Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







sabato 30 novembre 2013

Presentato alla Corale Verdi il romanzo “Il segreto di RAMSETE III” del parmigiano Elvio Abbati, "pramzàn strajè p'r al mond"

(FOTO DI ENRICO MALETTI)
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
 
 
(Testo blu in italiano)
Dopo il ben venuto del presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi, la presentazione del libro è stata affidata al critico letterario Professor Giuseppe Marchetti, il moderatore è stato il giornalista sportivo Giancarlo Ceci, amico fraterno e d’infanzia di Elvio Abbati, autore del romanzo e "pramzàn strajè p'r al mond".

Alcuni capitoli del volume sono stati letti da Maurizio Abbati figlio dell’autore.

(Testo giallo dialetto parmigiano)
Prezentè ala Coräla Verdi al romanz “Il segreto di RAMSETE III” del pramzàn Elvio Abbati
Dòpa al salut dal presidént ädla Coräla Verdi Andrea Rinäldi, la prezentasjón dal lìbbor l’é städa afidäda al crìttich leteräri  Professor Giusép Marchètt, al moderator l’é stè al giornalìssta sportiv Giancarlo Ceci, amìgh fratäron e da putén d’ Elvio Abbati, avtor dal romanz e "pramzàn strajè p'r al mond".  

Socuànt capìttoli dal volumm j én stè lizù da Maurizio Abbati fjól  äd l’avtor.
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

(Nelle foto; 1) la copertina del libro, 2) Il presidente della Corale Verdi Andrea Rinaldi e l'autore del libro Elvio Abbati, 3) Elvio Abbati con l'amico d'infanzia Giancarlo Ceci, 4) il tavolo dei relatori con Andrea Rinaldi, il Professor Giuseppe Marchetti, Elvio Abbati, Giancarlo Ceci e Maurizio Abbati.

venerdì 29 novembre 2013

Sabato 7 dicembre al “Theatro del Vicolo” sarà la volta di “ ‘Na sira in djalètt Pramzàn” con Enrico Maletti, Cristina Cabassa, Pietro Vitali e Marina Padovani. Due copie che rappresenteranno alcuni fatti della vita in dialetto parmigiano, scritti da poeti parmigiani

 


Enrico Maletti, Cristina Cabassa e Pietro Vitali, nella lettura di “La Congiùra di Fevdatäri” storia di Parma del 1612 in puro dialetto parmigiano, rappresentata al “Theatro del Vicolo” sabato scorso 23 novembre. La foto è stata scattata da Luca Vitali. Lo spettacolo sarà trasmesso prossimamente a TV Parma. Sabato 7 dicembre sempre al “Theatro del Vicolo” sarà la volta di “ ‘Na sira in djalètt Pramzàn” con Enrico Maletti, Cristina Cabassa, Pietro Vitali e Marina Padovani, due copie che rappresenteranno alcuni fatti della vita in dialetto parmigiano scritti da poeti parmigiani. Tgnèmmos vìsst.

(Nella foto; Enrico Maletti, Cristina Cabassa e Pietro Vitali nella lettura di “La Congiùra di Fevdatäri”

Mercoledì 4 dicembre ore 16,00, aula C, Chiostro di Strada D’Azeglio 85 Parma, BATTEI UNIVERSITA' presenta "CRISTO SI E' FERMATO A LAMPEDUSA, ALLAH E' SOLAMENTE SBARCATO" di FABIO MANENTI.



Università degli Studi di Parma
 
GIORNALISMO E CULTURA EDITORIALE
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
 
PRESENTAZIONE DELLA COLLANA
TRAGUARDI
 
 
Intervengono:
Loris Borghi, rettore dell'Università
 
Luigi Allegri, direttore del Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società
 
Annamaria Cavalli, direttrice della collana
 
Alessandro Bosi, Paolo Ferrandi, Luca Mazzieri, Matteo Truffelli, comitato editoriale
 
Antonio Battei, editore
 
Maurizio Chierici, giornalista
 
Fabio Manenti, autore
 
Mercoledì 4 dicembre
ore 16,00
aula C, Chiostro di Strada D’Azeglio 85

 
 

giovedì 28 novembre 2013

Amarcord Parmigiani… libro di Lorenzo Sartorio volume 1 in vendita nelle edicole a € 8,80 oltre il prezzo della Gazzetta di Parma. Regalo per Santa Lucia o da mettere sotto l’albero di Natale di tutti i parmigiani. E’ un consiglio di “Parmaindialetto”


 
(Testo blu in italiano)
Da una settimana è in edicola il libro di Lorenzo Sartorio “Amarcord Parmigiani”  volume 1 in vendita a € 8,80 oltre il prezzo della Gazzetta di Parma. Il libro contiene le storie delle tradizioni del nostro territorio e un capitolo dedicato ai personaggi dedlà da l’acua. Oltre ai disegni di Peppo Monica, sono inserite le foto di Federico Cella, Elisa Contini, Andrea Campanini e Loredano Leonardi.  Un regalo per tutti i parmigiani da trovare la notte di Santa Lucia e sotto l’albero di Natale. Il secondo volume uscirà per Sant’Ilario 2014.

(Testo giallo dialetto parmigiano)
Amarcord Pramzàn… lìbbor äd Lorenzo Sartorio volum 1 in vendita in-t-jli edìccoli a € 8,80 pu al prési ädla Gazètta äd Pärma. Regàl par Santa Lucia o da mèttor  sòtta l’älbor äd Nadäl par tùtti i pramzàn. L’é un consìlli äd “Parmaindialetto”

Da ‘na stmàna l’é in edìccola al lìbbor äd Lorenzo Sartorio “Amarcord Pramzàn”  volùmm 1 in vendita a € 8,80 pù al prési ädla Gazètta äd Pärma. In-t-al  lìbbor gh’é i storjj dìll tradisjón dal nòstor teritòri e un capìttol dedichè ai parsonàg’ dedlà da l’acua. Oltra ai disèggn äd Peppo Monica, gh’é inserì il foto äd Federico Cella, Elisa Contini, Andrea Campanini e Loredano Leonardi.  Un regàl par tùtti i pramzàn da catär la nòta äd Santa Lusja e sòtta l’älbor äd Nadäl. Al secónd volùmm al srà prezente par Sant’Iläri 2014.
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

 

Dalla Casa Editrice Battei riceviamo e pubblichiamo. Invito alla presentazione del libro "poti di oggi a Parma"

 
(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)
 
 
 
Tgnèmmos vìsst

mercoledì 27 novembre 2013

La "DIALETTALE SISSESE" presenta la commedia "INSÓNI SENSA FÉN" Venerdi 29 novembre ore 21,00 all’Auditorium Toscanini di via Cuneo


 
 
Venerdi 29 novembre ore 21,00 all’Auditorium Toscanini
di via Cuneo, nell’ambito della “Rasègna dal Teàtor
Dialetäl”, rassegna patrocinata dal Comune di Parma, La
“Dialettale Sissese” porterà in scena “Insòni sensa
fén” (sogno infinito), nuovo testo teatrale di Mauro
Adorni.
La vicenda è ambientata in una casa di riposo, dove un
gruppo di ospiti, con il benestare della Direzione, cerca
di mettere in piedi la commedia scritta da uno di loro che
vanta il titolo nobiliare di “Conte” e che afferma di
essersi ispirato, per la sua composizione a Shakespeare.
Egli non ha mai avuto la possibilità di rappresentarla, e,
purtroppo, neppure questa volta vedrà realizzarsi il suo
desiderio per sopraggiunti motivi che il finale rivelerà.
 (Nelle foto alcuni momenti della commedia)

Tgnèmmos vìsst

 

Ieri sera stupenda serata “Pramzàna” con Giampaolo Cantoni Enrico Maletti e Luca Conti, Mirko Leraghi di “IO PARLO PARMIGIANO”. Presenti 130 giovani che vogliono continuare a parlare in dialetto parmigiano



 
 

(Testo blu in italiano)
Al Circolo ricreativo “Solari” in via Solari, si è svolta ieri sera una serata all’insegna del dialetto parmigiano.130 giovani erano presenti per la presentazione di “IO PARLO PARMIGIANO” il profilo face book che stà spopolando in internet con oltre 16000 amici. Erano presenti alla cena  il barzellettista Giampaolo Cantoni, Enrico Maletti, che cura l’ortografia delle parole pubblicate su facebbok e i due ideatori Luca Conti e Mirko Leraghi. La serata è stata la prima di una serie che sono già state programmate dagli organizzatori di “IO PARLO PARMIGIANO” altri incontri come questo sono previsti da gennaio 2014 con serate in varie associazioni e anche in teatri con ospiti Giampaolo Cantoni Enrico Maletti e sarà anche la volta di Alberto Michelotti e altri ospiti Pramzàn.
(Testo giallo dialetto parmigiano) 
Iér  sìra stupénda seräda “Pramzàna” con Giampaolo Cantoni Enrico Maletti e Luca Conti, Mirko Liraghi äd “IO PARLO PARMIGIANO”. Prezént 130 giòvvon ch’ì vólon continvär a parlär in djalètt pramzàn
Al Circol ricreatìv “Soläri” in via Solaäri, s’ é zvòlt iér sìra ‘na seräd a l’insèggna dal djalétt pramzàn .130 giòvvon  j éron prezént par la prezentasjón äd “IO PARLO PARMIGIANO” al profil facebook ch’ l’é ‘drè spopolär in internet con òltra 16000 amìgh. Gh’ éra prezént ala sén’na al barzeletìssta Giampaolo Cantoni, Enrico Maletti, ch’ al cura l’ortografja dìll paroli publicädi su facebbok e i du ideator Luca Conti e Mirko Leraghi. La seräda l’é städa la prìmma äd ‘na sérje ch’ j  én zà städi programädi  da j organizatór äd “IO PARLO PARMIGIANO” ätor incóntor cme còsste j én prevìsst da znär 2014 con dil serädi in varjj asociasjón e anca in-t-i teator con ospit Giampaolo Cantoni Enrico Maletti e srà anca la volta d’ Alberto Michelotti e ätor ospit Pramzàn.
(Tgnèmmos vìsst
En. Ma.
(Nelle foto: 1) il logo di IO PARLO PARMIGIANO; 2) Luca Conti, Enrico Maletti, Giampaolo Cantoni e Mirko Leraghi; 3) Enrico Maletti e Giampaolo Cantoni)
 

martedì 26 novembre 2013

PUBBLICAZIONE N° 27: "PROVERBI METEOROLOGIA AGRICOLTURA" IN DIALETTO E ITALIANO: Parmaindialetto pubblica giornalmente 3 proverbi in dialetto e in italiano






Pubblicazione n° 27
Meterreologìa e lavor di camp

Meteorologia e agricoltura


Spiga storta fa bón pan, spiga drìtta gnànca un gran
Spiga storta fa buon pane, spiga diritta non un grano.

Dala téra, ch' n in vól pu, faga pu céra
Chi vuole di più dalla terra, l’accarezzi di più

 Chi à téra a ca’ l’é sjor é gnan n’ al sa
Chi ha terra ha casa, è ricco e nemmeno lo sa

Tgnèmmos vìsst

 

lunedì 25 novembre 2013

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Napoli - Pärma 0-1 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 25 novembre 2013


 
(Testo in dialetto parmigiano)
Napoli Pärma 0-1
Mirànt déz : do parädi in-t-al prìmm témp decizìvi, e ‘na sicurèssa sémp’r in aumént ! Sperèmma che almeno Pin al léza il pagéli, col ragas chi al né gh’ à pròprja njént in meno äd Marchetti e Sirigu, e al merita d’andär in Brazìl mìga da turissta !

Casàni òt : a déstra tutt n’ätor zugadór ! Capì Mìsster, tant in méza adésa se Dio vól ariva l’abondansa !

Lucaréli déz : n’ätra partìda fa-vo-lo-sa dal Capitàn, ch’ l’é n’ätor che adésa cme adésa al meritarìss al prémi almeno äd ‘na ciamäda in Nasjonäla, ala fàcia ädla cärta d’identitè
 
Felipe òt: a t’ gh’é da pagär ‘na sén’na a Mirànt ch’al t’ à rimediè al méz dizastor dal prìmm témp, dopa còll lì parfét anca tì cme ‘l Capitàn, la pù béla partìda da cuand a t’ si a Pärma

Gobbi òt : al pù dil volti Maggio l’ha fat al tersén, e Massimo dopa la cura äd Gerovital l’é tornè a bruzär l’èrba insìmma ala fàsa cme l’an’ pasè; gran béla partìda

Biabiany òt : di mo è pròprja necesäri färos biónd ? No parchè sa t’ é d’avis äd stär bén t’é t’ zbalj äd gròs vè ? A pärta còll lì, ‘na vòlta tant a son contentìssim äd podérot fär i complimént par la maruga ch’ a t’ gh’é miss, partìda äd gran inteligénsa, fénta favolóza su l’ocazjón äd Sansón, e gran movimént sul gol äd Casàn, bravo !

Gargàn séz : insòmma da ménta a mi, cuand a t’ ròb la bala, dala sùbbit a col pù zvén ; sa t’ zugh acsì a t’ si un gran zugadór, sionò a t’ la dè ot volti su déz a ch’ j ätor, a t’é dvénti un perìccol

Marchionni òt : gamba pù tonica, äd conseguénsa sarvél pù lùccid, e sùbbit la scuädra l’ à girè molt méj, séns’ ätor la pù béla partìda da l’inìssi äd l’an Marchino

Paról déz : che in-t-al vót a gh’ fèmma stär déntor anca la partìda con l’Italia, indó a t’ si stè al pù bón in camp cme jerdlà a Napoli ! A spér con tutt al cór äd vèddrot ancòrra chi al prìmm äd farvär parchè äd còll pas chi sät có n’ in riva coi dolarón a piciär ala porta dal diretór ?

Sansón òt : l’é véra a té t’ si magnè un gol alucinant, mo l’é stè méj acsì parchè sarìss stè trop prést, po’ p’r al rést grandìssim movimént, spàsi a vlontè par Casàn, vója äd fär e grénta da véndor, e adésa avanti acsì ch’ a riva anca al gol

Casàn déz e lode : mìga äd n’ätor pianéta, chilù l’é äd n’ätra galàssia dabón, l’é tri méz ch’ a gh’ fagh il pagéli e j ò béle fnì j’ agetìv da tant l’é bón ! Par n’amant dal bél calcio e dal Pärma l’é n’emosjón tùtti il volti  ch’ al tòcca la bala, n’artìssta pù ùnnich che rär

Palètta dèz : bentornè lòmmo, a ’n t’é mìga aspetè al tò “socio” al giòvvon Riko a rienträr, lù al m’ à dìtt ch’ al tornarà a Znär ormäj e sperèmma che a Znär a né’ t’ si mìga béle scapè via, che second mi st’ an’ a gh’ pól ésor da divertìros andär in fonda

Coradón Marvasi : e anca mi a vrìss fär l’ in bòcca al lòvv a Coradón ch’ al s’ pòsa arpiclär al 100% e ch’ al pòsa tornär al so pòst, a fär al tifo p’r i crozè, al prìmma posìbbil

Donadón déz : Mìsster se Dio vól l’é riväda la partìda parféta, impostäda benìssim cme al solit, mo a difarénsa ädla magiór pärta dil partìdi pasädi anca con la concentrasjón tgnùda älta par tutt i novanta minud, e cme difati i risultät i s’ én vìsst sùbbit ! Complimént dabón ! AVANTI CROCIATI !
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)
 

 

sabato 23 novembre 2013

Il Vangelo della domenica: "Cristo senza colpe sulla croce per salvare chi era perduto". Commento di don Umberto Cocconi.




Pubblicato da Don Umberto Cocconi  il giorno sabato 23 novembre 2013 alle ore 17,05

Dopo che ebbero crocifisso Gesù, il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l'eletto». Anche i soldati lo derisero, gli si accostavano per porgergli dell'aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c'era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei». Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L'altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso» (Vangelo secondo Luca).
 
Siamo sul Golgota, che per l’evangelista Luca è divenuto il centro del mondo, il luogo in cui davvero si compie la missione di Gesù. Il figlio dell’uomo non è venuto a cercare e a salvare chi era perduto? Possiamo dire che tutta l’umanità è stata attratta dalla croce: “quando sarò elevato da terra attirerò tutto a me”, leggiamo nel vangelo di Giovanni. Ci sono quindi, intorno alla croce, i capi, le autorità religiose e politiche, i soldati, i malfattori, c’è poi il popolo che, nota l’evangelista Luca, «stava a vedere». Non è però uno stare a vedere per curiosità, ma per capire, per comprendere più a fondo la storia di quell’uomo appeso alla croce, abbandonato da tutti e schernito da tutti. Chi è costui, veramente, si sta chiedendo la folla? Essa “stava a vedere”: il verbo è all’imperfetto, indica un’azione che dura nel tempo. La folla quindi meditava, è come se stesse prendendo tempo per emettere un giudizio. Se scorreremo i versetti seguenti “vedremo” che cosa farà la folla, come se ne ritornerà a casa, dopo aver «contemplato lo spettacolo della croce». Vediamo in sequenze successive come i diversi personaggi sotto la croce se la prendono con “colui che è appeso al legno”. I capi “deridevano Gesù”: il loro, come sottolinea il verbo all’imperfetto, è un atteggiamento che si prolunga nel tempo, non è istantaneo. “Deridere” è il massimo dell’incomprensione: vuol dire che quello che fai non solo non è compreso dagli altri (in questo caso, il dubbio o la critica sarebbero comprensibili), ma significa che ai loro occhi “colui che è stato crocifisso” non merita niente. Leggendo attentamente, inoltre, scopriamo che le parole che rivolgono contro Gesù non sono tanto indirizzate a Lui ma prima di tutto alla folla, la folla che aveva creduto in Lui, che si era lasciata conquistare da Lui e fatta abbindolare dalle sue pretese.
 
 Essi sembrano dire: “Voi che ingenuamente avete posto fiducia in Lui, vedete che fine ha fatto? È un personaggio da burla, di fronte al quale ci scappa da ridere, tanto è ridicolo, tanto le sue pretese sono illusorie”. Il loro compito è quello di spegnere la speranza. Tutto ritorna come prima. Tutto è finito. «Anzi – sembrano dire - peggio per voi che, nonostante le nostre indicazioni autorevoli, lo avete scelto e vi siete lasciati sedurre dalla sua parola o dai suoi miracoli. Ci si può mai fidare di uno che non è capace neppure di salvare se stesso? Se ha salvato gli altri è stato per imbrogliarvi, per farvi credere di essere qualcuno, ma è tutta un’impostura, e voi siete caduti nella sua trappola. Adesso aprite gli occhi, e vedete chi è veramente quest’uomo: non è solo un impostore, un sobillatore, ma un  “bestemmiatore” e un “malfattore”. E voi avete creduto in Lui! Vedete, siete stati beffati, presi in giro proprio da Lui”. Anche l’atteggiamento dei soldati è un calco, un comportamento mimetico - come direbbe René Girard - di quello dei capi (non sarebbero dei subalterni, altrimenti!). Tuttavia, a differenza dei capi, la loro derisione dura un’istante, è un’azione puntuale, compiuta una volta sola. Sono, quindi, meno colpevoli dei capi. I soldati se la prendono con “quell’uomo appeso alla croce” perché ai loro occhi non sembra affatto un re: per questo lo deridono. Di solito, i re hanno un esercito, fanno di tutto per salvarsi, mandano in prima linea gli altri, non certo loro stessi. E costui, proprio perché è dov’è, non può certo essere un re. E forse dobbiamo dar loro ragione: non è un re secondo le logiche di questo mondo. Ora ci spostiamo a un livello superiore: se prima eravamo con la folla che guardava, oppure eravamo sotto la croce, ora siamo a livello del “volto”.
 
Forse da quassù si guarda meglio, si entra ancor di più nel mistero dell’uomo crocifisso, di fronte al quale anche tu sei chiamato personalmente a prendere posizione. Non ti è permesso di stare tra i se e i ma. Ora tu, solo tu, e non altri al tuo posto, sei chiamato in prima persona a prendere una decisione. «Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava». Che cosa ci potremmo aspettare da un malfattore? Di certo non ha studiato ad Oxford, parla il linguaggio che conosce, ha dei modi rudi, non gliene possiamo fare una colpa. Ha vissuto così, non sa fare altro, non va oltre i propri interessi, le proprie logiche. Che cosa chiede questo malfattore? “Visto che dicono che tu sei il Cristo, salvati e salva anche noi. Ma fallo presto, stiamo per morire. Se puoi fare qualche cosa, intervieni subito, prima che sia troppo tardi”. Quelle parole sarcastiche possono anche essere intese come uno “Svegliati, che cosa aspetti, muoviti!”. Paradossalmente, questo linguaggio diventa un modo per incoraggiare “colui che dicono essere il Cristo”, il messia, l’unto del Signore, a usare i suoi poteri eccezionali per salvarsi e salvare loro che sono come lui, né più né meno, condannati alla stessa pena. «L'altro malfattore invece rimproverava» il suo “compagno di merende”: «Guarda che se siamo qui è perché abbiamo fatto del male. Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».
 
 Un malfattore (e se lo dice lui c’è da crederci), afferma che l’uomo appeso alla croce è innocente; mentre tutti accusano il crocifisso, denigrandolo, lui, il reo, consapevole della propria colpa, ne riconosce l’innocenza. Guardando “colui che è appeso al legno della croce”, come in uno specchio, si guarda e si scopre peccatore, meritevole di condanna, a differenza dell’uomo appeso alla croce, che veramente  «non ha fatto nulla di male». Ma allora, perché è qui? Dove stanno i malfattori? Perché sopporta la mia stessa condanna? E’ qui forse perché gli uomini sono cattivi? E qui perché tante volte la giustizia è ingiusta e condanna anche coloro che sono giusti? Oppure è qui per me? Guardando l’uomo di Nazaret, che sta condividendo la sua stessa sorte, il malfattore scopre che il “figlio dell’uomo è venuto a cercare e a salvare chi era perduto”. Lui era davvero perduto e Gesù, l’innocente, è lì in croce, come lui, per salvare un peccatore. A differenza di tutti, il malfattore “divenuto buono” non chiede di essere salvato, ma di essere ricordato. Di solito, il ricordo di un malfattore deve essere cancellato: “Chi mai dovrebbe ricordarsi di un poco di buono?”. Quest’uomo “sbagliato”, invece, si trova oggi (subito, qui e ora) per primo, nel posto giusto: in paradiso. Il primo uomo che entra in paradiso è un malfattore, che chiede di poter fare il nido nella Memoria-Cuore, purissima e innocente, del figlio di Dio. Ci sarà un posto anche per noi nel “Regno di Gesù”, per noi che troppo spesso ci riteniamo uomini e donne “giusti”?     
(DON UMBERTO COCCONI)
 

venerdì 22 novembre 2013

IN MOTO PER BENEFICENZA… Bél da mat



 
(FOTO DI ENRICO MALETTI)
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)

(Testo blu in italiano)
Il Moto Club Safety Bikers continua l’operazione di solidarietà con la collaborazione di Conad S. Pancrazio e i soci del GS la Grande. Nei giorni scorsi una trentina di soci in sella alle loro moto, si sono recati, per la seconda volta quest’anno, alla Casa Famiglia Santa Chiara dove hanno donato 3 quintali di pasta, dell’abbigliamento e dei giochi per bambini delle ragazze madri ospitate nella struttura di via Padre Onorio.
Il moto club è nato i 6 gennaio del 2013 in corrispondenza alla moto befana organizzata dal compianto Claudio Guareschi con lo scopo di divulgare la sicurezza stradale su due ruote. Il primo evento, un giro nella provincia di Parma, è stato organizzato il 9 giugno 2013 con la collaborazione della Polizia di Stato, l’Assistenza Pubblica Langhirano, sostenuti da Socogas store wd40 Italia.
Lo scopo principale del Moto Club Safety Bikers, è quello di continuare il percorso di solidarietà tutto l’anno, preso come esempio da Claudio Guareschi e la sua famiglia. Chi vuole sostenere l’azione solidale del club parmigiano, può contattare safetybikers@yahoo.it . Basta poco…Bél da mat.
 

(Testo giallo dialetto parmigiano)
In moto par beneficénsa… Bél da mat
Al Moto Club Safety Bikers al continva l’operasjón äd solidarietè con la colaborasjón äd Conad S. Pancrasi e i sòsi dal GS la Grande. Socuànt gior’n indrè ‘na trentén’na äd sòsi in séla ala so moto, j én andè, par la seconda vòlta st’an’, ala Ca’ Famìja Santa Chiara indò j àn regalè 3 cuintäl äd pasta, äd l’abiljamént e di zógh par putén dìll ragàsi mädri ospitädi in-t-la  strutùra äd via Padre Onorio.
Al moto club l’é nasù al 6 znär dal 2013 in corispondénsa ala moto befana organizäda dal compiant Claudio Guareschi con al scopo äd divulgär la sicurèssa stradäla su do ródi. Al prìmm evént, un gir in-t-la provincia äd Pärma, l’é stè organizè al 9 äd zùggn 2013 con la colaborasjón ädla Polisja äd Stät, l’Asisténa Pùblica äd Langhiràn, sostgnù da Socogas store wd40 Italia.
Al scopo principäl dal Moto Club Safety Bikers, l’é còll äd continvär al parcors äd solidarietè tutt l’an’,  cme ezémpi da Claudio Guareschi e la so famìja. Chi vól sostgnìr l’asjón solidäla dal club pramzàn, al pól contatär  safetybikers@yahoo.it . Basta pòch…Bél da mat.
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.