjớla dal bòja, di Pitteri, Italo e Giulio Clerici; L’unguént par la nòna, di Pitteri, Italo e Giulio Clerici; L’estràt äd confuziớn, di Pitteri, Zileri e Tespi; Cärta canta vilàn rớnfa, di Tespi; Scantòt Narciso, di Tespi; Al dént dal giudìssi, di Tespi; A fronte scoperta, di Tespi; Al padrớn dal vapớr, di Palmieri e Tespi; Al calväri äd Fortunén, di Morucchio e Tespi; Al marì äd mè mojéra, di Tespi.

Le esperienze da attori dei Fratelli Clerici cominciarono con il “Club della Risata” nata a Parma nell’agosto del 1925, lo scopo di questo gruppo, formato da persone bontempone, era quello benefico infatti gli utili tratti dagli spettacoli venivano versati ad enti cittadini bisognosi. Il motto principale della società era la frase:
“Tutto si fa per ridere”.

Famose furono le interpretazioni di Italo Clerici nella parte di Crispén, il ciabattino che richiamava il calzolaio della zona di Parma vecchia, che con la sua vis comica diventò un personaggio macchietta amato dal pubblico, mentre il fratello Giulio interpretava le parti di un oste e di un impeccabile facchino.

Dall’esperienza positiva del Club della Risata, nel 1929 Italo fondò la Compagnia
“La Risata” e insieme al fratello Giulio si spostarono con le loro rappresentazioni in varie regioni d’Italia svolgendo con la compagnia una vera e propria attività professionistica, dovendo sospendere gli spettacoli con l’arrivo dell’evento bellico mondiale. Con la fine della guerra i Clerici misero in scena nell’autunno del 1945 una rivista dal titolo che richiamava l’avvenimento bellico; “Benvgnuda libartè” di Pitteri e Tespi con le musiche del M° Carlo Ratta, una satira che richiamava gli avvenimenti politici degli ultimi anni.
Italo veniva considerato un attore completo, capace di interpretare parti comiche drammatiche e addirittura sentimentali. Giulio era dotato di una capacità di interpretare tipi differenti sia con il trucco che con la sua mimica, era definito una speciale spalla del fratello Italo anche come fisico, Giulio abbastanza basso nei confronti di Italo il quale era un tipo alto e affusolato, insieme erano una copia teatrale perfetta sia dal lato recitativo che da quello fisico.

Ancora oggi sono famose le interpretazioni di Italo Clerici nei film di Don Camillo al fianco di attori come Gino Cervi e Fernandel girati nelle nostre zone negli anni 50.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Chi éron Italo e Giulio Clerici? Al 22 novémbor ricòrra al 49°anivarsäri ädla morta äd Giulio Clerici; Atór daletäl.
Nojätor Pramzàn a gh’èmma da ringrasjär al giornalìssta Achille Mezädri, ideatór dal blog http://www.pramzanblog.com/ che giornalmént in-t-al sò blog al ricòrda i compleàn opur anivarsäri di parsonàgg’ ch’ j han fat la stòrja ädla nòstra cära Pärma. Al 22 novémbor l’é al 49° anivarsäri ädla morta äd Giulio Clerici, che con al fradél Italo j han portè al djalètt Pramzàn in tant teàtor d’ Itàlja. Parmaindialetto pùblica la stòrja, sia in Italjàn che in djalètt Pramzàn, äd chi du indimenticàbil artìssta chì dal teàtor dialetäl Pramzàn



Giulio e Italo Clerici


Atớr e avtớr Pramzàn
I fradéj Clerici i vénon da ‘na famìja fìssa ‘d fiớj; Albertina, Dardine, Dario, Emilia, Giulio, Italo, Luigi e Pepén, còssti chì j’én i nòm ‘d tutt i fradéj.

Atớr e avtớr djaletäl ‘dla famìja j’én stè, Giulio 1896-1959 e Italo 1901-1956.

In socuànt di sò tést djaletäj i s’ firmävon cớl nòmm äd Tespi.
Cmé avtớr i riväron di grànd livél artìsstich con l’esperjénsa muciäda cớl passär dal témp, fin a fär da pớnt ‘d riferimént p’r j avtớr ‘dla zòna ch’ j’ andävon da lớr par dmandär consìlli, tànt l’éra la fidùca e la profesjonalitè artìsstica ch’ j’ ävon acvizì.

La sò manéra ‘d scrìvvor l’éra a livél simpatìch e popolär da Pramzàn dal sas.

I tìttol dìl principäli comédj dal 1939 al 1950 scrìtti dai fradèj Clerici in colaborasjớn con d’ j ätor avtớr:

I Guia äd Crispén Di Giulio e Italo Clerici; L’onorevole Crispén d’ Italo Clerici; Ròbi d’l’ätor mớnd, d’ Italo Clerici; Un bél partì, d’ Italo Clerici; La gàbja dal mèrol, d’ Italo Clerici; I Crezmànt, d’ Italo Clerici; Al Pramzàn c’mé l’é, d’ Giulio Clerici; Còzi ch’ sucéda, äd Giulio Clerici e Mario De Marchi; La pontùra, d’ Italo Clerici; Al ciòld in-t-la scartaciäva, d’ Italo Clerici; Al monumént äd cicoläta, d’ Italo Clerici; La rosäda äd San Zvàn, äd Giulio Clerici e Mario De Marchi; Al Miràcol, ridusjón d’ Italo Clerici; I pogiớj in stra’ méstra, ridusjón d’ Italo Clerici; Còl cadàvor a sớn mi, ridusjón d’ Italo Clerici; Pepìno Verdi, d’ Italo Clerici e Romano Preti; La banda äd Boglés, äd Giulio Clerici e Mario De Marchi; ‘ Na mànga äd bagolớn, ridusjón d’ Italo Clerici; Minghètt zò ‘d pirla, ridusjón d’ Italo Clerici; Lo zio Bernardo, di Giulio Clerici e Romano Preti; Una nớta dòp il dòddoz, ridusjón d’ Italo Clerici; A giùr e spargiùr, di Tespi; La tombola in pjàsa, di Tespi; La violétta äd Pärma, di Tespi; La reginètta dal marchè, di Italo e Giulio Clerici; Don Césor, di Rovinelli e ärti di Pitteri, Italo e Giulio Clerici; L’estràt äd confuziớn, di Pitteri, Zileri e Tespi; Cärta canta vilàn rớnfa, di Tespi; Scàntot Narciso, di Tespi; Al dént dal giudìssi, di Tespi; A fronte scoperta, di Tespi; Al padrớn dal vapớr, di Palmieri e Tespi;Al calväri äd Fortunén, di Morucchio e Tespi; Al marì äd mè mojéra, di Tespi.

Ilj esperjénsi d’atớr di fradéj Clerici j’én cominciädi con al “Club della Risata”
nasùda a Pärma in-t l’agòst dal 1925, al propòzit ‘d coll grùpp chi, formè da parsớn’ni alégri, l’éra còll ‘d fär dal bén, difàti j ùttij di spetàcoj i gnävon varsé
ädj istitusjớn bizognớzi. La batùda principäla ‘dla soceté l’éra la fräsa;
“Tutto si fa per ridere”.
Famớzi j én städi ilj ezecusjớn d’Italo Clerici in-t-la pärta ‘d Crispén, al cibàch
che al riciamäva al calsolär ‘dla zòna ‘d Pärma vécia, che con al so fär còmich
l’èra dvinté un parsonàg’ macètta stimè dal pùbblich, méntor al fradél Giulio
l’ interpretäva il pärti ‘d n’òst e un parfét fachén.
Da l’esperjénsa pozitìva dal Club della Risata, in-t-al 1929 Italo l’istituì la Compagnìa la “Risata” e insèmma al fradél Giulio i s’e spostäron cớl so raprezentaziớn in värja regiớn d’Italia, dvintànd ‘na copagnìa véra e pròprja a livél profesjonìsstic’, po’ j an dovù sospéndor i spétacol con l’arìv ‘dla gvéra mondiäla.
Con la fén ‘dla gvéra i Clerici i mìson in séna in-t l’avtớn dal 1945, ‘na rivìsta dal titòl ch’la ricordäva l’ avenimént äd gvéra; “Benvgnuda libartè” di Pitteri e Tespi con il musichi dal M° Carlo Ratta, ‘na sàtira ch’la riciamäva j avenimént polìttich ädj ùltim àni.
Italo l’éra consideré un atớr complét, bớn d’ interpretär pärti da còmich, da dramàtich e adritùra pärti sentimentäli. Gilulio l’éra fornì ‘d ‘na capacité d’ interpretär pärti divérsi sia col trùcch che con la so mimica, l’éra ‘na speciäla spàla dal fradél Italo ànca cmé fìzich, Giulio bas in-t-i confrớnt d’ Italo cl’éra ält e sfuzlè, insomma j éron ‘na còpja teaträla parféta sia cmé la recitasjớn che cmé fìzich.

Ancòrra incớ j én famớzi il recitasjớn d’ Italo Clerici in-t-i film äd Don Camillo al fjanch d’atớr cme Gino Cervi e Fernandel giré in-t-il nòstri zòni in-t-i àni 50.
(Tgnèmmos Vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(La prima foto che ritrae i fratelli Clerici è stata tratta dall'edizione "Al Pont 'd méz" del 1999 edito dalla "Famjìa Pramzàna" che racchiude la storia del teatro dialettale a Parma. Nella seconda foto, Giulio Clerici.)

martedì 18 novembre 2008

Sabato 22 novembre alle 15,30 si ricorda Aurora Guarini alla Villetta

(Testo blu in Italiano)
ADE SpA – CIMITERI DI PARMA
Luoghi della Memoria


Il Presidente, Il Consiglio di Amministrazione, la Direzione e tutti i Collaboratori di ADE, nel Primo anniversario della Sua morte, certi di interpretare i sentimenti della Città, promuovono unitamente al Comune di Parma ed alla Azienda di servizi alla persona “Ad personam” (ex Iraia), un breve momento di omaggio, dedicato alla Memoria di:

AURORA GUARINI

che dedicò una vita di impegno civile a favore degli anziani
La cerimonia si terrà:
SABATO 22 NOVEMBRE ALLE ORE 15,30
presso la Sua tomba posta nel reparto B, Quadro 8 della Villetta
Dopo la deposizione di un omaggio floreale e brevi parole di ricordo, l’attore Enrico Maletti leggerà alcune famose composizioni dei Poeti di Parma, a Lei dedicate.
Al mattino - presso la Casa protetta “GULLI” in Via Tommaso Gulli, 24 - verrà inoltre inaugurata l’aula ricreativa a Lei intitolata.


Aurora Guarini, personaggio di primo piano del volontariato e della vita politica della nostra città morta a 88 anni, il 22 Novembre 2007, nella casa di riposo Padre Lino. Per tutta la vita, sia come amministratrice Iraia sia come promotrice di numerose iniziative di volontariato, Aurora si è battuta in prima persona a favore degli anziani, una delle categorie più deboli della nostra società. Una vocazione, questa, che l'ha resa particolarmente amata e popolare in città, tanto da essere giustamente coronata, nel '93, dall'attestato di civica benemerenza nel Premio Sant'Ilario, con la seguente motivazione: "Attestato di Civica Benemerenza ad AURORA GUARINI, Paladina della terza età , per l'impegno ininterrotto a favore degli anziani e in generale dei più deboli, portato avanti con amore e altruismo, ben oltre i doveri di ufficio come funzionaria degli Iraia, e unanimemente riconosciuti".

La presenza della Cittadinanza sarà molto gradita.
Si ringraziano: Assessorato alle politiche Sociali del Comune di Parma e “Ad Personam” (Azienda dei servizi alla persona del Comune di Parma.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
ADE SpA – SIMITÉRI ÄD PÄRMA
Sìt ädla Memòrja


Al Presidént, Al Consìlli d’ Aministrasjón, la Diresjón e tutt i Colaboratór d’ ADE, in-t-al Prìm anivarsäri ädla Sò morta, sicur d’ interpretär i sentimént ädla Citè, i promóvon unitamént al Cmón äd Pärma e a l’ Azjénda di sarvissi ala parsón’na “Ad personam” (ex Iraia), un brév momént d’ omàgg’ e rispét, dedicät ala Memòrja äd:

AURORA GUARINI

Ch’ l’a dedichè ‘na vìtta d’ impìggn civìl a favór ädj ansjàn
La cerimònja la gh’ srà:
SÀBOT 22 NOVÉMBOR ALJ ÓRI 15,30
dala Sò tómba in-t-al repärt B, Cuädor 8 ädla Vilètta
Dòpa la depozisjón ‘d ‘n omàgg’ floreäl e socuànti paròli äd ricòrd, l’atór Enrico Maletti al lezrà socuànti famózi compozisjón di Poéta äd Pärma, a Lè dedicädi.
Ala matén’na - ala Cà protéta “GULLI” in Via Tommaso Gulli, 24 – a srà inaugurè l’aula ricreatìva a Lè intitoläda.


Aurora Guarini, parsonàgg’ äd prìmm pjàn dal volontariät e ‘dla vìtta polìtica ädla nòstra citè morta a 88 àni, al 22 Novémbor 2007, in-t-la cà äd ripòz Padre Lino. Par tutt la vìtta, sia cme aministradóra Iraia sia cme promotóra äd numerózi iniziatìvi äd volontariät, Aurora l’à s’é batùda in prìmma parsón’na a favór ädj anzjàn, vùnna dil categorìi pù débli ädla nòstra socetè. ‘Na vocasjón, còssta, ch’ l'ha l’a réza particolarmént amäda e popolära in citè, tànt da ésor giustamént coronäda, in-t-al '93, da l'atestät äd cìvica benemerènsa in-t-al Prémi Sant'Iläri, con la seguént motivasjón: "Atestè äd Cìvich Benemerénsa ad AURORA GUARINI, Paladén’na ädla tèrsa etè, par l'impìggn ininteròtt a favór ädj anzsjàn e in generäl di pù débol, portè avànti con amór e altruìzom, bén òltra i dovér ädj ufìssi cme funsjonäria äd l’ Iraia, e unanimemént riconosù".

La prezénsa ädla Citadinànza l’ a srà gradìda bombén.
Ringrasjèmma: Asesorät al polìtichi Sociäli dal Cmón äd Pärma e “Ad Personam” (Azjénda di sarvìssi ala parsón’na dal Cmón äd Pärma.)

Giovedi 20 novembre alle 17,30 alla Pinacoteca Stuard. La Casa Editrice Battei presenta.

(Testo solo in Italiano)
GIOVEDì 20 NOVEMBRE, alle ore 17.30
alla Pinacoteca Stuard, in Borgo del Parmigianino (Parma)
si terrà la presentazione delle nuove

BIBLIOCARTOLINE
Pitture del Correggio
nel Convento di San Paolo
incise da Francesco Rosaspina


Intervengono:

LUCA SOMMI
Direttore Agenzia Eventi Culturali Speciali - Comune di Parma

FRANCESCO BAROCELLI
Direttore Pinacoteca Stuard

ANTONIO BATTEI
editore

Nella prestigiosa collana Bibliocartoline, la casa editrice Battei presenta una nuova raffinata opera dedicata al Correggio: Pitture del Correggio nel convento di San Paolo incise da Francesco Rosaspina, preziosa serie di cartoline illustrate con le magnifiche tavole incise da Francesco Rosaspina, tratte dagli affreschi della Camera della Badessa nel Convento di San Paolo di Parma, realizzati dal Correggio nel 1518. Le cartoline, stampate in sole 1000 copie numerate, sono racchiuse in un?elegante custodia con chiusura a linguetta, insieme ad un libretto con notizie storico-artistiche. Come racconta Claudia Cavalieri nel testo, le stampe del Rosaspina, incise su disegni a sanguigna, furono stampate da Giambattista Bodoni nel 1800, diffondendo così per la prima volta la conoscenza di questi magnifici affreschi che, fino ad allora, a causa della clausura imposta al convento, erano rimasti pressochè sconosciuti. Sulla custodia è riprodotto il frontespizio della storica edizione bodoniana.
L'incontro alla Pinacoteca Stuard è aperto a tutti.

________________________
CASA EDITRICE-LIBRERIA BATTEI Redazione: dott.sa Elena Pratizzoli
Borgo Santa Brigida, 1 43100 Parma tel. fax 0521.231291
casaeditrice@battei.itwww.battei.it

Venerdì 21 novembre ore 21 alla Corale Verdi

(Testo blu in Italiano)
VENERDI' 21 NOVEMBRE 2008 ALLE ORE 21.00,

PRESSO IL CIRCOLO "CORALE VERDI" DI PARMA,

SI TERRA' UN INCONTRO PUBBLICO DAL TEMA:

SICUREZZA, SOCIALE, SPRECHI, SERVIZI:
VECCHI PROBLEMI E NUOVE SOLUZIONI.
LA SITUAZIONE NEI QUARTIERI DI PARMA.


INTERVERRANNO:
On. Fabio Rainieri
Segretario commissione parlamentare agricoltura
Presidente nazionale Emilia Lega Nord
Avv. Roberto Corradi
Segretario provinciale e Consigliere regionale Lega Nord
Dott.sa Maria Teresa Guarnieri
Capo gruppo di Altra politica in Consiglio Comunale
Claudio Cavazzini
Consigliere AN circoscrizione Oltretorrente
Dott. Andrea Zorandi
Segretario sezione di Parma Lega Nord


L'INIZIATIVA E' PROMOSSA DALLE REALTA' SOCIALI ED ECONOMICHE DEL QUARTIERE OLTRETORRENTE IN COLLABORAZIONE CON LA SEZIONE DI PARMA DELLA LEGA NORD PADANIA.


CI ASPETTIAMO MOLTE PRESENZE E MOLTE DOMANDE
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
VENARDI' 21 NOVÉMBOR 2008 ALJ ÓRI 21.00,

AL CÌRCOL "CORÄLA VERDI" ÄD PÄRMA,

A GH’ SARÀ ‘N INCÓNTOR PUBBLICH DAL TEMA:

SICURÈSSA, SOCIÄLA, SCONSUM, SARVSSI:
VÉC’ PROBLÉMA E NÓVI SOLUSJÓN.
LA SITUASJÓN IN-T-I CUARTÉR ÄD PÄRMA.


CON L’INTARVÉNT ÄD:
On. Fabio Rainieri
Segretäri comisjón parlamentära agricoltùra
Presidént nasjonäl Emìlja Lega Nord
Avv. Roberto Corradi
Segretäri provincjäl e Consiljér regjonäl Lega Nord
Dott.sa Maria Teresa Guarnieri
Càp grùp d’ Ätra politica in Consìlli Comunäl
Claudio Cavazzini
Consiljér AN circoscrisjón Dedlà da l’acua
Dott. Andrea Zorandi
Segretäri sesjón äd Pärma Lega Nord


L'INISJATIVA L’É PROMÓSA DAL REALTÈ SOCJÄLI E ECONÒMICHI DAL CUARTÉR DEDLÀ DA L’ ACUA IN COLABORASJÓN CON LA SESJÓN ÄD PÄRMA ÄDLA LEGA NORD PADANIA.


ASPETÈMMA PARÈCI PREZÉNSI E DIL DMÀNDI BOMBÉN
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)


lunedì 17 novembre 2008

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 17 novembre 2008

(Per il video delle pagelle clicca qui)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn.
Ascoli Pärma 0-1

Pavarén séz : gnànca un tir in porta, un cólp äd tésta e basta in bòcca, alméno còl lì a ‘l l’ha blochè, mó la sicurèssa l’é n’ätra còza, mi résti dal parér che provär Pegolo sarìss un bél lavór

Zenón sèt : un po’ méno brilant che da un méz a sta pärta, mó sémpor vón di pù bräv, ormäj ‘na garansìa insìmma a la fàsa, avanti acsì Dino

Castlén òt : al pù bón di crozè jerdlà, avanti e indrè cme un treno, un assist meraviljóz e n’ezultansa da vón ch’ a gh’ téna e miga pòch ! Bravo Pavlén !

Rossi séz : pòch pensér ma ‘na bala pericolóza tiräda via in ùltom ch’ l’é städa fondamentäla, tut somè da cuand àl zùga titolär la difèza l’é carsùda

Falcón séz : un vót polìttich, zéro gol ciapè gnànca un tir in porta äd j’avarsàri, suficénsa automatica par tutta la diféza, al motìv dal vót l’é còsste chi

Lucaréli picén séz : a chilù gh’é d’avìs d’ésor in-t-al zardén äd cà parchè al pàsa sémpor la bala a so fradél, ‘na volta ch’al l’ ha lanciäda a Pavlén a s’é fat gòl

Morón sìncov : Stefano a t’è girè in folle tùtta la partìda, la scualifica la vén cuäzi bón’na, va in colonia un déz gióron a Misurina a fär scorta d’osigeno ch’a ’t sarvìssa, adésa cme adésa

Bùdel séz : partìda anonima cme tùtta la scuädra, pòch da dir pòch da inventär

Mariga séz : boh, pù al guärdi pù a’m son drè a convìnsor che chilù l’ ha sbaljè sport, al gh’ äva da fär la maratón’na o i dézmila mèttor. Par pasär sémpor la bala indrè a’n sarvìva miga andär sòtta al Kilimangiaro a fär spéza.

Paloschi cuàtor : tato có sucéda ? No parchè po’ a gh’è al perìcol äd fär ‘na figuràza anca nojätor ch’a ‘t vrämma in camp, parchè fòrsi a’t zi andè péz che Reginäld e a’t garantìss ch’ a n’è miga facil

Lucarèli grand, sensa vót : oh capitàn col zógh äd därot al vót da tì, l’é ancòrra da fär dato che ch’ l’ätra vòlta a’n t’è miga rispòst ! No parchè mi a’n so miga che vót därot che pò a’t mèt sù al muzén, dónca dam ‘na màn ! La vlontè la gh’è tùtta, mo p’r al rést njénta äd njénta capitàn

Papón déz : in-t-un cuärt d’óra dù gol decizìv, cioè cuàtor pónt cuàtor in pù e ‘na vivacitè impresjonànta ! Però al so lìmit l’é che s’ al partìssa da l’inìssi al pèrda al novanta par sént äd la luciditè ! A tùtt il manéri al n’é miga la cuìnta pónta in gerarchia vè Don ?

Don Fransèsch séz : parchè s’è véns, sionò l’éra un bél cuàtor parchè a s’ éron mòl cme un bodén! a’m pära ch’a né ’t gh’è miga ancòrra ilj idéi ciäri bombén………di la vritè ! Però se la média dì pónt l’é còsta avanti acsì ! FORZA CROCIATI, IN MÀJA CROZÄDA!!!

(Tgnèmmos vìsst)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)

domenica 16 novembre 2008

La storica maglia Crociata, amata da tanti Parmigiani, continua a fare discutere. Parmaindialetto pubblica la lettera di un supporter del Parma.


Testo solo in Italiano)
PARMA, NOVEMBRE 2008
La maglia del Parma continua a fare discutere. Ma soprattutto fa discutere lo spazio concesso al Comitato per la maglia gialloblu, un gruppo di tifosi che puntualmente, ad ogni performance sottotono della squadra crociata, imputa alla scaramanzia e alla casacca "sfortunata" i problemi della compagine ducale. Pubblichiamo la lettera che Francesco, un supporter del Parma, ci ha inviato:"Buongiorno a tutti, sono un tifoso parmigiano da anni e sento il bisogno di comunicarvi cosa provo quando leggo i comunicati ai quali date spazio continuamente. Provo vergogna!Vergogna nel vedere com'è semplice calpestare la storia di una squadra di calcio nata quasi cento anni fa, ottenendo l'appoggio dei giornali locali, persino di quelli storici.Vergogna nel leggere che la maglia crociata è quella delle serie inferiori, la maglia della quale "a noi (del comitato - Ndr.) non ce ne frega un c…-".Vergogna nel leggere che gli sponsor parmigiani sulle maglie e sui calzoncini della mia squadra sono "dei marchietti locali, a me piacciono sponsor importanti e internazionali!"; stesso dicasi per lo sponsor tecnico Erreà.Io, parmigiano, posso sentirmi offeso e insultato nel leggere queste cose?Perché un ragazzo di Palermo (ma poteva essere un'altra città), tale Marco, può scrivere a nome di un fantomatico Comitato e prendere in giro un'intera tifoseria? (Marco è il capogruppo del Comitato per la maglia gialloblu, Ndr.)Qualcuno di voi si è preso la briga di verificare se esiste un comitato e se le firme di quella petizione sono veritiere?No, nessuno, avete pubblicato comunicati o fatto interviste senza informarvi. E' questa la realtà dell'informazione parmigiana?La maglia di una squadra è una e una sola, quella del Parma è la crociata. Solo da noi ci permettiamo il lusso di metterlo in dubbio, provate a farlo a Milano, Firenze, Genova, eccetera...Esteticamente può piacere o non piacere, ma non ci si può appellare alla scaramanzia per farla nuovamente sparire. Siete davvero convinti che se ai tempi di Tanzi avessimo avuto la crociata non avremmo vinto niente?Vorrei ricordarvi che la crociata è la maglia con cui è nato il Parma F.B.C. e con la quale abbiamo giocato per almeno 80 anni in Italia, prima che venisse tolta ingiustamente. Ricordo ancora quel Parma-Inter del 98/99, quando Balbo e Chiesa giocarono con la maglia crociata sotto quella gialloblu, mostrandola a fine partita. Molti di noi hanno avuto un sussulto e, non ci crederete, c'è chi ha pianto per la felicità. Perché, perché dovremmo nuovamente sopportare di non vedere la NOSTRA maglia?Io penso che nel momento in cui ci si avvicina ad una squadra di un'altra città si debba avere rispetto, rispetto per la città, per la sua storia e per le sue tradizioni, e anche per quelle persone che con tanti sacrifici si impegnano per legare il Parma alla sua terra e alla sua Gente.Il comitato non chiede solo il ritorno della maglia gialloblu, chiede l'abbandono della crociata, perché secondo loro (lui) non ha fatto la storia del Parma. Come pensate si debbano sentire tifosi, calciatori e dirigenti che negli anni '70-'80 (e prima) hanno tifato e vestito quella casacca?Un'invenzione della Lotto, perché altro non è stata, deve diventare la prima maglia di una squadra solo perché con essa abbiamo vinto tre coppe?Non posso cambiare le strampalate idee del ragazzo palermitano, ma vorrei sperare di non leggere più alcuna notizia sul comitato, ogni volta è una pugnalata per me e per tanti miei concittadini. Non contribuite a calpestare le nostre tradizioni, per favore.Avrei tantissime altre cose da scrivere, ma credo di essere già stato abbastanza prolisso e spero di non avervi annoiato. Sarei lieto di ricevere la vostra opinione.CordialmenteFrancesco".
Parma novembre 2008

Nelle foto: Una maxi Maglia Crociata esposta allo stadio Tardini, Chiesa e Balbo nel campionato 98/99, le formazioni del Parma con la maglia Crociata del 1922, 1928,1942.)
(La lettera del Signor Francesco era già stata pubblicata dal sito
http://www.gazzettadiparma.it/ e http://www.parmaok.it/ il 15 ottobre 2008)

I consigli di Parmaindialetto a tutt i Pramzàn e a tutti i lettori della “Gazzetta di Parma”

(Testo blu in Italiano)
Il Grande dizionario Enciclopedico delle Alpi

Un opera colossale mai pubblicata prima, 5 anni di lavoro di un equipe internazionale.
3400 voci, più di 1200 illustrazioni, 7 volumi di grande formato interamente a colori.
Per conoscere tutte le Alpi dalla “A” alla “Z”

Dal 15 novembre ogni sabato nelle edicole a € 12,90 più la “La Gazzetta di Parma”

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
I consìlli äd Parmaindialetto a tutt i Pramzàn e a tutt i letór ädla “Gazètta äd Pärma”

Al Grànd disjonäri Enciclopédich dilj Älpi

‘N òpra colosäla mäi publicäda prìmma, 5 àni äd lavór äd ‘n ‘equipe internasjonäla.
3400 vózi, pù äd 1200 illustrasjón, 7 volùm äd grànd formät interamént a colór.
Par conòssor tutti ilj Älpi dala “A” ala “Z”

Dal 15 novémbor tutt i sàbot in-t-ilj edìcoli a € 12,90 pù “La Gazètta äd Pärma”
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

sabato 15 novembre 2008

Il Consiglio di Quartiere LUBIANA per il Cimitero di MARORE

Riceviamo da A.D.E. S.p.A

(Testo blu in Italiano)
Anche a seguito dei molteplici, positivi contatti intrattenuti in questi ultimi mesi con il Quartiere e con l'Agenzia Decentramento del Comune di Parma, si é concretizzata una iniziativa da tempo auspicata: la convocazione di una seduta del Consiglio di Quartiere Lubiana (competente per territorio per il nostro Cimitero di Marore) dedicata alle problematiche cimiteriali, che si svolgerà:

Sabato 22 Novembre 2008 alle ore 10,30
presso la sede del Quartiere Lubiana, in Strada Zarotto, 16

Prosegue così un percorso, impegnativo ma molto positivo, di avvicinamento del territorio cittadino (intendendo innanzitutto le istituzioni, le associazioni, il volontariato, i Cittadini che vi vivono ed operano) ai servizi ed alle problematiche dei Cimiteri della Città. Si tratta di un ulteriore, significativo, passo di un cammino, fortemente voluto e condiviso dal Responsabile dell’Agenzia Decentramento del Comune di Parma Ferdinando Sandroni e che coinvolgerà tutti gli altri Quartieri cittadini ed il loro organismo di coordinamento.

Al termine del Consiglio, circa alle ore 12,00, avrà poi luogo una visita dei Consiglieri al Cimitero di Marore.

La seduta è pubblica, siete quindi invitati a partecipare e la Vs. presenza sarà molto gradita.

Sempre nella tarda mattinata di Sabato22 , con la presenza del Consiglio di Quartiere Lubiana al Cimitero di Marore, si svolgerà un momento di ricordo in occasione del 102° anniversario della morte del grande studioso ed agronomo Stanislao Solari, che visse e morì, proprio il 23 Novembre 1906, a Marore. Sulla sua sepoltura, posta accanto alla Chiesa del cimitero, sarà deposto un omaggio floreale.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al Consìlli äd Cuartér LUBJANA p’r al Simitéri äd MARÓR

Anca a séguit äd parècc’, pozitìv contàt intratenù in chi ùltom méz chì con al Cuartér e con l'Agensja Decentramént dal Cmón äd Pärma, s’è concretizè ‘n inisiatìva da témp auspicäda: la convocasjón äd ‘na sedùda dal Consìlli äd Cuartér Lubjàna (competént par teritòri p’r al nòstor Simitéri äd Marór) dedicäda ai probléma di simitéri, ch’ l’a s’é svòlga:

Sàbot 22 Novémbor 2008 alj óri 10,30
In-t-la séde dal cuartér Lubjàna, in Sträda Zaròtt, 16

A va avànti acsì un percórs, impegnatìv ma mólt pozitìv, p’r azvinär al teritòri citadén (con inansitutt ilj istitusjón, ilj asociasjón, al volontarjät, i Citadén ch’ vìva e i lavóron) ai sarvìssi e al problematichì di Simitéri ädla Citè. A’ s tràta äd ‘n ulterjór, significatìv, pas d’ un vjàz, fortemént volsù e condivìz dal Responsàbil äd l’ Agensja Decentramént dal Cmón äd Pärma Ferdinànd Sandrón e ch’ a tirarà in méza tutt ch’j ätor Cuartér citadén e i so organìzom ädi coordinamént.

Ala fén dal Consìlli, cuäzi a mezdì, a gh’ srà ‘na vizita di Consiljér al Simitéri äd Marór.

La sedùda l’é pùblica, e a s’i invidè a partecipär e la Vs. prezénsa l’a srà gradìda bombén.

Sémpor in-t-la tärda matinäda äd Säbot 22 , con la prezénsa dal Consìlli äd cuartér Lubjàna al Simitéri äd Marór, a gh’ srà un momént äd ricòrd in ocazjón dal 102° anivarsäri ädla mòrta dal grànd studióz Stanislao Solari, ch’ l’è mort, pròprja al 23 Novémbor 1906, a Marór. Insìmma ala so tomba, ch’ l’è atàca ala Céza dal Simitéri, srà depòst un omàg’ floreäl.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Nella foto d'archivio di Parmaindialetto, il responsabile dell' Agenzia Decentramento del Comune di Parma Ferdinando Sandroni, mentre premia il giornalista Matteo Billi al Premio S. Ilario 2008 di Parma Nostra)

venerdì 14 novembre 2008

Buon compleanno a Vittorio Adorni vero “Pramzàn dal sas”

(Testo blu in Italiano)
Vittorio Adorni nato a Parma il 14 novembre 1937.


Oggi spegne 71 candeline i Parmigianissimo Vittorio Adorni, campione ciclista degli anni 60/70. Adorni, dopo aver partecipato alle Olimpiadi di Roma del 1960, esordisce fra i professionisti nel 1961e nella sua carriera durata 10 anni raccoglie grandi e numerosi successi. Fra tutti spicca la vittoria nel Mondiale il 1° settembre1968 a Imola dove vinse con un vantaggio abissale di 9'50" su Van Springel e su Michele Dancelli (a 10'18"). Franco Bitossi, Vito Taccone e Felice Gimondi, nei primi sei arrivati ben cinque italiani. Nel suo palmarès c'è anche il Giro dìItalia del 1965, quando batté di ben 11'26" Italo Zilioli e di 12'57" Felice Gimondi; da allora simili vantaggi al Giro non si sono più ripetuti. L’anno successivo nella tappa a cronometro del Giro d’Italia di Baganzola con l’arrivo davanti allo stabilimento della Salvarani, conquista la maglia rosa vincendo la tappa alla media oraria di KM 48,617. In totale in carriera Adorni ha vinto 60 corse professionistiche. Ha vestito per 19 giorni la maglia rosa di leader del Giro d'Italia. Nel 1964 ha vinto il Giro di Sardegna e nel 1966 il Giro del Belgio. Lasciata l'attività agonistica è stato per un certo periodo commentatore televisivo. Per due anni è stato poi direttore sportivo alla Salvarani e nel 1973 ha ricoperto lo stesso incarico alla Bianchi. E’ stato Presidente del “Panathlon International” e attualmente è Assessore allo sport del Comune di Parma. Buon compleanno Vittorio, vero “Pramzàn dal sas), che hai fatto onore a Parma in tutto il mondo.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Vitòri Adorni nasù a Pärma al 14 novémbor 1937.

Incó al zmòrsa 71 candlén’ni al Parmigianìssim Vitòri Adorni, campjón ciclìssta di àni 60/70. Adorni dòpa aver partecipè alj Olimpìadi äd Ròmma dal 1960, l’ ha ezordì fra i profesjonissta in-t-al 1961e in-t-la sò carjéra duräda déz àni al gh’ à vù grànd e numeróz sucés. Fra i pù importànt la vitòrja in-t-al Campjonät Mondjäl dal 1° setémbor dal 1968 a Imola indò l’ha véns con un vantàg’ abisäl äd 9'50" su Van Springel e su Michele Dancelli (a 10'18"). Franco Bitossi, Vito Taccone e Felice Gimondi. In-t-i prìmm séz arivè, bén sìncov italjàn. In-t-al sò palmarès a gh’è anca al Gìr d’ Itàlja dal 1965, cuand l’ha batù äd 11'26" Italo Zilioli e 12'57" Felice Gimondi; da alóra di vantàg’ compàgn al Gìr i ‘n s’én pù ripetù. L’an’ dòpa in-t-la tàpa a cronòmetro dal Gìr d’Itàlja a Bagansóla con l’arìv davanti al stabilimént ädla Salvarani, l'ha concuìstè la maja ròza e l' ha véns la tapa ala médja oräria äd KM 48,617. In totäl in carjéra Adorni l’ ha véns 60 córsi da profesjonìssta, l’ha vestì par 19 gióron la màja ròza äd leader dal Gìr d'Itàlja. In-t-al 1964 l’ ha véns al Gìr ‘d Sardègna e in-t-al 1966 al Gìr dal Bèlgio. Cuand l’ha fnì l'ativitè sportìva l’é stè p’r un sèrt perìod comentatór televizìv. Par du àni l’é stè diretór sportìv ala Salvarani e in-t-al 1973 l’ha ricopèrt al stéss incàrich ala Bianchi, L’è stè Presidént dal “Panathlon International” e atualmént l’é Asesór al sport dal Cmón äd Pärma. Bón compleàn Vitòri vér “Pramzàn dal sas”, ch’ ha t’ è fàt onór a Pärma in tutt al mónd.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto. Vittorio Adorni in una foto recente, Adorni in azione con la maglia rosa in una tappa del giro d'Italia con la maglia della Salvarani, Adorni con la maglia della Scic di campione del mondo. Da notare che Adorni ha vestito le maglie della Salvarani, Salamini, Scic, tutte e tre società Parmigiane, ma il Campionato del Mondo, il 1° settembre del 1968, l' ha vinto con la scuadra della Faema.)

mercoledì 12 novembre 2008

Alla Famìja Pramzàna. Proverbi e modi di dire in djalètt Pramzàn di Antonio Battei e Renzo Pezzani.

(Testo solo in Italiano)
GIOVEDI 13 NOVEMBRE, alle ore 16.30
alla Sala Barilla della Famija Pramzana, in viale Vittoria 4 (Parma)
si terrà la presentazione del nuovo libro

PROVERBI E MODI DI DIRE
in djalètt pramzàn
DI ANTONIO BATTEI E RENZO PEZZANI



Presenta
ANNA DALL'ARGINE
presidente della Famija Pramzana


PROVERBI E MODI DI DIRE IN DJALETT PRAMZAN, dedicato al poeta e scrittore Renzo Pezzani in occasione dell' anniversario della sua nascita (1898-2008), e realizzato nella nuova serie di tascabili della collana Musa Dialettale Parmense, raccoglie i proverbi più tipici del vernacolo parmigiano, con la traduzione a fianco. Il libro è illustrato da numerose immagini dei luoghi più conosciuti della città di Parma. Tra i tanti divertenti detti e aforismi che compongono la raccolta, sincere e cordiali espressioni della cultura popolare parmigiana ritrovate da Antonio Battei, spiccano quelli scritti negli anni 20 dal grande Pezzani e pubblicati nel libro di poesie postumo Al Stizz (Battei 1989). Ritroviamo così scrive Antonio Battei nell' introduzione uno spaccato, divertente e variopinto, della nostra quotidianità, riletta attraverso uno spirito contadino, fatto d' ironia e concretezza. La nuova serie di tascabili della collana Musa dialettale parmense, che ospita anche la recente pubblicazione "Cameriere!!! un articioch!" Parole curiose e bizzarre del dialetto parmigiano, si affianca dunque alla storica serie di pregiati volumi illustrati di poesia in vernacolo, firmati dai più grandi poeti dialettali parmensi, inaugurata negli anni Cinquanta da Angelo Battei: il più ampio e significativo progetto editoriale, caso più unico che raro in Italia, per la diffusione e la promozione della poesia dialettale del nostro territorio


CASA EDITRICE-LIBRERIA BATTEI Borgo Santa Brigida, 1 43100 Parma Redazione: dott.sa Elena Pratizzoli tel. / fax 0521.231291 casaeditrice@battei.itwww.battei.it

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzan". Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 12 novembre 2008

Per il video delle pagelle clicca qui


(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn.

Pärma Bari 1-1

Pavarén zéro : dù pónt pèrs a Pjäzénsa, dù col Bari, l’é óra ch’al vaga a fär al portér al Lamborghini a Colècc’ ! Basta acsì prìmma ch’a sia tròp tärdi !

Zenón òt : Dino l’ ha cantè e portè la cróza, ( a’s fa par dir parchè chilór la cróza i’n la pòrton pù da tròp témp ormäj ) a tutt il manéri al pù bón in camp di crozè anca incó

Castlén séz : avanti e indrè, impìggn a vlontè mo l’ätra sira njénta d’important, ‘na sìra storta anca par tì

Rossi zéro : la còza pù importanta ch’ l’ha fat sta stmana l’é stè där contra a la maja crozäda! Da un pramzàn l’é n’autogol gròs cme ‘na cà ! A ’t zì andè sù par ‘na bräga miga pòch cära al me ragàs

Falcón sìncov : a pärta la sucäda dal prìmm gol, dardè al solit falcón, o méj, al solit polàstor ! Njént’ äd nóv da la Lipu

Lucaréli picén, séz : al meno péz äd ‘na diféza, che pù che al Tardini, la paräva a l’ Escalier dal tant ch’ la baläva con chi dù nigrètt dal Bari

Morón séz : un cór da déz, ma ‘na réza apén’na apé’na suficénta, pù che in moto a’t paräv in Velosolex l’ätra sira

Bùdel òt : trè märci ròtti, al masim gh’é ‘ndè déntor la seconda, tutt’ il vòlti ch a t’ è provè a mèttor déntor la tèrsa a t’ è gratè ! a vól cambjè la scàtla dal cambi

Pisanu òt : Andrea dù su dù, n’ätor gol da secónda pónta, posìbbil ch’al vèd mi e basta ch’al g’ha da zugär in méza, e miga insìmma a ‘na fasa in do ’l né sälta miga l’òm ?

Leòn trì : pù che un León l’ätra sira al paräva un gàt pùff, al sarcäva äd piantär ‘na cuälca sgranfgnäda, mo gnànca n’idea, gnànca ‘na furbäda in tut’al témp ch l’é stè su

Lucaréli grand, zéro : da ti a ’s preténda che n’ocazjón par sarär su la partìda la ’s trasforma in gol automaticamént ! e po’ Solange e col nàdor äd Palèrom insìmma al tò sìt, mo lasèma pèrdor dailà Cristiàn con ch’il còzi chi e pensèmma a tornär in serie A a la zveltén’na

Guidolin dù : Oh Don, co sucéda ? No mi a digh, tri cambi vón pù sbalè che ch’ l’ ätor, e Paloschi a marsìr in banchén’na ? mo co t’al fat col ragas lì, t’al masè al gat ? Dailà a vdämma dil còzi in dézmila, posìbbil ch’ a ‘n ’t j a vèdd mìga tì !

Socetè e zugadór zéro : s’a ’n l’ ì miga capìda, con la fòla äd la maja a v’è drè rìddor adrè tutt’ l’ italia, l’unica scuädra ch ’an dróva miga la prìmma maja in cà ! vè che a cà nostra j’ Otelma, i Mago Gàbriel, i Giucas Casella e tutt’i pajàss ch’ a gh’ va drè a’n j a vrämma miga! Därgh un taj a la zveltén’na ! La maja l’é la nòsstra, vojätor pensì a sarnìr i tachètt par blizgär miga ch’ a gh n’é bàsta.


(Testi di Crociato 63, Supervisione ortografica di Enrico Maletti)