Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 31 agosto 2009

Successo per il quarto incontro con “Stasìra parlèmma in djalètt” in quartiere Montanara.

(Testo blu in Italiano)
Anche questa volta è stato fatto i pieno di pubblico per la quarta serata di “Stasìra parlèmma in djalètt”. Lo spettacolo si è svolto in via Pelicelli nel quartiere Montanara. Il successo è stato la fotocopia delle serate precedenti, cominciando da piazzale Inzani, piazzale Parri e piazzale Pablo, oltre trecento persone. I prossimi incontri sono venerdi 4 settembre in via Mordacci, quartiere San Pancrazio, martedì 8 settembre al Circolo Inzani nel quartiere Moletolo, dove nel più bello dello spettacolo verrà recitata la poesia “’Na buja fra can e gat” , interpretata da due attori che faranno parlare sicuramente di loro in tutta la città per il loro perfetto dialetto. A richiesta verrà replicato lo spettacolo lunedi 14 settembre in un locale di San Prospero. Intanto continuano ad arrivare richieste da varie località anche della provincia, per questo simpatico spettacolo dal semplice titolo “Stasìra parlèmma in djalètt”.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)

Sucés p’r al cuärt incóntor con “Stasìra parlèmma in djalètt” in cuartér Montanära.
Anca sta vòlta l’é stè fat al pjén äd pubblich par la curta seräda äd “Stasìra parlèmma in djalètt”. Al spetàcol l’é stè fat in via Pelicéli in-t-al cuartér Montanära. Al sucés l’é stè la fotocopia dil serädi precedénti, cominciànd da pjasäl Insàni, pjasäl Parri e pjasäl Pablo, óltra tarzént persón’ni. I pròsim incóntor j én, venardi 4 setémbor in via Mordacci, cuartér San Pancràsi, martedì 8 setémbor al Cìrcol Insàn in-t-al cuartér Molètddol, indò in-t-al pù bél dal spetàcol a srà recitäda la poezia “’Na buja fra can e gat” , interpretäda da du atór chi faràn parlär sicuramént äd lór in tutta la citè p’r al lór parfét djalètt. A richjésta a srà replichè al spetàcol lundì 14 setémbor in-t- un locäl äd San Pròspor. Intànt a contìnua a rivär richiésti da parècci localitè anca ädla provincia, par còl simpàtich spetàcol dal sémplic’ tìtol “Stasìra parlèmma in djalètt”.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Nelle foto: 1) Giuseppe Mezzadri autore di alcuni testi di Stasìra parlèmma in djalètt, 2) il gruppo degli attori con il giornalista Achille Mezzadri nella serata del 23 luglio in piazzale Pablo, 3) Enrico Maletti mentre legge la poesia al Condomìnni.

domenica 30 agosto 2009

Dal Dottor Andrea Zorandi riceviamo e pubblichiamo. Proposta per il parco della Cittadella. "Parmaindialetto" condivide la proposta








(Testo blu in Italiano)
Nell’ambito dei lavori di ristrutturazione del Parco Cittadella e soprattutto per rendere maggiormente fruibile uno dei più amati e frequentati parchi cittadini sia da anziani che da giovani e giovanissimi, con la convinzione anche di incontrare l’approvazione delle associazioni culturali che si occupano di recupero di tradizioni, dialetto e storia locale, la Lega Nord di Parma avanza un proposta all’assessore Aiello volta al recupero del locale, ora inutilizzato, ubicato all’interno della facciata principale della Fortezza (ingresso via Passo Buole).
Da parecchi anni il locale, forse un tempo posto di guardia, ricavato all’interno della facciata della Cittadella, oltre ad essere inutilizzato e con le porte giustamente murate per non consentire l’ingresso a vandali e sfaccendati, giace in uno stato di enorme degrado contrariamente alla Palazzina San Giorgio elegantemente recuperata ed ora sede delle gloriose associazioni combattentistiche e d’arma.
La Lega Nord proporrebbe che tale spazio fosse recuperato e ristrutturato per poter ospitare la mostra permanente dei disegni del pittore Giuseppe Monica che illustrano gli antichi mestieri e le antiche tradizioni popolari e religiose sia cittadine che agresti: tale mostra potrebbe essere meta di visite guidate da parte degli alunni delle scuole sia di Parma che della provincia. Inoltre, all’interno dello stesso locale potrebbe trovare spazio un settore che illustri il patrimonio avifaunistico presente nel parco nelle varie stagioni dell’anno oltre alle varie specie di erbe, fiori e piante secolari. Non va sottovalutato che, all’interno della Cittadella, è presente una nutrita colonia di scoiattoli e di uccelli ormai rari come ad esempio il picchio e altre specie che in questo spazio di verde urbano hanno trovato il loro habitat ideale.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
In-t-l’àmbit di lavór äd ristrutturasjón dal Pärch ädla Citadéla e pu che ätor par réndor pu acesìbbil vón di pärch pù frecuentè ädla citè sia da j ansjàn che da giòvvon e ragas, con la convinsjón anca d’ inconträr l’aprovasjón dilj asociasjón culturäl ch’ i s’dan da fär p’r al recùppor dil tradisjón, djalètt e stòrja locäla, la Lega Nord äd Pärma l’a fa ‘na propòsta a l’asesór Aiello p’r al recùppor dal locäl, che adésa l’é inutilizè, ubichè a l’intäron ädla faciäda principäla ädla Fortèssa (ingrés via Passo Buole).
Da parèc’ àni al locäl, fòrsi un témp pòst äd guärdja, ricavè a l’intäron ädla faciäda ädla Citadéla, óltra ad ésor inutilizè e con il pòrti giustamént murädi par mìga consentìr l’ingrés ala delincuénsa, l’é in-t-un un stät d’enòrom deterjoramént contrariamént ala Palasén’na San Giorgio elegantemént recuperäda e adésa séda dil gloriózi asociasjón di combatént e äd l’ärma.
La Lega Nord l’a propònna che täl spàsi al sia recuperè e ristruturè par podér ospitär la mòstra permanénta di disègn dal pitór Giuseppe Monica ch’ illùsstron j antìgh mestér e ilj antìghi tradisjón popoläri e religjózi sia citadén’ni che äd campàgna: ch’ la mòstra chì l’a podrìss ésor méta äd vìziti gvidädi da pärta di aliév dil scóli sia äd Pärma che ädla provincia. Inóltra, a l’intäron dal stés locäl a ‘s podrìss catär al sit un setór ch’ l’illùstra al patrimòni avifaunìsstich prezént in-t-al pärch in-t-il värjj stagjón äd l’an’ oltra al värjj spéci d’ érbi, fjór e pianti secoläri. A ‘n va mìga sot’valutè che, a l’intäron ädla Citadéla, gh’é prezént ‘na nutrìda colònia äd zghiràg’ (scoiattoli) e d’ ozlén ormäj rär cme d’ ezémpi al pigàs (il picchio) e ätri spéci che in col spàsi äd vérd urbàn chì j àn catè al sò habitat ideäl.
(Pramzàn dal sas)
(Tgèmmos vìsst)

martedì 25 agosto 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 25 agosto 2009

Da “Parmaindialetto” Bón’na fortón’na a tutt i Crozè p’r un bón campjonät äd sèria A 2009/2010








Alberto Paloschi e Jonathan Bibiany, i pu bón di Crozè in camp p’r Udinéz Pärma

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Udinéz Pärma 2-2

Mirante séz : un pär äd parädi da razón, però nani tira via al vinavil d’insìmma a la riga ädla porta parchè a ’t zì pròprja incolè. Che lavór mäj n’usìda che vùnna

Dellafiore sèt : praticamént a l’ezòrdi sénsa infàmja e sénsa lòda, ma a ’s merita un vót in pù pròprja parchè butè in-t-al Colosseo tut d’ un pìc’

Paci sèt : zugär atàca a Panucci l’é un bél zugär ah lòmo ? Avanti acsì !

Lucaréli séz : tirämma via al picén che äd Lucaréli a’gh n’é restè che vón, e col giùsst, al vót l’é la médja tra al rigor provochè e al gol sgnè, a tutt il manéri la solita sicurèssa.

Panucci sèt : regìssta parfét, parsonalitè spasjäla, mi par chilù a stravèd da un bel po’, in pù da cuand l’ha tacagnè con Lippi ancòrra äd pù !

Morón séz : al solit capitàn, corsa grénta e vlontè da déz, precizjón un po’ meno, ma al solit gran cór

Mariga sìncov : un vót tajè a metè in-t- un secónd ! L’éra déz fin’ a l’ultom, ma sul parèg’ a né ’s pól mìga fär ‘na stupidäda compàgna no no e no !

Galloppa sìncov : un po’ tròp gornè, vè biondén fóra il………al caràtor, capì ? Dai bocär balón e avarsäri a cminsär da domenica ch’ vén

Länsafàm sèt : séns’ ätor la pù béla partìda da cuand l’é rivè, no parchè mi a j’ ò zughè con un Länsafàm in-t-i amatór che fin’a jerdlà a’l paräva pù bón che chilù

Paloschi òt : al putén l’à arcminsè d’ in do l’äva fnì, gol e corsa a rampär su par la ramäda ! Cme dir tutt parfét !

Biabiany òt : al né tira in porta gnanca sa ’t gh’é stè drè col s’ciòpp, però l’ha fat ‘na partìda strepitóza, a gh’ vól béle fat al taljànd a chilù parchè l’à córs pù lù che tutt ch’j ätor mìs insèmma

Guidolin sèt : bravo Don, bravo parchè a gh’éra n’aria bàsa in chi gióron chi, un narvóz ch’ a ’s tajäva col cortél, invéci con ‘na rivolusjón l’à mìs in camp ‘na scuädra cuäzi parféta ! Bravo Don, gran fiducia da pärta äd tutt

Téssra dal tifóz : sibén ch’ a gh’ sia parèccia génta che chisà al parchè la tira la voläda a sta téssra, anca insìmma ai giornäl, mi a digh che n’asurdìtè compagna l’éra difìccil immaginärla, próvi mó a cminsär andär a därla in via Palermo la téssra äd l’órdin pùbblich, ätor che al stadio !
(Tgnèmmos vìsst)

Testi di Crociato 63


supervisione ortografica
di Enrico Maletti





sabato 22 agosto 2009

A Bagnone i 146,9 milioni di euro del Superenalotto. Probabile coinvolti anche dei Parmigiani.

(Testo solo in Italiano)
A Bagnone, un comune di 1945 abitanti della provincia di Massa Carrara, il superenalotto il 6 da 146,9 milioni di euro. Una schedina da 2 euro giocata nel bar del paese. Alcuni abitanti di Corniglio e Monchio delle Corti comuni della provincia di Parma confinanti con Bagnone si recano giornalmente per lavoro nel piccolo paese della Lunigiana. Probabile vittoria di un Parmigiano ?
I numeri usciti sono
10 – 11- 27 – 79 – 88. Jolly 42 Superstar 63

venerdì 21 agosto 2009

“Stasìra parlèmma in djalètt” riprendono gli spettacoli.Venerdì 28 Agosto al Centro Giovani-Quartiere Montanara- ore 21.00.

(Testo blu in Italiano)
Dopo il successo in Piazzale Inzani, Largo Parri e Piazzale Pablo riprende il ciclo di serate dello spettacolo in vernacolo “Stasìra parlémma in djalètt”sostenuto dal Comune di Parma e realizzato da Famija Pramzana -Circolo Guareschi- Circolo Pertini- ParmaNostra- 50 & Più Fenacom- ParmaMusicale e Parmaindialetto.
Quarta tappa di “Stasìra parlèmma in djalètt” Venerdì 28 Agosto alle ore 21,00 al Centro Giovani-Via Pelicelli al Quartiere Montanara
Nell'allegra atmosfera della vecchia osteria, il simpatico gruppo di lavoro delle associazioni aderenti intreccia un originale zibaldone dando sfogo a musiche popolari, battute allegre e brani dialettali della produzione di Giuseppe Mezzadri e della tradizione popolare.
Gli straordinari interpreti sono Anna Maria Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Claudio Cavazzini ed Ermes Ghirardi accompagnati dalla fisarmonica di Corrado Medioli e dalla chitarra di Giorgio Capelli.
Sono previste, altre due serate nel Quartiere S. Pancrazio(via Mordacci) il 4 settembre alle 21.00 e al Circolo Inzani (Cortile S. Martino) l'8 settembre, dove verrà presentata una curiosa novità in dialetto Parmigiano che comunicheremo prima di quella serata. Tutti gli spettacoli sempre alla stessa ora.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
“Stasìra parlèmma in djalètt”
Venardì 28 Agòsst- Céntor Giòvvon-Cuartér Montanära- ori 21.00
Dòpa al sucés in Pjasäl Insàni, Lärogh Parri e Pjasäl Pablo a riprénda al ciclo äd serädi dal spetàcol in djalètt “Stasìra parlémma in djalètt”sostgnù dal Cmón äd Pärma e realizè da Famija Pramzana -Circolo Guareschi- Circolo Pertini- ParmaNostra- 50 & Più Fenacom- ParmaMusicale e Parmaindialetto.
Cuärta tàpa äd “Stasìra parlèmma in djalètt” Venardì 28 Agòsst alle ori 21,00 al Céntor Giòvvon-Via Pelicéli al Cuartér Montanära
In-t-l’alégra atmosfera ädla vécia ostària, al simpàtich grup äd lavór dilj asociasjón aderenti l’à mis su n’ originäl zibaldón con dil muzichi popoläri, batudi alégri e bràn djaletäl ädla produsjón äd Giuseppe Mezzadri e ädla tradisjón popolära.
I straordinäri intérpret j én Anna Maria Dall'Argine, Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri, Maurizio Landi, Enrico Maletti, Giuseppe Mezzadri, Claudio Cavazzini ed Ermes Ghirardi compagnè dala fizarmònica äd Corrado Medioli e dala chitàra äd Giorgio Capelli.
A’s prevèda ätri do serädi in-t-al Cuartér S. Pancràsi (via Mordacci) al 4 setémbor alj ori 21.00 e al Cìrcol Insàn (Cortìl San Martén) l'8 äd setémbor, indò srà prezentè ‘na curióza novitè in djalètt Pramzàn che a comunicarèmma prìmma äd cla seräda li . Tutti i spetàcol sémpor ala stésa ora.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Foto di Matteo Mezzadri e Studio Carra Parma
Cliccare per ingrandire le foto
Nelle foto: 1) Il gruppo completo dei protagonisti di "Stasìra parlèmma in djalètt", 2) Mariangela Bazoni, 3) Luigi Frigeri e Giuseppe Mezzadri, 4) Giorgio Capelli, 5) Enrico Maletti, 6) l'Assessore Luca Sommi che si è improvvisato attore dialettale e in piazzale Pablo ha letto la poesia "La Gòssa", 7) il giornalista Achille Mezzadri mentre legge una poesia di Ercolén Manfredi.





martedì 18 agosto 2009

DA L' ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE AIDAA, RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

(Testo blu in Italiano)
COMUNICATO STAMPA: ROM RAPISCONO GATTI IN PROVINCIA DI PARMA
http://www.aidaa.netdirettivo/. aidaa@libero.it presidenza.aidaa@libero.itTelefoni 392 6552051 347 8883546

Parma (18 agosto 2009) Ricomincia, anche se in maniera molto lieve, il fenomeno della sparizione dei gatti dalla provincia di Parma. Al momento sono 4 i gatti scomparsi nella zona del comune di Medesano. In almeno un caso i proprietari del gatto rapito sono riusciti ad individuare i presunti responsabili di questo ignobile gesto e a denunciarli alle forze dell’ordine. Si tratterebbe di un gruppo di rom residenti in un campo nomadi situato in un paese della provincia di Reggio Emilia. Anche in questo caso AIDAA sta monitorando la situazione, ed invita tutti coloro che dovessero aver perso il gatto nel periodo compreso tra il 15 luglio ed il 15 agosto a contattare il servizio di tutela dei felini, mandando una email a emergenzamici@libero.it oppure telefonando al n. 392 6552051.Al momento il fenomeno della sparizione di gatti, compresi alcuni neri, è assolutamente limitato e non desta particolare allarme ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA anche perché stiamo cercando di individuare l’accampamento rom dove i gatti scomparsi da Medesano e dalla frazione Ramiola di Medesano sarebbero stati portati, e soprattutto di capire qual è lo scopo di questi rapimenti. Invitiamo conclude Croce tutti coloro ai quali sono stati rubati i gatti, in particolar modo se si tratta di gatti neri, sia a comunicarcelo sia a presentare alla più vicina caserma dei carabinieri formale denuncia di smarrimento o, in caso di certezza del reato, denuncia di furto".Per info 392 6552051 347 8883546


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
www.aidaa.netdirettivo. aidaa@libero.it

presidenza.aidaa@libero. itTelefoni 392 6552051 347 8883546 COMUNICÄT STAMPA ZÌNNGOR I RAPÌSSON DI GAT IN PROVÌNCIA ÄD PÄRMA

Pärma (18 agòsst 2009) Comincia ancòrra, anca se in manéra mólt alzéra, al fenòmon ädla sparisjón di gat dala provìncia äd Pärma. Al momént jén 4 i gat sparì in-t-la zòna dal cmón äd Medzàn. In alméno un cäz i proprietäri dal gatto rapì j én riusì a individuär i prezunt responsàbil äd còl vargognóz gést chi e a denunciärja al fòrsi äd l’órdin. A ‘s tratarìss d’ un ciòp äd zìnngor residént in-t-un camp äd vagabónd situè in-t-n un paéz ädla provìncia äd Rèzz. Anca in còl cäz chi AIDAA l’è adrè a guardär la situasjón, e l’ invìda tutt còjj chi dovìsson avér pärs al gat in-t-al perìod compréz tra al 15 lujj e al 15 agòsst a contatär al sarvìssi äd tutéla di gat, mandànd una email a emergenzamici@libero.it opùre telefonànd al n. 392 6552051.Al momént al fenòmon ädla sparisjón di gat, compréz socuànt nìgor, l’é asolutamént limité e al n’é da mìga particolär alärmi al dìz Lorenzo Croce presidént d’ AIDAA anca parché sèmma drè a sarcär d’ individuär l’acampamént di zìnngor indò i gat sparì da Medzàn e dala frasjón Ramjóla äd Medezàn i sarìsson stè portè, e pu che ätor äd capìr cuäl l’é al motìv äd chi rapimént chi. Invidémma conclùda Croce tutt còjj ai cuäj è stè robè i gat, in particolär mòd s’ j én gat nìgor, sia a comunicärol sia a prezentär ala cazèrma di carabinér pu azvén formäla denuncia äd sparisjón o, in cäz äd certèssa dal reät, denuncia äd fùrt".Per info 392 6552051 347 8883546
(Tgnèmmos vìsst)

(Pramzàn dal sas)

domenica 16 agosto 2009

Torneo di softball al via. Parma "città dello sport"

(Testo solo in Italiano)
Il 17 agosto si apre la 18^ edizione della Coppa delle coppe femminile. Intanto il Comune valuta la candidatura al prestigioso titolo.

L'assessore Roberto Ghiretti: "Siamo interessati, stiamo considerando tutti gli aspetti" Parma è sempre più sportiva. C'è il ritorno del softball, con la 18° edizione della Coppa delle coppe femminile internazionale dal 17 agosto al 22 agosto. E il Comune, come ha confermato l'assessore allo Sport Roberto Ghiretti durante la presentazione del torneo, sta valutando la possibilità di avanzare una candidatura per diventare nel 2011 Città europea dello sport.
Ghiretti ha tenuto a precisare che siamo ancora in una fase preliminare, vogliamo valutare attentamente l'iniziativa, per non trasformarla in una mera autocelebrazione, in una prova muscolare, bensì in un evento che possa portare nuovo fervore e attività per la città. Il prestigioso titolo quest'anno è stato assegnato a Milano. Per il 2011 sono già in lizza Treviso, che ha avanzato la sua candidatura in grande stile, e Trieste, con le quali non vogliamo entrare in competizione" afferma l'assessore. "Faremo le nostre valutazioni e ci presenteremo a Roma, a settembre, con le nostre idee conclude.Una sfida complessa, non solo per la concorrenza, ma anche per i requisiti richiesti dall'Aces, l'Associazione capitale europea dello sport che promuove l'iniziativa. La città candidata, infatti, deve dimostrare di essere attivamente impegnata nella promozione dello sport, con particolare attenzione ai valori propri della tradizione olimpica, che l'associazione ha messo tra i suoi principali obiettivi. Quindi incoraggiare l'attività fisica come divertimento, favorire lo spirito e il sentimento di gruppo, insegnare correttezza e rispetto, pretare attenzione al miglioramento della salute. Accanto a questo fondamentali principi l'Aces prende inoltre in esame tutte quelle innovazioni e progetti, realizzati negli ultimi cinque anni, che hanno permesso il progresso degli sport, l'integrazione attraverso l'attività sportiva dei diversamente abili, la costruzione di nuovi impianti, l'organizzazione di eventi di portata sia nazionale che internazionale. Chissà che il torneo di softball, per il quale il Comune è stato capace di trovare risorse anche in una fase di crisi, non possa essere di buon auspicio in questo senso. La Coppa delle coppe feminnile è infatti un'importante manifestazione internazionale, che segna per altro, dopo anni, il ritorno di tale disciplina nella città. Una manifestazione che apre la nuova stagione del rinnovato impianto del Quadrifoglio sport center ha dichiarato l'assessore Giretti. Il complesso sportivo sarà lo scenario che ospiterà le 10 squadre provenienti da tutta Europa. A difendere l'onore della città la Old Parma di Pier Luigi Zantei, responsabile anche dell'organizzazione del torneo, che si è detto felice di veder tornare il softball a Parma" e ha garantito "che le ragazze ce la metteranno davvero tutta per arrivare in fondo al toneo. Un impresa che non sarà facile, considerando il valore degli avversari, dalle fortissime olandesi del Terrasvogels e delle Sparks Haarlem, alle russe del Moskovia, così come le spagnole del Viladecans e lo Judrs di Praga. Un torneo che si annuncia di alto livello e che contribuirà alla crescita del movimento, in una città che, "secondo un'indagine del Sole 24 Ore, è gia prima in Italia per il baseball ed il rugby" ha commentato il presidente del comitato provinciale del Coni Gianni Barbieri.Non rimane che fare un grande "in bocca al lupo" (gli auguri nello sport portano male) alle ragazze dell'Old Parma. (Articolo di Raffaele Castagno).
Nelle foto; 1) le ragazze dell'Old Parma, squadra cittadina di softball femminile, 2) l'Assessore allo sport del Comune di Parma Roberto Ghiretti.

venerdì 14 agosto 2009

lunedì 3 agosto 2009

Parmaindialetto ha compiuto 5 anni. In questi anni coinvolto in un simpatico articolo anche il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

(Testo solo in Italiano)
Cinque anni fa, precisamente il 30 luglio 2004, è nato il sito
www.parmaindialetto.it il primo sito in Italiano e dialetto Parmigiano. Da un'idea di Enrico, Marco e Pietro Maletti, finalmente tutto quello che si pubblica su questo web lo si può leggere sia in Italiano che in dialetto Parmigiano. Nato per informare le persone sulla storia e gli avvenimenti della nostra città ma soprattutto per far si che i Parmigiani si abituino a leggere il dialetto e i giovani ad avvicinarsi alla nostra lingua storica. Molto seguite in questi anni sono state le lezioni di dialetto Parmigiano inserite nel web, per i più golosi le ricette, le filastrocche di un tempo di nonna Lina, tutte rigorosamente in dialetto Parmigiano. Benchè non rientri nella categoria di informazione periodica, in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari, Parmaindialetto ha collaborato in questi anni con la Gazzetta di Parma, l'Informazione di Parma, Polis quotidiano, La Voce di Parma, Vita Nuova, http://www.pramzanblog.com , La Repubblica, La Padania, Popolis di Brescia, Nel Parmense, Lungoparma, Parmachesiparla, Turismo Parma, Eventi Parma. Dal 27 settembre 2008, a Parmaindialetto si è affiancato http://parmaindialetto.blogspot.com/ il blog di Parmaindialetto, più facile nella gestione dell'inserimento delle notizie. I contatti che si svolgono giornalmente con Parmaindialetto, vengono da tutte le parti del mondo, “Pramzàn strajè p'r al mond” che quotidianamente contattano questo blog dal Canada, Francia, Spagna, Stati Uniti, Cina, Giappone, Romania, Bulgaria, Unione Sovietica, Croazia, Algeria, e tanti altri “Pramzàn strajè p'r al mond” che quotidianamente nel leggerlo sentono il profumo della loro Parma. Buona l'idea di collaborazione con la Gazzetta di Parma nell'inserire su http://parmaindialetto.blogspot.com la rubrica “Il Pagéli di crozè in djalètt Pramzàn” di ogni partita del Parma F.C. il giorno successivo la pubblicazione sulla Gazzetta di Parma e la registrazione in video delle stesse pagelle in puro dialetto Parmigiano da parte di Enrico Maletti, dopo che lo stesso video è stato inserito sul sito della Gazzetta di Parma, (clicca per il video di Parma Pisa),
http://www.gazzettadiparma.it/mediagallery/video/6845/Le_pagelle_in_dialetto_di_Parma-Pisa.html
Su Parmaindialetto sono stati ospitati parecchi personaggi del mondo dello spettacolo, della sport e politico, simpatico il coinvolgimento del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in un articolo inserito il 9 febbraio 2009 dal titolo “ Le donne Italiano amano gli uomini bassi” , (clicca per leggere l'articolo),
http://parmaindialetto.blogspot.com/2009/02/le-donne-italiane-amano-gli-uomini.html
Buon compleanno a
www.parmaindialetto.it e a http://parmaindialetto.blogspot.com