Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 28 luglio 2009

Una scampagnata da Livigno a Malles Venosta nel ritiro del PARMA F.C.

(Testo blu in Italiano)
Dopo l’ultimo spettacolo in piazzale Pablo giovedì 23 luglio di “Stasira parlèmma in djalètt”, venerdi mattina sono partito con mia moglie Cristina e il mio cagnolino Briciola, per un periodo di una dozzina di giorni di riposo, meta Livigno, località turistica della Valtellina dove i cartelli delle vie sono scritti nel dialetto locale. Dopo alcuni giorni di passeggiate, martedì 28 ho deciso di fare una scampagnata a Malles Venosta, in provincia di Bolzano, dove da alcuni giorni è in ritiro la squadra del Parma F.C. e dove i giocatori si stanno preparando per il ritorno nella massima divisione del calcio Italiano. Da Livigno a Malles sono meno di 60 chilometri, però ho dovuto superaro due passi, e due dogane, dall’Italia alla Svizzera, e dalla Svizzera all’Italia naturalmente anche al ritorno, perciò per percorrere sessanta chilometri ho impiegato circa un’ora e mezzo, andando dai 1816 metri di Livigno ai 1050 di Malles, con uno stupendo panorama e dei paesi caratteristici del Sud Tirolo. Arrivato a Malles ho trovato subito l’hotel a quattro stelle Garber Hof dove è ospitato il Parma. Non sapendo di preciso dove poteva essere il centro sportivo, mi sono rivolto all’ufficio informazioni nel centro del paese. La responsabile dell’ufficio stava spiegando a un turista Italiano alcune cose, perciò ho aspettato alcuni minuti, ma quello che mi ha meravigliato è stato che sia l’impiegata che il cliente parlavano in una lingua a me incomprensibile simile al Tedesco. Arrivato il mio turno l’operatrice si è rivolta a me dicendo “Bitten” e mi ha snocciolato una frase in puro Tedesco o Tirolese che non ho capito un “h”. Mentre aspettavo mi ero rifornito di un depliant che riportava le date delle partite del Parma di questo ritiro, e dove era scritto la via del Centro Sportivo. Ho pensato subito di prendere in contropiede la ragazza e alla sua domanda ho risposto in puro dialetto Parmigiano mostrandogli la pubblicità del depliant, “Bizoggna ch’a t me digh indò gh’ è al camp sportiv indò zuga al Pärma”. Lei con un sorriso mi ha risposto in un quasi perfetto Italiano, spigandomi sia la posizione dell’Hotel Garber Hof, sia il centro sportivo dove il Parma si allenava. Dopo avermi ringraziato con un “Grazie” con la “r” Tirolese, l’ho salutata e sulla porta gli ho detto “Sta bén e Tgnèmmos vìsst” e lei mi ha risposto arrivederci, perciò ha capito benissimo le frasi in dialetto Parmigiano. Arrivato al centro sportivo che dista un paio di chilometri dal centro, ho trovato un poco di aria di Parma, vale a dire il giornalista e caporedattore sportivo della Gazzetta di Parma Paolo Emilio Pacciani e il cameramen di TV Parma Ezio Venturi. Visto che ormai erano le 12,30, i giocatori erano quasi tutti rientrati in albergo per il pranzo sono solo riuscito a scambiare con Pacciani quattro chiacchere con il Misster Guidolin, e con il portiere Nicola Pavarini, i quali sono stati disponibili per una foto ricordo in mia compagnia. Alla fine sono rientrato a Livigno dove stò continuando le mie ferie, con la soddisfazione che ancora una volta il dialetto Parmigiano mi è servito per spiegarmi.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
‘Na gita in campagna da Livigno a Malles Venosta.

Dòpa l’ùltom spetàcol in pjasäl Pablo giovedì 23 lujj äd “Stasira parlèmma in djalètt”, venardi matén’na a són partì con mé mojéra Cristina e al mé cagnolén Briciola, p’r un perìod äd ‘na dozén’na äd gióron äd ripòz, a Livigno, localitè turistica ädla Valtelén’na indò i cartél dil strädi jén scrìt in-t-al dialètt dal post. Dòpa socuànt gióron äd pasegiädi, martedì 28 j ò decìz äd fär un gir a Malles Venosta, in provincia äd Bolsàn, indò da socuànt gióron gh’é in ritìr la scuädra dal Pärma F.C. e indò i zugadór jén adrè ch’i sprepàron p’r al ritóron in-t-la màsima divizjón dal calcio Italjàn. Da Livigno a Malles a gh’è meno äd 60 chilòmetri, però j ò dovù superär due pàs, e dò dogani, da l’Itàlja ala Zvissra, e dala Zvissa a l’Itàlja naturalmént anca al ritóron, perciò par fä s’santa chilòmetri a gh’ò mìs cuäzi n’ora e méz, andànd dai 1816 mèttor äd Livigno ai 1050 äd Malles, con un stupénd panoràma e di paéz caraterìsstich dal Sud Tirolo. Rivè a Malles j’ò catè sùbit l’albèrog a cuator stéli Garber Hof indò gh’è ospitè al Pärma. A ‘n säva miga äd precìz indò podäva ésor al céntor sportìv, a ‘m són rivòlt a l’ufìssi informasjón in-t-al céntor dal paéz. La responsàbil äd l’ufìssi l’éra drè a spiegär a ‘n turìssta Italjàn socuànt còzi, perciò j ò spetè sinch minùd, ma còll ch’ à m’ à meraviljè l’é stè che sia l’impiegäda che al cliént i parlävon in-t-na léngua a mi incomprensìbbil uguäla al Todèsch. Rrivè al mè tùron l’impiegäda l’a s’è rivolta a mi e l’a dìtt; “Bitten” e l’a m’ à rispòst in-t-na fräza in pur Todèsch o Tiroléz e mi a ‘n n’ò capì n’ “h”. Intant ch’ a spetäva a ‘m s’éra fornì d’ un depliant indò gh’éra scrìtt il däti dil partìdi dal Pärma äd còll ritir chì, e indò gh’éra scrìtt la via dal Céntor Sportìv. J’ò pensè sùbit äd tór in contropè la ragasa e ala sò dmanda j ò rispòst in pur djalètt Pramzàn e gh’ò fat vèddor la publicitè dal depliant, “Bizoggna ch’a t me digh indò gh’ è al camp sportiv indò zuga al Pärma”. Lè con un sorìz l’à m’ à rispòst in un cuäzi parfèt Italjàn, spiegàndom sia la pozisjón äd l’Hotel Garber Hof, sia al céntor sportìv indò al Pärma al s’ alenäva. Dòpa avérom ringrasjè con un “Grazie” con la “r” Tiroléza, l’ò salutäda e su la pòrta gh’ ò dìtt “Sta bén e Tgnèmmos vìsst” e le l’à m’à rispòst arrivederci, perciò l’à capì benìssim il fräzi in djalètt Pramzàn. Rivè al céntor sportìv ch’l’è du chilòmetri dal céntor, j ò catè un pòch d’ aria äd Pärma, al giornalìssta e caporedatór sportìv ädla Gazètta äd Pärma Paolo Emilio Pacciani e il cameramen äd TV Pärma Ezio Venturi. Vìsst che ormi l’éra zamò 12,30, i zugadór j’éron cuäzi tutt rientrè in albèrog p’r al diznär j ò fat socuant ciac’ri con Pacciani, con al Misster Guidolin, e con al portér Nicola Pavarén, ch’ j én stè anca disponìbbil par socuanti fotografjj. Ala fén a són rientrè a Livigno indò son drè a continuär il mè férjj, con la sodisfasjón che ancòrra ‘na vòlta al djalètt Pramzàn a l mè sarvì par spiegärom.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: 1) L'albergo Garber Hof dove è ospitato il Parma F.C. 2) il cartello all'entrata di Malles Venosta, 3) il Misster Francesco Guidolin
con EnricoMaletti, 4) Nicola Pavarini con Enrico Maletti, 5) il campo del centro sportivo di Malles dove si allena il Parma, 6/7) l'entrata del centro sportivo di Malles.)

Dalla Compagnia I burattini dei Ferrari riceviamo e publichiamo

(Testo solo in Italiano)
14 agosto 2009 ore 21.15


Corale Verdi - Vicolo Asdente, 3 Parma

La Compagnia I Burattini dei Ferrari

Presenta

"IL GATTO CON GLI STIVALI"

FIABA MUSICALE IN TRE ATTI

RASSEGNA INTERNAZIONALE


MARIONETTE & BURATTINI

Vi aspettiamo

Daniela & Giordano Ferrari

domenica 26 luglio 2009

Alla terza serata di “Stasira parlèmma in djalett”, si è esibito un nuovo attore dialettale, l'Assessore alla Cultura Luca Sommi.

(Testo blu in Italiano)
Dopo i due successi degli spettacoli di “stasira parlèmma in djalètt”, il 27 giugno in piazzale Inzani e il 17 luglio in piazzale Parri, dove un gruppo di attori dialettali ha riproposto una vecchia osteria Parmigiana con testi poesie battute canzoni in puro dialetto Parmigiano, giovedi 23 luglio questo spettacolo viaggiante, ha fatto tappa in piazzale Pablo, centro di un quartiere moderno ma nello stesso tempo, per il nome delle vie, storico della nostra città. Poco alla volta il piazzale si è riempito di un pubblico che ha assistito divertendosi alle battute, a volte anche a soggetto, degli interpreti la serata. A diversità delle serate precedenti lo spettacolo ha presentato tre novità, la prime è stata la presenza come ospite del giornalista Achille Mezzadri, già nominato da “Parmaindialetto” “Testimonial di strajè p'r al mond”, che ha letto due poesie in dialetto scritte da Ercolén Manfredi, poeta Parmigiano scomparso negli anni sessanta, la seconda novità ideata sempre da Achille Mezzadri, è stata il collegamento telefonico con la lontana Florida con lo “Strajè Pramzàn” Giovanni Lunardi famoso fotografo residente da tanti anni negli Stati Uniti, che vive ancora oggi con la sua Parma nel cuore, il quale ha letto una poesia in dialetto scritta da lui stesso quando aveva 18 anni.Un particolare curioso è stato che il pubblico all'inizio del collegamento, quando Achille Mezzadri è stato presentato da Enrico Maletti, sentendo la voce di Lunardi quasi dall'oltretomba, pensava fosse uno scherzo fatto da un qualche componente del gruppo che aveva partecipato allo spettacolo. Mentre dopo alcune battute scambiate tra Mezzadri e Lunardi, si è capito che il collegamento era veramente in diretta, sembrava la ripetizione dopo quarant'anni dello sbarco sulla luna, del dialogo tra Tito Stagno e gli astronauti sbarcati sul pianeta. La terza novità, che si è presentata in diretta durante lo spettacolo, è stata la presenza dell'Assessore alla Cultura del Comune di Parma Luca Sommi, che si è improvvisato fine dicitore dialettale, interpretando la poesia “La Gòssa” di Alfredo Zerbini, e scoprendosi così come nuovo attore e lettore di testi del nostro vernacolo.Il prossimo appuntamento di “Stasira parlèmma indjalètt”sarà per il 28 agosto nel quartiere Montanara, e oltre al normale testo da “ostaria”, si prevedono altre sorprese tutte rigorosamente in dialetto Parmigiano.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Ala tèrsa seräda äd “Stasira parlèmma in djalett”, a s'é ezibì un nóv ätor djaletäl.
Dòpa i du sucés di spetàcol äd “Stasira parlèmma in djalètt”, al 27 zùggn in pjasäl Insàni e al 17 lujj in pjasäl Parri, indò un grupp d' atór djaletäl l'ha ripropòst 'na vécia ostaria Pramzàna con poezjj, batùdi cansón in pùr djalètt Pramzàn, giovedi 23 lujj coll spetàcol viagiant chì, l'ha fat tapa in pjasäl Pablo, céntor d' un cuartér modèron ma in-t-al stés témp, p'r al nom dìl strädi, stòrich ädla nòstra citè. Pòch ala vòlta al pjasäl al s'é limpì d' un pùbblich ch' l' ha asistì al batùdi, a vòlti anca a sogét, di atór ädla seräda. A diversitè dil serädi precedènti, al spetäcol l'ha prezentè trè novitè, la prìmma l'é städa la prezénsa cme ospit dal giornalìssta Achille Mezädri, béle nominè da “Parmaindialetto” “Testimonial di strajè p'r al mond”, ch' l'ha lizù do poezjj in djalètt scrìtti da Ercolén Manfredi, poeta Pramzàn mort in-t-i àni s'sànta, la secónda novitè ideäda sémpor da Achille Mezädri, l'é städa al colegamént telefònich con la lontana Florida con al “Strajè Pramzàn” Zvàn Lunärdi famóz fotògrof residént da tant àni in America, ch' al gh'à ancòrra incó la sò Pärma in-t-al cór, ch'l' ha lizù 'na poezìa in djalètt scrìtta da lu cuand al gh' äva 18 àni.Un particolär curióz l'é stè che al pùbblich a l'inìssi dal colegamént, cuand Achille Mezädri l'é stè prezentè da Enrico Maletti, a sintìr la vóza äd Lunärd cuäzi da l'oltretòmba, al pensäva ch' al fùs un schèrs fàt da un cuälch componént dal grupp ch' l' äva partecipè al spetàcol. Pò dòpa socuànt batùdi scambiädi tra Mezädridri e Lunärdi, s'è capì che al colegamént l'éra veramnte in diréta, paräva la ripetisjón dòpa cuarant'àni dal zbärch insìmma ala lón'na dal discórs tra Tito Stagno e j astronàuti zbarchè sul pianéta. La tèrsa novitè, ch'la s'é prezentäda in dirèta durànt al spetàcol, l'é städa la prezénsa äd l'Asesór ala Cultùra dal Cmón äd Pärma Luca Sommi, ch' al s'é improvizè fén dicitór djaletäl, interpretànd la poezia “La Gòssa” d' Alfredo Zarbén, e al s'é scopärt cme un nóv atór e letór äd tést dal nòstor djalètt. Al pròsim apontamént äd “Stasira parlèmma in djalètt”al srà p'r al 28 agòst in-t-al cuartér Montanära, e óltra al normäl tést da “ostaria”, a 's prevèdda ätri sorprézi tutti rigorozamént in djalètt Pramzàn.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Cliccare per ingrandire le foto. Le foto sono di Matteo Mezzadri. 1) il gruppo completo della serata "Stasira parlèmma in djalètt"; 2) Achille Mezzadri mentre presenta l'Assessore Luca Sommi; 3/4) due scene dell'osteria; 5) Enrico Maletti; 6)il fisarmonicista Luigi Abbati; 7) Giuseppe Mezzadri e Enrico Maletti;
8) Giorgio Capelli; 9) l'Assessore Luca Sommi mentre legge la poesia "La Gossa"; 10) Enrico Maletti mentre recita "la baza"; 11) Achille Mezzadri mentre presenta le poesie di Ercolén Manfredi)

martedì 21 luglio 2009

Grande attesa per la terza serata di “Stasira parlèmma in djalètt” con ospiti due “Strajè p’r al mond”

(Testo blu in Italiano)
Due ospiti d’eccezione per la terza serata di “Stasira parlèmma in djalètt” che si terrà giovedì 23 luglio in piazzale Pablo. Il giornalista Achille Mezzadri nominato da Parmaindialetto il “Testimonial” degli Strajè p’ral mond, indosserà le vesti di attore dialettale recitando due poesie in dialetto Parmigiano scritte da Ercolén Manfredi poeta dialettale degli anni 60. Nella stessa sera, Mezzadri, si collegherà con la città di Sarasota in Florida, dove da parecchi anni risiede un Pramzàn purosangue, il fotografo Ninni Lunardi. Proprio Lunardi reciterà in diretta, a un certo punto dello spettacolo, una poesia in dialetto Parmigiano dal titolo “Acvua d’avtón”, scritta da lui quando aveva 18 anni. Per saperne di più di questo evento collegatevi su http://www.pramzanblog.com il blog di Achille Mezzadri, il quale con questa testata giornalistica ha portato una grossa boccata d’ossigeno al dialetto Parmigiano. Appuntamento a giovedì 23 luglio con “Stasira parlèmma in djalètt” , aggiungo al djalètt Pramzàn in tutto il mondo.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Grand atéza par la tèrsa seräda äd “Stasira parlèmma in djalètt” con òspit du “Strajè p’r al mond”

Du òspit d’ecesjón par la tèrsa seräda äd “Stasira parlèmma in djalètt” ch’ l’ a gh’ sarà giovedì 23 lujj in pjasäl Pablo. Al giornalìssta Achille Mezädri nominè da Parmaindialetto al “Testimonial” di Strajè p’ral mond, al metrà su al vestì äd l’atór djaletäl recitànd do poezjj in djalètt Pramzàn scrìtti da Ercolén Manfredi poéta djaletäl d’j àni 60. In-t-la stésa sira, Mezädri, al ‘s colegarà con la citè äd Sarasota in Florida, indò da parèc’ àni al stà äd ca un Pramzàn Strajè, al fotògrof Ninni Lunärdi. Pròprja Lunärdi al reciterà in diréta a ‘n särt pont dal spetacol, ‘na poezia in djalètt Pramzàn dal tìttol “Acvua d’avtón”, scrìtta da lu cuand al gh’äva 18 àni. Par savérni äd pù äd cl’ evént chì podì colegärov su
http://www.pramzanblog.com al blog d’ Achille Mezädri, che con cla testäta giornalìsstica chì l’ha portè ‘na gròsa bocäda d’osigeno al djalètt Pramzàn. Apontamént a giovedì 23 lujj con “Stasira parlèmma in djalett”, a vój zontär, al djalètt Pramzàn in tutt al mond.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto. 1) Ninni Lunardi in una sua recente visita a Parma, 2) Achille Mezzadri, 3) i componenti della prima serata in piazzale Inzani dello spettacolo "Stasira parlèmma in djalètt")

lunedì 20 luglio 2009

Quattrocento spettatori per "Stasira parlèmma in djalètt", in pazzale Parri

(Testo blu in Italiano)
Circa quattrocento persone hanno assistito venerdi sera in piazzale Parri alla seconda serata dello spettacolo viaggiante in puro dialetto Parmigiano dal titolo "Stasìra parlèmma in djalètt", voluta dall' Assessorato alla cultura del Comune di Parma e organizzata da Famija Pramzàna, Circolo Guareschi, Circolo Pertini, Parmaindialetto, Parma musicale, Parma Nostra e 50&più Fenacom. Successo pieno anche questa volta, nonostante l' assenza per cause di forza maggiore di due importanti pedine del cast degli attori. Copione riscritto all'ultimo momento e tutti in scena senza rete, ma con un risultato assolutamente rassicurante: gli applausi sinceri, e caldissimi, del folto pubblico. Anche questo secondo spettacolo, come il precedente, in Piazzale Inzani, (e come i prossimi) era ambientato nell'Ostarìa della Parma Vécia, virtualmente riprodotta sul palcoscenico di piazzale Parri, dagli attori Anna Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Giuseppe Mezzadri, Enrico Maletti, Maurizio Landi, Luigi Frigeri, Claudio Cavazzini , e la magia della fisarmonica di Corrdo Medioli. Battute, poesie, canzoni, scenette tutte in dialetto Parmigiano. Infatti il pubblico si è divertito parecchio ed ha regalato al gruppo di attori applausi più che meritati. Queste sei serate che si concluderanno l'8 settembre porteranno il vernacolo nelle piazze delle Circoscrizioni del Comune. Soddisfazione tra gli organizzatori di questa rassegna, e anche tra i responsabili del Comune che hanno appoggiato in pieno lo spettacolo viaggiante. La terza serata, si svolgerà giovedì prossimo, 23 luglio, in piazzale Pablo. Anche in quella occasione sul palcoscenico sarà resuscitata l'atmosfera di un' Ostaria di Parma Vécia, con l'aggiunta di una sorpresa che coinvolgerà due famosi “Strajè Pramzàn” che hanno portato il nome di Parma in tutto il mondo.



(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Quäzi cuatorsént parsónn'i j àn asistì venardì sira in pjasäl Parri ala seconda seräda dal spetàcol itinerànt in pùr djalètt Pramzàn dal tìtol "Stasìra parlèmma in djalètt", volsùda da l' Asesorät ala cultura dal Cmón äd Pärma e organizäda da Famija Pramzàna, Circolo Guareschi, Circolo Pertini, Parmaindialetto, Parma musicale, Parma Nostra e 50&più Fenacom. Sucés pjén anca stà volta, nonostànt l' asénsa par motìv äd fòrsa magjór ädo importànti pedén'ni dal cast ädj atór. Copión riscrìt a l'ultom momént e tutti in séna sénsa rèjj, ma con un risultät asolutamént rasicurànt: i aplausi sincér, e caldìdsim, dal pubblich Anca còl secónd spettacol, cme al precedént, in Pjasäl Insani, (e cme i pròsim) l' éra ambientè in-t-n' Ostarìa ädla Pärma Vécia, virtualmént riprodòtta sul pälch'sénich äd pjasäl Parri, da j atór Anna Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Giuseppe Mezzadri, Enrico Maletti, Maurizio Landi, Luigi Frigeri, Claudio Cavazzini , e la magia ädla fizarmònica äd Corrado Medioli. Batùdi, poezjj, cansón, senètti tutt in djalètt Pramzàn. Infàti al pubblich al s'é divarti bombén e l'ha regalè al grupp d'atór ciocamént äd man pù che meritè. Ch' il séz serädi chì i fniràn l'8 äd setémbor e i portaràn al djalètt in-t-il pjasi dìl Circoscrisjón dal Cóun. Sodisfasjón tra j organizatór äd cla arvìsta chì, e anca tra i responsàbil dal Cmón ch' j àn pogè in pjén al spetàcol viagjànt. La tèrsa seräda, l'a srà giovedì ch'vén, 23 lujj, in pjasäl Pablo. Anca in cl' ocazjón li sul pälch'sénich srà resusitäda l'atmosféra äd n' Ostaria äd Pärma Vécia, con la zónta äd 'na sorpréza ch' l' interersarà du famóz “Strajè Pramzàn” ch' j àn portè al nòm äd Pärma in tutt al mónd.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Nelle foto: 1) il pubblico presente alla serata, 2) Mariangela Bazoni mentre canta Tango 'd Bargnocla, 3) Enrico Maletti mentre legge al Condominni.




giovedì 16 luglio 2009

Dalla Compagnia I Burattini dei Ferrari riceviamo e pubblichiamo.

(Testo solo in Italiano)
La compagnia I Burattini dei Ferrari
è lieta di invitarVi Sabato 18 luglio 2009 ore 21.30 Piazza Garibaldi - Portici del Grano Parma
"IL CASTELLO DEGLI SPAVENTI" DUE ATTI



Domenica 19 luglio 2009 ore 15.30
Teatro Museo Giordano Ferrari Il castello dei burattini - Via Melloni,3 - Parma "LA FAVOLA DELLE TESTE DI LEGNO"
STORIA DELL'ANIMAZIONE DALLE ORIGINI AD OGGI


Vi aspettiamo
Daniela & Giordano Ferrari





martedì 14 luglio 2009

Venerdi 17 luglio ore 21,15 in piazzale Parri (zona via Sidoli ) seconda serata di “Stasira parlèmma in djalètt”


(Testo blu in Italiano)
La seconda serata di “Stasira parlèmma in djalètt”

Venerdi sera 17 luglio in piazzale Parri, zona via Sidoli, si svolgerà la seconda serata di “Stasira parlèmma in djalètt”. La manifestazione voluta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, è organizzata da Famìja Pramzàna, il Circolo Guareschi, Circolo Pertini, www.parmaindialetto.it, Parma Musicale, Parma Nostra e 50& più Fenacom. I protagonisti della serata sono: Anna Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Ettorina Cacciani, Luigi Frigeri, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Ermes Ghirardi e i fisarmonicisti Luigi Abbati e Corrado Medioli. I prossimi appuntamenti dello spettacolo viaggiante di “Stasira parlèmma in djalètt”, sono ; il 23 luglio in piazzale Pablo, il 28 agosto nel quartiere Montanara, il 4 settembre nel quartiere San Pancrazio (via Mordacci) e l’8 settembre a Cortile San Martino al (circolo Inzani). Come già annunciato in precedenza, la sera del 23 luglio, in piazzale Pablo, ci sarà una sorpresa internazionale, vale a dire che un Pramzàn strajè residente a Milano si metterà in comunicazione telefonica con un Pramzàn strajè residente dall'altra parte del mondo e tutti e due leggeranno alcune poesie in puro dialetto Parmigiano.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
La secónda saräda äd “Stasira parlèmma in djalètt”

Venardi sira 17 lujj in pjasäl Parri, zòna via Sidoli, a gh’ sarà la secónda seräda äd “Stasira parlèmma in djalètt”. La manifestasjón volsùda da l’Asesorät ala Cultura dal Cmón äd Pärma, ch’ l’é organizäda da Famìja Pramzàna, al Circol Guarèssch, Cìrcol Pertén, www.parmaindialetto.it, Pärma Musicäla, Pärma Nostra e 50& più Fenacom. I protagonìssta ädla seräda j én: Anna Dall’Argine, Mariangela Bazoni, Ettorina Cacciani, Luigi Frigeri, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Giorgio Capelli, Ermes Ghirardi e i fizarmonicìssta Luigi Abbati e Corrado Medioli. I pròsim apontamént dal spetàcol viagiànt äd “Stasira parlèmma in djalètt”, j én ; al 23 lujj in pjasäl Pablo, al 28 agòst in-t-al cuartér Montanära, al 4 setémbor in-t-al cuartér San Pancràsi (via Mordacci) e l’8 setémbor a Cortìl San Martén al (circolo Insàn).
Cme zamò comunichè in precedénsa, la sira dal 23 lujj, in pjasäl Pablo, a gh’ sarà ‘na sorpréza
internasionäla, väl a dìr che un Pramzàn strajè residént a Milàn al ‘s metrà in comunicasjón telefònica con un Pramzàn strajè residént da l’ätra pärta dal mond e tutt du i lezràn socuanti poezjj in pur djalètt Pramzàn.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella foto i componenti della prima serata di "Stasira parlèmma in djalètt" in piazzale Inzani)


giovedì 2 luglio 2009

Buona l’idea di Achille Mezzadri di conferire la cittadinanza onoraria a Leo Nucci, che parla il dialetto Parmigiano.

(Testo blu in Italiano)
"Pramzanblog" ha raccolto l'adesione di 101 personaggi che propongono al Comune di Parma di conferire al celebre cantante bolognese, da 42 anni amico della nostra città, la cittadinanza onoraria. “Parmaindialetto”, pubblica l’elenco dei “magnifici 101 Parmigiani” in ordine alfabetico.
(Testo giallo dialetto Parmigiano
Bón’na l’idea d’ Achille Mezädri äd concédor la citadinànsa onorärja a Leo Nucci, ch’ al pärla al djalètt Pramzàn.
“Pramzanblog" l’ à catè su l'adezjón äd 101 parsonàg’ chi propònnon al Cmón äd Pärma äd concédor al famóz cantànt bolgnéz, da 42 àni amìgh ädla nòstra citè, la citadinànsa onorärja. “Parmaindialetto”, pùblica l’elénch di “magnìfich 101 Pramzàn” in ordin alfabétich.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

VITTORIO ADORNI, ex assessore comunale
LUIGI ALFIERI, redattore capo Gazzetta di Parma
COSETTA ALLEGRI, Club Verdissime (Alzira)
RENATO AMORETTI, vicepresidente Veterani sportivi
PAOLO AMPOLLINI, presidente "Parma Lirica"
GIUSEPPE AZZALI, editore e Club dei 27 (Rigoletto)
DAVIDE BARILLI, giornalista e scrittore
FRANCESCO BARILLI, regista e pittore
TAMARA BARONI, ex attrice (dal Brasile)
MARIO BARTOLI, corista della "Corale Verdi"
GIULIA BASSI, Club Verdissime (Alice di Falstaff)
ANTONIO BATTEI, editore
GIANFRANCO BELLÈ, capo ufficio stampa della federazione Rugby
CARLO BERGONZI, tenore
MARCELLO BERSELLINI, presidente Rugby Parma
GIOVANNA BEUF, presidente di Parma Musicale
ALBERTO BEVILACQUA, scrittore, poeta e regista
TITTI BIANCHI, cantante
PAOLO BRIGANTI, docente universitario e fondatore di "Argante Studio
BENIAMINA CARRETTA, direttore coro voci bianche della "Corale Verdi
FABRIZIO CASSI, direttore della "Corale Verdi"
GUIDO UMBERTO CHIARI, vicepresidente Famija Pramzana
MAURIZIO CHIERICI, giornalista
WILMA COLLA, soprano
GUIDO CONTI, scrittore e direttore editoriale di Mup
RUGGERO CORNINI, presidente del Panathlon
ROSETTA CUCCHI, direttore artistico Fondazione Toscanini
ANNA MARIA DALL'ARGINE, presidente Famija Pramzàna
LUCIANA DALLARI, presidente dell'Associazione "Verdissime"
VITTORIO DALLA ROSA PRATI, marchese
ZAIRA DALLA ROSA PRATI GROSSI, marchesa
WALTER DARECCHIO, corista della "Corale Verdi"
GIANCARLO DONDI, presidente della Federazione Rugby
MARCO FAELLI, direttore del Coro dell'Arena di Verona
MARTINO FAGGIANI, direttore del Coro del Teatro Regio
SERENA FAVA, pianista del Coro Tebaldi
TONINO FEREOLI, corista della "Corale Verdi"
CRISTINA FERRARI, direttore artistico Teatro Carlo Felice di Genova
DANIELA FERRARI, burattinaia
GIORDANO FERRARI, burattinaio
CARLA FONTANELLI, presidente Tampa Lirica di Piacenza
EDOARDO FORNACIARI, fotografo
DAVIDE FRATTA, avvocato, vicepresidente vicario Famija Pramzàna ATTILIO FREGOSO, Club dei 27 (Ernani)
ARMANDO GABBA, baritono
GIORGIO GANDOLFI, giornalista
PAOLO GANDOLFI, vicepresidente del Panathlon
GENE GNOCCHI, attore
SERGIO GRECI, presidente Circolo Inzani
GIORGIO GUIDETTI, corista del Coro Tibaldi
ENRICO GIUSEPPE IORI, baritono
FELICE IOTTI, corista del Coro Tibaldi
MARIO LANFRANCHI, regista
GIOVANNI LUNARDI, fotografo (dagli Stati Uniti)
GIOVANNA MAGNANI, segretaria Famija Pramzana
VALTER MANFREDI, imprenditore
ENRICO MALETTI, attore dialettale, ideatore di "Parmaindialetto" e vicepresidente "Parma Nostra"
DESDEMONA MALVISI, soprano e corista del Coro Tibaldi
TIZIANO MARCHESELLI, responsabile dell'Associazione "Parmense Artisti"
ANTONIO MASCOLO, direttore di Parma.Repubblica.it
CORRADO MEDIOLI, fisarmonicista
FRANCO MEDIOLI, docente universitario (dal Canada)
MAURETTA MELLI, Club Verdissime (Lady Macbeth)
ACHILLE MEZZADRI, fondatore di Pramzanblog
GIUSEPPE MEZZADRI, vicepresidente "Parma Nostra"
ALBERTO MICHELOTTI, Club dei 27 (Don Carlos)
LUIGI MISTRALI, il più anziano loggionista del "Regio"
ENZO MOLINA, docente universitario
GIULIANO MOLOSSI, direttore "Gazzetta di Parma"
GIANLUCA MONTACCHINI, fotografo
PATRIZIA MONTEVERDI, segretaria di "Parma Lirica"
FRANCO NERO, attore
CARLETTO NESTI, ex assessore
ILARIA NOTARI, giornalista di "TeleDucato" e segretaria di "Verdissime"
RENZO ODDI, presidente "Parma Nostra"
EDDA OLLARI, cantante
MATTEO PAGLIARI, direttore dell'orchestra Sinfonica Nazionale del Perù
MARIA GIOVANNA PATTERA, soprano solista del Coro Tebaldi
LUCIANO PECORARI, vicedirettore "Gazzetta di Parma"
MICHELE PERTUSI, baritono
ENZO PETROLINI, vicepresidente del Club dei 27 (Un giorno di regno)ROBERTA PINETTI, presidente del Coro Tebaldi
ANNA POLETTI ZANELLA, presidente Associazione Boudard
GIOVANNI REVERBERI, presidente del Club dei 27 (Il Trovatore)ANDREA RINALDI, presidente della "Corale Verdi"
CLAUDIO RINALDI, redattore capo "Gazzetta di Parma"
SEBASTIANO ROLLI, direttore del Coro Tebaldi
MARCELLA SACCANI, presidente del Conservatorio Boito
PAOLA SANGUINETTI, soprano
LORENZO SARTORIO, giornalista, collaboratore "Gazzetta di Parma"
STEFANO SPAGNOLI, pittore, ex assessore comunale
ENRICO TAGLIAVINI, chitarrista
CARLA THEY, arpista
MAURIZIO TRAPELLI, Al Dsèvvod
CARLO VENDER, imprenditore
MAURIZIO ZACCARDI, scultore
SERGIO ZANI, docente universitario, Facoltà di Economia
ORAZIO ZANNI, presidente onorario Circolo Inzani
GIAN PAOLO ZILIOTTI, responsabile della comunicazione del Coro Tebaldi
PAOLO ZOPPI, presidente "Amici della lirica" e Club dei 27 (Falstaff)
(L'elenco dei nomi è tratto da http://www.pramzanblog.com )
(Nelle foto: 1) Leo Nucci mentre interpreta Rigoletto, 2) il giornalista Achille Mezzadri in una foto d'archivio di Parmaindialetto)

Da l'Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, riceviamo e pubblichiamo.Omaggio a Johnny Depp, prende il via la rassegna “Nuovo cinema Pilotta”

(Testo blu solo in Italiano)
Sta per prendere il via “Nuovo cinema Pilotta”, una nuova rassegna che andrà in scena presso il Cortile della Pilotta, nello spazio dedicato a “Sotto il cielo di Parma”. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, con il sostegno di Enìa e di vari sponsor.
La rassegna sarà dedicata a una star del cinema internazionale: Johnny Depp, che ha interpretato più di trenta film per i maggiori registi. Il pubblico potrà apprezzare una breve selezione dei suoi film, con particolare riguardo ai risvolti fiabeschi, onirici e avventurosi della sua intensa carriera. Si vedrà come l’attore nativo del Kentucky possa spaziare senza difficoltà dall’attitudine ironicamente ribelle del bucaniere dal cuore d’oro e pasticcione Jack Sparrow nella trilogia de I Pirati dei Caraibi, alla maschera surreale e farsesca di Willy Wonka ne La fabbrica di cioccolato, grande classico della letteratura per ragazzi riletto da Tim Burton (vero mentore di Depp con cui il sodalizio vanta cinque collaborazioni), al sognante romanticismo del commediografo James M. Barrie, creatore di Peter Pan, in Neverland di Marc Foster.
Gli spettacoli iniziano alle 21,30. Ingresso libero.
IL PROGRAMMA

sabato 4 luglioLA MALEDIZIONE DELLA PRIMA LUNA di Gore Verbinski (2003)
Inizia la saga dei Pirati: la mega-produzione Walt Disney Pictures mescola Salgari, tradizioni hollywoodiane ed effetti speciali. Il risultato è una pirotecnica avventura a base di arrembaggi e suspence, arricchita da molta ironia, da una love story ed un accenno di horror… Depp si ispira a Keith Richards degli Stones.

lunedì 6 luglio
La vita di Giovannino Guareschi di Francesco Barilli (2009) ANTEPRIMA

sabato 11 luglio
PIRATI DEI CARAIBI: LA MALEDIZIONE DEL FORZIERE FANTASMA di Gore Verbinski (2006)
Capitan Sparrow, dopo aver recuperato il disegno di una chiave, convince la sua ciurma a ricercarla, ma sfortunatamente la sua bussola non funziona… Squadra vincente non si cambia: e così ritroviamo Depp, Orlando Bloom e Keira Knightley in una nuova fantastica avventura. Record d’incassi nel mondo.

martedì 21 luglio
PIRATI DEI CARAIBI: AI CONFINI DEL MONDO di Gore Verbinski (2007)
Will Turner, Elizabeth Swann e Capitan Barbossa s’imbarcano nel tentativo di unirsi ai nove pirati lord della fratellanza, per sconfiggere Lord Cutler Beckett della Compagnie Delle Indie Orientali, impadronitosi dell’Olandese Volante, un veliero fantasma che semina il terrore nei sette mari… Titoli di coda imperdibili.

domenica 26 luglio
LA FABBRICA DI CIOCCOLATO di Tim Burton (2005)
Il fantasmagorico Willy Wonka, il più grande cioccolataio del mondo, vive da anni chiuso nella sua magnifica fabbrica. D'improvviso, la novità: dentro cinque tavolette di cioccolato si trovano altrettanti biglietti d'oro che danno diritto ad una visita di un giorno intero nella fabbrica di cioccolato…

sabato 1 agosto
NEVERLAND – Un sogno per la vita di Marc Forster (2004)
Il commediografo scozzese James M. Barrie (1860-1937) è in crisi: la sua ultima commedia è un fiasco e il suo matrimonio va di male in peggio. L'incontro con Sylvia, vedova con quattro figli, gli cambia la vita e gli ispira la stesura della commedia fiabesca Peter Pan, o il ragazzo che non voleva crescere…

mercoledì 1 luglio 2009

Da l'Assessorato alla Cultura riceviamo e pubblichiamo. “La vita di Giovannino Guareschi”, lunedì 6 luglio l’anteprima nazionale del film di Barilli




(Testo blu solo in Italiano)
Lunedì 6 luglio, alle 21, presso il Nuovo Cinema Pilotta (Cortile della Pilotta – Parma), il Comune di Parma, in collaborazione con Provincia di Parma, Fondazione Monte di Parma, Banca Monte Parma, Teatro Regio di Parma, Enìa, presenta l’anteprima nazionale del film La vita di Giovannino Guareschi, il documentario realizzato da Francesco Barilli per MUP Editore sulla vita del grandissimo scrittore della Bassa parmense in occasione del centenario della sua nascita. All’anteprima interverranno Luca Sommi, Assessore alla Cultura del Comune di Parma, Alberto Guareschi, Presidente di Banca Monte Parma, Guido Conti, Scrittore, Fancesco Barilli, Regista.
L’anteprima nazionale del film sarà seguita dalla lettura, a cura di Alessandro Haber, di alcuni brani tratti dall’opera di Giovannino Guareschi. La lettura sarà accompagnata dai musicisti Eugenio Martani e Corrado Medioli che eseguiranno musiche dell’orchestra Cantoni. L’ingresso è libero.
FILM - Il film La vita di Giovannino Guareschi di MUP Editore è prodotto da Comune di Parma, Provincia di Parma, Banca Monte Parma, Fondazione Monte di Parma e con il patrocinio del Comitato Nazionale per le celebrazioni del Centenario della Nascita di Giovannino Guareschi. Alla realizzazione del documentario, la cui regia è stata affidata al regista e attore parmigiano Francesco Barilli, hanno contribuito Giorgio Casamatti, aiuto regista, Pietro Ronchini, cameramen, Pier Paolo Pessini, cameramen, Nicola Tasso, montatore. Il film è inoltre accompagnato dalle musiche originali di Massimo Moretti. La vita di Giovannino Guareschi è un ?lm di un’ora che racconta la vita romanzesca di Giovannino Guareschi. Francesco Barilli traccia con abile maestria, tra testimonianze e documenti rari, la vita di uno degli scrittori più amati e conosciuti della nostra Bassa che ha venduto venti milioni di copie nel mondo. Lontano da schieramenti politici e da tagli polemici, Barilli ha saputo restituire Guareschi al suo pubblico di lettori, facendo conoscere aspetti straordinari della sua vita. Giovannino ha fatto l’umorista nei campi di concentramento, è stato un inventore di giornali, di programmi radiofonici e di pubblicità per “Carosello”; ha scritto radiodrammi, testi per canzoni ed è stato, negli anni ’60, un critico televisivo d’avanguardia. Ma nella sua vita è stato soprattutto un disegnatore formidabile, prima a Parma con il suo primo giornale umoristico “Bazar”, poi a Milano con “Bertoldo” e “Candido”. Barilli, nel suo documentario, ha saputo raccontare tutti questi aspetti con leggerezza, passando da momenti tragici a momenti lirici, con immagini degne del pittore qual è. Con il suo capolavoro, la saga dei racconti di Don Camillo, Peppone e il Crocifisso che parla, diventata poi una delle più importanti saghe cinematografiche del dopo guerra, Giovannino Guareschi ha fatto il giro del mondo. Un importante documentario per un grande scrittore che come pochi ha saputo raccontare il cuore degli uomini.
(Nelle foto: il regista Francesco Barilli, e lo scrittore Giovannino Guareschi.)