Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







venerdì 28 febbraio 2014

LA LABAS PARMA CERCA I PASS PER GLI ASSOLUTI. Domenica 02 marzo dalle ore 11:00 presso la palestra delle Scuole Medie “Ferdinando Maestri” di Sala Baganza si svolgerà la “Coppa Italia di Distensione su Panca”

 
 
Halterofilia LABA Parma
Centro sportivi "Lauro Grossi"
Via Noveglia - 43125 Parma
C.F. 92172430347

 

Parma, 27 Febbraio 2014                                                                            
Domenica 02 marzo dalle ore 11:00 presso la palestra delle Scuole Medie “Ferdinando Maestri” di Sala Baganza si svolgerà la “Coppa Italia di Distensione su Panca” valevole per la qualificazione ai Campionati di Distensione su Panca e Test di verifica per gli Atleti Azzurri della Nazionale Paralimpica.

 Gli atleti dell’Emilia Romagna cercheranno così di poter partecipare alla manifestazione più importante a livello nazionale; tra questi anche la squadra della Labas di Parma porterà in pedana i suoi atleti per raggiungere il difficile traguardo.

 Per i colori giallo-blu cercheranno di strappare un pass per le finali, gli atleti: Mario Golino cat. 69kg, Alberto Famiano cat. 94; che si giocheranno al meglio le carte per la qualificazione.

Test molto importante per i ragazzi della Paralimpica della Labas, Paolo Popoli è chiamato ad un ottima prestazione sotto gli occhi del Direttore Tecnico della Nazionale in vista di un eventuale convocazione ad un torneo internazionale, mentre fa il suo debutto in gara Gerardo Malangone.

 Fiducioso il coach Paolo Gallarotti che dichiara: “questo è un impegno importante per la stagione vedremo  a che punto sono i ragazzi. Questa è una gara importante per la Federazione in quanto per primi porteremo in pedana i nuovi regolamenti. Questo è già il secondo anno che ospitiamo un test di verifica prima di una competizione internazionale importante, quindi speriamo come l’anno scorso di portare fortuna ai partecipanti che dopo la gara di Sala tornarono a casa con medaglie e record! Infine un doveroso ringraziamento va l’assessore Gabriele Carpena che ci aiuta e ci sprona sempre in queste iniziative. ”

Per maggiori informazioni:
Press Office Halterofilia LABAS Parma
labasparma@gmail.com
333.7982865

CAUSA PREVISIONI METEO AVVERSE, LA 26 ma EDIZIONE DELCARNEVALE ANSPI IN PROGRAMMA PER SABATO 1 MARZO E' STATA RIMANDATA A SABATO 8 MARZO

 
 
 

Rimandata causa previsioni avverse la sfilata dei carri allegorici del Carnevale ANSPI, inprevisione per sabato 1 marzo. La manifestazione è stata rimandata a sabato 8 marzo.

giovedì 27 febbraio 2014

SABATO 1 MARZO : SFILATA DI CARRI PER LE VIE DEL CENTRO. ANSPI ORGANIZZA LA 26.ma EDIZIONE DEL CARNEVALE CITTADINO


 
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
 
 
(Testo solo in italiano)
Sabato 1 marzo si svolgerà per le vie della città il corso mascherato organizzato dall’ Anspi, giunto quest’anno alla 26° edizione, che vedrà sfilare per le vie della città i carri preparati dai  volontari degli Oratori e dei Circoli Anspi. 
 
L’appuntamento per i carri e i gruppi di maschere è alle ore 14,15 in piazza del Duomo. Dopo l’assegnazione dei numeri ai carri, che quest’anno sono 11, la sfilata alle ore 14,45 / 15, partirà  da piazza del Duomo per la Cittadella percorrendo le vie del centro, (via Cavour, piazza Garibaldi, via Farini, via Solferino, via Duca Alessandro, via Fulgoni, via Maria Godi, per entrare in Cittadella dalla parte secondaria del parco, dove dopo un paio di giri dell’anello inferiore verrà premiato il miglior carro mascherato e lo Dsèvvod, maschera di Parma e presidente della giuria, incoronerà il Re e la Regina del carnevale 2014.
 
La novità di quest’anno è la presenza di due gruppi di maschere a piedi, il primo delle parrocchie di Santa Maria del Rosario e San Marco, il secondo della scuola elementare Bottego che precederanno i carri e apriranno la manifestazione. I carri partecipanti sono stati allestiti dai volontari dei Circoli Anspi di Ozzano Taro, Beato Cardinal Ferrari, Coenzo, Cristo Risorto, Crocetta, Mezzano inferiore, San Leonardo, Sorbolo 1, Sorbolo 2, Virtus San Lazzaro. La partecipazione al corso mascherato delle famiglie in maschera e dei bambini è completamente gratuita. Nel caso in cui il maltempo impedisse lo svolgimento della sfilata, la festa verrà rinviata a sabato 8 marzo
En. Ma.
(Nelle foto: Lo striscione dell' Anspi Comitato di Parma, e alcune foto dell'edizione 2012 del carnevale con la giuria composta da Vincenzo Bernazzoli, la maschera di Parma Maurizio Trapelli, Alberto Michelotti, Enrico Maletti e la parmigiana di adozione Elena, sullo sfondo Flavio Rizzi e don Giampietro Poggi presidente Anspi provinciale.) 


mercoledì 26 febbraio 2014

Il burattino parmigiano Bargnòcla ha festeggiato i suoi 100 anni alla trasmissione di RAI 2 "I fatti vostri" condotta da Giancarlo Magalli.

(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
 

(Testo blu in italiano)
Oggi alle ore 12,45 chi si è sintonizzato su RAI 2 alla trasmissioni “I fatti vostri” condotta da Giancarlo Magalli, ha assistito ad una e vera lezione di cultura sulla storia delle marionette e dei burattini.
Ospiti in studio i parmigiani Daniela e Giordano Ferrari della compagnia “I burattini dei Ferrari” e il simpatico e unico burattino parmigiano “Bargnòcla” che quest’anno festeggia i suoi 100 anni, essendo nato nel  1914 dalle  mani  di Italo Ferrari bisnonno di Daniela e Giordano. L’intervento dei Ferrari nella trasmissione  è stato a sfondo culturale, pechè sia Giordano e in particolare Daniela nei pochi minuti a dispozione hanno spiegato la storia delle marionette e dei burattini della loro importante collezione.

(Testo giallo dialetto parmigiano)
Sta metén’na  alj or 12,45 chi s’ è sintonizè su RAI 2 ala trasmisjón “I fatti vostri” prezentäda da Giancarlo Magalli, l’à asistì a ‘na e véra lesjón  äd cultura su la stòrja dìll marionètti e di buratén.
Ospit in stùddi i prrmzàn Daniela e Giordano Ferrari  ädla compagnia “I burattini dei Ferrari” e il simpàtich e ùnnich buratén pramzàn “Bargnòcla” che st’an’  al compìssa  i 100 ani, vìsst ch’ l’è nasù in-t-al  1914 dal  mani  d‘ Italo Ferrari  biznòn  äd Daniela e Giordano. L’intarvént  di Ferrari in-t-la trazmisjón  l’é stè a sfondo culturäl, pachè sia Giordano e in particolär Daniela in-t-i  socuànt  minùd  a dispozisjón j àn spieghè la stòrja dìll marionètti  e di buratén  ädla sò importanta  colesjón.
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Pärma Fiorentén'na 2 - 2 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 26 febbraio 2014

 
(Testo in dialetto parmigiano)
Pärma Fiorentén’na 2-2

Mirànt séz : purtròp al record al s’é fermè par colpa d’un “cuadrado”, sicuramént vón con di parént a Rèzz, e po’ dòpa cl’ ätor l’à catè un gol imposìbbil e amen; adésa  m’arcmànd tira zò il paradóri dal Giglio par caritè

Casàni sìncov : sté gir i tò ex i t’àn fat tribulär e miga pòch, e ti t’ si ‘ndè in confuzjón bastànsa dé spèss, poch cross e tanta confuzjón dardè, njént äd clamoróz mo sicur un pas indrè da l’ j ùlltmi partìdi

Lucaréli sètt : batàlja dura e véra, lilór j’ én ‘na scuädra véra, Matri a dir la vritè ormäj al  pär pù adat ala velina ( ciämol stùppid ) che al balón, a tutt il manéri  ti e Paletón li in méza a n’ ì mìga molè un centimèttor che vón

Palètta sètt : e cme al solit i dù zmél i gh’ àn al vót uguäl; Paletón gran partida e in fónda cuand é gnù su còll gran coléro äd Gomez a t’ l’é tót sòtta la tò protesjón parsonäla e….. pòvvra lù

Molinär sìncov : un po’ cme par Casàni, tra Joaquim e Cuadrado lilór j’én dù ch’ a fa girär la tésta a tutt, gran béj zugadór da tgnìr a bäda, e mìga sémpor a gh’ l’ ì caväda, a tutt il manéri voltär pagina sùbbit che domenica a s’ va a Rèzz

Gargàn sìncov : topo gigio a té t’ si catè in méza con Aquilani ch’ al n’é mìga l’ùlltom rivè, còll platonàs äd Valero ch’ l’é bón bombén e Pizarro ch’ l’é pù sòrrogh che ti, in sèrt momént second ti t’arìss preferì cuäzi cuäzi al Gat Silvestro

Marchionni sìncov : la spia ädla risèrva, còlla äd l’òli e còlla äd l’acua dal motor piädi tutt’ il trèj ; par Marchino é rivè l’ora dal ( meritatìssim ) taljànd

Paról séz : pét in fóra e cór dedlà da l’ostàcol, gran coràg’ e partìda zugäda ala päri contra di grand aversäri, sénsa sfigurär par njént

Biabiany nóv : p’r al coràg’ äd ciapär ‘na zbaräda in-t-la ghìggna cme t’é fat sul rigor, sìggn che prìmma riva la scuädra e po’ la paura ! Bravo

Casàn òt : eh bé, al tòcch ätri bali, un gol e du amonisjón p’r al stés aversäri ! Cära al me Mìsster a m’ dispjäz mo Fantantonio par mi al résta su sémpor ! Sémpor

Amauri séz : assist, rigor sgnè con ‘na fredèssa da eschimès e mìga da braziljàn, purtrop anca al 3 a 1 magnè in manéra clamoróza e sa t’avìss sgnè li bón’na not sonadór, 3-1 in déz cóntra vùnndoz…… e lór i ’n gh’ ävon mìga Hernan da drisärla

Donadón séz : Mìsster, e trèddoz ! Complimént, certo però che mi Casàn a n’al tirarìss mäj zò, e gnanca Biabiany cuand a s’ vénsa d’ amzùra cme jerdlà, anca parchè in vìnt secónd  lilór  j’ àn fat trénta mèttor avanti e la bala la ’n tornäva pù su ! E  m’arcmand Domenica, ch’ a s’ fa sénsa dirol, col so coléga là, al s’é tant simpàtich che p’r avér la sodisfasjón äd mandärl a ca’ nojätor, l’é cuäzi cme tacär l’ Arzàna o i gób, e sóra al cónt a s’ zuga pròprja a Rèzz
AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
 
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)
 

lunedì 24 febbraio 2014

Mercoledi 26 febbraio 2014 ore 11.00, la Compagnia I Burattini dei Ferrari ospite di RAI 2 a "I fatti vostri" di Giancarlo Magalli per i 100 anni di Bargnòcla.

 
La Compagnia I Burattini deiFerrari
è lieta di informarVi che

Mercoledi 26 febbraio 2014 ore 11.00
Sarà ospite di RAI 2 – trasmissione condotta da Giancarlo Magalli
“I fatti vostri”
Presenteremo la collezione di famiglia, le maschere della Commedia dell’Arte eBargnocla racconterà a Magalli dei suoi 100 anni che festeggerà quest’anno (1914-2014)
Daniela Giordano Ferrari 

domenica 23 febbraio 2014

Il Vangelo della domenica. Commento di don Umberto Cocconi.

Pubblicato da Don Umberto Cocconi  domenica 23 febbraio 2013  alle ore  8,08

Gesù disse ai suoi discepoli: «Io vi dico infatti: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio”. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna. Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono. Avete inteso che fu detto: “Non commetterai adulterio”. Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel proprio cuore. Se il tuo occhio destro ti è motivo di scandalo, cavalo e gettalo via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geènna. E se la tua mano destra ti è motivo di scandalo, tagliala e gettala via da te: ti conviene infatti perdere una delle tue membra, piuttosto che tutto il tuo corpo vada a finire nella Geènna» (Vangelo secondo Matteo).
 
Gesù esagera: ha alzato l‘asticella all’infinito, come se si trattasse di un “salto” alla nostra portata. Già non riusciamo ad osservare i dieci comandamenti, che ci chiedono di fare o di non fare, con azioni o astensioni almeno apparentemente più a nostra misura. Ora c’è di più: si tratta di andare non solo oltre la lettera della legge, ma oltre le capacità umane. Non abbiamo mai ucciso nessuno, e questo ci basta per sentirci a posto? No, agli occhi di Gesù non basta! Il fatto di esserci arrabbiati con qualcuno, di avergli dato dello stupido o del pazzo, è già sufficiente per un giudizio di condanna. E chi di noi può sentirsi al riparo da un giudizio del genere? Conosciamo il proverbio che dice “Ne uccide più la lingua che la spada”. Ma quanti di noi lo prendono sul serio, nei comportamenti quotidiani? Eppure, se ci pensiamo, è proprio vero che la lingua, ossia la parola, va sorvegliata: è una temibile arma da taglio, che non ferisce tanto il corpo quanto la dignità di una persona, a volte in modo devastante, irreparabile. Ed è facilissimo “cascarci”: pensiamo a quanto poco tempo impieghiamo a fabbricare giudizi ed etichette per il nostro prossimo. In generale, quanto è facile scaricare con le parole e con i gesti la nostra violenza sugli altri, come se le persone fossero uno zerbino da calpestare o un ostacolo fastidioso sul nostro cammino, da spazzare via. Sappiamo tutti, poi, in che cosa consista l’adulterio: tradire carnalmente il proprio partner. Ma non è tutto qui. Gesù dice che siamo “stupratori”, che siamo corrotti (e corruttori) già nel nostro sguardo, che non è più capace di vedere con purezza le persone. Non siamo più capaci di “sentire” che gli altri sono un dono e non una nostra proprietà. Anche lo sguardo concupiscente non rispetta il valore e la dignità dell’altro: vorrebbe prevalere su di lui, usarne e abusarne, farne uno strumento del proprio desiderio. Sono gli occhi che, mentre guardano ciò che piace, guidano la mano ad afferrare l’oggetto del desiderio. Perché i nostri occhi non sanno più guardare le cose con purezza? Perché le nostre mani non sono più capaci di aprirsi per accogliere e custodire? Forse perché il nostro cuore è malato? Sì, è così.
 
Paradossalmente, se fossimo onesti, tante volte non potremmo dire, a noi stessi e agli altri: “La messa è finita, andate in pace”. Solo se avremo portato la pace, la messa, la “missione”, sarà davvero compiuta. Gesù afferma: “Se presenti la tua offerta sull‘altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia il dono davanti all’altare e va prima a riconciliarti con lui e poi torna ad offrire il tuo dono”. L’incontro con Dio presuppone che non ci siano risentimenti tra fratelli; non si può incontrare Dio se prima non ho fatto pace con il mio prossimo: è il dono più grande che posso presentare a Dio. Gesù poi non dice: “Se hai fatto qualche cosa contro tuo fratello”, ma “Se lui ha qualche cosa contro di te”. Quindi, se mio fratello non mi “dà la pace” non posso partecipare alla messa. Devo rifletterci bene, dunque: anche quando penso di essere a posto, potrei scoprire di aver bisogno del perdono dell’altro, della sua comprensione, della sua benevolenza. Quello che Gesù ci sta dicendo, in ultima analisi, è che al centro di tutto devono esserci le nostre relazioni: l’altro è la realtà più importante, quella che dobbiamo mettere al centro di tutto. Vivendo così vivremo da figli, saremo figli del Padre celeste. Non è la “giustizia” dei farisei a fare da pietra di paragone: una giustizia meticolosa e puntigliosa, fatta di innumerevoli osservanze, insuperabile, nel suo genere. A noi non è chiesto di essere giusti, a noi è chiesto di essere figli: Figli non di un Dio giusto, ma di un Dio talmente “esagerato” nella sua misericordia da non mettere se stesso e la sua immensità al primo posto, ma l’uomo e il desiderio che l’uomo sia salvo. L’ex fariseo Paolo, che ha fatto profonda esperienza di tutto questo, ha potuto perciò scrivere: «Pieno compimento della legge è l‘amore». Un amore che è prima di tutto dedizione incondizionata verso l’altro, al punto da renderlo importante e unico. Un amore che ti fa essere pieno di grazia.
 
"Lo stupro" o "Le viol", un olio su tela realizzato da Magritte nel 1935, testimonia la sua personale adesione al Surrealismo e si presenta come un bizzarro ritratto femminile. Guardare un ritratto significa incrociare tre sguardi, quello dell’artista, del modello e il nostro: gioco di sguardi, di rimandi, di allusioni e subitanee emozioni. Nel dipinto, Magritte conserva del soggetto femminile solo gli elementi più marcatamente sensuali, dal collo al ventre, trasformati in una sorta di pseudo-volto erotizzato: è proprio il volto vero e proprio che manca. L’artista “traduce” il volto di una donna in un oggetto del desiderio, lo priva di individualità, di espressione e di sentimento, trasformandolo in un corpo spersonalizzato e in qualche modo mostruoso, destinato alla soddisfazione dello sguardo desiderante, della sua avidità. Nei dipinti di Magritte, la donna appare sempre nuda, come se la nudità fosse un attributo che la rende in qualche modo assolutamente casta, “nuda veritas” disarmata, così come il male appare sempre vestito da capo a piedi, con eleganza, sfoggiando i panni della rispettabilità, dei colletti bianchi. L’idea alla base di questo quadro colpisce per la sua disarmante verità. E’ la raffigurazione efficace della violenza che lo sguardo di un uomo infligge quotidianamente al corpo di una donna; una perenne minaccia alla possibilità di giungere all’amore, che non disintegra mai, ma integra, lascia esistere nell’unicità, in quantoammira e accoglie. Magritte "smonta" gli organi del corpo femminile e ricrea con quelli lo pseudo-volto: i seni ti guardano, il naso si atrofizza fino a diventare l'ombelico, la bocca-pube sembra distorcersi in una smorfia torturata. Lungi dall’essere la spiritualizzazione del corpo, il dipinto rappresenta piuttosto la materializzazione dello spirito, la “cosificazione” e l'umiliazione dell’altro in oggetto sessuale vero e proprio: cieco, sordo e muto.
(DON UMBERTO COCCONI)

 

venerdì 21 febbraio 2014

Comunicazione da L'associazione Bicinsieme FIAB Parma, il 24 febbraio ore 21, presso la sede, Via Bizzozero 19mini-corso di conoscenza della bicicletta












L'associazione Bicinsieme FIAB Parma invita a partecipare il 24 febbraio ore 21, presso la sede, Via Bizzozero 19, al terzo incontro del mini-corso di conoscenza della bicicletta:   ABC di una cicloescursione. Che cosa bisogna sapere e fare per organizzare una cicloescursione di mezza giornata, un giorno, due giorni, una settimana e oltre!!! L'ingresso è libero e non è neccesario registrarsi.
 
 

 

giovedì 20 febbraio 2014

Buon compleanno a Vito Schiavo, per i clienti Vito. Barman elegante e d’eccezione.

(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
 

(Testo blu in italiano)
Oggi spegne 52 candeline Vito Schiavo. Quando a Parma si parla di cappuccini ti viene subito in mente quelli che Vito serve da quasi 30 anni nei bar di Parma.

Originario di Laurino in provincia di Salerno, Vito da oltre 30 anni risiede a Parma, perciò lo si può considerare “Pramzàn” a tutti gli effetti.  Anche se non ha abbandonato il suo accento, Vito quando parla gli piace inserire nei suoi discorsi alcune battute in puro dialetto parmigiano. Ecco qui alcune fotografie di cokteil e cappuccini che Vito serve ai suoi clienti.

Se lo si vuole andare a trovare e se si vuole gustare alcuni dei suoi  “capolavori” favolosi lo si trova al mattino nel bar  SS 9 Caffetteria Pasticceria  pizzeria Tramonti 2 in via Emilio Lepido 207 a San Prospero Parmense.Buon compleanno a Vito.

(Testo giallo dialetto parmigiano)
Bon compleàn a Vito Schiavo, p’r i clienti Vito. Barman elegànt  e d’ecesjón.

Incó a zmòrsa  52 candlén’ni  Vito Schiavo. Cuand a Pärma  a s’ pärla äd capusén  a t’ vén  sùbbit in ménta còjj che Vito al sarvìssa  da cuäzi 30 an’ in-t-i  bar äd Pärma.

Originäri äd Laurino in provincia äd Salèron, Vito da pù äd 30 an’ al stà a Pärma, perciò al podèmma considerär Pramzàn a tutt j efét.  Anca  s’ al n’ à mìga ancòrra bandonè la so parläda, Vito cuànd al pärla agh’ pjäz  mèttor in-t-i so discórs socuànt batùdi in djalètt pramzàn.  Ecco chì sòtta  socuànt fotografjj  äd cokteil e capusén  che Vito al sarvìssa  ai so cliènt.

S’ al vrèmma andär a catär  e s’ a s’  vól gustär i  so  “caplavór” favolóz  al spól catär  ala matén’n  in-t-al  bar SS 9 Cafeterìa Pasticerja  pisseria Tramonti 2 in via Emilio Lépid 207 a San Pròspro Parméns. Bon compleàn a Vito
(Tgnèmmos vìsst)
En. Ma.

Nelle foto: Vito Schiavo mentre serve i suoi cokteil e alcuni dei suo cappuccini capolavori.

mercoledì 19 febbraio 2014

PUBBLICAZIONE N° 38: "PROVERBI SUI MESTIERI E LE PROFESSIONI" IN DIALETTO E ITALIANO: Parmaindialetto pubblica 3 proverbi in dialetto e in italiano


 

 

Pubblicazione N° 38
Provèrbi sui mestér e il profesjón.


Proverbi sui mestieri e le professioni.



Il  Sóri ‘d San Cuintén i gh ‘ àn do tésti in-t-al cusén

Le Suore di San Quintino han due teste sul cuscino. Cioè: non dormono mai sole: il proverbio è anteriore al 1810, anno in cui fu soppresso il Monastero delle Benettino annesso a San Quintino.
 
Chi fa bonóra fa do volti.
Chi fa presto fa due volte.
 
Tardión n’è mäj stè bón
Tardone non fu mai buono
 
Tgnèmmos vìsst

 

martedì 18 febbraio 2014

MERCOLEDI 19 FEBBRAIO ORE 17,30, ALLA SALA DEI BUSTI GALLERIA NAZIONALE, GAZZETTA DI PARMA EDITORE E' LIETA DI INVITARE LA S.V ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "PARMA IN POSA" DI KATIA GOLINI E ROMANO ROSATI.

 
(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)
 
 

DONNA: singolare femminile...Alla Galleria S. Andrea via Cavestro 6 esposizione di 7 artiste dal 22 febbraio al 7 marzo 2014

 
(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)
 

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Atalanta - Pärma 0 - 4 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 18 febbraio 2014

 

(Testo in dialetto parmigiano)

Atalanta Pärma 0-4

Mirànt déz : Oh Cezrón, s’ a t’ ciam Marchetti ch’al n’à mìga zughè ‘na partida e mìga Mirànt, l’é n’ofeza al calcio, mo fòrsi a podrìss sucédor ch’ a t’al dìgga anca äd parsón’na da chi a poch

Casàni déz : gran partìda e second témp col turbo ! barbètta dòpa ‘na partida acsì acsì col Catania l’é artornè a crèssor mìga poch

Lucaréli déz : donca Capitàn, da cuand a s’ sèmma consù a Säla e da cuand a v’ sèmma gnù a catär a Colècc’ mi e Riko, a sèmma stè di portafortón’na pù ùnnich che rär, la pù béla stagjón ädla carjéra e record su record ; elóra adésa a t’ fagh ‘na richiésta parchè a s’ la meritèmma : mi a vrìss la tò majètta in regal e Riko còlla äd Palètta; a gh’ pòsja fär cónt ??

Palètta déz : oh là, dòpa la fadìga ch’ j’ò fat domenica indrè ch’ a ’n gh’éra njénta da dir, stavolta a m’ gùssti pagéla par pagéla parchè a gh’ n’é da dir un bél po’! Paletón un pär äd mézi dormidi in méza, p’r al rést partìda parféta e diagonäli da gran centräl ! Cuand a t’ vè a catär fóra di zugadór praticamént a màca che i t’ tìron fóra sèrti prestasjón, bé aplavzi e basta, da fär a metè con Molinär però ah ?

Gargano déz : Topo Gigio al decìdda äd zugär facil facil  e có sucéda ? Ch’ al fa ‘na partìda strepitóza ! ät capì, a basta acsì pòch, semplicitè e a t’ si un medjàn cój barbìz

Acquah déz : cuand a s’ vénsa cuat’r a zéro al màsim di vót par tutt, anca se p’r al morètt chi a gh’ sarìss stè un séz stirasè, ringrasja par ‘na volta l’arbitro parchè t’é rissgè äd lasär la scuädra in déz sul vón a zéro con n’intarvént sénsa la minima conisjón

Paról déz : al Paról dal girón d’andäda e adésa ch’a s’ decìdda i zógh p’r i mondjäl l’é pròprja al momént giusst ! séns ädla pozisjón ecesjonäl, diagonäli prepotenti, pè educhè, gran corsa, témp äd zógh e geometrjj, gran tir ! a t’ò scrìtt al curriculum, a né t’ résta che mandär ‘na mail a Prandéli

Biabiany déz : a livél d’inteligénsa fòrsi la partìda pù béla da cuand l’é a Pärma ! a t’ dìgh la vritè, socuànt volti a m’ són dè di psigòt parchè a m’éra d’avis äd sognär a vèddrot  zugär acsì

Palladén déz : anca Swarowsky al s’é ‘drè artajär al sò spàsi e ‘na stagjón “importante” par dirla cme al Ghìrro ! bräv bräv e ancòrra bräv

Casàn déz : ecco la sréza, ansi la vìssola äd ch’il bón’ni insìmma  la torta e cme digestìv, par ch’j ätor però, parchè cuand al dìz dabón par j’avarsäri l’é pù indigést che l’àj, mo par nojätor l’é un pjazér par j’oc’ e par la clasìfica

Schelòt dèz : enträr sòtta un concèrt äd fìss’c’ e sgnär con rispét ! acsì a s’ fa, ezordi parfét !


Donadón déz : sémpor par via dal cul äd Sàch, mo a s’ sà ch’ a gh’ vól anca còll lì, però Mìsster grandìssim lavór, ala facia äd chi cuàtor siochètt ch’ i gh’ àn avù al coràg’ äd fìs’ciär col Catania! grande Mìsster!

AVANTI CROCIATI

(Tgnèmmos vìsst)

(Testo di Crociato 63)

(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)