Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 31 gennaio 2011

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 1 febbraio 2011












(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Genoa Pärma 3-1

Mirànt sìncov : un rigor n’autogol e ‘na dormida ädla diféza, al sìncov l’é parchè ti ch’ a ’t vén dal pärti äd San Gennaro a pära ch’ a ‘n t’al ciäm miga mäj s’ t’an’

Angelo séz : se non ätor a ’n t’é miga fat di gran zbalj, anca se jerdlà t’é butè socuànt cròss in curva, äd coj che Hernan l’éra béle pront da casär déntor

Lucaréli séz : partìda sénsa infàmja e sénsa lode purtrop al tò socio l’à catè la giornäda storta che pu storta a né ’s podäva miga elóra a gh’éra poch da fär

Palètta déz : dato che in Shining mi a gh’ crèdd sénsa discusjón, a són convint che jerdlà l’à fat tutt il stupidädi dal campionät e d’ora inàns al sarà al solit Palètta

Gobbi séz : cuand al zuga da tarsén la so partida al la fa cuäzi sémpor, purtrop a ne gh’ la cäva miga a zburlär, anca chi cambiär schema ‘na volta gnànca a morir, a ne ’s n’ in pärla gnànca

Candréva sìncov : a m’ in dispiäz par tutt i crittich ch’ a scrìvva il lìttri al Diretór, mo mi un zugadór ch’ a còrra acsì tant e al rénda acsì pòch l’é difìccil da catär, a spér ch’al me zmentìssa déd chi andär in fónda

Dzemaili sìncov : e va bén, tutt ì cridon cuand al né gh’é miga, mi tirè via la partìda a Torén, indò l’é stè strepitóz, a né m’ n’ arcòrd miga n’ ätra

Morón sìncov : Stefano, purtrop a ’t tòcca tutt il fésti cantär e portär la cróza, lì in méza sémp’r in vón äd meno e sénsa un schema che vón, mi a son convint ch’ a n’é miga colpa tòvva, mo a ’t si sémpor ciapè in méza cme un giovedì e sóra al cont a ’t fè ‘na fadìga spaventóza

Palladén : sìncov : tròpa vója äd dimosträr chisà còza, e pòca vója äd zugär par la scuädra, acsì la ’n va miga bén vè

Valiàn sèt : a gh’ mancäva ch’al te fìss fär al portér e l’éra compìda ! Prìmma l’atacant, pò al tarsén e pò a centorcamp, vól dìr ch’ a gh’é ilj idéi ciäri, sì cme ‘na brónza äd mnestrón

Giovinco sénsa vót : dato che al me compaisàn Bruno Salsi al m’à proibì äd drovär la parola pìsstapòcci che sionò povrén j’én permalóz e i s’oféndon, al spét ch’al vénna a tór un cafè da mì, (a stàgh in Via Lori) e ch’al me sugerìssa ‘na parola nóva ch’la ’n faga miga mèttor al mes’cén ai zugadór e un vót da där a còl ragas chi

Hernan sèt : al solit mago, al solit campjón, con ti a né ’s fa miga fadìga a catär il paroli giùssti, sa ’n té gh’ fuss miga stè tì st’ an’ a sarìssom la in fónda a fär ‘na briscola col Bäri, mama mia

Paloschi déz : cme j’ò fat con Galloppa la stmana pasäda un vót a Paloschi anca sl’é pén’na andè via, parchè son stè contént ch’al sia tornè in camp, e la gioia ch’al s’à regalè tanti volti a né m’ la scord mìga ! In bòcca al lòv putén e porta sémpor Pärma e la curva Nord in-t-al cór !

Marino zéro : Mìsster, ancòrra ‘na vòlta déz titolär su vùnndoz ädla domenica prìmma. Prìmm témp acsì acsì, second témp al portér dal Genoa al n’à mìga fat ‘na paräda ! A ’n gh’é mìga davìz che par j’ avarsäri la sia un pò tròpa còmda zugär contra al Pärma dato ch’al né cambia mäj ‘na virgola ? Mi zugär acsì mäl a ’n l’ò vìsst gnànca l’an’ ch’ a sämma retrocés, sénsa rancór mo ormäj la pasiénsa l’é in riserva totäla
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

domenica 30 gennaio 2011

Se ne è andato Paolo Menozzi, p’r i Pramzàn “Pavlén”


(Testo blu in Italiano)
All’età di 91 anni ci ha lasciato il Parmigianissimo Paolo Menozzi, meglio conosciuto dai Pramzàn come “Pavlén”. Pramzàn dal sas, barzellettista, attore dialettale, intrattenitore, negli anni 60 aveva inciso anche un 45 giri di barzellette in dialetto Parmigiano. Dove passava Pavlén c’era allegria e Parmigianità. Con lui scompare un mattone delle fondamenta del dialetto Parmigiano. Ciao Pavlén e grazie di tutto quello che hai fatto per la nostra lingua Parmigiana.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
E’ mort Paolo Menozzi, p’ri Pramzàn “Pavlén”

A l’etè äd 91 àni al s’à lasè al Parmigianìssim Paolo Menozzi, consù dai Pramzàn cme “Pavlén”. Pramzàn dal sas, barzellettista, ator djaletäl, intratenitór, in-t-i àni 60 l’äva incìz anca un 45 giri äd barzelètti in djalètt Pramzàn. Indò pasäva Pavlén gh’ éra alegrìa e Parmigianitè. Con lu sparìssa un maton di fondamént dal djalètt Pramzàn. Ciao Pavlén e gràsja par tutt còll ch’à t’è fat par la nostra lénngua Pramzàna.

Enrico Maletti
su http://www.pramzanblog.com/ il video di Pavlén che recita "I dan l'Otèllo" di Renzo Pezzani
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto: 1) Pavlén mentre recita una poesia in dialetto Parmigiano, 2) Pavlén sul palcoscenico del Taro Taro a Fornovo in uno spettacolo negli anni 70)

sabato 29 gennaio 2011

Anno 2011 con tanto dialetto Parmigiano

Mi son al djalètt Pramzàn
"SORPRESA"

Il 5 dicembre 2010 Parmaindialetto ha pubblicato il seguente pezzo. Per motivi di organizzazione la "SORPRESA" è stata rimandata a sabato 12 febbraio. Una "SORPRESA" che sarà gradita da tutti gli amanti del dialetto Parmigiano.

SORPRESA!!!
Dal 4 gennaio 2011 un sorpresa a tutti i Parmigiani. Una buona opportunità per imparare a leggere e a scrivere il dialetto Parmigiano. Presto sveleremo la SORPRESA!!!
Wiva il dialetto Parmigiano.

SORPRÉZA!!!
Dal 4 znär 2011 ‘na sorpréza a tutt i Pramzàn, ‘na bón’na manéra p’r imparär a lézor e scìvvor al djalètt Pramzàn. Prést farèmma conòssor la SORPRÉZA!!!
Wiva al djalètt Pramzàn

giovedì 27 gennaio 2011

Da Gabriele Majo e dall'Agenzia alla Sanità del Comune di Parma riceviamo e pubblichiamo


(Testo solo in Italiano)
GENTILISSIMI,
ECCO UN COMUNICATO STAMPA DELL’AGENZIA PER LA SANITA’ DEL COMUNE DI PARMA, RELATIVA ALLLA LEZIONE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE DI SABATO 29.01.2011, ALL’AUDITORIUM TOSCANINI DI VIA CUNEO 3, CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE (PER I QUOTIDIANI PREFERIBILMENTE NELL’EDIZIONE DI DOMANI VENERDI 28.01, AL FINE DI CONSENTIRE ALLE PERSONE DI MEGLIO ORGANIZZARSI PER IL GIORNO SUCCESSIVO, MAGARI CON RICHIAMO ANCHE SABATO) E PARTECIPAZIONE ALL’EVENTO.
GRAZIE MILLE CORDIALI SALUTI
GMAJO

DISOSTRUZIONE / UN SEMPLICE GESTO PER SALVARE LA VITA A UN BAMBINO
Sabato 29 gennaio all’Auditorium Toscanini, nuova lezione interattiva gratuita per imparare i corretti movimenti da fare per scongiurare il soffocamento causato da ingerimento di un corpo estraneo.

Sabato 29 gennaio 2011, dalle ore 15 alle 18, all’Auditorium Toscanini di Via Cuneo 3 a Parma, si terrà una lezione interattiva gratuita per imparare le corrette manovre per la disostruzione delle vie aeree superiori in età pediatrica, organizzata dalla Associazione Culturale Ludobimbo.it, in collaborazione con il Comune di Parma Agenzia Per La Salute , Croce Rossa Italiana e AUSL. Si tratta della ripetizione del corso operativo che tanto successo aveva ottenuto due settimane fa (il 15 gennaio) quando furono davvero in tanti i genitori, e non solo (nonni, insegnanti, operatori dell’infanzia, etc.), interessati ad apprendere alcuni semplici gesti per scongiurare il soffocamento dei bambini causato dall’accidentale ingerimento di un corpo estraneo, tipo un giocattolo che si incastra nella trachea piuttosto che un pezzo di cibo o una caramella, che non seguono il giusto percorso. Sono tantissimi i rischi per i piccoli in ogni momento della vita quotidiana, e purtroppo spesso risultano pure fatali se circa cinquanta bambini ogni anno in Italia muoiono per soffocamento. Sapere come intervenire si rivela come unica speranza per salvare la vita. «E’ semplice, ma non è una cosa banale imparare come com¬portarsi quando un bambino sta per soffocare - spiega Fabrizio Pallini, delegato del sindaco alla sanità – Farsi prendere dal panico è la cosa peggiore, ma se si sa già cosa fare in questi casi, al di là della comprensibile emotività del momento, attraverso semplici gesti si può arrivare a salvare una vita».

La Croce Rossa, che collabora al progetto, finora ha salvato più di 60 bambini: ma più sono le persone che sanno cosa fare, più si può scongiurare l’annuale strage degli innocenti per soffocamento. «Anche noi – dice Silvia Olivieri, presidente di Ludobimbo.it – vogliamo dare il nostro contributo per aiutare i più piccoli. Con pochi semplici gesti, che tutti possono imparare, si possono diso¬struire le vie aeree usando semplicemente le mani». Il Presidente della CRI Giuseppe Zammarchi aveva già promesso che l’esperienza sarebbe proseguita dopo la positiva prima lezione, nei locali della benemerita associazione, di due settimane fa. “Crediamo molto in questi corsi: è il primo soccorritore a fare la differenza. Quando noi arriviamo con l’ambulanza spesso è già tutto deciso. Nel bene o nel male.

Ecco, vorremmo che si decidesse sempre per il meglio, salvando quell’immenso patrimonio dell’umanità che sono i bambini.” Non a caso l’iniziativa rientra nel più ampio progetto “Chi salva un bambino salva il mondo intero.” Durante la lezione interattiva di sabato 29 gennaio 2011, dalle 15 alle 18, all’Auditorium Toscanini sarà distribuito materiale informativo gratuito in DVD. Per info e prenotazioni: Associazione Culturale Ludobimbo.it . (http://www.ludobimbo.it/ ) Tel. 338.5093467; e-mail: silvia@ludobimbo.it
Grazie Cordiali Saluti

Per Agenzia alla Sanità del Comune di Parma
Gabriele Majo - Giornalista Professionista

"PER NON DIMENTICARE" 27 GENNAIO 2011 "GIORNATA DELA MEMORIA"



A 'N SCORDÈMMA MIGA
NON DIMENTICHIAMO

ANCA I PRAMZÀN I ‘N S’É ‘N MIGA SCORDÈ
ANCHE I PARMIGIANI NON SI SONO DIMENTICATI

mercoledì 26 gennaio 2011

Un libro sui 120 anni dei Salesiani a Parma, per i Parmigiani “San Bendètt”, in edicola con la "Gazzetta di Parma"



(Testo blu in Italiano)

In vendita in edicola a € 6,80 oltre la Gazzetta di Parma il libro scritto da Giuseppe Mezzadri e Valentino Sani sui 120 anni di presenza a Parma dei Salesiani.

La comunità Salesiana opera a Parma dal 1888. In una riunione del Consiglio d’Istituto degli ex allievi, il Presidente Giuseppe Mambriani e il Direttore dell’Istituto Salesiano Don Giuliano Giacomazzi si erano chiesti come fare risaltare i 120 anni dei Salesiani a Parma, Giuseppe Mezzadri allora propose la pubblicazione di un volume che racchiudesse la storia dei Salesiani e del’Oratorio di San Benedetto a Parma, dove in tutti questi anni sono passati migliaia di giovani, che diventando adulti, hanno portato come modello di vita tutto quello che l’ambiente dei Salesiani aveva a loro trasmesso.

Un libro che esprime riconoscenza e stima a persone che hanno rinunciato alla propria vita privata per essere al servizio del prossimo. Sani e Mezzadri sono persone molto conosciute nell’ambiente di San Benedetto, Sani ex allievo Salesiano e Mezzadri Presidente degli ex allievi dell’Oratorio, per raccontare la storia del San Benedetto di Parma, hanno dovuto rincorrere persone che sono passate in questi anni negli ambienti dell’Istituto e dell’Oratorio. La prefazione è stata firmata da Don Francesco Cereda consigliere per la formazione della Congregazione Salesiana.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Un lìbbor sui 120 àni di Salezjàn a Pärma, p’r i Pramzàn “San Bendètt”

In vendita in edìccola a € 6,80 óltra la Gazètta äd Pärma al lìbbor scrit da Giuseppe Mezzadri e Valentino Sani sui 120 àni äd prezénsa a Pärma di Salezjàn.

La comunitè Salezjàna la lavora a Pärma dal 1888. In-t-na riunjón dal Consìlli d’Istitut di ex aljév, al Presidént Giuseppe Mambriani e al Diretor äd l’Istitut Salezjàn Don Giuliano Giacomazzi i s’ éron dmandè cme fär risaltär i 120 àni di Salezjàn a Pärma, Giuseppe Mezzadri alora l’à propost la publicasjón d’ un lìbbor con la storia di Salezjàn e ‘d l’Oratori äd San Bendètt a Pärma, indòvva in tutt ch’ i àni chì è pasè mjär äd giovvon, che divntànd adult, j àn portè cme modél ‘d vìtta tutt còll che l’ambiént di Salezjàn l’äva a lor trasmìss.

Un lìbbor ch’ l’ esprìma riconosénsa e stìmma a parsón’ni ch’ j àn rinuncè ala pròprja vìtta priväda p’r ésor al sarvìssi dal prosim. Sani e Mezzadri j én parsón’ni molt consùdi in-t-l’ambiént äd San Bendètt, Sani ex aliév Salezjàn e Mezzadri Presidént d’ j ex aliév äd l’Oratori, par racontär la storja dal San Benedètt äd Pärma, j àn dovu catär dil parsón’ni ch’ j én pasädi in chi àni chì in-t-i ambiént äd l’Istitut e ‘d l’Oratori. La prefasjón l’é städa firmäda da Don Francesco Cereda consjér par la formasjón ädla Congregasjón Salezjàna.
(Enrico Maletti)

(Tgnèmmos vìsst)

(Nella foto la copertina del libro)

martedì 25 gennaio 2011

Portiamo a Parma tutte le maschere Italiane

(Testo blu in Italiano)
Maurizio Trapelli, la maschera Parmigiana “Dsèvvod”, ha lanciato la proposta di una due giorni delle maschere Italiane a Parma. I Parmigiani potrebbero vedere sfilare nel centro storico della città oltre 200 maschere appartenenti alle regioni d’Italia.


Perciò da Bologna “Balanzóun”, da Modena la famiglia Pavironica con “Sandróun”, la moglie “Pulonia” e il figlio Sgorghiguelo “Sgurghègghel”, da Reggio e dintorni” Fazulèin”, e dalle altre città d’Italia “Arlecchino”, “Pulcinella”, “Meneghino”, "Pantalone,"Brighella", "Stenterello", "Gianduia", "Colombina" e via dicendo, capeggiate dallo “Dsèvvod” maschera Parmigiana scoperta nel 1950 da l’attore dialettale Alberto Montacchini.

La maschera dello Dsèvvod è passata negli anni sulle spalle di Ilario Tognolo, Romano Arpiani, Ubaldo Grassi, Francesco Siacco, e altri, fino ad arrivare ai nostri giorni indossata da Maurizio Trapelli. Proprio alcune sere fa al circolo Inzani si sono riuniti alcuni rappresentanti di varie Associazioni culturale Parmigiane e hanno formato un comitato per la realizzazione dell’evento che sarebbe cosa buona potesse avvenire in concomitanza con l’apertura del teatro popolare, (o teatro dei dialetti) con sede in viale Mentana, la cui struttura è in fase di ultimazione.

L’idea è venuta a Trapelli dopo che è stato ospite lo scorso anno a Varallo in provincia di Vercelli in occasione della sfilata delle maschere che si svolge tutti gli anni nella cittadina Piemontese.

Per la serata all’Inzani erano presenti per il Comune di Parma l’Assessore Fabio Fecci, il presidente del circolo Inzani Sergio Greci, Padre Vittorio Schiavetta Superiore dell’Annunciata, il presidente dell’Avis Comunale Doriano Campanini, Giorgio Zambelli del Cral Cariparma-Crédit Agricol, Enrico Maletti per Parmaindialetto e Parma Nostra, Elena di Dato per Famìja Pramzàna Eugenio Caggiati per il Circolo il Borgo, Claudio Cavazzini per il Circolo Guareschi e Giovanna Ziveri di Parmafotografica.
L’invito era stato esteso anche a Fabrizio Palini dei Nostri Borghi, a Ferdinando Sandroni responsabile dell’agenzia per il volontariato agli Assessori Luca Sommi e Giuseppe Romanini, al presidente del C.S.I Florio Manghi e al presidente dell’Uisp Enrica Montanini, che non erano presenti. La manifestazione di due giorni sarà dedicata non solo alla sfilata ma ad alcuni momenti di visita dei partecipanti alla nostra bella Parma. Naturalmente “CERCASI SPONSOR”

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Portèmma a Pärma tutt il mascri Italjàni

Maurizio Trapelli, la mascra Pramzàna “Dsèvvod”, l’à lancè la proposta äd ‘na du gioron dil mascri Italjàni a Pärma. I Pramzàn i podrìsson vèddor sfilär in-t-al céntor storich ädla citè ólta 200 mascri äd tutt il region d’Itàlja.

Perciò da Bològgna “Balanzóun”, da Modna la famìja Pavironica con “Sandróun”, la mojéra “Pulonia” e al fjol Sgorghiguelo “Sgurghègghel”, da Rèz e dintoron ” Fazulèin”, e dalj ätri citè d’Itàlja “Arlecchino”, “Pulcinella”, “Meneghino”, "Pantalone", "Brighella", "Stenterello", "Gianduia", Colombina" e via dilj ätri mascri, capegèdi dal “Dsèvvod” mascra Pramzàna scoperta in-t-al 1950 da l’ator djaletäl Alberto Montacchini.

La mascra dal Dsèvvod l'é pasèda in-t-i àni sul spali d’ Ilario Tognolo, Romano Arpiani, Ubaldo Grassi, Francesco Siacco, e ätor, fin a rivär ai nostor gioron indosäda da Maurizio Trapelli. Pròprja socuànt siri fa al circol Inzani a s’é riunì socuànt raprezentànt d’ Asociasjón culturäli Pramzàni e j àn formè un comität par la realizasjón äd l’evént ch’ al sarìss ‘na coza bón’na s’ al podìss ésor fat insèmma con l’apertura dal teator popolär, (o teator di djalètt) con seda in vjäl Mentana, che la so strutura l’é in fäza concluziva.
l’é städa äd Trapelli dopa ch’ l’é stè ospit l’ an’ pasè a Varallo in provincia äd Vercelli in ocazjón ädla sfiläda dil mascri ch’ la gh’é tutt j àni in-t-la citadén’na Piemontéza.

Par la seräda a l’Inzani éra prezént p’r al Cmon äd Pärma l’Asesor Fabio Fecci, al presidént dal circol Insani Sergio Greci, Pädor Vittorio Schiavetta Superior äd l’Anonsjäda, al presidént äd l’Avis Comunäl Doriano Campanini, Giorgio Zambelli dal Cral Cariparma-Crédit Agricol, Enrico Maletti par Parmaindialetto e Pärma Nostra, Elena di Dato par la Famìja Pramzàna Eugenio Caggiati p’r al Circol il Borgo Claudio Cavazzini p’r al Circol Guareschi e Giovanna Ziveri äd Parmafotografica.

L’invid l’éra stè estéz a Fabrizio Palini dei Nostri Borghi, a Ferdinando Sandroni responsabil äd l’agensja p’r al volontariät a j Asesor Luca Sommi e Giuseppe Romanini, al presidént dal C.S.I Florio Manghi e al presidént äd l’Uisp Enrica Montanini, ch’i n’ éron mìga prezént. La manifestasjón äd du gioron l’a srà dedicäda mìga solamént ala sfiläda ma a socuànt momént äd vizita di partecipant ala nostra béla Pärma. Naturalmént “CERCASI SPONSOR”
Enrico Maletti
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto alcune maschere: 1) lo Dsèvvod di Parma, 2) Gianduia di Torino, 3) i componenti della famiglia Pavironica di Modena, Sandrone, la moglie Polonia e il figlio Sgorghiguelo, 4) il Dottor Balanzone di Bologna, 5) Arlecchino di Bergamo, 6) Pulcinella di Napoli, 7) Meneghino di Milano

domenica 23 gennaio 2011

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 24 gennaio 2011












(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Pärma Catania 2-0

Mirànt sèt : ‘na béla paräda in-t-al momént äd soferénsa e dòpa du minud èmma fat gol ! P’r al rést t’è ciapè dal gran frèd che d’maténna a ’t starè su con la cervicäla

Zacärd séz : suficénsa, njént äd pu, n’amonisjón pezanta, un gol magnè in-t-al prìmm témp, e la sensasjón fìssa ch’ a n’ é ’t si miga trancuìll brìza s’ t’an’

Lucaréli òt : un salvatàg’ a l’ultom second ala Bruce Willis a metè dal prìmm témp, e in generäl ‘na partìda pién’na äd coràg’ e con ‘na concentrasjón totäla

Palètta òt : par fortón’na ch’ a t’ é ’t si arpiclè ala zvèlta, jerdlà partìda mostruóza a ’t si un shining dabón par chi al t’ é pìcia còntra

Gobbi séz : t’ é ’t si miga vìsst e a ’n s’é gnanca vìsst j’avarsäri dala tò pärta e a väddor j’ultmi do partìdi l’é béle un gran progrés

Candréva séz : sa fùss par la corsa al ciaparìss un déz tutt il fésti, a ’s podrìss prestär al cus Pärma d’atletica, second mi l’é un talento miga da rìddor !

Dzemaili sénsa vót : sfortón’na totäla al s’é fat mäl da lu cuäzi da férom, l’à ereditè da Beppe Cardone al stranòm äd Mister Swarowsy

Morón séz : la solita partìda dal capitàn, però molt pu lùsstor che con Cagliari e a Brèssa, sénsa strafär l’à dè ‘na man a tutt

Valiàn séz : partìda acsì acsì, mo un belìssim cròss p’r al prìmm gol, sóra al cont äd sinìsstor, certo ch’ i ‘t fan zugär tutt il féssti in-t-na pozisjón diversa

Angelo òt : séns’ ätor al pu bón in camp dal Pärma du belìssim pasàg’ in-t-al prìmm témp e un colp äd tésta ala Crespo a decìddor la partìda ! Di ma t’é ’t sì tozè parchè a ‘t ciamäva Arnold ? No ah ? E adésa bizognarà ch’ a ’t cata n’ätor stranòm

Giovinco òt : un colp äd magia in-t-al momént giùsst ! Basta e avansa par därot al vót pu ält, e guardämma se col furbación ch’al scrìvva il lìttri al gh’ à ancòrra cuél da dir, sionò a gh’ vénna lu a scrìvvor il pagéli guardämma ch’ o l’é bón äd fär

Hernan sèt : anca sénsa sgnär l’é l’ezémpi par tutt, un grandìssim impìggn par tutta la partìda, spudè sangov e cór, cór pramzàn naturalmént

Galloppa déz : bentornè biónd, fòrsa corag’ e un grosìssim in bocca al lupo e dagh adrè ch’ a ’t sarvìss cme na bòtta d’acua frèssca in-t-al desèrt lì in méza

Marino séz : Mìsster ciapämma i trì pónt e avanti, ma dir ch’la va bén o ch’la sia drè a miljorär, a sarìss cme biastumär ! Fämma cuaranta pónt prìmma posìbbil e stämma in-t-i prìmm dan, che a ’s vädda che l’ùvva par far al calcio-champagne ch’ l’äva programè un cuälchidón l’à ciapè ‘na béla grandinäda !
(Tgnèmmos vìsst)
(Pramzàn dal sas)
(Testo di Crociato 63)

(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)


venerdì 21 gennaio 2011

I cimiteri monumentali diventano attrattiva turistica: Parma è nella rete

(Testo blu in Italiano)
I cimiteri monumentali europei sono entrati fra gli itinerari culturali riconosciuti dal Consiglio d’Europa. Lo ha reso noto il Comune di Bologna. Anche il cimitero della Villetta rientra in questa rete.
L'itinerario, che raggruppa 53 cimiteri in 18 Paesi, ha ottenuto il riconoscimento per la centralità dei cimiteri europei nel patrimonio dell’umanità e dell’importanza dell’opera di promozione e diffusione della conoscenza che vi si svolge. Un’azione di comunicazione culturale significativa, se si calcolano in oltre cinque milioni i visitatori che nel 2009 hanno passeggiato in questi luoghi, e fra questi un numero crescente ovunque lo fa per interesse storico e artistico. I cimiteri monumentali inseriti nella rete italiana son quelli di Genova, Roma, Firenze, Lecco, Parma,

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
I simitéri monumentäl i dvénton intarés turìsstich: Pärma l’é in-t-la rèjj
I simitéri monumentäl d’ evropa j én entrè fra j itinerär culturäl riconosù dal Consìlli d’Evropa. A l’à dìtt al Cmón äd Bològgna. Anca al simitéri ädla Vilètta l’é in cla rèjj chì.
L'itineräri, ch’al mètta insèmma 53 simitéri in 18 Paéz, l’à otgnù al riconosimént par la centralitè di simitéri d’ evropa in-t-al patrimònni äd l’umanitè e d’l’importansa äd l’òpra äd promosjón e difuzjón ädla conosénsa ch’ a gh’é. N’asjón äd comunicasjón culturäla significativa, se a ‘s calcola che óltra sìnch miljón äd vizitatór che in-t-al 2009 j àn pasegè in chi post chì , e fra còssti un numor cresént dapartutt al l’à fa p’r intarés storìch e artìsstich. I simitéri monumentäl inserì in-t-la rèjj italjana j én còlli äd Gènnva, Ròmma, Firéns, Lecco, Pärma.
(Pramzàn dal sas)

(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto, 1) l'entrata della Villetta, 2/3) la statua di Padre Lino da Parma)
(Il testo in Italiano è tratto da www.gazzettadiparma.it )

mercoledì 19 gennaio 2011

Le tradizioni popolari di Parma presentate da Lorenzo Sartorio.


(Clicca sulle foto per ingrandirle)
(Testo blu in Italiano)
All’Auditorium di Banca Monte Parma in via Bruni Longhi sono state presentate le tradizioni popolari a Parma e nel Parmense, il pomeriggio è stato organizzato da l’Università Popolare. Dopo una presentazione del Dott. Italo Comelli Presidente dell’Università Popolare, ha preso la parola il giornalista della Gazzetta di Parma Lorenzo Sartorio che ha spiegato le tradizioni popolari che tutti i mesi si svogevano nel nostro territorio.


Ad intervallare Sartorio ci ha pensato Enrico Maletti che ha declamato alcune poesie in dialetto Parmigiano, inerenti alle stagioni e a l’argomento dell’intrattenimento. Auditorium pieno di Parmigiani,un pubblico eccezionale che ha seguito sia gli argomenti di Sartorio che le poesie di Maletti. Il Presidente Comelli ha detto che questo è solo il primo di una serie di incontri riguardanti le nostre tradizioni, e che per puntare sui giovani il prossimo incontro verrà organizzato alla sera dopo cena. Erano presenti tra il pubblico il Presidente di “Parma Nostra” Renzo Oddi e il Presidente delle “Terre Celtiche” Italo Pizzati.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Il tradisjón popoläri äd Pärma prezentädi da Lorenzo Sartorio.

All’Auditorium äd la Banca dal Mont äd Pärma in via Bruno Longhi è stè prezentè il tradisjón popolär a Pärma e in-t-al Parméns, al dopmezdì l’é stè organizè da l’Univarsitè Popolära. Dopa ‘na prezentasión dal Dott. Italo Comelli Presidént äd l’Univarsitè Popolära, l’à tòt la parola al giornalìssta ädla Gazètta äd Pärma Lore
nzo Sartorio ch’ l’à spieghè il tradisjóni popoläri che tutt i méz i gh’éron in-t-al nòstor teritori.


A intervalär Sartorio gh’à pensè Enrico Maletti ch’ l’ à declamè socuànt poezjj in djalètt Pramzàn, dedicädi al stagjón e a l’argomént äd l’intratenimént. Auditorium pjén äd Pramzàn, un pùbblich ecesjonäl ch’ l’ à seguì sia j argomént äd Sartorio che il poezjj äd Maletti. Al Presidént Comelli l’à dìtt che còsste l’é sol al prìmm äd ‘na seria d’ incontor riguardant il nosttri tradisjón, e che par pontär sui gjovvon al prosim incontor al srà organizè ala sira dòp sén’na. Gh’éra prezént tra ‘l pubblich al Presidént äd “Parma Nostra” Renzo Oddi e al Presidént dil “Terre Celtiche” Italo Pizzati.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto di Cristina Cabassa; 1) Italo Comelli, Presidente dell'Università Popolare, Lorenzo Sartorio, Enrico Maletti, 2) Enrico Maletti, 3) Italo Comelli, 4) Sartorio e Maletti, 5) il pubblico)

lunedì 17 gennaio 2011

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 18 gennaio 2011












(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Brèssa Pärma 2-0

Mirànt sìncov : du tir du gol, ansi tri tir du gol e un päl, magàra a n’ é ’t ghè gnanca colpa ma insòmma la ’n sarà miga sémpor sfortón’na ah ?

Zacärd du : cära al me Miclón a n’ é ’t si gnan parént äd còl äd l’an’ pasè ! Va bén al modulo ch’ al n’ é ’t iuta miga, ma ti a té gh’ mètt dal tòv ecome

Lucaréli séz : a regola al meno péz dardè, però cuand a s’é tratè d’impostär a paräva che al pòst dil scarpètti a ’t gh’ avìss du fér da stir

Paci zéro : Massimo no mo mì digh l’é la ricaduta äd Reggio Calabria cossta chì, sperèmma che ala fén äd l’an’ la ’n fnìssa a la stésa manéra ! E tintognär un pò a ‘n sarìss miga stè méj ? Dailà da vón ädla tò esperjénsa basta fär di lavor acsì basta !

Palètta séz : poch lavor ma fat sénsa infamja e sénsa lode, fòrsi s’ a t’avìss zughè da l’inìssi la sarìss cambiäda, va a capir sèrti decizjón tì s’ a’t si bón !

Gobbi zéro : atacär pòch, diféndor mäl, n’ätor balon pèrs al lìmmit äd l’area sul 2 a 0, a paräva invéci l’é béle tornè in-t-la sòvva, e a ’n gh’é miga da stär alégor

Palladén du : al sé adeguè al nostor clima subìt, ‘na fumära spaventóza, còzi concreti gnan vùnna, starämma a vèddor

Candreva zéro : al gh’à ‘na corsa eleganta cme chi nìgor ch’ a fa i dèzmilla mèttor, l’é un pchè che par zugär a balón a sarvìssa äd l’ätor ! N’ätor ch’ a sarvìssa i fendinebbia par väddrol zugär

Morón du : al capitàn al gh’é restè in méza cme un giovedì anca lu, e si che al Brèssa al né gh’äva miga Xavi e Iniesta a metè camp

Valiàn zéro : vunna che vunna a ’n l’à miga imbrocäda, second mi la partìda pu brùtta da cuand l’é a Pärma certo che anca lu al n’é zuga miga trop in-t-la so posizjón

Giovinco zéro : a vrìss dir a col furbacjón ch’al scrìvva il lìttri al diretór äd därogh lu al vót dato ch’ l’é pu furob che ch’j ätor ! Chilù l’é vón di sìnc a digh SINC pìsstapòcci ch’j én stè portè a Pärma s’ t’an’, du dala Spagna e tri che in-t-na cuälca manéra a gh’éntra con la Juve, fì vù i vostor cont

Hernan sénsa vót : sarà che prìmma che tirär zò Hernan mi tirarìss zò anca al portér, mo lé ‘na decizjón che cära al me Marino la fa al päri col tgnìr Palètta in banchén’na

Marino zéro : Oh Mìsster, chi c’si la taca a spusär e miga pòch ! Mo la sréza insìmma ala torta l’é stèda mèttor su Angelo, a fär i cròss par chi par Crespo ? A j’ò capì ! La va mäl e la crèssa, mi a m’é d’avis che al calcio spetàcol che a un cualchidón a gh’ pjäz zbrajär a déstra e sinìsstra, i l’én drè fär da n’ätra pärta ! Indòvva ? Magàra al fämma indvinär al prosim Mandrake ch’al scrivarà al diretór par lamentäros ! Avanti acsì s’ av piäz, a mì pròprja no !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociati 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)








domenica 16 gennaio 2011

16 gennaio 2011 – 54° anniversario della morte di Arturo Toscanini


Nel 54° anniversario della morte del Maestro Arturo Toscanini Parmaindialetto pubblica la poesia in dialetto Parmigiano "Toscanén" di Giovanni Casalini dedicata da l'autore alla "Bacchetta" di Toscanini. Dal libro “Ataca al camén” a cura dell’Istituto “De la Salle” Tipografia Tito Mattioli Fidenza 1955.



TOSCANÉN

Dintórna a sta bachètta a gh’è ‘n incànt
ch’al da splendór al nòti muzicälj,
che se j desténdon al so cmànd ilj äli,
l’ àlma la trèmma tra ‘l sorìz e ‘l pjànt.

Parchè la vèdda in-t l’armonìa di cant
rìvi fioridi e fórmi celestjäli
o la sénta l’orór d’ómbri infernäli
o strépit d’ärmi in lòti da gigànt.

Bachètta d’òr, bél ram miracolóz.!
da ti fiorìssa la vicénda umàna
con tutt il so delìssj e i so dolór.

At da vìtta e poténsa un póls glorjóz,
‘na virtù segreta e sovrumana:
Toscanén, e ‘l so spìrit creatór.




sabato 15 gennaio 2011

Incontro Parmigiano a Chiavari a casa del grande “Pepén” Clerici.


(Testo blu in Italiano)
E’ stata rinnovata una tradizione sospesa 10 anni il Sant. Ilario dei Parmigiani residente in Liguria. A fare da intrattenitore è stato chiamato Giuseppe Mezzadri vicepresidente di Parma Nostra che ha fatto dono ai figli di Pepén Clerici del Lunario Parmigiano di Parma Nostra 2011 giunto alla trentesima edizione, che quest’anno è stato richiesto da degli “Strajè” che risiedono in Brasile, Venezuela, Canada, Australia, Egitto,Gran Bretania e Stati Uniti. Parmaindialetto che fa parte della struttura di “Parma Nostra”, pubblica queste righe e una foto che ci ha spedito Giuseppe Mezzadri. Un servizio completo dell’evento a Chiavari lo troverete su www.pramzanblog.com


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Incóntor Pramzàn a Chiavari a cà dal grand “Pepén” Clerici.

E’ stè rinoväda ‘na tradisjón dòpa 10 àni al Sant. Iläri di Pramzàn residént in Liguria. A fär da intratenitór è stè ciamè Giuseppe Mezzadri vicepresidént äd Parma Nostra ch’l’ à regalè ai fjój ‘d Pepén Clerici al Lunäri Pramzàn äd Parma Nostra 2011 rivè ala trentezima edisjón, che s’t’àn l’é stè richiést dai “Strajè” in Brasile, Venezuela, Canada, Australia, Egitto,Gran Bretania e Stati Uniti. Parmaindialetto ch’ al fa pärta ädla strutura äd “Parma Nostra”, pùblica ch’il socuànt righi chi e ‘na foto ch’ a s’à mandè Giuseppe Mezzadri. Un sarvìssi complét par la manifestasjón a Chiavari l’é stè fat su www.pramzanblog.com
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nella foto; Orietta Agostino, Giuseppe Mezzadri, Vittorio Agostino, sindaco di Chiavari, Franco e Luigi Clerici durante la consegna del Lunario di Parma Nostra)

Marco Epifani scrive per www.stadiotardini.com

(Testo blu in Italiano)
Su www.stadiotardini.com parte una nuova rubrica pallo-eno-gastronomica. Prima puntata del piccolo dizionario delle citazioni tra calcio, cibo e vino
E’ disponibile la prima puntata della nuova rubrica pallo-eno-gastronomica di Marco Epifani su www.stadiotardini.com dal titolo “Food-Ball”

Chi scrive è stato un calciatore di belle speranze (tali sono rimaste) ed è giornalista che si occupa prevalentemente di enogastronomia, turismo e agricoltura. Mi chiamo Marco Epifani e penso di conoscere il mondo dell’agroalimentare: cerco, nel mio piccolo, di comunicare e far conoscere le eccellenze locali e nazionali. Ho tanti interessi professionali e alcune passioni non condivisibili, per i ben pensanti : tra queste la f.. il calcio. Oltre, ovviamente alla f..lettura, musica e cultura in generale. La mia vorrà essere una rubrica leggera che cercherà di stemperare lo stress pre e post partita: ovviamente non dei calciatori ma dei tifosi lettori.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Su http://www.stadiotardini.comm/ partìssa ‘na nóva rubrica pallo-eno-gastronomica. Prìmma puntäda dal piccol disjonäri dil citasjón tra calcio, magnär e vén
L’ édisponìbbil la prìmma puntäda ädla nóva rubrica pallo-eno-gastronomica äd Marco Epifani su www.stadiotardini.com dal tìttol “Food-Ball”

Chi scrìvva l’é stè un calciator äd béli sperànsi (täli j én restädi) e l’é giornalìssta ch’ al s’ ocupa prevalentemént d’ enogastronomja, turìzom e agricoltura. A ‘m ciàm Marco Epifani e péns äd conòssor al mónd äd l’agroalimentär: a sérch, in-t-al mé picén, äd comunicär e fär conòssor ilj ecelénsi locäli e nasjonäli. A gh’ò tant intarés profesjonäl e socuànt pasjón mìga condivizìbbil, p’r i bén pensant : tra còssti la f.. al calcio. Oltra, oviamént ala f..letura, mùzica e cultura in generäl. La mèjja la vrà ésor ‘na rubrica alzéra ch’ la sercarà äd stemperär al stress prìmma e dòpa la partita: oviamént mìga di zugadór mo di tifóz letór.
(Pramzàn dal sas)

(Tgnèmmos vìsst)
(Marco Epifani nelle foto procurate da Gabriele Majo)

La scarpètta d’ora della Famìja Pramzàna a Michele Pertusi.Ha ritirato il premio il figlio Massimiliano.


(Clicca per ingrandire le foto)
(Testo blu in Italiano)
Per il quarto anno consecutivo la Famìja Pramzàna, come premio per il Patrono di Parma Sant. Ilario, ha premiato con la Scarpètta d’ora un benemerito Parmigiano che ha portato il nome di Parma in tutto il mondo.

Le edizioni precedenti sono andate nel 2008 al compianto Vescovo di Parma Monsignor Bonicelli, nel 2009 al regista Parmigiano Mario Lanfranchi e per l’edizione 2010 al giornalista Parmigiano Giorgio Torelli che da quasi mezzo secolo è “Strajè” a Milano. Quest’ anno il sodalizio Parmigiano guidato dal Presidente Anna Maria Dall’Argine, ha ritenuto di premiare il basso Michele Pertusi, nato a Parma il 12 gennaio 1965, il quale ha portato con la sua voce la Parmigianità in tutto il mondo. Il premio è stato ritirato dal figlio Massimiliano perché Michele la sera di Sant. Ilario era impegnato per lavoro in India.

La manifestazione si è svolta all’Hotel Sthendal di via Bodogni durante una cena alla presenza di un pubblico tutto “Pramzàn”, e delle autorità Parmigiane, il Prefetto di Parma Luigi Viana, il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, il Sindaco Pietro Vignali, l’Assessore alla Cultura Luca Sommi, il Colonnello dei Carabinieri Paolo Ceruti e il comandante della Polizia Municipale Giovanni Maria Jacovazzi. La maschera Parmigiana “Dsèvvod ha consegnato il premio a Massimiliano Pertusi. Ha allietato la serata il coro Cuator Stagjon" (Testo giallo dialetto Parmigiano)
La scarpètta d’ora ädla Famìja Pramzàna a Michele Pertusi. À ritirè al prémi al fjól Massimiliano.
P'r al cuärt an’ consecutiv la Famìja Pramzàna, cme prémi p’r al Protetór äd Pärma Sant. Iläri, l’à premiè con la Scarpètta d’ora un benemérit Pramzàn ch’ l’ à portè al nom äd Pärma in tutt al mond.

Ilj edisjón precedénti j én andädi in-t-al 2008 al compiant Vèsscov äd Pärma Monsgnor Bonicelli, in-t-al 2009 al regista Pramzàn Mario Lanfranchi e par l’edisjón 2010 al giornalìssta Pramzàn Giorgio Torelli che da cuäzi sincuànt àni l’é “Strajè” a Milan. S’ t’ an’ al sodalìssi Pramzàn guidè dal Presidént Anna Maria Dall’Argine, l’à premjè a l bas Michele Pertusi, nasù a Pärma al 12 znär 1965, ch’ l’à portè con la sò vóza la Parmigianitè in tutt il mond. Al prémi l’é stè ritirè dal fjól Massimiliano parché Michele la sira äd Sant. Iläri l’éra impgnè par lavor in India.
La manifestasjón l’é städa fata a l’Hotel Sthendal via Bodogni durant ‘na sén’na ala prezénsa d’ un pubblich tutt “Pramzàn”, e djli autoritè Pramzàni, al Prefét äd Pärma Luigi Viana, , al presidént ädla Provincia Vincenzo Bernazzoli, al Sìnndich Pietro Vignali, l’Asesór ala Cultura Luca Sommi, al Colonél di Carabinér Paolo Ceruti e al cmandant di Vìggil Giovanni Maria Jacovazzi. La màscra Pramzàna “Dsèvvod l’à consegnè al prémi a Massimiliano Pertusi. L'à alietè la sira al coro "Cuator Stagjon".
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto di Cristina Cabassa alcuni momenti della premiazione.)

venerdì 14 gennaio 2011

Consegnato il Premio Sant. Ilario di Parma Nostra a L’Assistenza Pubblica di Parma.


(Clicca sulle foto per ingrandirle)
(Testo blu in Italiano)
Nel giorno dell’abbuffata dei Premi di Sant.Ilario 2011, oltre al principale del Comune di Parma , a quello dei Veterani dello Sport, la scarpètta d’ora della Famìja Pramzàna, ha risaltato quello dell’Associazione Culturale “Parma Nostra” presieduta da Renzo Oddi che quest’anno per la ventesima edizione ha riconosciuto il premio a l’Assistenza Pubblica di Parma (per i Prmazàna “La Pùblica”).
Il riconoscimento è stato consegnato nell’auditorium della sede della Pubblica Assistenza in via Gorizia, una targa è stata consegnata al Presidente della Pubblica Filippo Mordacci da parte di Renzo Oddi. Erano presenti alla manifestazione il Prefetto di Parma Dott. Luigi Viana,il Comandante della Finanza Guido Maria Geremia, l’Assessore Provinciale Marcella Saccani, l’ Assessore Comunale Lorenzo Lasagna, il delegato all’Agenzia per il volontariato Ferdinando Sandroni, i consiglieri comunali Ricci e Ablondi, la maschera di Parma lo Dsèvvod e tanti militi volontari della Pubblica Assistenza.
Oltre alla targa è stato donato un bassorilievo in bronzo raffigurante una ambulanza con a bordo due militi d’eccezione, Peppone e Don Camillo, opera dello scultore Maurizio Zaccardi. Alla fine un tocco di parmigianità è stato dato dal vice presidente di Parma Nostra Enrico Maletti che ha declamanto una poesia dal titolo la Pubblica Assistenza scritta dal socio di Parma Nostra Vittorio Campanini.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Consegnè al Prémi Sant. Iläri äd Parma Nostra a L’Asistensa Pùblica äd Pärma.

In-t-al gioron äd l’abufä
da di Prémi Sant.Iläri 2011, óltra al principäl dal Cmón äd Pärma , a còl di Veteràn dal Sport, la scarpètta d’òra ädla Famìja Pramzàna, à rizaltè còl äd l’Asociasjón Culturäla “Parma Nostra” presieduta da Renzo Oddi che s’ t’an’ par la ventézima edisjón l’à riconosù al prémi a l’Asisténsa Pubblica äd Pärma (p’r i Prmazàna “La Pùblica”).

Al riconosimént l’é stè consegè in-t-l’auditorium ädla séda ädla Pubblica Asisténsa in via Gorizia, ‘na tärga è stè consegnè al Presidént ädla Pubblica Filippo Mordacci da pärta äd Renzo Oddi. Gh’éra preznét ala manifestasjón al Prefét äd Pärma Dott. Luigi Viana, al Comandant ädla Finansa Guido Maria Geremia, l’Asesór Provincjäl Marcella Saccani, l’Asesór Comunäl Lorenzo Lasagna, al delegät a l’Agensja p’r al volontariät Ferdinando Sandroni, i consiljér comunäl Ricci e Ablondi, la mascra äd Pärma lo Dsèvvod e tanti milit volontäri ädla Pubblica Asisténsa.
Oltra ala tärga è stè donè un basriljév in bronz rafigurant na’ ambulansa con a bórd du milit d’ecesjón, Peppone e Don Camillo, òpra dal scultor Maurizio Zaccardi. Ala fén un tòch äd parmigianitè l’é stè dè dal vicepresidént äd Parma
Nostra Enrico Maletti ch’là declamè ‘na poezia dal titol la “Pùblica Asisténsa” scrìtta dal sòsi äd Parma Nostra Vittorio Campanini.















(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto di Cristina Cabassa alcuni momenti della cerimonia)