Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







domenica 31 ottobre 2010

LE DONNE ITALIANE AMANO GLI UOMINI BASSI:

(Testo blu in Italiano)
Hanno personalità, sono simpatici, carismatici e autoironici. E infine, elemento non di poco conto, sono umili. Sono questi i motivi per cui le donne sembrano preferire gli uomini di statura bassa piuttosto che quelli alti. E' quanto risulta da una ricerca svolta dall'associazione "Donne e Qualità della Vita", presieduta dalla sessuologa Serenella Salomoni, su un campione di 560 donne di età compresa tra i 18 e i 55 anni.


L'altezza è importante, afferma il 31% di loro, meglio, però, se la statura è bassa (30%) rispetto a quella alta (27%). I più affascinanti? «Pierino la peste», ovvero il conduttore tv Piero Chiambretti (altezza 166 cm) preferito dal 20% delle intervistate e il premier Silvio Berlusconi (168 cm) (19%). Seguono il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta (143 cm), scelto dal 16%, Pupo (167 cm) dal 12%, il campione olimpico Yuri Chechi (162 cm) per il 10%. Chiudono la classifica il conduttore tv Giancarlo Magalli (163 cm) per l'8%, l'eterno scugnizzo Nino D'Angelo (164 cm) per il 6%, i due centauri Marco Melandri (166 cm) e Max Biaggi (170 cm), rispettivamente per il 4 e il 2%, e il cantante Riccardo Cocciante, una voce che si innalza al cielo per i suoi 167 cm d'altezza (3%). Nella nostra rivista abbiamo aggiunto il Parmigiano Enrico Maletti, fine dicitore e cultore ed esperto del dialetto Parmigiano, statura (160 cm), senza percentuale perché conosciuto solo nell’ambito di Parma.

I più bassi vengono preferiti perché, dice il 26% delle intervistate, le fa sentire a proprio agio e al centro dell'attenzione (visto che non c'è il bel fusto di turno a sopraffarle) o comunque non le mette in soggezione (26%). Più spudoratamente, un quarto del campione (il 25%) afferma di sentirsi in un maggiore equilibrio fisico tra le braccia di un uomo di altezza contenuta, con il quale non deve improvvisarsi acrobata per un semplice bacio. Bocciati invece i falsi miti che da sempre bollano «i piccoli uomini», visti come cattivi (22%), aggressivi (20%), invidiosi (18%), subdoli (17%) e arrivisti (16%) in conseguenza del loro aspetto fisico


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Il dònni Italjàni i preferìsson j òmm picén.
I gh’ han parsonalitè, j én simpàtich, carismàtich e autoirònich. L’è ala fén, elemént mìga äd pòch cónt, j én ùmil. J én còsst i motìv parchè a pära che il dònn i preferìsson j òmmi äd statùra picén’na putòst che ch’ i ält. L’é cuant rizùlta da ‘na ricérca zvòlta da l'asociasjón "Dònni e Cualitè ädla Vìtta", presiedùda dala sesuòloga Serenella Salomoni, insìmma a ‘n campjón äd 560 dònni d’ etè compréza tra i 18 e i 55 àni.


L'altèssa l’é importànta, a dìz al 31% äd lór, méj, però, se la statùra l’é bàsa (30%) rispét a còlla älta (27%). I pù afasinànt? «Pierino la peste», ovéro al condutór tv Piero Chiambretti (altèssa 166 cm) preferì dal 20% dilj intervistädi e al premier Silvio Berlusconi (171 cm) (19%). Po’ al minìsstor ädla Pùbblica Aministrasjón, Renato Brunetta (160 cm), sarnì dal 16%, Pupo (165 cm) dal 12%, al campjón olìmpich Yuri Chechi (162 cm) p’r al 10%. Sära su la clasìfica al condutór tv Giancarlo Magalli (163 cm) par l'8%, l'etéron rgas Napoletàn Nino D'Angelo (164 cm) p’r il 6%, i du centàuri Marco Melandri (166 cm) e Max Biaggi (170 cm), rispetivamént p’r al 4 e il 2%, e al cantànt Riccardo Cocciante, ‘na vóza ch’l’ a s’ inälsa al cél p’r i sò 167 cm d'altèssa (3%). In-t-la nòstra rivìsta émma zontè al Pramzàn Enrico Maletti, fén dicitór e cultór e espàrt dal djalètt Pramzàn, altèss (160 cm), sénsa percentuäla parché consù sól in-t-l’ ambìt äd Pärma.

I pù picè i vénon preferì parché, a dìz al 26% dilj intervistädi, alj a fa sintìr a propri còmod e al céntor äd l'atensjón (vìsst che a ‘n gh’é al bél fùsst äd tùron a soprafäria) o comùnncue al ‘n j à mètta mìga in sogesjón (26%). Pù spudoratamént, un cuärt dal campjón (al 25%) a dìz äd sintìros in-t-un magiór ecuilìbbor fìzich tra i bràs äd n’ òmm d’ altèssa bàsa, con al cuäl l’a ‘n gh’à mìga da improvizäros acròbat p’r un sémplic bäz. Bocè invéci i fäls miti che da sémpor i bòllon «j òmmi picén», vìsst cme catìv (22%), agresìv (20%), invidióz (18%), fäls (17%) e arivìssta (16%) in conseguénsa dal sò aspétt fìzich
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Nelle foto. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, Piero
Chiambretti, il Ministro Renato Brunetta, Jury Chechi, Enzo Ghinazzi (Pupo), Giancarlo Magalli, Nino D'Angelo, Marco Melandri, Max Biaggi, Riccardo Cocciante e il Parmigiano Enrico Maletti. La statura di queste persone è inferiore a 170 cm,)




sabato 30 ottobre 2010

30 ottobre, ritorna l'ora solare




Questa sera ricordarsi di mettere indietro l’orologio di un’ ora



Stasìra arcordäros äd tirär indrè l’arlój äd n’ora

DA GABRIELE MAJO RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. FESTA DI HALLOWEEN ALLA “DEL BONO”, DOVE STA FUORI CHI NON FA PAURA


FESTA DI HALLOWEEN ALLA “DEL BONO”, DOVE STA FUORI CHI NON FA PAURA

(Testo blu in Italiano)
Domenica 31 e lunedì 1° novembre dalle 10 alle 20, in via Strobel con la “regia” di Ludobimbo.it e “Gommaland” il primo appuntamento con “Quartiere in Gioco”

Il must di fine ottobre è la festa di Halloween, ormai anche in Italia, dunque pure a Parma, dove l’Assessorato per le Politiche per l’Infanzia e la Scuola si è affidato all’abile regia di Ludobimbo.it e Gommaland (già distintisi in estate per il “Baby Laboratorio Crociato” e “Prima che suoni la campanella di Sotto le Stelle in Piazzale della Pace”, solo per citare un paio di interessanti referenze) per fregiare con il logo del Comune di Parma l’iniziativa che richiamerà tanti bambini e ragazze alla Palestra Del Bono, ex Itis, in via Strobel, domenica 31 ottobre e lunedì 1° novembre dalle 10 alle 20.

Sul tema della zucca animata sarà incentrata tutta l’animazione, tant’è che gli organizzatori vietano l’ingresso a chi non fa paura, ma non a chi non ha paura, e allora che siano tanti i piccoli coraggiosi, sotto gli occhi del Mago Fiorello, a sfidarsi nella due giorni ricca di laboratori ludici e tattili, trucco bimbi, scultura di palloncini, i gonfiabili Gommaland, i Trampolieri, e mille altre sorprese ancora.

Il ricavato della Festa di Halloween alla Del Bono – la prima di una serie di animazioni itineranti nelle palestre di Parma, denominata “ Quartiere in Gioco, divertimento a base di famiglia”, voluta dall’Assessorato alle Politiche per l’Infanzia e la Scuola, che durerà fino al 9 marzo – sarà interamente devoluto per l’acquisto di materiale didattico.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
FÉSTA D’ HALLOWEEN ALA “DEL BONO”, INDÒ STA FÓRA CH’I ‘N FA MIGA PAURA

Doménica 31 e lundì 1° novémbor dalj ori 10 alj ori 20, in via Strobel con la “regia” äd Ludobimbo.it e “Gommaland” al prìnm apontaménto con “Cuartér in Zógh”
All must äd fén otòbbor l’é la fésta d’ Halloween, ormäj anca in Itàlja, dónca e a Parma, indò l’Asesorät p’r il Polìtichi par l’Infansja e la Scóla i sén afidät a l’àbil regia äd Ludobimbo.it e Gommaland (zà i s’én distintìnt in istè p’r al “Baby Laboratòri Crozè” e Prìmma ch’ a són’na la campanéla äd Sòtta il Stéli in Pjasäl ädla Päza”, sól par tgnìr in ménta un pär d’ interesànt referénsi) par fregjär con al stèmma dal Cmón äd Pärma l’inisjatìva ch’ la ciamarà tant putén, rags e ragasi ala Paléstra Del Bono, ex Itis, in via Strobel, doménica 31 otòbbor e lundì 1° novémbor dalj ori 10 al 20.

Sul tema ädla sùcca animäda a srà incentrè tùtta l’animasjón, e j organizatór i viéton l’ingrés a chi a ‘n fa mìga paura, mo mìga non a chi a ‘n gh’à mìga paura, e alora ch’ i sjon tant i picén coragjóz, sòtta j òc dal Mago Fiorello, a sfidäros in-t-la du gióron rìcca äd laboratori ludìch e tatich, truch äd ragas, scultura äd balonsén, i gonfjàbil Gommaland, i Trampoljér, e mìlla ätri sorprézi ancòrra.
Al ricavät ädla Fésta d’ Halloween ala Del Bono – la prìmma äd ‘na sérja d’ animasjón itinerànti in-t-il paléstri äd Pärma, denominäda “ Cuartér in Zógh, divertimént a fondamentalmént äd famiìa”, volsuda da l’Asesorät al Politichi par l’Infansja e la Scóla, ch’ al durarà fin al 9 äd märs – srà interamént devolù par cmprär dal materjäl didàtich.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)



lunedì 25 ottobre 2010

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 26 ottobre 2010













(Testo solo in dialetto parmigiano)
Pärma Ròmma 0-0

Mirànt sénsa vot : dizocupè completamént, a ’t farè miga cme Domenéch ch’ l’é andè a dmandär la dizocupasjón ah ?

Zacärd séz : la prìmma magagna äd col modulo chi l’é che chilù ch’al podrìss ésor l’atacant pù pericolóz l’é cementè dardè cme un pilàstor ädla tangensjäla

Lucaréli sèt : séns’ätor con Palètta atàca l’é migliorè in tutt, precizjón cälma sicurèssa, tutt

Palètta déz : la pù béla sopréza äd l’an’, e fin adésa l’à zughè p’r il scualifichi e infortùnni äd ch’j ätor ! A vój pròprja vèddor domenica chi gh’ à al coràg’ äd lasärol zò

Antonéli séz : pagéla compagna a còlla äd Zacärd, al modulo a cvèrta cùrta al la téna blindè dardè, cuand l’an’ pasè l’é stè devastant cuaranta mèttor pù avanti ! A gh’ vól tant a capirla ?

Gobbi séz : la partìda pù decenta da cuand al zuga a Pärma tant par dir al n’à regalè gnànca un gol e l’é béle n’impréza

Morón sìncov : tanta confuzjón, tròpa a ’m vén da dir capitàn ! Sémp’r in téra a där via e a ciapär dil strénghi, cuand l’é al momént äd där ädla cälma e basta ! A partìr da tì ch’a ‘t gh’è da där l’ezémpi, dai su eh che chi l’é nòta !

Dzemaili sèt : se Dio vól a pära ch’a ‘t zugh titolär fìss, miga ch ’a gh’ sia d’ andär zò ‘d tésta però fin tant ch’an torna Galloppa la maruga o tè gh’ la mèt ti o né gh’ la mètta nisón

Valiàn cuator : ( da girär a chi ’t fa zugär in ch’la pozisjón li ) mo che lavor él, sarìss cme fär zugär Crespo centravanti, l’é n’asurditè tatica miga da rìddor, e difati a gh’é da cridär

Marques zéro : du gol magnè, gnanca ‘na zugäda decizìva, cròs butè là cme in- t-j amatór, s’ezistìss al campionät di pìsstapòcci al sarìss fóra concors, balón d’or tùtta la vìtta

Bojinov zéro : 4-3-3 e al centravanti mäj ‘na bala da zugär, mäj vùnna, zéro a n’é miga al vót, l’é i balón ch’a gh’é rivè ! Andämma mäl chi ch’sì a né ’s sìgna gnànch col lapis a v’al digh mi

Marino zéro : Mìsster sénsa cativérja, mo gh’ l’ani dìtt ch’ezìsta anca d’j ätor schéma e che tutt il partìdì a gh’é n’ävarsäri divèrs ch’al zuga diversamént ? No parchè chi a gh’ n’éra abasta äd fär ot fotocopi äd la formasjón e al lavor l’éra béle fat, ma fagh sénsa dirogh che vìsst i risultät a vrìss cambiè cuél, anca se a cualchidón a gh’ gnirà al mäl äd pansa ! Ormäj s’é pjè la spia ädla riserva ädla pasjénsa

Socetè zéro : taca a gnìr al péton un cuälch grupp ? Eh bé andär a sarcär al frèd p’r al lét a capita ch’a ‘s ciapa la polmonite eh ? E adésa invéci äd fär la vóza gròsa ch’ l’é un film ch’ l’à béle fiachè, fär al mea culpa, un bagn d’umiltè e sarcär äd drisär ‘na stagjón ch’l’é béle drè a spusär äd strinè e miga pòch, còvva in méza al gambi in silénsi e rispét p’r i tifóz !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

sabato 23 ottobre 2010

Ricette di famiglia, appuntamento con Mengacci a Parma, trasmissione su rete 4 andata in onda il 16 ottobre.


(Testo solo in Italiano)
Ricette di famiglia, la trasmissione con Mengacci a Parma, andata in onda su rete 4 il 16 ottobre.

Puntata da 'leccarsi i baffi'...
Tappa golosissima per ‘Ricette di Famiglia’, il programma condotto da Davide Mengacci con la partecipazione di Michela Coppa, che sabato 16 ottobre ha avuto come sfondo la città di Parma, patria del celebre prosciutto, del meraviglioso parmigiano e di tante altre specialità gastronomiche note in tutto il mondo.

Nella quinta puntata del programma, abbiamo visto Davide Mengacci nell’elegante scenario di Piazza Garibaldi, dove il conduttore ha incontrato la famiglia Mangi, alle prese con piatti straordinariamente saporiti.
Il signor Giovanni ci è deliziatop con uno ‘stagionalissimo’ gratin ai funghi porcini, mentre Luisella si è prodigata nella realizzazione di un classico della cucina parmigiana, ovvero la Rosa di Parma.

Il terzo piatto, cucinato dallo stesso Mengacci, è stata una ricetta inviata all’indirizzo mail ricettedifamiglia@libero.it dalla signora Maria di Acropoli (in provincia di Salerno), ovvero la pasta con patate e provola.
A fare da sfondo a questa kermesse del buongusto l'intervento dell'esperto di dialetto parmigiano Enrico Maletti, la presenza di Maurizio Trapelli nei panni della maschera Parmigiana "Dsèvvod", le esibizioni dell'Associazione Corale Culturale Cantori del Mattino e l'allestimento di uno stand dedicato ai giocattoli “di una volta” presentati dal dott. Giuseppe Romanini, Presidente della Fondazione Museo Ettore Guatelli.

Michela Coppa, invece, ha presentato le bellezze, conosciute e non, del territorio, visitando luoghi dall’indiscusso valore paesaggistico e culturale. Per l’occasione ha sorvolato, in un avventuroso viaggio aereo, i favolosi boschi di Berceto, facendo poi tappa nelle rinomate Terme di Monticelli ed approfondendo la conoscenza di due tra i più importanti prodotti gastronomici della regione: il Parmigiano Reggiano e del Prosciutto di Parma.
(Nella foto di Cristina Cabassa: La maschera Parmigiana "Dsèvvod", Maurizio Trapelli, il conduttore Davide Mengacci, l'esperto di dialetto Parmigiano Enrico Maletti e il Presidente di "Parma Nostra" Renzo Oddi)

venerdì 22 ottobre 2010

Stadio Tardini: domenica 24 ottobre ore 12,30 campionato di calcio di serie "A" Parma Roma













Pärma - Ròmma
Panén o Anolén?

“Anca còsst-e chì. ‘Na partìda dal Pärma a doddz’ e méz? Mo i Pramzàn ala domenica a doddz’e méz, j én con i pè sòtta ala tävla davanti a ‘na tondén’na d’Anolén”
(Tgnèmmos vìsst)

mercoledì 20 ottobre 2010

DA GABRIELE MAJO RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO


A GABRIELE MAJO LA “DIREZIONE” DI STADIOTARDINI.COM

(Testo solo in Italiano)
“Continueremo ad essere un contenitore di notizie sull’impianto di Viale Partigiani d’Italia, saccheggiando altri media, citandoli e chiosandoli, mantenendo nei commenti spina dorsale diritta, buona fede e spirito libero. Nel futuro potremmo diventare un sito unofficial sul Parma Calcio, riempiendo uno spazio che al momento manca”
Gentili le
ttori di stadiotardini. com, da oggi assumo la “direzione” di questa creatura che i Tardini Fans (già eredi dei Pacimù Team), in particolare Paolo Magnani hanno deciso di affidarmi, dopo averla fatta nascere e crescere.
Una creatura che ha bisogno di cure ed attenzioni particolari e continue: ecco perché hanno deciso di privarsene, immagino a malincuore, anche se il loro contributo continuerà ad essere fondamentale se appena appena lo vorranno e saranno sempre i benvenuti in questo spazio che del resto loro hanno fondato e seguito.
Ho utilizzato le virgolette, nel parlare di direzione, perché al momento questo blog non è un organo di informazione registrato come testata giornalistica on line in Tribunale, ma mi riprometto di farlo quanto prima, specie se riuscirò a concretizzare le varie idee che mi frullano nella mente in proposito.
Continuità col passato è una parola d’ordine che mi sono imposto per rispettare il prezioso lavoro di chi mi ha preceduto: dunque stadiotardini.com continuerà ad essere un contenitore di notizie ed informazioni sull’impianto di Viale Partigiani d’Italia, non sempre di nostra primogenitura, ma spesso, anzi, raccolte da altri media che saccheggeremo, (citandoli sempre), ma qui riproposti ed eventualmente chiosati.
In questa opera di commento avrò (avremo, perché sarà bene accetto qualsiasi intervento), spina dorsale diritta, assieme a buona fede e spirito libero ed indipendente, ma sempre col massimo rispetto del prossimo, in quanto l’eventuale antagonista non deve essere un avversario o peggio un nemico, come purtroppo la politica del muro contro muro ci ha tristemente abituati ad ogni livello (e spesso li fa vedere, i nemici, come miraggi anche laddove non ci sono…)
Magari mi sbaglio, ma ritengo il dialogo una delle migliori forme di comunicazione. Decisamente meglio dei monologhi. L’apertura mentale alle idee degli altri arricchisce, anche quando si parte da punti di vista opposti. Per questo non mi sono mai iscritto al partito degli YesMan, con tutti gli svantaggi del caso...
Rispetto al r
ecente passato daremo meno spazio alla tematica Tessera del Tifoso, in quanto a mio avviso qui è fuori tema e comunque esistono già diversi spazi di discussione al riguardo sul web. Ho già avuto modo di esprimere qui ed altrove la mia idea al riguardo: ritengo lo strumento ministeriale inutile, anzi nocivo, però non ne condivido l’ostracismo ideologico.
Cercheremo, piuttosto, di mantenere alta la nostra attenzione sull’intero e variegato universo Parma Calcio, con l’ambizione, che non nascondiamo, di poter diventare in futuro, un completo sito unofficial sul club Crociato che al momento manca. Il terreno è fertile, ma bisognerà vedere se saremo dei bravi contadini: l’ostacolo peggiore è il tempo, perché per dare cure ed attenzioni ad una creatura ne serve parecchio e non sempre è facile da reperire. Ma ci proveremo…
Gabriele Majo



Gabriele Majo - Giornalista Professionista

skype: gabriele.majo

+39.335.8400142
+39.338.8725103
+39.338.9671437

lunedì 18 ottobre 2010

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 19 ottobre 2010
















(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Cesena Pärma 1-1

Mirànt òt : anca jerdlà do parädi strepitózi a salvär al pónt par ciapär un fil d’aria, pròprja un fil vè

Zacärd sèt : decizìv, ancòrra ‘na volta importantìssim anca se pò in-t-al rést ädla partìda n’é miga ch’ a t’abi fat chisà còza

Paci cuàtor : Massimo la me impresjón l’é che con col modulo chi, ch’ l’é ‘na cuärta cùrta miga da rìddor, còl ch’ a tribùla äd pù a ’t si tì, parchè i rivon zò drìtt, ch’ l’é la còza ch’ a ’t patìss äd pù

Palètta òt : ecco chilù l’é al prìmm mistér, parchè l’à fat do partìdi e l’é stè bravìssim do volti, parchè zùgol soltant cuand ch’j ätor j’én scualifichè o infortunè ? E pò con ch’la ghiggna lì tajäda col maràs al mètta un pò äd paura no ?

Antonéli séz : sa ’l riva zò bén al zbalja in fónda, sionò al tira al freno a màn, l’impresjón l’é che da l’inissi äd l’an’ l’abia pers do märci

Gobbi dù : erór decizìv anca jerdlà, sinceramént a né ’s capìssa miga cò ’s faga su tùtta la partìda ! Colpa sòvva o colpa äd chi ‘l gh’à da spiegärogh cme s’ fa ? Mah

Valiàn séz : un pò méj che j’ultmi partìdi, la corsa l’é tornäda còlla bón’na, purtrop a t’é zbaljè un gol ch’ a podäva vrér dir trì pónt, chi sarìsson stè miga d’or, äd platino

Morón séz : Oh Stefano, a fòrsa äd tirär acsì la carètta a m’é davis ch’ at gh’ arè da prenotär a Misurina bon’ora st’ an’, i ’t fan fär ‘na vìtta da càn li in méza a còrror adrè a tutt, dìgol mò ch’ a ‘s va poch lontan a ch’la manéra chi

Marques dù : l’é stè premiè al pù bón in camp, second mi invéci la solita gran fumära e pò al momént äd dir dabón invéci che där du assist a porta voda l’à butè via la bala tutt do il volti ! P’r adésa al pär la foca dal circo Orfei pù che n’äla decizìva

Dzemaili sèt : second mistér, cme mäj l’é städa la prìmma partìda da titolär ch’ l’é netamént al zugadór pù bón ch’a gh’ämma a metè camp ? A ’m pjazrìss pròprja savérol vè

Bojinov sìncov : a lù a gh’ pjäz la tävla pronta e second mi di gran cógh e di gran camarér in ch’ la scuädra chi a né gh’ n’é miga, e al rizultè l’é col ch’ a vdämma ch’ l’é du méz ch’al né tira miga in porta

Marino dù : Mìsster sämma penultom, e andämma avanti col stes schema e ì stes difét da du méz ! Co fèmma ? Prìmma ch’ a véna tròp tärdi ! Ch’al faga lù

Tifóz déz : con la vìtta ch’ a gh’é da fär par catär i biljètt pù che tifóz ormäj a gh’é da ésor d’j eroi p’r andär al stadio, e pò che còza ridicola, sincsént tifóz, la curva cuäzi vóda ma divìza in du par colpa äd la téssra, e gh’é ancòrra chi pénsa ch’la sarvìssa a cuél ! Zvélja génta zvélja !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

Successo dello spettacolo di cabaret in dialetto sul tema della dieta per “Obesity Week”


(Testo blu in Italiano)
In occasione della “Obesity Week” settimana per la prevenzione della obesità e per un corretto stile di vita che si è svolto a Parma dal 9 al 17 ottobre, sabato 16 ottobre presso l’Auditorium Toscanini di via Cuneo, è stato rappresentato lo spettacolo di Cabaret in dialetto parmigiano “Spéta ch’ am mètt a djéta” incentrato sulle problematiche delle diete dimagranti e interpretato dal gruppo di “Stasìra parlèmma in djalètt”, G.I.D. gruppo Interassociativo per il Dialetto
Gli interpreti, Anna Maria Dall’Argine, Giorgio Capelli, Maurizio Landi, Giuseppe Mezzadri, Enrico Maletti, Mariangela Bazoni, Ermes Ghirardi e Claudio Cavazzini sono i rispettivi rappresentanti delle sei associazioni Famìja Pramzàna, Parma Nostra, Parmaindialetto, Parma Musicale, Circolo Pertini e Circolo Guareschi, che formano questo gruppo dialettale, le scene sono state curate da Maurizio Landi.
Lo spettacolo, sostenuto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma e dal dott. Arsenio Leone, responsabile del Servizio di malattie del ricambio e diabetologia dell'Ospedale di Parma e presidente della Obesity Week, ha fatto parte del programma degli appuntamenti di questa iniziativa.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Cabaret in djalètt sul tema ädla dieta par “Obesity Week”

In ocazjón ädla “Obesity Week” stmana par la prevensjón äd l’ obesitè e p’r un coét stil äd vìtta ch’ al s’é zvolt a Pärma dal 9 al 17 otòbbor, sabot 16 otòbbr a l’Auditorium Toscanén in via Cuneo, è stè raprezentè al spetacol äd Cabaret in djalètt pramzàn “Spéta ch’ am mètt a djéta” incentrè sul problematichi dil djeti dimagranti e interpretè dal grupp äd “Stasìra parlèmma in djalètt”, G.I.D. grupp Interasociatìv p’r al Djalètt
Gli interpreti, Anna Maria Dall’Argine, Giorgio Capelli, Maurizio Landi, Giuseppe Mezzadri, Enrico Maletti, Mariangela Bazoni, Ermes Ghirardi e Claudio Cavazzini j én i rispetìv raprezentant dil séz asociasjón Famìja Pramzàna, Parma Nostra, Parmaindialetto, Parma Musicale, Circolo Pertini e Circolo Guareschi, chi formont al grupp djaletäl, il seni j én städi curädi da Maurizio Landi.
Al spetacol, sostgnù da l’Asesorät ala Cultura dal Cmóun äd Pärma e dal dott. Arsenio Leone, responsàbil dal Servìssi dil malattjj dal ricambi e diabetologia äd l'Ospedäl äd Pärma e presidént dal Obesity Week, l’à fat pärta dal programa di apontamént äd ch’l’ inisjativa chì.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nella foto di Matteo Mezzadri: il gruppo al completo di "Stasìra Parlèmma in Djalètt" )

domenica 10 ottobre 2010

Sabato 16 ottobre all'auditorium Toscanini di via Cuneo "Spéta ch' am mètt a djéta" per la settimana del OBESITY WEEK



(Nelle foto di Matteo Mezzadri: Il gruppo interassociativo G.I.D. di "Stasìra parlèmma in djalètt" che rappresenterà il 16 ottobre lo spettacolo "Spéta ch' am mètt a djéta") Clicca sulle foto per ingrandirle


OBESITY WEEK

settimana per la prevenzione dell'obesita' e per un corretto stile di vita.


PROGRAMMA DELLA SETTIMANA

* PROGRAMMA DEGLI APPUNTAMENTI
*

DAL 9 AL 17 OTTOBRE 2010

INAUGURAZIONE UFFICIALE
SABATO 9 OTTOBRE
Sala del Consiglio Comunale
Via della Repubblica, 1 - Parma
Ore 11,30

OBESITY DAY
INCONTRO IN OSPEDALE CON LA POPOLAZIONE PER UNA CORRETTA INFORMAZIONE E VALUTAZIONE DELLO STATO DI SALUTE


DOMENICA 10 OTTOBRE
Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. SSD Malattie del Ricambio e Diabetologia
Via Abbeveratoia - Parma
Ore 9,30 - 12,30

CONVEGNO MEDICO ECM
IL CIBO DI QUALITÀ E LA QUALITÀ DEL CIBO
LUNEDÌ 11 OTTOBRE
Sala del Centro Parrocchiale San Michele
Via Giosuè Carducci, Fidenza
Ore 15,00


INFO E ISCRIZIONI
PROGRAMMA
CONVEGNO MEDICO ECM
DA QUI... ALL'OBESITÀ: SONNO, OBESITÀ E PATOLOGIE CORRELATE


MARTEDÌ 12 OTTOBRE
Sala Congressi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma
Via Gramsci, 14 - Parma
Ore 8,30 – 19,00

CONVEGNO MEDICO ECM
ALIMENTAZIONE ESERCIZIO FISICO E SALUTE


MERCOLEDÌ 13 OTTOBRE
Aula Canuto - Facoltà di Medicina e Chirurgia. Azienda Ospedaliero - Universitaria di Parma
Via Gramsci, 14, - Parma
3° pad. a sinistra
Ore 15,00 - 17,30


CIBO: NUTRIMENTO O FARMACO?
MERCOLEDÌ 13 OTTOBRE
Palazzo Vescovile di Parma - Sala dei Vescovi
Centro di Etica Ambientale, Centro di Bioetica, Associazione Marino Savini
Piazza Duomo - Parma
Ore 18,00 - 20,00

SICUREZZA E QUALITÀ ALIMENTARE
GIOVEDÌ 14 OTTOBRE
Sede Unione Industriali - Palazzo Soragna
Strada al Ponte Caprazucca, 6/a - Parma
Ore 15,30

ACQUA E VITA: SICUREZZA, DISPONIBILITÀ E SALUTE
VENERDÌ 15 OTTOBRE
Sala Borri di Palazzo Giordani
Viale Martiri della Libertà, 15 - Parma
Ore 16,00


CONVEGNO MEDICO ECM
CRESCERE IN ARMONIA ED EDUCARE AL BENESSERE
RUOLO DELLA FORMAZIONE E DELL'INFORMAZIONE SCOLASTICA NELLA COSTRUZIONE DI UN CORRETTO STILE DI VITA. DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE NELL'ADOLESCENZA.
SABATO 16 OTTOBRE
Centro Cavagnari
Via Spezia - Parma
Ore 8,30 – 13,30


5000 ANNI DI STORIA DELL'ALIMENTAZIONE
Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, Museo Archeologico Nazionale - in collaborazione con Archeoclub e Lions Club Parma Ducale
SABATO 16 OTTOBRE
Palazzo della Pilotta - Parma
Ore 16,00 – 18,30


CABARET IN DIALETTO SUL TEMA DELLA DIETA: SPÉTA CH'AM' MÈTT A DJÈTA!
Il gruppo di "Stasìra parlémma in djalétt"
SABATO 16 OTTOBRE
AuditoriumToscanini
Via Cuneo - Parma
Ore 21,00


SUA MAESTÀ IL MAIALE: ASPETTANDO IL NOVEMBER PORC
DOMENICA 17 OTTOBRE
Castello di Roccabianca
Piazza Minozzi - Roccabianca
Ore 17,00

* SETTIMANA DELLA PREVENZIONE DELL'OBESITÀ E PER UN CORRETTO STILE DI VITA *

ORGANIZZAZIONE

PRESIDENTE Leone Arsenio
SEGRETARIO Federico Cioni
SEGRETERIA SCIENTIFICA SSD Malattie del Ricambio e Diabetologia
Az. Ospedaliera Universitaria di Parma Via Gramsci, 14 - Parma

COLLABORAZIONE ORGANIZZATIVA E GESTIONE EDITORIALE MATTIOLI 1885 SpA
Strada della Lodesana, 649/sx 43036 Fidenza (PR) Tel 0524 892111 – Fax 0524 892006
E-mail ecm@mattioli1885.com
www.mattioli1885.com















venerdì 8 ottobre 2010

Cabaret: I parmigiani Gino e Dino a "Striscia la Notizia"

(Testo blu in Italiano)
Il tandem di comici parmigiani Gino e Dino approda a “Striscia la Notizia”: l’edizione di questa sera, venerdì 8 ottobre, del programma satirico di Canale 5 sarà aperta da una gag dei cabarettisti col coniglio sulla maglia. Gino e Dino sono stati coinvolti nel programma personalmente dal conduttore Enzo Iacchetti


(Testo giallo ialetto Parmigiano)
Cabaret: i parmzàn Gino e Dino i van a "Strjsia la notjsia"

I du comich pramzàn Gino e Dino i van a a “Strjsia la Notjsia”: stasira, venerdì 8 otòbbor, dal programa satirìch äd Canale 5 l’ a srà avärta da ‘na gag di du cabaretìssti col cunì insomma ala maja. Gino e Dino j én stè coinvolt in-t-al programa parsonalmént dal condutor Enzo Iacchetti.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nella foto; i due cabarettisti Parmigiani Luigi Furlotti e Aldo Musci, in arte "Gino e Dino" con il Gabibbo )

mercoledì 6 ottobre 2010

Dal "ROTARY CLUB PARMA FARNESE" riceviamo e pubblichiamo. BURRACO benefico a sostegno del Progetto Polio Plus


ROTARY CLUB

PARMA FARNESE


Burraco Benefico a sostegno del Progetto Polio Plus
Giovedì 14 Ottobre 2010 ore 15,30
al PALA PIFFERI (ex pizzeria La Fontana)
Piazza Lago Balano,5/a (Zona Piccole Figlie)

Il ricavato sarà interamente devoluto al Progetto volto a eliminare questa terribile malattia paralizzante che blocca la vita e la crescita armonica dei bambini.

Il Rotary International dagli anni ’80 è alla guida di questa ambiziosa iniziativa globale per raccogliere fondi che andranno a sostenere direttamente le campagne di immunizzazione nei Paesi in via di sviluppo, dove la polio continua ad infettare e a paralizzare i bambini, privandoli del proprio futuro e peggiorando le condizioni di vita già dure delle loro famiglie.

Fino a quando la polio minaccia anche solo un bambino nel mondo, i bambini di tutto il mondo rimarranno a rischio.

Si ringraziano per la disponibilità e la generosità:

Pala Pifferi che ci ospita
Aquality Centro Benessere
Barbieri Gioielli
Battei Libreria
Casoli Gioielli
Doridis srl Pelletterie
Enrico Maletti di
www.parmaindialetto.it
Franco Furoncoli Fotografo
Greenery
Mas que Tango
Monte delle Vigne
Monica Bar
Music Mille
Hair Design Parrucchieri uomo-donna via XXII Luglio
Lorenzo Sartorio Giornalista, Scrittore
Orlandini Gastronomia
Parma Sport
Profumeria Chiastra
Profumerie Maria Luigia
Francesca Sacchetti Bijoux
Circolo Solari
Stardea

Per contatti : Simonetta 339-8510507, Patrizia 349-2202581

martedì 5 ottobre 2010

Benvenuto al sito Gazzetta di Parma.it in Internet nel meraviglioso mondo del “Djalètt Pramzàn”

(Testo blu in Italiano)
Da tempo si era parlato con Gabriele Balestrazzi “Bylli” per gli amici, e responsabile di www.gazzettadiparma.it , quando avrebbe fatto nascere una nuova sezione riguardante il “meraviglioso” mondo del dialetto Parmigiano.

Enrico Maletti inventore di www.parmaindialetto.it e http://parmaindialetto.blogspot.com/ unitamente all’amico Achille Mezzadri padre di www.pramzanblog.com , che sono stati i primi a mettere su web il nostro vernacolo, erano stati contattati da Balestrazzi per alcuni consigli sul futuro del dialetto in internet.
La paura di Gabriele Balestrazzi era quella di fare concorrenza ai due siti Parmigiani, mentre gli addetti ai lavori sanno che l’argomento del dialetto è talmente vasto che la nascita di un sito della Gazzetta di Parma sul dialetto è sicuramente un incremento per la crescita di questo patrimonio culturale che tanti dicono stia morendo ma solo il mondo di Internet può aiutare ad allungargli la vita. Questo del web è l’unico modo per coinvolgere i giovani che sono il patrimonio e il futuro del nostro dialetto. Perciò benvenuto a www.gazzettadiparma.it nel “meraviglioso” mondo del dialetto Parmigiano.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Benvgnù a Gazzetta di Parma.it in Internet riguardant al meraviljóz mond dal “Djalètt Pramzàn”
Da témp s’ éra parlè con Gabriele Balestràs “Bylli” p’r j amìgh, e responsabil di www.gazzettadiparma.it , cuànd l’arìss fat nàsor ‘na nóva sesjón sul “meravilióz” mond dal djalètt Pramzàn.

Enrico Malètt inventór äd www.parmaindialetto.it e http://parmaindialetto.blogspot.com/ unitamént a l’amìgh Achille Mezädri pädor äd www.pramzanblog.com , ch’j én stè i prìmm a mèttor su web al nòstor djalètt, j éron stè contatè da Balestràs par socuànt consìlli sul futur dal djalètt in internet.
La paura äd Gabriele Balestràs l’éra còlla äd fär concorénsa ai du sit Pramzàn, invéci j adètt ai lavor i san che l’argomént dal djalètt l’é talmént vast che la nàsita d’ un sit ädla Gazètta äd Pärma sul djalètt l’é sicuramént un incremént par la cresita äd còll patrimòni culturäl che in tant i dìzon al sia drè a morìr, mo sol al mond d’ Internet al pól aiutär a zlongärogh la vìtta. Còsste dal web l’é l’ùnnica manéra par fär interesär i giòvvon ch’ j én al patrimòni e al futur dal nòstor djalètt. Perciò benvgnù a www.gazzettadiparma.it in-t-al “meraviljóz” mond dal djalètt Pramzàn.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto; 1) La pagina web della Gazzetta di parma, 2) Gabriele Balestrazzi con due collaboratori di www.gazzettadiparma.it 3) Enrico Maletti inventore di www.parmaindialetto.it e

lunedì 4 ottobre 2010

dalla Compagnia "I burattini dei Ferrari" riceviamo e pubblichiamo



La Compagnia I Burattini dei Ferrari
è lieta di invitarVi al Cinema Teatro Comunale di Sissa -


Via Italo Ferrari Poeta Burattinaio

Venerdi 08 Ottobre 2010 ore 21.00

RITORNO AL PASSATO


" SANDRONE DIVENTA AVVOCATO"
COMMEDIA IN 3 ATTI

Vi attendiamo
Daniela & Giordano Ferrari

domenica 3 ottobre 2010

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 4 ottobre 2010













(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Pärma Milan 0-1

Mirànt nóv :ancòrra ‘na volta al pù bón ädla scuädra, socuànt parädi strepitózi e dì, ‘na volta chi né ’s dan miga al rigor contra, a riva Pirlo a catär un gol da publicitè ! Sarvìssa pròprija ‘na benedisjón, ti ch’ a’t si dedlà zò, dmandär a San Gennaro ?

Zacärd sìncov : frén’ a màn tirè par tùtta la partìda, in-t-n’ ocazjón ‘na dormida impresjonanta, insòmma a ’t si drè ciapär ‘na pîga ch’ l’ a ’m piäz pròprja miga

Paci cuàtor : ringrasia Mirànt, parchè s’ al né fa miga atri parädi drè fila su Ibra, l’éra la volta ch’at fäv ‘na figura, insòmma Massimo in ch’il situasjón a sé s’ mätta davanti ala bala no?

Lucaréli séz : tutt somè l’ùnnich ch’al s’é salvè dardè, sénsa grandi cozi gnan lù ma almeno al n’à miga balè la samba

Gobbi dù : invizìbbil, alzér, sénsa ‘na logica sénsa njént ! Misster col ragas chi al gh’ à bizòggna äd tirär al fjè, a ’s vädda miga ?

Antonéli séz : sarà stè un pò d’ amarcòrd, chilù invéci al s’é zveljè eccome jerdlà, béla partìda sémpor pront a där ‘na man a Marquez e anca dardè un pär äd salvatàg’ a l’ultom second stile Bruce Willis

Angelo séz : Ad Anold a’s vädda chi gh’ àn tòt dil pìlli economichi, parchè l’é partì fòrt, mo al s’é zmorsè ala zvelta, al sarà durè vint minud si e no

Morón sèt : di vè, siv par cäz äd dù paéz con d’l’arlia tì e Gattuso ? Ragas che enträda ch’al t’à fat, e difati a t’é tochè andär fóra ! In bocca al lupo Capitàn coragióz

Candreva cuàtor : boh, mi continui a pensär ( cme con Dino al prìmm an’ ch’ l’éra chi ) ch’al gabia un zmél e chi s’àbion mandè al zmél, parchè fin adésa l’é veramént ‘na tristèssa ùnnica, sperämma ch’al cambia a la zveltén’na sionò l’é nota dabón

Marques séz : anca a Speedy Gonzales i gh’ àn dè il stési pìlli che ad Angelo, parténsa spetacolära socuànt cross interesant, pò game-over un pò trop prést

Crespo sìncov : Eh Hernan, fòrsi l’é la prìmma volta, mo a’m spetäva un cuél äd pù anca se a dir la vritè dopa poch a gh’éra un rigor sionò a t’arìss fat gol sicur

Marino dù : Mìsster, sämma drè a zvinäros trop al zéro, a gh’ dämmia ‘na stersäda a ch’la bärca chi ch’la fa acua e miga poch ? No parchè rigor a pärta a j’ò vìsst ‘na scuädra in balja dal riväl tutt al témp, trop !


Arbitri zéro : eh no eh, adésa basta, parchè fin a jerdlà a ’s podäva dir ch’j éron i nòstor zugadór di pìt, mo jerdlà a gh’éra du rigor che a nojätor i ’s n’arìsson fis’cè contra cuator, elora basta eh…. Basta ! No parchè chi a’s fa prést a blizgär zò ch’ a né ’s torna pu su !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

L'Assessore allo sport del Comune di Parma Roberto Ghiretti ha dato il via alla Parma Poggio-di Berceto
























(Clicca sulle foto per ingrandirle)
(Testo blu in Italiano)

Partenza davanti al teatro Regio. Le 65 auto d’epoca sono partite questa mattina alle ore 11 alla distanza di 30 secondi l’una dall’altra, al via dalla bandiera sventolata dall’Assessore allo sport Roberto Ghiretti. I 65 equipaggi hanno attraversato Collecchio, Fornovo e Terenzo percorrendo fino a Berceto 185 chilometri. La gara fu sospesa nel 1955 per un incidente che costò la vita al giovane pilota Padovano Mario Dalla Favera a bordo di un a Ferrari a Pontescodogna, ed è tornata ad entusiasmare gli appassionati alla fine degli anni 80 grazie all’impegno della Scuderia Parma Auto Storiche. L’appuntamento è stato patrocinato dalla regione Emilia Romagna, dalla Provincia, dai Comuni di Parma, Collecchio, Fornovo, Terenzo e Berceto e dal Ferrari Club Italia.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)

E' tornè la Pärma Poggio-'d Bersèjj
Partensa davanti al teator Regio. Il 65 machini d’època j én partìdi sta maté,na alj ore 11 ala distanza äd 30 second vùnna da l’ätra, al via dala bandéra zventoläa da l’Asesor al sport Roberto Ghiretti. I 65 ecuipag’ j àn traversè Colèc’, Fornóv e Terénsi parcorénd fino a Bersèjj 185 chilòmetri. La gara l’é städa sospeza in-t-al 1955 p’r un incidént ch’l’é costè la vìtta al giovvon pilota Padvàn Mario Dalla Favera su 'na Ferrari a Pontescodòggna, e l’é tornäda a entuziazmär j apasjonè ala fén d’j àni 80 gràsja a l’mpìggn ädla Scuderia Pärma Auto Storiche.L’apontamént l’é stè patrocinè dala regjón Emilia Romagna,dala Provincia, dai Cmón äd Pärma, Colèc’, Fornóv, Terénsi e Bersèjj e dal Feräri Club Italja.

(Pramzàn dal sas)

(Tgnèmmos vìsst)

(Nelle foto; 1-2-3-4-) quattro auto partecipanti, 5-6) l'Assessore Roberto Ghiretti mentre da il via alla Parma Poggio partita dal teatro Regio, 7) Giancarlo Ceci, Enrico Maletti, Donato Carlucci e Roberto Ghiretti, 8) Florio Manghi, Enrico Maletti, Ferdinando Sandroni, Matteo, 9-10-11-12-13-14-15-16- altre auto che hanno partecipato alla manifestazione)