Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







giovedì 29 settembre 2011

Pietro Vignali: lettera alla città dopo le dimissioni




“A LÄS DA PARSÓN’NA ONÉSTA
CH’ L À SÉMPOR LAVORÈ
P’R AL BÉN ÄDLA NÒSTRA CITÈ”

(Testo giallo dialetto parmigiano)
"Cär i mè pramzàn,
Con il dimisjón a s’ sära su la mè esperjénsa da sìnndich e da aministratór äd cla citè chì. Dimisjón che al Consìlli Comunäl al srà ciamè a tór at’.
Còsste l’ a ‘n n’è mìga par mì ‘na decizjón facil, parché n’é mìga sémplic’zgasär pu äd 13 ani äd vìtta dedichè a témp pjén ala mè citè, sénsa mäj risparmjärom a mèttrogh tùtta la mè vlontè e il mè capacitè.
S’ avìss compì ‘na selta in-t-al mè intarés parsonäl arìss dè il dimisjón za a zùggn: a m’ sarìss risparmjè trì méz äd dificoltè e presjón enòrom, äd mediasjón znarvànti, d’atach parsonäl.
A ‘n n’ò mìga dè il dimisjón alora parchè bizgnäva portär in fonda socuànti còzi fondamentäli par la citè e garantìr la realizasjón d’ evént fondamentäl cme al Festival Verdi.
In chi ùltom trì méz chì, infati, émma fat còzi ch’i éron asolutamént indispensàbili, còzi ch’i andävon fàti: èmma votè i nóv Pjàn industriäl dilj Aziéndi, sistemè al Bilanc’ comunäl, portè avanti divèrs cantér, terminè e inaugurè òpri.
Ätri i sarìsson ancòrra da fär, mo adésa gh’è stè n’ätor fàt gräv ch’ al vèdda coinvòlt n’asesor ädla mé Zónta.
Adésa ilj inchiésti giudisjäri in riguärdon pu sol di funsjonäri comunäl mo esponént polìttich äd l’Aministrasjón. La difarénsa l’é decizìva. E m’ òbliga d’ afrontär tùtti il mè responsabilitè, ch’i ‘n n’én mìga parsonäli mo polìtichi. La mè cosiénsa, la mè manéra d’inténdor la polìttica, al rispét par la mè pozisjón äd sìnndich l’a m’ l’òblìga.
In Itàlja, in-t-al centordéstra e in-t-al centorsinìsstra, il dimisjón i ‘n s’ dan gnànca davanti al condàni, figurèmmos cuand a’n s’é gnànca indaghè. Però còsste al n’è mìga par mi un motìv suficént par restär. L’é ‘na sèlta doloroza, amära. Mo un sìnndich al gh’à da savér fär anca còsst. In chi ani chì Pärma l’é miglioräda enormemént,in-t-i sarvìssi e in-t-ilj oportunitè. Pochi ätri citè j ‘én städi acsì dinamichi e fatìvi, e rivär a di rizultät compàgn l’é städa vùnna dil sodisfasjón pu grandi ädla mè vìtta. Sicuramént in n’én mìga städi sénsa eror. Mo j’ ò fat tant, èmma fat tant insémma, incoragè dai citadén ch’i ‘n vrävom mìga tornär al sòliti cozi dal pasè.
La crizi econòmica mondjäla l’à incìz profondamént sui progét aviè da divärs ani, cme la nóva Giära, la séda äd l’Authority (ch’ l’è béle fnìda e la srà inavguräda prést), la nóva stasjón, al pont Evropa, la Scola Evropéa e la ricualificasjón dal compärt Pasubio, ch’ i ‘n spodävon mìga farmär e che cuand i sran fnì i rendaràn Pärma ancòrra pu moderna e atrativa.
N’òpra che invéci j ò decìz äd frmär é stè la metropolitana, un progét da 365 miljón d’ evro che al nóv contést econòmich al rendäva insostenìbbil. Na rinuncia che i citadén j àn condivìz, parché j àn capì ch’ éra stè fat in-t-al lor intares, mo ch’ j ò paghè cära.
La nòstra l’é ‘na citè ch’ l’a ‘n acéta mìga särt eror e ‘na särta avtonomìa ädla polìtica, sopratùtt cuand in bal a gh’è di afäri miljonäri.
Pärma però incó l’a ‘n gh’à mìga bizòggna äd contìnnov scontor frontäl, äd publicitè negativa in-t-i giornäj locäl, nasjonäl e evropéi, d’ insult, zbràj e òdi riversè in pjàsa.
Son sicur che la magiorànsa moderäda e parbén di pramzàn l’a srà bón’na äd giudicär cuant è sucés sémsa però zgasär il concuìssti e i benefìc’ äd 15 ani äd bón gvèron ädla citè.
Par còsst incó a fàgh un pas indrè e a m’ fàgh carich anca äd responsabilitè mìga méjj, s’a pol iutär la citè a ritrovär la serenitè e il condisjón par ripartir.
Ripartir da j óltra 70 miljon d’ evro äd fond inisialmént destinatè ala metropolitana, ch’ a sèmma riusì, con grandi dificoltè, a portär a ca e ch’i parmetràn, in chi témp äd crizi chì, äd completär la nóva stasjón, äd costruir ca d’ edilìssja sociäla, e portär a términ tant ätor progét veramént ùttil.
Un risultät polìttich ch’l’éra a portäda äd man mo che nison comisäri l’arìss podù fär. Par còsste, mìga p’r ataccamént ala poltrón’na o ala cariéra polìttica, a son restè al mè post in chi méz chì, nonostànt tutt.
Mi a läs da parsón’na onésta ch’l’a sémpor lavorè p’r al bén ädla nòstra citè.
Ringràsi tutt i citadén äd Paärma che in chi ani chì i m’àn dè fiducia, i tant chi continuon a dimosträrom al sò afét, e am’ scuz con còj ch’j ò deluz. Mi a gh’lò mìssa tùtta.
L’amor par Pärma al m’à guidè in chi ani chì, e continuarà a guidärom anca in futùr, se i pramzàn i vràn. Còsste l’é l’impìggn ch’a ‘n én tirarò mäj indrè".
Pédor Vignäli

(Testo blu in Italiano)
Cari parmigiani,
con le dimissioni si chiude la mia esperienza da sindaco e da amministratore di questa città. Dimissioni di cui il Consiglio Comunale sarà chiamato a prendere atto.
Questa non è per me una decisione facile, perché non è semplice cancellare più di 13 anni di vita dedicati a tempo pieno alla mia città, non risparmiandomi mai e mettendoci tutta la mia volontà e le mie capacità.
Se avessi compiuto una scelta nel mio interesse personale mi sarei dimesso già a giugno: mi sarei risparmiato tre mesi di difficoltà e di pressioni enormi, di estenuanti mediazioni, di attacchi personali.
Non mi sono dimesso allora perché bisognava portare a termine alcune opere fondamentali per la città e garantire la realizzazione di eventi fondamentali come il Festival Verdi.
In questi ultimi tre mesi, infatti, siamo riusciti a fare cose che erano assolutamente indispensabili, cose che andavano fatte: abbiamo votato i nuovi Piani industriali delle Aziende, assestato il Bilancio comunale, portato avanti diversi cantieri, terminato e inaugurato opere.
Altre sarebbero ancora da fare, ma ora è accaduto un altro fatto grave che vede coinvolto un assessore della mia Giunta.
Adesso le inchieste giudiziarie non riguardano più solo dei funzionari comunali ma esponenti politici dell’Amministrazione. La differenza è decisiva. E mi obbliga ad affrontare tutte le mie responsabilità, che non sono personali ma politiche. La mia coscienza, il mio modo d’intendere la politica, il rispetto per il mio ruolo di sindaco me lo impongono.
In Italia, nel centrodestra e nel centrosinistra, le dimissioni non si danno neppure davanti alle condanne, figuriamoci quando non si è nemmeno indagati. Tuttavia questo non è per me un motivo sufficiente per rimanere. E’ una scelta dolorosa, amara. Ma un sindaco deve saper fare anche questo.
In questi anni Parma è migliorata enormemente, nei servizi quanto nelle opportunità. Poche altre città sono state così dinamiche e fattive, e raggiungere questi risultati è stata una delle soddisfazioni più grandi della mia vita. Sicuramente non sono stato esente da errori. Ma ho fatto tanto, abbiamo fatto tanto insieme, incoraggiati dai cittadini che non volevano tornare all’immobilismo del passato.
La crisi economica mondiale ha inciso profondamente su progetti avviati da diversi anni, come la nuova Ghiaia, la sede dell’Authority (che abbiamo completato e che sarà inaugurata a breve), la nuova stazione, il ponte Europa, la Scuola Europea e la riqualificazione del comparto Pasubio, che non si potevano fermare e che quando saranno terminati renderanno Parma ancora più moderna e attrattiva.
Un’opera che invece ho deciso di fermare è stata la metropolitana, un progetto da 365 milioni di euro che il nuovo contesto economico rendeva insostenibile. Una rinuncia che i cittadini hanno condiviso, perché hanno compreso che era stata fatta nel loro interesse, ma che ho pagato cara.
La nostra è una città che non tollera certi sgarri e certa autonomia della politica, soprattutto quando in ballo ci sono affari milionari.
Parma però oggi non ha bisogno di continui scontri frontali, di pubblicità negativa sui giornali locali, nazionali ed europei, di delegittimazione pregiudiziale di ogni progetto, di insulti, urla e odio riversati in piazza.
Sono sicuro che la maggioranza moderata e perbene dei parmigiani saprà giudicare quanto accaduto senza però cancellare le conquiste e i benefici di 15 anni di buon governo della città.
Per questo oggi faccio un passo indietro e mi faccio carico anche di responsabilità non mie, se può aiutare la città a ritrovare la serenità e le condizioni per ripartire.
Ripartire dagli oltre 70 milioni di euro di fondi inizialmente destinati alla metropolitana, che siamo riusciti, tra grandi difficoltà, a portare a casa e che permetteranno, in questi tempi di crisi, di completare la nuova stazione, di costruire case di edilizia sociale, di portare a termine tanti altri progetti veramente utili.
Un risultato politico che era a portata di mano ma che nessun commissario avrebbe potuto raggiungere. Per questo, non per attaccamento alla poltrona o alla carriera politica, sono rimasto al mio posto in questi mesi, nonostante tutto.
Io lascio da persona onesta che ha sempre lavorato per il bene della nostra città.
Ringrazio tutti i cittadini di Parma che in questi anni mi hanno dato fiducia, i tanti che continuano a dimostrarmi il loro affetto, e mi scuso con quanti ho deluso. Io ce l’ho messa tutta.
L’amore per Parma mi ha guidato in questi anni, e continuerà a guidarmi anche in futuro, se i parmigiani lo riterranno. Questo è l’impegno a cui non mi sottrarrò mai".
Pietro Vignali

martedì 27 settembre 2011

La Duchessa Maria Luigia in via Cavour con Mauro Biondini.

(FOTO DI STEVE MEZZADRI)


(TESTO BLU IN ITALIANO)
La Duchessa Maria Luigia in via Cavour con Mauro Biondini.
A chi è capitato di transitare in via Cavour mercoledi 21 settembre verso le ore 15, probabilmente pensava di sognare o di essere nel periodo di carnevale, perché in quel momento passeggiava la Duchessa Maria Luigia con il regista Mauro Biondini. Non era neppure un miraggio, era la soprano Paola Sanguinetti nei panni della Duchessa, per l’occasione di alcune scene del film documentari sulla vita di Maria Luigia, scritta, diretta e curata dalla regia di Mauro Biondini. Dopo avere girato alcune scene al parco ducale sotto il tempietto dell’Arcadia, con un paio di paggetti e due dame di compagnia, interpretate da Barbara Biondini, e da Francesca Strozzi, che per l’occasione ha lasciato la scrivania del TG di TV Parma, la Soprano Sanguinetti, si è portata dal Museo Lombardi dove aveva registrato un brano accompagnata al pianoforte da Silvia Rossi, per recarsi al palazzo Dalla Rosa Prati, per la registrazione di una scena dove l’aspettava a fargli gli onori di casa la Marchesa Zaira Dalla Rosa Prati, nella parte della prima dama di compagnia della Duchessa. In questa scena, che si è svolta nella stupenda sala del palazzo Dalla Rosa Prati, una delle due scene principale del film , l’altra girata due mesi fa al Teatro Regio, il regista Mauro Biondini ha ricreato un pomeriggio dove Maria Luigia si è intrattenuta con le dame di compagnia e l’incisore Paolo Toschi, (il sottosrìtto) l’architetto Nicola Bettoli, (Gianni Godi) e l’archivista Angelo Pezzana, (Luigi Raffaelli). Lo stilista Artemio Cabassi, nei panni del francese Leroi, ha curato anche i costumi. Un cast tutto parmigiano per un documentario tutto parmigiano che ricorda la Duchessa che ha amato Parma. In aprile del prossimo anno il film verrà presentato al teatro Regio grazie alla collaborazione del Rotary club Parma. Un bravo a Mauro Biondini, che da regista dilettante, come lui si definisce, è stato capace di scrivere e dirigere questo documentario con la professionalità di un grande regista.


(TESTO GIALLO IN DIALETTO PARMIGIANO)
La Duchèssa Maria Luvìggia a pasègg’ in via Cavour con Mavro Biondén
A chi è capitè äd pasär in via Cavour marcordì 21 setémbor vèrs il trè óri dal dopmezdì, probabilmént al pensäva äd sognär o d’ésor in-t-al perìod äd carnväl, parché in còl momént lì pasegiäva la Duchèssa Maria Luvìggia col regìssta Mavro Biondén. Al n’éra gnànca un miràg’, l’éra la soprano Paola Sanguinètt in-t-i pagn ädla Duchèssa, ch’ la giräva socuànt séni dal film documentäri su la vìtta äd Maria Luvìggia, scrìtta, diréta e curäda dala regia äd Mavro Biondén. Dòp avér girè socuànt séni in zardén pùbblich sòtta al tempiètt äd l’Arcadia, con un pär äd pagètt e do dami äd compagnia, interpretädi da Bärbra Biondèn, e da Francesca Strozzi, che par l’ocazjón l’à lasè la scrivania dal TG äd TV Parma, la Soprano Sanguinètt, l’ à s’é portäda dal Muzeo Lombärdi indò l’äva registrè un bràn muzicäl, compagnäda al pjan-e-fòrt da Silvia Rossi, p’r andär al palàs Dalla Rosa Prati par la registrasjón äd ‘na séna indò l’aspetäva a fär j onor äd ca la Marchesa Zaira Dalla Rosa Prati, ch’ la interpretè anca la pärta ädla prìmma dama äd compagnia äd la Duchèssa. In cla séna chì, ch’ l’é städa giräda in-t-la stupenda säla dal palas Dalla Rosa Prati, vùnna dil do séni principäl dal film, l’ätra giräda du méz fa al Teator Regio, al regìssta Mavro Biondén l’à ricreè un dopmezdì indò Maria Luvìg
gia l’ a s’é tratgnùda con il dami äd compagnia e l’incizor Paolo Toschi, (al sotosrìtt) l’architètt Nicola Bettoli, (Gianno Godi) e l’archivìssta Angelo Pezzana, (Luigi Raffaelli). Al stilìssta Artemio Cabassi, in-t-i pagn dal francéz Leroi, l’à curè anca i costum. Un grup tutt pramzàn p’r un documentäri tutt pramzàn ch’ l’arcorda la Duchèssa inamoräda äd Pärma. In avril äd st’an’ ch’ vén al film al srà prezentè al teàtor Regio gràsja ala colaborasjón dal Rotary club Parma. Un bräv a Mavro Biondén, che da regìssta diletant, cme lu al diz d’ésor, l’é stè bón äd scrìvvor e dirìggior còl film documentäri chì con la profesjonalitè d’ un grand regìssta.
(Tgnèmmos vìsst)
(Leggi l'articolo su www.pramzanblog.com )












































lunedì 26 settembre 2011

INSIEME...una forza per vincere la S.L.A. SABATO 1 OTTOBRE 2011, ore 21,00.





Il ricavato della Rassegna Corale sarà interamente devoluto ad AISLA Onlus sez. di Parma a sostegno di progetti sul territorio.

Ringraziamo fin da ora tutti quelli vorranno sostenerci, con la loro presenza alla serata


2 OTTOBRE GIORNATA NAZIONALE SLA

Questo importante evento, trova Aisla sez. di Parma impegnata sempre con lo stesso obiettivo sconfiggere la Sclerosi laterale Amiotrofica

ABBIAMO BISOGNO ANCHE DEL TUO CONTRIBUTO

Saremo presenti con un banchetto nelle seguenti piazze:

Parma – via Mazzini,2 ( angolo p.zza Garibaldi ), Colorno – p.zza Garibaldi,

Fidenza – p.zza Garibaldi, Traversetolo – p.zza Vittorio Veneto, Borgotaro – via Nazionale

AIUTACI! informando e coinvolgendo alla raccolta fondi amici, parenti, colleghi di lavoro…

L’unica opportunità per vincere questa malattia è affidata alla ricerca ed è per questo che in occasione della Giornata Nazionale SLA del 2 ottobre 2011, AISLA Onlus, ha scelto di promuovere una campagna di raccolta fondi per finanziare un importante progetto di ricerca. Il progetto sarà finalizzato alla sperimentazione di una nuova possibile speranza terapeutica per il trattamento della Sclerosi laterale Amiotrofica con Ciclofofamide, sostenuto da Trapianto Autologo di Cellule Staminali Ematopoietiche. Il coordinamento del progetto sarà affidato al dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica dell’Università degli studi di Genova, mentre l’ente promotore sarà il Centro Clinico Nemo.

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 27 settembre 2011

















(Testo in dialetto Parmigiano)

Pärma Ròmma 0-1

Mirànt zéro : usidi a vód, sul gol un cuärt d’ora p’r andär zò, ‘na gàta sul päl äd Totti, insòmma un dizastor su tùtta la linea, cambia regìsstor lòmo parchè chi l’é béle nòta prìmma äd cminsèr

Zacärd sìncov : periodàs ah (ex) Miclón ? Zburlär poch, diféndor a fadìga, un gol magnè un pär äd dormidi, dzämma ch’ a s’é vìsst di Zacärd molt molt pu in forma che adésa

Lucaréli zéro : n’ätor gol d’ in méza a l’area, la diféza pu batùda dal campionät, sarà stè al siopero ch’ a v’ à deconcentrè ?

Palètta zéro : un vot äd par condicio, mo chi l’é griza miga poch sémp’r in méza cme un giovedì, la bala sémp’r a ch’j ätor e sémpor déz mèttr’ in ritärdi…. Vädda tì

Gobbi séz : vón di poch ch’ a s’é salvè, sénsa strafär l’à fat al compitén, almeno al zuga in dó l’é bón…. Almeno col lì

Biabiany zéro : e va bé, al corarà, al farà äd l’òvra, mo zbaljär col ch’ l’à zbaljè lu l’ùltma volta al l’äva vìsst fär da Daniele Capra tarsén dal Barbjàn in-t-al sabjón äd Torciära che lavor

Morón zéro : dailà capitàn, che fadìga sémp’r a còrror ‘drè a tutt e ciapär mäj la bala, dil volti a parì un film äd Ridolini dabón a ‘n scärs miga

Galloppa zéro : e dato ch’ a sämma adrè arcordär socuant zugadór d’ j amatór, ti a t’ pär Tonino Mora, centorcampìssta elegant e cój pè bón mo ch’al fäva tri pas in-t-un cuadrél, al fat l’é che ti a t’ n’ in fè sìnch e t’ zùgh in sèria A

Modést séz : almeno lu al còrra e parècc’, avanti indrè avanti indrè, insèmma a Gobbi sicuramént vùnna dil pochi còzi pozitivi fin adésa

Giovinco sèt : corsa impìggn vlontè, purtrop al n’à mìga calcolè che con Biabiany la va bén ‘na volta su déz, a tutt il manéri, picén fat su ‘l manghi ch’a t’ gh’è un bél carètt da tirär

Flocäri zéro : ì gh’ àn pu mobilitè a l’Inps che col ragas chi…. Piantè cme un gruggn, s’al ‘ne s’arpìccla mìga a gh’é da mèttros il man in-t-i cavij…

Colomba cuàtor : mìsster purtrop cuand a s’ gh’ à la diféza pu imbuzìda dal campjonät cuél ch’ a struza al gh’é, adésa basta girotónd, che anca a Nanni Moretti ch’la moda li la gh’é duräda pòch, l’é véra che i du brasén curt in s’én miga tant sprechè a spéndor di sold par comprär ädla roba äd prìmma mo ch’al próva a fär i nóz cój figh sèch sionò purtrop la moda l’é ch’ a päga l’alenadór anca se a pagär a dovrìs ésor ädj ätor.

(Tgnèmmos vìsst)

(Testo di Crociato 63)(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)



“Fare legna” ti invita a “REZGA REZGA LA FUMÄRA”








venerdì 23 settembre 2011

Dalla casa editrice Battei riceviamo e pubblichiamo.





Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 23 settembre 2011
















(Testo in dialetto Parmigiano)

Fiorentén’na - Pärma 3-0

Mirànt zéro : ot gol in trèj partidi, anca jerdlà sira ‘na bala scapäda cme un putén, ‘na parténsa fälsa ala Usain Bolt, sperämma che cme lu a té t’ pòs arpiclär sùbbit sionò l’é nòta dabón

Zacärd zéro : oh lòmo a té t’ mètt anca ti a fär dilj asnädi ? Sul primm gol a t’ si andè zò mòl cme un pan äd butér, zvelja e grénta !

Lucaréli zéro : fin adésa gnànca ‘na partìda decénta ! Siv restè sénsa magnär ch’ a ’n stì gnànca in pè ? A gh’vól n’ätor siopero ?

Palètta cuàtor : tri gol ciapè d’in méza a l’area par forsa p’r un centräl a gh’é cuél ch’ a struza, diféza imbarasanta al sént par sént, inguardabil cme tutt

Gobbi séz : a l’ezordi e in-t-al post giùsst l’é stè al méno péz äd tutt

Ze Eduardo cuàtor : l’andrà vìsst ancòrra parchè s’ l’é còsste chi, a sämma a post, in-t-al séns ch’ l’é completamént invizibbil

Morón séz : povor capitàn, cantär e portär la cròza in-t-al dezärt, in trèj partidi t’è cors par metè campionät e ala fén la réza l’é stada cuäzi zéro, siggn ch’ a vrìss cambiè cuél

Jadid zéro : d’in do rivol chilù ? No parchè a pärava ch’a fuss la prìmma volta ch’al zugäva al balón, da mèttros il man in-t i cavji che lavor

Modést séz : cme Gobbi n’ätor che tutt somè l’à fat al sòvv, l’ùnnich a mèttor socuant béj cross, purtrop in-t-al desärt totäl

Biabiany zéro : cuand as trata äd drovär la maruga al vrìss mandè a fär un gir in montagna, sperèmma che Hernan al gh’ é pòsa insgnär cuél, mo mi al vèdd cme un miràcol

Flocäri zéro : al fantasma äd Lucaréli l’éra sul prè äd l’Artemio Franchi jerdlà sira, silhouette e agilitè compréz, n’é miga che però l’àbia lasè un gran ricord vè, donca sérca d’acelerär e calär un cuälch etto valà

Colomba zéro : Mìsster forsi l’é al prìmm zéro mo al gh’ é sta tutt ! Co fämma ? La scuädra l’é còl ch’ l’é però j’ämma béle vìsst che con ch’la diféza li a stär cuatè primma o pò al gol al s’ bècca, donca ch’al faga i so cont e il contèssi prìmma ch’ a sia trop tärdi m’arcmand !

(Tgnèmmos vìsst)


(Testo di Crociato 63)


(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

giovedì 22 settembre 2011

Dalla Compagnia "I burattini dei Ferrari" riceviamo e pubblichiamo



La Compagnia I Burattini dei Ferrari
è lieta di invitarVi
al Teatro Museo Giordano Ferrari -



il castello dei burattini via Melloni, 3 - Parma
www.castellodeiburattini.it

Sabato 24 Settembre 2011 ore 16.00


" LA FAVOLA DELLE TESTE DI LEGNO”
Storia dell'animazione dalle origini ad oggi in forma teatrale
durata 50 minuti

Vi attendiamo
Daniela & Giordano Ferrari

Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn, testo pubblicato sulla "Gazzetta di Parma" del 20 settembre 2011















(Testo solo in dialetto Parmigiano)
Pärma Chievo 2-1

Mirànt sìncov : al fógh ala cà, poch impgnè e col pòch sémp’r imprecìz e sul gol in méza cme un giovedì…. Trancuìll pròprja par njénta ! Arpicläros ala zvèlta

Zacärd sèt : sémpor la còza giùssta al momént giùsst, séns’ätor un pilastor fondamentäl äd cla scuädra chi, complimént par la petnadùra, a t’ pär Ave Ninchi ormäj con Miclón a t’ gh’éntri pu njénta parchè lu adésa al pär Zichichi

Lucaréli sìncov : có iv fat su con Paloschi ? A gh’ s’érov in cuator e lu l’à fat gol, có v’éra d’avis ch’al zuchìss ancòrra col Pärma ?

Palètta séz : Shining a tè m’ sì piazù, precìz puntuäl còzi facili e tanta lèggna, un pò méj che al tò socio äd repärt

Rubin cuator : va bé a Torén con Pepe, mo anca Therau o cme a s’ ciama ch’al faga la figura äd Garrincha no ah…. E pò al colp äd grasja l’assist a Paloschi ! Lòmo girär pagina a la zveltén’na ah

Valian sìncov : va bén ch’a t còrr cme ‘na lévra par novanta minùd, mo par zugär al balón d’ogni tant la bala la vrìss stopäda e pasäda da razón, sionò l’é n’ätor sport su là.

Morón séz : purtrop anca jerdlà t’é tochè cantär e portär la cróza e fär anca ‘na cuälca figuràsa, a t’ vrìss väddor in-t-un repärt ch’ a gira e con di compagn in forma, second mi a t’ fè la tò figura ecome, cme in-t-al finäl l’an pasè

Galloppa cuator : vè Gianburrasca, ädla Rita Pavone a t’ gh’è la petnadùra e basta, parchè p’r al rést a t’ sumìlij pu a un bradipo in col periodo chi …. Dailà sérca d’arpiclärot ch’ a ‘t sarvìss in forma a ch’la scuädra chi, e ‘t sarv’ìss bombén

Modést séz : di gran lavor a né ’m j’arcòrd miga mo gnan dil gran stupidädi dónca partìda onésta e njént’äd pu

Pellè sèt : dato ch’ l’é sicur ch’a t’ vén dìt d’andär in camp a révor di spàsi e lotär sul bali älti, fin adèsa al tò lavór a t’ l’è fat eccome, i balón ält j’én tutt i tòv ! Bravo purtrop però second mi fär gol al n’é miga pròprja al tò mestér

Giovinco òt : du vót in meno par la stupidäda in fónda, a tutt il manéri cme t’ò dìtt domenica indrè la salvèssa st’ an’ la pasa prìmma äd tutt da tì e dai tò gol, e a pära pròprja ch’ a tè gh’ sì mìss d’impìggn ! Avanti acsì

Biabiany séz : prìmma al pärda la bala dal parèg’, pò al fa un nùmmor da Tino p’r al gol äd la vitoria, géni e sregolatèssa, a ’n n'é cambiè njéntra dirìss da du an fà, sperèmma che Colomba al sia bräv cme al Don a catärogh la pozisjòn da razón e che la sregolatèssa pjan pjanén la vaga via, sperèmma

Colomba séz : Mìsster j’ämma magnè un gat vìv, la scuädra l’é col ch’ l’é, al so ch ’a gh’ tòcca fär il nóz cój fìgh sèch, ‘na còza e basta a gh’ vój dir, ch’ al né sé scorda miga ch’ a gh’é un sèrt Hernan in panca ch’ al gh’à da insgnär tanti còzi ancòrra a tutt ! P’r al rést ch’al faga lu che sicur al n’in sa :äd pù che còl ch’al gh’äva al champagne ch’al säva äd turàs !

Franco “Baule” Soncini e Felice da Pärma déz : l’ultma pagéla par chi du pramzàn chi s’àn lasè ultmamént, bontè infinida e un sorìz par tùtti, la cärta d’identitè di pramzàn doc, purtrop ‘na ràsa a rìzgh d’estinsjón ! Ciao Franco ciao Felice bón vjàz !

(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)


martedì 20 settembre 2011

Mi raccomando colonnello l’aspettiamo a Parma.

(TESTO BLU IN ITALIANO)
Mi raccomando colonnello l’aspettiamo a Parma.
Un sorriso e una erre da Parmigiano, anche se nato a Valenza Po, per chi come me ha avuto il piacere di conoscerlo personalmente, dopo due parole sembra di parlare con un Parmigiano del sasso. Il Colonnello Paolo Cerruti, innamorato del nostro dialetto. Ho avuto il piacere di essere stato scelto da lui, tramite il Presidente di Parma Nostra Renzo Oddi, per leggere la “Virgo Fidelis” Preghiera del Carabiniere che ho tradotto in dialetto Parmigiano, in occasione della festa dell’Arma dei Carabinieri di un paio di anni fa. Poi l’occasione di alcuni incontri in borghese per la sua passione, la fotografia.


Uno di questi incontri, una intera giornata in giro per la “nostra città”, come la chiama lui, a catturare alcuni angoli di Parma e a trovare e fotografare personaggi e botteghe di artigiani, di una Parma che stà cambiando, in compagnia degli amici Giancarlo Ceci, giornalista e del fotografo Giovanni (Ninni) Lunardi, che abita in Florida. Ora il Colonnello Cerruti si trasferisce a Roma, ma non diventa un Romano, anzi ha detto di avere eletto la sua residenza a Parma e fra un paio di anni quando sarà collocato in pensione e si congederà, lo potremo rivedere a passeggio per le strade di Parma, prima con la sua Signora, con la sua inseparabile macchina fotografica. Con questo, auguro al Colonnello Cerruti a nome di tutti i Parmigiani, un buon lavoro e una buona permanenza nella capitale. A presto Colonnello, lo aspettano i Parmigiani. Anche perchè Parma è sempre Parma.


(TESTO GIALLO DIALETTO PARMIGIANO)
M’ arcmand Colonél al spetèmma a Pärma.
Un sorìz e ‘na erre da Pramzàn, anca se nasù a Valenza Po, par chi cme mi al gh’à avu al pjazér äd conòssrol parsonalmént, dopa do paroli a pära äd parlär con un Pramzàn dal sas. Al Colonél Paolo Cerruti, inamorè dal nòstor djalètt. Mi gh’ò avu al pjazér d’ésor stè sarnì da lu, tràmit al Presidént äd Pärma Nòstra Renzo Oddi, par lézor la “Virgo Fidelis” Preghjéra dal Carabinér, ch’ j’ò tradòtt in djalètt Pramzàn, in ocazjón ädla fésta äd l’Ärma di Carabinér d’ un pär d’ ani fa. Po l’ocazjón äd socuànt incóntor in borghéz par la sò pasjón, la fotografiaa.


Vón äd chi incóntor chì; n’ intréga giornäda in gir par la “nostra città”, cme al la ciàma lui, a caturär ädj àngoj äd Pärma e a catär e fotografär parsonàg’ e botéghi d’ artigjàn, äd ‘na Pärma ch’l’è drè cambjär, in compagnia ädj amìgh Giancarlo Ceci, giornalìssta e dal fotògrof Giovanni (Ninni) Lunardi, ch’ al stà in Florida. Adésa al Colonél Cerruti al s’trasferìssa a Ròmma, mo al n’è dvénta mìga un Romàn, ansi l’à dìtt d’ avér elét la sò residénsa a Pärma e fra ‘n pär d’ani, cuand al srà colochè in pensjón e al s’congederà, al podrèmma rivèddor a passègg’ p’r il strädi äd Pärma, prìmma con la so sjóra, po con la sò inseparàbil machina fotogràfica. Con còsste, avguri äd bón lavor al Colonél Cerruti a nòm äd tutt i Pramzàn e ‘na bón’na permanénsa in-t-la capitäl. A prést, Colonél, al spetèmma, anca parchè Pärma l’é sémpor Pärma.
(Tgèmmos vìsst)

(Nelle foto: 1) Il Colonnello Paolo Cerruti, 2) Foto di gruppo con il Colonnello Cerruti prima della partita di calcio al Memorial Saponara, 3) Foto di gruppo con il Colonnello Paolo Cerruti alla presentazione di un'edizione del Lunario Parmigiano di "Parma Nostra"

domenica 18 settembre 2011

"L'Antica Parlata" alla Villetta


(Foto di Cristina Cabassa)
(Testo blu in italiano)
Si è svolta al Cimitero della Villetta la rievocazione dei poeti dialettali Renzo Pezzani, Alfredo Zerbini, Bruno Lanfranchi, Luigi Vicini e Bruno Pedraneschi. La manifestazione giunta alla terza edizione è stata elegantemente presentata da
Giancarlo Gonizzi, sono intervenuti l’Assessore Comunale Davide Mora che ha portato i saluti del Sindaco di Parma, il Consigliere Regionale Avvocato Roberto Corradi, che è sempre in prima fila quando si parla di manifestazioni dialettali e il Consigliere di ADE S.p.A Dott. Bruno Mazzoni, il quale ha sottolineato l’importanza di questi intrattenimenti culturali per non perdere l’uso del dialetto e per ricordare i poeti e tutte le persone, attori e autori, che hanno lavorato per il dialetto e riposano nel Cimitero Monumentale della Villetta. Quest’anno ricorre anche il 60° anniversario della morte di Pezzani, oltre alle poesie dialettali dei poeti lette da Enrico Maletti, sono stati letti dei testi in lingua di Renzo Pezzani dalle bambine Giulia Niang e Valentina Dall’Asta, accompagnate alla chitarra da un sottofondo musicale da Giulia Grassa. Una poesia di Pezzani in lingua è stata letta da Mirella Cenni e Mariangela Bazoni. L’intervento musicale del coro “Il cuator staggjón”, sotto la direzione della Professoressa Mariangela Bazoni, ha interpretato alcuni brani del repertorio Parmigiano arrangiati dalla Bazoni. Emozionante è stata alla fine la lettura di una poesia di Pezzani davanti alla sua tomba letta da Maletti, con il sottofondo musicale del coro “cuator stagjón. Appuntamento al 2012 per la quarta edizione dell’Antica parlata.


“L’antica parläda” ala Vilètta
(Testo giallo dialetto Parmigiano)
S’é zvòlt al Simitéri ädla Vilètta la rievocasjón di poeta djaletäl Renzo Pezzani, Alfredo Zerbini, Bruno Lanfranchi, Luigi Vicini e Bruno Pedraneschi. La manifestasjón riväda ala tersa edisjón l’é städa elegantemént prezentäda da Giancarlo Gonizzi, è intervgnù l’Asesor Comunäl Davide Mora ch’ l’à portè i salut dal Sìnndich äd Pärma, al Consjér Regionäl Avocät Roberto Corradi, ch’ l’ é sémpor in prìmma fila cuand a ‘s pärla äd manifestsjón djaletäl e al Consjér d’ ADE S.p.A Dott. Bruno Mazzoni, ch’ l’à sotlinè l’importansa äd chi intratenimént culturäl chì par n’é pärdor mìga l’’uz dal djalètt e p’r arcordär i poeta e tùtti il parsón’ni, ator e avtor, ch’ j àn lavorè p’r al djalètt e i ripozon in-t-al Simitéri Monumentäl ädla Vilètta. S’ t an è stè anca al 60° anivarsäri ädla morta äd Pezzani, oltra al poezjj djletäli di poeta lizùdi da Enrico Maletti, è stè prezentè di tést in lénngua scrìtt da Renzo Pezzani, dal putén’ni Giulia Niang e Valentina Dall’Asta, compagnädi ala chitara da un sotofond muzicäl da Giulia Grassa. ‘Na poezja äd Pezzani in lénngua l’é städa lizùda da Mirella Cenni e Mariangela Bazoni. L’intarvént muzicäl dal coro “Il cuator staggjón”, sòtta la diresjón ädla Profesoréssa Mariangela Bazoni, l’à interpretatè socuànt bran muzicäl dal repertori Pramzàn con l’arangiamént ädla Bazoni. Emozjonant a l’é städa ala fén la letura äd ‘na poezja äd Pezzani davanti ala so tomba lizùda da Maletti, con al sotofond muzicäla dal coro “cuator stagjón. Apontamént al 2012 par la cuärta edisjón äd l’Antica parlata.




(Tgnèmmos vìsst.)