Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







venerdì 29 maggio 2009

Presentato il nuovo blog degli ex Giallo blu

(Testo blu in Italiano)
http://noiexgialloblu.blogspot.com/ è il nome del nuovo blog degli ex Giallo blu presentato alcune sere fa in occasione della premiazione del quattordicesimo “Tardini d’oro”. Come abbiamo già scritto in precedenza, il “Tardini d’oro” 2009 è andato a Massimo Barbuti, indimenticato bomber del Parma degli anni 80, con il “Tardini d’Argento” 2009 è stato premiato Gianfranco Migliazzi, per più di vent’anni è stato accompagnatore della squadra del Parma, mentre il premio “ Dante Boni” 2009 è andato al giovane Niccolò Galli che attualmente milita nelle file del Pergocrema. Nella serata, svoltasi al ristorante Romani di Vicomero, alla presenza di 120 ex dirigenti e giocatori Crociati, si è colta l’occasione per presentare il blog degli ex Giallo blu. Il blog è già in funzione da alcune settimane ed è stata inserita la storia degli ex Giallo blu dalla fondazione avvenuta nel 1995, il nome dei fondatori, il Consiglio Direttivo, le attività in essere, i premiati con il “Tardini d’oro”, da Cestmir Vycpalek nel 1996, a Massimo Barbuti nel 2009, il “Tardini d’Argento” da Amedeo Cattani nel 1999, a Gianfranco Migliazzi nel 2009. Inoltre il premio “Dante Boni” per il miglior giovane Crociato dell’anno, da Simone Barone nel 1999, a Niccolò Galli del 2009. Inoltre nel blog sono stati inseriti i riconoscimenti speciali, organizzazione di attività e manifestazioni sportive, calcio a cinque, calcio a undici, il Memorial Mongardi e l’omaggio alla città per l’inaugurazione del campo sportivo di San Lazzaro, ex Federale, ora, "Impianto Sportivo Aldo Monardi" che ha militato nei Crociati negli anni cinquanta ed è stato uno dei soci fondatori degli ex Giallo blu.
Buona navigazione a tutti sul blog “noiexgialloblu.blogspot.com” .


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Prezentè al nóv blog di ex Giäld e blu
http://noiexgialloblu.blogspot.com/ l’é al nòm dal nóv blog di ex Giäld e blu prezentè socuànt sìri fa in ocazjón ädla premiasjón dal cuatordicézim “Tardini d’or”. Cm’ èmma zà scrìtt in precedénsa, al “Tardini d’or” 2009 l’é andè a Massimo Barbuti, bomber dal Pärma in-t-i àni 80 che i tifóz Crozè i n’ han mìga scordè, con al “Tardini d’Argént” 2009 è stè premiè Gianfranco Milias, par pù äd vint’ àni l’é stè compagnadór ädla scuädra dal Pärma, e al prémi “ Dante Boni” 2009 l’é andè al giòvvon Niccolò Galli che atualmént al zuga in-t-al Pergocrema. In-t-la seräda, al ristorant Roman äd Videgmér, ala prezénsa äd 120 ex dirigént e zugadór Crozè, è s’tè anca prezentè al blog di ex Giäld e blu. Al blog l’é béle in funsjón da socuànt stmàni e gh’ é stè mìs déntor la stòrja di ex Giäld e blu dala fondasjón in-t-al 1995, al nòm di fondatór, al Consìlli Diretìv, ilj ativitè d’adésa, i premiè con al “Tardini d’or”, da Cestmir Vycpalek in-t-al 1996, a Massimo Barbuti in-t-al 2009, al “Tardini d’Argént” da Amedeo Catàn in-t-al 1999, a Gianfranco Milias in-t-al 2009.
Inóltra al prémi “Dante Boni” p’r al pù bón zugadór Crozè äd l’an’, da Simón Barón in-t-al 1999, a Niccolò Galli dal 2009. Pò in-t-al blog gh’ é anca inserì i riconosimént specjäl, organizasjón d’ativitè e manifestasjón sportìvi, calcio a sìncov, calcio a vùnndos, al Memorial Mongärdi e l’omag’ ala citè par l’inaugurasjón dal camp sportìv äd San Làzor, ex Federäl, adésa "Impiant Sportìv Aldo Monärdi" ch’ l’ ha militè in-t-i Crozè in-t-i àni sincuanta e l’é stè vón di sosi fondatór di ex Giäld e blu.
Bón’na navigasjón a tùtt sul blog “noiexgialloblu.blogspot.com”.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(cliccare per ingrandire le foto)
(Nelle foto: 1) I componenti del Consiglio Direttivo degli ex Giallo blu, con Massimo Barbuti, manca solo Alberto Michelotti, 2) Torregiani, Guidolin, Toscani, Bonci, 3) Guidolin con il più anziano degli ex Giallo blu, 4) il bomber del Parma degli anni ottanta Massimo Barbuti e il giornalista Gianfranco Belle durante la premiazione del "Tardini d'Oro" 2009, 5) Alessandro Melli mentre premia il giovane Niccolò Galli, 6), l'Assessore allo sport del Comune di Parma Roberto Ghiretti mentre premia Gianfranco Migliazzi, per più di vent'anni è stato l'accompagnatore del Parma calcio.)
(Parmaindialetto ringrazia lo "Studio Foto Carra" di Parma per avere autorizzato la pubblicazione delle foto della serata.)










martedì 26 maggio 2009

Buon compleanno al Ministro Renato Brunetta. Amico di Parma

(Testo blu in Italiano)
Oggi 26 maggio, spegne 59 candeline il Ministro per la Pubblica Amministrazione On. Renato Brunetta. In questo periodo il Ministro Brunetta è stato ospite di Parma per alcune volte, la prima al D.U.C di Parma, dove ha portato come esempio positivo l’efficienza degli uffici in tutta Italia, l’ultima sua visita è stata per accompagnare la campagna elettorale del Dott. Giampaolo Lavagetto come presidente della Provincia di Parma. Visto che l’ On. Renato Brunetta si definisce un simpatizzante della città di Parma, “Parmaindialetto" coglie l’occasione per augurargli buon compleanno.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Bón compleàn al Minìsstor Renato Brunètta. Amìgh äd Pärma

Incó 26 mag’, a zmòrsa 59 candlén’ni al Minìsstor par la Pùblica Aministrasjón On. Renato Brunètta. In còll perìod chì al Minìsstor Brunètta l’é stè òspit äd Pärma par socuànt volti, la prìmma al D.U.C äd Pärma, indò l’ha portè cme ezémpi pozitìv la validitè di ufìssi in tutt Itàlja, l’ùltma sò vizita l’é städa par compagnär la campagna eletoräla dal Dott. Giampàvol Lavagètt cme presidént ädla Provìncia äd Pärma. Vìsst che l’ On Renato Brunètta al ‘s definìssa un simpatizànt ädla citè äd Pärma, “Parmaindialetto” al tóz l’ocazjón p’r avgurärogh bón complean.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmos vìsst)

domenica 24 maggio 2009

Niente pagelle per Parma Vicenza


(Testo blu in Italiano)
A seguito della disgrazia accaduta allo stadio Tardini poco dopo l'inizio della ripresa della partita Parma Vicenza e costata la vita al giovane tifoso del Vicenza Eugenio Bortolon di soli 19 anni, la rubrica “Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn” è stata sospesa. Parmaindialetto esprime le più sentite condoglianze alla famiglia Bortolon di Isola Vicentina in provincia di Vicenza, per la perdita del giovane Eugenio.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Njénta pagéli par Pärma Vicénsa
A séguit ädla disgràsja al camp sportìv Tardini pòch dopa l'inìssi dal secónd témp ädla partida Pärma Vicénsa e costäda la vìtta al giòvvon tifóz dal Vicénsa Eugenio Bortolon sól 19 àni, la rubrìca “Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn” l’é städa sospéza. Parmaindialetto l’ esprìmm il pù sentìdi condoljànsi ala famìja Bortolon d’ Isola Vicentén’na in provincia äd Vicénsa, par la pèrdita dal giòvvon Eugenio.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella foto tratta da
www.gazzettadiparma.it :il giovane Eugenio Bortolon)

venerdì 22 maggio 2009

Questa sera al Ristorante Romani di Vicomero il quattordicesimo Tardini d’oro degli “Ex giallo blu”







(Testo blu in Italiano)
Avevamo già parlato alcuni giorni fa della premiazione per quattordicesimo “Tardini d’oro” che tutti gli anni gli “Ex gialloblu “ assegnano a personaggi del mondo del Parma calcio.
Come già detto, quest’anno verrà premiato con il “Tardini d’oro” Massimo Barbuti, indimenticato bomber dei Crociati degli anni 80, Il “Tardini d’argento” a un altro simpatico personaggio dal cuore Crociato Gianfranco Migliazzi, che per più di un ventennio ha accompagnato la squadra del Parma negli incontri sia casalinghi che in trasferta. Mentre il premio “Dante Boni” 2009, verrà consegnato al giovane emergente giocatore Niccolò Galli ora in forza al Pergocrema.
Ma la novità della serata sarà presentata durante la premiazione


(Testio giallo dialetto Parmigiano)
Stasìra al Ristorànt Romàn äd Videgmér al cuatordicézim Tardini d’or di “Ex giäld e blu”

Ävom zamò parlè socuànt gióron fa dil premiasjón p’r al cuatordicézim “Tardini d’or” che tùtt j àni j “Ex giäld e blu “ i dàn a di parsonàg’ dal mónd dal Pärma calcio.
Cme zà èmma dìt, st’an’ a srà premiè con al “Tardini d’oro” Massimo Barbuti, indimentichè bomber di Crozè in-t-i àni 80, al “Tardini d’argént” a n’ätor simpatich parsonàg’ dal cór Crozè Gianfranco Migliazzi, che par pù ‘d vìnt àni l’ é stè acompagnatór ädla scuädra dal Pärma in-t-i’ ncóntor sia in cà che in trasfèrta. Al prémi “Dante Boni” 2009, al srà consgnè al giòvvon emergént zugadór Niccolò Galli ch’ al zùga in-t-al Pergocrema.
Ma la novitè ädla seräda l’a srà prezentäda durànt la premiasjón.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)

giovedì 21 maggio 2009

Prossimi appuntamenti con la libreria e casa editrice Battei dal 23 maggio al 12 giugno

Testo solo in Itliano)
SABATO 23 MAGGIO ore 11.00
Scuola Media Zani - via Gramsci, Fidenza

Presentazione dei libri
FILOSOFARE... IMMAGINANDO
e
POESIE E... RELAX
di GIULIANA LEPORATI GERBELLA
(Battei)
Dialogano con l'Autrice:
Italo Comelli, docente all'Università Popolare di Parma
Antonio Battei, editore
_____________________________
LUNEDì 25 MAGGIO ore 17.30
Hotel Posta - Palazzo del Capitano
piazza Del Monte, 2 - Reggio Emilia

Presentazione del libro
UNA VITA DA DIGERIRE
di CLAUDIO ZANACCA
direttore di Pediatria del Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo
(Battei)

Incontro patrocinato dalla Circoscrizione I Reggio Emilia
_____________________________

MERCOLEDì 10 GIUGNO, ORE 18.30
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
MORTE ALLO STADIO
di PAOLO BONACINI
direttore di Telereggio
(Maraviglia)

Dialogano con l'Autore:
Luca Ponzi, giornalista RAI
Antonio Battei, editore
_____________________________

VENERDì 12 GIUGNO, ORE 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
LA TUA VITA IN 30 COMODE RATE
di GIANLUIGI RICUPERATI
(Laterza)
_____________________________

E A BREVE...
IL NUOVO NUMERO DEL "CORRIERE DI PARMA"
E GLI APPUNTAMENTI PER IL "PARMA POESIA FESTIVAL 2009"


Tutti gli incontri (tranne quello del 23 maggio) sono ad ingresso libero


Per informazioni:
CASA EDITRICE-LIBRERIA BATTEI Borgo Santa Brigida, 1 43100 Parma Redazione: dott.sa Elena Pratizzoli tel. / fax 0521.231291
casaeditrice@battei.itwww.battei.it

mercoledì 20 maggio 2009

Il Vescovo di Parma Enrico Solmi soddisfatto per Parma e Inter

(Testo blu in Italiano)
Alcuni mesi fa il Vescovo di Parma Monsignor Enrico Solmi aveva dichiarato che nel caso di vittoria dello scudetto dell’Inter e della promozione in serie A del Parma, avrebbe esposto le bandiere delle due squadre nel balcone della sua abitazione in via Duomo. Detto e fatto, ora sventola dal balcone una bandiera del Parma e una sciarpa nera e azzurra, per festeggiare le sue squadre del cuore, unitamente alla squadra della sua città natale che è il Modena, e spera di poter esporre anche la bandiera dei canarini per la permanenza in serie B. Se questo si avvererà esporrà una bandiera speciale.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al Vèsscov äd Pärma Enrico Solmi sodisfàt p’r al Pärma e l’Inter

Socuant méz fa al Vèsscov äd Pärma Monsgnór Enrico Solmi l’äva dichiarè che in cäz äd vitorja dal scudèt äd l’Inter e la promosjón in seria A dal Pärma, l’arìss espòst il bandéri dil do scuädri in-t-al pogiól ädla so ca in via dal Dòm. Dìt e fat, adésa zvintàja dal pogiól ‘na bandéra dal Pärma e ‘na själpa nìgra e azùra, par festegjär il so scuädri dal cór, insèmma ala suädra ädla so citè ch’l’é al Mòdna, e al gh’ ha la sperànsa äd podér mèttor fóra anca la bandéra di canarén par la permanénsa in seria B. Se còsste al srà véra al metrà fóra ‘na bandéra speciäla.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

martedì 19 maggio 2009

BANCA D’ITALIA Filiale di Parma. AVVISO AL PUBBLICO

(Testo blu in Italiano)
BANCA D’ITALIA
Filiale di Parma

AVVISO AL PUBBLICO
Operazioni di cambio di banconote e di monete in lire

La Filiale di Parma della Banca d’Italia invita coloro che siano in possesso di banconote e di monete in lire ed intendano cambiarle in euro, ad effettuare tali operazioni possibilmente entro la fine del corrente mese di maggio.
L’invito ha lo scopo di prevenire il concentrarsi dei cambi in prossimità della data di chiusura della locale Filiale (12 giugno 2009), con il conseguente allungamento dei tempi di attesa da parte del pubblico. Allo stesso scopo, a partire dal 11 maggio p.v., la Filiale di Parma aprirà uno sportello dedicato al cambio lire/euro. Per conoscere le modalità con cui la Banca d’Italia – al completamento della sua riforma organizzativa – svolgerà i servizi ai cittadini si può: consultare il sito internet;
www.bancaditalia.it/servizi_pubbl telefonare al numero verde 800 19 69 69 attivo tuttii giorni, 24h 24: telefonare alla Filiale di Parma (0521-530111) o ad ogni altra filiale della Banca d’Italia.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)

BANCA D’ITALJA
Filiäla äd Pärma

AVÌZ AL PÙBBLICH
Operasjón äd cambi äd sold äd cärta e monédi in liri

La Filjäla äd Pärma ädla Banca d’Italja l’invida còj ch’ j én in posés äd sold äd cärta e monédi in liri e i gh’han intensjón äd cambjäria in evro, a efetuär täli operasjón posibilmént éntor la fén dal corént méz äd mag’.
L’invìd al gh’ha al scòpo äd prevenir al concenträros di cambi in prosimità ädla däta äd chiusura ädla locäla Filjäl (12 zùggn’ 2009), con al conseguént zlongamént di témp d’atéza da pärta dal pubblich. Al stés scòp, a partìr dal 11 mag’ p.v., la Filjäla äd Pärma l’arvirà un sportél dedichè al cambi liri/evro. Par conòssor il manéri che la Banca d’Italia – al completamént ädla so riforma organizatìva – l’a farà i sarvìssi ai citadén a ‘s pól: consultär al sito internet;
www.bancaditalia.it/servizi_pubbl telefonär al nummor vérd 800 19 69 69 atìv tutt i gióron, 24h 24: telefonär ala Filjäla äd Pärma (0521-530111) o a ògni ätra filjäla ädla Banca d’Italja.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

Il progetto “L’ospedale lo conosco anch'io”, alla scuola Materna S. Giuseppe.

(Testo blu in Italiano) La Scuola materna S. Giuseppe, gestita dalle Suore della Divina Provvidenza, situata nell’oltretorrente in piazzale Don Raffaele Dagnino, tra i tanti progetti svolti durante l’anno scolastico ha messo in evidenza il progetto” l’Ospedale lo conosco anch’io” tale progetto appoggiato dalla FISM, Federazione Italiana scuole Materne, dall’azienda Ospedaliera – Reparto Pediatrico e Oncoematologia, dall’Associazione “Noi per loro” , Comune di Parma, ha come obiettivo quello di avvicinare in modo giocoso e piacevole i bambini al mondo dell’Ospedale, partendo dal presupposto che generalmente “la paura” nasce nei confronti di qualcosa che non si conosce o si conosce poco. Nei giorni scorsi grazie alla disponibilità dell’Assistenza Pubblica di Parma è stato possibile conoscere meglio il lavoro dei volontari e degli ausiliari ospedalieri. I Militi dell’Assistenza pubblica si sono presentati con due ambulanze nel cortile della Scuola Materna, i bambini sono stati entusiasti di vedere le attrezzature e gli strumenti delle autoambulanze, il potervi salire e scendere e l’importanza di ciò che fanno le persone addette a questo servizio. Il momento emozionante è stato quando si è inscenato un finto incidente e il protagonista è stato proprio un bambino della scuola.
Le Suore ed il personale della Scuola Materna S. Giuseppe, ringraziano ancora la Pubblica Assistenza e i genitori volontari che si sono offerti a spiegare ai bambini della Scuola il loro operato.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al progét “L’ospedäl al conòs anca mi”, ala scóla Materna S. Giuzép.

La Scóla materna S. Giuzép, gestida dal Sóri ädla Divina Providénsa, dedlà da l’acua in pjasäl Don Raffaele Dagnino, tra i tant progét fat durant l’an’ scolastich l’ha mìs in evidénsa al progét” l’Ospedäl al conòs anca mi” progét ch’l’é stè apogè dala FISM, Federasjón Italjàna scóli Materni, da l’aziénda Ospedaljéra – Repärt Pediatrich e Oncoematologia, äd l’Asociasjón “Noi per loro” , Cmón äd Pärma, l’ha gh’ha cme objetìv còl d’ azvinär in manéra giocóza e amàbil i putén al mond äd l’Ospedäl, e a fär capir che generalmént “la paura” la nàsa in-t-i- confrónt äd cuél ch’ al n’é ‘s conòssa mìga o al ‘s conòssa poch. In-t-i giór’n indrè grasja ala disponibilitè äd l’Asisténsa Pùblica äd Pärma l’é stè posìbbil conòssor méj al lavor di volontäri e di avziljäri ospedaliér. I Mìlit äd l’Asisténsa Pùblica i s’ sén prezentè con do ambulansi in-t-al cortil ädla Scóla Materna, i putén j én stè entuzjàst äd vèddor ilj atresaduri e i strumént dilj ambulànsi, al podér montärogh su e l’importansa äd còl ch’ i fan il parsón’ni incaricädi a còll sarvìssi chì. Al momént emosjonant l’é stè cuand e stè fat un fént incidént e al parsonag’ principäl l’é stè pròprja un putén ädla scóla.
Il Sóri e al parsonäl ädla Scóla Materna S. Giuzép, i ringrasjon ancrra la Publica Asisténsa e i genitor volontäri ch’ i s’én ofèrt par spiegär ai putén äd la Scóla al so operät.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Cliccare per allargare le foto)

lunedì 18 maggio 2009

Il pagéli stagionäli di Crozè in djalètt Pramzàn campjonät 2008/2009 seria B. Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 18 maggio 2009





(Fransèssch Guidolin, Alberto Paloschi e al Pubblich 10 a tùtt tri, i pu bón di Crozè in camp p’r al campjonät 2008/2009.)

Pärma F.C. promos in seria A

Pavarén òt: stagión da yoyò, andäda da sgrizór, un ritóron pù che discrét Torero Camomillo, a pära ch’ a t’àbi soportè al mäl äd schén’na tùtt al girón d’andäda in silénsi sénsa sarcär scùzi, insòmma ‘na parsón’na par bén e un bón profesjonìssta !

Pegolo sèt: ‘na partìda o do a né ’m ricòrd gnànca, a Vicénsa sicur, ‘na béla prestasjón e tùtt al rest äd stagjón tra infermarìa e banchén’na

Antonéli òt : pochi pochi partìdi, suficénti però p’r ésor godù da tùtt, ‘na sicurèssa in banchén’na, miga un lavór da tùtt

Castlén òt : Pavlén, s a t’ ho da dir la vritè i dù ch’ a’t gòda äd pù a Pärma a sämma mi e Paolo Grossi, d’ätra pärta à sämma anca i dù ch’ a n ’in capìssa äd pù äd balón dónca a ’t pól stär sicur, e adésa, tajär chi cavjì lì ch’ a sämma tornè in A se Dio vól

Falcón sénsa vót : stagión tribuläda, prima Cagni, dòpa jli infortùni, insòmma tùtt stort, girämma pagina ala zveltén’na

Lucaréli picén òt : gran zugadór, pilàstor, caràtor, pè bón, parsonalitè, cuand l’é manchè lì in méza i balävon cme a l’escaliér ! A ’t conférmi mi, par st’an’ ch’ vén, pasa dal Ghìro a firmär al contrat ch’ l’é béle pront

Paci sèt: ält e bas, par fortón’na pù j’ält che i bas, ch’ l’embolo lì ch’ a partìssa un po’ tròp de spèss, ‘na cuälca partìda un po’ acsì, mo tùtt somè ‘na stagión pozitìva, specialmént con Lucaréli atàca

Rossi sìncov: l’é un vót par zveljär’t un po’ parchè a té ’t zi drè a indormintär un po’ tròp, e ala tò etè la ’n va miga bén ! Forsa pramzàn

Troest (Tost) sèt: un sèt ch’ a pól dvintär un òt o un nóv s ’at starè chi a Pärma e mi a spér äd si, e anca il ragàzi äd Pärma a ’s dìz in gir

Zenón nóv: Dino secónd mi la pù béla sorpréza äd l’an’, tùtt n’ätor zugadór da l’an’ pasè ! T’arè zbaljè ‘na partìda si e no, ‘na sicurèssa ! Vojätor ädla gazètta ch’ a conosì tùtt, provì a recuperär Dino l’originäl e al portì a Colècc’ e gh’ fì fär ‘na béla foto insèmma dai

Bùdel séz: DePiscopo al s’éra ispirè a tì cuand l’ha scrìtt andamento lento, dil volti pròprja da impajäros, però dù gol fondamentäl e n’ezultansa da nàdor

Lunardén òt: sénsa strafär al s’é ricavè al so spasi subìt, e cuand l’ha zughè l’ha sèmpor fat la so pärta con umiltè, un ragas séri che a Pärma al sarà sémpor rispetè

Manzón sèt: un gol pezantìssim a Frozinón e sfortón’na pauróza, al prémi Swarowasky 2009 l’é to a n’ gh’ é dùbbi

Mariga nóv: esplóz äd prepoténsa, con tùtt il cualitè da gran zugadór ! Corsa, poténsa, cativérja, técnica e maruga……pù maruga par mariga in pochi paròli

Morón òt : déz par vlontè e atacamént, séz cme rendimént s’ t’an, giron d’andäda orénd ritóron molt méj, ‘na fàsa da capitàn ereditäda e sémpor onoräda, e i tò lägormón dal dezdòt äd màg’ adésa i s’én trasformè in lägormón äd contintèssa, ezatamént cme i nòstor !

Leòn séz : géni e sregolatèssa ! A dir la vritè pù sregolè che geniäl ma la prestasjòn col Pisa la väl cuäzi ‘na stagión da lè ! T’è catè finalmént il ciävi par révor al luchètt ädla porta ädla serie A

Lucaréli grand sèt : Cristiàn, par còl ch’ a t’è fat in camp al séz l’é stirasè, p’r il sclerädi anca, invéci tè ’m si piazù bombén cme portamént in-t-al finäl a där ‘na man al Mìsster, fondamentäl dabón al vót l’é par col lì ! E po’, al gol col Pisa…….secónd mi t’arìss paghè äd tò sacòsa si ’t l’avìsson dit ch’ a t’al fäv acsì

Paloschi déz : la pù béla sorpréza äd l’an’, un ragasén strepitóz, in camp e fóra ! A gh’ vrìss pròprja ‘na ramäda par tì e sta sicur che témp do partìdi a ’t la tirarìss zò cme Barbuti! Gràsja e resta chi ch’ a ’t stè da Dio !

Pisanu séz : al témp äd fär dù gol, e la solita Via Crucis ! ‘Na bendisjón Andrea ?

Vantagè séz : Bulgaro, colp da fuoriclàsa, ma rendimént apén’na suficént par col ch’ a ’t zi costè, ma la tò categoria la sarà la serie A, dòpa al taljànd ai znòc’

Cagni zéro : lasèmma pärdor

Guidolin déz : Don, t’è capì tùtt fin dal prinsìppi, a gh’è coj ch’ a dìz ch’ a né ’t rid mäj, ch’ a ne ’t zi miga spiritóz, dagh’ gnànca a menta, sa vòj rìddor a guärd Zelig, ti t’é fat al tò mestér da gran profesjonìssta, e primma äd tùtt t’è capì i pramzàn al vól ! Mì spér che col matrimònni chì al pòsa durär al pù posìbbil, e cme mi tùtta la génta äd Pärma ! Gràsja Mìsster, gràsja äd cór !

Ghirärdi òt : vèddot Ghìro che cuand a n’é ora al bél vot al riva? Basta meritärol; anca tì da cuand a gh’é al Don a ’t zi madurì äd colp, adésa t’al sè col ch’ a vrämma tùtt a Pärma, e ’t vedrè che la génta la ’t vrà ancòrra pù bén ! Avanti Ghìro!

Tifóz déz : un bél bagn d’umiltè anca par nojätor, e dzämma ch’ a ’s sämma divartì parèc’, pù bél in trasfèrta che in cà, con la colón’na sonora d’ Antonio Benassi, béj cme ‘l sól! Pärma l’ha rispost cme sémpor, a testa altìsima e adésa väla par tùtt, zò il man dal Tardini, stì ala lärga dal monumént, capì ?

(Tgèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)
(Pramzàn dal sas)

(Si ringrazia lo "Studio foto Carra" di Parma per aver concesso la pubblicazione della foto del pubblico allo stadio Tardini.)


sabato 16 maggio 2009



(Nelle foto: 1) la squadra del Parma F.C. campionato di serie B 2008/2009, promossa in serie A. 2) foto storica la squadra del Parma campionato di serie A 1925/1926.)
Tutti A Citt-A-dell-A per il PArmA in serie

A


Tutt A Cit-A- dél-A p’r Al PärmA in sériA


A


Cittadella Parma 2-2
Il Parma promosso in serie A con due giornate d’anticipo
Complimenti a Guidolin e ai Crociati.
Un grazie al Presidente Tommaso Ghirardi


Citadéla Pärma 2-2
Al Pärma promòs in seria A con dò gjornädi d’antìccip
Complimént a Guidolin e ai Crozè .
Un gràsja al Presidént Tmäz Ghirärdi

venerdì 15 maggio 2009

Tutto pronto per il quattordicesimo “Tardini d’oro"





(Testo blu in Italiano)
Gli Ex Gialloblu, il sodalizio di cui fanno parte tutte le persone che hanno indossato la maglia del Parma o ricoperto ruoli tecnici o dirigenziali, è pronto per la quattordicesima edizione del Tardini d’oro. La serata è fissata per venerdi 22 maggio al Ristorante Romani di Vicomero.
Il Tardini d’oro 2009 andrà a Massimo Barbuti, uno dei giocatori che ha indossato la maglia del Parma più amati dal pubblico del Tardini, bomber degli anni ottanta che ha realizzato 37 gol in 96 incontri, partecipando anche a una promozione in serie B. Il Tardini d’ argento verrà consegnato quest’anno a Gianfranco Migliazzi, il quale per oltre ventanni è stato l’accompagnatore ufficiale della squadra del Parma, mentre il premio “Dante Boni” 2009, verrà consegnato al giovane emergente giocatore Niccolò Galli ora in forza al Pergocrema. La novità di quest’anno sarà una sorpresa che verrà presentata durante la serata.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)

Tùtt prónt p’r al cuatordicézim “Tardini d’òr”

I Ex Giäldeblu, la socetè indò fa pärta tùtt il parsón’ni ch’ j han vistì la màja dal Pärma, o ricopèrt dil pärti da técnich o da dirigént l’é pronta par la cuatordicézima edisjón dal “Tardini d’òr”. La seräda l’é fisäda par venardi 22 mag’ al Ristorànt Romàn äd Videgmér.
Con al Tardini d’òr 2009 a srà premiè Massimo Barbuti, vón di zugadór ch’ l’ ha indosè la màja dal Pärma pù amè dal pùbblich dal Tardini, bomber di àni otànta ch’ l’ ha fat 37 gol in 96 partìdi, partecipànd anca a ‘na promosjón in sèria B.Al Tardini d’ argént al srà consegnè s’t an’ a Gianfranco Migliazzi, che p’r óltra vint’àni lé stè l’acompagnatór uficiäl ädla scuädra dal Pärma, invéci al prémi “Dante Boni” 2009, al srà consegnè al giòvvon emergént zugadór Niccolò Galli che adésa al zùga in-t-al Pergocrema. La novitè äd st’an’ la srà ‘na sorpréza ch’ l’a srà prezentäda durànt la seräda.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Nelle foto: 1/2) Massimo Barbuti in azione negli anni 80, 3) Massimo Barbuti mentre esulta con il pubblico su la "RAMÄDA" del Tardini, 4) lo stemma degli ex Gialloblu)

giovedì 14 maggio 2009

I 60 anni di Antonio Battei. Buon compleanno da "Parmaindialetto"

(Testo blu in Italiano)
(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
I 60 anni di Antonio Battei

Il 15 maggio compie 60 anni Antonio Battei, Editore parmigiano erede di una dinastia di Editori che risiede a Parma dal 1700, proveniente dai nobili di Montefortino (Ascoli Piceno) e continua l’attività libraria ed editoriale tramandata ininterrottamente da padre in figlio dal 1872, anno di fondazione ad opera del capostipite Luigi Battei. Antonio Battei nasce a Parma il 15 maggio del 1949. Dopo aver frequentato per otto anni l’Istituto “de La Salle”, si diploma presso l’Istituto Tecnico “Macedonio Melloni”, frequenta poi le Facoltà di Giurisprudenza e di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Parma e infine si diploma presso l’Istituto d’Arte “Paolo Toschi” (ove ha svolto, in seguito, attività di supplenza per l’insegnamento di Arte della Stampa). Dal 1965, il dottor Antonio Battei dirige la casa editrice Battei: importante attività culturale fondata nel centro storico di Parma nella seconda metà dell’800 dal bisnonno Luigi Battei, ancora ora universalmente riconosciuta come la più significativa realtà editoriale del territorio, con un catalogo complessivo di oltre mille volumi (monografici e periodici), pubblicati in migliaia di copie, al fine di promuovere, sempre di più e sempre più lontano, la storia, l’arte e la secolare cultura italiana.
Antonio Battei entra giovanissimo nel mondo dell’editoria, quando, nel 1964, alla morte del padre Angelo, assume, affiancato dalla madre Signora Serena, l’intera gestione dell’impresa di famiglia, fondata a Parma nel 1872.
Sotto la direzione di Antonio Battei, sia l’attività della casa editrice che quella della libreria accrescono in modo considerevole e ritrovano lo splendore, la vivacità e la dinamicità che avevano conosciuto al tempo del bisnonno Luigi, in una mirabile sintesi fra tradizione e innovazione. In campo editoriale, Antonio Battei crea, intorno a sé, fin dagli anni Settanta, un attivo cenacolo d’intellettuali, artisti, storici e letterati, promuovendo la pubblicazione di numerosi ed importanti libri di storia e cultura del territorio di Parma e non solo. Vedono così la luce, sotto lo storico ottocentesco marchio Battei, centinaia e centinaia di libri firmati dai più accreditati studiosi del territorio, oggi ritenuti fondamentali entro l’intero patrimonio bibliografico parmense e, più in generale, nazionale, mentre le collane di narrativa, poesia e letteratura dialettale si arricchiscono, anno dopo anno, delle opere dei grandi scrittori o, anche, di nuovi autori allora emergenti e, oggi, ampiamente noti. A caratterizzare le edizioni Battei, oltre alla qualità e all’autorità dei testi, è anche il pregio dei materiali e, soprattutto, la particolare cura della veste grafica, direttamente ispirata, nella sobrietà dei caratteri e nell’eleganza dei fregi, al padre fondatore della moderna arte tipografica, Giambattista Bodoni (1740-1813) chiamato a Parma dal duca Ferdinando di Borbone a impiantare e dirigere la celebre Stamperia Reale.
Nel tempo, il catalogo della casa editrice si è ampliato con nuove ed importanti collane. Tra le più importanti e prestigiose: Arte tipografica; Iconografia; Le Viole; Occhio di pavone; Studi e materiali per la storia di Parma e Provincia; Parma. Storia, cultura e istituzioni; Battei racconta; Romanzo Storico; Poesia Battei; Musa Dialettale Parmense; Parma in tavola; Ritratti di famiglia.
Nell’ambito dell’editoria periodica, la casa editrice Battei pubblica, fin dal 1889, la rivista illustrata di cultura e attualità Corriere di Parma: specchio della vita sociale, politica e culturale della città e del suo territorio, a cui si affiancano speciali numeri monografici (Quaderni e dossier del Corriere di Parma) per l’approfondimento di singoli argomenti.
Nel 1992, il 13 gennaio, giorno della commemorazione del santo patrono della città, Sant’Ilario di Poiters, il Comune di Parma conferisce ad Antonio Battei, tra i primi, la prestigiosa onorificenza della medaglia d’oro di Sant’Ilario, in riconoscimento dell’intenso e proficuo impegno a favore della promozione e valorizzazione della cultura e della letteratura locale.
A fianco dell’attività propriamente editoriale, il dottor Antonio si è da sempre distinto per significative iniziative socio-culturali e di volontariato, per le quali ha ottenuto numerosi ed importanti riconoscimenti pubblici ed onorificenze.
Nel 1976, ad Antonio Battei è stata conferita, dalla Giunta camerale di Parma, la medaglia d’oro per la “Fedeltà al lavoro e al progresso economico”.
Nel 1987, è insignito della Croce dell’Ordine al Merito Melitense del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM).
Nel 1989 viene ascritto nei ruoli dello SMOM col titolo di “Donato di Devozione di Prima Classe”.
Sempre nel 1989, gli viene conferita l’onorificenza di “Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana”.
Nel 1990, su invito della presidenza nazionale dell’Accademia Italiana della Cucina, fonda la Delegazione di Salsomaggiore Terme divenendone il delegato.
Il 13 gennaio 1992 è insignito, dalla Municipalità di Parma, della medaglia d’oro del premio “Sant’Ilario” con la seguente motivazione: “Per avere particolarmente contribuito ad elevare il prestigio della città ed a migliorare la vita dei suoi abitanti, e per la cura e l’attenzione profusa nella sua attività di editore e libraio, impegnato a valorizzare e promuovere la cultura e la letteratura locale”.
Nel giugno 1992, dopo essere stato il più giovane socio e aver ricoperto vari incarichi, viene eletto presidente del Lions International Club di Parma. Nello stesso anno, la presidenza nazionale del Touring Club Italiano lo nomina Console per Parma e Provincia.
Nel dicembre 1992 il Capo dello Stato, con proprio decreto, gli conferisce l’onorificenza di Commendatore.
Nel gennaio 1993 i Dignitari del Gran Magistero dello SMOM lo nominano “Cavaliere di Grazia Magistrale”.
Nello stesso anno riceve, dai Fratelli delle Scuole Cristiane dell’istituto “de La Salle”, il “Diploma di Benefattore”.
Nel giugno 1994 viene decorato di “Medaglia di bronzo con spade”, per avere partecipato, nel febbraio, ad una missione umanitaria dello SMOM in una zona di guerra dell’ex Jugoslavia: a Mostar in Erzegovina.
Nello stesso anno don Luigi Valentini, direttore responsabile della comunità Betania per il recupero dei tossicodipendenti, lo ascrive nel proprio “Albo d’Oro” dei benefattori.
Nel 1997, viene eletto vice presidente del gruppo “Amici di Betania”.
Nel giugno 1995 gli viene conferita la più alta onorificenza direttamente dal Lions International U.S.A.: la “Melvin Jones Fellow”.
Una sua biografia appare nell’annuario mondiale delle personalità “Who’s Who in the World”.
In questi anni, tiene un seminario presso la Facoltà di Filosofia nell’ambito della Sociologia dell’Educazione.
Nel 2000 il gen. dott. Maggino Bagnoli, presidente della Sezione di Parma dell'Associazione Nazionale Carabinieri, lo iscrive nell'elenco speciale come “socio d'onore”.
Nel marzo del 2001 il gruppo Parma-Piacenza dell’Associazione Nazionale Ufficiali Provenienti dal Servizio Attivo lo iscrivono nei loro ruoli con tessera n° 27470.
Per la sua attività cultural-gastronomica, nell’autunno del 2001, a Staffolo in provincia di Ancona, gli viene inoltre conferito il premio internazionale “Verdicchio d’oro 2001”.
Il 2 dicembre del 2001 il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi lo nomina Grand’Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.
Nel 2003 viene eletto vicepresidente della Società Dante Alighieri di Parma e nominato Cavaliere delle Terre di Marengo (Alessandria) per meriti enogastronomici.
Nel 2004 viene nominato, dal Presidente Nazionale dell’Accademia Italiana della Cucina, Coordinatore regionale dell’Emilia.
Nel giugno del 2006 viene nominato, dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e dal Presidente del Consiglio Romano Prodi, “Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana”.
Fra gli antenati della famiglia Battei vanno brevemente ricordati: Giovanni (1796-1874) rilegatore e libraio di Maria Luigia; Giacomo (1798-1874) monsignore, canonico della Collegiata del Battistero, Cavaliere del Sacro Imperiale Ordine Costantiniano di san Giorgio, Consorziale della Basilica cattedrale, Rettore del Consiglio della Casa di Provvidenza, Cameriere Segreto di Sua Santità: amico dei fratelli delle Scuole Cristiane donò loro l’imponente palazzo dei conti Scutellari attuale sede dell’importante istituto religioso; Angelo (1856-1897) medico filantropo; Luigi (1847-1917), pioniere dell’alfabetizzazione italiana e fondatore dell’attività editoriale: attività libraria ed editoriale tramandata ininterrottamente da padre in figlio dal 1872.
Buona continuità alla Casa Editrice Battei e auguri ad Antonio Battei, da Parmaindialetto, per le sue sessanta candeline. Buon compleanno a un vero “Pramzàn dal sas”

(Testo giallo in dialetto Parmigiano
I 60 àni d’ Antonio Battei

Al 15 mag’ compìssa 60 àni Antonio Battei, Editór pramzàn eréde äd ‘na dinastìa d’ Editór ch’ la stà a Pärma dal 1700, e l’a vén dai nòbil äd Montefortén (Ascoli Piceno) ch’ la contìnva l’ativitè libräria e editoriäla tramandäda ininterotamént da pädor in fjól dal 1872, an’ äd fondasjón dal cap-e stìrpa Luigi Battei.
Antonio Battei al nàsa a Pärma al 15 mag’ dal 1949. Dòpa avér frecuentè p’r òt àni l’Istitùt “de La Salle”, al ‘s diplòma a l’Istitùt Técnich “Macedonio Melloni”, po’ al frecuénta la Facoltè äd Giurisprudénsa, Lìttri e Filozofja äd l’Univarsitè di Studi äd Pärma e dòpa al ‘s diploma prés l’Istitùt d’Ärte “Paolo Toschi” (indò, in séguit l’ha zvòlt l’ativitè äd suplénsa par l’insegnamént äd l’ Ärta äd la Stampa). Dal 1965, al dotór Antonio Battei al gvìda la cà editrìce Battei: importànta ativitè culturäla fondäda in-t-al céntor stòrich äd Pärma in-t-la secónda metè äd l’800 dal biznòn Luigi Battei, ancòrra incó universalmént riconosùda cme la pù importànta realtè editorjäla dal teritòri, con un catàlogh complesìv d’ óltra mìlla volùmm (monogràfich e periòdich), publichè in miär äd còpjj, al fén äd promóvor, sémpor äd pù e sémpor pù lontàn, la stòrja, l’ärta e la secolära cultùra italjàna.
Antonio Battei l’éntra giovanìssim in-t-al mónd äd l’editorìa, cuand, in-t-al 1964, ala mòrta dal pädor Angelo, al tóz in man, afianchè dala mädra Sjòra Serena, l’intréga gestjón äd l’impréza äd famija, fondäda a Pärma in-t-al 1872.
Sòtta la diresjón d’ Antonio Battei, sia l’ativitè ädla cà editrìce che còlla ädla libréria i crèsson in manéra consideràbil e i càton al splendór, la vivacitè e la prontèssa ch’ j ävon consù al témp dal biznòn Luigi, in-t-un miràbil insèmma äd tradisjón e inovasjón.
In càmp editorjäl, Antonio Battei al créa, intórna a lu, fin da j àni stànta, n’ atìv cenàcol d’inteletuäl, artìssta, stòrich e leterè, publicànd parèc’ e importànt lìbbor äd stòrja e cultàra dal teritòri äd Pärma e d’intórna. A vén acsì ala luza, sòtta al stòrich otocentésch sigìll Battei, sentonär e sentonär äd lìbbor firmè dai pù acreditè studjóz dal teritòri, incó considerè fondamentäl déntor l’intrégh patrimòni bibliogràfich parméns e, pù in generäl, nasjonäl, intànt il colàni äd naratìva, poezìa e leteratùra djaletäla i s’ arichìsson, an’ dòpa an’, dilj òpri äd grànd scritór o, anca, äd nov avtór alora emergént e, incó, ampiamént consù.
A caraterizär ilj edisjón Battei, óltra ala cualitè e a l’autoritè di tést, l’é anca al valór di materiäl e, sopratùtt, la particolär cura ädla vésta gràfica, diretamént ispiräda, in-t-la moderasjón di caràtor e in-t-l’elegànsa di frég’, al pädor fondatór ädla modèrna ärta tipogràfica, Giambattista Bodoni (1740-1813) ciamè a Pärma dal dùcca Ferdinànd ‘d Borbón a impiantär e dirìgior la famóza Stamperìa Reäla.
In-t-al témp, al catàlogh ädla cà editrìce al s’é ampliè con dil novi e importànti colani. Tra il pù importànti: ÄRTA TIPOGRAFICA; ICONOGRAFIA; IL
VIÓLI; ÒC’ ÄD PAVÓN; STUDI E MATERIÄL PAR LA STORJA ÄD PÄRMA E PROVINCIA; PÄRMA. STORJA, CULTURÄLA E ISTITUSJÓN; BATTEI AL CÓNTA; ROMANZ STORICH; POEZIA BATTEI; MUZA DJALETÄLA PARMENSA; PÄRMA IN TÄVLA; RITRAT ÄD FAMIJA.
In-t-l’àmbit äd l’editorìa periòdica, la cà editrce Battei la pùblica, fin dal 1889, la rivìssta illusträda äd cultura e atualitè “ Corér äd Pärma” : spéc’ ädla vìtta sociäla, polìtica e culturäla ädla citè e dal sò teritòri, e con di nùmmor monogràfich (Quadèron e dossier dal Corér äd Pärma) par l’aprofondimént di sìnngol argomént.
In-t-al 1992, al 13 znär, gióron ädla comemorasjón dal sànt protetór ädla citè, Sant’Iläri di Poiters, al Cmón äd Pärma al conferìssa ad Antonio Battei, tra i prìmm, la prestigjóza onorificénsa ädla mdàja d’òr äd Sant’Iläri, in riconosimént äd l’inténs e importànt impìggn a favór ädla promosjón valorizasjón ädla cultùra e la leteratùra locäla.
A fjanch äd l’ativitè propriaménta editorjäla, al dotór Antonio al s’é da sémpor distìnt par dilj inisiatìvi socio-culturäl e volontariè äd volór, p’r il cuäli l’ha otgnù parèc’ e importànt riconosimént pùbblich e onorificénsi
In-t-al 1976, a Antonio Battei, è stè conferì, dala Zónta cameräla äd Pärma, la mdàja d’òr par la “Fedeltè al lavór e al progrés econòmich”, ”. In-t-al 1987 la Cróza äd l’Ordin al Mérit Meliténs dal Sovràn Militär Ordin äd Mälta (SMOM).
In-t-al 1989 al vén ascrìtt in-t-na pärta dal SMOM col tìttol äd “Donè äd Devosjón äd Prìmma Clasa” e, in-t-al stés an’, a gh’ vén conferìda l’onorificénsa äd “Cavaliér äd l’Órdin al mérit ädla Repùblica italjàna”.
In-t-al 1990, su invìd ädla presidénsa nasjonäla äd l’Académia Italjàna ädla Cuzén’na, al fónda la Delegasjón äd Sälsmagjór Bagn dvintànd al deleghè.
Al 13 znär 1992 gh’é stè dè l’onorificénsa, dala Municipalitè äd Pärma, ädla mdàja d’òr dal prémi “S. Iläri” con la seguént motivasjón: “P’r avér particolarmént contribuì a elevär al crédit ädla citè e a miljorär la vìtta di sò abitànt”e par la cura e l’atensjón profuza in-t-la sò ativitè d’editór e librär, impgnè a valorizär e promóvor la cultùra e la leteratùra locäla”.
In-t-al zuggn 1992, dòpa ésor stè al pù giòvvon sòsi e aver ricopèrt parèc’ incàrich, al vén elét presidént dal Lions International Club äd Pärma; la presidénsa nasjonäla dal Touring Club Italjàn al l’a nòmina cónsol par Pärma e Provìncia.
In-t-al dzémbor dal 1992 al Presidént ädla Republica, con un so decrét, al gh’ conferìssa l’onorificénsa äd Comendatór.
In-t-al znär dal 1993 i Dignitäri dal Gran Magistéro dal SMOM j al nóminon “Cavaliér äd Gràsja Magisträla”.
In-t-al stés an’ al ricéva, dai Fradéjj dil Scóli Cristiani äd l’istitùt “de La Salle”, al “Diploma äd Benefatór”.
In-t-al zuggn’ 1994 al vén decorè äd Mdàja äd brónz con spädi”, p’r avér partecipè, in-t-al farvär, a ‘na misjón umanitäria dal SMOM in-t-na zòna äd guéra äd l’ex Jugoslavia: a Mostar in Erzegovina.
In-t-al stés an’ don Luigi Valentini, diretór responsàbil ädla comunit Betania p’r al recùppor di droghè, al l’ascrìva in-t-al pròpri “Albo d’Oro” di benefatór.
In-t-al 1997, al vén elétt vice presidént dal grupp “Amici di Betania”.
In-t-al zuggn’ 1995 a gh’ vén conferì la pù älta onorificénsa diretamént dal Lions International U.S.A.: la “Melvin Jones Fellow”.
‘Na so biografìa l’é, da parèc’ àni, in-t-l’anuäri mondjäl dil parsonalitè “Who’s Who in the World”.
In chi an’ chì, al tén un seminäri alla Facoltè äd Filosofia in-t-l’àmbit ädla Sociologia e l’Educasjón.
In-t-al 2000 al gen. dott. Maggino Bagnoli, presidént ädla Sesjón äd Pärma äd l'Asociasjón Nasjonäla Carabinér, al l’ iscrìva in-t-l'elénch specjäl cme “sòsi d'onór”.
In-t-al märs del 2001 al grupp Pärma-Pjäzensa äd l’Asociasjón Nasjonäla Uficiäl Proveniént dal Sarvissi Atìvo j al iscrìvon in-t-i sò ruól con tésera n° 27470.
Par la sò ativitè culturäl-gastronòmica, in-t-l’avtón dal 2001, a Staffolo in provìncia d’ Ancón’na, i gh’ han conferì al prémi internasjonäl “Verdicchio d’oro 2001”.
Al 2 dzémbor dal 2001 al presidént ädla Repùbblica Carlo Azeglio Ciampi al l’ha nominè Grand’Uficjäl al Mérit ädla Repùblica Italjàna.
In-t-al 2003 al vén elét vicepresidént ädla Socetè Dante Alighieri äd Pärma e nominè Cavaliér dil Téri äd Marengo (Alessandria) par mérit enogastronòmich.
In-t-al 2004 al vén nominè, dal Presidént Nasjonäl äd l’Académja Italjàna ädla Cuzén’na, Coordinatór regionäl äd l’Emìlja.
.In-t-al zuggn’ dal 2006 al vén nominè, dal Presidént ädla Repùblica Giorgio Napolitano e dal Presidént dal Consìlli Romano Prodi, “Cavaliér äd Gran Cróza äd l’Ordin al Mérit ädla Repùblica Italjàna”.
Fra j antenè ädla famìja Battei a và brevemént ricordè: Zvàn (1796-1874) rilegatór e librär äd Maria Luvìggia; Jacom (1798-1874) monsgnór, canònich ädla Colegiäta dal Batistéri, Cavaliér dal Sacro Imperiäl Ordin Costantinjàn äd san Giorgio, Consorsjäl ädla Bazìlica catedräla, Retór dal Consìlli ädla Cà ‘d Providénsa, Camerjér Segrét äd Sò Santitè: amìgh di fradéj dìl Scóli Cristjàni l’ha regalè a lór l’imponént palàs di Cónt Scuteläri atuäla seda äd l’important istitùt religjóz; Angelo (1856-1897) dotór filàntrop; Luvig’ (1847-1917), pionjér äd l’alfabetizasjón italjàna e fondatór äd l’ativitè editorjäle: ativitè libräria e editoriäla tramandäda sénsa sòsti da pädor in fjol dal 1872.
Bón’na continuitè ala Cà Editrìce Battei e avguri a Antonio Battei, da Parmaindialetto, p’r il sò s’santa candéln’ni. Bón compleàn a un vér “Pramzàn dal sas"
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: 1) Antonio Battei, 2) Antonio Battei fotografato in borgo S. Brigida davanti all'entrata della casa editrice, 3) lo stemma della Casa Editrice Battei, 4) la libreria di via Cavour, 5) l'edizione 2009 del calendario Battei, 6) l'edizione del Corriere di Parma del 1985, 7) la copertina del libro la Contea di San Secondo, 8/9) Antonio Battei all'interno della sua libreria, 10) la copertina del Corriere di Parma 2008, 11) il libro Cameriere un articiòch, ultimo volume in dialetto parmigiano della casa editrice Battei, 12) Enrico Maletti e Antonio Battei autori di Cameriere un articiòch alla presentazioene del volume alla libreria Battei.)

lunedì 11 maggio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 11 maggio 2009






(Tifóz , Leòn, Guidolin, Cristiàn Lucaréli, i pu bón di Crozè in camp par Pärma Pisa)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Pisa 2-0

Pavarén sénsa vót : t’è risparmiè ‘na lampada a Pavaro, abronzadùra a màca, ‘na paräda gnànca trop difìcila e stop

Zenón séz : al solit Dino, padrón äd la so fàsa ma sénsa fär dil còzi da ricordär

Castlén séz : par ne fär tòrt a Dino anca Pavlén partìda discréta sénsa chisà che robi, ansi un gol magnè gròss cme ‘na cà a dirla tùtta Pavlén

Troest (Toast) òt : à gh’äva paura parchè al Pisa al gh’äva dù stopaj davanti e gh’éra cäld, invéci l’é stè semplicemént parfét, sénsa gnànca al minim erór !

Paci sèt : ‘na cuälca baläda in pù che Toast specialmént in-t-al prìmm témp, p’r al rést pòch lavor ma ben fat, e la solita vója äd vénsor, ti a ’m è d’aviz che da Pärma té ’t movrè mäj pù

Lucaréli Picén sèt : l’é tornè al Toscanini äd la diféza, ‘na cuälca stècca l’é véra, mo l’orchéstra con lù la funsjón’na e come, profesjonìssta inteligént e bón ‘d zugär

Mariga sìncov : e si che la pantera nera col cäld africàn la gh’äva da sintìrs a cà sòvva invéci un méz dizàstor, l’è drè a tirär al fjè dopa un pär ed méz da fenomeno

Bùdel séz : cäld o miga cäld chilù l’é cme un Ciao, préza diréta, ‘na märcia e basta, un sartór al ralentatór

Morón séz : dai dai Capitàn ch’ a gh’ sämma, l’é städa dura mo ormä jämma pasè al strisión äd l’ùltom chilometro, e dardè a s’é fat al vód, dai ch ’a gh’ sämma

Vantagè séz : sal stìss bén a sarìss un cuàtor, ma dato ch’ al g’ha un znòc’ mafón, suficient minim p’r al coràg’ d’afrontär ‘na partìda in ch’ il condisjón lì ! Dai ch’ a gh’ sämma Bulgaro che po’ tè ’t vè a fär mett’r a pòst

Paloschi séz : suficénsa äd stìmma anca p’r al putén, dòpa dù méz da ufo e gol péz cme al piómb, momént äd flesjón, ma la vója e l’impìggn j’én sémpor al masim elóra basta col lì

Leòn déz : tésta lìssa s ’a ‘t gh’ aviss äd la continuitè con i cólp ch ’a ‘t gh’è, a gh’ n’in sarìss par nisón ! Dù cólp äd pnél, da artìssta dabón, par fär al vód dardè, do pedalädi cme fäva al Pirata in salìda ! Bravo !

Lucaréli grand déz : chi du secónd primma äd butär déntor la bala tè ’t j à si godù miga pòch sòtta la curva di tò amigh ah ? A paräva la trama d’un film, invéci l’éra realtè ! La sanfäda dal Re äd la forésta, al momént giùsst l’é sémpor mortäla

Guidolin déz : da zero a dieci, cme al film äd Ligabue ! Mo ti Don al déz par l’impréza a ’n t’al tira via nisón ! Du cambi decizìv, e preparasjón parféta ! Ancòrra ‘na volta grazie Mìsster

Tifóz déz : déz a tùtt, la nostra curva e la curva di Pizàn ! còsste chi l’é al stadio ch’ a vrämma, ätor che divieti! Rivalitè, sfottò, si ma primm’ äd tùtt spetacol colór e divertimént insìmma ai spält, e dirìtt d’andär in cualsiasi stadio par tùtt ! E sàbot “Città..dell’A” la g’ha da ésor tùtta crozäda, mo stavolta a ’n sarvìssa gnànca j’apél ! AvAnti crociAti stiAmo tornAndo !
(Tgnèmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)
Si ringrazia lo "Studio foto Carra" per aver concesso la pubblicazione delle fotografie del pubblico allo stadio Tardini


mercoledì 6 maggio 2009

Dalla segreteria di Parma per gli Altri ONG riceviamo e pubblichiamo.

(Testo blu solo in Italiano)
COMUNICATO STAMPA
9 MAGGIO - PRESENTAZIONE DEL LIBRO “SHELALLÀ”

“Shelallà”: in un libro il “quotidiano”

Tutti contemplano il fascino dell’Africa, dei suoi paesaggi, dei costumi della sua gente, ma quanti ne conoscono il divenire? Nell’Africa il futuro esiste; noi con l’aiuto generoso di tanti ne siamo partecipi, ma non protagonisti: solo all’Africa spetta questo diritto.
Dopo anni di impegno, di fatiche, delusioni e speranze, e di tanta generosa collaborazione, Parma per gli Altri ha messo in un libro (o almeno tentato) il “quotidiano” della gente etiope; la vita quotidiana la si vive al presente, ma porta con sé l’ esperienza del passato ed il desiderio del futuro; il meraviglioso scenario in cui ci si muove e soprattutto si vive è ben raffigurato dalle immagini della fotogiornalista parmigiana Alice Pavesi; i testi sono espressi dai nostri volontari Pier Luigi Bontempi e Romano Superchi, con un intervento redazionale di Edoardo Rampini.
In “Shelallà”, titolo del libro e del paese etiope dove maggiormente operiamo, troverete vigorosa l’impronta del rispetto verso fratelli che tanto hanno perso, ma non il diritto alla dignità.
Abbiamo percorso un viaggio “a piccoli passi” per prestare attenzione a tutti, con la speranza di esserci riusciti e se ciò è stato possibile gran parte lo si deve anche a quella Parma generosa che non manca mai “quando tutto si fa nero…” .
“Shelallà” – un libro da leggere, da vedere, da riflettere e…da accogliere.

Bruno Pescetti
Direttore Parma per gli Altri ONG


Alla presentazione, che si terrà sabato 9 maggio alle ore 10.00 presso la Sala Convegni (g.c) di Palazzo Soragna, Strada Caprazucca, 6 a Parma, interverranno:

- Ing. Daniele Pezzoni, Presidente Unione Parmense Industriali
- Arch. Pier Luigi Bontempi, Presidente Parma per gli Altri ONG
- Rag. Edoardo Rampini, Presidente SARCE spa
- Alice Pavesi, Fotogiornalista
- Ass. Gabriele Ferrari, Assessore Relazioni Internazionali e Cooperazione Decentrata - Provincia di Parma
- Dott. Ferdinando Sandroni, Delegato del Comune di Parma per l'Agenzia Associazionismo e Cooperazione internazionale
- Dott. Andrea Zanlari, Presidente Camera Commercio di Parma
- Suor Alessandra, Congregazione “Suore della Divina Provvidenza”
- D.ssa Paola Salvini, medico e volontaria di Parma per gli Altri ONG
- Prof. Cesare Beghi, Presidente Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale dell'Università di Parma

Moderatore Dott. Giuliano Molossi, direttore Gazzetta di Parma.

Parma per gli Altri ONG
Piazza Duomo, 3 - 43100 Parma
Tel. +39.0521.236758 – Fax +39.0521.506105
segreteria@parmaperglialtri.it
www.parmaperglialtri.it
Per sostenere i progetti di Parma per gli Altri ONG
con il
5 per mille della Dichiarazione IRPEF
indicare il
Codice Fiscale 920 324 203 48

martedì 5 maggio 2009

6 maggio 2009 compie 1 anno Pramzànblog

(Testo blu in Italiano)
Buon compleanno a “Pamzànblog”

Un anno fa, precisamente il 6 maggio 2008, nasceva Pramzànblog.
Il frutto di questo sito è dovuto al lavoro giornaliero di Achille Mezzadri giornalista Parmigiano “Strajè” a Milano dal 1971 per motivi di lavoro, Parmaindialetto l’ha definito “Testimonial dei Pramzàn Strajè p’r al mónd”. Che Mezzadri abbia il cuore a Parma lo si capisce tutte le mattine quando più di un miliaio di lettori Parmigiani DOC, anche Strajè dall’altra parte del mondo, mentre sorseggiano un buon caffè, si mettono davanti al computer e leggono tutto quello che giornalmente Pramzànblog pubblica e che riguarda Parma. Con il blog di parmaindialetto, si è instaurata una bella collaborazione in particolare su tutto quanto riguarda la nostra lingua “Pramzàna”. Perciò quelle persone che continuano a dire che il dialetto Parmigiano stà morendo, sicuramente non si sono ancora messe in rete con Pramzànblog o con Parmaindialetto, che stanno lavorando, in particolare con i giovani, perché non si vada a perdere il vernacolo che è un patrimonio di cultura e di tradizione della nostra amata Parma. Grazie Pramzànblog e cento di questi giorni.
(Testo giallo in dialetto Parmigiano)
Bón compleàn a “Pamzànblog”

N’ an’ fa, precizamént al 6 mag’ 2008, nasäva Pramzànblog.
Al frut äd còl sit chì l’é dovù al lavór äd tùtt i dì d’Achille Mezädri giornalìssta Pramzàn “Strajè” a Milàn dal 1971 par motìv äd lavór, Parmaindialetto a l’ha definì al “Testimonial di Pramzàn Strajè p’r al mónd”. Che Mezädri l’abia al cór a Pärma al ‘s capìssa tùtt il matén’ni cuand pù äd mìlla letór Pramzàn DOC, anca Strajè da l’ätra pärta dal mónd, intànt chì bévon un bón cafè, i ‘s mètton davanti al computer e i lézon tùtt còl che giornalmént Pramzànblog al pùblica e ch’ a riguärda Pärma. Con al blog äd parmaindialetto, è nasù ‘na béla colaborasjón in particolär su tùtt cuant riguärda la nostra lénngua “Pramzàna”. Perciò ch’ il parsón’ni ch’ i contìnuon a dìr che al djalètt Pramzàn l’é drè a morir, sicuramént i ‘n s’én mìga ancòrra mìs in comunicasjó con Pramzànblog o con Parmaindialetto, ch’ j én drè a lavorär, in particolär con i giòvvon, parché a ‘n vàga mìga a sparìr al djalètt ch’ l’ é un patrimòni äd cultura e tradisjón ädla nòstra Pärma. Gràsja Pramzànblog e sént äd chi gióron chì.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella foto: Il giornalista Achille Mezzadri, ideatore di Pramzànblog)

lunedì 4 maggio 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 4 maggio 2009

Reginäld al pu bón di Crozè in camp p’r Avelén Pärma
(Per video delle pagelle in dialetto Parmigiano di Avellino Parma clicca qui)

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Avelén Pärma 3-3

Pavarén zéro : t’è fat un bel dizàstor cär al me Pavarén ! A ’t gh’ äv ‘na tosäda da torero, si mo da Torero Camomillo al matadór Tranquillo, fin trop

Zenón sèt : fòrsi al meno péz äd la banda dal bùz la dardè, l’unnich ch’ al s’é tgnù su un po’

Castlén cuàtor : corsia telepass avärta a sinistra ! Ecco al cartél ch’ a té ’t podäv mèttr’al còl jerdlà ! Al pegiór Pavlén d’j ùltom trì méz

Troest (Toast) séz : suficént p’r al gol, mo p’r al rést anca tì t’è patì trop la scualifca äd Lucaréli picén, ragas a ’n sämma miga a l’asilo su là

Paci cuàtor : sul prìmm gol un tentativ äd fóra zógh imbarasànt, sémpor tròp narvóz, e po’ dil gran scarpädi e basta, sénsa mäi njént äd bón, voltämma registor a la zveltén’na va

Mariga séz : corsa corsa corsa, mo njént äd pù ! A ’t paräv al Mariga da campo scuola äd via Po äd l’andäda, trop complimént i t’ han fat mäl ? Sperèmma äd no però

Lunardén òt : al pù bón äd la scuädra, l’ ha cuzì al zógh cme ‘na sartóra sénsa mäj pèrdor la bùssla cme j’han purtròp fat invéci parècc’ di so compagn con pù esparjénsa ! Bravo Zoratén

Morón sìncov : capitàn, al gol al né basta miga par la suficénsa, a ’t gh’ äv ‘na corsa ch’ la paräva ch’ at gh’ avìss al mäl ‘d pànsa, intrégh, confuzionäri, un méz dizastor ch’ a son sicur a ’n sucedarà pù

Leòn sèt : béla partìda invéci p’r al León, ‘na cuälca zugäda genjäla, sénsa paura, coragióza, però a ’n t’è ancòrra imbrochè ‘na punisjón che vùnna, a gh’ vrìss mi a tirärja par fär socuant gol

Reginäld déz : sì a né ‘m són miga sbaljè, parchè l’é trì méz ch’ l’é zò sénsa dir bào, al zuga, al fa gol e dòpa dù secónd al vén tirè zò ! No a ’m dispjäz mo a ‘n s’al merita miga povrètt

Paloschi séz : purtrop putén jerdlà a ’n t’è miga fat un tir in porta, la solita vója, un assist meraviljóz, mo a né ’t si miga stè vlinóz cme al sòlit

Manzón sénsa vót : mo pòvor ragas, indò l’hani comprè da Pasalacua o da Barasón chilù ? Apén’na j’al tòccon al va zò, l’é pròprja fat äd Swarowsky anca lù al n’é miga l’unnich

Guidolin zéro : Don, njénta scónt, gnànca a lù, formasjón strampaläda, scuädra pòch concenträda, al cambi äd Reginäld zbaljè in manéra asurda, sia psicologicamént che taticamént, Don mi andrìss in ritir du o tri dì sté gir, parchè secónd la testa l’é béle trop in là, e pensär tròp in là j’ al pólon fär i tifóz miga vojätor, lù par prìmm!

Tifóz déz : un ciopètt belìssim da vèddor par tùtta la partìda, bél pjén, e con un sach äd bandéri e strisión di nòstor colór fat andär tùtta la partìda ! La génta äd Pärma la n’é mäi retrocésa, mäi ! E adésa dämmogh ‘na man a chi ragas in camp ch’ a gh’ sarvìssa dabón! Tùtt al Tardini sabot sénsa tanti bali, tùtt al Tardini a zbrajär e basta ! AVANTI CROCIATI !
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Testi di Crociato 63 supervisione ortografica di Enrico Maletti)
(Le pagelle in dialetto Parmigiano sono lette da Enrico Maletti)




venerdì 1 maggio 2009

Prossimi appuntamenti nel mese di maggio con la libreria e casa editrice Battei


(Testo solo Italiano)
MARTEDì 5 MAGGIO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
GUERRA DI LIBERAZIONE e/o GUERRA CIVILE
di ETTORE RULLI
Presidente Centro Culturale Compiano Arte Storia
Dialoga con l'Autore:
Giorgio Paini, presidente Istituto Storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma

_____________________________


MERCOLEDì 6 MAGGIO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
E' UN PROBLEMA TUO
di FILIPPO LA PORTA
(Alberto Gaffi editore)
Dialogano con l'Autore:
Rino Genovese, docente di Estetica - Scuola Normale Superiore di Pisa
Giuseppe Marchetti, critico letterario
_____________________________


GIOVEDì 7 MAGGIO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
LE RANE AL GUINZAGLIO
ovvero la storia di Nala
di GIOVANNA FAZIO
(Battei)
Dialogano con l'Autrice:
Antonio Battei, editore
Pier Luigi Viaroli, docente di Ecologia - Università degli Studi di Parma

_____________________________


GIOVEDì 7 MAGGIO ore 18.00
Libreria Coop, Centro Torri - Parma

Presentazione del libro
NOI SIAMO LA NOSTRA STORIA
di MARTA VIAPPIANI
(Battei)

_____________________________


VENERDì 8 MAGGIO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Incontro con
MARCO FERRANDO
portavoce nazionale del Partito Comunista dei Lavoratori
Con la partecipazione di:
Antonio Battei e Federico Orlandini

_____________________________


LUNEDì 11 MAGGIO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
ONDA ANOMALA
di SALVATORE CANNAVO'
Coordinatore nazionale Sinistra Critica
(Alegre edizioni)
Dialogano con l'Autore:
Antonio Battei e Federico Orlandini
_____________________________


MERCOLEDì 13 MAGGIO ore 20.30
Trattoria La Merla - Gualtieri (Reggio Emilia)

Presentazione del libro
IL MAIALE E ALTRE STORIE
di FABRIZIO LANZI
(Battei)
Dialogano con l'Autore:
Antonio Battei, editore
Massimo Gazza, assessore alla Cultura di Boretto

_____________________________


GIOVEDì 14 MAGGIO ore 17.30

Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
PROSCIUTTO DI PARMA
Gustose ricette firmate da ALMA - La Scuola Internazionale di Cucina Italiana
Con il patrocinio del Consorzio del Prosciutto di Parma
(Battei)
Partecipano all'incontro:
Stefano Tedeschi, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma
Albino Ivardi Ganapini, presidente di ALMA
Luca Tona, direttore didattico di ALMA
Donato Troiano, direttore del notiziario on-line INformaCIBO
Antonio Battei, editore

A seguire, buffet

_____________________________


GIOVEDì 21 MAGGIO ore 21.00
Rocca dei Rossi - San Secondo Parmense

Presentazione del libro
IL PO E LA SUA GENTE
Burle sull'acqua che sburla
di FILIPPO AIOLFI
(Battei)
Dialogano con l'Autore:
Antonio Battei, editore
Roberto Bernardini, sindaco di San Secondo
Pier Luigi Poldi Allaj, presidente Associazione Corte dei Rossi
Paolo Panni, giornalista

_____________________________

SABATO 23 MAGGIO ore 11.00
Scuola Media Zani - Fidenza (Parma)

Presentazione del libro
PAROLE E... RELAX
di GIULIANA LEPORATI GERBELLA
(Battei)
Introduce l'incontro:
Ivana Gardella, direttore scolastico della scuola media ZaniDialoga con l'Autrice:
Antonio Battei, editore

_____________________________

LUNEDì 25 MAGGIO ore 17.30
Hotel Posta, Palazzo del Capitano
piazza Del Monte, 2 - Reggio Emilia

Presentazione del libro
UNA VITA DA DIGERIRE
"Corportamenti" e comportamenti
di bambini e adulti con disturbi digestivi
di CLAUDIO ZANACCA, pediatra
(Battei)
Incontro a cura di:
Circoscrizione I Centro Storico di Reggio EmiliaCon la partecipazione di:Antonio Battei, editore _____________________________

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero

CASA EDITRICE-LIBRERIA BATTEI Borgo Santa Brigida, 1 ? 43100 Parmatel. / fax 0521.231291
casaeditrice@battei.it www.battei.it