Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







lunedì 28 febbraio 2011

Le sorelle Fontana da Traversetolo in tutto il mondo.




(Testo blu in Italiano)
Appuntamento alle 21,30 per vedere la seconda parte di “Atelier Fontana - le sorelle della moda” diretta da Riccardo Milani, con Anna Valle (Zoe), Federica de Cola (Giovanna) e Alessandra Mastronardi (Micol). Sono le tre attrici che interpretano la favola dell’irresistibile ascesa delle tre ragazze di Traversetolo nel mondo della moda nazionale e internazionale.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Da Travarsèddol in tutt al mond, il soréli Fontana.

Apontamént alj ori 21,30 par vèddor la seconda pärta di “Atelier Fontana – il soréli ädla moda” diréta da Riccardo Milani, con Anna Valle (Zoe), Federica de Cola (Giovanna) e Alessandra Mastronardi (Micol). J én il trèj atrici ch’ i interpreton la fòla äd l’iresistìbbil asésa dil trèj ragasi äd Travarsèddol in-t-al mond ädla moda nasjonäla e internasjonäla.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
Su http://www.pramzanblog.com/ un intero servizio sulle sorelle Fontana e sulla prima parte della fiction


sabato 26 febbraio 2011

Da oggi in edicola il dizionario di Capacchi a € 7,80 oltre al prezzo della Gazzetta di Parma

(Per lo spot pubblicitario di Alberto Michelotti e Enrico Maletti clicca sotto)

http://www.gazzettadiparma.it/mediagallery/video/19290/Parlare_in_dialetto_Occorre__il_dizionario_della_Gazzetta.html

Da www.gazzettadiparma.it

(Testo solo in Italiano)
Katia Golini

Il gran giorno è arrivato. Da oggi, con la Gazzetta, è in edicola il primo volume del dizionario Italiano-Parmigiano di Guglielmo Capacchi (edito da Artegrafica Silva. In vendita a 7,80 euro più il prezzo del quotidiano). Un'opera indispensabile non solo per parlare correttamente, ma per scrivere senza «scivoloni» il dialetto parmigiano, quello vero, il dialetto dei «pramzàn dal sas».

La «bibbia» del dialetto
Il dizionario del professor Capacchi è considerato dagli esperti la «bibbia» del dialetto parmigiano. Il primo testo, sotto forma di vero dizionario (la parola in italiano affiancata dalla parola dialettale), in cui vengono messi i paletti della corretta scrittura e pronuncia dialettale. Come nella prima edizione Artegrafica Silva, a corredo dei testi, le tavole illustrate dal pittore parmigiano Giuseppe Monica.

Gli sponsor
L'iniziativa editoriale è stata resa possibile dal contributo dell'assessorato alla Cultura del Comune di Parma e dalla Fondazione Cariparma, che hanno creduto subito all'importanza della pubblicazione. «Un'iniziativa dedicata alla valorizzazione della cultura e delle tradizione parmigiane» dice Carlo Gabbi, presidente della Fondazione. Mentre l'assessore Luca Sommi sottolinea come: «Questo dizionario è un piccolo-grande scrigno di tesori preziosi come la nostra tradizione e la nostra identità».
Un'opera in sette volumi
L'opera si articolerà in sette volumi. Il primo, quello in uscita oggi, per le voci dalla A alla B. I prossimi sei, per arrivare ovviamente fino alla Z, saranno in edicola ogni sabato da oggi in avanti.

(In copertina il primo inserto del dizionario, lettere A-B)

giovedì 24 febbraio 2011

“Le tradizioni parmigiane durante l’anno”, al Circolo Inzani con Lorenzo Sartorio e Enrico Maletti




(Testo blu in Italiano)
Sabato 26 febbraio 2011 ore 21,00 nella sala del Circolo Inzani a Moletolo si svolgerà una serata dal titolo “Le tradizioni parmigiane durante l’anno”, modi di dire, proverbi, mestieri, stagioni, di Parma di una volta. Relatore sarà il giornalista della Gazzetta di Parma Lorenzo Sartorio, intervallato da poesie e racconti in dialetto Parmigiano lette e recitate dall’ esperto e attore dialettale Enrico Maletti. Una serata di cultura e divertimento in onore delle tradizioni e del dialetto Parmigiano.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
“Il tradisjon pramzàni durant l’an’”, al Circol Inasani con Lorenzo Sartorio e Enrico Maletti
Sabot 26 farvär 2011 alj or 21,00 in-t-la säla dal Circolo Insani a Molèddol a gh’ sarà ‘na seräda dal tìtol “Le tradizioni parmigiane durante l’anno”, mòd äd dir, provérbi, mestér, stagjón, äd Pärma äd ‘na volta. Relator sarà al giornalìssta ädla Gazètta äd Pärma Lorenzo Sartorio, intervalè da poezjj e racont in djalètt Pramzàn declamädi e recitädi da l’ espèrt e ator djaletäl Enrico Maletti. ‘Na seräda äd cultura e divartimént in onor dil tradisjón e dal djalètt Pramzàn.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto:Lorenzo Sartorio e Enrico Maletti)

mercoledì 23 febbraio 2011

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 22 febbraio 2011












(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Pärma Cesena 2-2

Mirànt zéro : a partir dala màja, che sinceramént la né ’s podäva miga väddor a fnìr con la gàta, fjòla ädla pòca trancuilitè ädla scuädra, ädla Socetè e ch’ a né ’s véna miga a tirär a màn l’ambiént par piazér

Valiàn du: tarsén l’é la novitè ädla giornäda, mo a vèddor cme al s’é fat saltär socuant volti da zugadór tutt ätor che fenòmon, l’é méj ch’ a né ’s ripeta miga ch’ l’esperimént chi

Lucaréli du : n’ätor ch’ al patìssa la presjón, mo mi digh, génta ch’ l’à zughè in ambjént ben pu cäld che còsste chi, che presjón gh’ ala da sintìr ? A tutt il manéri al balón al bruzäva in-t-i pè e i zbali j én stè parècc’ e pericolóz

Palètta du : da un méz a sta pärta a né ’s capìssa miga ch’ o gh’ sia sucés ! E si che la saudade a j’argentén la ’n dovrìss miga gnìr, mo l’é dvintè pauróz e narvóz anca lu

Paci du : insòmma Bogdani al pär al balón d’òr soltant cuand al zuga cont’r al Pärma, a vrìss savér al parchè narvóz, in ritärdi, imprecìz, Massimo vrämma voltär pagina che al lìbbor l’é drè a fnìr

Modést cuàtor : du vót in pu parchè l’é stè al pu dinamich ädla scuädra, mo da chi a dir ch’ l’à fat ‘na partìda decenta a gh’ n’in pàsa, e pò tant cross in curva da dedicär a chi a ’s lamintäva äd Castlén, cioè dal bròd gràs

Dzemaili zéro : sarò mi ch’ a gh’ vèd pòch ( miga véra ) mo col ragas chi a né gh’ la cäv miga a capir co l ’s faga su, sl’é un medìan ‘na mez’äla o còza !

Candreva zéro : e còsste chi l’é so fradél, né cärna né pèss, certo che aver’ghnì dù in-t-na scuädra ch’la s’à da salvär j én un pò tròp

Morón zéro : ch’ la bala persa sul second gol ch’ la frizäva in-t-i pè l’é al spéc’ äd ch’ l’an’ chi, äd ch’ la scuädra chi, äd ch’ la socetè chi, a gh’é da sperär äd stär in-t-i prìmm dan e cavärgla a saltärogh fóra p’r i cavjj

Giovinco cuàtor : ‘na punisjón e un cròs ! Stop ! Tròp pòch par chi gh’ dovrìss aver ‘na fàma da lòvv

Amauri cuàtor : al rigor ( pù che ätor grasja a còl nador dal Cesena ) e basta, ansi spès e vlontéra di movimént fóra témp e fóra da ‘na logica äd schema ( anca se parlär äd schema in ch’ la scädra chi l’é ‘na parola gròsa bombén )

Hernan séz : al rigor e la solita grénta, mo jerdlà njént äd pu, Hernan anca se rispét al rést ädla banda sémpor do spani sóra

Palladén sèt : al mérit d’aver tgnù avärta la valvola ädla bombola d’osigeno, e sperämma ch’ la né fnìssa miga sionò second mi il scortì j’én fnìdi

Marino zéro : Mìsster, a ’n so pù có dir, mò gnanca l’an’ ch’ a sämma retrocés a j ò vìsst acsì poch, dirìs cuäzi njénta !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

martedì 22 febbraio 2011

In vendita con la Gazzetta di Parma il dizionario di Guglielmo Capacchi

Il dizionario Italiano Parmigiano in edicola con la Gazzetta di Parma.
(Testo blu in Italiano)
Dopo che Parmaindialetto aveva annunciato già da oltre un mese come “Sorpresa” per gli amanti del dialetto Parmigiano, finalmente è arrivato il momento di svelare questa
“Sorpresa”. Nei giorni scorsi la Gazzetta di Parma ha dedicato due pagine a firma dei giornalisti Katia Golini, Lorenzo Sartorio e Carlo Allodi, all’uscita del dizionario Italiano dialetto Parmigiano del Professor Guglielmo Capacchi.
L'evento, perché di evento si tratta, sarà in vendita in edicola da sabato 26 febbraio 2011 al prezzo di € 7,80 oltre il prezzo del quotidiano, le uscite saranno in sette fascicoli. Per consigliare i Parmigiani all’acquisto dei fascicoli, TV Parma ha registrato uno spot pubblicitario con protagonisti due Parmigiani d’eccezione, Alberto Michelotti e Enrico Maletti. Gli spot andranno in onda da mercoledi 23 febbraio, e sono stati girati in piazzale San Bartolomeo in un punto vendita di frutta e verdura elencando sia in Italiano che in dialetto i nomi di alcuni prodotti di frutta e verdura.
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Al disjonäri Italjàn Pramzàn in edìccola con la Gazètta äd Pärma.

Dòpa che Parmaindialetto l’äva anuncè zamò da pu d’ un méz ‘na “Sorpresa” p’r j amant dal djalètt Pramzàn, finalmént l’é rivè al momént äd zvelär cla “Sorpresa” chì. In-t-i gioron indrè la Gazètta äd Pärma l’à dedichè do pagini a firma di giornalìssta Katia Golini, Lorenzo Sartorio e Carlo Allodi, a l’usida dal disjonäri Italjàn djalètt Pramzàn dal Profesor Guglielmo Capacchi. L’evént, parché d’ evént bizoggna parlär, al srà in vendita in edìccola da sabot 26 farvär 2011 al prési äd 7,80 pù al prési dal giornäl, ilj usidi i sràn in sèt fasicol. Par consiljär i Pramzàn a l’acuist di fasicol, TV Parma l’à registrè un spot publicitäri con protagonisti du Pramzàn d’ecesjón, Alberto Michelotti e Enrico Maletti. I spot j andran in onda da marcor
dì 23 farvär, e j én stè girè in piasäl San Bartolomeo in un pónt vendita äd fruta e verdura elencànd sia in Italjàn che in djalètt i nom äd socuànt prodott äd fruta e verdura.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)

lunedì 21 febbraio 2011

30 anni di lunario parmigiano alla Palatina donati da Parma Nostra


(Clicca sulle foto per ingrandirle)
(Testo blu in Italiano)
Evento trentennale oggi pomeriggio nel salone Maria Luigia della Biblioteca Palatina. I 30 lunari Parmigiani di Parma Nostra sono stati donati alla Biblioteca Palatina. Il presidente Renzo Oddi ha consegnato al direttore della Palatina Dottor Andrea De Pasquale, le trenta edizioni del Lunario Parmigiano pubblicate dal 1982 al 2011.

Dopo un introduzione di De Pasquale e di Renzo Oddi ha preso la parola il Professor Giuseppe Benelli vice presidente della Deputazione di Storia patria delle province parmensi e presidente della Fondazione organizzatrice del Premio Bancarella che ha spiegato i contenuti dei lunari e l’importanza del lavoro svolto in questi trent’anni dai componenti di Parma Nostra e delle tradizioni che sono pubblicate sui lunari.

Importante è stato l’intervento del Dottor Michele Chiari Bibliotecario della Palatina che ha spiegato la storia dei libri in dialetto conservati in Palatina. Gradito l’intervento dei vice presidenti di Parma Nostra Giuseppe Mezzadri ed Enrico Maletti che hanno letto alcuni brani e poesie dialettali contenute nei lunari.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
30 anni äd lunäri pramzàn ala Palatén’na donè da Parma Nostra

Event trentenäl inco dopmezdì in-t-al salon Maria Luvìgia ädla Biblioteca Palatén’na. I 30 lunäri Pramzàn äd Parma Nostra j én stè donè ala Biblioteca Palatén’na. Al presidént Renzo Oddi là consgnè al diretor ädla Palatén’na Dotor Andrea De Pasquale, il trénta edisjón dal Lunäri Pramzàn publicädi dal 1982 al 2011.

Dopa un introdusjón äd De Pasquale e Renzo Oddi l’à tòt la parola al Profesor Giuseppe Benelli vice presidént ädla Deputasjón äd Storja patria dil provinci parménsi e presidént ädla Fondasjón organizatrice dal Prémi Bancarella ch’ l’ à spieghè i lunäri e l’importansa dal lavor zvolt in trént’àni dai componént äd Pärma Nostra e dil tradisjón ch’ j én publicädi sui lunäri.

Important è stè l’intarvént dal Dotor Michele Chiari Bibliotecäri ädla Palatén’na ch’ l’ à spieghè la storja di libbor in dialètt conservè in Palatén’na. Gradì l’intarvént di vice presidént äd Parma Nostra Giuseppe Mezzadri ed Enrico Maletti ch’ j àn lizù socuànt bran e poezjj djaletäli contgnùdi in-t-i lunär.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto alcuni momenti della cerimonia)

sabato 19 febbraio 2011

Successo del “Cantainsieme” 2011

(Testo blu in Italiano)
Nel salone Parrocchiale di San Paolo, sede della televisione Giovanni Paolo TV, si è svolta la nona edizione di “Cantainsieme”. La manifestazione canora organizzata da Cesma Centro Studi Musicali A.N.S.P.I. ha visto esibirsi sul palcoscenico 30 cantanti in erba e 3 cori divisi in tre categorie. Per la categoria dai cinque agli undici ani, il primo premio è andato a Romina di 9 anni con la canzone “Il cerchio della vira”.

Nella categoria dai 11 ai 13 anni, si sono classificate al primo posto Giulia e Cecilia con “Ti vorrei sollevare”, mentre per la categoria dei cori ha vinto quello del Beato Cardinal Ferrari diretto da Giusy Rubano. Tutti i partecipanti, classifica a parte, sono stati apprezzati dal pubblico. Il saluto all’edizione 2012 che sarà la decima di “Cantainsieme”. Lo spettacolo è stato presentato da Enrico Maletti con l’organizzazione di Nicola Gennari.

(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Sucés dal “Cantainsieme” 2011
In-t-al salon Parochiäl äd San Pavol, sede ädla televizjón Zvàn Pavol TV, s’è zvolt la nona edisjón äd “Canta
insieme”. La manifestasjón canora organizäda da Cesma Centro Studi Musicali A.N.S.P.I. l’à vìsst ezibiros sul palchsénich 30 cantant in erba e 3 cori divìz in trèj categorjj. Par la categoria dai sincov ai vun’dz ani, al prim prémi l’é andè a Romina äd 9 àni con la canson “Il cerchio della vira”.



In-t-la categoria dai 11 ai 13 àni, s’é clasifichè al primm post Giulia e Cecilia con “Ti vorrei sollevare”, e par la categoria di cori a véns còll dal Beato Cardinal Ferrari dirét da Giusy Rubano. Tutt i partecipant, clasifica a pärta, j én stè apresè dal pùbblich. Al salut a l’edisjón dal 2012 ch’ l’à srà la decima äd “Cantainsieme”. Al spetacol l’é stè prezentè da Enrico Maletti con l’organizasjón äd Nicola Gennari.
(Pramzàn dal sas))




(Tgnèmmos vìsst

E’ morto Francesco Saponara giornalista dell’Informazione di Parma.

(Testo solo in Italiano)
Francesco Saponara giornalista dell’Informazione di Parma si è accasciato ieri sera appena rientrato a casa dopo aver finito di scrivere un articolo in redazione a Parma. Alla moglie e alla piccola figlia di solo 20 giorni le condoglianze di Parmaindialetto.
Enrico Maletti

giovedì 17 febbraio 2011

da l' AVIS Provinciale di Parma, riceviamo e pubblichiamo.


(Testo solo in Italiano)

Carissimi amici, a causa di un grave ritardo nella consegna degli inviti alla nostra assemblea da parte di Poste Italiane, chiediamo la vs collaborazione per diffondere il seguente messaggio:

L'
AVIS Comunale di Parma invita tutti i soci a partecipare all'Assemblea ordinaria che si svolgerà

SABATO 19 Febbraio alle ore 14,30

presso
l'AUDITORIUM CAVAGNARI di CARIPARMA in Via Spezia 138/A.

Siete vivamente pregati di partecipare a questo importante momento associativo.

Distinti saluti

Il Presidente

Doriano Campanini

mercoledì 16 febbraio 2011

"PARMA NOSTRA" dona i 30 anni di Lunari Parmigiani alla Palatina

Clicca sopra l'invito per ingrandire.
Lunedi 21 febbraio verranno donati dal presidente Renzo Oddi e da una delegazione di Parma Nostra i 30 Lunari Parmigiani usciti dal 1981 al 2010. Ad accogliere la donazione sarà Andrea De Pasquale direttore della Biblioteca Palatina e del Museo Bodoniano.
Enrico Maletti
(Tgnèmmos vìsst)

lunedì 14 febbraio 2011

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 14 febbraio 2011












(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Milan Pärma 4-0

Prìmma äd tutt a mètt il man avanti, a vrìss capir cme ’s pól fär a där di béj vót par jerdlà, no parchè a gh’ sarà anca un cuälchidón ch’ al gh’ à al coràg’ äd dir ch’ a son catìv

Mirànt zéro : adésa tacämma a fär il plùgghi anca a Mirànt, parchè s’ t’an’ a ‘n l’ò ancòrra vìsst fär ‘na paräda decizìva, ansi a dirla tùtta jerdlà al prìmm e al tèrs gol con un pò pu äd cativérja i ’s podävon evitär ! N’ätor riscat un pò tròp in présja ?

Zacärd zéro : fòrsi fòrsi l’unnich suficént, da la so pärta un ragasòt e l’à zburlè un bél pò, purtròp al zburläva cme un dispèrs in-t-la Parigi Dakar in méza al dezèrt

Lucaréli zéro : cuàtor gòl in méza a l’area ! Avärt in du cme un pàn äd butér !

Paci zéro : uguäl al so socio äd repärt, con la péca che in-t-al prìmm gol l’à fat un movimént che gnanca al Fèro äd Barbjàn l’arìss mäj e pò mäj fat

Gobbi zéro : ‘na confuzjón ch’ a paräva i pòrtogh äd Via Mazzini sòtta Nadäl, Oddo a ’s n’é magnè un toch a clasjón, vón par diznär, vón par mrénda e l’ultim tòch a sén’na !

Dzemaili vón : un vót in pu par l’ùnnich tir in porta, p’r al rést n’ätra partìda sénsa ‘na logica sénsa un critéri sénsa njénta

Valian zéro : di vè a ’n sarà miga ch’ l’é drè a zugär Lupatéli al pòst äd Valiani ah ? Parchè s’ t’an’ chilù al n’é gnan parént äd còl äd l’an’ pasè, e dir ch’ al còrra cme un mat e m’ in dispjäz bombén därogh zéro mo ragas, vùnna che vùnna giùssta gnànca par zbalj

Candréva zéro : cme corsa njénta da invidiär a Gelindo Bordin o a Stefano Baldini, purtrop al Meazza ( e gnànca al Tardini ) j’én al Campo Scuola äd Via Po

Giovinco zéro : formìga al Meazza ancòrra pu formìga ! A ‘n m’ arcord miga ‘na zugäda che vùnna !

Amauri zéro : “da zero a dieci” äd Ligabue l’é al film d’Amauri ch’ il do partìdi chi, purtrop chi al film ch’ a s’ tacarà a väddor insìmma al schèrom dal Tardini l’é “lotta per la sopravvivenza”, e sperämma äd dover miga väddor di zombi !

Hernan zéro : anca par tì Hernan, zéro cme tutt ch’j ätor e al so che a ’t arìs dè fastìddi sa t’avìss dè un vót divèrs da ch’j ätor ! Adésa però anca basta conferénsi stampa e apél ! T’al sè che la génta äd Parma la sà da lè cme fär, vojätor tésta bàsa e prìmma äd tutt spudär sàngov fiddògh e mìlsa in camp ! Parchè chi l’é nota fonda un bél pò e col film chi a l’ämma vìsst trì an’ fa e n’ al vrämma pu vèddor

Marino zéro : Mìsster mo al sal che mi a fär il pagéli a partìss dai nom äd la pagéla ädla partìda prìmma e ogni volta pu äd du a n’j a cambi mìga ? E dir ‘na volta tant ch’ l’é anca colpa sòvva sénsa sarcär tròpi scùzi, anca se lu in-t-al podio di colpévol al gh’ à la mdàja äd brónz e basta, e läs indvinär a la génta la mdàja d’argént e còlla d’òr !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testi di Crociato 63)(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)





sabato 12 febbraio 2011

Inaugurata la biblioteca “Enzo Terenzani” alla Corale Verdi.


(Clicca sulle foto per ingrandirle)
(Testo blu in Italiano)
La cerimonia di inaugurazione della biblioteca donata da Laura Terenzani e i figli Enrico e Marcello, ha avuto luogo nei locali della Corale Verdi in vicolo Asdente. Come da copione alle ore 18, davanti a un folto pubblico di Parmigiani, Andrea Rinaldi, presidente della Corale Verdi, Renzo Oddi, presidente di Parma Nostra e la signora Laura vedova di Enzo Terenzani, hanno dato il via all’ inaugurazione della biblioteca Enzo Terenzani donata dalla famiglia.
Oltre 2000 libri che Terenzani aveva collezionato in vita, ovviamente tutti targati PR, si, libri della storia di Parma e di tutto ciò che riguarda Parma. Enzo Terenzani fondatore e primo presidente di Parma Nostra, spentosi il 6 luglio 2006, era un amante della storia della nostra Parma, era un ricercatore ha lavorato fino in ultimo per la salvaguardia delle tradizioni e del nostro dialetto.

All’inaugurazione oltre al pubblico erano presenti i vice presidenti di Parma Nostra Giuseppe Mezzadri e Enrico Maletti, il professor Giuseppe Marchetti, il consigliere regionale Roberto Corradi, il delegato del Sindaco Ferdinando Sandroni, la maestra del coro dei bambini della Corale Verdi Beniamina Carretta, coro che era stato voluto da Terenzani dal 1993 e altre personalità Parmigiane. La biblioteca è aperta a tutti i Parmigiani.
(Testogiallo dialetto Parmigiano)
Inauguräda la bibliotéca “Enzo Terenzani” ala Corale Verdi.
La cerimònia d’ inaugurasjón ädla bibliotéca regaläda da Laura Terenzani e i fjój Enrico e Marcello, l’é s täda fata in-t-i locäl ädla Corale Verdi in vicolo Asdente. Cme da copión alj óri 18, davanti a un pubblich äd Pramzàn, Andrea Rinaldi, presidént ädla Corale Verdi, Renzo Oddi, presidént äd Parma Nostra e la sjòra Laura vèddva d’ Enzo Terenzani, j àn dè al via a l’ inaugurasjón ädla biblioteca Enzo Terenzani regaläda dala famìja.

Oltra 2000 lìbbor che Terenzani l’äva colesjonè in vìtta, oviamént tùtti targhè PR, si, lìbbor ädla stòrja äd Pärma e äd tutt còll ch’a riguärda Pärma. Enzo Terenzani fondator e prìmm presidént äd Parma Nostra, mort al 6 lujj 2006, l’éra un amant ädla stòrja ädla nostra Pärma, l’éra un ricercator l’à lavorè fin in ùltom par la salvaguärdia dil tradisjón e dal nostor djalètt.
A l’inaugurasjón oltra al pubblich gh’éra prezént i vice presidént äd Parma Nostra Giuseppe Mezzadri e Enrico Maletti, al profesor Giuseppe Marchetti, al consjér regionäl Roberto Corradi, al deleghè dal Sìnndich Ferdinando Sandroni, la méstra dal coro di putén ädla Corale Verdi Beniamina Carretta, coro ch’ l’ éra stè volsù da Terenzani dal 1993 e ätri parsonalitè Pramzàni. La biblioteca l’é avèrta a tutt i Pramzàn.
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nelle foto, alcuni momenti della cerimonia)

giovedì 10 febbraio 2011

martedì 8 febbraio 2011

Donazione della biblioteca di Enzo Terenzani alla Corale Verdi


(Testo blu in Italiano )
Sabato prossimo 12 c.m. alle ore 18,00 si terrà la cerimonia di consegna della biblioteca di Enzo Terenzani, donata dalla vedova sig.ra Laura, alla Corale Verdi, in vicolo Asdente. Si tratta di una biblioteca che Enzo Terenzani, fondatore e primo Presidente dell’Associazione Culturale “Parma Nostra”, aveva collezionato, libri in prevalenza riguardanti la storia di Parma, Maria Luigia, un vero patrimonio culturale. Oltre alla vedova sig.ra Laura parteciperanno alla cerimonia i soci di “Parma Nostra” guidati da Renzo Oddi attuale Presidente del sodalizio Parmigiano.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Donasjón ädla biblioteca d’ Enzo Terenzani ala Corale Verdi

Sabot ch’ v’én 12 c.m. alj ori 18,00 a gh’ sarà la cerimonia äd consèggna ädla biblioteca d’ Enzo Terenzani, regaläda dala vèddva sig.ra Laura, ala Corale Verdi, in vicolo Asdente. A ‘s trata äd ‘na biblioteca che Enzo Terenzani, fondatór e primm Presidént äd l’Asociasjón Culturäla “Parma Nostra”, l’äva colesjonè, libbor in prevalénsa riguardant la storja äd Pärma, Maria Luvìggia, un vér patrimònni culturäl. Oltra ala vèddva sig.ra Laura a srà prezént ala cerimonia i sòsi äd “Parma Nostra” guidè da Renzo Oddi atuäl Presidént dal sodalìssi Pramzàn.
(Enrico Maletti)
(Tgnèmmos vìsst)
(Nella foto, Enzo Terenzani)

lunedì 7 febbraio 2011

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 8 febbraio 2011










(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Pärma Fiorentén’na 1-1

Mirànt sèt : gran béla paräda su Mutu, la väla al vót parchè Mutu sgnär a Pärma dòpa déz second ch’ l’éra in camp la sarìss städa la còza pù fastidjóza ch’ a ’s podìss immaginär

Zacärd séz : Santana e Marchionni j’én du cliént nojóz, t’ é fat al tò lavor cme sémpor sénsa zburlär tròp mo sénsa gnànca subir un granchè

Lucaréli sèt : béla batalia col Gila, che ràsa äd ravojamént dil volti, a tutt il manéri a né ’t l’é mäj fat tirär in porta e l’é béle un gran sucés

Paci séz : a ’t vój där par därot la scòsa, parchè anca jerdlà a ’t s’ér agitè, pòch trancuìl e pòch luccid, anca s’ as vädda che fizicamént a té gh’ si ecome, l’é la tésta adésa da mèttor cälma

Gobbi cuàtor : dailà mo cme s’ fa a fär un rigor acsì, d’acordi che in area i sé zburlon tutt mo ti ’t päräv Maddoloni al campjón olimpich äd judo a ’t l’é zacuè

Dzemaili sìncov : corsa vlontè cme al sòlit, mo specialmént cuand äd geometra té gh’ si restè da tì, la scuädra in bòlla a ’n t’é gh’ l’é caväda pu a mèttorla

Galloppa séz : a m’al spetäva col cäl fìzich chì, l’é normäl dòpa trej o cuator partìdi cuand s’artórna da n’infortùnni acsì, dai cälma che in cla scuädra chi a ’t sarvìss cme òr colè

Valian sìncov : a m’in dispjäz al sìncov parchè col ragas chi l’é äd sicur vón ch’ a spùda sàngov ogni partìda però al gh’ à avù do volti la posibilitè äd mèttor un compagn in porta in-t-al finäl e par do vòlti i pè ì t’àn tradì ala granda

Palladén sìncov : dal tridént juventén ( guärda tì có ’s tòcca dir ) séns ätor l’é al pu fiach in col momént chi ! Dai lòmo va da l’Olga e fat där un chilo äd caval pìsst tutt i dì che a Pärma l’é bón e ‘l fa bén !

Giovinco séz : purtrop njént äd decizìv, mo al m’é piazù parchè l’à lotè con génta al dòppi che lu sénsa paura, elóra còssta chi l’é la dimostrasjón che mi a gh’ n’ò basta äd väddor ädla génta ch’ l’à lòta e cme mi al pubblich äd Pärma

Amauri déz : un gol da sigla televizìva, ‘na traversa, socuànt zugädi spetacoläri, bé a gh’ n’é basta par därogh un déz, sperämma ch’al continua acsì e magàra ch’al pòsa fär copia con Hernan

Morón séz : narvozìsom, séns’ ätor còl ch’ a sénta äd pu ch’là situasjón chì, dificilìsima dabón

Hernan séz : Hernan, Hernan, a’t gh’ äv al match ball, l’é andè fóra äd du dìd, ciàpja par man tutt e tìrja fóra da ch’ l’ opresjón chì, che ormäj a se zveljämma tutt il nòti tutt sudè… che ch’ l’an’ chi al pär la fotocopia dal 2008….e mi col finäl lì a n’al vój pù rivìvor gnàn p’r insònni.

Marino sìncov : Mìsster, ancòrra ‘na volta i schema mi a n’ j’ò miga vìsst ! Saròja òrob mi ? La vlontè la gh’é städa tùtta, la luciditè, i schema gnàn par burla…… e pò par piazér, stämma miga arvoltär tròp la fritäda ah ? Che chi c’ si i pregiudìssi s’ a ’s vädda il cózi fati da razón a n’ja fa nisón !
(Pramzàn dal sas)
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

domenica 6 febbraio 2011

Il “big match” degli amministratori Parma Fiorentina 2-4 arbitro Alberto Michelotti.

(Testo blu in Italiano)
Amministratori Parma Fiorentina 2-4

Nel campo sportivo di Fognano si è svolta la partita che ha visto in campo gli amministratori di Parma e Firenze. Gli Amministratori della Casa Comunale di strada Repubblica a Parma non sono riusciti a capovolgere il risultato dell’andata a Firenze che era di 3-2, per i toscani ma si sono fatti superare per 4-2 dagli Amministratori della squadra Gigliata.

Arbitro il grande Alberto Michelotti che è risultato uno dei migliori in campo come prestazione fisica. Peccato che i componenti del Parma non abbiano potuto indossare la mitica maglia Crociata. Alla fine tutti a pranzo in un ristorante della zona, è stata una simpatica iniziativa per vivere lo sport con lo spirito giusto.


(Testo giallo dialetto Parmigiano)
Aministradór Pärma Fiorentén'na 2-4
In-t-al camp sportiv äd Fognan s’é zvolt la partida ch’l à vìsst in camp j aministradór äd Pärma e Firéns. J Aministradór ädla Ca Comunäla äd sträda Repubblica a Pärma i n’é gh’ l’àn mìga caväda a scaravoltär al rizultät äd l’andäda a Firéns ch’l’ éra äd 3-2, p’r i toscàn mo i s’én fat superär par 4-2 da j Aministrdór ädla scuädra Giliäda.


Arbitro al grand Alberto Michelotti ch’l’ é rizultät vón di pu bón in camp cme prestasjón fizica. Pchè che i componént dal Pärma i n’àn mìga podù indosär la mitica maja Crozäda. Ala fén tutt a diznär in-t-un ristorant ädla zona, l’é städa ‘na simpatica inisiatìva par vivor al sport con al spirit giusst.
(Tgnè
mmos vìsst)
Enrico Maletti
Intervista a Michelotti su www.stadiotardini.com
(Nelle foto alcuni momenti della partita)