Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







mercoledì 28 gennaio 2009

L’azione solidale in tempo di crisi

(Testo blu in Italiano)
L’azione solidale in tempo di crisi
Martedì 10 febbraio 2009 ore 19
San Giovanni Battista
Via Anna Frank, 11
Tavola rotonda con:
Moderatore: dott. Marco Begarani
direttore della comunità Casa di Lodesana
don Giuseppe Rossetti
Presidente CEIS Reggio Emilia
dott. Paolo Zoni
Assessore politiche sociali del Comune di Parma
Insieme metteremo a fuoco come è possibile impegnarsi in questo tempo di crisi in azioni solidali efficaci. Il dono di se arricchisce la vita, quindi, perché non impegnarsi in qualsiasi momento?
ore 20.30 Cena nel salone Punto Giovani “I care”
Per informazioni 0521/499156 - 494271
Associazione San Cristoforo “Un pezzo di strada insieme”



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
L’asjón solidäla in témp äd crìzi
Martedì 10 farvär 2009 alj óri 19
San Zvàn Batìssta
Via Anna Frank, 11
Tävla rotónda con:
Moderatór: dott. Marco Begarani
diretór ädla comunitè Cà äd Lodesana
don Giuseppe Rossetti
Presidént CEIS Rèzz Emìlia
dott. Paolo Zoni
Asesór polìttichi sociäli dal Cmón äd Pärma
Insèmma metrèmma a fógh cme l'é posìbbil impgnäros in còl témp äd crìzi chì in asjón solidäli bón'ni. Al regàl sò arichìssa la vìtta, perciò, parché impgnäros mìga in cualsìasi momént?
óri 20.30 Sén'na in-t-al salón Punto Giovani “I care”
P'r informasjón 0521/499156 - 494271
Asociasjón San Cristòfor “Un tòch äd sträda insèmma”
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

(Nella foto l'interno della Chiesa di San Giovanni Battista in via Anna Frank Parma)

Dall' Associazione "I Nostri Borghi" riceviamo e pubblichiamo. San Francesco del Prato, intervento non più rimandabile.

(Testo blu in Italiano)
San Francesco del Prato, intervento non più rimandabile
L’associazione “I Nostri Borghi”a favore dell’appello del Sindaco Vignali

Sono ormai passati sei anni da quando la riapertura di San Francesco, seppur provvisoria per tre mesi, aveva suscitato uno straordinario interesse per i Parmigiani.
Per visitare la “seconda Cattedrale”della città si erano mossi in migliaia, approfittando della incredibile opportunità.
La speranza che ne era conseguita era quella che la chiesa potesse essere riportata agli antichi splendori in poco tempo. Così purtroppo non è stato. Sei anni ancora di silenzio.
Bene ha fatto dunque il Sindaco Vignali, come fece per il Guazzatoio, ad intervenire sollecitando tutte le istituzioni interessate, primi fra tutti l’Università e l’Ordine dei Frati Minori, per il raggiungimento di un accordo che possa portare celermente alla ristrutturazione del grande capolavoro dell’arte gotica di Parma.
La disponibilità del primo cittadino potrebbe essere il giusto catalizzatore per la sistemazione e la riapertura al culto della storica chiesa cittadina
Due secoli di abbandono, dalla soppressione degli ordini religiosi da parte di Napoleone agli inizi dell’Ottocento, sono troppi per un luogo così importante per la storia religiosa di Parma. Il Papa stesso aveva auspicato nell’udienza del 1° dicembre scorso con la nostra Università lanciando l’appello alla riapertura di San Francesco del Prato.
Anche l’associazione ”I Nostri Borghi” si associa a tali inviti nei confronti delle istituzioni interessate.
Uno dei punti più importanti della memoria , dell’identità e delle tradizioni nella nostra città, non può essere ulteriormente dimenticato.
La Casa della Musica (Palazzo Cusani), la Casa del Suono (la ex chiesa di Santa Elisabetta), piazzale San Francesco ristrutturate sono la naturale cornice ad uno dei monumenti più importanti di Parma; così facendo, si potrà concludere la riqualificazione di uno degli angoli più suggestivi ed importanti del centro storico di Parma, esempio della straordinaria potenzialità artistico, culturale e monumentale della nostra città.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
San Fransèssch dal Prè, intervént mìga pù rimandàbil
L’asociasjón“I Nostri Borghi”a favór äd l’apél dal Sìnndich Vignäli

L’è ormäi pasè séz àni da cuand la riapertùra äd San Fransèssch, anca se provizòria par trì méz, l’ äva fat nàsor un straordinäri intarés p’r i Pramzàn.
Par vizitär la “secónda Catedräla”ädla citè s’ é mòs mjär ‘d parsón’ni, aprofitànd äd l’ incredìbbil oportunitè.
La sperànsa ch’ l’éra gnùda l’éra còlla che la céza la podìss ésor riportäda a j antìgh splendór in pòch témp. Acsì purtròp a ‘n é mìga stè. Séz àni ancòrra äd silénsi.
Bén l’ha fàt dónca al Sìnndich Vignäli, cme l’a fàt p’r al Guastòi a intarvnìr e parär su tùtti ilj istitusjón interesädi, prìmmi fra tùtti l’Univarsità e l’Órdin di Frè Minór, p’r al ragiungimént äd n’ acòrd ch’ al pòsa portär al zvèlta ala ristruturasjón dal grànd caplavór äd l’ärte gòtica äd Pärma.
La disponibilitè dal prìmm citadén l’ a podrìss ésor al giùssst catalizatór par la sistemasjón e la riapertùra al cùlt ädla stòrica céza citadén’na
Du sécol d’ abandón, dala sopresjón di órdin religiós da pärt äd Napoleón
a inìssi äd l’Òtzént, j én tròp p’r un pòst acsì importànt par la stòria religióza äd Pärma. Al Päpa stés l’ äva dìtt in-t-l’udiénsa dal 1° äd dzémbor pasè con la nòstra Univarsitè lanciànd l’apél ala riapertùra äd San Fransèssch dal Prè.
Anca l’asociasjón ”I Nostri Borghi” l’ a condivìdda a täl invìd in-t-i confrónt dilj istitusjón interesädi.
Vón di pónt pù importànt ädla memòrja, äd l’identitè e ‘dla tradisjón in-t-la nòstra citè, a ‘n pól mìga ésor ulteriormént scordè.
La Cà ädla Mùzica (Palàs Cusàn), la Cà dal Són (la ex céza äd Sànta Elisabèta), pjasäl San Fransèssch ristruturädi j én la naturäla cornìza a vón di monumént pù importänt äd Pärma; acsì, a ‘s podrà conclùdor la ricualificasjón äd vón di angój pù sugestìv e importànt dal céntor stòrich äd Pärma, ezémpi ädla straordinäria potensjalitè artìstich, culturäl e monumentäl ädla nòstra citè.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: La Chiesa di San Francesco del Prato, l'nterno con il colonnato e la porta ancora murata che divide San Francesco del Prato con la Chiesa dell'Immacolata in via Pietro del Prato)

martedì 27 gennaio 2009

Parma ha ricordato il Maestro Giuseppe Verdi

(Testo blu in Italiano)
Parma ha ricordato il Maestro Giuseppe Verdi

Si è svolto questa mattina in piazzale della Pace davanti al monumento dedicato a Giuseppe Verdi, la commemorazione per l' anniversario della morte di Giuseppe Verdi avvenuta a Milano il 27 gennaio 1901.
Alla cerimonia in memoria del grande compositore Bussetano, hanno partecipato parecchi Parmigiani, per il Comune di Parma l’Assessore alla Cultura Lorenzo Lasagna, il sovrintendente del Teatro Regio di Parma Mauro Meli e i rappresentanti delle varie associazioni musicali cittadine, che hanno deposto una corona di fiori al monumento. Gli artisti del coro del Teatro Regio e della Corale Verdi, diretti da Martino Faggiani, hanno offerto un omaggio musicale alla memoria del Maestro.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Pärma l’ha ricordè al Méstor Pepìno Verdi

Gh’é stè s’tamatén’na in pjasäl ädla Päza davànti al monumént dedichè a Pepìno Verdi, la comemorasjón äd l’anivarsäri ädla mòrt äd Pepìno Verdi mòrt a Milàn al 27 znär 1901.
Ala cerimònja in memòrja dal grànd compozitór Busetàn, ha partecipè parècc’ Pramzàn, p’r al Cmón äd Pärma l’Asesór ala Cultùra Loréns Lasagna, al sovrintendént dal Teàtor Régio äd Pärma Mauro Meli e i raprezentànt djli asociasjón muzicäli citadén’n, ch’ j han depòst ‘na corón’na äd fiór al monumént. J artìssta dal còr dal Teàtor Régio e la Coräl Verdi, diréti da Martén Fagiàn, j han ofèrt un omàgg’ muzicäl ala memòrja dal Méstor.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

In collaborazione con Pramzànblog

A'N SCORDÈMMA MÌGA

lunedì 26 gennaio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 26 gennaio 2009

(Per il video delle pagelle clicca qui)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Rimini Pärma 0-0

Pavarén déz :’na paräda strepitóza in-t-al prìmm témp ma prìmm’ äd tùtt a’n gh’è miga scapè ‘na bala, vùnna che vùnna insìmma a còl camp bagnè e con cla stagjón lì ! ‘Na sicurèssa sinceramént inaspetäda in-t-ilj ùltmi partìdi

Zenón séz : suficénsa e njént äd pù, prìmm témp discrét, in-t-al secónd, invéci che cambiär märcia l’ha scalè e mìss la ridòtta, a’s vèdda par blizgär miga

Castlén séz : stés discórs äd Dino chi su, un gran su e zò e po’ njànca ‘n cròss da razón, njént äd concrét njénta

Rossi cuàtor : un centräl äd diféza al né pól miga där sèt bali su dèz a j avarsäri, al da sémpor l’idea d’ avérogh l’erór in sacòsa lì pront da tirär fóra

Paci séz : la suficénsa l’é parchè l’é stè còl ch’ al s’é zvinè äd pù a la curva par salutär ala fén äd la partìda, la còza pù béla ch’ la fat

Troest (Toast) òt : n’ätra siòra partìda, l’é un centräl cój barbìz, precìz, concentrè, pulì elegant, par mè cónt titolär fìss da adésa andär in fónd al campjonät

Bùdel dù : a và pù fort ancòrra adésa al Bubu, al regìssta dal Marsolära äd vint’àni fa; a’t pär un un disch cuarantasìnc gìr ch’ al va a trentatrì, próva a mèt’r i dìd in-t-al trìeotanta ne’s sà mäi ch’a’ t ciàp la scòsa

Morón trì : có gh’é Stefano, có gh’é, có gh’ é ! l’é véra ch’ a’t gh’é da cantär e portär la cróza ma confrónt a l’an’ pasè a’t vè la metè si e no, magna dil bistècchi ch’a gh’ vól ädla fòrsa in ch’ il gambètti äd sènnor lì

Lunardén séz : a’s contintämma p’r adésa, d’ätra pärta a né’ m rizulta miga ch’ al sia stè comprè par fär di miràcol

Vantagè séz : un brùt vót al prìmm gìr a’n gh’ al vój miga där, anca s’al pära al fradél déstor äd Stojckhov, sperämma ch’al rénda miga cme al bulgaro sionò a sèmma a pòst

Lucaréli zéro : Vèdda ti có ‘s pól dìr lòmo, a pära ch’a’t gh’è il scärpi äd cimént, piantè cme un grùggn, sémpor, sémpor, sémpor in ritärdi e si che con al camp a gh’éra, i cararmè a cìnngol i gh’ävon d’andär pù fòrt, invéci njénta gnànca jerdlà !

Guidolin séz : dato che in socetè i vót dirét i ‘n én miga tant gradì, a gh’ j’ a fämma rivär äd travèrs ! Séz parchè s’al sérca trì zugadór e i gh’ n’ in tózon ätor dù, la colpa secónd mì la n’é miga la sòvva ! Mesàg’ consgnè, tùt j’alenadór i rìvon chi e dòpa pòch i fan di lavór da s’ciòp, a gh’ sarà bén un parchè……….o no ??

Tifóz déz e lode : l’é pròpria al cäz äd dìr pióva néva timpésta, par nojätor l’é sémpor fésta ! Il Parma siamo noi e solo noi semp’r äd pù j’ùnnich ch’ a dimòstra äd crèddrogh ancòrra, ‘na curva coloräda alégra rumoróza, al conträri äd còl ch’a’ s vèdda in camp…….e miga in camp e basta ! CROZÈ TGNÈMMA DUR !

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)

giovedì 22 gennaio 2009

Ade si unisce alle iniziative delle Istituzioni per celebrare la “Giornata della Memoria 2009” 27 Gennaio

(Testo solo in Italiano)
Ade si unisce alle iniziative delle Istituzioni per celebrare la

“Giornata della Memoria 2009”
(27 Gennaio: Giornata della Memoria 2009)

con una breve commemorazione che avrà luogo:

DOMENICA 25 Gennaio alle ore 10,30
presso il Cimitero Ebraico della Villetta

Accanto alla lapide che ricorda il sacrificio dei concittadini (fra i quali diversi bambini) deportati e morti nei campi di concentramento, verrà deposto un omaggio floreale per tutte le vittime della Shoah.

Verranno inoltre ricordate le figure di:
Rolando Vigevani e
Pellegrino Riccardi,
insignito del titolo di “Giusto tra le Nazioni”

Alle ore 11,00 in tutto il Cimitero verrà osservato un minuto di silenzio


Rolando Vigevani
nasce il 28 giugno 1903. Laureatosi in legge, esercita a Parma l'attività di avvocato; dal 1938 è connotato "di razza ebraica". Si occupa a lungo della DELASEM (Delegazione Assistenza Emigranti dell'Unione Comunità Israelitiche Italiane) per incarico dell'avvocato Valobra di Genova, delegato nazionale; si prende cura dei profughi ebrei italiani e iugoslavi rifugiatisi nella provincia di Parma. Dopo l'8 settembre, dopo una "visita" dei nazisti nella sua casa di campagna, si nasconde con la moglie Enrica, incinta di quattro mesi, il figlioletto Tullo, la cognata Luciana Amar, presso amici fidati cambiando spesso abitazione. Il 30 settembre, con l'aiuto di Pellegrino Riccardi, pretore di Fornovo, e dell'avvocato Candian ottiene per sé e i familiari documenti falsi e lettere di presentazione che gli permettono di lasciare Parma e trovare accoglienza e aiuto a Milano. Qui, infatti, i fuggiaschi fanno sosta e si mettono in contatto con amici dell'avvocato Candian, i quali troveranno il modo di far raggiungere la Svizzera a Vigevani, alla moglie e alla cognata. Il piccolo Tullo rimane affidato alle cure di Pellegrino Riccardi e famiglia finchè giungerà il momento opportuno per il suo espatrio. Il 3 ottobre i tre riparano in Svizzera dove si fermeranno, raggiunti fortunosamente dal piccolo Tullo dopo quattro mesi, fino alla Liberazione. In seguito la famiglia Vigevani si trasferisce in Brasile, e qui rimane per anni, fino al ritorno a Parma, dove Rolando diventa presidente della locale Comunità israelitica. Muore il 26 marzo 1971.


Pellegrino Riccardi
nasce il 12 dicembre 1905 a Langhirano (PR). Laureatosi in legge, dopo qualche anno di pratica forense, entra in magistratura nel 1931; diventa pretore e, dopo alcuni trasferimenti, passa a Fornovo Taro (PR), dove rimane fino al 1949. Nel 1928, praticante nello studio dell'avvocato Isi, conosce l'avvocato Rolando Vigevani col quale instaura un rapporto di fraterna amicizia, che non si interrompe, anzi cresce e si rafforza, dopo l'emanazione delle leggi razziali e dopo l'8 settembre 1943. E' proprio dopo questa data che Riccardi dà prova della sua amicizia: aiuta la famiglia Vigevani ad espatriare, con il valido contributo dell'avvocato professor Aurelio Candian, docente all'università di Milano, anch'egli antifascista. Anche altri ebrei di Parma e provincia hanno usufruito dell'aiuto disinteressato di Riccardi, che ha continuato a mettere a rischio la propria vita per i suoi ideali politici e umanitari. Nell'agosto del 1944 entra a far parte del CLN provinciale di Parma; dopo la fine della guerra abbandona la politica per dedicarsi all'attività giudiziaria a Parma, in tribunale, prima come giudice della sezione penale e poi come presidente della stessa. Per un anno fu anche a Milano come giudice di Corte d’appello. Nel 1970 Riccardi andò in pensione lasciando la magistratura ordinaria.

martedì 20 gennaio 2009

Il “Premio S. Ilario” 2009 di Parma Nostra al Dottor Giancarlo Izzi e al Professor Sergio Bernasconi.

(Testo blu in Italiano)
Il “Premio S. Ilario” 2009 di Parma Nostra al Dottor Giancarlo Izzi e al Professor Sergio Bernasconi.

Quest’anno per il Premio S. Ilario 2009 dell’ Associazione Culturale “Parma Nostra” sono stati scelti il Dottor Gian Carlo Izzi e il Professor Sergio Bernasconi, rispettivamente Primario della divisione Pediatrica, e Direttore del reparto di Pediatria e del reparto di oncoematologia della Clinica Pediatrica dell’Ospedale Maggiore di Parma. Lo staff di Parma Nostra guidato dal Presidente Renzo Oddi, ha consegnato questa mattina alle undici una targa personalizzata a ognuno di loro, nella biblioteca del reparto Pediatrico. Oltre alla targa è stata consegnata una scultura in bronzo di Maurizio Zaccardi, raffigurante il Duomo il Battistero e le torri dei Paolotti di via D’Azeglio. Ed è proprio in questa posizione di Parma, che, a detta del Dottor Izzi, nei primi anni del 1900 aveva sede l’ospedale pediatrico della nostra città. Un assegno di mille euro, che il consiglio di Parma Nostra e tutti i soci, quest’anno ha deciso di devolvere al reparto per la costruzione del nuova Ospedale dei bambini, è stato consegnato durante la cerimonia.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al “Prémi S. Iläri” 2009 äd Pärma Nòstra al Dotór Giancarlo Izzi e al Professor Sergio Bernasconi.

S’t an’ p’r al Prémi S. Iläri 2009 äd l’ Asociasjón Culturäla “Pärma Nòstra” è stè sarnì al Dotór Gian Carlo Izzi e al Profesór Sergio Bernasconi, rispetivamént Primäri ädla divizjón Pediàtrica, e Diretór dal repärt äd Pediatrìa e dal repärt d’ oncoematologia ädla Clinica Pediàtrica ädl’Ospedäl Maggiore äd Pärma. Al staff äd Pärma Nòstra guidè dal Presidént Renzo Oddi, l’à consgnè stamatén’na a vunz’óri ‘na tärga pasonalizäda a tutt dù i Dotór in-t-la bibliotéca dal repärt Pediàtrich. Óltra ala tärga è stè consgnè ‘na scultùra in brónz prodòtta da Maurizio Zaccardi, raffigurànt al Dòm al Batistéri e il tòrri di Pavlòt in via D’Azèlio. E l’é pròprja in cla pozisjón chì ä Pärma, che, dìtt dal Dotór Izzi, in-t-i prìmm àni dal 1900 a gh’ éra la séde äd l’ospedäl pediàtrìch ädla nòstra citè. N’ asegn’ äd mìlla Evro, che al consìlli äd Pärma Nòstra e tuttii sòsi, s’t’an’ l’ha decìz äd donär al repärt par la costrusjón dal nóv Ospedäl di putén., lé stè consegnè durànt la cerimònia.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Le foto sono di Giuseppe Mezzadri e di Maurizio Zaccardi)


(Nelle foto alcuni momenti della premiazione nella biblioteca del reparto. La foto della statua di S. Ilario è collocata nel reparto di Pediatria dell'Ospedale di Parma)

lunedì 19 gennaio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 19 gennaio 2009

(Per il video delle pagelle clicca qui)


(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Sasól 1-1

Pavarén séz : có vót ch’ a ‘t dìga, próva andär a Fontanlè a ’n so miga, adésa ch’ a tè ’t zì drisè un pò, prìmma al cólp ädla strìa sàbot pasè, jerdlà un gòl a l’ùltom secónd a né ’t zì gnàn’ fortunè brìza

Zenón sèt : ancòrra ‘na volta ‘na béla partìda, Dino ‘na gran rivincita s’t’àn, sperämma ch’a ‘t contìnov acsì certo ch’a ‘t podäv tirär in pòrta ch’la bala in fónda invéci t’è pasè indrè e dòpa l’é sucès col ch’é sucés

Castlén sìncov : a ’t paräv a l’ hot-ice pù che in-t-un camp da balón, gnànca un cròss da razón gnànca ‘na voläda codìggna njént’ äd njént

Rossi sìncov : no nanón no!! socuànti còzi giùssti mo tròpi tròpi stupidädi e un difensór a ne’s j a pól miga parmèttor, insòmma a’n tè gh’ la cäv miga a madurìr oh

Lucaréli picén cuàtor : sfortón’na ‘na volta, sfortón’na dò e via a fär la dòccia prìmma dal témp! Fin’a còl momént lì benìssim mo a né ’s pól miga lasär la scuädra in déz n’ätra vòlta

Troést (Toast) òt : al pù bón ädla scuädra séns’ ätor, a’s vèdda che col frèd a gh’è d’avìs d’ ésor a cà e al sé gàsa ! A pärta i schèrs da centräl l’é drè a dimosträr ch’ l’é stè n‘acuìsst discrét

Bùdel séz : ciao, in-t-al séns cme al motorén con ‘na märcia e basta e ridòtta sóra al cónt, zugadór onést mo a ’t zì scontè cme n’ intervìssta äd Marzullo chèra al me ragàs

Morón déz : sibén t’è fat ‘na partìda acsì acsì, déz parchè a’t zì stè l’ùnnich a salutär i tifóz da razón, cuand i tò compàgn j’éron béle tùtt sòtta la dòccia !

León zéro : ormäi a ’t zi drè a dvintär un gàt pùff dabón, inguardàbil sénsa njénta, sénsa conisjón sénsa fòrsa sénsa fantazia; sérca äd cambiär regìsstor ala zveltén’na parchè l’é drè a gnìr scur tròp bonóra

Reginäld dù : pòch äd pù, ‘na béla zugäda con ‘na gran paräda dal portér; Stop ! Cme al sòlit ‘na partìda bón’na ( ansi déz minud ) e déz da zgagnär’s i dìd ! Nisón ch’a’l l’a sérca chilù al marchè no ah?

Lucaréli grand zéro : trì atacant vót totäl dù andèmma bén ! Cristiàn vèdda tì, cuäzi vint’an’ d’espèrjénsa e dò siochèssi in-t-al recùppor vùnna drè a ch’ l’ätra fin’ a färja parzär in-t-na partìda fondamentäla! N’é miga ch’a ‘t gh’è bèle il valìzi prónti ah ? A col pónt chì…..

Guidolin cuàtor : va bén la Citadéla Don mo chilor i vólon portè a Lourdes a ’m sa parchè äd Fontanlè a ’n sò miga s’a gh, n’è bàsta ! A Pärta i schèrs a sèmma drè a tornär in-t-la nòsstra e “in-t-la nòsstra” di ult’m àni l’é méj ch’a n é gh’ tornèmma mäj pù ! Däros ‘na mòsa tùtt, subìt !

Tifóz sénsa vót : do paròli par dir che a Rimini a ’s gòda andärogh tùtt dailà, s’la s’và bén a metèmma anca i pè in-t-al mär, a s’è gh’ pól portär anca il mojéri, insòmma a ’n gh’è miga äd scùzi tùtt a Rimini ch’ a provèmma a scuasär ch’ la banda äd tolasudólsa chì FORZA CROCIATI

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)



Cameriere… un Articiòch! E Proverbi e modi di dire in Djalètt Pramzàn, in edicola con la Gazzetta di Parma


(Testo blu in Italiano)
Cameriere… un Articiòch! E Proverbi e modi di dire in Djalètt Pramzàn, in edicola con la Gazzetta di Parma

Martedì 20 gennaio e martedì 27 gennaio saranno in vendita nelle edicole a € 6,90 oltre al prezzo della Gazzetta di Parma, i due libri tascabili che fanno parte della “Musa dialettale Parmense” edita dalla Casa Editrice Batte. Il primo dal titolo “Cameriere…un Articiòch, che contiene 500 parole curiose e bizzarre del dialetto Parmigiano con la traduzione in Italiano, scritto a due mani da Antonio Battei ed Enrico Maletti con un dizionario di Renzo Pezzani. Il secondo in vendita sempre a € 6,90 uscirà martedi 27 gennaio, dal titolo “Proverbi e modi di dire in Djalètt Pramzàn”, curato sempre da Antonio Battei che ha rispolverato e messo anche in Italiano i proverbi lasciati da Renzo Pezzani, che è stato il più grande poeta dialettale Parmigiano. Parmaindialetto consiglia l’acquisto di questi due libri in formato tascabile, in particolare ai giovani che tramite queste pubblicazioni possono imparare le parole della nostra lingua Parmigiana con la traduzione in Italiano. Una bella idea che ha avuto la Casa Editrice Battei in modo che il nostro dialetto non arrivi a sparire.
Cameriere… un Articiòch! E Proverbi e modi di dire in Djalètt Pramzàn, in edicola con la Gazzetta di Parma
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Cameriere… un Articiòch! E Provérbi e mòd äd dìr in Djalètt Pramzàn, in edìccola con la Gazètta äd Pärma

Martedì 20 znär e martedì 27 znär a srà in véndita in-t-ilj edìccoli a € 6,90 óltra al prési ädla Gazètta äd Pärma, i du lìbbor tascàbil chi fàn pärta ädla “Musa djaletäla Parménsa” edita dala Cà Editrìce Battei. Al prìmm dal tìttol “Cameriere…un Articiòch, ch’ al conténa 500 paròli curiózi e bizarri dal djalètt Pramzàn con la tradusjón in Italjàn, scrìtta a dò màn da Tonino Battei e Rìco Malètt con un disjonäri äd Renzo Pesàni. Al secónd in véndita sémpor a € 6,90 al gnarà fóra martedi 27 znär, dal tìtol “Provérbi e mòd äd dìr in Djalètt Pramzàn”, curè sémpor da Tonino Battei ch’ l’ ha rispolverè e mìs anca in Italjàn i provérbi lasè da Renzo Pesàni, ch’ l’é stè al pù grànd poéta djaletäl Pramzàn. Parmaindialetto consìllia äd comprär chi du lìbbor chì in formè tascàbil, in particolär ai giòvvon che con ch’ il publicasjón chì i pólon imparär il paròl ädla nòstra léngua Pramzàna con la tradusjón in Italjàn. ‘Na bón’na idéa äd la Cà Editrìce Battei in manéra che al nòstor djalètt al n’é rìva mìga a sparìr
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto le copertine dei due libri. La foto centrale in basso, Enrico Maletti e Antonio Battei alla presentazione del libro Cameriere...un articiòch!!! il 20 ottobre 2008 alla libreria Battei di strada Cavour)

venerdì 16 gennaio 2009

Parmalat. La Multinazionale a conduzione famigliare.

(Testo blu in Italiano)
Parmalat La Multinazionale a conduzione famigliare.

Oggi leggiamo l’articolo pubblicato su
www.gazzettadiparma.it dal titolo “Parmalat, Multinazionale che navigava a vista”. Un sistema gestito da persone impreparate, inadeguate e poco organizzate. Sono alcune delle cause del crak Parmalat che il Professor Paolo Bastia, ordinario di Economia Aziendale a Bologna, ha individuato esaminando i bilanci del gruppo di Calisto Tanzi, e il materiale documentale raccolto, nel corso dell’inchiesta, dagli inquirenti del pool Parmalat in collaborazione con la Guardia di Finanza.
Il Management del gruppo era composto per lo più da famigliari di Calisto Tanzi. Il figlio Stefano, il fratello Giovanni, dirigenti che da parecchi anni erano seduti alla stessa scrivania e non avevano la preparazione per seguire un colosso a livello mondiale come la Parmalat. In pratica si trattava di una Multinazionale a conduzione famigliare che non era in grado di gestire le oltre 200 società sparse in tutto il mondo, perciò ad un certo punto il colosso di Collechio si è trovato a dover lavorare per pagare gli interessi delle banche. Negli ultimi tempi, anno 2000 2001, per potersi salvare, cosa che non è capitata ma è servita solo per prolungare l’agonia, aveva fatto chiudere varie concessionarie in Italia gestite da società private che da oltre 30 anni seguivano le direttive della Parmalat con contratti da monomandatari, al posto di queste Concessionarie private la Parmalat aveva aperto dei depositi con società gestite dalla casa madre con le quali, l’azienda di Collecchio, poteva fare il bello e cattivo tempo, cosa che con i Concessionari privati non avrebbe potuto fare. Perciò per potersi salvare aveva mandato sul lastrico tanti piccoli grossisti i quali operavano sulle loro piazze da anni come distributori dei prodotti Parmalat. A detta di alcuni di questi piccoli imprenditori, se qualche anno prima del crak avessero avuto l’opportunità di parlare con chi si è poi interessato del più grande disastro finanziario Italiano, probabilmente la situazione si sarebbe fermata prima evitando di rovinare tanti risparmiatori. Parmaindialetto ripropone ai suoi lettori una lettera che aveva pubblicato il 7 ottobre del 2008, scritta nel 2000 da uno dei tanti Concessionario della Parmalat a Calisto Tanzi.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Parmalat La Multinasjonäla a condusjón familiär.

Incó lezèmma l’artìccol publichè su
www.gazzettadiparma.it dal tìtol “Parmalat, Multinasjonäla ch’ l’a nvigava a vìsta”. Un sistéma gestì da parsón’ni impreparädi, inadeguädi e pòch organizädi. J én socuànti dil cavsi dal crak Parmalat che al Profesór Paolo Bastia, ordinäri d’ Economìa Aziendäla a Bològgna, l’ha individuè ezaminànd i bilànc’ dal grùpp äd Calisto Tanzi, e al materiäl documentäl racòlt, in-t-al córs äd l’inchiésta, da ilj incuirént dal pool Parmalat in colaborasjón con la Guärdia äd Finànsa.
Il Management dal grùpp l’éra compòst p’r al pù da familjär äd Calisto Tanzi. Al fjól Stévon, al fradél Zvàn , dirigént che da parècc’ àni j éron sidù ala stésa scrivanìa e i ‘n gh’ ävon mìga la preparasjón par seguìr un colòs a livél mondjäl cme la Parmalat. In pràtica a ‘s tratäva äd ‘na Multinasjonäla a condusjón familjära ch’ l’ a n’ éra mìga in gräd äd gestìr ilj óltra 200 socetè spärsi in tùtt al mónd, perciò a ‘n sèrt pónt al colòs äd Colècc’ al s’é catè a dover lavorär par pagär j intarés dil banchi. In-t-i ùltom témp, an’ 2000 2001, par podéros salvär, còza ch’l’a ‘n è mìga capitäda ma l’é sarvìda sól par zlongär l’agonìa, l’äva fat sarär su parècci concesjonäri in Itàlja gestìdi da socetè privädi che da óltra 30 àni j andäv’n adrè al diretìvi ädla Parmalat con contràt da monomandatäri, al pòst äd ch’ il Concesjonäri privädi chì la Parmalat l’äva avért di depòzit con socetè gestìdi dala cà mädra in manéra che, l’azjénda äd Colècc’, la podäva fär al bél e catìv témp, còza che con i Concesjonäri privè l’ a ‘n arìss mìga podù fär. Perciò par podéros salvär l’äva ridòtt sul làstrich tànt grosìssta picén ch’ i lavorävon sul sò pjàsi da àni cme distributór di prodòt Parmalat. Dìtt da socuànt äd ch’i pìcccol imprenditór chì, se cuälch àni prìmma dal crak j avìsson avù l’ oportunitè äd parlär con còjj che po’ a s’è interesè dal pù grànd dizastor finansjäri Italjàn, probabilmènt la situasjón l’a sarìss fermäda prìmma e a ‘s sarìss evitè äd ruvinär tànt risparmiatór. Parmaindialetto la propònna n’ ätra vòlta ai sò letór ‘na lìttra ch’ l’ äva béle publlichè al 7 otòbbor dal 2008, scrìtta in-t-al 2000 da vón di tant Concesjonäri ädla Parmalat a Calisto Tanzi.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Per riservatezza non è stato messo il nome della Concessionaria e di chi ha scritto la lettera.

Egr. Cav Calisto Tanzi
C/o Parmalat S.p.a.
Via Oreste Grassi, 26 Collecchio (PR)
Nome della città, 12/03/2000
Mi scusi per il tempo che le ruberò. Volevo portarLa a conoscenza di una serie di avvenimenti legati alla Sua azienda che rischiano di sconvolgere la mia vita.Per 22 anni circa ho gestito una Concessionaria Parmalat di 2° linea denominata ………S.r.l. nella zona di ……….Nata nell’80 dalla divisione delle due linee commerciali su richiesta aziendale ha creato nel corso degli anni una rete efficiente in grado di aumentare e di gestire al meglio la vendita e la distribuzione dei prodotti di 2° linea prima e anche del forno in seguito.A causa di scelte commerciali mi sono state ridotte prima le percentuali di margine di circa il 30% con l’obbligo di non ridurre le strutture da parte della direzione vendite. Successivamente si è verificata la variazione sul riconoscimento prodotti resi e infine mi è stato tolto la linea forno provocando il licenziamento di 5 dipendenti.Nonostante questo la mia fiducia e il mio impegno nella Parmalat non sono mai venuti a mancare, a testimonianza di ciò per poter proseguire l’attività ho contratto dei debiti con banche dando in garanzia l’appartamento in cui abito e una casa donata a mia moglie in località………La mia costanza non è venuta a meno neanche nel momento in cui il venduto dei prodotti di 2°linea sono calati anche a causa delle centralizzazioni che nel frattempo sono avvenute.Il colpo di grazia mi è stato inferto con l’ingresso sul mercato dello yogurt Joy, che mi ha aumentato notevolmente i resi oltre che diminuito il venduto.La settimana scorsa il Signor ......................, addetto ai rapporti amministrativi con le Concessionarie, mi ha consigliato la chiusura, dandomi a intendere un aiuto da parte della Parmalat per chiudere in pari senza dichiarare fallimento.Io ho dato revoca del mandato di concessionaria ed ho iniziato i primi passi per cercare di vendere il capannone e coprire le banche.Purtroppo sia il fattore tempo che le mie possibilità economiche non permetteranno di poter chiudere la……….S.r.l. in pari e quindi chiedo aiuto a Lei, per cui ho una forte ammirazione dimostrata in 22 anni di concessionario.Sono disposto a qualunque cosa, fosse anche lavorare per Lei tutta la vita.Spero non voglia rimanere indifferente a questa lettera e che mi possa eventualmente ricevere per poterLe provare la mia onestà e sincerità.Cordiali saluti………………………Allego il prospetto della quantificazione delle perdite avute dall’………..S.r.l. in seguito a scelte commerciali della Parmalat.
Riduzione della percentuale di margini del 30% da circa 8 anni 560.000.000 £Variazione del riconoscimento dei prodotti resi da circa 6 anni 300.000.000 £Licenziamento dei 5 dipendenti 250.000.000 £Ingresso sul mercato dello yogurt Joy 200.000.000 £--------------------1.310.000.000 £+ Perdite derivanti dalle centralizzazioni ( Importo talmente elevato da non essere quantificato).

mercoledì 14 gennaio 2009

"I Nostri Borghi". Elenco premiati Natale in Vetrina 2008

(Testo solo in Italiano)
Associazione I Nostri Borghi
14 Gennaio 2009
*
Camera di Commercio di Parma – Sala Aurea
Cerimonia di premiazione Natale in Vetrina…Crociata – sesta edizione - 2008
*
Coro bambini delle classi quinte elementare Ulisse Adorni
diretto dal M° Francesca Carra
*
Quest'anno ogni scuola partecipante avrà in dono una cornice con la fotografia della propria vetrina, foto realizzata e offerta da Franco Saccò dell'atelier fotografico Archimmagine di via XX Settembre 39
*
PREMI SPECIALI DEL PARMA FC
ALLE DIECI VETRINE PIU’ VOTATE attraverso i coupon della Gazzetta di Parma la maglietta del parma calcio fc
Ogni classe avrà in dono portachiavi e moschettoni.
PARTECIPAZIONE PER OGNI CLASSE AD UNA PARTITA DEL PARMA CALCIO
*
ELENCO PREMI
Vengono ora premiati con un buono acquisto di 50 euro in materiale da spendere presso
Colorarte, piazzale dalla Chiesa 13
Tuttofumetto, borgo del Correggio 20

Fiaccadori, via al Duomo
*
Premio per la Decorazione
Materna MARY POPPINS
abbinata a RICCARDI ELETTRODOMESTICI di B.go Guazzo, 9
*
Premio per la Creatività e Bellezza dell'opera
Media SCUOLA PER L’EUROPA abbinata alla GALLERIA D’ARTE G37 di B.go della Trinità, 26
*
Premio per l'Estro Interpretativo
ISTITUTO D’ARTE PAOLO TOSCHI 2°A DECORAZIONE SERALE
abbinato al negozio di Abbigliamento Uomo SCHICKMEN di via Garibaldi, 22
*
Premio per il Rigore Artistico
ISTITUTO D’ARTE PAOLO TOSCHI 3°DECORAZIONE SERALE a abbinato a il TAGLIERE DI PARMA -via Magnani, 2
*
Premio per i MIGLIORI INVENTORI E PER LA TECNICA DI COSTRUZIONE
Scuola Primaria MUNARI abbinata al ristorante IL PIANETINO via XX Settembre, 51
*
Premio per l’Educazione alla Salute e la Tecnica Fotografica
ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE BODONI 2a Erica e Laboratorio Fotografico
abbinato alla YOGURTOTECA MUQQA YO di via XX Settembre, 77
Vengono consegnati attestati speciali a Martina Fornario, Natalia Alexeev, Giulia Camera, Federica Iannaccone e Nicole Mellini
*
Premio per LO STILE
ISTITUTO IPSIA PRIMO LEVI
abbinato al SAVOY HOTEL di via XX Settembre, 3
*
Premio ARTE DEI GIOVANI
Scuola Materna SAN GIOVANNI
abbinata alla FARMACIA CORRADINI di via Repubblica, 20
*
Premio per la CREATIVITA’
Scuola Materna ZANGUIDI abbinata a BRUMS di via Farini, 54
*
Premio per il MIGLIOR PRESEPE
Scuola Primaria MARIA LUIGIA Classe V A
abbinata al CENTRO UNO di Piazza Ghiaia, 23
*
Premio STUDIO DELLA STORIA DELL’ARTE
Scuola Primaria MARIA LUIGIA Classe IV D
abbinata a TUTTOFUMETTO di B.go del Correggio, 20
*
Premio per la GENIALITA’ e la BELLEZZA
Scuola Primaria de LA SALLE abbinata al CAFE’ DE ROSSI di via Garibaldi, 38
Ulteriore Premio di 50 euro per la magnifica raccolta coupon che li ha distanziati con una manciata di voti dal vincitore assoluto.

*
SEZIONE MATERNE
Si assegnano 2 Premi di 300 euro ciascuno in buoni acquisti da spendere presso
COLORARTE, piazzale dalla Chiesa 13
FIACCADORI , via al Duomo
*
PRIMO PREMIO GIURIA ARTISTICA:
Materna IL GIARDINO MAGICO
abbinata all’erboristeria L’ORTO DEI SEMPLICI di B.go del Parmigianino, 9
*
PRIMO PREMIO PER VOTO POPOLARE:
CASA FAMIGLIA Materna Genzianelle
abbinata a DOLCI FOLLIE di via XXII Luglio, 11
*
SEZIONE MEDIE-SUPERIORI
Si assegnano 2 Premi di 300 euro ciascuno in buoni acquisti da spendere presso
COLORARTE, piazzale dalla Chiesa 13
TUTTOFUMETTO, borgo del Correggio 20
*
PRIMO PREMIO GIURIA ARTISTICA:
ISTITUTO AGRARIO BOCCHIALINI
abbinato all’erboristeria EMPORIO LA RUGIADA di via Garibaldi, 46
*
PRIMO PREMIO PER VOTO POPOLARE:
ISTITUTO D’ARTE PAOLO TOSCHI 2° e 3° A DECORAZIONE SERALE abbinato al ristorante IL TROVATORE di via Affo’, 2
*
SEZIONE ELEMENTARI
Si assegnano 2 Premi di 300 euro ciascuno in buoni acquisti da spendere presso
COLORARTE, piazzale dalla Chiesa 13
TUTTOFUMETTO, borgo del Correggio 20
*
PRIMO PREMIO GIURIA ARTISTICA:
Elementare JACOPO SANVITALE
abbinata a CARTOON STORE di via Farini, 52
*
PRIMO PREMIO PER VOTO POPOLARE:
Elementare ULISSE ADORNI
abbinato a Setti – Abbigliamento di Via Verdi, 23
Questa vetrina ha raccolto ben 1119 voti e risulta la vetrina più votata in assoluto.
*

martedì 13 gennaio 2009

E' morta all'età di 60 anni Mirella Magnani Petrolini, Difensore Civico di Parma per otto anni

(Testo solo in Italiano)
Giovedì 15 Gennaio, alla Villetta
si svolgeranno le esequie della cara:
Mirella Magnani
Già Difensore Civico del Comune di Parma

ADE, INTERPRETANDO I SENTIMENTI DELLA CITTADINANZA
E DEI COLLEGHI DEL COMUNE DI PARMA, ESPRIME IL PIU’ VIVO E COMMOSSO CORDOGLIO.

Enrico Maletti, Cristina Cabassa e lo staff di Parmaindialetto, sono vicini all'amico Enzo Petrolini e famiglia per la perdita della moglie Mirella Magnani.


RICORDO DI MIRELLA MAGNANI
Il modo migliore per ricordare, con grande nostalgia ed affetto, la carissima Mirella è quello di richiamare il Suo lavoro come Difensore Civico della nostra Città. Un lavoro sempre svolto nell’ottica del riavvicinamento dei cittadini alle istituzioni: accanto al lavoro “ordinario” di tutela dei diritti dei cittadini Mirella ha cercato anche di sviluppare una serie di progetti miranti a rendere più “vicine” e fruibili le Istituzioni, specie da parte delle persone con maggiori difficoltà di rapporto con gli Enti pubblici. Si tratta di iniziative che, per quanto limitate nel tempo e nelle dimensioni, hanno tuttavia la peculiarità di mettere a diretto contatto il cittadino e il suo problema con l’Ente cui spetta il compito di risolverlo. E’ questo il più bel ricordo che Mirella ci ha lasciato nella Sua instancabile attività a tutela dei più deboli. Qui di seguito pubblichiamo, integralmente, la Sua relazione alle attività svolte nell’anno 1999: a quasi dieci anni di distanza lo spirito, la verità e la freschezza del Suo “racconto” ce la fanno sentire, così come in effetti è, ancora con noi. Ciao, grazie cara Mirella.

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 12 gennaio 2009

(Il video delle pagelle Vicenza Parma non è stato inserito per problemi tenici non dovuti a "parmaindialetto")


(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pageli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Vicénsa Pärma 1-1

Pegolo séz : tùtt somè al n’ha fat gnàn’ na paräda e ciapè un gol imparabil, p’r al rést tùtti còzi normäli fàti in sicurèssa, l’ha dimostrè ch’a’l n’é miga ruznì !

Zenón sèt : tornè da l’infortùni l’é cme còl äd prìmma, lùcid, sicur precìz sénsa strafär ma ‘na gran bón’na partìda

Castlén sìncov : Pavlén, a’t z’ ér un po’ tròp äd lèggn jerdlà, isìmma al gòl a t’è balè ch’a ‘t paräv la Fracci, anca s ‘l’é difìccil rimontär vón partì primma parchè in fóra zógh

Rossi séz : pòch da fär pòch da färos vèddor, un po’ intrégh in-t-i movimént, a’s vèdda ch ’al sintìva al frèd, mo njént erór e l’é la còza importanta

Troèst (Toast) òt: ecco chi lù a’s vèdda ch’a’l vén d ’in do fa frèd dabón parchè insìmma al camp zlè, al paräva in- t-al salòt äd cà sòvva, ‘na gran béla partìda, al pu bón dal Pärma sénsa discusjón

Paci sìncov : eh lòmo che rumba chi t’ han dè, che fadìga rienträr dopa un po’ ah ? e adésa a’t tòcca anca stär zò col Sasòl, s’t’ an’ la va acsì ah ? Sarcämma äd färla girär in-t-al ritóron dailà, su animo

Bùdel séz : pù che un zugadór al paräva Tomba in méza ai palètt, dil gran girädi a déstra e sinistra mo sénsa fär njént äd speciäl njànch ‘na zugäda decizìva, al säva äd njénta cme un bicér d’acua dal rubinètt.

Morón séz: al stés discórs dal tò sòcio chi su, ‘na partìda dzèvvda la solita gran corsa mo pù che corsa jerdlà l’éra confuzjón, porär fum, l’aróst al pròsim gir

Leòn séz: a són in imbaràs parchè l’ha zughè in manéra o-re-n-da però l’ha dè ‘na bàla al balarén sul gol strepitóza sul rigor ( si parchè l’éra rigor ) ‘na zugäda da fuoriclàsa dónca la suficénsa cme média l’a gh’é sta tùtta.

Lucaréli cuator: un cólp äd tésta in-t-al prìmm témp ! fine ! njént’ ätor, la tò partìda cära al me Capitano l’é städa tùtta chì, tròp tròp pòch

Paloschi dù : Paloschén, n’ èt miga magnè abasta in ch’il fésti chi ch’ a té ’t zi magnè un gol imposìbil in-t-al prim témp ? E po’ a ’t z’ ér mòl sénsa maròlla (midollo) sénsa grénta sénsa njént, zvélia su che a dezdòt an’ a s’ha da saltär i fòss p’r al lóngh

Reginäld déz : oooooooo là Cohìba vèddot che cuand l’é ora al déz l’é prónt anca par tì ? Entrè in camp con la tésta giussta gran gol e gran prezénsa in camp, vót vèddor ch’ l’é adrè rivär al Carnoväl e al taca a balär dabón

Guidolin déz : al vót l’é p’r ésor tornè in Citadéla, e p’r avér capì al vól cme a s’ ha da comportär n’alenadór a Pärma ! Prim’ äd tùtt sarcär äd rispetär il tradisjón e la génta, e al Don coste chi al’ ha capì sùbbit, a difarénsa äd cualchidón ätor ! Bravo Don complimént sincér !

Tifóz sentdéz e lode : sentdéz cme a òc’ e cróza còj ch’ j éron a Vicénsa a zbrajär e a tgnìr ält al nòm äd Pärma; in tivù i’s sint’von lór e basta, adèsa tgnämma älta la guärdia e limpìmma al Tardini contr’ al Sasól ! AVANTI CROCIATI

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)

(Le pagelle in dialetto sono lette da Enrico Maletti)



domenica 11 gennaio 2009

In anteprima da "Parmaindialetto". Al Regista Mario Lanfranchi la "Scarpètta d'òra" 2009 della Famìja Pramzàna

(Testo blu in Italiano)
Lunedi sera 12 gennaio, in un noto locale di Parma, verrà consegnato dall'Associazione Culturale Famìja Pramzàna, il premio "Scarpètta d'òra 2009" in occasione della festa di S.Ilario Patrono di Parma. Quest'anno il premio andrà al Regista e Maestro Parmigiano Mario Lanfranchi.
A seguito una biografia di Mario Lanfranchi


Mario Lanfranchi, regista di cinema, teatro, opera, televisione, produttore e attore, è parmigiano per nascita (avvenuta in un oscuro palazzo di via XXII Luglio a Parma), ma cosmopolita per vocazione, avendo trascorso la maggior parte della sua vita in una Milano ancora piena di fermenti creativi è avvenuta la sua formazione: Università (laurea in giurisprudenza) e Accademia dei Filodrammatici (diploma in regia e recitazione), nonché il suo ingresso - ancora giovanissimo - alla TV, allora in fase sperimentale; non prima di aver debuttato brillantemente nel teatro di prosa e nella lirica. In cinque anni di televisione a Milano, crea il melodramma televisivo, fiore all’occhiello della RAI del periodo, realizzando una dozzina di opere con uno stile particolare, definito dal critico del Corriere della Sera Giuliano Gramigna “realismo visionario”.

Si trasferisce poi a Roma, dove affronta il cinema, un mondo ostico per chi, come lui, proveniva da ambienti estranei, quali il teatro e la televisione. Il che non gli impedisce di dirigere tredici film esplorando diversi generi, dal dramma al western alla commedia. Senza mai dimenticare il teatro e compiendo anche qualche rara ma proficua esperienza come attore. Milano, Roma, New York, Londra.

In quel periodo, la sua vita si svolge tra Roma e a New York. Oltre ad una notevole attività nel teatro di prosa e nella lirica nei massimi teatri degli USA, realizza per Channel 13 un ciclo pirandelliano, da lui adattato al mezzo televisivo. Altra grande avventura americana è la realizzazione di un mastodontico spettacolo chiamato “Festa Italiana” per il Madison Square Garden (record assoluto d’incassi), portato poi in tournee, coi suoi 120 esecutori, in tutti gli Stati Uniti.A Roma compie le prime esperienze come ideatore e produttore di spettacoli per il teatro e per la TV, tra i quali i grandi romanzi sceneggiati con Sandro Bolchi, massimo autore di questo genere, e il ciclo “Tutto Totò”, che racchiude il meglio del repertorio del grande comico in dieci film di un’ora ciascuno (recentemente pubblicati in DVD), prima esperienza di produzione esterna della RAI.

È di questo stesso periodo una vasta attività di autore-produttore di “caroselli”, alcuni dei quali divenuti famosi, nonché di regista e produttore di famose compagnie di prosa, come Morelli-Stoppa, Alberto Lionello, Tieri-Lojodice. E c’è anche un importante ritorno alla TV come regista delle trasmissioni inaugurali del secondo canale della RAI, dell’Eurovisione, dei nuovi Studi televisivi di Napoli.Il periodo più recente, quello londinese, segna soprattutto un ritorno al teatro, con grandi spettacoli nel West End, prosa e musical. Uno di questi, “Chitty Chitty Bang Bang”, è in scena ininterrottamente da cinque anni nello stesso teatro londinese e contemporaneamente è rappresentato anche a Broadway.

Per tutta la vita Mario Lanfranchi ha coltivato due grandi passioni, i cavalli (ed i levrieri) da corsa, e il collezionismo. Coi cavalli al trotto ha vinto le più grandi corse internazionali ed ha avuto notevoli affermazioni anche al galoppo. In Inghilterra ha inoltre trionfato come proprietario di levrieri: il suo El Tenor, è il maggior vincitore di gran premi di ogni tempo, essendosene aggiudicati ben 102. Importante collezionista d’arte, quando alcuni anni fa ha dissolto la sua raccolta di dipinti antichi, Vittorio Sgarbi ha scritto su Panorama uno spiritoso e dolente “Elogio funebre di una grande collezione”. Opere già di sua proprietà si trovano oggi a Brera, alla Galleria Nazionale dell’Umbria, al Metropolitan di New York, ecc.Oggi Mario Lanfranchi, pur molto attivo a Londra, vive sempre più a S. Maria del Piano, nell’antica villa di famiglia che ogni estate si apre a tutti per la manifestazione “Spettacoli in Villa”. Il Comune di Lesignano de’ Bagni gli ha conferito la cittadinanza onoraria. Il Comune di Parma, nel 2004, lo ha onorato con il massimo riconoscimento della città, il Premio “S. Ilario d’Oro”.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Lundì sìra 12 znär, in-t-un locäl äd Pärma, srà consgnè da l'Asociasjón Culturäla Famìja Pramzàna, al prémi "Scarpètta d'òra 2009" in ocazjón ädla fésta äd S.Iläri Protetr äd Pärma. St’ an’ al prémi l’andrà al Regìssta e Méstor Pramzàn Mario Lanfrànch.
A séguit ‘na biografìa äd Mario Lanfrànch in djalétt Pramzàn.

Mario Lanfrànch, regìssta äd cìne, teàtor, òpra, televizjón, produtór e atór, l’é pramzàn par nasita (nasù in-t-un scùr palàs äd via XXII Lùjj a Pärma), ma pràtich äd tutt al mónd par vocasjón, parchè l’à pasè la magjór pärta ädla so vìtta in-t-na Milàn ancòrra pién’na äd fermént creatìv indò è stè la so formasjón: Univarsitè (làvrea in giurisprudénsa) e Académja di Filodramàtich (diplòma in regia e recitasjón), e anca al sò ingrés - ancòrra giovanìssim - ala TV, alóra in fäza sperimentäla; prìmma l’äva debutè brilantemént in-t-al teàtor äd pròza e in-t-la lìrica. In sìnch àni äd televizjón a Milàn, l’invénta al melodràma televizìv, fiór a l’ocètt ädla RAI dal perìod, realizànd ‘na dozén’na d òpri con un stìl particolär, definì dal crìttich dal Corér ädla Sira Giuliano Gramigna “realìzom vizjonäri”.

A ‘l ‘s trasferìssa pò a Ròmma, indò l’afrónta al cìne, un mónd difìccil par chi, cme lu, al gnäva da ambjént forastér, cme al teàtor e la televiajón. Però a’n gh’ i ‘n pedìssa mìga äd dirìggior trèddoz film esplorànd divèrs gènnor, dal dràma al western ala comédia. Sénsa mäi scordär al teàtor e al fä anca cuälca rära ma valida esperjénsa cme atór. Milàn, Ròmma, New York, Londra.

In còll perìod li, la sò vìtta l’é tra Ròmma e New York. Óltra ‘na notévol ativitè in-t-al teàtor äd pròza e in-t-la lìrica in-t-i màsim teàtor ädj USA, al realìzza par Channel 13 un ciclo pirandeljàn, da lu adatè pa la televizjón. N ‘ätra aventura americàna l’é la realizasjón d’ un mastodóntich spetàcol ciamè “Fésta Italjàna” p’r al Madison Square Garden (record asolùt d’incàs), portè pò in tournee, còj sò 120 ezecutór, in tùtt l’America. A Ròmma al fà il prìmmi esperjénsi cme ideatór e produtór äd spetàcol p’r al teàtor e par la TV, tra i cuäi i grànd romànz senegè con Sandro Bolchi, màsim autór äd còll gènnor chì, e al ciclo “Tutto Totò”, con al pu bél dal repertòri dal grànd còmich in déz fìlm äd n’óra onjón (recentemént publichè in DVD), prìmma esperjénsa äd produsjón forastéra ädla RAI.

È in còll stés perìod, ‘na vàsta ativitè d’ autór-produtór äd“caroselli”, socuànt di cuäi dvintè famóz, e regìssta e produtór äd famóz compagnìj äd pròza, cme Morelli-Stoppa, Alberto Lionello, Tieri-Lojodice. E a gh’é anca un importànt ritóron ala TV cme regìssta dìl trasmisjón inauguräli dal secónd canäl ala RAI, äd l’Eurovizjón, di Stùdi televizìv äd Napoli. Al perìod pù recént, còll londinéz, al sègna un ritóron al teàtor, con di grànd spetàcol in-t-al West End, pròza e muzicäl. Vón äd còssti, “Chitty Chitty Bang Bang”, al và in séna ininterotamént da sìnch àni in-t-al stés teàtor londinéz e contemporaneamént l’é raprezentè anca a Broadway.

Par tùtta la vìtta Mario Lanfrànch l’ha coltivè dò gràndi pasjón, i cavàj (e i levriér) da corsa, e al colesjonìzom. Cói cavàj al tròt l’ha véns il pù gràndi córs internasjonäli e al gh’ha avù parècci afermasjón anca al galòpp. In Inghiltéra l’ha anca trionfè cme proprietäri äd levrieri: al so El Tenor, l’é al magiór vincitór äd gran prémi d’ ògni témp, al ‘n ‘ha véns bén 102. Importànt colesjonìssta d’ärta, cuand socuànt àni fa l’ha sfàt zò la sò racòlta äd dipìnt antìgh, Vitòri Sgärbi l’ha scrìtt su Panorama un spiritóz e dolént “Elogio funebre di una grande collezione”. Òpri zà äd sò proprietè j én incó a Brera, ala Galaria Nasjonäl äd l’Umbria, al Metropolitan di New York, ecc. incó Mario Lanfrànch, anca s’ l’é bombén ativ a Londra, al vìva sémpor pù a S. Maria dal Pjàn, in-t-l’ antìga vìla äd famìja che ògni istè l’a ‘s réva a tùtti par la manifestasjón “Spettacoli in Villa”. Al Cmón äd Lezgnàn de’ Bagni al gh’ ha conferì la citadinànsa onoräria. Al Cmón äd Pärma, in-t-al 2004, a’l l’ ha onorè con al màsim riconosimént ädla citè, Al Prémi “S. Iläri d’Òr”.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

sabato 10 gennaio 2009

Vicenza Parma 1-1

(Testo blu in Italiano)
Lunedi 12 gennaio Parmaindialetto pubblicherà le pagelle in dialetto Parmigiano della partita Vicenza Parma con i testi di Crociato 63, che saranno pubblicate sulla “Gazzetta di Parma”. Al pomeriggio verrà inserito il video delle pagelle lette da Enrico Maletti.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Lundì 12 znär Parmaindialetto publicrà “Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn” ädla partìda Vicénsa Pärma con i tést äd Crociato 63, ch' i sràn publicädi insìmma ala “Gazètta äd Pärma”. Al dopmezdì srà inserì al video dil pagéli lizùdi da Enrico Maletti.
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)
(Nella foto d'archivio, il Parmigiano Ivo Cocconi Crociato degli anni 60)

Per la festa di S.Ilario 13 gennaio Patrono di Parma, Parmaindialetto pubblica una breve storia del Santo in Italiano e dialetto Parmigiano

(Testo blu in Italiano)
Sant’ Ilario di Poitiers
(Patrono di Parma)

Ilario nasce a Poitiers (in Aquitania, Francia) tra il 310 e il 320, da una famiglia di nobili.
Di animo generoso, convertito al Cristianesimo da adulto, dopo una ricerca tra le filosofie Pagane, trova una prima luce nell’antico testamento e, più tardi, viene rinsaldato nella fede di Cristo dalla lettura del Vangelo. Dotato di una intelligenza non comune, è eletto Vescovo verso l’anno 350 e da quel momento si dedica totalmente alla cura della Chiesa, conducendo un’ azione contro l’eresia di Ario (256 – 336), il quale negava la natura divina di Cristo. Nel 356 l’Imperatore Costanzo II, seguace di Ario, lo manda in esilio a Frigia (in Asia minore), dove studia il pensiero Teologico orientale e lotta con vigoria per la difesa della fede, il suo zelo gli fa dare il nome di Atanasio dell’occidente. Mentre è in esilio, S. Ilario si mantiene in contatto con la sua diocesi, poi viene convocato il Concilio di Rimini (per i Vescovi dell’Occidente) e quello di Seleucia (per i Vescovi orientali), S. Ilario partecipa al secondo nel settembre 359. Nel 360 ritorna in Gallia (l’attuale Francia) dove con difficoltà prosegue nella sua idea antiariana fino a che nel 361 o 362, il Concilio di Parigi liberò la Gallia dai Vescovi seguaci di Ario. Viene inviato a Milano per contrastare il Vescovo Ariano Assenzio ma la protezione dell’imperatore Valentiniano permette a quest’ultimo di prevalere e S.Ilario rientro a Poitiers, dove si dedica al ministero Pastorale. Il Santo patrono di Parma muore il 1° novembre ( secondo alcuni il 13 gennaio ) del 367, viene proclamato Dottore della Chiesa nel 1851. Parma lo ricorda per l’episodio del calzolaio, episodio che ha dato vita alla tradizione delle dolci scarpette il 13 gennaio di ogni anno.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Sant’ Iläri da Poitiers
(Protetór äd Pärma)
Iläri al nàsa a Poitiers (in Aquilania, Francia) tra j àni 310 e 320, da ‘na famja äd nòbil.
D’Ànim generớz, convartì al Crstjanìzom d’etè carsùda, dòpa ‘na ricérca tra il filosofìj Pagani al càta ‘na prìmma lùza in-t l’antìgh testamént e, pu tärdi, al s’rinsälda in-t-la féda äd Crìst da la letùra dal Vangéli. Fornì d’ inteligénsa mìga cmớn, al vén fàt Vèsscov vèrs l’àn 350 e da col momént li al s’dèdica totalmént ala cura ädla Césa, andànd con n’ aziớn cớntra l’erezìa d’ Ario (256 – 336), ch ‘al negäva la natura divìna äd Crìst. In-t-al 356 l’Imperatớr Costanzo II, partegiànt d’Ario, al la mànda in ezìlli a Frigia (in Asia Minớr), indò al stùdja al pensér Teolớgic’ Orjentäl e al lòta con forsa par la diféza ädla féda, al so entuzjàzom al l’à fa ciamär l’Atanasio ‘d l’ Ocidént. Intànt ch’ l’ éra in ezìlli, S. Iläri al s’ manténa in contàt con la so djòcezi, po al vén convochè al Concìlli äd Rìmini ( p’r i Vèsscov äd l’ Ocidént) e col äd Seleucia (p’r i Vèsscov Orientäl), però lu al partècipa solamént al secớnd in-t-al setémbor 359. In-t-al 360 al tớrna in Gallia (l’atuäla Francia) indò con dificoltè al va avànti in-t-la so idéa antiariàna infìnna a che in-t-al 361 o 362, al Concìlli ä Parigi al lìbera la Gallia da i Vèsscov partegiànt p’r Ario.
Al vén inviè a Milàn par contrastär al Vèsscov Ariano Assenzo ma la protesjớn äd l’ Imperatớr Valentiniano la parmètta a st’ ùltim äd prevalér e S. Iläri al tớrna a Poitiers, indò al s’ dèdica al Ministér Pastorèl. Al Sànt Patròn äd Pärma al mớra al 1° äd novémbor ( sécond socuànt al 13 äd znär ) dal 367, l’é stè proclamè Dotớr ädla Céza in-t-al 1851. Pärma al la ricorda par l’epizòdi dal cibàch, epizòdi ch ‘ l’ a dè vìtta ala tradisjớn dìl dớlsi scarpètti al 13 äd znär d’ògni àn.
(Tgnèmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle immagini: Ordinazione di S. Ilario manoscritto del XIV secolo, S. Ilario da Poitiers.)


giovedì 8 gennaio 2009

Il Capo dello Stato Giorgio Napolitano è atterrato all’aeroporto di Parma

(Testo blu in Italiano)
Il Presidente della Repubblica è atterrato alle 17,30 all’aeroporto Verdi di Parma, e si è recato in Prefettura, dove dopo un saluto con le Autorità di Parma si recherà in visita alla mostra del Correggio e alla cupola del Duomo. Questa sera la cena sarà preparata dallo chef Massimo Spigaroli che già si era messo ai fornelli per i precedenti Presidenti della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi e Luigi Scalfaro. Domani mattina sarà la giornata più importante per la visita del Presidente a Parma. Alle dieci al Teatro Regio Napolitano inaugurerà l’anno accademico 2008/2009 del Diploma avanzato in studi europei. Nel pomeriggio il Capo dello Stato farà ritorno a Roma.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al Presidént Giorgio Napolitano lé aterè a l’aeropòrt äd Pärma

Al Presidént ädla Repùbblica l’é aterè alj óri 17,30 a l’aeropòrt Verdi äd Pärma, e l’é andè in Prefetùra, indó dòp un salùt con ilj Autoritè äd Pärma l’andrà in vizita ala mòsstra dal Corèzz e ala cùpola dal Dòm. Stasìra la cén’na la srà preparäda dal cógh Massimo Spigaroli ch’al s’éra béle mìs ai fornéj p’r i precédent Presidént ädla Repùbblica Carlo Azeglio Ciampi e Luigi Scalfaro. Dmatén’na la srà la giornäda pù importànta par la vizita dal Presidente a Pärma. A déz óri al Teàtor Regio Napolitano l’ inaugurarà l’an’ académich 2008/2009 dal Diploma avansè in studi europei. Al dopmezdì al Presidént al farà ritóron a Ròmma.
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

FINO AL 13 GENNAIO, FESTIVITA’ DI SANT’ILARIO, SARA’ VISITABILE IL PRESEPIO ILLUMINATO ALL’APERTO DI BORGO DEL NAVIGLIO

(Testo blu in Italiano)
A fianco dell’Averta, il piazzaletto di borgo del Naviglio che ospita ogni anno i concerti estivi, è stata recuperata tre anni fa la tradizione del presepio all’aperto, con una rappresentazione curata nei particolari da un gruppo di volontari dell’associazione I Nostri Borghi: così anche per questo Natale un angolo nascosto del centro storico sboccia di luce e atmosfera raccogliendo l’attenzione dei passanti e dei turisti.
Siamo in borgo del Naviglio, a pochi passi dal corso d’acqua che serviva a Maria Luigia per raggiungere Colorno. Quasi compressa tra due condomini, si apre una fessura che sembra costruita apposta per ospitare una piccola casetta. Con pazienza e capacità artistiche Giancarla Maglietti, Teresa Sacristani, Daniela De Gobbi, Tommaso Terminiello si sono impegnati per diverse settimane per cesellare con pazienza la Sacra Famiglia e il paesaggio che fa da fondale.
Le piccole ugole dei Coristi dei Borghi guidati da Marisa Carraro hanno poi inaugurato il manufatto con canti natalizi, lo scorso anno anche il sindaco Vignali aveva partecipato alla cerimonia.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
FIN AL 13 ÄD ZNÄR, FÉSTA ÄD SANT’ILÄRI, SRA’ VIZITABIL AL PREZÉPI ILLUMINÈ A L’AVÄRT ÄD BÓROG DAL NAVÌLLI

A fianch äd l’Avärta, al piasalètt äd bórogh dal Navìlli ch’ l’ òspita ògni an’ i concèrt d’ istè, l’é städa recuperäda tri àni fa la tradisjón dal prezépi a l’avärt, con ‘na rapresentasjón curäda in-t-i particolär da un ciòp äd volontäri äd l’asociasjón I Nostri Borghi: acsì anca par còll Nadäl chì un àngol gornè dal céntor stòrich al ‘s réva äd luza e atmosféra e con l’atensjón di pasànt e di forastér.
Sèmma in bórogh dal Navìlli, a socuànt pàs dal córs d’acua ch’ al sarvìva a Maria Luvìggia par rivär a Colórni. cuäzi inméza tra du condomìnni, a ‘s réva ‘na fesùra ch’ la pär costruìda apòsta p’r ospitär ‘na cà picén’na. Con pasjénsa e capacità artistìsstica Giancarla Maglietti, Teresa Sacristani, Daniela De Gobbi, Tommaso Terminiello i s’én impgnè par parècci stmàni par sizlär con pasjénsa la Sacra Famìja e al paesàg’ ch’ al fa da fondäl.
Il lunéli (ugole) picén’ni di Corìssta di Bórogh guidè da
Marisa Carraro j han pò inaugurè al manufàt con di cànt Natalìssi, l’ an’ pasè
anca al sìndich Vignäli l’ äva partecipè ala cerimònja.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Foto di Enrico Maletti)