Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







venerdì 30 ottobre 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 30 ottobre 2009



Paloschi, Lunardén e Bojinov, i pu bon i camp par Parma Bari, tutt tri voto déz

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Bäri 2-0

Mirànt sénsa vot : s’ at ciapäv gol dal badant però t’ arìs dè un zéro sèch cme un pìmngol, l’avarsäri pu pericolóz jerdlà sira l’é städa l’umditè

Zacärd séz : partìda onésta, njént äd pù, la còza previdénta l’é städa la tajäda ad cavìj, cme al m’ à fat notär al tò sòsia in curva

Dellafiore òt : oh ragas chilù do partidi sèz pónt, zéro stupidädi, sémpor pront cuand al sarvìssa, in pochi paroli ‘na béla sorpréza

Lucaréli séz : al prìmm témp a paräva c’h a ‘t gh’avìss la sfrómbla in-t-i pè, cuator lanc’ zbalè e ‘na gran confuzjón, second témp invéci cuäzi parfét

Panucci séz : äd stìmma Christian, parchè anca jerdlà, socuànti dormìdi pericolózi, però al carisma a ’n t’ al tira via nisón

Antonéli sèt : p’r al salvatag’ miracolóz dal primm témp sionò ‘na timidèssa da ragasén la prìmma volta ch’ al va a moróza, dai nano a gh’ vól dal bèch äd fér par zugär in sèria A

Castlén sèt : Pavlén invéci l’é entrè in partida sùbbit, e l’à fat fär 30 met’r indrè al nigrètt dal Bäri che con Antonéli invéci l’éra sémpor su

Galloppa séz : äd stìmma cme Panucci, mo a paräva ch’ a ‘t gh’ aviss il scärpi antinfortunistica invéci che i scarpén da balón da tant a tè ’tirär adrè il gambi

Morón sèt : in-t-al prìmm témp a ’t si stè al prìmm a sarcär äd drovär la conisjón par révor al mur dal Bäri, un Morón pù ragionadór e meno istintiv, té ’m si piazù bombén ( cme al solit )

Lunardén déz : prìmma ancòrra che un bel zugadór, un ragas d’or ! E l’é inùttil ch’ a spiega al parchè, al sèmma tutt e tutt a gh’ vrämma bén a col ragas chi ! Cme dirìss Arrigo umiltè e concentrasjón !

Lanzafame séz : la vlontè la gh’ fa miga difét, jerdlà a gh’é tochè zugär in-t-al momént indò i Baréz j éron fìss in diféza cme a Rimini a feragòsst

Paloschi déz : se Dio vól al letargo l’é durè pòch ! Signori l’é tornè al putén terìbbil, adésa j én afäri vòstor ( a ’s dirìss in-t n’ätra manéra mo insìmma al giornäl a né ’s pól miga, sa vrì a val digh al bar )

Bojinov déz : e co gh’ dit a chilù ? L’ éra dai témp äd Chiesa ch’ a ‘n sé vdäva un gol acsì chilù a val digh mi l’é bón da zgarbè, e al gh’à al vìssi di campjón, cioè ch’al fa di gòl decizìv !

Guidolin incó njénta vót Mìssster ( cioè déz ) vè cuand rivämma a cuaranta pónt ch’al vén su a Barbjàn in bici, dato che mi a stagh lì tàca, al ’s férma ch’ a tajämma socuànt salam e sturämma socuànt botìljj valabèn ?

Pubblich sénsa vót p’r adésa, guardämma a Milàn in cuant a gh’ sarämma e fämma un zughén, dato ch’ i véndon i biljètt fin a stasìra, cuand lezì il pagéli ciapì in man al telefono, ciamì n’amigh o dù, organizì ‘na machinäda e in pausa andì a tor i biljètt in Banca dailà sarcämma d’andär a Milàn in parèc’ e m’ arcmànd lasì a cà vìdi bolón e arparéli ! AVANTI CROCIATI !
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testi di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

mercoledì 28 ottobre 2009

Presentato alla Famìja Pramzàna il libro di poesie dialettali di “Ercolén al ribél”

(Testo blu in Italiano)
Nato nel 1874, morto nel 1966 all’età di 92 anni, Ercole Manfredi,p’ri Pramzàn “Ercolén al ribél”, è stato un personaggio dedlà da l’acua che ha scritto parecchie poesie in dialetto parmigiano che per volontà del nipote Valter sono state raccolte in un volume curato dal Fabrizio Pallini e la madre Signora Giancarla Maglietti Pallini. Non poteva essere scelto posto migliore per la presentazione di queste poesie, vale a dire la sede della Famìja Pramzàna a porta San Francesco. Dopo una breve presentazione di Anna Maria Dall’Argine presidente del sodalizio Parmigiano, la lettura dei testi è stata affidata al meglio degli attori dialettali di oggi, che rispondono al nome di Mariangela Baroni, Luigi Frigeri, Enrico Maletti, Luciano Porcari e Ermes Ghirardi, la conduzione del pomeriggio è stata guidata da Anna Berta Ceci. Presente per il Comune di Parma, che ha patrocinato la manifestazione, Ferdinando Sandroni, il giornalista Achille Mezzadri padre di Pramzànblog.
Un più ampio servizio con fotografie lo trovate su
www.pramzanblog.com

(Testo giallo dialetto armigiano)
(Prezentè ala Famìja Pramzàna al lbbor ‘d poezjj dialetäli d’ “Ercolén al ribél”

Nasù in-tal 1872, mòrt in-t-al 1966 a l’etè äd 92 anni, Ercole Manfredi, p’ri Pramzàn “Ercolén al ribél”, l’é stè u parsonàg’ “dedlà da l’acua” ch’ l’à scritt parècci poezjj in djalètt pramzàn che par vlontè äd l’ anvód Valter j én städi racòlti in-t-un lìbbor curè da Fabrizio Pallini e la mädra Sgnóra Giancarla Maglietti Pallini. A ‘n podäva mìga ésors sarnì pòst bu bél par la prezentasjón äd ch’il poezjj chì, väl a dir la séda ädla Famìja Pramzàna a porta San Fransèssch. Dòpa ‘na bréva prezentasjón d’ Anna Maria Dall’Argine presidént dal sodalìssi Pramzàn, la létura di tést l’é städa afidäda al méj di atór djaletäl d’ incó, ch’ i rispóndon al nòm äd Mariangela Bazoni, Luigi Frigeri, Enrico Maletti, Luciano Porcari e Ermes Ghirardi, la condusjón dal dopmezdì l’é städa guidäda da Anna Berta Ceci. Prezént p’r al Cmóun äd Pärma, ch’l’ à patrocinè la manifestasjón, Ferdinando Sandroni, al giornalìssta Achille Mezzadri pädor äd Pramzànblog.
Un pù àmpi sarvìssi con fotografjj al catrì su
www.pramzanblog.com

(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Le foto sono state scattate da Achille Mezzadri di Pramzànblog; 1) Luigi Frigeri, 2)Luciano Porcari e Anna Berta Ceci, 3) Enrico Maletti, 4) Mariangela Bazoni, 5) Anna Maria Dall'Argine e Ermes Ghirardi, 6) Fabrizio Pallini, Ferdinando Sandroni e Giancarla Maglietti Pallini.



IL TRIBUNALE DEGLI ANIMALI

(Testo blu in Italiano)

COS'E' IL TRIBUNALE DEGLI ANIMALI?

Il Tribunale degli animali è un servizio gratuito di consulenza legale promosso dall'Associazione italiana difesa animali ed ambiente, al quale possono rivolgersi tutti i cittadini italiani e residenti in Italia che hanno questioni da risolvere, problemi o semplicemente bisogno di un consiglio su vicende che hanno come protagonisti gli animali sia quelli di casa che quelli di allevamento o selvatici.

COME SI RICHIEDE L'INTERVENTO DEL TRIBUNALE? Esistono due tipi di consulenza del tribunale degli animali:- il primo di tipo online al quale ci si rivolge per consulenze veloci che determinano le possibilità di una risposta via mail.Per richiedere questo tipo di consulenza basta inviare una email contenente il quesito che si intende porre all'indirizzo tribunaleanimali@libero.it e nel giro di pochi giorni si riceverà la risposta dei legali. - per la consulenza in sede è possibile chiedere un appuntamento a uno degli avvocati delle sedi dove opera il tribunale degli animali vi sono due possibilità o via online sempre mandando una mail con una descrizione del problema da sottoporre al legale del tribunale degli animali indicando la città in cui si vuole essere ricevuti all'indirizzo tribunaleanimali@libero.it oppure telefonando dal lunedì al sabato dalle 10 alle ore 18 al numero 3926552051 spiegando le motivazioni della richiesta, in entrambi i casi nel giro di pochi giorni vi verrà fissato un'appuntamento con l'avvocato del tribunale degli animali.

IL SERVIZIO IN ENTRAMBI I CASI E' ASSOLUTAMENTE GRATUITO IL TRIBUNALE DEGLI ANIMALI E' SOLO CONSULENZA? No dopo la consulenza è possibile chiedere un servizio di sportello di conciliazione durante il quale verrà convocata anche la controparte per trovare una soluzione bonaria alla questione che viene trattata. Il servizio di conciliazione semplice ha un costo forfettario di 10 euro per le spese vive della pratica.La consulenza legale anche in questo caso è assolutamente GRATUITA CAMERA ARBITRALE Esiste infine una possibilità di avvalersi di una camera arbitrale con giudizio di giudice terzo o di conciliazione attraverso la presenza di avvocati. Le informazioni in merito a questi servizi vengono forniti direttamente dall'avvocato del tribunale degli animali in sede di consulenza.

LE CITTA' DOVE OPERA IL TRIBUNALE DEGLI ANIMALI La sede nazionale del tribunale degli animali è a Parma presso il canile comunale Lilly ed il Vagabondo e qui gli avvocati ricevono il pubblico previo appuntamento tutti i sabato mattina dalle ore 10.30 alle ore 12.30 . Esistono poi altre sedi del tribunale degli animali già operative nelle città di Milano, Como, Soncino, Torino, Genova, Padova, Verona, Firenze, Ravenna, Roma, Perugia, Foggia e Messina mentre altre sezioni sono in via di apertura, in tutti i casi gli appuntamenti vengono presi con le modalità qui sopra riportate


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al tribunäl dil béstjj

CO’ EL AL TRIBUNÄL DIL BÉSTJJ ? Al Tribunäl dil béstjj l’é un sarvssi gratis äd consulénsa legäla promòs da l'Asociasjón italjàna diféza bésti e ambjént, indo a ‘s pól rivòlgior tutt i citadén italjàn e residént in Itàlja ch’i gh’àn dil cuestjón da risòlvor, probléma o semplicemént bizògn d’ un consìlli su vicéndi ch’ j àn cme protagonìssti il béstjj sia còlli äd cà che còlli d’ alevamént o selvàtich.

CME S’ FA’ A RICHIÉDOR L'INTARVÉNT DAL TRIBUNÄL?Ezìssta du tipo äd consulénsa dal tribunäl dil béstjj:- al prìmm äd tipo online al cuäl l’é par consulénsi zvèlti ch’ i gh’àn la posibilitè äd ‘na risposta via mail.Par richiédor col tipo äd consuléna chì, basta inviär una email con scrit al probléma ch’ a s’ inténda mandär a l'indirìs tribunaleanimali@libero.it e in-t-al gir äd socuànt gióron a ‘s ricevarà la rispòsta da j avocät. - par la consulénsa in séda è posìbbil dmandär n’ apontamént a vón d’j avocät di pòst indò gh’é al tribunäl dil béstjj a gh’è do posibilitè o via online sémpor mandànd una mail con ‘na descrisjón dal probléma da dir a l’avocät dal tribunäl dil béstjj indicànd la citè indò a s’vol ésor ricevù a l'indirìs tribunaleanimali@libero.it opùr telefonànd dal lundì al sàbot dal 10 alj ór 18 al nùmor 3926552051 spiegànd il motivasjón ädla richiésta, in tutt du i cäz in-t-al gir äd socuànt gióron a srà fisè n’apontamént con l'avocät dal tribunäl dil béstjj.

AL SARVISSI IN TUTT DU I CÄZ L’E’ ASOLUTAMÉNT GRATIS AL TRIBUNÄL DIL BÉSTJJ EL SOL CONSULÉNSA? No dòpa la consuléna l’é posìbbil dmandär un sarvìssi äd sportél äd conciliasjón durànt al cuäl a srà convochè anca la contropärta par catär ‘na solusjón bonäria ala cuestjón ch’l’a vén tratäda. Al sarvìssi äd conciliasjón sémplic’ al gh’à un còst forfetäri äd 10 euro p’r il spézi vìvi ädla praticaLa consulénsa legäla anche in col cäz chì l’é asolutamént gratis CAMBRA ARBITRÄLA A gh’è anca ‘na posibilitè äd drovär ‘na cambra arbiträla col giudìssi äd giudich tèrz o äd conciliasjón atravèrs la prezénsa d’ avocät. Ilj informasjón in mérit a chi sarvìssi chì i vénon fornìdi diretamént da l'avocät dal tribunäl dil béstjj in séda äd consulénsa.
IL CITE' INDO’ GH’E’ AL TRIBUNÄL DIL BÉSTJJ La séda nazjonäla dal tribunäl dil béstjj l’é a Pärma indò gh’é al canil comunäl Lilly e al Vagabónd e chì j avocät i ricévon al pubblich su apontamént tutt i sàbat matén’na dal 10.30 al 12.30 . Ezissta po’ djli ätri sédi dal tribunäl dil béstjj zà operatìvi in-t-il citè äd Milano, Como, Soncino, Torino, Genova, Padova, Verona, Firenze, Ravenna, Roma, Perugia, Foggia e Messina e ätri sesjón j én in via d’ arvìr, in tutt i cäz j apontamént i vénon fisè con il modalitè chì sóra riportädi.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nella prima foto "Briciola" di Parmaindialetto Pramzàn dal sas)










martedì 27 ottobre 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 27 ottobre 2009




Zenón e Mirànt i pu bón in camp p’r Atalanta Pärma vót séz pén’na suficént
(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Atalanta Pärma 3-1

Mirànt séz : sénsa colpi sui gol ( a dir la vritè sul tèrs a n’al so miga parchè a séntsincuànta mèttor a’s vädda pòch ) ansi un pär äd miracol par salvär la baraca

Zacärd séz : l’ùnnich suficént e un po’ grintóz dardè, l’ultom a molär

Zenón dù : Dino co’ gh’éra i bräs in-t-il do fasi ? At coräv cme Giucas Casella jerdlà

Lucaréli sìncov : a ’t paräv vón ch’ l’äva pärs l’indirìs äd cà, eror decizìv gnànca vón, mo sémp’r in ritärdi sémp’r indecìz

Panucci zéro : zburlè o miga zburlè a né ’s sälta miga acsì ! E sul secónd gol, al dezärt lì in mèza, la pegior partida da cuand a ’t si chi, stràsa la pagina e ripartìssa sùbbit

Castlén zéro : Pavlén tant cme Dino e sóra al cont ‘na mòla sul contrast in-t- l’asjón dal secónd gol mäj da pardonär, partida da scordär al prìmma posìbbil

Galloppa cuator : piantè cme un grùggn, anca par ti biondén ‘na domenica da zgasär

Morón sìncov : un vot in pù parchè cme al solit Morón al gh’ é mètta ‘na grénta ch’ la ’s vèdda da stär in curva, mo jerdlà därog la suficénsa l’é dura bombén

Dzemaili dù : chilù l’é mol cme ‘na pana còta che lavor, a pära chi gh’ àbion apén’na tirè via al gèss

Amoruso zéro : cme i balón bón ch’ l’ à zughè, gnànca vón ; anca lù sémpor con la ridòta tacäda

Bojinov sìncov : stés discors dal capitàn, a tirär il sòmmi njént äd bón, mo almeno n’ inpìggn superiór a la média

Paloschi sèt : èt girè pagina finalmént putén ? Dai dai ch’ a tòcca a tì, dai ch’a ‘t vrämma sém’r acsi, òc’ fora da la tésta grénta corag’ e orgolióz !

Guidolin cuator : oh Don a m’é tochè därgh al vót sùbbit ( a s’éra dit ch’ a gh’ l’ariss dè soltant cuand l’é pu bas dal séz ) ; jerdlà Conte al s’é vendichè ! Eh bé dal rést al calcio l’é acsì, l’important l’é voltär pagina e tornär in-t-la nostra dman sùbbit

Pubblich zéro : scuädra 5^ in clasifica, trasferta da n’ora e méz äd machina, dozèntsincuànta parsón’ni miga äd pù ! Da vargognäros ! E magara dman cuälchidón al gh’arà al coràg’ äd fis’ciär al prim pasag’ zbaljè ! Fis’cìv da vojätor ch’ l’é méj ! AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testi di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

lunedì 26 ottobre 2009

Da "La Compagnia i Burattini dei Ferrari" riceviamo e pubblichiamo.

La Compagnia I Burattini dei Ferrari
è lieta di invitarVi
Domenica 01 Novembre 2009 ore 15.30


Teatro Museo Giordano Ferrari
Il castello dei burattini - Via Melloni,3 - Parma

"LA FAVOLA DELLE TESTE DI LEGNO"
STORIA DELL'ANIMAZIONE
DALLE ORIGINI AD OGGI

VI ASPETTIAMO
DANIELA & GIORDANO FERRARI

Domani 27 ottobre, pubblicheremo (Il pagéli di Crozè in dialètt Pramzàn)

Pagelle pubbicate sulla
Gazzetta di Parma del 27 ottobre 2009
(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Atalanta Pärma 3-1

venerdì 23 ottobre 2009

Domenica 25 ottobre presentazione del libro di poesie dialettali di "Ercolén al ribél"

(Testo solo in Italiano)
Domenica 25 ottobre alle ore 16,30 nella Sala Barilla della Famija Pramzana in Viale Vittoria, 4

Sarà presentato il libro di poesie dialettali di Ercole Manfredi.

La manifestazione, realizzata da Famija Pramzana con il Patrocinio del Comune di Parma ed in collaborazione con l’Associazione Culturale “I Nostri Borghi”, si svolgerà all'insegna della poesia dialettale del poeta parmigiano meglio conosciuto come “Ercolén al ribél”.

L’evento, a cura di Anna Berta Ceci Spaggiari, si apre con il benvenuto di Anna Maria Dall'Argine, Presidente di Famija Pramzana. Saranno presenti il consigliere comunale Ferdinando Sandroni, i nipoti di Ercolén, l'Ing. Valter Manfredi e la sig.ra Gabriella, la signora Pallini Maglietti Giancarla, il dott. Pallini Fabrizio ed il giornalista Achille Mezzadri. Le poesie saranno lette da Enrico Maletti, Luciano Porcari, Ermes Ghirardi e Luigi Frigeri.

L’invito è aperto ai soci e ai simpatizzanti.

(La foto, di Ercolén Manfredi negli anni Cinquanta con la moglie Taide Balestrieri e il nipotino Valter, è stata tratta da http://www.pramzanblog.com/ )

giovedì 22 ottobre 2009

‘Na sajètta l’à ciapè “L’Angiolén dal Dom”

(Testo blu in Italiano)
Alle 2,29 di questa notte un fulmine ha scaricato la sua forza sul campanile del Duomo di Parma colpendo la croce che ha in mano l’Angelo Raffaele, per i Parmigiani “L’Angiolén dal Dom”. Sono intervenuti subito il vigili del fuoco di Parma, con l’aiuto dei colleghi di Bologna. Per sicurezza è stato evacuato il Seminario Maggiore e il collegio Giovanni XXIII in borgo San Biagio. La situazione è sotto controllo da parte dei vigili del fuoco, dei Carabinieri e della Polizia Municipale. Di seguito pubblichiamo la poesia in dialetto Parmigiano “L’Angiol dal Dom “ scritta da Alfredo Zerbini. La poesia è pubblicata
oggi sul sito della Gazzetta di Parma http://www.gazzettadiparma.it/
Sull'episodio aggiornamento su http://www.pramzanblog.com/
‘Na sajètta l’à ciapè “L’Angiolén dal Dom”

Alj óri 2,29 äd stanota ‘na sajètta l’à scarghè la so fòrsa sul campanìl dal Dom äd Pärma e l’à ciapè la cróza ch’al gh’à in man l’Angiol Raffaele, p’r i Pramzàn “L’Angiolén dal Dom”. E’ intervgnù sùbbit i Pompér äd Pärma, con l’aiùt di Pompér äd Bològgna.
Par sicurèssa è stè fat zgombrär al Seminäri Magjór e al colég’ Giovanni XXIII in bórogh San Biäz. La situasjón l’è sòtta contròl da pärta di Pompér, di Carabinér e di Vìggil Urbàn. Chì a publicämma la poezia in djalètt Pramzàn “L’Angiol dal Dom “ scrìtta da Alfredo Zerbini. La poezia l’é publicäda incó sul sit ädla Gazètta äd Pärma
http://www.gazzettadiparma.it/ P’r al fat, àmpi sarvìssi su http://www.pramzanblog.com/


“L’Angiol dal Dom “

L’angiol tra ’d lu al pensäva seri seri:–
Con tutt stj areoplàn, chì su ghe scota!
Quand i m’én söra a trèmma al Batisteri,
la Torra, al Dom, San Zvan e la Pilota...


Ah! Povra la me Pärma! Con stil gueri
an t’n’è pu ben gnan ti, né ’d dì né ’d nota!
Quant’ crözi novi at gh’è int al simiteri!
Quant bej gionvot a t’à robè sta lota!


Mi an son che ’n angiol ’d ram e sensa cor,
epur a pregh, a fagh tutt coll ch’as pöl
par tgnir lontàn da ti tutt i dolor!


Mo l’òm, ch’l’è ’n angiol viv, s’al spicca al völ,
inveci ad färes bel davanti al Sgnör,
s’al gh’la caviss, al te bombärda al söl! –


Da: Alfredo Zerbini, “Tutte le poesie”, Parma, Battei, 1982 (edizione dell’opera omnia, con introduzione di Gino Marchi e prefazione di Italo Petrolini; disegni originali di Piero Furlotti, Silvano Manfredi, Latino Barilli).
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(La foto del Duomo è stata scattata dal lettore della Gazzetta di Parma Marcello Bersellini)

martedì 20 ottobre 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 20 ottobre 2009

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)

Pärma Siena 1-0

Mirànt déz : un vot par via ch’ a t’è sarnì la majètta giùssta, ch’ l’ a rifletäva al sól, in previzjón d’un dopmezdì äd vacansa e d’abronzadùra ! èt portè anca l’òli äd cocco ?

Zacärd òt : n’ ätra partìda còj barbìz fortissim concentrè grintóz motivè, sèt ch’ a né ’t ricordäva miga acsì fort ?

Zenon òt :
bravìssim Dino ‘na partìda d’inteligénsa, tatica ecesjonäla, con l ‘òm in pù e a sìncov dardè, e zò ti e Pavlèn a fär j’ äli par tgnìrja bàs e ris’sciär njénta !

Lucaréli séz : béla partida so cuant intarvént in pónta äd forsén’na, ma un pär äd transitädi pericolózi, da corsia dal telepass ma tutt somè suficént a gh’ mancrìss ätor

Panucci sèt : du dìd e ‘t mantgnäv la pròmissa dal gol ! a vrà dir ch’ a ’t n’ in farè vón da chi a pòch ! vè lòmo e catäros béle adésa col Diretor e mèttor béle ‘na firmètta anca par st’an ch’ vén ???

Castlén òt : stés vot che Dino par caritè, j’én zmél ormäi e stés coment, partida béla e inteligénta e gran condisjón fìzica

Galloppa séz : ‘na fila äd motiv chi t’àn fat réndor meno dal solit, ex compagn, marcadüra cuäzi da atacant, certo al Misster dal Siena a ’l la säva ch’at si bón bombén elóra zò d’ vanga in trì a marcärot

Morón òt : ecco al Capitàn ch’ a conosämma, t’arè robè sént balón, grande Stefano! Tè ’t si anca travestì da Mariga, b insomma cme minim a té’t dovrìss vernizär il gambi e la ghìggna !

Dzemaili nóv : prìmm témp da déz, un po’ calè in-t-al secónd mò l’important l’éra vèddor la cualitè e la s’ vista ecome, adésa bizòggna ch’ at catämma un stranòm sionò l’é nota con col nòm ch’ at gh’è

Amoruso séz : oh Nick, vót fär gol ? póza al fiorètt e zò con la späda

Bojinov sèt : ricordämma al gol ch’ a t’è fat o col ch’ a t’è zbaljè ? dai mi dirìss col ch’a t’è fat anca parchè l’é fnìda vón a zero donca a’t si stè decizìv ! bravo bulgaro, avanti ch’ l’é la sträda giùssta

Lunardén e Paloschi déz : masim di vót, parchè dù ragas giòvvon ch’ a vén su da la panchén’na pront e concentrè l’é semp’r un bél vèddor, complimént a lor e al Misster ch’ a ja téna su la corda

Guidolin déz : Misster fämma acsì, l’é tanta la mé ( ma a pòs dir la nostra ) stìmma ch’ a gh’ darò al vot soltant cuand a’n sarà miga déz valabén ? e second mi a gh’ n’in darò poch mo poch bombén

Lippi zéro : andèmma a lavorär ah sjòr lippi ( minuscol, molt minuscol ) ? e magara gh’éra so cuanti parsón’ni sénsa lavor o in casa integrasjón o in mobilitè ah ? bravo complimént, pròprja n’ezémpi par la nasjón ! Pärma la gh’é indigésta chisà parchè ? còvva äd paja ? un scudetén miga tant polì ch’ al gh’ à ancòrra da därs’indrè forsi ? certo che la so nasjonäla la ’n sarà mäj la mè nasjonäla !

E adésa batr’ al fér tant ch’ l’é cäld ! TUT A BÈRGOM ! AVANTI CROCIATI !
(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

sabato 17 ottobre 2009

Dal FORUM delle Associazini Culturali Parmensi, riceviamo e pubblichiamo

(Testo solo in Italiano)
PARMA, ottobre 2009.
Considerazioni sull’ incontro “IL RUOLO DEGLI SPETTATORI PAGANTI NEL TEATRO a PARMA”.
Le associazioni di promozione sociale che hanno dato vita al FORUM delle Associazioni Culturali Parmensi – per la prima volta in Parma – ritengono indispensabile collaborare con l’Assessorato alla Cultura.
Di fronte all’importante avvenimento della prossima apertura del nuovo Teatro “GIOVANNINO GUARESCHI”, e a seguito del dibattito costruttivo degli STATI GENERALI della CULTURA (Aprile 2009), ritengono indispensabile partecipare al progetto “fare sistema”, “fare squadra” nel territorio.

Nella situazione di crisi generale confermano la massima disponibilità e presentano proposte alle Autorità competenti per collaborare INSIEME.
Ci sentiamo spesso ripetere che tutto è cambiato, e che quindi bisogna adeguarsi al cambiamento. Pertanto, a nostro avviso, anche il modo di essere del pubblico, di essere spettatori paganti deve cambiare.

Riteniamo che il pubblico ( = gli spettatori paganti ) sia una componente fondamentale per la realtà teatrale della nostra città. Tutti ormai lo riconoscono. Anche il contributo economico che gli spettatori paganti versano annualmente nelle casse dei Teatri non è da sottovalutare.
Per far si che il pubblico possa svolgere una collaborazione costruttiva, è indispensabile che gli si riconosca una identità, una personalità, un ruolo.

Riconoscendo una legittima rappresentanza degli spettatori nei teatri di Parma, si istituisce una nuova componente responsabile nell’’associazionismo culturale parmigiano, impegnata nel compito di promozione sociale e di tutela degli spettatori paganti.
L’incontro programmato GIOVEDI pomeriggio 22 OTTOBRE p.v., vuole portare all’attenzione delle Autorità preposte e della cittadinanza questa proposta.

Non vogliamo creare confusione nel mondo teatrale; né andiamo alla ricerca di privilegi o spazi di prestigio. Siamo coscienti che dovremo operare con autodisciplina in un campo severamente definito.
Ribadiamo che, i componenti la rappresentanza degli spettatori paganti - operando come persone del volontariato:

NON percepiranno alcun compenso o rimborso spese, non gravando quindi sulle casse dei Teatri;
NON avranno diritto di voto per non sbilanciare gli equilibri delle strutture politiche e non interferire nei ruoli professionali degli operatori teatrali competenti e responsabili.
Ricordiamo che a pochi chilometri da qui, a Reggio Emilia, è stato nominato dal Comune, un “COMITATO di INDIRIZZO” composto da rappresentanti del pubblico, attraverso il quale….

“Attivare un rapporto sempre più stretto e concreto con la città nelle sue molteplici espressioni ……. e nella gestione del territorio e delle sue risorse” (Ufficio Stampa – Comune di Reggio Emilia).
Ogni contributo al dibattito sarà particolarmente gradito.
A cura delle Associazioni:
LA FAMIJA PRAMZANA - 50&PIU’ FENACOM - CLUB 93 - ARCADIA - PARMATEATRO - ISTRIOMANIA.

venerdì 16 ottobre 2009

31 OTTOBRE 2009 MILVA AL TEATRO REGIO DI PARMA

(Testo blu in Italiano)
MILVA “LA ROSSA” TORNA AL TEATRO REGIO DI PARMA IL 31 OTTOBRE CON UN CONCERTO A SOSTEGNO DELLA CAMPAGNA PER LA “PREVENZIONE” DEL TUMORE AL SENO
Dopo anni di assenza, il 31 ottobre Milva torna al Teatro Regio di Parma con lo spettacolo Ieri e oggi. I più grandi successi internazionali.
Il concerto è a scopo benefico e chiude il mese d’iniziative della Campagna Nastro Rosa per la “Prevenzione” del Tumore al Seno. Gli incassi della serata, infatti, saranno devoluti a favore della LILT, la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
31 OTÒBOR 2009 - TEÀOR REGIO ÄD PÄRMA
MILVA “LA RÒSSA” TORNA AL TEÀOR REGIO ÄD PÄRMA AL 31 OTÒBBOR CON UN CONCÈRT PAR LA CAMPAGNA PAR LA “PREVENZJÓN” DAL TUMÓR AL SÉN
Dòpa àni d’ asénsa, al 31 otòbbor Milva l’a torna al Teàtor Regio äd Pärma con al spetàcol Incó e dmàn. I pu grand sucés internasjonäl.
Al concèrt l’é par beneficénsa e al sära su al méz d’inisjatìvi ädla Campagna Nastro Rosa par la “Prevensjón” dal Tumór al Sén. J incàs ädla seräda, infàti, i sràn devolù a favór ädla LILT, la Lega Italjàna par la Lòta contra i Tumór.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

mercoledì 14 ottobre 2009

Da "La Compagnia i Burattini dei Ferrari" riceviamo e pubblichiamo.

La Compagnia I Burattini dei Ferrari
è lieta di invitarVi
Domenica 18 ottobre 2009 ore 15.30

Teatro Museo Giordano Ferrari
Il castello dei burattini - Via Melloni,3 - Parma

"LA FAVOLA DELLE TESTE DI LEGNO"
STORIA DELL'ANIMAZIONE
DALLE ORIGINI AD OGGI


VI ASPETTIAMO
DANIELA & GIORDANO FERRARI

lunedì 12 ottobre 2009

DA L'ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE - AIDAA RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

(Testo solo in Italiano)
COMUNICATO STAMPA IN ITALIA OGNI ANNO VENGONO AMMAZZATI ALMENO 25.000 CANI

Roma (12 OTTOBRE 2009) Sono almeno ventimila i cani randagi e di proprietà che ogni anno vengono torturati ed uccisi in Italia stando alle segnalazioni raccolte dallo sportello animali di AIDAA e dal monitoraggio realizzato da una trentina di associazioni animaliste locali sparse sul territorio italiano.
A questi vanno aggiunti gli almeno cinquemila cani che ogni anno rimangono vittime di incidenti di caccia (fonte federcaccia). Per quanto riguarda i randagi la maggior parte di essi viene uccisa ovviamente in maniera illegale attraverso i bocconi avvelenati che da qualche mese sono proibite per legge,ma in alcune regioni del sud (dai dati che abbiamo si tratta di fatti avvenuti in calabria, sicilia, puglia e lazio) diverse centinaia di cani randagi sarebbero stati eliminati a fucilate in vere e proprie battute di caccia organizzate in alcuni casi anche con il tacito consenso delle amministrazioni locali.
Non mancano comunque episodi di abbattimento di gruppi di cani randagi anche al Nord, alcune segnalazioni ci sono giunte dal nord della Lombardia (Brescia-Bergamo e Sondrio), dal Veneto (Padova,Vicenza, Verona e Treviso) e dal Piemonte anche in questi casi il metodo preferito è quello dello spargimento di polpette avvelenate, che provocano agli animali una morte lenta ed atroce. Un capitolo a parte infine meritano i circa 4.000 casi raccolti di cani di proprietà uccisi direttamente dai proprietari o in quanto anziani ed abbattuti senza ausilio dell'autanasia.
Non mancano casi di atti di vero e proprio sadismo nei confronti di cani ammazzati attraverso strangolamento, o legati dietro ad automobili e fatti correre fino alla morte, o di cani seviziati dai proprietari e poi finiti a colpi di bastone. Nel corso del 2008 inoltre si sono verificati almeno tre casi di cani strangolati per mano dei propri padroni e di cinque cani di media taglia finiti attraversamento il sistema dello sgozzamento.
A questi dobbiamo aggiungere almeno 800 cani che sono morti ammazzati dalle automobili e dai camion sulle strade ed autostrade italiane nel corso dell'estate 2009 in quanto abbandonati dai loro proprietari, la regione che vanta il maggior numero di cani vittime della strada sono veneto, lazio e puglie.
"Si tratta di dati assolutamente raccapriccianti che abbiamo raccolto nel periodo compreso tra i mesi di settembre del 2008 e agosto del 2009 e che vanno a sommarsi agli oltre 750.000 cani maltrattati e tenuti in condizioni di vita inadeguata- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- i problema è che noi crediamo che la pratica della mattanza dei cani randagi sia purtroppo molto più vasta rispetto ai numeri denunciati, in quanto sono molteplici le segnalazioni che giungono dal sud,ma anche da alcune regioni del centro Italia e cosa ancora più grave riteniamo che la pratica della soppressione di migliaia di cani tenuti in canili e rifugi controllati dalla malavita sia usuale,inq questo caso i cani sarebbero soppressi ma la loro morte non sarebbe segnalata in quanto continuando a risultare ospiti dei canili la malavita che gestisce queste strutture, ed in Italia sono almeno duecento-conclude Croce- intascano migliaia di euro al mese dagli enti locali per il mantenimento di cani che in realtà sono stati soppressi"

direttivo aidaa@libero.it presidenza.aidaa@libero.it telefono 3926552051 info 3926552051

mercoledì 7 ottobre 2009

ULTIME NOVITÀ BATTEI

(Testo solo in Italiano)
EGIDIO BANDINI

QUANTE STORIE…
GIOVANNINO!

Collana: Battei Racconta
168 pagine, illustrato a colori
brossura con patelle
prezzo di copertina: € 20

Nella collana Battei Racconta, nasce un nuovo eccezionale libro su Giovannino Guareschi: un appassionante viaggio nel “Mondo Piccolo” creato dallo scrittore di Fontanelle, dove, per la prima volta, si racconta non solo degli intramontabili don Camillo e Peppone, ma anche di tutte quelle straordinarie curiosissime figure che ruotano attorno ai due amici-nemici e che compongono, ognuno con il suo carattere e la sua originalità, un ritratto vero, genuino e sincero della gente della bassa. L’autore, Egidio Bandini, giornalista conterraneo di guareschi e vice presidente del Club dei Ventitrè, è uno dei massimi conoscitori delle opere di giovannino e della storia di questi luoghi: straordinario narratore, Bandini ricostruisce così un gustosissimo racconto ricco d’aneddoti, curiosità e tante inedite illustrazioni, che rievoca le “cento, mille, diecimila storie” nascoste tra le pagine di guareschi, alla scoperta delle affinità tra i personaggi di carta e quelli reali che vivono in queste umide basse lande bagnate dal fiume Po. E così, tra indimenticabili avventure e nostalgici ricordi, conosciamo, più a fondo, l’anima vera di questo grande “Mondo Piccolo”.



CALENDARIO 2010
PARMA
Castelli e Rocche
Collana: Calendari Battei
Illustrato a colori
14 pagine, 33 x 48 cm, rilegato a spirale
Prezzo di copertina: € 8,00

Come da tradizione, la casa editrice Battei annuncia l’anno che verrà con un nuovo magnifico Calendario dedicato alle bellezze delle nostre terre: “Parma. Castelli e rocche”, illustrato con splendide immagini dei manieri più belli che punteggiano il territorio: dalle alte cime dell’appennino alle lande del fiume po. Un affascinante viaggio nello spazio e nel tempo alla scoperta d’antiche roccaforti, maestosi castelli medievali, eleganti dimore rinascimentali un tempo abitate dalle più ricche e potenti casate nobiliari della nostra storia. “Vestigia d’un lontano avventuroso medioevo popolato da dame e valorosi cavalieri, potenti feudatari e ardimentosi condottieri” scrive Antonio Battei nel colophon, “questi arcaici manieri ancora ci parlano d’aspre battaglie e coraggiose imprese, faide familiari, lotte e tradimenti... ma anche di grandi immortali amori coltivati nell’agio di raffinate corti splendidamente decorate”. Mese dopo mese, torniamo così a rivivere i fasti d’un glorioso passato ormai perduto.



ANTONIO BATTEI

A tavola con
Giuseppe Verdi
Collana: Nuova Parmigianina
200 pagine, illustrato a colori
Brossura con patelle
Prezzo di copertina: € 15,00

Nella nuova collana Parmigianina, nasce un simpatico libro su Giuseppe Verdi che svela, tra gustosi aneddoti e curiosi episodi, la grande passione del Maestro per la cucina. “Una storia sottile, nascosta” precisa Antonio Battei nell’introduzione, “che trapela da pochi indizi, da rare tracce sparse tra le pagine d’una vita interamente dedicata alla musica. Ma quel poco che s’evince, basta a svelare la sua tavola raffinata, ‘magnifica e sapiente’, come ci informa un illustre testimone di quel tempo, il commediografo e librettista giuseppe gaicosa”. E allora, libiam ne’ lieti calici e tuffiamoci in questo spensierato racconto alla riscoperta delle golosità più amate dal Cigno di Busseto. In appendice al libro, ricco d’immagini e documenti, un ampio assaggio di tipiche ricette verdiane.

CASA EDITRICE BATTEI
Redazione: dott.sa Elena Pratizzoli
Borgo S.ta Brigida, 1 - 43121 Parma
Tel. / fax 0521.231291
casaeditrice@battei.ithttp:/ /www.battei.it/

martedì 6 ottobre 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 6 ottobre 2009










Pubblich äd la Sampdòrja e pubblich dal Pärma i pu bón in camp par Sampdòrja Pärma

(Testo solo in dialetto Parmigiano)
(Il pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn)
Sampdòrja Pärma1-1

Mirante òt : in dù méz t’ è fat di progrés da fär paura, a ’t zi rivè ch’ a ‘t gh’ äv al vinavil insìmma a la riga ädla porta, adésa a ’t vén fóra e a ‘t zi al padrón äd l’area ! Bravìssim avanti acsì !

Zacärd sèt : Miclón partida miga facila, però a ’t zi ‘na certèssa li dardè ! Se al Don al t’ à volsù, un parchè al gh’ é sicur e a ’s vädda ! Gran acuìsst

Zenón séz : t’è cors pù ti che Bordìn e Baldén mis insèmma, però un po’ trop imprecìz, specialmént davanti indò a ‘t gh’è avù un pär d’ocazjón da crosär molt molt méj äd còj ch’ a t’è fat

Lucaréli sèt : gran brut cliént chi du lì davanti ah lòmo, a tutt il manéri t’è lotè cme un león e specialmént Cassano pù äd tant al n’à miga fat

Panucci dù : a un mito dal calcio a né ’s pól miga där zéro, elóra a ’s farmämma al dù, però dormida sul gol e eror clamoróz sul rigor reclamè, l’odor dal derby da Gènnva al né t’ha mìga fat bén

Castlén séz : ‘na gran prezénsa insìmma a la fàsa, mo strìcca strìcca dil gran còzi gnànca l’ombra, t’é sarchè di nùmmor a la Maradona, läsa lì, pensa a zugär da Pavlèn ch’a gh’ né basta

Mariga òt : partìda majusscola cme al solit, pchè par ch’ l’ apòg’ zbaljè e un pär äd tir zbalè, a tutt il manéri zugadór ch’a srà difìccil cavärgla a tgnìrol chi

Galloppa déz : anca par mì ‘na spana sóra a ch’ j ätor vintón jerdlà, zugadór impresjonànt par cuantitè e cualitè, po’ secónd mi al m’à ascoltè e adésa al s’é scurtè i cavìj e al pär Rita Pavone

Morón séz : che confuzjón a Capitàn, dai di la vritè che tutt somè a ’t piäza la pozisjón ch’al t’ à catè al Mìsster, a ’t pol còrror adrè a tùtt sénsa dovér rispetär la pozisjón, un po’ al calcio ch’a ‘s zuga da ragas in-t-al cortil che ti a ’t zùgh con l’entuziàzom d’un ragas

Biabiany séz : al solit, divertentìssim, bón, zvèlt, ma tirär in porta l’è n’opsjonal, a ‘t m’arcòrd al Pelo, atacànt me compàgn äd scuädra dal Circolo la Quercia äd Barbiàn, zvèlt, pè bón, tutt cuant a post, però strìcca strìcca in déz an’ l’à fat vìnt gol si e no !

Amoruso séz : elegansa fata zugadór, però alméno vùnna dil do ocazjón la vräva casäda déntor e adésa sarìsson chi a parlär d’impréza

Guidolin déz : grande Don, grande ! Da gran profesjonìssta t’è dimostrè äd savér reagir a j erór subit, e ancòrra ‘na volta un caplavór äd tatica a cà ädla caplìsta che a tutt il manéri a ’n sämma miga tant lontan gnànca nojätor ! Grande Don a gh’al digh ancòrra parchè s’al merita !

Pùbblich sentdéz e lode : da condivìddor con j amigh Doriàn, cme al sòlit ‘na giornäda äd sport e d’amicìssja maraviljóza sòtta la lanterna, ätor che Téssri dal tifóz, tornéli, vidi, bolón e arparéli ! A’m vén un dùbbi, mo al Sjòr Mediól a gh’ saral stè a Gènnva a vèddor al spetàcol déntor e fóra dal camp ? Mah ! AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di crociato 63)
(Supervisione ortografica di Enrico Maletti)

domenica 4 ottobre 2009

Da AIDAA riceviamo e pubblichiamo.Truffe on line: vendono cani africani 500 truffati tra Milano, Parma, Bologna e Roma

(Testo solo in Italiano )
ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE - AIDAA www.aidaa.netdirettivo. aidaa@libero.it

presidenza.aidaa@libero.ittelefoni 3478883546-3926552051 COMUNICATO STAMPATRUFFA ONLINE: VENDONO CANI AFRICANI: 500 TRUFFATI TRA MILANO, BOLOGNA, PARMA, NAPOLI E ROMA.


Roma/Milano (04 Ottobre 2009) Offrono cani provenienti da canili e rifugi africani, in particolare dal Camerun che per arrivare in Italia verrebbero trasportati in aereo in Spagna dove sarebbero controllati sotto il profilo veterinario e poi portati sempre via aereo in Italia, il tutto per solo 150 euro. Questo più o meno il testo dell'appello-truffa che sta girando su diversi siti web italiani ed internazionali, e secondo i primi dati raccolti dal telefono amico dell'AIDAA sarebbero oltre 500 le persone truffate che hanno sborsato ingenti somme per adottare un cane che non vedranno mai in quanto non esiste. Il sistema è quello degli annunci civetta pubblicati su siti specializzati ma anche inviati direttamente agli indirizzi di posta elettronica di privati cittadini amanti degli animali, nel caso specifico si chiede di :"Salvare un cane che sta per essere ucciso in un canile che si trova in Camerun (o in altro stato africano) e che può essere adottato da una famiglia italiana alla modica spesa di 150 euro da anticipare per le spese di trasporto aereo e della visita veterinaria in Spagna". A cascarci sarebbero state diverse persone, che dopo aver sborsato la somma di 150 euro attraverso un bonifico o nel peggiore dei casi dando il proprio numero di carta di credito (dalla quale si sono visti poi decurtare altre migliaia di euro) ad un conto intestato ad un cittadino dal nome francese titolare di una fantomatica agenzia di viaggi con sede legale in Camerun ed aver aspettato invano l'arrivo del cagnetto salvato da morte sicura, dopo alcuni giorni vengono ricontattati sempre via mail con la richiesta di inviare altri 400 euro, in quanto il cane sarebbe malato e deve essere sottoposto a cure in fantomatiche cliniche veterinarie (tutte inesistenti) spagnole o francesi. A questo punto i più si sono resi conto che trattavasi di una vera e propria truffa via web e si sono rivolti al telefono amico di AIDAA che dopo aver vagliato diverse centinaia di segnalazioni nei prossimi giorni inoltrerà una formale denuncia contro ignoti per truffa, ed allo stesso tempo ha invitato le circa 500 persone truffate a rivolgersi ai carabinieri o alla polizia postale per denunciare la truffa. "Dei circa 500 che si sono rivolti a noi la maggior parte abita nelle provincie di Milano, Bologna, Parma, Napoli e Roma- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- molti si sono visti chiedere complessivamente quasi 600 euro ed alcune decine ci sono purtroppo cascati versando la somma, senza peraltro vedere nemmeno l'ombra del cane. Ci permettiamo di dire a tutti coloro che vogliono un cane di andare a cercarlo nei nostri canili dove sono almeno 150.000 i cani in cerca di una famiglia, e se proprio si vuole adottare un cane proveniente dall'estero lo si faccia attraverso le associazioni animaliste note e conosciute e non ci si affidi ad annunci più o meno fantomatici che appaiono sul web specialmente se questi chiedono soldi in anticipo in quanto molto spesso anzi nella quasi totalità si tratta di truffe. Un appello- continua Croce- lo rivolgiamo anche ai gestori di siti web di annunci a pagamento in quanto verifichino che dietro questi annunci civetta non si nascondano truffe, ed infine - copnclude il presidente di AIDAA-presenteremo anche un esposto nel quale chiederemo di verificare come sia possibile che circolino liberamente elenchi di indirizzi di posta elettronica amanti degli animali e che potrebbero essere stati rubati o ceduti da qualche personaggio di poco conto che ha accesso ad elenchi di animalisti che girano in rete e che vengono venduti a vere e proprie organizzazioni dedita alla truffa online". Secondo i dati fin qui raccolti da AIDAA la banda di truffatori online ha raccolto complessivamente soldi per oltre 110.000 euro ai danni di circa 500 persone che sono cascate nella truffa. Per info 392 6552051 - 347 8883546

venerdì 2 ottobre 2009

PROSSIMI APPUNTAMENTI con la libreria e casa editrice Battei

Mercoledì 7 ottobre, ore 17.30
Libreria Battei strada Cavour, Parma

Presentazione del libro
"L'urlo del grano"di Luca Cantarelli
(Edigiò)

Dialogano con l'Autore:
Gianantonio Cristalli
Claudia De Santis


Venerdì 16 ottobre, ore 17.30
Libreria Battei strada Cavour, Parma

Presentazione del libro
"Nudo d'uomo con calzino"di Giulia Blasi
(Einaudi)

Dialogano con l'Autrice:
Paolo Ferrandi, giornalista della Gazzetta di Parma


Antonio Battei, editore


Sabato 24 ottobre, ore 17.30
Libreria Battei strada Cavour, Parma

Presentazione del libro
"Diritti diversi"di Annamaria Bernardini De Pace
(Bompiani)
Dialoga con l'Autrice: Antonio Battei


Tutti gli incontri sono ad ingresso libero

Da "La Compagnia i Burattini dei Ferrari" riceviamo e pubblichiamo.



La Compagnia I Burattini dei Ferrari
è lieta di invitarVi


Domenica 04 ottobre 2009 ore 11.00


Teatro Museo Giordano Ferrari
Il castello dei burattini - Via Melloni,3 - Parma


"LA FAVOLA DELLE TESTE DI LEGNO"
STORIA DELL'ANIMAZIONE
DALLE ORIGINI AD OGGI



VI ASPETTIAMO
DANIELA & GIORDANO FERRARI