Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 30 giugno 2009

Programma delle serate di “Stasira parlèmma in djalètt”


(
PER INGRANDIRE CLICCARE SUL TESTO E SULLA FOTO

Bene la prima serata di “Stasira parlèmma in djalètt”

(Testo blu in Italiano)
Già poco dopo le ore 21 di sabato 27 giugno, in piazzale Inzani, si contavano circa trecento persone che attendevano l’inizio della prima serata itinerante di “Stasira parlèmma in djalètt”, spettacolo organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, dalla Famìja Pramzàna in collaborazione con il Circolo Guareschi, Circolo Pertini, www.parmaindialetto.it, Parma Musicale, Parma Nostra e 50&più Fenacom. Gli interpreti hanno messo in scena un copione diverso da quello che il pubblico si aspettava. Invece della solita commedia dialettale, sono state presentate scenette, poesie, battute rigorosamente in dialetto parmigiano ambientate in una vecchia osteria “dedlà da l’acua”, che hanno coinvolto direttamente anche il pubblico e gli abitanti del piazzale che hanno assistito alle due ore di spettacolo dalle finestre delle abitazioni che si affacciano in piazzale Inzani, trasformate per la serata come palchi e loggioni del teatro Regio. La presentazione è stata affidata ad Anna Dall’Argine, i protagonisti sono stati i parmigianissimi Mariangela Bazoni, Ettorina Cacciani, Luigi Frigeri, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Ermes Ghirardi e il fisarmonicista Luigi Abbati.
Lo spettacolo, a carattere itinerante, verrà replicato il 17 luglio in piazzale Parri, quartiere Lubiana e il 23 luglio in piazzale Pablo, dove, in quella serata, è prevista una sorpresa a carattere internazionale, vale a dire un conosciuto strajè in Italia, si collegherà in diretta in dialetto Parmigiano con un famoso strajè che vive dall’altra parte del mondo. Altri incontri saranno; il 28 agosto nel quartiere Montanara, il 4 settembre nel quartiere San Pancrazio (via Mordacci) e l’8 settembre a Cortile San Martino al (circolo Inzani). Tutto questo per portare il nostro dialetto ai Parmigiani sia vecchi che nuovi. Il resoconto di questa serata lo trovate anche su http://www.pramzanblog.com/ di Achille Mezzadri, Testimonial degli “Strajè p’ral mond”
(Testo giallo dialetto Parmigiano)

Bén bombén la prìmma seräda äd “Stasira parlèmma in djalètt”

Zamò poch dòpa ilj óri 21 äd sabot 27 zùggn, in pjasäl Insani, a ‘s contäva cuäzi tarzént parsón’ni chi spetävon l’inìssi ädla prìmma seräda itinerànta äd “Stasira parlèmma in djalètt”, spetàcol organizè da l’Asesorät ala Cultura dal Cmón äd Pärma, dala Famìja Pramzàna in colaborasjón con al Circolo Guareschi, Circolo Pertini, www.parmaindialetto.it, Parma Musicale, Parma Nostra e 50&più Fenacom. I protagonìssta j àn mis in séna un copjón divèrs da còll che al pubblich al s’è spetäva. Invéci ädla solita comédia djaletäla, è stè prezentè dil senètti, poezjj, batudi rigorozamént in djalétt pramzàn ambientädi in-t-na vécia ostarja “dedlà da l’acua”, chi àn coinvòlt diretamént anca al pubblich e j abitànt dal pjasäl chi àn asistì al dò ori äd spetacol dal fnéstri dil cà chi dan in pjasäl Inzani, trasformädi par la seräda cme i pälch e i logjón dal teàtor Regio.
La presentasjón l’é städa fata da Anna Dall’Argine, i protagonìssta j’én stè i parmigianìssim Mariangela Bazoni, Ettorina Cacciani, Luigi Frigeri, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Ermes Ghirardi e al fizarmonicìssta Luigi Abbati.
Al spetacol, a carator itinerant, al srà replichè al 17 lujj in pjasäl Parri, cuartér Lubjana e al 23 lùjj in pjasäl Pablo, indò, in ch’ la seräda li, l’é prevìst ‘na sorpréza a carator internasjonäl, väl a dir un consù strajè in Italjan, al ‘s colegarà in diréta in djalètt Pramzàn con un famóz strajè ch’ al stà da l’ätra pärt del mond. J ätor incóntor i sarànn; al 28 agòst in cuartér Montanära, al 4 setémbor in cuartér San Pancràsi (via Mordacci) e l’8 setémbor a Cortìl San Martén al (cìrcol Insàn). Tutt còsste par portär al nòstor djalètt ai Pramzàn sia véc’ che nov. Al resocónt äd cla seräda chì al catì anca su http://www.pramzanblog.com/ d’ Achille Mezädri, Testimonial di “Strajè p’ral mond”
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Nelle foto: 1) Ettorina Cacciani, 2) Enrico Maletti, 3) il gruppo al completo della serata composto da Anna Dall'Argine, Giuseppe Mezzadri, Ettorina Cacciani, Luigi Frigeri, Enrico Maletti, Giorgio Capelli, Maurizio Landi, Claudio Cavazzini, Mariangela Bazoni, Ermes Ghirardi e Luigi Abbati, 4) Maurizio Landi, 5) Giorgio Capelli, Mariangela Bazoni, il fisarmonicista Luigi Abbati, Enrico Maletti

giovedì 25 giugno 2009

Il 27 giugno alle ore 21,00 da Piazzale Inzani parte l'iniziativa dedicata al dialetto parmigiano dal titolo “Stasìra parlèmma in djalètt”

(Testo blu in Italiano)
Il 27 giugno alle ore 21,00 da Piazzale Inzani parte l'iniziativa dedicata al dialetto parmigiano dal titolo “Stasìra parlèmma in djalètt” sostenuta dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Parma. Il progetto, promosso da Famija Pramzana in collaborazione con il Circolo Guareschi, Circolo Pertini, Parma Nostra, 50 & Più Fenacom, Parma Musicale e Parmaindialetto, si articola sulla base di un programma di intrattenimento con musiche, battute e poesie tutte rigorosamente in vernacolo Parmigiano. I testi in prosa, tratti dalla produzione di Giuseppe Mezzadri e dalla tradizione popolare, sono rielaborati dal gruppo di lavoro delle associazioni aderenti. La sera del 27 prevede la presenza di Ettorina Cacciani, Anna Maria Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri, Claudio Cavazzini, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Ermes Ghirardi, del fisarmonicista Luigi Abbati e del chitarrista Giorgio Capelli. Nelle serate successive sarà presente il fisarmonicista Corrado Medioli. Perciò una vera e propria squadra di Parmigianità. L'evento è di carattere itinerante e prevede altre cinque tappe : il 17 luglio in quartiere Lubiana(Largo Parri) il 23 luglio in Piazzale Pablo, il 28 agosto nel quartiere Montanara(Centro Giovani-Via Pelicelli 13/A), il 4 settembre al quartiere S. Pancrazio(via Mordacci) e per finire l’estate 2009, l'8 settembre a Cortile S. Martino(Circolo Inzani).


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al 27 zuggn alj óri 21,00 da Pjasäl Insàni partìssa l'inisjatìva dedicäda al djalètt pramzàn dal tìttol “Stasìra parlèmma in djalètt” sostgnùda da l'Asesorät ala Cultura dal Cmón äd Pärma. Al progét, promòs da Famija Pramzana in colaborasjón con al Cìrcol Guarèssch, Cìrcol Pertén, Pärma Nòstra, 50 & Più Fenacom, Pärma Muzicäla e Pärmaindjalètt, l’è fat su la bäza d’ un progràma d’ intratenimént con muzichi, batùdi e poezjj tùtti rigorozamént in djalètt Pramzàn. I tésti in pròza, tràt dala produsjón äd Giuzèp Mezädri e dala tradisjón popolära, j én stè rielaborè dal grupp äd lavór dilj asociasjón partecipànti. La sira dal 27 parteciprà Ettorina Cacciani, Anna Maria Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri, Claudio Cavazzini, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Ermes Ghirardi, al fizarmonicìssta Luigi Abbati e al chitarìssta Giorgio Capelli. In-t-il siri sucesìvi srà prezént al fiarmonicìssta Corrado Medioli. Perciò ‘na vera e pròprja scuädra äd Parmigianitè. L'evént lé äd carator itinerant e al prevèdda ätri sincov serädi : al 17 lujj in cuartér Lubjana (Largo Parri) al 23 lujj in Pjasäl Pablo, al 28 agòst in-t-al cuartér Montanära (Céntor Giòvvon-Via Pelicéli 13/A), al 4 setémbor al cuartér S. Pancràsi (via Mordàc’) e par fnìr l’isté 2009, l'8 setémbor a Cortìl S. Martén (Cìrcol Insàni).
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto alcuni dei partecipanti alle serate di "Stasira parlèmma in djalètt": Corrado Medioli, Giorgio Capelli, Anna Maria Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Claudio Cavazzini, Ermes Ghirardi)

mercoledì 24 giugno 2009

Il Colonnello Luciano Garofano resta a Parma.

(Testo blu in Italiano)
Il TAR rinuncia il trasferimento del Colonnello Garofano

Il Colonnello Luciano Garofano resta a Parma. Il Tar ha accolto il ricorso del Comandante dei Ris, che aveva impugnato il suo trasferimento a Roma.Il Comando generale dell'Arma, infatti, aveva ordinato il trasferimento del Colonnello - che in quei giorni era candidato alle elezioni europee - con un provvedimento del 1° giugno. Garofano ha fatto ricorso al Tribunale amministrativo regionale, che oggi ha emesso la sentenza: il provvedimento del Comando generale dei Carabinieri è annullato. Il giudice ha dato ragione al Comandante dei Ris, ritenendo che sussista un danno grave.Se il Comando dell' Arma dovesse fare ricorso a sua volta, la questione passerebbe al Consiglio di Stato. I Parmigiani sono fieri di avere un concittadino come il Colonnello Garofano e lo nominano un buon “Pramzàn dal sas”


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al TAR l’ ha rinuncè al trasferimént dal Colonél Garòfon

Al Colonél Luciàn Garòfon al résta a Pärma. Al Tar l’ha acòlt al ricórs dal Cmandant di Ris, ch’ l’ äva impugnè al sò trasferimént a Ròmma.Al Cmànd generäl äd l'Ärma, infati, l’ äva ordinè al trasferimént dal Colonél - che in chi gióron l’éra candidè alj elesjón europei - con un provedimént dal 1° zuggn. Garòfon l’ha fat ricórs al Tribunäl aministratìv regionäl, che incó l’ha dè la senténsa: al provedimént dal Cmand generäl di Carabinér e anulè. Al giuddic’ l’ha dè ragión al Cmandànt di Ris, provànd ch’ a gh’ sia un dan gräv.Se al Cmand äd l'Ärma al dovìssa fär ricórs o se, la cuestjón la pasarìss al Consìlli äd Stät. I Pramzàn j én contént d’avér un sitadén cme al Colonél Garòfon e j al nòminon un bón “Pramzàn dal sas”.
(Tgnèmmos vìsst)
(Il teso in Italiano è tratto da www.gazzettadiparma.it )




giovedì 18 giugno 2009

Da parmadaily riceviamo e pubblichiamo. "Il Presidente della Provincia sia garante delle tradizioni"

(Testo solo in Italiano)
Lavagetto: "Sostegno a progetti che insegnino il dialetto alle elementari".

Nella consapevolezza che una società che non sa difendere le proprie radici culturali, e le proprie tradizioni, non ha futuro, il presidente della Provincia si farà garante per la tutela, la valorizzazione e la promozione dell’identità del territorio in modo da recuperare insieme i valori etici, morali, storici e culturali, che ci faranno riscoprire un comune senso di appartenenza.
Questo sarà l’elemento che ci permetterà di ritornare ad avere un comune sentire, un comune amare e quindi un comune sognare.

Infatti, la costruzione di strade, ponti, infrastrutture, saranno certamente fra le priorità del nostro programma per farci uscire dalla crisi economica che comincia anche qui da noi a farsi sentire, ma sarà la tutela e la valorizzazione di quel patrimonio culturale, e di valori, che si tramanda da generazione a generazione, ad essere la vera carta vincente per conquistare le sfide future.
Costituiremo un fondo economico di un milione di euro all’anno a disposizione per la costruzione e le attività di uno specifico osservatorio per la tutela, la valorizzazione e la promozione, dell’identità culturale del parmense. Chiameremo a far parte di questo osservatorio i sindaci, il mondo della scuola, statale e privata, le associazioni culturali e tutti quei soggetti che svolgono azioni di promozione e tutela culturale locale. In particolare, saranno soprattutto sostenuti progetti quali:
1) la presenza nella nostra scuola di quei simboli come il crocifisso o il presepe che, in modo laico, sapranno dare l’immediata percezione di quei valori, di quegli ideali, che si sono formati in oltre duemila anni della nostra storia.
2) L’estensione a tutte le scuole elementari della Provincia del progetto realizzato dai Servizi Educativi del Comune di Parma “Crescere in armonia” che prevede, anche attraverso la presenza di una cucina all’interno della scuola, l’opportunità per i bambini di imparare a preparare i nostri piatti tradizionali.
3) Il sostegno ai progetti della scuola elementare della provincia di Parma, che oltre alla lingua italiana, sapranno far conoscere ai bambini immigrati, e alle loro famiglie, culture e tradizioni del nostro territorio.
4) Infine il sostegno a progetti delle scuole elementari che sappiano insegnare ai bambini il nostro dialetto, anche in collaborazione con quelle associazioni culturali e teatrali che già in modo autonomo ne attuano la promozione sul nostro territorio.
Il futuro presidente della Provincia dovrà spendere direttamente la sua autorevolezza per farsi garante di una Provincia che, se dovrà essere accogliente per tutti coloro i quali, portatori di culture diverse, sceglieranno la nostra provincia quale luogo in cui vivere con le proprie famiglie nel rispetto delle nostre regole, dovrà però anche essere una Provincia da amare per la sua storia, la sua cultura e le sue tradizioni.
Ufficio stampa
Giampaolo Lavagetto
Candidato Presidente alla
Provincia di Parma per PDL – LEGA NORD

Per maggiori dettagli: http://www.parmadaily.it/Notizie/Dettaglio.aspx?pda=CTT&pdi=23201

mercoledì 17 giugno 2009

Buon compleanno a un "Pramzàn dal sas". CARLETTO NESTI.


(Testo blu in Italiano)
Il 18 giugno compie 65 anni Carletto Nesti, parmigiano, sposato con Donella, anche lei nata il 18 giugno, quattro figli (Matteo, Francesca, Giacomo e Lorenzo) e quattro nipoti (Daniele, Zacarias, Francesco e Bruna): ecco il biglietto da visita "privato" di Carletto Nesti (sì, proprio Carletto all'anagrafe, non è un diminutivo). Editore (pubblicazioni per ragazzi), uomo politico e amministratore pubblico. E' stato consigliere ed assessore a Collecchio e Felino, poi Presidente dell’Unità Sanitaria Locale di Parma (la più grande dell’Emilia), successivamente consigliere del Comune di Parma e per diversi anni, in periodi diversi Assessore sempre al Comune di Parma (Servizi Sociali, Anagrafe e Stato civile, Polizia Municipale, Viabilità-traffico-trasporti, Toponomastica, Economato, Bilancio e Finanze, Decentramento, Patrimonio, Rapporti con la Regione, ecc.). Dal 2004, anno della sua costituzione, al 2008 è stato presidente dell'Ade. Buon compleanno Carletto!!! Parmigiano del sasso”



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Bón compleàn a un “Pramzàn dal sas” Carletto Nesti.

Al 18 zuggn compìssa 65 àni Carletto Nesti, pramzàn, spozè con Donella, anca le nasùda al 18 zuggn, cuator fjój (Matteo, Francesca, Giacomo e Lorenzo) e trì anvód (Daniele, Zacarias, Francesco e Bruna): ecco al biljètt da vizita "privè" äd Carletto Nesti (sì, pròprja Carletto a l'anagrafe, al n’ è mìga un diminutìv). Editór (publicasjón par ragàs), òmm polìttich e aministradór pùbblich. L’é stè consiljér e asesór a Colecc’ e Flén, po’ Presidént äd l’Unitè Sanitäria Locäla äd Pärma (la pù granda äd l’Emìlja), sucesivamént consiljér dal Cmón äd Pärma e par divèrs àni, in perìod divèrs Asesór sémpor al Cmón äd Pärma (Servìssi Socjäl, Anagrafe e Stät civìl, Polisja Municipäla, Viabilitè-trafich-traspòrt, Toponomastica, Economè, Bilànc’ e Finànsi, Decentramént, Patrimònni, Rapòrt con la Regjón, ecc.). Dal 2004, an’ ädla sò costitusjón, al 2008 l’é stè presidént äd l'Ade. Bón compleàn Carletto!!! “Pramzàn dal sas”
(Tgèmmos vìsst)
(Il Testo in Italiano è stato tratto da
http://www.pramzanblog.com/)

lunedì 15 giugno 2009

Tutto è pronto per “Stasìra parlèmma in djalètt” . 6 serate, la prima il 27 giugno in piazzale Inzani.


(Testo blu in Italiano)
Tutto è pronto per

“Stasìra parlèmma in djalètt”

Il dialetto Parmigiano va in tourne nelle piazze di Parma. Non è una novità che la nostra lingua di Parma si senta parlare nelle piazze della città, e finalmente questa volta il merito va a sei Associazioni culturali di Parma che si occupano del nostro vernacolo e collaborano per organizzare una manifestazione su un palcoscenico che verrà allestito nelle piazze. Un grazie particolare vada al Sindaco di Parma Pietro Vignali e a l’Assessore Luca Sommi che hanno preso molto a cuore l’dea delle Associazioni, che sono: Famìja Pramzàna, Parma Nostra, 50 & più Fenacom, Circolo Pertini, Circolo Giovannino Guareschi e
www.parmaindialetto.it .
Gli artisti che parteciperanno alle serate che da oltre quarant’anni calcano le tavole dei palcoscenici e hanno portato anche fuori Parma il nostra vernacolo sono: Anna Maria Dall’Argine, Ettorina Cacciani, Mariangela Bazoni, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Claudio Cavazzini, Ermes Ghirardi, Maurizio Landi, Luigi Frigeri e i fisarmonicisti Parmigiani Luigi Abbati e Corrado Medioli, conosciuto in tutto il mondo. Ecco le date dello spettacolo viaggiante a cui le Associazioni hanno dato come titolo “Stasìra parlèmma in djalètt.”

27 giugno (quartiere Oltretorrente) piazzale Inzani.
17 luglio (quartiere Lubiana) Largo Parri (dietro via Sidoli)
23 luglio (quartiere Pablo) in piazzale Pablo
28 agosto (quartiere Montanara) area scuole
4 settembre (quartiere San Pancrazio) via Mordacci, dietro l’area ex Pezziol
8 settembre (quartiere Cortile San Martino) vicino al Circolo Inzani.

Tutti i Parmigiani che nel periodo estivo rimangono in città, sono invitati alle serate rigorosamente “Pramzàni”


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Tùtt è prónt par

“Stasìra parlèmma in djalètt”

Al djalètt Pramzàn al va in tourne in-t-il pjasi äd Pärma. L’ ‘an ‘né mìga ‘na novitè che la nòstra lènngua äd Pärma l’a ‘s sénta parlär in-t-il pjasi ädla citè, e finalmént stà vòlta al mérit al va a séz Asociasjón culturäli äd Pärma ch’ i s’ òcupon dal nóstor djalètt e i colàboron p’r organizär ‘na manifestasjón su un pälcscénich ch’al srà montè in-t-il pjasi. Un gràsja particolär al vàga al Sìnndich äd Pärma Pédor Vignäli e a l’Asesór Luca Sommi ch’ j han tòt bombén a cór l’dea djli Asociasjón, ch’ i én: Famìja Pramzàna, Pärma Nòstra, 50 & più Fenacom, Cìrcol Pertén, Cìrcol Zvanén Guarèsch e
www.parmaindialetto.it .
J artìssta ch’i partecipràn al serädi, che da óltr cuarant’àni i pìsston il tävli di pälcsénich e j han portè anca fóra Pärma al nòstor djalètt j’én: Anna Maria Dal’Ärgin, Etorén'na Cacjàn, Mariangela Bazón, Rìco Malétt, Giuzép Mezädri, Giòrg’ Capéli, Clàvdi Cavasén, Ermes Ghirärdi, Maurìsio Landi, Gigén Frigeri e i fizarmonicìssta Pramzàn Luigi Abbati, e Corado Medjól, consù in tùtt al mond. Ecco il däti dal spetàcol viagiànt che j Asociasjón j han dè cme tìttol “Stasìra parlèmma in djalètt.”

27 zuggn (cuartér dedlà da l’acua) pjasäl Insàni.
17 lujj (cuartér Lubjana) Lärogh Parri (dardè a via Sidoli)
23 lujj (cuartér Pablo) in pjasäl Pablo
28 agòst (cuartér Montanära) area dìl scóli
4 setémbor (cuartér San Pancràsi) via Mordàc’, dardè l’area ex Pesjòl
8 setémbor (cuartér Cortìl San Martén) azvén al Cìrcol Insani.

Tùtt i Pramzàn che in-t-al perìod estìv i réston in citè, j én invidè al serädi rigorozamént “Pramzàni”
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: 1) alcuni interpreti delle serate di "Stasira parlèmma in djalètt" 2) Anna Maria Dall'Argine che presenterà la prima serata in piazzale Inzani, 3) l'Assessore alla cultura del Comune di Parma Luca Sommi.)
Cliccare sulle foto per ingrandirle.



sabato 13 giugno 2009

La Dallara Automobili rientra in Formula 1

(Testo blu in Italiano)
Dopo che da alcune settimane la notizia circolava nell’ ambiente della Formula 1, ieri è arrivata la conferma del ritorno della Dallara al prossimo mondiale di Formula 1.
L’azienda Automobilistica di Varano Melegari, rientra a fianco di un nuovo team, tutto Spagnolo,”Campos-Meta” che per primo aveva inviato alla FIA l’iscrizione al mondiale del 2010.
Per la Campos-Meta la Dallara curerà la progettazione, lo sviluppo e la costruzione della nuova vettura di F 1. Come annunciato dallo stesso Ing. Dallara, appena ricevuta la notizia ufficiale dell’avvenuta iscrizione al mondiale, la nuova vettura si chiamerà “Campos Dallara”.
Un Team di 40 tecnici, che in futuro diventeranno 80, è al lavoro a Varano Melegari da oltre due mesi, e inizierà le prove della galleria del vento dal prossimo mese di luglio.
La Dallara ritorna in F1 dopo aver partecipato per cinque mondiali, (dal 1988 al 1992), come costruttore BMS per la Scuderia Italia, la Dallara ha collaborato con Honda nel 1998 e Midland nel 2006. Fondata nel 1972 dall’Ing. Giampaolo Dallara come costruttrice di automobili da competizione a Varano Melegari, si ripropone di portare il nome delle terre Parmensi in F1.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
La Dalära Avtomòbil la torna in Formula1

Dòpa che da socuant stmàni la notìssia la circoläva in-t-l’ ambiént ädla Formula 1, iér é rivè la conférma dal ritóron ädla Dalära al pròsim mondjäl äd Formula 1.
L’aziénda d’ Avtomòbil äd Varan di Melegär, l’a torna déntor a fjanch d’ un nóv team, tùtt Spagnól,”Campos-Meta” che par prìmm l’äva inviè ala FIA l’iscrisjón al mondjäl dal 2010.
Par la Campos-Meta la Dalära l’a curarà la progetasjón, al zvilùp e la costrusjón ädla nóva machina äd F 1. Cme béle dìt dal stés Ing. Dalära, apén’na ricevùda la notìssia uficjäla äd l’ iscrisjón al mondjäl, la nóva machina l’a s’ciamarà “Campos Dallara”.
Un Team äd 40 técnich, che po in futùr i dventaràn 80, l’é al lavór a Varàn di Melegär da óltra du méz, e cominc’ràn il próv ädla galaria dal vént dal pròsim méz äd lujj.
La Dalära l’a ritorna in F1 dòpa avér partecipè par sìnch mondjäl, (dal 1988 al 1992), cme costrutór BMS par la Scuderìa Itàlja, la Dalära l’ha colaborè con Honda in-t-al 1998 e Midland in-t-al 2006. Fondäda in-t-al 1972 da l’Ing. Giampavol Dalära cme costrutrice d’ avtomòbil da competisjón a Varàn di Melegär, l’a vól portär al nòm dìl téri Pramzàni in F1.
(Tgèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella foto d'archivio di Parmaindialetto: L'Ing. Giampaolo Dallara all'aula Magna dell'Università di Parma durante la presentazione del Lunario Parmigiano 2009 di "Parma Nostra", di cui ne è statoTestimonial)
Il 22 ottobre 2008 Parmaindialetto ha pubblicato su questo blog la storia della "DALLARA AUTOMOBILI", per leggere questo articolo cliccare su (archivio blog) e cercare la data del 22 ottobre 2008.

mercoledì 10 giugno 2009

Libreria e casa editrice Battei UN'ESTATE D'INCONTRI TRA POESIA, ROMANZO NOIR E ROSA, MITI E LEGGENDE, ATTUALITA'...

MERCOLEDI 10 GIUGNO ore 18.30
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del romanzo giallo
MORTE ALLO STADIO
di PAOLO BONACINI
(Miraviglia edizioni)
Dialogano con l'Autore:
Antonio Battei, editore
Luca Ponzi, giornalista RAI
_____________________________

VENERDI 12 GIUGNO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
LA TUA VITA IN 30 COMODE RATE
di GIANLUIGI RICUPERATI
(Mursia)
Dialogano con l'Autore:
Claudia De Santis e Luigi Gianola Bazzini

_____________________________

GIOVEDì 18 GIUGNO ore 11.00
Palazzo del Comune, piazza Garibaldi - Parma

PARMAPOESIA FESTIVAL
Presentazione del nuovo numero del
CORRIERE DI PARMA
rivista d'arte cultura e attualità
(Battei)
Presenta il sindaco di Parma Pietro Vignali
_____________________________

GIOVEDI 18 GIUGNO ore 17.30
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

PARMAPOESIA FESTIVAL
Inaugurazione della mostra
POETRY ART BOOKS
Libri d'arte di ANTONIA SORSOLI
Introduce Antonio Battei
Letture di Rosanna Varoli

In collaborazione con Associazione culturale Arcadia
_____________________________

VENERDI 19 GIUGNO ore 17.30
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

PARMAPOESIA FESTIVAL
Presentazione dell'antologia
CAPOLAVORI. Dieci poesie in dialetto parmigiano tradotte in italiano
di RENZO PEZZANI, LUIGI VICINI, ALFREDO ZERBINI
(Battei)

Introduce Antonio Battei
Partecipano: Giuseppe Marchetti e Lorenzo Sartorio
_____________________________

LUNEDI 22 GIUGNO ore 18.30
Palazzetto Eucherio Sanvitale, Parco Ducale - Parma

PARMAPOESIA FESTIVAL
VITE IN VERSI. Rassegna di poeti pubblicati dalla BatteiFrancesco Caffarra, Giuseppe De Filippis, Simona Gasparini, Giuliana Leporati Gerbella, Antonio Tacete.

Partecipano all'incontro: Antonio Battei, Antonio Caffarra, Luigi Gianola Bazzini, Merika RossettiLetture di Rosanna Varoli
_____________________________

SABATO 27 GIUGNO ore 18.00
Libreria Battei, strada Cavour - Parma

Presentazione del libro
JONATHAN BERRET. UN UOMO MERAVIGLIOSO
di MIRIAM SCOTTI
(Battei)
Dialogano con l'Autrice:
Antonio Battei, editore
Merika Rossetti, critico letterario

_____________________________

SABATO 5 SETTEMBRE ore 17.30
Rifugio Lagdei - Bosco di Corniglio (Parma)

Presentazione del libro
LEGGENDE DI TERRA PARMENSE
di FEDERICA ARIOZZI
(Battei)
Dialoga con l'Autrice:
Antonio Battei, editore_____________________________

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero

CASA EDITRICE-LIBRERIA BATTEI Borgo Santa Brigida, 1 43100 Parma tel. / fax 0521.231291 casaeditrice@battei.it www.battei.it

martedì 9 giugno 2009

Ufficio Pastorale della Famiglia Diocesi di Parma. Famiglie a Berceto con il Vescovo Monsignor Solmi.


(Testo blu in Italiano)

Anche quest’anno come di consueto, la prima domenica di giugno nel Santuario Madonna delle Grazie presso il Seminario di Berceto si è svolto il Pellegrinaggio Diocesano delle famiglie organizzato dall’Ufficio Famiglia della Diocesi di Parma per il programma dell’anno Past
orale 2008/2009.
Le numerose famiglie partecipanti guidate dal Vescovo di Parma Monsignor Enrico Solmi, dopo essere partiti dal Santuario, hanno attraversato in processione le vie del suggestivo paese di montagna, facendo varie soste per poi arrivare davanti al Duomo di Bercelo, dove all’interno, alle ore 11 il Vescovo ha concelebrato la Santa Messa. Pubblichiamo la conclusione, dalla lettera del Vescovo Enrico;
“Tutti cercano”
“La Chiesa è una famiglia che abbraccia tutti e ognuno, è una madre che soffre se un figlio si rifiuta e si ritrae, ma non lo toglie mai dal cuore e dalla tenace premura perché possa tornare e gustare della sua comunione. La Chiesa è fatta di deboli e di forti, di persone in crisi e di persone che camminano spedite, accoglie il passo lento di chi fatica e gode di chi va avanti e segnala vie nuove, ma sempre guardando premurosa per non perdere nessuno di questo popolo, pronta a cadenzare l’andatura sull’ultimo. Procediamo tutti con rispetto e insieme tenendo sempre la porta spalancata.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Uffìssi Pastoräl ädla Famìja Diòcezi äd Pärma

Famijj a Bersèjj con al Vèsscov Monsgnór Solmi.
Anca st’an’ cme ‘d sòlit, la prìmma doménica äd zuggn in-t-al Santuäri ädla Madonna dil Grasjj azvén al Seminäri äd Bersèjj a s’è zvo
lt al Pelegrinag’ Diocezàn dìl famìjj organizè da l’Ufìssi Famìja ädla Diòcezi äd Pärma p’r al programa äd l’an’ Pastoräl 2008/2009.
‘Na gran cuantitè äd famìjj partecipànti e gvidädi dal Vèsscov äd Pärma Monsgnór Enrico Solmi, dòpa ésor partìdi dal Santuäri, j han travarsè in procesjón il vìjj dal sugestìv paéz äd montagna, e j han fàt parècci sosti par po rivär davànti al Dòm äd Bersèjj, indò a l’intèron, alj óri vùnndoz al Vèsscov l’ha concelebrè la Santa Messa. Pubblichèmma la concluzjón, ädla littra dal Vèsscov Enrico;
“Tùtt i sércon”
“La Céza l’é ‘na famìja ch’ l’ abràsa tùtti e ognón, l’é ‘na mädra ch’ la sòffra se un fjól al s’ rifiuta e al s’ tira indrè, mo a n’al tira mäi via dal cór e dala fòrta premùra parché al pòsa tornär e gustär ädla so comunjón. La Céza l’é fàta äd débol e di fòrt, äd parsón’n in crìzi e parsón’n chi caménon spedìdi, l’a spéta al pas lént äd chi fa fadìga e l’a pjazér äd chi va avanti e l’a segnäla dìl vìjj nóvi, ma sémpor guardànd premuróza par n’è pèrdor nisón äd còll pòpol chi, prónta a där la cadénsa l’andadùra su l’ùltim. Procedèmma tùtti con rispét e insèmma e a stär sémpor con la porta avèrta.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: 1) Monsignor Enrico Solmi Vescovo diParma; 2) un gruppo di Pellegrini davanti al Santuario della Madonna delle Grazie a Berceto; 3) Monsignor Solmi e Giorgio Del Sante; 4/5) alcuni
Pellegrini durante la Processione; 6) davanti al Duomo di Berceto)
Per ingrandire cliccare sulle foto.

domenica 7 giugno 2009

Venti anni di Telefono Amico

Testo solo in Italiano)
Venti anni di Telefono Amico
Venti anni del servizio sociale Telefono Amico. Martedì 9 Giugno ore 21.00 sala conferenze Luigi Anedda - sede Assistenza Pubblica - Parma TAVOLA ROTONDA DIVERSI MODI DI ASCOLTARE la parola è per metà di colui che parla e per metà di colui che ascolta Programma:- Saluto del Presidente: Filippo Mordacci Introduzione: - Prof. Enver Bardulla (Università di Parma) Interventi: - Dott. Pietro Cavazzini (medico di base)- Dott. Rosy Annunziato (consulente esperta di relazioni famigliari ed educative)- Don Luigi Valentini (responsabile di Betania)- Fabrizio Gialdi (rappresentante di Telefono Amico) Dibattito Chiusura lavori

sabato 6 giugno 2009

Riceviamo e pubblichiamo. Il Comune di Parma per il diritto al voto delle persone con disabilità.

(Testo solo in Italiano)
Attivato numero verde e trasporti il 6 e 7 giugno.

In occasione dell'appuntamento elettorale del 6-7 giugno la macchina elettorale del Comune di Parma è nel pieno dell'attività organizzativa, nello specifico l'Agenzia alle politiche a favore dei disabili in collaborazione con l'Ufficio elettorale ha messo a punto l'organizzazione atta a garantire l'esercizio del diritto di voto a tutti i Cittadini. E' stato attivato il NUMERO VERDE 800 977917 del servizio elettorale - la chiamata è gratuita - per richiedere servizi e informazioni attinenti le elezioni, tra cui anche il trasporto speciale.
Le persone che ne avessero necessità possono chiamare il numero verde e prenotare il trasporto, facendo presente se, per motivi di particolare gravità, debbano essere prelevate dalla loro abitazione. Per queste situazioni infatti l'Agenzia Disabili si avvale della collaborazione dell'Assistenza Pubblica. Sono circa 15 i dipendenti dell'Agenzia che sabato e domenica lavoreranno a tempo pieno per garantire un servizio di trasporti efficiente con pulmini attrezzati e auto del Comune di Parma.

Il servizio di trasporto è gratuito e sarà garantito anche per l'eventuale ballottaggio e il referendum del 21 e 22 giugno.

Per ulteriori dettagli:
http://www.comune.parma.it/


mercoledì 3 giugno 2009

Parma ricorda Lauro Grossi A vent’anni dalla scomparsa, la città ricorda quello che fu il suo sindaco per tutti gli anni Ottanta.

(Testo blu in Italiano)
Lauro Grossi morì infatti il 3 giugno 1989. Fu un primocittadino popolare per la città e capace in un decennio di disegnare la Parma del futuro: la viabilità sud, la fiera, l’aeroporto, il Cepim, i quartieri artigianali della Crocetta e di via Mantova. Fu anche colui che istituì il premio Sant’Ilario. Governò sotto l’asse Pci-Psi dal 1980 al 1985, quindi con il Pentapartito fino al 1989.
Anni di forti mutamenti sociali che Grossi seppe interpretare con attenzione e lungimiranza.
Oggi, alle 17, gli amministratori di ieri e di oggi lo ricordano in Consiglio comunale, dando anche il via ad una serie di iniziative che fino a settembre celebreranno la figura dell’ex sindaco socialista in tutte le sue caratteristiche: amministrative, dirigenziali e sportive.
Organizzato dall’Amministrazione e dal Consiglio comunale di Parma, i collaboratori di Grossi divideranno le poltrone della sala consigliare con chi, nel passato e nel presente, ha ricoperto ruoli istituzionali, economici, sociali e associazionistici della città.
Quella di oggi è anche l’occasione per presentare il volume dedicato alla figura dell’ex sindaco ed edito da Mup, con la collaborazione di Fondazione Monte e di Banca Monte Parma. Una pubblicazione in cui diverse persone che hanno lavorato con Grossi ricordano il suo impegno per la città. La giornata continuerà poi all’Oratorio de’Rossi, in via Garibaldi, dove si svolge una messa per iniziativa della famiglia dell’ex sindaco. L’appuntamento di oggi apre una serie di incontri sulla figura di Grossi. La sua Borgotaro, infatti, lo ricorderà a metà luglio con un convegno sullo sport e le sponsorizzazioni, cui parteciperà anche il giornalista Sergio Zavoli. Zavoli infatti era colui che faceva il processo al giro, ai tempi in cui la Salvarani marchiava Gimondi e Adorni. Proprio a Grossi, dirigente Salvarani, era affidata la responsabilità di quella sponsorizzazione, una delle prime in Italia che diedero il via ad un binomio, sport e aziende, tutt’ oggi ancora attuale. Di questo e di altro si parlerà nell’ incontro organizzato dai Comune di Parma e di Borgotaro.
A settembre poi un convegno sull’ evoluzione storica ed economica della Parma degli anni Ottanta, rifletterà sul ruolo che l’ allora sindaco della città ricoprì in quella che fu una tappa fondamentale nella storia della Parma moderna.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Lauro Grossi l’è mort al 3 zuggn 1989. l’é stè un Sìnndich popolär par la citè e l’é stè bón in-t- un decéni äd disgnär la Pärma dal futur: la viabilitè sud, la féra, l’aeropòrt, al Cepim, i cuartér artigianäl ädla Crozétta e via Mantva. L’é stè anca còl ch’ l’ha istituì al prémi Sant’Iläri. L’ha governè sòtta l’às Pci-Psi dal 1980 al 1985, perciò con al Pentapartì fin al 1989.
Àni äd fòrt mutamént sociäl che Grossi l’ha savù interpretär con atensjón e mirè bén bombén.Incó, alj óri 17, j aministradór d’ iér e d’ incó j al ricòrdon in Consìlli comunäl, e i d’an anca al via a ‘na sèrja d’ inisjatìvi che fin a setémbor i celebraràn la figura äd l’ex sìnndich socialìssta in tùtt il sò caraterìsstichi: aministratìvi, dirigensjäli e sportivi.
Organizè da l’Aministrasjón e dal Consìlli comunäl äd Pärma, i colaboratór äd Grossi i dividràn il poltrón’ni ädla säla consiljära con còjj,che in-t-al pasè e in-t-al prezént, l’ha ricopért di pòst istitusjonäl, econòmich, socjäl e asociasjonìsstich ädla citè.
Còlla d’ incó l’é anca l’ocazjón par prezentär al lìbbor dedichè ala figura äd l’ex sìnndich e édit da Mup, con la colaborasjón äd Fondasjón Mónt e äd Banca Mónt Pórma. ‘Na publicasjón in indò parècci parsón’ni ch’ j han lavorè con Grossi i ricòrdon al sò impìggn par la citè. La giornäda l a continuarà pò a l’Oratòri di Ròss, in via Garibäldi, indò i diràn ‘na méssa p’r inisjatìva ädla famìja äd l’ex sìndich. L’apontamént d’ incó al réva ‘na sèrja d’ incóntor su la figura äd Grossi. Al sò Borgotär, infàti, al l’a ricordarà a metè lùjj con un convègn sul sport e il sponsorizasjón, indò parteciprà anca al giornalìssta Sergio Zavoli. Zavoli infati l’éra còl ch’ al fäva al procés al gìr, ai témp cuand la Salvarani l’a marchiäva Gimondi e Adorni. Pròprja a Grossi, dirigént ädla Salvarani, l’éra afidäda la responsabilitè äd cla sponsorizasjón chì, vùnna dil prìmm in Itàlja ch’ l’ ha dè al via a n’ abinamént, sport e aziénda, incó ancòrra atuäl. Äd còsste e d’ ältor a ‘s perlarà in-t-l’ incóntor organizè dai Cmón äd Pärma e Borgtär.
A setémbor pò un convègn su l’ evolusjón stòrica e econòmica ädla Pärma di àni otanta, al rifletarà sul ruól che l’ alóra sìnndich ädla citè al gh’ ha avù in còlla ch’ l’é städa ‘na tàpa fondamentäl in-t-la stòrja ädla Pärma modèrna.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

lunedì 1 giugno 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 1 giugno 2009




Tifóz e Fransèssch Guidolin i pu bón in camp di Crozè par Sasól Pärma

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Sasól Pärma 2-2

Pegolo séz : du tir du gol……pù o meno…..e col savàti e la crèmma abronzanta pronta in valìza

Zenón séz : che fadìga zugär l‘ultma partìda ah Dino ? Pù o meno cme fär il pagéli, a né ’t sé pù cò dir o cuäzi

Castlén sèt : ecco Pavlén invéci al gh’äva ancòrra vója äd zugär, sémp’r a scariolär avanti e indrè cme ‘n mat, pròprja bräv

Troest (Toast) séz : trop cäld ah pilolón ? a gh’ vräva n’ombarlón jerdlà, oh adésa zvalitìssa un po’ ch’ il gambi lì che bräv a ’t zi bräv, mo st’ an’ ch ’vén a cambia la sólfa vè

Lucaréli Picén sèt : cme par ch’j ätor centräl a gh’ n’ in sarìss da dìr cuand a ’s bècca dù gol äd testa da dù stopajètt, mo co vòt stär lì dopa un campjonät srepitóz

Mariga sèt : ancòrra vója äd còrror ! L’é béle dìt tùtt ! Oh morètt a m’arcmand st’ an’ ch’vén ancòrra con la crozäda adòs ah ? A ’n vój miga äd bali

Morón sèt : la vója äd zugär d’un ragas picén ! L’é béle dit tùtt ! Zò al capél

Antonéli òt : ecco col ragas chi l’é un ezémpi, al zuga pochìssim mo le bón, al n’ é brangòggna mäj e al vól restär a Pärma ! In pochi paroli t’ è capì tùtt

Paloschi sèt : Vè putén, par drovär tùtt i mé stranòmm o i mé scotmàj insìmma al pullman sè ’t co vój in cambi ? Ch’a ‘t stagh chi anca st’ an’ ch’ vén dailà sta miga fär cojonädi ah ?

Leòn òt : un finäl belìssim, s’a ‘t résti però a vól zughè tùttt l’an’ acsì ! Intéz ?

Reginäld òt : un gol bél si e ‘na cuälca voläda cme fäva Ravanètt in-t-al Marsolära ( a propòzit, aprofìtt par fär i complimént par la promosjón a tùtt i me amìgh äd socetè e scuädra, còsste l’é n’ezémpi dabón ) a sarär su ‘na stagjón da parsón’na inteligénta prìmma äd tùtt !

Guidolin déz : Mìsster, a sarämma ripetitiv, mo grasja ancòrra ! Semplicemént grasja

Tifóz déz : e zéro par chi furbacjón che Domenica pasäda i vrävon zugär listés ! Complimént ansi vargòggna ! Déz invéci p’r i tifóz ch’ a gh’éra a Mòdna e ch’ a gh’é sémpor, p’r i tifóz col cór ! A ’s vedèmma a la fén d’agòst e m’arcmand fì dil bón’ni vacansi tùtt ! AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Parmaindialetto ringrazia lo "Studio foto Carra" per aver concesso la pubblicazine della foto del pubblico allo stadio Tardini)