Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







sabato 28 febbraio 2009

GIAN PAOLO MONTALI ALLA LIBRERIA BATTEI COME VINCERE IN AZIENDA CON IL GIOCO DI SQUADRA

(Testo solo in Italiano)
Giovedì 5 marzo alla libreria Battei, un ospite d’eccezione: Gian Paolo Montali, uno degli allenatori di pallavolo più titolati di sempre, oggi coach in azienda, ha scelto la storica libreria di strada Cavour per presentare il suo libro “Scoiattoli e Tacchini. Come vincere in azienda con il gioco di squadra” (Rizzoli).
All’incontro, che si terrà alle ore 18.00 negli ampi locali al piano inferiore della Battei, parteciperanno Giampaolo Dallara, presidente della Dallara Automobili, e l’editore Antonio Battei. Gian Paolo Montali ha guidato, per venticinque anni, alcune delle squadre di pallavolo più importanti d’Italia e del mondo.
Dopo cinque scudetti in quattro città diverse, quindici coppe e un mondiale (epocali il grande slam con la Maxicono Parma nel 1990 e i trionfi con la Nazionale Italiana campione d’Europa, nel 2003 e 2005), ora insegna gestione delle risorse umane, cultura sportiva, marketing strategico e leadership alle Università Bocconi di Milano e degli Studi di Parma.
Inoltre svolge un’intensa attività di consulenza per grandi aziende ed è consigliere d’amministrazione e membro del comitato sportivo della Juventus. Il suo metodo di “Coaching” applicato all’azienda è ormai da anni riconosciuto e apprezzato da manager di tutti i campi: e proprio nel suo nuovo libro, riprendendo quel forte parallelismo esistente tra le dinamiche che muovono il mondo dello sport e quello dell’impresa, svela tecniche, segreti e strategie per avere successo e gestire al meglio la propria “squadra”.
Il suo metodo, sperimentato con i più forti atleti professionisti, consente così di destreggiarsi nel mare perennemente in burrasca dei rapporti di lavoro, consolidando il proprio carisma e mettendo in pratica una politica fatta di piccoli passi e attenzione al dettaglio, portando in ufficio tutta la carica che solo chi ha vissuto lo sport ai massimi livelli può avere.
E ad affiancarlo all’incontro sarà proprio un altro importante testimonial del mondo imprenditoriale d’altissimo livello e sportivo: l’ingegner Giampaolo Dallara, che ha dedicato tutta la vita alla progettazione di auto sportive e da corsa, creando veri e propri prodigi della meccanica e della tecnologia vincitori in tutte le categorie, contribuendo così ad accrescere e diffondere il nome dell’Italia nel mondo. Come di consueto, l’incontro alla libreria Battei è aperto a tutti.
(Nelle foto: la copertina del libro di Gian Paolo Montali, l'Ingegner Gian Paolo Dallara, l'editore Antonio Battei).


venerdì 27 febbraio 2009

Grazie, Nesti "un pramzàn dal sas" che ha trasformato i nostri cimiteri. Lettera pubblicata sulla Gazzetta di Parma il 27 febbraio 2009

(Testo solo in Italiano)

Egregio Sig. Direttore.
In questi giorni ho letto sul suo giornale che Carletto Nesti ha rassegnato le dimissioni da Presidente di A.D.E. S.p.A. società del Comune di Parma che si occupa del servizio dei cimiteri. Nesti si è dovuto dimettere non solo per problemi di salute ma anche a causa dei cambiamenti avvenuti nella Giunta Comunale nei giorni scorsi. Ora non sono qui a criticare la scelta di questo cambiamento perché non sarei nemmeno in grado di poterlo fare, ma mi sento in dovere di comunicare ai Parmigiani lettori della Gazzetta l’operato di Carletto Nesti in questi cinque anni di Presidenza ADE. Colgo anche l’occasione di ringraziarlo per le cose che ha fatto nei Cimiteri di Parma, che sono sempre stati luoghi di riposo per i nostri defunti, e lui con la sua professionalità, coadiuvato dallo staff organizzativo che dirigeva, è stato capace di trasformare in un luogo di ritrovo e di aggregazione, rivalutando anche culturalmente questo posto ritenuto da sempre un campo santo e trasformandolo in un luogo della memoria di chi nel passato ha costruito Parma. Nesti ha capito che in una città come Parma senza il rispetto del passato non si può ottenere un gran futuro, è come costruire una casa senza fondamenta, “prìmma o po’ la da zò”. Ricordo in questi cinque anni di Presidenza di Nesti, i momenti trascorsi nell’inserire poesie e testi dialettali in occasione delle ricorrenze, come puntualmente nel periodo Natalizio per i poeti dialettali Renzo Pezzani, Alfredo Zerbini, Luigi Vicini, Bruno Lanfranchi e Bruno Pedraneschi, con la lettura di testi dialettali da parte di Ettorina Cacciani, Elvira Balestrazzi e il sottoscritto, per l’occasione della commemorazione del cinquantesimo della morte in agosto del 2006 dell’attore dialettale Italo Clerici, nello stesso giorno abbiamo ricordato anche l’Attore Alberto Montacchini, quel giorno d’agosto Nesti era riuscito a riempire la Villetta, sembrava quasi una prima al Teatro Regio, presente anche per l’occasione l’allora Sindaco di Parma Elvio Ubaldi. Da non dimenticare per il giorno dei morti le Sante Messe pomeridiane celebrate all’aperto davanti alla Chiesa del Cimitero, sia con Monsignor Cesare Bonicelli che con l’attuale Vescovo Monsignor Enrico Solmi, seguite dalla lettura da parte mia di un testo adatto ai giorni dei defunti rigorosamente in dialetto Parmigiano. La commemorazione di Baldassarre Molossi mitico direttore della Gazzetta di Parma per 35 anni, anche per l’occa
sione Nesti era riusito a trasformare la “Vilètta” come un teatro, presenti giornalisti, rappresentanti del Comune e tanti ma tanti “Pramzàn” che hanno voluto bene al “Diretór ädla Gazètta äd Pärma”, alla fine della Cerimonia davanti alla tomba di Padre Lino era stata letta la poesia di Renzo Pezzani “Padre Lino”. Le commemorazioni di Ildebrando Pizzetti, Luigi Battei, capostipite della Casa Editrice Battei che tutti gli anni sforna dei libri in dialetto Parmigiano e ancora oggi è diretta dal pronipote Antonio, il ricordo di Aurora Guarini, benemerita volontaria, conclusosi anche quello con brani dialettali e musicali con l’armonica a bocca di William Tedeschi. Da ricordare anche la ricorrenza che Nesti aveva ideato nel campo santo dove riposano i bambini, con la lettura della poesia di Fausto Bertozzi “Al camp di putén” con l’esibizione di un coro di giovani, le commemorazioni delle Associazioni Parmigiane, non le cito una alla volta altrimenti rischierei di dimenticarne qualcuna. Ultima grande manifestazione che ha riempito di “Pramzàn” il Cimitero è stata quella dell’inaugurazione della grotta di Lourdes, collocata proprio di fronte alla tomba di Padre Lino, per quell’occasione sono sincero, non ho mai visto tanta gente alla Villetta. Ora però egregio Direttore mi fermo, perché questi miei ricordi sembrano dedicati a una persone che non c’è più, invece Carletto Nesti è qui tra noi e ci rimarrà ancora per tanto tempo, “Fort cme ‘l trón”, fermo ai box per un controllo come una Ferrari pronta per partire e vincere un gran premio, perché da come se ne parla a Parma e spero che anche il nostro Sindaco Pietro Vignali la pensi allo stesso modo, fra poco tempo a Carletto Nesti sarà dato un’altro importante incarico perché di “Pramzàn dal sas” come questo ne ha bisogno tutta la città. Colgo l’occasione per augurare buon lavoro al nuovo Presidente A.D.E. che subentrerà al posto di Nesti, e di non dimenticare che in tante occasione di queste cerimonie è stato coinvolto a sfondo culturale anche il nostro amato vernacolo.
Enrico Maletti
Ideatore di http://parmaindialetto.blogspot.com/


(Nelle foto: Carletto Nesti davanti all'entrata della Cimitero Monumentale della Villetta, davanti alla tomba di Baldassarre Molossi per la ricorrenza dell'anniversario della morte del mitico direttore della Gazzetta di Parma, Carletto Nesti e Giuliano Molossi attuale direttore della Gazzetta di Parma)




mercoledì 25 febbraio 2009

Il Presidente Tommaso Ghirardi non trova giusto il divieto al Braglia per i tifosi del Parma. Crociato 63: “sciopero delle pagelle in dialetto”.

(Testo blu in Italiano)
Il Presidente del Parma Tommaso Ghirardi è intervenuto telefonicamente nella trasmissione sportiva “Speciale solo calcio lunedi” per esprimere il proprio punto di vista sulla decisione dell’osservatorio di giocare il derby Modena Parma senza i tifosi crociati:
“La partita è sicuramente sentita perché è un derby, andremo a giocare a Modena e ci sarà naturalmente un gran pubblico, anche se noi avremo l’handicap di non avere al nostro fianco i tifosi allo stadio e questa è una cosa che mi rincresce perché i tifosi del Parma si sono sempre fatti distinguere per la loro correttezza e per questo non trovo giusto questo divieto. Troveremo una squadra in forma, noi andremo a fare la nostra partita sapendo che sarà difficile anche perché contro il Parma danno tutti il massimo”. In conseguenza a questa decisione dell’osservatorio, anche Crociato 63 al secolo Federico Delle Donne autore delle pagelle in dialetto Parmigiano pubblicate sulla Gazzetta di Parma nella cronaca sportiva, ha dichiarato di “Scioperare” e di non scrivere le pagelle per la partita Modena Parma, visto che non può vedere la partita in diretta dallo stadio Braglia di Modena.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al Presidént Tommaso Ghirärdi al n’é càta mìga giusst al diviét al Braglia p’r i tifóz dal Pärma. Crociato 63: “siopero dìl pagéli in djalètt”.

Al Presidént dal Pärma Tommaso Ghirärdi l’é intervgnù telefonicamént in-t-la trasmisjón sportìva “Speciäl sól calcio lundì” p’r esprìmmor al pròpri pónt äd vìsta su la decizjón äd l’oservatòri äd zugär al derby Mòdna Pärma sénsa i tifóz crozè:
“La partìda l’é sicuramént sintìda parché l’é un derby, andrèmma a zugär a Mòdna e a gh’ sarà naturalmént un gran pùbblich, anca se nojätor gh’ arèmma l’handicap d’ avér mìga al nòstor fjànch i tifóz al stadio e còsste chì l’é ‘na còza ch’ l’a ‘m rincrèssa parché i tifóz dal Pärma i s’ én sémpor distìnt par la sò coretèssa e par còsste a ‘n càt mìga giùsst col divjét chì. Catarèmma ‘na scuädra in fórma, nojätor andrèma a fär la nòstra partìda e a sèmma ch’ l’a sarà difìccil anca parché cóntra al Pärma i dàn tùtt al màsim”. In conseguénsa a ch’ l’a decizjón chì äd l’oservatòri, anca Crociato 63, al sécol Federico Delle Donne, autór dil “Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn” publicädi su la Gazètta äd Pärma in-t-la crònaca sportìva, l’ha dichiarè äd “Sioperär” e scrìvor mìga il pagéli par la partìda Mòdna Pärma, vìsst ch’ al né pól mìga vèddor la partìda in diréta dal stàdio Braglia äd Mòdna.

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella foto in alto il Presidente del Parma Tommaso Ghirardi, la foto in basso Cristiano Lucarelli, Paolo Castellini, Massimo Paci, Stefano Morrone, con Enrico Maletti e Federico Delle Donne "Crociato 63", rispettivamente correttore dialettale e autore di "Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn")

martedì 24 febbraio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 24 febbraio 2009

Alberto Paloschi al pu bón di Crozè in camp par Pärma Brèssa

(Il video delle pagelle Parma Brescia non è stato inserito per problemi tenici non dovuti a "parmaindialetto")

(Testo solo in dialetto Parmigiano)

(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Brèssa 1-0
Pavarén déz : Sènnor la màja l’éra un pùgn in-t n òc’ però l’ha funsionè cme la tuta äd Superman t’è fat dil parädi strepitózi, mo l’é béle ‘ na cuälca partida ch’ a t’è voltè pagina, insìmma a la pagina giùssta se Dio vól

Zenón sèt : s’a ‘t gh’ äv anca la fréva alóra t’è fat ‘na gran partìda, in sicurèssa sénsa fär chìsa cóza mo sénsa zbaljär njénta prìmma äd tùtt ! Bravo Dino la tò esparjénsa in chi momént chì la gh’ à da saltär fóra

Castlén séz : un compitén pén’na suficént, mo cme par Dino l’important adésa l’é d’ avérogh mìga tròp sìggn ròss insìmma al cuadèron

Paci nóv : vùnna dil partìdi pù béli da cuand l’é a Pärma, i’ òc’ äd la tigre, determinasjón totäla, bräv al nóstor pilolón, contìnva acsì e cuand a ‘t pàs la metè camp tolasudólsa che anca jér sira t’è fat ‘na méza enträda stile Reggio calabria

Troèst (Toast) òt : un vót in meno soltant parchè Paci l’ha salvè dù gol in-t-al prìmm témp mo ‘na gran partìda anca par l’òm dal frèdd, chilù al vól blindè da razón sionò riva Presjózi e Pastorél e j’al tózon su subìt

Lucaréli òt : sémpor méj da mediàn bàs cme al la ciàma al Don, però l’é ‘na béla solusjón tatica, difensór in pù cuand a sarvìssa centrocampìssta par ripartìr a l’ocorénsa ! zugadór cój barbìz

Mariga sèt : al maratonéta l’ha capì che - insòma - drovär anca un po’ äd maruga a zugär al balón d’ògni tant a ’n fa miga mäl ! fizicamént njénta da dìr cme al sòlit, jérdla anca taticamént a l’ altèssa

Bùdel séz :’ na partìda da sartór, l’ha cuzì i repärt sénsa där tròp in-t-l òc’ però importantìssim a radopiär insìmma a tùtt, a ’n där miga fjè a Baronio e companìa cantanta ! acsì a ’s fa, sénsa fär tròpa comédja, fär ’dla lèggna e via andär

Leòn séz : a ’n vój där gnànca n’ insuficénsa sionò la prìmma la sarìs städa par tì vè lòmo ! a né ’s pól miga zbaljär un gol compàgn dailà scudéla, magna pàn e vólpa p’r un po’ ch’ a fa bén !

Paloschi déz : a són sénsa paròli par col ragas chi ! adésa ch’ l’é titolär fìss l’é straripànt, micidiäl, sénsa paura, vója äd fär bén e ‘ na sintonia cój tifóz ch’ l’éra un po’ ch’ l’an sé vdäva pù ! A ’s meritrìss un tòch äd ramäda da tirär sù e stì sicùr ch’al gh’ é ramparìss insìmma sùbit ! bràvo picén avanti sénsa paura !

Vantagè séz : a vén bén la scualifica, acsì té ’t cur e té ’t arpòz, parchè ormäj a ’t z’ ér adrè a bàtor un po’ in tésta e sóra al cónt a ’t ris’ciäv äd färot mäl ! dai che po’ a gh’è da fär la voläda finäla a m’arcmand !

Guidolin déz : il nózi cój fìgh sèch, un po’ äd fortón’na sarcäda e catäda, Don avanti par la so sträda che a Pärma a né vdävon l’óra d’avérogh un Mìsster acsì ! Séri inansitùtt e po’ anca competént !

Oservatòri zèro : che séns a g’ha vietär la trasfèrta a Mòdna ? A n’in vrìss dìr tanti mo a né ‘s pól miga, elóra dato ch’ an pòs miga andär a Mòdna, a’n pòs gnànca vèddor la partìda e fär il pagéli, lundì ch’ vén sciòpero dil pagèli vamolà, e vargògnìv vargògnìv vargògnìv ! AVANTI CROCIATI !

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)

Lo Dsèvvod in visita alla scuola “Oreste Boni” di Sorbolo.

(Testo blu in Italiano)
Nei giorni scorsi più di cento bambini della Scuola Primaria “Oreste Boni” di Sorbolo hanno ricevuto la graditissima visita dello “Dsèvvod”, al secolo Maurizio Trapelli, la seicentesca maschera rappresentativa della città di Parma.
L’evento, inserito in un più ampio progetto di recupero delle radici del territorio, è stato reso possibile dalla squisita disponibilità della Famija Pramzàna e dello stesso Trapelli.
Durante l’incontro, lo Dsèvvod ha raccontato ai bambini la sua storia, ha descritto il proprio costume (dal cappello a forma di anolino al cestino di violette di Parma) ed infine li ha coinvolti in un gioco di riscoperta di alcune parole e modi di dire dialettali che li ha molto divertiti.
A conclusione della giornata, lo Dsèvvod ha colto l’occasione per sensibilizzare i bambini circa la problematica della donazione di sangue, presentando le attività dell’Avis di cui è testimonial nonché donatore trentennale


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al Dsèvvod in vìzita ala scóla “Oreste Boni” äd Sòrbol.

In-t-i giór’n indrè pù äd sént putén ädla Scóla Primärja “Oreste Boni” äd Sòrbol j han ricevù la vìzita dal “Dsèvvod”, al sécol Maurizio Trapelli, la màscra dal sesént raprezentatìva ädla citè äd Pärma.
L’evént, inserì in-t-un progét äd recùppor dil ravìzi dal teritòri, l’é stè réz posìbbil dala disponibilitè ädla Famija Pramzàna e dal stés Trapelli.
Duarnt l’incóntor, al Dsèvvod l’ha racontè ai putén la sò stòrja, l’ha descrìtt al pròpri costùm (dal capél a fórma d’ anolén al cestén äd violètti äd Pärma) e pò l’ ha coinvòlt in-t-un zógh äd riscopérta äd socuànt paròli e manéri äd dìr djaletäli e i ragàs i s’ én divartì bombén.
A concluzjón ädla giornäda, al Dsèvvod l’ ha còlt l’ocazjón par sensibilzär i putén a riguärd dal probléma ädla donasjón dal sàngov, prezentànd ilj ativitè äd l’Avis parchè al Dsèvvod l’é testimonial e donaór da pù äd trent’ àni.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle Foto; lo Dsèvvod con i bambini della scuola Oreste Boni di Sorbolo)


sabato 21 febbraio 2009

Dal Circolo il Borgo riceviamo e pubblichiamo


(Testo solo in Italiano)
“Parma, città deliziosa, europea, piccola capitale … ma di che cosa?”….
…”Si profila un percorso in salita, sul quale inerpicarsi fino in fondo: non sono ammesse scorciatoie. La meta è il futuro della nostra città, una meta elevata, e vale la fatica della salita.”
(dal messaggio del Vescovo nella festa del Patrono)

Le Associazioni
Azione Cattolica Italiana, ACLI, Associazione Medici Cattolici Italiani, A.N.S.P.I., Centro di Bioetica, Comunione e Liberazione, Comunità Betania, Famiglia Più, Circolo Il Borgo, MEIC, Movimento dei Focolari, Rinascita Cristiana, Serra Club, U.C.I.I.M., U.C.I.D., Unione Giuristi Cattolici Italiani ed il settimanale diocesano VITA NUOVA

INVITANO

i propri associati e l'intera comunità a rileggere insieme il messaggio che il Vescovo, monsignor Enrico Solmi, ha rivolto alla città di Parma in occasione della festa di S. Ilario, per

“…COSTRUIRE INSIEME LA NOSTRA CITTA'…..”

Ogni persona ed ogni associazione è chiamata ad esprimere le proprie scelte e le proprie risposte per un progetto condiviso.

L’incontro si terrà LUNEDI’ 23 FEBBRAIO alle ore 18
nella Sala Conferenze del SEMINARIO MINORE, via Solferino, 24
(ingresso auto: viale Conforti)

Per informazioni: Vita Nuova, tel.0521230451
(Nella foto il Vescovo di Parma Monsignor Enrico Solmi)

venerdì 20 febbraio 2009

INFEDELTÀ DI COPPIA: SE NE PARLA ALLA LIBRERIA BATTEI CON LO PSICOTERAPEUTA BEPPE SIVELLI




(Testo blu in Italiano)
Mercoledì 25 febbraio, alle ore 18.00, nei locali al piano inferiore della storica libreria Battei di strada Cavour, avrà luogo un interessante incontro: Beppe Sivelli, psicologo e psicoterapeuta, presenterà in anteprima a Parma il suo ultimo libro “Tra-dire e fare c’è di mezzo a-mare.

Discorsi seri e semi-seri di uno psicoterapeuta intorno al tradimento” (Nerbini). All’incontro, introdotto dall’editore Antonio Battei, parteciperà Alessandro Bosi, docente di Sociologia all’Università degli Studi di Parma.

“Ho iniziato a scrivere questo libro nella consapevolezza che il tradimento nasca insieme alla relazione” dichiara l’autore nella presentazione, “che le vie dell’inferno siano lastricate di buone intenzioni e promesse, e nella convinzione che sia più facile giurarsi fedeltà per sempre che rinnovare questo impegno giorno dopo giorno”. Docente di Psicologia clinica presso il nostro Ateneo, presidente nazionale dell’UCIPEM, Beppe Sivelli affronta, in questo piccolo saggio denso d’ironia e verità, lo scottante tema dell’infedeltà di coppia: dalle cause che spingono alle cosiddette “scappatelle” alle tante “tipologie” dell’infedele, dalle varie conseguenze del tradimento fino all’eterno e irrisolvibile dilemma se sia meglio nascondere la relazione o confessare tutto.

Non manca, poi, una simpatica raccolta di detti, citazioni e aforismi celebri sull’infedeltà, nonché una serie di stimolanti “giochi” psicologici per le coppie, che aiutano ad uscire dalla routine con creatività ed autoironia e a rinforzare il rapporto con il partner.

Dunque, un appassionante e divertente viaggio dentro l’anima che mette a nudo, con mano leggera quasi fosse un gioco, verità nascoste e segreti inconfessabili, e che incoraggia a conoscere meglio i propri desideri e a vivere una vita più vera e senza ipocrisie. L’incontro alla libreria Battei è come sempre aperto a tutti.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
INFEDELTÈ ‘D CÒPIA:
A ‘S N ‘IN PÄRLA ALA LIBRERİA BATTEI
CON AL PSICOTERAPÈUTA BEPPE SIVELLI

Marcordì 25 farvär, alj óri 18.00, in-t-i locäj al pjàn inferjór ädla stòrica librerìa Battei in sträda Cavour, a gh’ srà un interesànt incóntor: Beppe Sivelli, psicòlogh e psicoterapéuta, al prezentarà in anteprìmma a Pärma al sò ùltim lìbbor “Tra-dire e fare c’è di mezzo a-mare.

Discórs séri e sémi-séri d’un psicoterapèuta intóron al tradimént” (Nerbini). A l’incóntor, introdòtt da l’editór Antonio Battei, parteciprà Alessandro Bosi, docént äd Sociologìa a l’Univarsitè di Stùdi äd Pärma.

“J ho cminsè a scrivvor cól lìbbor chì i-t-la conisjón che al tradimént al nàsa insèmma ala relasjón” a dìz l’avtór in-t-la prezentasjón, “che il strädi äd l’infèron i sìon lastricädi äd bón’ni intensjón e promìssi, e in-t-la convinsjón ch’ a sìa pù fàcil giuräros fedeltè par sémpor che rinovär ch’ l’ impìggn chì gióron dòpa giórno”. Docént äd Psicologìa clìnica ädla nòstra Univarsitè, presidént nasjonäl äd l’UCIPEM, Beppe Sivelli al fa frónta, in còl picén sàgg’ chì pjén d’ironìa e vritè, al scotànt téma äd l’infedeltè äd còpia: dal càvsi ch’ i zbùrlon al famózi “marachéli äd còpia” al tànt “tipologìj” äd l’infedél, dal vàrjj conseguénsi dal tradimént fìnn a l’etèron e irrisolvìbbil buzìlli s ‘a vàga pù bén nascóndor la relasjón o confesär tùtt.

A ‘n mànca mìga, pò, ‘na simpàtica racòlta äd dìtt, citasjón e màsim famóz su l’infedeltè, e ‘na séria äd stimolànt “zógh” psicològich p’r il còpjj, ch’ i jùton a gnìr fóra dala “routine” con creativitè e avtoironìa e a rinforsär al rapòrt con al partner.
Dónca, un apasjonànt e divartént vjàz déntor l’ànima ch’ l’ a métta a nùd, con màn alzéra cuäzi al fùss un zógh, vritè gornädi e segrét inconfesàbili, e ch’ i dàn coràg’ par conòssor méj i pròpri dezidéri e a vìvor ‘na vìtta pù véra e sénsa ipocrizìj. L’incóntor ala librerìa Battei l’é cme sémpor avärt a tùtt.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

giovedì 19 febbraio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 19 febbraio 2009


Alessio Manzón al pu bón di Crozè in camp par Frosinón Pärma

(Per il video delle pagelle Frosinone Parma clicca qui)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)

(Il Pageli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Frozinón Pärma 1-2

Pavarén sèt : ‘na gran paräda e po’ un gol sénsa colpa, p’r al rést a ’t podäv fär dmanda äd dizocupasjón anca l’ätra sira, bón sìggn a ’n gh’è njénta da dìr

Zenón sìncov : mo al sèt che un cualchidón in curva a’t ciàma anca Pistorius? E a dir la vritè da l’andadùra ‘na cuälca vòlta a t’al pär dabón; però mi a són afesjonè a Dino parchè al nòm a’t l’ho dè mi, l’é cme sa t’avìss batzè

Castlén séz : fotocopia äd la pagéla äd jerdlà, un vót in pù che Dino parchè t’è fat tri o cuator cròss da razón, ma in diféza un pär äd dormidi da infärt

Paci séz : déz minud a l’inìssi da mèttros il man in-t-i cavì dòpa mólt mólt méj fin in fónda

Troest (Toast) sìncov : cära al me ragas incó un po’ péz äd l’ätor corasér, e difàti al Don ch’al né dorma miga da pè a ’s n’è intajè e cól tò cambi l’ha voltè la partìda ; njént äd parsonäl par caritè, sémpor màsima fiducia par tì

Lucaréli sìncov : al vót l’é p’r al mìsster pù che par tì stavolta, parchè a metè camp insomma cuand a gh’è emergènsa d’acordi, sionò l’é méj ch’a ‘t zügh dardè ch’ l’é al tò mestèr? O no ? difàti cuand a’t zi tornè dardè a’t zi stè parfét

Lunardén sìncov : oh picén, al mìsster l’ha dìt dù tòch miga vintidù, jérdlà ät paräv ‘na méza via tra Gasparón e Bùdel, fa tì i tò cónt a’t mezdäv ch ’la bala cme un sambòt mo al Don al t’arà béle dè al cichètt a st’óra

Mariga cuator : tropa tropa tropa confuzjón, chilù al so stadio giùsst secónd mi l’é via Po al campo scuola, miga al Tardini dailà, al zógh dal balón l’é n’ätra còza. Al va vindù al Cus Parma

Leòn cuator : scudéla che lavór, a ’t n’è miga imbrocäda vùnna che vùnna gnàn par zbàlj oh ! va bén a vól dìr ch’ a’t j’è tgnù p’r al Brèssa e tant ch’a tè gh’ sì va a fnìr al lavór dal barbér dai

Palòschi sìncov : a’m crìda al cór, par l’impìggn l’é déz anca sté gir, par la réza l’é zéro, la media la fa sìncov, pròprja ‘na sìra storta putén, dai che Domenica a n’é ora…….ch a tòcca a tì

Vantagè cuator : stés discórs äd Palòschi, mo in pù tròp egoìssta pòrco d’un mónd, l’èt vìsst al prìmm témp Leòn a pòrta vóda ? Sul trì a zéro col Grosseto l’ a gh’ pól stär ch’ a ‘t zi stè egoìssta, cuand a ‘t zi drè a pèrdor no chèra al me bulgaro ! Méno egoìssta e la va bén bombén d’acordì ?

Manzòn nòv : dòpa al gòl ‘na fila äd zugädi da gran centrocampìssta, chilù al balón al gh’ é da äd tì, un gol ch’ a pól dvintär decizìv par tùta la stagión ! Ah tant ch’ a gh’ va Leòn vagh adrè anca tì dal barbér che l’ùltom ch’ al t’ha tozè al gh’ äva al bal äd San Vìt a ’s vèdda

Guidolin sèt : formasjón azardäda a l’inìssi, gran cambi in córsa, bräv Don, bräv e dzämmla tùtta, anca fortunè, ‘na vòlta tant l’é giräda giùssta no ? M’arcmànd domenica Don, a né ’s pól miga zbaljär

Tifóz déz : martedì sìra rivär a Frozinón n’è miga da tùtt, par còj ch’ a gh’éra un bél déz, p’r i trentaséz da Pärma, p’ri dezdòt da Ròmma e p’r ì sèt o òt da Napoli, anca la crozäda la g’ha di tifóz dapartùtt, pòch, ma bón bombén! Adésa limpìr al Tardini domenica, limpìrol e zbrajär sionò stì a cà ! AVANTI CROCIATI !

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)

mercoledì 18 febbraio 2009

Prossimi incontri alla LIBRERIA BATTEI Strada Cavour - Parma

(Testo solo in Italiano)
MERCOLEDì 25 FEBBRAIO, ore 18.00
Presentazione del libro

TRA-DIRE E FARE C'E' DI MEZZO A-MARE
Discorsi seri e semi-seri di uno psicoterapeuta intorno al tradimento

di BEPPE SIVELLI
Docente di Psicologia clinica - Università degli Studi di Parma

Dialoga con l'Autore:
ALESSANDRO BOSI
Docente di Sociologia - Università degli Studi di Parma



GIOVEDì 5 MARZO, ore 18.00
Presentazione del libro

SCOIATTOLI E TACCHINI
Come vincere in azienda con il gioco di squadra

di
GIAN PAOLO MONTALI
mitico coach della Nazionale italiana maschile di Pallavolo

Dialoga con l'Autore:
GIAMPAOLO DALLARA
Presidente della Dallara Automobili, al vertice dell'automobilismo mondiale da competizione


TUTTI GLI INCONTRI DELLA LIBRERIA BATTEI DI STRADA CAVOUR SONO AD INGRESSO LIBERO
E SI TENGONO NELLE STANZE AL PIANO INFERIORE


martedì 17 febbraio 2009

Successo della VII° edizione del “Cantainsieme” A.N.S.P.I.

(Testo solo in Italiano)
Archiviato il Carnevale A.N.S.P.I. Diocesano, di cui ci siamo occupati nei giorni scorsi, è il momento della VII° edizione del “Cantainsieme” A.N.S.P.I., che si è svolta come tutti gli anni nella Parrocchia di San Paolo in via Grenoble 9 a Parma. Questa Parrocchia, guidata dal giovane e dinamico Don Francesco Rossolini, fa parte di una delle più attive dell’Associazione che si occupa del tempo libero e delle attività negli Oratori. Il “Cantainsieme 2009 ha coinvolto un adesione di oltre cento bambini divisi in tre categorie, dai 7 ai 10 anni, dagli 11 ai 13 anni e 5 cori.
Tra i più piccoli il primo premio è andato ad Alessia Morsia con la canzone “Bruci la città”, nella categoria aperta ai ragazzi dagli 11 ai 13 anni il primo posto è toccato al duo Virginia Paterlini e Vittoria Fontanot, mentre il primo premio dei cori è andato a Le ragazze ok con il brano “Era zoppo”. Classifiche a parte, sono state appre
zzate dal pubblico tutte le esibizioni, accompagnate da numerosi applausi. Al termine ad ogni partecipante è stato regalato un libro e ai primi classificati è stato donato un piatto con la dedica riguardante l’evento. Ha presentato come al solito Enrico Maletti consigliere provinciale A.N.S.P.I. e l’organizzazione è stata del (Centro studi musicali A.N.S.P.I.) grazie al prezioso aiuto di Nicola Gennari.
Questo l’elenco dei partecipanti.

Categoria A (7-10 anni)

I Mitici 4 (Nicolas Brambilla, Emanuele D’Onofrio, Michele Gennari, Marco Lusignani) brano
“Un amico così”

Francesca Avanzi: brano
“Adrenalina”
Elisa Iamiglio & Friends: brano
“Le tagliatelle di nonna Pina”
Anna Miserotti: brano “Il tortellino”
Alessia Morsia:brano “Bruci la città”
4 ever (Lisa Azzali, Claudia Capri, Ilaria Roffi, Eugenia Fanfoni): brano
“Il ballo di Simone”
Disco Girls (Chiara Del Monte, Ottavia Provetti, ugenia Fanfoni): brano
“Wiva la gente”
Toten (Alfredo Grisanti, Tommaso Moroni): brano “Wolfango Amedeo”
Che bello ri
dere (Anastasia Illica, Susanna Zanella, Elisa Pezzarossa): brano “Che bello ridere”
Anna e Roberta, brano
”Non ti scordar di me”

Categoria B (11-13 anni)

Francesca Vuolo e Gloria Mosca: brano“Giorni”
Virginia Paterlini e Vittoria Fontanot: brano
“La magia del vento”
Asia e Ludo: brano
“A te”
Benedetta e Amanda: brano “Vamos a bailar”
BG: brano “Piccolo uomo”
MFC: “50 special”
Gloria Mosca: brano
“Tu sei la musica in me”

Categoria C (Cori)

Le ragazze ok: brano
“Era zoppo”
Coro 5° B: brano “Go down”
Coro 3° B “ Era una casa” brano “Dedicato a te”
Coro Solingo: “Go Tell” brano
“Canto d’estate”
Coro la Cupola: brano
“I ragazzidel 2009”

I Cori sono stati diretti da Francesco, Stefania e da Luigi Piazza






lunedì 16 febbraio 2009

Carnevale A.N.S.P.I. 2009 la festa più pazza dell'anno

(Testo blu in Italiano)
Carnevale A.N.S.P.I. la festa più pazza dell’anno.

Hanno sfilato da piazza del Duomo alla Cittadella i 14 carri mascherati stracolmi di bambini per la 21° edizione del Carnevale A.N.S.P.I. ( Associazione Na
zionale San Paolo Italia) che si occupa del tempo ricreativo degli Oratori e nelle Parrocchie. Sotto la supervisione di Don Gian Pietro Poggi e dallo staff dell’A.N.S.P.I. Provinciale di Parma i carri allegorici sono sfilati in città partendo da piazza del Duomo, percorrendo via Cavour, piazza Garibaldi, via Farini, viale Maria Luigia via Passo Buole, per giungere in Cittadella dove gli attendeva un pubblico di Parmigiani composto da genitori e bambini tutti mascherati, un vero corso mascherato come usava tanti anni fa.
Per dieci notti ci siamo trovati in una decina di volontari per costruire il carro dell’”alta felicità”, ha spiegato uno dei componenti del Circolo A.N.S.P.I. Crocetta e Sant’Evasio, nei panni di un simpatico Capotreno. I carri preparati dai circoli erano tutti belli e curiosi. L’elenco dei carri, Circolo A.N.S.P.I. Crocetta, “Treno ad alta felicità”, Circolo
A.N.S.P.I. Sorbolo “Il libro magico”, Circolo A.N.S.P.I. Mezzano Inferiore, “Asterix e Obelix contro i Romani 1” Circolo A.N.S.P.I. Mezzano Inferiore “Asterix e Obelix contro i Romani 2”, Circolo A.N.S.P.I. Coenzo, Maghi e streghe alla scuola di Herry Potter, Circolo A.N.S.P.I. Beato Andrea Carlo Ferrari, “Alice nel paese delle meraviglie”, Parrocchia di Porporano, “Ritorno alla natura”, Circolo A.N.S.P.I. Baganzola, “C’era una volta un castello”, Circolo A.N.S.P.I. Casale di Mezzani, “Disneyland Casale, il favoloso mondo dei cartoni animati”, Circolo A.N.S.P.I. Cristo Risorto, “Scala 40”, Circolo A.N.S.P.I. Sorbolo “Sorbolo Car’s), Circolo A.N.S.P.I. San Leonardo, “W la neve”, Circolo A.N.S.P.I. Corcagnano, “Corcolat”, Circolo A.N.S.P.I. Sorbolo,”Salviamoci da un mare di guai”. Inoltre fatine, damigelle, uomini ragno e Ape Maia, si sono sfidati tra di loro a suon di coriandoli e balli scatenati. I vincitori sono stati selezionati dall’ A.N.S.P.I. Provinciale. Miglior carro, Coenzo, Maghi e streghe alla scuola di Herry Potter; Re e Regina del Carnevale 2009, Elisa Iamiglio, vestita da cane Pimpa e Giulio Marabutti, vestito da Gormita. La Premiazione è stata fatta dal Presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, dall’Assesore Comunale Giampaolo Lavagetto, e dall’Assessore Provinciale Gabriele Ferrari. Ospite d’onore al “Dsèvvod” secolare maschera Parmigiana interpretata da Maurizio Trapelli. Ha partecipato la Banda di Montechiarugolo con le Majorette.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Carnväl A.N.S.P.I. la fésta pù màta äd l’an’.

J han sfilè da pjàsa dal Dòm ala Citadéla i 14 càr
mascherè stracólom äd putén par la 21° edisjón dal Carneväl A.N.S.P.I. (Asociasjón Nasjonäl San Pàvol Italia) ch’ l’a s’òcupa dal témp ricreatìv di Oratòri e in-t-il Paròchi. Sòtta la supervizjón äd Don Gian Pietro Poggi e dal staff äd l’A.N.S.P.I. Provinciäl äd Pärma i càr alegòrich j han sfilè in citè parti da pjàsa dal Dòm, e j han percórs via Cavour, pjàsaa Garibäldi, via Farini, viäl Maria Luvìggia via Passo Buole, par rivär in Citadéla indò gh’ éra a spetärja un pùbblich äd Pramzàn compòst da genitór e putén tutt mascherè, un vér córs mascherè cme gh’ éra tànt àni fa.
Par déz nòti a ‘s sèmma catè in-t-na dezén’na äd volontäri par costruìr al càr dell’”alta felicità”, l’ ha spieghè vón di componént dal Cìrcol A.N.S.P.I. Crozèta e Sant’Evasio, in-t-i pan’ d’ un simpàtich Càptreno. I càr preparè da i cìrcol
j éron tutt béjj e curjóz. L’elénch di càr, Cìrcol A.N.S.P.I. Crozètta, “Treno ad alta felicità”, Cìrcol A.N.S.P.I. Sòrbol “Il libro magico”, Cìrcol A.N.S.P.I. Mzan Inferjór, “Asterix e Obelix contro i Romani 1” Cìrcol A.N.S.P.I. Mzan Inferjór “Asterix e Obelix contro i Romani 2”, Cìrcol A.N.S.P.I. Coénsi, “Maghi e streghe alla scuola di Herry Potter”, Cìrcol A.N.S.P.I. Beato Andrea Carlo Ferrari, “Alice nel paese delle meraviglie”, Parròchia äd Porporàno, “Ritorno alla natura”, Cìrcol A.N.S.P.I. Bagansóla, “C’era una volta un castello”, Cìrcol A.N.S.P.I. Casäl d’ e Mzan, “Disneyland Casale, il favoloso mondo dei cartoni animati”, Crcol A.N.S.P.I. Cristo Risòrt, “Scala 40”, Cìrcol A.N.S.P.I. Sòrbol “Sorbolo Car’s), Cìrcol A.N.S.P.I. San Leonärd, “W la neve”, Ciìcol A.N.S.P.I. Corcagnàn, “Corcolat”, Cìrcol A.N.S.P.I. Sòrbol,”Salviamoci da un mare di guai”. Inóltr fatén’ni, damigéli, òmm ràgn’ e Ape Maia, i sén sfidädi tra lór con coriàndol e bàl scadnè. I vincitór jén stè selesjonè da l’ A.N.S.P.I. Provincjäla . Al pu bél càr, Coénsi, “Maghi e streghe alla scuola di Herry Potter”; Re e Regén’na dal Carneväl 2009, Elisa Iamiglio, vistìda da càn Pimpa e Giulio Marabutti, vistì da Gormita. La Premiasjón l’é städa fàta dal Presidént ädla Provìncia Vincenzo Bernazzoli, da l’Asesór Comunäl Giampaolo Lavagetto, e da l’Asesór Provincjäl Gabriele Ferrari. Òspit d’onór al “Dsèvvod” secolär màsccra Pramzàna interpretäda da Maurizio Trapelli. Ha partecipè la Banda äd Monc’rùggol con il sò Majorette.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: Maurizio Trapelli "Dsèvvod" con il Re e la Regina del Carnevale A.N.S.P.I. 2009, cinque bambini mascherati che indossano la scritta A.N.S.P.I., Don Gian Pietro Poggi Presidente dell' A.N.S.P.I. Provinciale mentre premia alcuni componenti di un carro, sei carri allegorici mentre sfilano in Cittadella, Don Poggi in un intervista, la Banda di Montechiarugolo di Cesare Pataccini diretta dal Maestro Sergio Zanani, l'Assessore Gian Paolo Lavagetto mentre premia una maschera.)


Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 16 febbraio 2009

Nicola Pavarén al pu bón di Crozè in camp par Pärma Grosseto

(Per il video delle pagelle Parma Grosseto clicca qui)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Grosseto 4-0

Pavarén déz : stär n’ora e méz praticamént sénsa fär njénta col frèd ch’ a gh’ éra a mèrita al masim di vót ! fùsson tùtt cme ‘l Grosseto, ah gamba äd sènnor !

Zenón séz : zugär a cuàtor, vól dir stär un po’ pù manciè lì dardè, fòrsi fòrsi méj acsì a né ’t gh’ äv miga ‘na gran inviäda da fär di chilòmetri jerdlà

Castlén sèt : confrónt a Dino un dù, trì cross in pù bén fat, miga un granché però mólt méj che j ùltmi partìdi ch’a gh’éra da mèttros il man in-t-i cavjj

Paci sèt : a stär al statistichi al Grosseto al gh’ äva un sjòr atàch invéci ierdlà gnànca un tir in porta e in-t-l’unich méz perìccol un gran recùpor in area ! avanti acsì

Troést (Toast) òt : lasè in banchén’na a meditär insìmma a la partìda dizastròsa d’Ancón’na, col ragas chi al g’ha mìss dù secónd p’r armèttros in caregiäda ! Bräv bräv bräv !

Lunardén sèt : l’ultma vòlta a són stè un po’ trop cativ con col ragas chi ch’ al dimòstra se non ätor d’avér vója äd fär bén, e con ilj àrïi ch’ a tira l’é béle cuél, béla partida ecco col Grosseto al paräva al Zoratto giùst dabón

Bùdel séz : ancòrra con ch’ ilj orècci lì ? dai ormäj l’ämma capìda, sarìs un lavór da fùrob dmandär scùza e därgh un taj e pensär a cambiär märcia de ‘d chi andär in fónda ! o no ??? consìli valid par tùtt miga par tì e basta

Mariga séz : a ’t zè cme l’é, a Carpanèddol i s’ én alenè insìmma à di camp strepitóz, artornär a zugär insìmma ai camp äd grùggn cme i nòstor i ’s fan mäl tùtt, sarìss miga méj zugär anca il partìdi äd campionèt al Mundial 82 ? al digh piàn sionò ‘ na cuälca vólpa la gh’ pénsa anca su

Leòn sèt : prónt insìmma a dò situasjón da sfrutär, p’r al rést lasämma pärdor, a partìr da la tozäda! cò dit vè balla coi lupi, sérca äd fär balär un cuälch difensór in pù

Palòschi déz : no mo mì a digh, cme mäj col ragas chi l’é marsì in banchén’na par cuäzi tùt al girón d’andäda ? anca sénsa gol al còrra par sìnch al g’ha ‘na vlontè spaventóza e l’é sémpor educhè e pozitìv coj tifóz ! insòma a s’è capì che mì p’r al ragasén a stravèd ? e garantì ch’ a ‘n són miga l’ùnnich

Vantagè déz : dù gol, al novantézim ancàrra a fär al tarsèn, zugädi da gran zugadór, s ’a gh’ fämma al vaccino a la zvélta chilù andär in fónda al sé fa divartìr, un po’ meno j’avarsäri ! a tutt il manéri l’é la fotocopia dal bulgaro dabón l’ ìv vìsst ? mì a ’n sò gnànca cme a ’s ciäma tant al ciàm Hristo

Guidolin déz : Dio gràsia mìsster ch’ al gh’é lù a tgnìr la stàla saräda, l’éra un bél pò che a Pärma a ’n gh’éra n’alenadór acsì in sintonìa con Pärma, ch’ a né gh’ vól po’ miga chisà che gran còzi, basta fär miga ì pajàss e al Don al l’ha capì sùbit ! Andämma bén bombén mìsster !

Soceté sénza vót : fämma tira e mòla, cualchidón a sé spéta al vót e mi a né gh’ dagh mìga la sodisfasjón äd därgol, acsì a gh’ dagh mìga dil scùzi äd brangonjär ! mo al riva stì sicur ch’ al riva, l’ às äd brìsscola l’é in sacòsa prónt da ésor zughè! AVANTI CROCIATI !

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)


domenica 15 febbraio 2009

Alcune parole riguardanti i prodotti della nostra terra. Formaggi, salumi e gastronomia, in Italiano e dialetto Parmigiano

(Testo blu in Italiano, testo giallo dialetto Parmigiano)
Norcino - Masén
Macellaio -
Bcär (da Beccherie)
Pecorino -
Pegrén o formàj 'd pégra
Formaggio pecorino - Formàj 'd pégra
Formaggio tenero - Formajén frèssch
Formaggio piccante -
Formàj ch'a psìga
Spicchio di formaggio - Pónta 'd formàj
Forma di formaggio -
Formàja
Formaggiaio - Formajär
Burro -
Butér
Casaro -
Casär
Salume -
Salùmm
Salumiere - Salumér, Salamär, Lardaról, Psigaról
Prosciutto - Parsùtt
Pancetta - Pansètta
Mortadella -
Mortadéla
Pancetta affumicata -
Pansètta fumäda
Pancetta salamata -
Pansètta vojäda
Cotechino -
Codghén
Cotenna -
Còddga
Cotenne e fagioli -
Còddghi e Fazò
Zampone - Sanfón o sampón
Maiale - Gozén
Maiale morto -
Nimäl
Culatello - Culatél
Spalla cotta di San Secondo - Spàla còta äd San Zgónd
Spalla -
Spàla
Insaccato -
Insachè
Coppa -
Còppa o Bondjóla
Stracchino -
Strachén
Gasgtronomia -
Ärta 'dla cuzén'na
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)

(Le parole sono tratte dal dizionario Italiano - dialetto Parmigiano di Guglielmo Capacchi, Artegrafica Silva e dal libro "Cameriere un Articiòch!!!" parole curiose e bizzarre del dialetto Parmigiano, di Antonio Battei e Enrico Maletti, Casa Editrice Battei)


giovedì 12 febbraio 2009

Venerdì 13 è la Giornata internazionale del risparmio energetico

(Testo solo in Italiano)
Ci siamo, come preannunciato, Venerdì 13 è la Giornata internazionale del risparmio energetico, M'illumino di meno . Proprio stasera hanno dato voce ad una ricercatrice della IEA (Agenzia Internazionale dell'Energia), che ha snocciolato un paio di cifre interessanti: il 50% dell'energia viene consumata da noi cittadini, il restante dall'industria e trasporti. Se cambiassimo tutte le nostre luci ad incandescenza con quelle a basso consumo potremmo chiudere la metà delle centrali nucleari mondiali.

Buone abitudini per il 13 febbraio (e anche dopo!)

1. spegnere le luci quando non servono

2. spegnere e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici

3. sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l'aria

4.mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l'acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola

5.se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre

6.ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria

7.utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne

8.non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni

9. inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

10. utilizzare l'automobile il meno possibile e se necessario condividerla con chi fa lo stesso tragitto.

E ricordati di spegnere tutte le luci e i dispositivi elettrici non indispensabili venerdì 13 febbraio alle ore 18.00!

RISPARMIARE L'ACQUA SI PUO GLI SCOUT HANNO GIA' COMINCIATO, E TI INVITANO AD AIUTARLI

Meglio un bicchiere che bere dal rubinetto: 1,5 litri d'acqua risparmiati ogni volta

Un rubinetto che perde 30 gocce al minuto spreca circa 200 litri d'acqua al mese e 2.400 all'anno

Lavatrice e lavastoviglie a pieno carico 11.000 litri d'acqua potabile risparmiati

Meglio una doccia che un bagno: 150 litri d'acqua potabile risparmiati ogni volta

Se chiudi il rubinetto mentre spazzoli i denti risparmi ogni volta 2,5 litri d'acqua

Tre litri d'acqua potabile risparmiati ogni volta se laviamo gli alimenti in un contenitore

Ogni volta che usiamo lo scarico del WC usiamo 5 litri d'acqua potabile

Se uno sciacquone che perde acqua nel water, anche in modo impercettibile, scarica oltre 2.000 litri di acqua in un giorno.

Recuperiamo circa 2 litri d'acqua, se riutilizziamo per lavare i piatti l'acqua calda con cui si cuoce la pasta, acqua peraltro molto sgrassante.

Luigi Vignoli
Comunità Foulards Bianchi Emilia Romagna

mercoledì 11 febbraio 2009

ELENCO CARRI PRESENTI AL 21° Carnevale ANSPI


(Testo solo in Italiano)

ELENCO CARRI PRESENTI AL
21° Carnevale ANSPI

L’appuntamento con la 21a edizione del Carnevale ANSPI, è fissato per sabato 14 febbraio in piazza Duomo alle 14.30.
La manifestazione offre un’ occasione di svago divertente e fantasioso e di aggregazione e spensieratezza, in un momento di non facili condivisioni, nell’ atmosfera del Carnevale.
La sfilata dei carri, partendo da piazza Duomo alle ore 15, si snoderà fino alla Cittadella passando per via al Duomo, via Cavour, piazza Garibaldi, via Farini, viale Martiri della Libertà, via Passo Buole, accompagnata dalla musica della Banda di Montechiarugolo con le sue majorettes. In Cittadella la festa si concluderà con la premiazione dei carri e la proclamazione del vincitore della manifestazione in base alla classifica stilata dalla giuria formata da Al Dsèvvod, maschera di Parma interpretata da Maurizio Trapelli, da rappresentanti della vita politica locale, esponenti del Parma calcio, giornalisti di stampa e TV locali. Seguirà l’incoronazione del re e della regina del Carnevale 2009.
E’ assicurata la presenza di quattordici carri creati dai circoli ANSPI di Parma e Provincia.



CARRI E CIRCOLI A.N.S.P.I. PRESENTI


CARRI ALLEGORICI

Circ. Anspi Crocetta
TRENO AD ALTA FELICITA’




Circ. Anspi Sorbolo
IL LIBRO MAGICO




Circ. Anspi Mezzano Inferiore
ASTERIX e OBELIX CONTRO I ROMANI 1




Circ. Anspi Mezzano Inferiore
ASTERIX e OBELIX CONTRO I ROMANI 2




Circ. Anspi Coenzo
MAGHI E STREGHE ALLA SCUOLA DI HARRY POTTER




Circ. Anspi Beato Andrea Carlo Ferrari
ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE




Parrocchia di Porporano
RITORNO ALLA NATURA




Circ. Anspi Baganzola
C’ ERA UNA VOLTA UN CASTELLO




Circ. Anspi Casale
DISNEYLAND CASALE (IL FAVOLOSO MONDO DEI CARTONI ANIMATI)




Circ. Anspi Cristo Risorto
SCALA 40




Circ. Anspi Sorbolo
SORBOLO CAR'S




Circ. Anspi S.Leonardo
W LA NEVE




Circ. Anspi Corcagnano
CORCALOT




Circ. Anspi Sorbolo
SALVIAMOCI DA UN MARE DI GUAI




N.B: In caso di maltempo la festa è rinviata a sabato 21 febbraio oppure a sabato 28 febbraio in caso di maltempo nelle date precedenti

lunedì 9 febbraio 2009

Le donne Italiane amano gli uomini bassi.





(Testo blu in Italiano)
Hanno personalità, sono simpatici, carismatici e autoironici. E infine, elemento non di poco conto, sono umili. Sono questi i motivi per cui le donne sembrano preferire gli uomini di statura bassa piuttosto che quelli alti. E' quanto risulta da una ricerca svolta dall'associazione "Donne e Qualità della Vita", presieduta dalla sessuologa Serenella Salomoni, su un campione di 560 donne di età compresa tra i 18 e i 55 anni. L'altezza è importante, afferma il 31% di loro, meglio, però, se la statura è bassa (30%) rispetto a quella alta (27%). I più affascinanti? «Pierino la peste», ovvero il conduttore tv Piero Chiambretti (altezza 166 cm) preferito dal 20% delle intervistate e il premier Silvio Berlusconi (171 cm) (19%). Seguono il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta (160 cm), scelto dal 16%, Pupo (165 cm) dal 12%, il campione olimpico Yuri Chechi (162 cm) per il 10%. Chiudono la classifica il conduttore tv Giancarlo Magalli (163 cm) per l'8%, l'eterno scugnizzo Nino D'Angelo (164 cm) per il 6%, i due centauri Marco Melandri (166 cm) e Max Biaggi (170 cm), rispettivamente per il 4 e il 2%, e il cantante Riccardo Cocciante, una voce che si innalza al cielo per i suoi 167 cm d'altezza (3%). Nella nostra rivista abbiamo aggiunto il Parmigiano Enrico Maletti, fine dicitore e cultore del dialetto Parmigiano, statura (160 cm), senza percentuale perché conosciuto solo nell’ambito di Parma.I più bassi vengono preferiti perché, dice il 26% delle intervistate, le fa sentire a proprio agio e al centro dell'attenzione (visto che non c'è il bel fusto di turno a sopraffarle) o comunque non le mette in soggezione (26%). Più spudoratamente, un quarto del campione (il 25%) afferma di sentirsi in un maggiore equilibrio fisico tra le braccia di un uomo di altezza contenuta, con il quale non deve improvvisarsi acrobata per un semplice bacio. Bocciati invece i falsi miti che da sempre bollano «i piccoli uomini», visti come cattivi (22%), aggressivi (20%), invidiosi (18%), subdoli (17%) e arrivisti (16%) in conseguenza del loro aspetto fisico



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Il dònni Italjàni i preferìsson j òmm picén.
I gh’ han parsonalitè, j én simpàtich, carismàtich e autoirònich. L’è ala fén, elemént mìga äd pòch cónt, j én ùmil. J én còsst i motìv parchè a pära che il dònn i preferìsson j òmmi äd statùra picén’na putòst che ch’ i ält. L’é cuant rizùlta da ‘na ricérca zvòlta da l'asociasjón "Dònni e Cualitè ädla Vìtta", presiedùda dala sesuòloga Serenella Salomoni, insìmma a ‘n campjón äd 560 dònni d’ etè compréza tra i 18 e i 55 àni. L'altèssa l’é importànta, a dìz al 31% äd lór, méj, però, se la statùra l’é bàsa (30%) rispét a còlla älta (27%). I pù afasinànt? «Pierino la peste», ovéro al condutór tv Piero Chiambretti (altèssa 166 cm) preferì dal 20% dilj intervistädi e al premier Silvio Berlusconi (171 cm) (19%). Po’ al minìsstor ädla Pùbblica Aministrasjón, Renato Brunetta (160 cm), sarnì dal 16%, Pupo (165 cm) dal 12%, al campjón olìmpich Yuri Chechi (162 cm) p’r al 10%. Sära su la clasìfica al condutór tv Giancarlo Magalli (163 cm) par l'8%, l'etéron rgas Napoletàn Nino D'Angelo (164 cm) p’r il 6%, i du centàuri Marco Melandri (166 cm) e Max Biaggi (170 cm), rispetivamént p’r al 4 e il 2%, e al cantànt Riccardo Cocciante, ‘na vóza ch’l’ a s’ inälsa al cél p’r i sò 167 cm d'altèssa (3%). In-t-la nòstra rivìsta émma zontè al Pramzàn Enrico Maletti, fén dicitór e cultór dal djalètt Pramzàn, altèssa (160 cm), sénsa percentuäla parché consù sól in-t-l’ ambìt äd Pärma.I pù picè i vénon preferì parché, a dìz al 26% dilj intervistädi, alj a fa sintìr a propri còmod e al céntor äd l'atensjón (vìsst che a ‘n gh’é al bél fùsst äd tùron a soprafäria) o comùnncue al ‘n j à mètta mìga in sogesjón (26%). Pù spudoratamént, un cuärt dal campjón (al 25%) a dìz äd sintìros in-t-un magiór ecuilìbbor fìzich tra i bràs äd n’ òmm d’ altèssa bàsa, con al cuäl l’a ‘n gh’à mìga da improvizäros acròbat p’r un sémplic bäz. Bocè invéci i fäls miti che da sémpor i bòllon «j òmmi picén», vìsst cme catìv (22%), agresìv (20%), invidióz (18%), fäls (17%) e arivìssta (16%) in conseguénsa dal sò aspétt fìzich
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, Piero Chiambretti, il Ministro Renato Brunetta, Jury Chechi, Enzo Ghinazzi (Pupo) e il Parmigiano Enrico Maletti. La statura di queste persone è inferiore a 171 cm,)











domenica 8 febbraio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 8 febbraio 2009

(Per il video delle pagelle Ancona Parma clicca qui)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Ancón’na Pärma 2-0

Pavarén séz : dò gran parädi par zlongär l’agonia mo insìmma ai du gol in méza cme un giovedì tutt dò il vòlti ! D’ògni tant a tìr fòra Napoleón ch’al dzäva méj fortunè che bräv, e séns’ätor tì fortunè a ’n t’al sì mìga

Castlén dù : partì a destra sémp’r in ritärdi, i gnävon zò cme al cortél in-t-al butér da ch’ la pärta lì, Pavlén fòrsa e coràg’ sionò chi cavì lì i rìvon in fónda ai pè s’andäma avanti acsì

Paci trì : co gh’ ävot il psìghi a farvär ? da l’andadùra a paräva äd sì, a gh’ la cavämma a drisär la stagjón andär in fónda ? No parchè chi l’ é drè a gnìr nòta tròp bonóra ch’ ära al me ragàs

Troest (Toast) dù : va a fär di complimént a la génta tì, sul prìmm gol a ’s’ l’ é fat pasär davanti cme ‘na Panda con un Feräri ! Intrègh cme un tòch äd lèggn ! Voltär pagina subìt !

Lucaréli dù : grasjè da l’arbitro un pär äd vòlti sionò l’éra ròss sèch e la prosima fésta i podävon andär a catär i parént insèmma lù e so fradél ! Che trio Lescano lì dardè, j’ han zughè con trì centräl e ciapè dù gol d’ in méza sénsa nisón ! Sincronia parféta, njént da dir !

Lunardén dù : al g’ha ancòrra da catär la pozisjón giùssta adésa dòpa du dì, n’é miga ch’al somìllia a Zoratto d’adésa ah par cäz ? No parchè äd Zoratto a ‘m pära ch’ al gàbia l’altéssa e basta

Pisanu cuàtor :a la portämma a fär bendìr ch’ la fàsa da capitàn lì ? No par via che chi la mèta su in- t-na manéra o in ch’ l’ ätra al tàca a girär stòrt ! Dai Andrea che l’ätra sira t’è fàt cuäzi rìddor

Bùdel zéro : la ’t va bén che al me amìhg Mauro Manära al s’è mìss a dezdòt àn a fär di sorbètt strepitóz, sionò ancòrra adésa lì al tò pòst al zugarìss lù sénsa discusjón. Anca s’ l’ é dal s’santatrì cme mì, al va al dòpi, ansi andämma al dòpi !

Antonéli (Altobéli) cuàtor : l’é durè du minùd, l’é n’ätor cme Papón chilù, s’al vén su al secónd témp al fa stravèddor, da l’inìzi l’è tùtta n’ätra fòla

Palòschi séz : lù e Vantagè a s’ é vìsst che alméno i s’ én impgnè e miga pòch ! Sfortunè a livél da färos bendìr, tén dur putén ch’ a rìva la tò ora, basta ch’ at contìnui acsì, sta trancuìll ch ’al sèmma che tì a ’t mòl miga, i lavatìv a j a conosèmma benìssim e ti a ’t zì l’ esàt conträri !

Vantagè sèz : Oh Bulgaro fa la vacinasjón a la zveltén’na prìmma ch’at ciàp al vìrus ch’ a gira a Pärma da un pär d’an’, móvot parchè a ’t gh’è da continuär acsì, vlontè, grénta, corsa sénsa paura e po’ a ’t vedrè che a Pärma andrämma sémpor d’acòrdi e dai ch’al vén dai ch’al vén dai ch’al vén, sabot al gol al rìva secónd mi

Guidolin déz : Don, secónd mi s’a ‘t tornìss indrè äd trì méz…….o no ? A ’t zi l’ultma sperànsa, parchè a’n gh’è ätor chi csì, al desèrt pù totäl, a ’t tòcca fär tut tì, òcio al vìrus anca ti, Don va zò d’vanga guärda in facia a nisón, ma manda in camp vùndos parsón’ni ch’ a bòca la bala, col li e basta, a’s n’in pól pù chi !

Tifóz déz e lode : sincuanta mézi giornädi äd féri al lavór, viàz biljètt e tutt al rést par vèddor vùndoz parsón’ni che in féri a pära ch’ i gh’ sìon sémpor ! Provämma sabot tutt cuant a där n’ätor sburlón a chilór, molämma miga nojätor sionò lé nota dabón ! AVATI CROCIATI !

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)

sabato 7 febbraio 2009

8 febbraio 2009 Giorgio Capelli spegne 66 candeline


(Testo blu in Italiano)
Ciao “PROF”
Tanti auguri di buon compleanno da un tuo ex allievo di 44 anni fa.
Se oggi ti ricordo volentieri vuol dire che hai lavorato bene.
BUON COMPLEANNO


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Ciao “PROF”
Tant avguri äd bón compleàn da un tò ex aliév äd 44 àni fa.
Se incó a 't ricòrd volentéra a vól dìr ch'a t'è lavorè bén.
BÓN COMPLEÀN
(Tgnèmms vìsst)
(Pramzàn dal sas)


(Nella foto, Giorgio Capelli e Enrico Maletti. Insegnante e allievo che dopo 44 anni si sono ritrovati e sono due cultori del dialetto Parmigiano)

Tutto pronto per la 21° edizione del carnevale A.N.S.P.I.di Parma

(Testo blu in Italiano)
Sabato 14 febbraio ore 15, tutto è pronto per questa data per la 21° edizione del corso mascherato cittadino. Si partirà da piazza del Duomo e poi si arriverà in Cittadella percorrendo via al Duomo, via Cavour, piazza Garibaldi, via Farini, viale Martiri della Libertà, via Passo Buole. Sono previsti una quindicina di carri provenienti dai Circoli Parrocchiali A.N.S.P.I. di Parma e provincia, inoltre gruppi di maschere di qualsiasi età. A precedere e rallegrare la manifestazione sarà la New Band di Montechiarugolo di Cesare Pattacini con le sue majorettes. La giuria sarà composta da alcuni rappresentanti del Comune e dalla maschera di Parma al “Dsèvvod” Maurizio Trapelli, in rappresentanza della Famìja Pramzàna. Saranno premiati i migliori carri e verranno incoronati il Re e la Regina del Carnevale 2009. Anche quest’anno il merito dell’organizzazione va allo staff dell’A.N.S.P.I. che da 21 anni si occupa di questa manifestazione che coinvolge tutta la città.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Tutt prónt par la 21° edisjón dal carnväl A.N.S.P.I. äd Pärma

Sàbot 14 farvär alj ór 15, tutt l’é prónt par ch’la däta chì par la 21° edisjón dal córs mascherè citadén. A ‘s partirà da pjàsa dal Dòm e pò a ‘s rivarà in Citadéla par parcòrror via al Dòm, via Cavour, pjàsaGaribäldi, via Farini, viäl Màrtir ädla Libartà, via Passo Buole. E’ prevìst ‘na quindzén’na äd car provenjént dai Cìrcol Parochiäl A.N.S.P.I. äd Pärma e provincia, di grupp äd masscri äd cualsìasi etè. A precédor e ralegrär la manifestasjón sarà la New Band äd Monc’ruggol äd Cesare Patacén con il sò majorettes. La giuria la srà compòsta da socuànt raprezentànt dal Cmón e dala masscra äd Pärma al “Dsèvvod” Maurizio Trapelli, in raprezentànsa ädla Famìja Pramzàna. A srà premiè i pu béj càr e incoronè al Re e la Regén’na dal Carneväl 2009. Anca st’anno al mérit äd l’organizasjón la va al staff äd l’A.N.S.P.I. che da 21 àni al s’òcupa äd cla manifestasjón chì ch’ l’ intarésa tùtta la citè.
(Tgnèmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto, alcuni momenti dell'arrivo dei carri in Cittadella per il carnevale 2008 e la premiazione fatta dalla maschera Dsèvvod)