Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







venerdì 27 novembre 2009

Dalla Compagnia I Burattini dei Ferrari riceviamo e pubblichiamo.


La Compagnia I Burattini dei Ferrari

è lieta di invitarVi

Domenica 06 dicembre 2009 ore 15.30
Teatro Museo Giordano Ferrari

Il castello dei burattini - Via Melloni,3 - Parma

"LA FAVOLA DELLE TESTE DI LEGNO"
STORIA DELL'ANIMAZIONE DALLE ORIGINI AD OGGI

Vi aspettiamo
DANIELA & GIORDANO FERRARI

martedì 24 novembre 2009

Furto sacrilego delle offerte sulla tomba di Padre Lino al cimitero della Villetta

(Testo blu in italiano)
La notte scorsa un gruppo di balordi ha rubato le offerte dei Parmigiani sulla tomba di Padre Lino al Cimitero Monumentale della Villetta. Siamo ormai tristemente abituati a registrare episodi di quotidiana inciviltà, ma crediamo che quanto avvenuto al Cimitero di Parma sia tra i peggiori, perché al furto ed allo sfregio sacrilego unisce l’offesa alla memoria del “Santo dei poveri” che tanto ha dato ai bisognosi della nostra Città.
Altre notizie sulla Gazzetta di Parma di domani 25 novembre in tutte le edicole.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)

La nòta pasäda un grup äd balórd l’à robè ilj ofèrti di Pramzàn insìmma la tomba äd Padre Lino al Simitéri Monumentäl ädla Vilètta. Sémma ormäi tristemént abituè a registrär situasjón d’ inciviltà tutt i dì, ma cardèmma che cuant sucés al Simitéri äd Pärma al sia tra il pu brùtti, parché al fùrt e al sfrìz sacrìligh gh’é anca l’oféza ala memoria dal “Sànt di povrètt” che tant l’à dè ai bizognóz ädla nostra Citè.
Ätri notìssi su la Gazètta äd Pärma dman 25 novémbor in tùtt ilj edìccoli.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Nelle foto la tomba di Padre Lino Maupas)

C O M U N I C A T O S T A M P A DELLA LEGA NORD

Roberto Corradi
Il furto sacrilego delle offerte a Padre Lino offende tutti.

Il Consigliere Regionale della Lega Nord, Roberto Corradi, esprime la propria indignazione per il furto sacrilego ai danni della “Cassette delle offerte di Padre Lino”, commesso nel Cimitero di Parma.

Per il Consigliere leghista: “Sembra veramente che al peggio non vi sia mai fine. Arrivare a rubare le offerte consegnate dai parmigiani presso la tomba che raccoglie le spoglie mortali del più amato francescano di Parma, destinate ai poveri a cui lo stesso frate ha dedicato la sua esistenza, è un atto vile che offende tutti (cattolici e laici).

Siamo ormai tristemente abituati a registrare episodi di quotidiana inciviltà, ma credo che quanto avvenuto al Cimitero di Parma sia tra i peggiori, perché al furto ed allo sfregio sacrilego unisce l’offesa alla memoria del “Santo dei poveri” che tanto ha dati ai bisognosi della nostra Città.

Invito tutti i parmigiani a reagire al gesto criminale, portando un’offerta ai frati dell’Annunziata, a dimostrazione che la generosità della brava gente di Parma vale molto di più delle scelleratezze di qualche balordo.
Io farò la mai parte già da domani”.
Bologna, 24 novembre 2009
Ufficio Stampa Gruppo Lega Nord

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 23 novembre 2009

Al Presidént dal Pärma Tomäz Ghirärdi (Ghìro) vót déz, al pu bón di Crozè par Fiorentén’na Pärma

(Testo solo in dialetto Parmigiano)

Fiorentén’na Pärma 2-3

Ghìro déz : pòsja partìr d’in fonda sté gir ? Visst Ghìro cme l’é bél e facil fär al Presidént ? basta tór vón ch’ al sa äd cò ’s trata, e ti ’t resta al témp äd gòdor i risultät e i complimént äd tutta ‘na citè ! Bravo e avanti acsì !

Mirànt déz : la paräda äd l’ultom secónd l’é cme un gol, e la väla al masim di vót da lè ! Bravo, silénsi, lavór, umiltè e vója d’imparär e a ’s vädda

Zacärd òt : Vargas l’é un gran càncor ma a ’n t’è miga fat un pas indrè gnànca ‘na volta, e in-t-al finäl t’è portè su la bala socuànti volti par fär respirär tùtt ! Bavo Ciomò !

Dellafiore séz : s’ a ‘n ‘s fùss miga véns, l’éra un pär äd vot in meno ! D’acòrdi che al Gila l’é disuman in area, mo anticipè sèch do volti e méz in méza a l’area a n’ ’s pól miga !

Lucaréli sèt : sémpor n’ oc’ ala fasa indò gnäva zò Marchionni, un gran lavór äd sostansa e ‘na gran càrga sòtta la curva ala fén ! Lucarelli ce l’abbiamo noi a podämma cantär

Panucci déz : al lanc’ sul gol l’é un caplavór, un cólp äd pnél par n’artìssta dal calcio ! E pensär che in nasjonäla a gh’ va Legrottaglie, l’é béle dit tutt !

Castlén séz : un po’ al discors äd Dellafiore, Marchionni al t’à fàt vèddor la strìa

Galloppa séz : adésa p’r un po’ basta andär con col là con la nasjonäla par piazér ! Domenica t’é t’ arpòz e col Genoa a vrämma väddor al Galloppa d’un méz fa

Morón déz : dì vè, a t’è zbaljè al pasàg’ pù clamoróz, col äd la màja a mì cuand a sì gnù sòtta la curva ! Pasàg’ fóra mzùra e la màja al l’à ciapäda n’ ätor ! A pärta i scärs un finäl da gladiatór, che spetacol Stefano !

Dzemaili sèt : zugädi äd cualitè e dil pauzi un un pò tropi lónghi, a tutt il manéri a ’s vädda ch ’at gh’è in sacòsa i nùmmor dì bón

Amoruso òt : partìda tgnìssa con tant äd col fosforo da véndor sòt vód, e finalmént un gol su asjòn ! Jerdlà pù important che mäi

Bojinov òt : sanfäda dal campjón e anca äd l’ex, béla la càrga sòtta la curva, a Pärma t’ é gh’ stè bén ah Bulgaro, gol pesant a la Crespo, e un gran péz la davanti ! Avanti acsì

Lanzafame déz : cme col Chievo, a ’t vén su béle in partìda e un gol da lecär’s i barbìz e dòpa so cuanti zugädi importanti ! A són sincér a ’t fäva molt meno bón, invéci a ’t si un sjòr zugadòr dabón

Guidolin déz : Don, 17 pónt da Barbjàn ! Vè ch’a són béle drè a organizär al comitato d’acoliénsa, a gh’è da därgh adrè dato ch’ a s’é drè a fär ‘na cavagna äd pónt ! Lesjón a còj ch’ a vól fär i profesór ! Bravo bravìssim !

Pùbblich déz : a chi otzént ch’ è andè a Firéns e j’ àn godù bombén ! Fämma n’ ätor miracol domenica ? Provämma a limpìr al Tardini cme da chi indrè e zbrajär pù di Napoletàn ch’ a n’é migha còza facila ? AVANTI CROCIATI !
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

lunedì 23 novembre 2009

L’Arma dei Carabinieri in festa per la "Virgo Fidelis"

(Testo blu in Italiano)
L’Arma dei Carabinieri ha festeggiato nelle chiesa della Santissima Annunziata la “Virgo Fidelis” patrona dell’Arma dei Carabinieri. Con la Santa Messa celebrata nel Duomo dell’oltretorrente alla presenza delle maggiori autorità civili e militari, i Carabinieri di Parma hanno festeggiato la ricorrenza della propria patrona. Il Colonnello Paolo Cerruti ha ricordato a fine cerimonia che per il 68° anniversario della battaglia di Culquaber, sua santità Papa Pio XII promulgò il patronato Mariano sui Carabinieri e volle fissare la festività del 21 novembre al ricordo della madre di Dio anche perché, come rilegge nell’atto apostolico,nello stesso giorno una schiera di soldati, con il sacrificio della vita, in località Culquaber morì.
La battaglia di Culqualber è stata combattuta in Abissinia (l'attuale Etiopia) dal 6 agosto al 21 novembre 1941 fra italiani e britannici In quella battaglia il 1° Gruppo Mobilitato dei Carabinieri e il CCXL Battaglione Camicie Nere si immolarono quasi al completo con tale valore che ai pochi sopravvissuti gli avversari tributarono l'onore delle armi. Oltre a numerose menzioni e decorazioni individuali, per il comportamento tenuto dall'intero reparto alla bandiera dell'Arma dei Carabinieri è stata concessa una medaglia d'oro al valor militare. In occasione della cerimonia svoltasi all’Annunziata di Parma, Parmaindialetto pubblica la preghiera del Carabiniere “Virgo Fidelis” in lingua Italiana e in dialetto Parmigiano.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
L’Ärma di Carabiniér in fésta par la “Virgo Fidelis”
L’Ärma di Carabiniér l’à festegè in-t-la Céza ädla Santìsima Nonsjäda la “Virgo Fidelis” protetóra äd l’Ärma di Carabinér. Con la Santa Mèssa celebräda in-t-al Dòm dedlà da l’acua ala prezénsa dil masimi avtoritè civili e militäri, i Carabinér äd Pärma j àn festegè la ricorénsa ädla pròprja protetóra. Al Colonél Paolo Cerruti l’à ricordè ala fén ädla cerimònia che p’r al 68° anivarsäri ädla batàja äd Culquaber, sò santitè Päpa Pio XII l’à fat conòssor al patronät Marjàn sui Carabinér e l’à volsù fisär la festivitè dal 21 novémbor al ricòrd ädla mädra dal Sgnór anca parchè, cme riléza in-t-l àt apostòlich, in-t-la stésa giornäda ‘na mùccia äd soldè, con al sacrifìssi ädla vìtta, in localitè Culquaber j én mort.
La batàja äd Culqualber l’é städa combatùda in Abissinia (l'atuäla Etiopia) dal 6 agòsst al 21 novémbor 1941 fra italjàn e britànich. In cla batàja lì al 1° Grupp Mobilitè di Carabinér e al CCXL Bataljón Camìzi Nigri i s’én immolè cuäzi al complét con täl valór che ai pòch sopravisù j’avarsäri j’ àn tributè l'onór dilj ärmi. Oltra a numerózi mensjón e decorasjón individuäli, p’r al comportamént tgnù da l'intär repärt ala bandéra äd l'Ärma di Carabinér l’é städa concésa ‘na mdàja d'or al valór militär. In ocazjón ädla cerimònia fàta ala ‘Nonsjäda äd Pärma, Parmaindialetto pùblica la preghjéra dal Carabinér “Virgo Fidelis” in lèngua Italjàna e in djalètt Pramzàn.

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

PREGHIERA DEL CARABINIERE

Dolcissima e Gloriosissima Madre di Dio e nostra,
noi Carabinieri d’Italia, a Te eleviamo reverente il pensiero,
fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!
Tu, che le nostre Legioni invocano confortatrice
e protettrice col titolo di “Virgo Fidelis”,
Tu accogli ogni nostro proposito di bene
e fanne vigore e luce per la Patria nostra;
Tu accompagna la nostra vigilanza,
Tu consiglia il nostro dire,
Tu anima la nostra azione,
Tu sostenta il nostro sacrificio,
Tu infiamma la devozione nostra!
E da un capo all’altro d’Italia suscita
in ognuno di noi l’entusiasmo di testimoniare,
con fedeltà sino alla morte,
l’amore a Dio e ai fratelli Italiani.
Amen!

PREGHJÉRA DAL CARABINÉR

Dólsa e Glorióza Mädra dal Sgnór e Mädra nostra,
nojätor Carabinér d’Itàlja, a Ti alvèmma con rivarénsa al pensér,
pjénna ‘d sperànsa la preghjéra e cäld al cór!
Ti, che il nòstri Legión i sercon confortansa
e protetóra col tìtol äd “Virgo Fidelis”,
Ti aceta ogni nòstor propòzit äd bén
e fàni forsa e luza par la Pàtrja nòstra;
Ti acompàgna la nòstra sorveljànsa,
Ti dà consìlli al nòstor dir,
Ti dà vìtta al nòstor fär,
Ti da sostèggn al nòstor sacrifìssi,
Ti infiàma la nòstra devosjón!
E da ‘n co a l’ätor äd l’Itàlja fà nàsor
in tutt nojätor l’entuzjàzom äd testimonjär,
con fedeltè infìnna ala mòrta,
l’amór al Sgnór e ai fradéj Italjàn.
E ‘csi sia

domenica 22 novembre 2009

mercoledì 18 novembre 2009

DA L' ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO.

NASCE IL SERVIZIO DI CONSULENZA GRATUITA AIDAA “ANZIANI CON ANIMALI”

(Testo solo in Italiano)
Roma (18 NOVEMBRE 2009) Nasce un nuovo sportello di tutela legale AIDAA completamente gratuito e rivolto esclusivamente agli anziani con oltre 70 anni che possiedono animali. Il servizio che rientra nel quadro delle attività degli sportelli di tutela legale e condominiale di Aidaa rivolto ai possessori di animali è completamente gratuito e prenderà il via da domani 19 novembre 2009 e sarà articolato in tre sezioni: consulenza online,consulenza telefonica e visita del legale AIDAA a domicilio, quest'ultima sezione funzionerà a partire dal mese di gennaio 2010.

In cosa consiste il servizio?
Il servizio consiste in una consulenza legale gratuita per tutti gli anziani ultra settantenni che possiedono animali o che in qualche modo sono coinvolte in vicende che vedono protagonisti gli animali. Siano esse questioni legale alla presenza di animali in condominio, piuttosto che di vicende di burocrazia o di problemi legati alla gestione degli animali o a vincoli legati alla presenza di anziani con animali in luoghi pubblici, trasporti pubblici, strutture di riposo per anziani etc.

Come si accede al servizio?
Per chi possiede un computer accedere al servizio è semplice, basta infatti mandare una email all'indirizzo di posta elettronica anzianiconanimali@libero.it spiegando il problema o la questione per la quale si chiede una consulenza e entro una settimana si riceverà una risposta dagli esperti AIDAA. Se invece si preferisce telefonare il servizio è attivo con le stesse modalità dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 chiamando il numero 3926552051 oppure il numero fisso 02.22228518 qui risponderà in diretta un consulente AIDAA dando le informazioni richieste. Da gennaio 2010 inoltre sarà attivo il servizio di consulenza domiciliare legale di cui saranno rese note le modalità di accesso al servizio poco prima della sua entrata in funzione.

Devo pagare il servizio?
No tutti i servizi di consulenza legale e tutti gli altri servizi di consulenza dell'Associazione italiana difesa animali ed ambiente sono assolutamente gratuiti.

“Come avevamo annunciato a settembre, aumentano i servizi di tutela delle persone con animali promossi gratuitamente dalla nostra associazione- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale di AIDAA- ora ci rivolgiamo agli anziani che possiedono animali realizzando un servizio di consulenza legale ad hoc per loro, iniziamo come sempre con le consulenze online e telefoniche ma a gennaio contiamo di far partire il primo servizio di consulenza legale domiciliare, in modo da permettere a tutti di poter usufruire dei nostri servizi anche a coloro che non sono in grado di muoversi da casa,come sempre- conclude Croce- ai nostri servizi possono rivolgersi coloro che possiedono animali o che in qualche modo vengono coinvolti in vicende che hanno a che vedere con animali, l'obbiettivo primario della nostra offerta rimane quello del benessere degli animali che in questo caso si unisce alla tutela delle persone anziane”

Per info 392 6552051 - 347 8883546
(Nella foto: Briciola di Parmaindialetto, Pramzàn dal sas)




martedì 17 novembre 2009

(Testo solo in Italiano)
MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE, ORE 11.00

LIBRERIA BATTEI – STRADA CAVOUR, PARMA

Conferenza stampa di presentazione del nuovo

CALENDARIO BATTEI 2010

“PARMA. CASTELLI E ROCCHE”
illustrato con le più belle immagini dei castelli del parmense

A tutti i presenti, il Calendario in omaggio.

CASA EDITRICE BATTEI
Borgo S.ta Brigida, 1 - 43121 Parma
Tel. / fax 0521.231291

casaeditrice@battei.it www.battei.it

lunedì 16 novembre 2009

La Madonna di Fontanellato nel Duomo di Parma negli anni 50.

(Testo blu in Italiano)
Due foto storiche trovate da “Parmaindialetto”, raffigurano il Duomo di Parma addobbato di stoffe trine e fiocchi per l’arrivo della Madonna di Fontanellato a Parma negli anni 50. In quegli anni per gli avvenimenti si usava addobbare con stoffe pregiate le Chiese di Parma. Addobbatori ufficiale della Curia Vescovile di Parma, con alla guida l’allora Vescovo Monsignor Evasio Colli, era la famiglia Maletti proveniente da Modena e stabilitasi a Parma nel 1942, composta dal padre Cavalier Gino, i figli Livio e Tiziano. Le foto che pubblichiamo sono state tratte dall’archivio di famiglia di Enrico Maletti, nato a Parma e figlio di Gino e sono state scattate negli anni 50, lo si nota dalla posizione dell’Altare e dalla balaustra con la cancellata dove i fedeli si inginocchiavano per ricevere la Sacra Comunione. In occasione della settimana Mariana dal 15 al 22 novembre 2009 e per l’arrivo della Madonna di Fontanellato che rimarrà in Duomo fino a domenica 22 novembre, “Parmaindialetto” coglie l’occasione per pubblicare le foto di oltre mezzo secolo fa.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
La Madònna äd Fontanlè in Dòm in-t-i àni 50.

Dò fotografjj stòriche catädi da “Parmaindialetto”, i rafigùron al Dòm äd Pärma dobè äd stòfi trén’ni e fiòch par l’arìv äd la Madònna äd Fontanlè a Pärma in-t-i àni 50. In chi àni lì p’r i avenimént l’éra äd moda dobär con stòfi pregiädi il Cézi äd Pärma. Dobadór uficiäl ädla Curia Vescovile äd Pärma, con ala gvìda l’alóra Vésscov Monsgnór Evasio Colli, l’éra la famija Maletti ch’ l’a gnäva da Mòdna e stabilìda a Pärma dal 1942 compòsta dal pädor Cavalier Gino, i fjójj Livio e Tiziano. Il foto ch’ a publichèmma j én städi tràti da l’archìvvi äd la famìja d’ Enrico Maletti, nasù a Pärma e fjól äd Gino, j én städi scatädi in-t-i àni 50, al s’ vèdda dala pozisjón äd l’Altär e dala balaùsstra con la canceläda indòvva i fedél i s’ inznociävon par ricévor la Sacra Comunjón.
In ocazjón ädla stmàna Mariàna dal 15 al 22 novémbor 2009 e par l’arìv ädla Madònna äd Fontanlè ch’ l’a restarà in Dòm fìn a domenica 22 novémbor, “Parmaindialetto” al tóz l’ocazjón par publicär il fotografjj d’ óltra mézz sécol fa.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: il Duomo di Parma addobbato negli ani 50 in occasione di due venute a Parma della Madonna di Fontanellato.)

giovedì 12 novembre 2009

Presentato il Luanrio Parmigiano 2010 di”Parma “Nostra”.

(Testo blu in Italiano)
Come la tradizione vuole da parecchi anni , nell’Aula Magna dell’Università di Parma è stato presentato il Lunario Parmigiano redatto anche quest’anno dall’Associazione Culturale “Parma Nostra”. A fare gli onori di casa è stato il Presidente Renzo Oddi, la presentazione del pomeriggio è stata affidata al vicepresidente Giuseppe Mezzadri, mentre il lunario è stato sfogliato pagina per pagina e spiegato dal giornalista Achille Mezzadri, che Parmaindialetto ha definito il Testimonial degli “Strajè p’r al mónd”, perché si è fatto le ossa come giornalista alla Gazzetta di Parma e poi dai primi anni settanta vive a Milano ed ha fatto una stupenda carriera professionale da giornalista, nel maggio 2007 è stato l’inventore di www.pramzanblog.com il giornale online che tutti i giorni pubblica vari fatti di Parma, Achille Mezzadri un vero innamorato della sua città e del suo dialetto, al Pramzàn.
Numeroso il pubblico presente, questa probabilmente l’edizione più seguita, le autorità e le persone che hanno partecipato alla ben riuscita del pomeriggio.
Peppino Spaggiari ed Enrico Maletti, vicepresidente di Parma Nostra e ideatore del sito www.parmaindialetto.it hanno letto alcune poesie pubblicate sul lunario 2010, il coro verdi melodie diretto dalla maestra Beniamina Carretta ha interpretato tre brani puramente in “Djalètt Pramzàn”, i due mini attori dialettali Giulia e Marco, diretti dalla loro insegnante Cristina Cabassa , hanno sceneggiato la poesia dialettale “’Na buja fra can e gat” scritta da Bruno Pedraneschi.
Il Professor Giuseppe Marchetti critico letterario, ha parlato dell’importanza del dialetto come forma culturale, che non serve solo per fare ridere ma ha sottolineato la forza della nostra lingua nel esprimere forme che in italiano non hanno la stessa resa.
Personalità presenti fra il pubblico, il senatore Antonio Vicini, l'assessore al Welfare Lorenzo Lasagna, il comandante dei Carabinieri di Parma, colonnello Paolo Cerruti, il consigliere regionale avvocato Roberto Corradi, il colonnello Donato Carlucci, il commissario capo di Polizia David Barbaro, il professore Carlo Coscioni, il consigliere comunale Giovanni Ricci, il delegato del sindaco Vignali all'associazionismo e alla cooperazione internazionale Ferdinando Sandroni, nonchè Al Dsèvvod (Maurizio Trapelli), il presidente della Famìja Pramzàna Anna Maria Dall'Argine, il presidente del Circolo Pertini, Ermes Ghirardi, il presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi, il giornalista Lorenzo Sartorio, una delle primissime "anime" del Lunario, l'ex arbitro internazionale Alberto Michelotti. Alla fine è stato donato a tutti i presenti una copia del lunario e una copia del libro “La pjasa”, poesie in dialetto scritte da Vittorio Campanini


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Prezentè al Luanäri Pramzàn 2010 äd ”Pärma “Nostra”.

Cme la tradisjón la vól da parèc’ àni , in-t-l’Aula Magna äd l’Univarsitè äd Pärma è stè prezentè al Lunäri Pramzàn fàt anca st’àn da l’Asociasjón Culturäla “Pärma Nostra”. A fär j onor äd cà è stè al Presidént Renzo Oddi, la prezentasjón dal dopmezdì l’é städa afidäda al vicepresidént Giuseppe Mezzadri, invéci al lunäri l’è stè sfojè pagina par pagina e spieghè dal giornalìssta Achille Mezzadri, che Parmaindialetto l’à definì al Testimonial di “Strajè p’r al mónd”, parché al s’ é fat i òs cme giornalìssta ala Gazètta äd Pärma e po da i prìmm àni stànta al stà a Milàn e l’ à fat ‘na stupénda carriéra profesjonäla da giornalìssta, in-ta-l magg’ dal 2007 l’é stè l’inventór äd http://www.pramzanblog.com/ al giornäl online che tutt i gióron al pùbblica divärs fatt äd Pärma, Achille Mezzadri un vér inamorè ädla sò citè e dal sò djalètt, al Pramzàn.
Numeróz al pùbblich prezént, còssta probabilmént l’ediasjón pù seguìda, ilj autoritè e il parsónni ch’ j an’ partecipè ala bén riusida dal dopmezdì.
Peppino Spaggiari ed Enrico Maletti, vicepresidént äd Pärma Nostra e ideatór dal sito http://www.parmaindialetto.it/ j àn lizù socuànti poezjj publicädi sul lunäri 2010, al còro verdi melodie dirét dala méstra Beniamina Carretta l’à interpretè trì bràn muzicäl puramént in “Djalètt Pramzàn”, i du mini atór djaletäl Giulia e Marco, dirét dala sò insegnànta Cristina Cabassa , j àn senegè la poezia djaletäla “’Na buja fra can e gat” scrìtta da Bruno Pedraneschi.
Al Profesór Giuseppe Marchetti critich leteräri, l’à parlè äd l’importansa dal djalètt cme forma culturäl, ch’ l’an sarvìssa mìga sól par fär rìddor ma l’à sotolineè la fòrsa ädla nòstra lènngua in-t-l’ esprìmmor dil formi che in italjàn in gh’àn mìga la stesa réza.
Parsonalitè prezenti fra ‘l pùbblich, al senatór Antonio Vicini, l'asesór al Welfare Lorenzo Lasagna, al comandànt di Carabinér äd Pärma, colonél Paolo Cerruti, al consjér regionäl avocät Roberto Corradi, al colonél Donato Carlucci, al comisäri capo äd la Polisja David Barbaro, al profesór Carlo Coscioni, al consjér comunäl Giovanni Ricci, al deleghè dal sìnndich Vignali a l'asociasjónizom e ala cooperasjón internasjonäla Ferdinando Sandroni, nonchè Al Dsèvvod (Maurizio Trapelli), al presidént ädla Famìja Pramzàna Anna Maria Dall'Argine, al presidént dal Cìrcol Pertini, Ermes Ghirardi, al presidént ädla Corale Verdi Andrea Rinaldi, al giornalìssta Lorenzo Sartorio, vùnna di primìssimi "almi" dal Lunäri, l'ex arbitro internasjonäl Alberto Michelotti. Ala fén è stè regalè a tutti i prezént ‘na copia dal lunäri e ‘na copia dal lìbbor “La pjasa”, poezjj in djalètt scrìtti da Vittorio Campanini.

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
Nelle foto: 1) Renzo Oddi Presidente di Parma Nostra, 2) Renzo Oddi, il giornalista Achille Mezzadri, Enrico Maletti, 3) la maschera Dzèvvod con i relatoti, 4) Enrico Maletti, Cristina Cabassa, con i piccoli attori Giulia e Marco, 5) Cristina Cabassa con Giulia e Marco, 6 e 7) il pubblico presente nell'Aula Magna dell'Università, 8) il coro verdi melodie diretto dalla maestra Beniamina Carretta.

(Guarda i filmati sul canale TV di www.pramzanblog.com

martedì 10 novembre 2009

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 10 novembre 2009

(Testo solo in dialetto Parmigiano)

Pärma Chievo 2-0

Mirànt sèt : ringrasja la traversa, mo p’r al rést di gran perìccol zéro, però la sensasjón che in-t-la tò area t’ é gh’ cmandi sémpor ti e p’r un portér n’è miga còza da pòch

Zacärd déz : l’acuìsst pù imbrochè äd l’ an’ ( e j’ én stè cuäzi tutt imbrochè ) ; in do t’al mèt al zuga, e al zuga da Dio, in pù un gol meraviljóz e n’entuzjàzom sincér ch’ al s’ goda un bél po’ ! Bravo !

Dellafiore déz : oh, a ’m sa ch’ al sé ciama Hernan, a gh’ éra da savérol con un nom acsì ch’al né podäva che fär bén, a tutt il manéri ‘na gran béla sorpréza

Lucaréli òt : parsonalitè esperjénsa e inteligénsa, ‘na volta äd pù al Lucaréli giùsst ätor che bali

Paci òt : bravo Massimo dòpa un bél perìod a ripòz ‘na béla partìda sénsa erór e sénsa strafär, un cararmè cme tì al s’é catè bén insìmma a col camp lì

Castlén séz : col Luciano lì al t’à tgnù bas jerdlà ah ? T’è fat al tarsén a l’antìga sénsa erór in diféza e còsste chi l’éra l’important !

Galloppa séz : un po’ méj che j’ultmi fésti, adésa a ‘n so miga se andär in Nasjonäla con col là a’t pól gazär ancòrra äd pu o s’ l’ éra méj stär a cà col Don a preparär la partìda con la vjóla

Morón òt : j’én i tò camp ah Capitàn ? Cuand a gh’é da fär ädla féra, da scancrär ti ’t sì sémp’r al prìmm, a són sicur ch’ a ’t si drè gòdor col perìod chi cme nojätor tifóz; ah ch’l’ é vera ?

Dzemaili déz : a dir la vritè al prìmm témp a ’t riväv al séz si e no, invéci al secónd a ’t si stè leteralmént spetacolär, la zugäda dal secónd gol l’é da auténtich fuoriclàsa, vót vèddor che s’ a ‘t vè in forma a ’t si vón äd chi bón dabón ?

Amoruso sèt : un zugadór da Scala, da Bolshoi elegantìssim, rafinè, dil volti fin tròp cuand a gh’ sarìss da drovär la späda, però important par l’esparjénsa ch’ al trasmètta

Bojinov séz : jerdlà al n’ à miga catè al cólp, mo col päl lì l’é stè ‘na penläda cme ja fäva mì cuand a zugäva, insòmma par färla curta un artìssta dal fòtbal cme mì vamolà

Lanzafame déz : che vót a ’s pól där a vón ch’ al vén su e al prìmm balón ch’ al tòcca al sära su la partìda ? Déz oviamént ! Bravo bravìssim, segnäl äd serietè e concentrasjón anca in banchén’na!

Guidolin déz : al solit, Don ! Dai che Barbjàn l’é sémpor pù azvén !

Speaker dù : njénta äd parsonäl, mo pù che al speaker dal Tardini äl pära col äd l’autoscontro di baracón äd San Giusèp ! Sénsa oféza mo col stìl e col spirit dal Tardini al né gh’éntra pròprja njénta ! Zbrajär meno e meno comédia che al tifo al ’s fa in curva miga in consolle

Pùbblich : zéro e déz : zéro a chi è stè a cà, déz a chi à ciapè l’acqua ! Dzì génta, a Firéns a gh’é un scóntor dirét p’r al cuärt pòst, avérol dìt trì méz fa i s’arìsson mandè in-t-i màt : a gh’é 2.500 biljètt, provämma a fnìrja ch’ a gh’é cuìnndoz dì äd témp ? AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

venerdì 6 novembre 2009

Mercoledì 11 Novembre la presentazione della 30å edizione del “Lunario Parmigiano “ di “Parma Nostra”


(La copertina dello scorso anno 2009 del Lunario Parmigiano)

(Testo blu in Italiano)
Il “Lunario Parmigiano” dell’Associazione Culturale “Parma Nostra” compie 30 anni.
Un importante traguardo per un documento che raccoglie ogni anno una fetta di tradizione della nostra città e dei Parmigiani che lavorano per tramandare alle nuove generazioni la storia, il dialetto, i modi di dire dei nostri padri e i nostri nonni. Nato nel 1981, per volontà di un gruppo di “Pramzàn dal sas”, sotto la guida dell’allora Presidente Enzo Terenzani, il Lunario ha sempre riscosso interesse da parte dei nostri concittadini. Quest’anno sarà il Presidente Renzo Oddi, a dare il via alla presentazione che si svolgerà mercoledì 11 novembre alle 17,45 all’Aula Magna dell’Università di Parma in via Università. La presentazione del Lunario, è stata affidata al giornalista Achille Mezzadri padre dell’ormai conosciuto sito internet www.pramzànblog.com , nominato da “Parmaindialetto” come Testimonial di “Pramzàn Strajè p’r al mónd”, mentre il vicepresidente Giuseppe Mezzadri presenterà gli altri ospiti, che saranno Giuseppe Marchetti, che parlerà dell’importanza dei dialetti, Peppino Spaggiari e Enrico Maletti, ideatore di www.parmaindialetto.it che leggeranno alcune poesie pubblicate sul Lunario 2010 e il coro di bambini “Verdimelodie e Vocincoro” diretto dalla Maestra Beniamina Carretta che canteranno brani in dialetto. Novità di quest’anno sono Giulia e Riccardo due bambini di 9 anni che sceneggeranno la poesia scritta da Bruno Pedraneschi “’Na buja fra can e gat” tutta rigorosamente in dialetto Parmigiano, sotto l’attento insegnamento della loro maestra Cristina Cabassa Maletti.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Marcordì 11 Novémbor la presentasjón ädla 30å edisjón dal “Lunäri Pramzàn “ äd “Pärma Nòstra”
Al “Lunäri Pramzàn” äd l’Asociasjón Culturäla “Pärma Nòstra” al compìssa 30 àni.
Un important traguärd p’r un documént ch’ al càta su tutt j àni ‘na fètta äd tradisjón ädla nòstra citè e di Pramzàn ch’i lavóron par tramandär al nóvi generasjón la stòrja, al djalètt, i manéri äd dir di nòstor pädor e i nòstor nòn. Nasù in-t-al 1981, par vlontè d’un grup äd “Pramzàn dal sas”, sòta la guida äd l’alóra Presidént Enzo Terenzani, al Lunäri là sémpor dè intarés da pärta di nòstor concitadén. St’an’ a srà al Presidént Renzo Oddi, a där al via ala prezentasjón ch’ l’a gh’ srà marcordì 11 novémbor alj óri 17,45 a l’Aula Magna äd l’Univarsitè d Pärma in via Univarsitè. La prezentasjón dal Lunäri, l’é städa afidäda al giornalìssta Achille Mezzadri pädor äd l’ormäj consù sìt internet www.pramzànblog.com
, numinè da “Parmaindialetto” cme Testimonial di “Pramzàn Strajè p’r al mónd”, invéci al vicepresidént Giuseppe Mezzadri al prezentarà ch’j ältor ospit, ch’i sràn Giuseppe Marchetti, ch’ al parlarà äd l’importànsa di djalètt, Peppino Spaggiari e Enrico Maletti, ideatór di www.parmaindialetto.it ch’ i lezràn socuànti poezjj publicädi sul Lunäri 2010 e al coro di putén “Verimelodie e Vocincoro” dirét dala Méstra Beniamina Carretta ch’i cantaràn dil cansón in djalètt. Novitè äd st’an’ j én Giulia e Riccardo du putén äd 9 anni ch’i faràn senegèda la poezia scrìtta da Bruno Pedraneschi “’Na buja fra can e gat” tutt rigorozamént in djalétt Pramzàn, sòtta l’atént insegnamént ädla so Méstra
Cristina Cabassa Maletti.

(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto: 1) la copertina del Lunario Parmigiano dello scorso anno 2009, 2) Renzo Oddi Presidente di "Parma Nostra", 3) Il giornalista Achille Mezzadri che presenterà il Lunario 2010, 4) Cristina Cabassa con i piccoli Giulia e Riccardo, 5 e 6) Giuseppe Mezzadri e Enrico Maletti vicepresidenti di "Parma Nostra"

giovedì 5 novembre 2009

Monsignor Benito Cocchi va in pensione.

(Testo blu in Italiano)
Monsignor Benito Cocchi 68 esimo Vescovo della Diocesi di Parma, dal 1982 al 1996, compie 75 anni e va in pensione. Nato a Minerbio il 5 novembre 1934, un paese di 8500 abitanti in provincia di Bologna, Benito Cocchi è stato ordinato sacerdote il 14 marzo 1959 e ha ottenuto la laurea Ecclesiastica in Diritto canonico. Il 12 decembre 1974 è stato eletto Vescovo titolare di Zarai ed ha assunto la funzione di ausiliare di Bologna, ricevendo l’ordinanza Episcopale il 6 gennaio 1975 dal Cardinale Antonio Poma. Il 22 maggio 1982 si è trasferito a Parma come 68ottesimo Vescovo della Diocesi. Nel dicembre del 1997 viene nominato presidente della Caritas Italiana, carica che ricopre fino al 2003. Il 12 aprile 1996 è eletto Arcivescovo di Modena e Nonantola facendo l’ingresso il 9 giugno. Negli anni a capo della diocesi Modenese, Monsignor Cocchi ha conferito l’ordinazione Episcopale a Giuseppe Verucchi attuale Vescovo di Ravenna e Cervia, Lino Pizzi Vescovo di Forlì e Bertinoro e a Enrico Solmi attuale Vescovo di Parma. Dopo la sua elezione a Vescovo di Modena, Monsignor Cocchi ha sempre mantenuto i rapporti con la nostra città, d’amicizia e di fede è stato una persona carismatica che ha lasciato un segno profonde e un bel ricordi fra laici e religiosi. Per l’occasione ha ricevuto gli auguri da Monsignor Enrico Solmi. L’attuale Vescovo di Fidenza Monsignor Carlo Mazza potrebbe essere il suo successore nelle diocesi della vicina città Emiliana.
Lo staff di “Parmaindialetto” coglie l’occasione per fare tanti auguri a Monsignor Cocchi e lo ricorda come un gran “Pramzàn dal sas”


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Monsgnór Benito Cocchi al va in pensjón.

Monsgnór Benito Cocchi 68 ésim Vèsscov ädla Diòcesi äd Pärma, dal 1982 al 1996, al compìssa 75 àni e al va in pensjón. Nasù a Minerbio al 5 äd novémbor dal 1934, un paéz d’ 8500 abitànt in provìncia äd Bològgna, Benito Cocchi lé stè ordinè Prét al 14 märs 1959 e l’à otgnù la lavrea Ecclesiastica in Dirìt canònich. Al 12 dzémbor 1974 lé stè elét Vésscov titolärre äd Zarai e l’ à asunt la funsjón d’ auziliär äd Bològgna, ricevénd l’ordinànsa Episcopäla al 6 äd znär 1975 dal Cardinäl Antonio Poma. Al 22 magg’ 1982 al s’é trasferì a Pärma cme 68 ésim Vèsscov ädla Diòcesi. In dzémbor dal 1997 l’é stè nominè presidént ädla Caritas Italjàna, càrga ch’ l’à ricopärt fin al 2003. Al 12 d’avrìl 1996 l’é stè elét Arcivésscov äd Mòdna e Nonantola e l’à fat l’ingrés al 9 äd zùggn. In-t-i àni a cap ädla Diòcesi Modnéza, Monsgnór Cocchi l’à conferì l’ordinasjón Episcopäl a Giuseppe Verucchi atuäl Vèsscov äd Ravenna e Cervia, Lino Pizzi Vèsscov äd Forlì e Bertinoro e a Enrico Solmi atuäl Vèsscov äd Pärma. Dòpa la sò elesjón a Vèsscov äd Mòdna, Monsgnór Cocchi l’à sémpor mantgnù i raport con la nostra citè d’amicisja e äd feda, l’é stè ‘na parsón’na carismatica ch’l’ à lasè un sìggn profónd e un bél ricord fra laici e religjóz. Par l’ocazión l’à ricevù j avguri da Monsgnór Enrico Solmi. L’atuäl Vèsscov äd Fidénsa Monsgnór Carlo Mazza al podrìss ésor al so sucesór in-t-la Diòcesi äd Mòdna.
Lo staff di “Parmaindialetto” al tóz l’ocazjón par fär tànt aguri a Monsgnór Cocchi, e al l’a ricòrda cme un gran “Pramzàn dal sas”
(Tgèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto, Monsignor Benito Cocchi)

mercoledì 4 novembre 2009

Restauro della torre del Duomo, spuntano i privati

(Testo blu in Italiano)
Concluso l’intervento di messa in sicurezza 70 mila euro anticipati dal Comune.


Si è riunito in Municipio nella sede dell’assessorato ai lavori pubblici, un gruppo di lavoro per discutere sui lavori della torre del campanile del Duomo e sugli interventi per ripristinare la torre dopo il fulmine che ha colpito la torre e L’angiolén dal Dom.

Il gruppo coordinato dall’Assessore Giorgio Aiello e composto dal responsabile delle strutture pubbliche del Comune Giampaolo Monteverdi, dal presidente della Fabbriceria della Basilica Cattedrale Gualtiero Savazzini e dal tecnico della sicurezza Avanzino, ha preso atto della conclusione di messa in sicurezza della torre e del montaggio del ponteggio, alla fine di consentire un ispezione del campanile e l’installazione di un ascensore.

L’11 novembre si terrà un nuovo incontro, a cui parteciperà il soprintendente dei Beni artistici di Parma e Piacenza Luciano Serchia, Monsignor Franco Grisenti del Vescovado, l’Architetto Blasi e l’Ingegner Coisson dell’Università di Parma.
Gli esperti valuteranno il modo di adottare i finanziamenti dei lavori in programma, anche perché alcuni sponsor privati si sono offerti disponibili a dare il proprio contributo.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Restàvor ädla tòrra dal Dòm, a vén fóra di privè

Concluz l’intarvént äd mìssa in sicurèssa, 70 mìlla èvro anticipè dal Cmóun. S’é riunì in Cmón in-t-la séda äd l’asesorät ai lavór pùbblich, un grupp äd lavór par discùttor sui lavór ädla tòrra dal campanil dal Dòm e su ilj intarvént par mètt’r a pòst la tòrra dòpa la sajètta ch’ l’à ciapè la tòrra e L’Angiolén dal Dom.

Al grupp coordinè da l’Asesór Giorgio Aiello e compòst dal responsàbil dil strutùri pùbblichi dal Cmón Giampaolo Monteverdi, dal presidént ädla Fabbriceria ädla Basilica Catedräla Gualtiero Savazzini e dal técnich ädla sicurèssa Avanzino, l’à tòt àt ädla concluzjón äd mìssa in sicurèssa ädla tòrra e dal montag’ dal pontèg’, ala fén äd consintìr n’ ispesjón dal campanìl e l’instalasjón äd n’ asensor.

Al 11 novémbor a ‘s tgnirà un nóv incóntor, indò parteciprà al sovrintendént di Bén artìsstich äd Pärma e Pjäzénsa Luciano Serchia, Monsgnór Franco Grisenti dal Vescväd, l’Architèt Blasi e l’Inzgnér Coisson äd l’Univarsitè äd Pärma.
J espèrt i faràn ‘na valutasjónil äd la manéra d’ adotär i finansiamént di lavór in programa, anca parché socuànt sponsor privè i sén ofèrt disponìbbil a där al pròpri contribut.
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)

(Le foto sono state tratte da www.pramzanblog.com )

martedì 3 novembre 2009

Dalla Casa Editrice Battei riceviamo e pubblichiamo

(Testo solo in Italiano)
GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE, ORE 17.00
CASA DELLA MUSICA – PARMA

Presentazione del libro
"A tavola con Giuseppe Verdi. Buon appetito Maestro”di Antonio Battei
Dialogano con l’Autore:
Luca Sommi, assessore alla Cultura del Comune di Parma
Egidio Bandini, giornalista
Andrea Rinaldi, presidente della Corale Verdi

L’incontro è ad ingresso libero

Dalla casa editrice Battei, nasce un nuovo simpatico libro su Giuseppe Verdi che svela, tra gustosi aneddoti e curiosi episodi, la grande passione del Maestro per la cucina: “A tavola con Giuseppe Verdi. Buon appetito Maestro” di Antonio Battei. Sarà l’assessore alla Cultura Luca Sommi, affiancato dal giornalista Egidio Bandini e dal presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi, a presentare il volume giovedì 5 novembre alle ore 17.00 presso la Casa della Musica, in piazzale San Francesco. Costellato d’immagini sulla vita e le opere di Verdi, il libro, ricco di spirito, sagacia ed umorismo, è suddiviso in tre parti: la prima, dedicata alla biografia, ripercorre le vicende del Maestro dall’infanzia bussetana agli ultimi anni vissuti tra Sant’Agata e Milano, ricordando le tante vicissitudini, anche amorose, che hanno segnato la vita del grande compositore. Quindi, lo sguardo va a focalizzarsi sul rapporto di Verdi con il cibo e la tavola: “... una storia sottile, nascosta” precisa Antonio Battei nell’introduzione, “che trapela da pochi indizi, da rare tracce sparse tra le pagine d’una vita interamente dedicata alla musica. Ma quel poco che s’evince, basta a svelare la sua tavola raffinata, ‘magnifica e sapiente’, come ci informa un illustre testimone di quel tempo, il commediografo e librettista Giuseppe Giacosa”. E non poteva esser altrimenti, per un figlio della Bassa, terra d’antiche e radicate tradizioni eno-gastronomiche che da sempre si sposano, nei suoi prodotti più tipici, alle note delle musiche verdiane. Infine, in un’ampia appendice, una ricca rassegna di tipiche ricette delle terre verdiane, per portare in tavola i sapori e i profumi della cucina del Maestro. E allora, come suggerisce l’autore, “libiam ne’ lieti calici e tuffiamoci in questo spensierato racconto alla riscoperta delle golosità più amate dal Cigno di Busseto”. Il libro è pubblicato nella bella collana “Parmigianina”: ricca silloge di piccoli raffinati volumi illustrati, dalla grafica sobria ed elegante, per conoscere la storia, la cultura, i miti e le tradizioni della città di Parma e del suo territorio.


Commedia dialettale a Ragazzola con la compagnia dialettale Parmigiana "La Duchèssa"



(Testo solo in Italiano)

TEATRO DI RAGAZZOLA

La Compagnia dialettale "La Duchèssa" presenta

L'AMOR L'É BIRICHÉN
commedia dialettale in tre atti di Franco Ferrari

Ambientata negli anni sessanta, la commedia narra la storia di Pepèn, un ricco possidente che scende spesso in città per motivi di affari e per incontrarsi con Patty. La moglie Luana, dopo tante insistenze, riesce a farsi portare in città, ospite dei cugini Corina e Romildo, il cui figlio Alfredo, studente fuoricorso, ai libri preferisce donne e divertimenti con un amico

sabato 7 NOVEMBRE ore 21.15
intero 10 euro - ridotto 5 euro
prenotazioni e informazioni
339.5612798

lunedì 2 novembre 2009

Il Pageli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 2 novembre 2009


Tifóz i pu bón in camp par Milan Pärma, vót déz
(Testo solo in dialetto Parmigiano)

Milan Pärma 2-0

Mirànt séz : partida strana, ‘na paräda e basta e du gol sénsa ‘na gnan colpa, al rést dal témp a ciapär dal frèd

Zacärd sìncov : a ’s pól dir casinìssta insìmma a la Gazètta ? Ecco elóra l’é stè un casinìssta, un gran impìggn mo prìmma äd tutt ‘na gran confuzjón

Dellafiore sìncov : p’r otantanóv minud parfét o cuäzi, però sul prìmm gol a né ’s pól miga rinculär sincuanta mèttor, a sé spénda un cartlén e Roger Rabbit al sé ferma a metè camp

Lucaréli sìncov : stés discors äd Dellafiore, sul prìmm gol l’à completè l’òvra al s’é indormintè al n’é miga gnu su e l’à tgnù in zögh Borriello
Panucci sìncov : su ‘l secónd gol l’à fat al stés erór che con Pazzini e Tirobocchi, al s’inciòlda lì e la pónta la fa gol; Cristian, con la tò esparjénsa basta però ah ?

Galloppa cuàtor : co té t’ si scordè su il scärpi da jogging ch’ a n’é ’t si stè in pè ‘na volta in tutta la partìda? Sarcämma d’arvoltär la fòla biondo parchè al Galloppa dil prìmmi partìdi l’é pròprja n’ätor zugador completamént

Morón séz : méj che Gattuso in-t-al vóstor derby calabréz, abastansa pozitìv, sibén ‘na cuälca blizgäda anca ti té ’t la si miga fata mancär

Dzemaili cuàtor : un gran tir d’acordi e po’ ? Scärpi äd piómb, incioldè in téra, al vól mìss méz’ ora in-t-al trieotànta chilù

Lunardén sèt : äla pù bón’na jerdlà, compitino e njénta äd pù però al n’à zbaljè njénta a difarénsa äd parèc’ compagn, e al ’s sa, zbaljär davanti a särt zugadór i ’t la fan pagär

Paloschi sìncov : l’arìss paghè äd so sacòsa par fär gol, a gh’ l’à mìssa pròprja tutta però in do ocazjón al gh’à avù la bala bón’na e secónd mi al s’é emosjonè

Bojinov cuàtor : dòpa al déz äd marcordì l’é rivè al cuàtor; da ‘na so bala pärsa p’r un dribbling inùttil l’é rivè al contropè dal prìmm gol, socuànt tir zbalè e partita da scordäros sùbbit
Guidolin séz : partìda bén studiäda, decìza da erór sìnngol e da gran zugädi äd gran zugadór dal Milan, dai Don penämma sùbbit al Chievo e amen

Pùbblich déz e lode par chi mìla ch’éra a San Siro (nonostànt i solit probléma con i biljètt che a Pärma i n’ àn mandè ätor che cuatorsént) ch’j àn dè ‘na lesjón äd tifo ai cuarantamilla Milanìssta con la téssra in sacòsa mo con zò la vóza, mo un bél zéro par tutt còj ch’é stè a cà in-t-na trasfèrta comda comda e con la scuädra cuärta in clasifica! AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testo di Crociato 63)(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)
(La foto del pubblico è dello studio foto Carra di Parma)

domenica 1 novembre 2009

DA L'ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

(Testo solo in Italiano)
COMUNICATO STAMPA
NOTTE DI HALLOWEEN: SALVATI 71 GATTI NERI DAI RITI SATANICI

Roma (1 Novembre 2009) Notte di Halloween di lavoro per i volontari delle ronde del gatto nero. Sono stati 71 gli interventi effettuati nella scorsa notte dagli oltre 400 volontari AIDAA, divisi in 137 gruppi operativi che hanno controllato oltre 700 obiettivi sensibili su tutto il territorio nazionale.

Gli interventi si sono prevalentemente concentrati in Lombardia, Piemonte, Toscana, Umbria, Emilia, Veneto e Lazio. Nella maggior parte dei casi (58) si è trattato di falsi allarmi o di semplice violazione dei cimiteri da parte di persone o piccoli gruppi che sono entrati nottetempo nei cimiteri controllati dai volontari di AIDAA senza comunque compiere atti vandalici o sacrifici: in questi casi abbiamo rilevato le targhe delle auto che saranno fornite alle autorità locali.

Sono 13 invece i casi dove sono stati individuati e messi in fuga gruppuscoli di persone che presumibilmente si apprestavano a compiere sacrifici o riti esoterico-satanici. I luoghi in cui si stavano celebrando questi lugubri riti erano sia cimiteri che zone boschive.
4 riti sono stati scoperti ed interrotti nella zona del basso varesotto, 1 nei boschi di Castello dell’Acqua in provincia di Sondrio in Lombardia. 3 presunti riti sono invece stati scoperti in Piemonte, 2 nella zona di Acqui e 1 in Val Pellice 2 riti individuati nella zona di Ciampino e lago di Bolzana, nel Lazio.

Altri 2 casi si sono verificati nella zona di Narni, in Umbria.
1 rito satanico è stato scoperto e sgominato rispettivamente nella zona di Lazzise in provincia di Verona, e nella zona di Carpi in Emilia.
Nel corso delle operazioni sono stati anche ritrovati e salvati 71 gatti neri, ora affidati ai volontari AIDAA.
"E’ stata una notte davvero impegnativa, anche se il numero reale di interventi non si discosta di molto rispetto a quello degli scorsi anni, anche le zone utilizzate per i presunti riti sacrificali sono più o meno identiche a quelle degli scorsi anni. Solamente nei prossimi giorni con l’arrivo delle relazioni dei singoli gruppi saremo in grado di avere una mappa completa e dettagliata di quanto realmente accaduto nella notte di Halloween e scoperto dai volontari. Il dato sicuramente più significativo – ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale AIDAA – è il ritrovamento dei 71 gatti neri avvenuto in 3 diversi depositi situati rispettivamente il Lombardia, Toscana e Umbria. Ora gli animali – conclude Croce –, che non sappiamo se fossero destinati a riti esoterici o ad altre pratiche, sono stati presi in cura dai volontari AIDAA e dopo le eventuali verifiche di proprietà saranno dati in adozione."