Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 28 aprile 2015

"PÌCCIA L' OMBRÌGGOL"???


Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano il modo di dire 
"PÌCCIA L' OMBRÌGGOL"??? 
In Italiano il modo di dire  “ “PÌCCIA L' OMBRÌGGOL" vuol dire ”QUANDO DUE OMBELICHI SI TOCCANO FRA DI LORO" ... 
A proposito quando è stata l'ultima volta che avete fatto 
PÌCCIA L' OMBRÌGGOL" ??? 


Tgnèmmos vìsst

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn". Pärma Palèrom 1-0. Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 28 aprile 2015




(Testo in dialetto parmigiano)
Pärma Palèrom 1-0

Mirànt déz : tutt parfét a partir dala petnadùra e la ténta ch' la fäva “pandant” con la maja, e po’ at' si tornè al grand portér äd l’an' pasè fórsi ancòrra pù fort, ancòrra pù deciz !

Varela déz : Calimero, zugadór spetacolär. L’à pèrs un balón dòpa déz partidi l’à fat stanta mètt'r äd corsa fintant ch'a ’n l’à riconcuistè, fenomenäl ! 'na còza Mìsster s’ al me léza, mi al provarìs centräl äd centorcàmp, tant la porta al la vèdda pòch e l’é al so ùnnich difét però al gh' à di témp äd zógh parfét e in méza second mi al farìss stravèddor, insòmma a gh' darìss la batècca da diretór d’orchéstra

Costa òt : la 'n n’è miga städa la pu béla partìda, però ch’ la vangäda ch' l’ à dè a Dybala in-t-al prìmm témp l’é städa l’impréza äd cla scuädra chi : a chì gh’é d'äviz äd fär 'na pasegiäda a Pärma ch’ al sapia che almeno il gròssti al gh’ j à da lasär zò

Feddal déz : parfét, cme sémpor ! tant parfét ch’ al s' vèdda pòch o njént, e si che con cóll profil “important” e cóll parsonäl ch’ al gh' à al s' dovrìss vèddor bén, invéci l’é sémpor preciz, enträdi con al témp giusst codìggn cuand sarvìssa, a tór'n a dir, mo fìn a vintisètt ani chilù a ’n l’äva mäj vìsst nisón ?

Mendèz òt : dala pegiór diféza d’Europa par séz méz, ala pu bón'na d’Italia j’ultom dù, vón di sìggn pù evidént che al probléma dal Pärma j’éron chi du parsonàg' là, che 'na volta scapè lor cme du cunì anca la scuädra la s’é liberäda da un péz e l’é tornè a zugär mo fin a du méz fa l’éra asolutamént proibì parlärni mäl, guäi al mond !

Gobbi déz : vè có v’ àni portè la pisina äd Cocón ch' l’é un méz ch’ at' vè cme cuand at' gh’ äv vint an' ? jerdlà partìda strepitóza, rigor cauzè e socuànt scat ch' at' paräv al pòvor Mennea a Citè dal Messico !

Jorquera sètt : al s’é fat crèssor la còvva parchè sionò a 'n gh' sariss mìga manéra äd vèddrol in camp, alzerén cme l’é, dzèvvod, al né sa né 'd mi né 'd tì

Mauri òt : invéci chilù al péza cme Jorquera, mo cme péz specìffich a ’n n’ in väl vint, sémp'r in-t-al cór ädla partìda, vintmìlla mèttor, vintmìlla contrast, un sartór ch’ al cuzìssa zógh e repärt cme un veteràn; grand speransa che purtrop l’é destinè a crèssor via da Pärma dòpa ch' l’é carsù chi par tutt il giovanili

Nocerino déz : al Pastore Nocerino, có vól dir ésor un zugadór äd balón ? vól dir zugär sénsa paura, zugär con la tésta e con al cór prìmma che cójj pè, vól dir andär a tirär al rigor sénsa paura, vól dir radopiär i sfors cuand a s’é in dificoltè ! grand partìda e dédica comovénta dòpa al gol ! sjòri e sjòr, un grand profesjonìssta

Ghezzal sètt : un centravanti äd movimént, a se dzäva 'na volta cuand vón al né sgnäva gnan con al lapis, dìtt ala pramzàna un pisstapòcci, ecco pù o meno a gh' sèmma, 'na grand confuzjón e zéro tir in porta, però a gh’é da dir ch' l’é veramént al prìmm difensór dal Pärma al s' da un grand da fär e po’ vìsst su sky l’é simpàtich bombén

Covvà nóv : sfiorè al déz, sa t' fäv gol cuand a t’é ciapè la travèrsa té t' sarìss meritè un sentdéz e lode; epur par còll ragas chi a vèdd un bél futur, al gh' à tutt i movimént dal centravanti e l’é anca inteligént in camp e bombén, a gh' manca al gol mo par sfortón’na e basta, second mi al rivrà da chi a pòch

Donadón déz : Mìsster Mìsster, aver cminsè un po’ prìmma con ch’ la grénta chi, mo son convint che anca par lù fin tant ch' a gh’é stè chi du tragatén la a gestir la baràca nisón l’éra trancuìll, invéci adésa a si 'drè dimosträr ancòrra 'na volta che sul camp, in-t-un campionät regolär, cla scuädra chi la s' sarìss salväda a strich òc', IN CAMP, cme IN CAMP l’an' pasè la s’éra guadagnäda al dirìtt äd zugär in Europa, dirìtt neghè da du bagolón che l’ùnnica speransa ch' a s' résta l’é chi pägon cme i gh' àn da pagär e cme à dìtt giustamént Lucaréli !
AVANTI CROCIATI
Tgnèmmos vìsst
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

lunedì 27 aprile 2015

"LA CORSA DI TOMMY" DOMENICA 3 MAGGIO 2015 A SAN PROSPERO


(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)

Una giornata all’insegna dello sport, del benessere e della beneficenza in memoria del piccolo Tommaso Onofri, il «bimbo di Parma» rimasto nel cuore di tutti i parmigiani e non solo. Si terrà domenica 3 maggio, a San Prospero «La Corsa di Tommy», la manifestazione podistica adatta a tutti, dagli atleti professionisti agli appassionati della corsa, fino ai semplici camminatori. L’evento sarà caratterizzato da varie attività: due gare (una competitiva e una non competitiva "Corri col cuore speed") di 13.3 chilometri, la camminata "Corri col cuore" di 8 chilometri e diverse gare giovanili. Iniziative in programma anche per i più piccoli nel campo di fronte al circolo “Il Castello”: a loro disposizione ci saranno, i gonfiabili di "Gommaland", i pony del circolo ippico "Il Cinghio" e, ancora, i clown della Croce rossa e il servizio truccabimbi dell’associazione culturale "Ludobimbo.it".

L’iniziativa, giunta alla quinta edizione, è organizzata dal neonato gruppo sportivo “F70 FREESPORT” in stretta collaborazione con l’associazione "Tommy nel cuore", il patrocinio di Comune e Provincia con il sostegno di Fidal, insieme a numerose realtà private. Saranno presenti anche la Polizia municipale, la Protezione civile e i City Angels per garantire la sicurezza del percorso. La manifestazione, che ha l’obiettivo di promuovere una bellissima oasi del nostro territorio (che è stata rimessa in ordine dopo la grande nevicata dai ragazzi del gruppo sportivo “F70 FREESPORT”), ha un importante valore agonistico in quanto la gara competitiva è inserita nel calendario regionale e nel campionato provinciale di corsa su strada della Fidal. «La nostra prerogativa - sottolinea Roberto Neri, uno degli organizzatori - è quella di riportare lo sport a trasmettere valori importanti un po’ a tutti perché viviamo in un mondo dove ormai il rispetto per la vita, il sacrificio e l’amore per il nostro territorio stanno a poco a poco passando in secondo piano. E’ bello vedere che, nelle quattro precedenti edizioni sono stati raccolti oltre 13 mila euro, tutti devoluti a progetti rivolti all’infanzia, in linea con lo spirito dell’associazione “Tommy nel Cuore”- prosegue Neri -: tutto ciò è stato reso possibile grazie ai tanti partecipanti e al contributo fondamentale delle numerose ditte del nostro territorio che ci hanno dimostrato ogni volta il loro sostegno concreto».

L’utile dell’intera manifestazione di quest’anno sarà destinato per il progetto di riqualificazione del parco comunale di via Bernardelli a San Prospero intitolato proprio al piccolo Tommy; gli organizzatori della corsa continueranno, inoltre, a sostenere la scuola “Tommy” in Bangladesh, un progetto che li vede legati da ormai tre anni con i volontari dell’associazione “FilodiJuta” che proprio in questo Paese svolgono azioni lodevoli aiutando bambini in seria difficoltà.

Al fianco di Paola Pellinghelli, durante le premiazioni, ci sarà anche Chiara Cacciani, la moglie del compianto Marco Federici, il giornalista della “Gazzetta di Parma” scomparso in un incidente stradale il 10 luglio 2013 e che aveva seguito da vicino, come cronista, la vicenda del piccolo Tommy. «Anche quest’anno abbiamo deciso di dedicare il trofeo principale della "Corsa di Tommy" a Marco - spiega mamma Paola - oltre ad essere stato un giornalista profondo e dalla penna gentile, per me è sempre stato una persona importante perché mi ha aiutato tanto e mi è stato vicino, come pochi, in quel tragico mese».

Sarà presente alla manifestazione anche una folta rappresentanza dei camminatori che fanno parte di PassiOn Parma, il progetto di camminate urbane - all’insegna del movimento, della socializzazione e della riscoperta del territorio - promosso da Fondazione Sport Parma in collaborazione con Uisp Parma e patrocinato dal Comune e, recentemente premiato dalla Regione come il più meritevole fra quelli per il miglioramento della salute attraverso l’attività motorio-sportiva nel 2014. 

A tutti gli iscritti all’evento, verrà offerto un ricco ristoro con la novità della sangria e tutti coloro che si iscriveranno alla camminata “Corri col cuore”, riceveranno anche un simpatico braccialetto, segno di riconoscenza dei bambini del Bangladesh seguiti dai volontari dell’associazione parmigiana “FilodiJuta”. Docce disponibili presso il campo sportivo di San Prospero.

Appuntamento, dunque, domenica 3 maggio a San
Prospero per la gara divenuta, ormai, l’espressione più autentica del significato di sport e civiltà: il ritrovo è fissato alle 8 davanti al circolo «Il Castello» in via Aldo Capra dove partiranno tutte le competizioni e dove si troveranno anche tutti i vari punti di iscrizione; lo start della gara competitiva e quello della non competitiva «Corri col cuore Speed» sarà alle 10 mentre la camminata «Corri col cuore» prenderà il via alle 9.15 e le gare giovanili alle 11.45. Per informazioni, è disponibile un indirizzo di posta elettronica (f70freesport@gmail.com), il sito internet www.lacorsaditommy.it oppure consultare la pagina facebook “La Corsa di Tommy”.


Tgnèmmos vìsst




domenica 26 aprile 2015

CINGHIO EQUITAZIONE ASD – la fornace dei campioni. L'Assessore allo sport del Comune di Parma Giovanni Marani, ha visitato la struttura.

(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)


I soci del Cinghio Equitazione ASD non hanno dovuto aspettare tanto per i primi risultati eccellenti con il ritorno a pieno ritmo alla guida degli agonisti di Andrea Schulze-Broglia! Questo weekend alla gara Nazionale di Concorso Completo di Equitazione a Ravenna, i dodici partecipanti del Cinghio erano iscritti in quattro categorie e ne hanno vinte TRE! Tommaso Mondini con il suo cavallo Zandigo II vince la Categoria 3 senza una penalità! Ottimi piazzamenti anche per le sorelle Virginia, quinta, e Vittoria, sesta, nella stessa categoria. Nella Categoria 2, dopo la seconda prova, vola in testa e vince Matilde Baiocchi, di soli 12 anni, con il suo magnifico pony Irish Springtime! Giornata vincente anche per la piccola Giulia Nicastri con Priddy Isabella che da subito conduce la Categoria Invito Pony e porta a casa il primo premio! Con questi risultati Cinghio Equitazione vola in vetta alle classifiche del Progetto Giovani della F.I.S.E. Emilia Romagna con due primo posti – Matilde Baiocchi (Cat.2) e Giulia Nicastri (Cat.INVP), un secondo posto per Virginia Fanticini e terza per la sorella Vittoria nella Cat.3. Sempre nelle classifiche del Progetto Giovani, Chiara Vincenzi si guadagna il 5° posto nella Cat.2 e Sofia Chiara segna un bel 5° posto nella categoria Invito Pony. Ottime le prestazioni anche di Matilde Marconi, Francesca Santi, Sofia Ceccatelli, Elena Neri e Matteo Dacci.
Mentre gli agonisti erano impegnati a Ravenna, a casa Cinghio Equitazione ha festeggiato con una gara sociale: il Trofeo “JUMPING CINGHIO”, con ben 52 concorrenti! Sotto la guida degli istruttori Alfio Taggi e Elisa Zammarchi, la gara si è svolta a 5 livelli: dalla gara per i più piccoli (dai 3 ai 6 anni) con i mini-pony a una categoria nuova per gli adulti – i Maturity Riders - che frequentano la scuola di equitazione. Un pomeriggio di impegno sportivo, grande divertimento e tanti bei ricordi! Il 25 aprile Cinghio Equitazione ha aperto le sue porte ed ha avuto la presenza di tanti visitatori per scoprire il mondo meraviglioso dei pony e cavalli!

E.M.


Tgnèmmos vìsst

sabato 25 aprile 2015

IL VANGELO DELLA DOMENICA: COMMENTO DI DON UMBERTO COCCONI

IL VANGELO DI DOMENICA 26 APRILE 2015
Gesù disse: «Io-Sono il Pastore bello, il Pastore bello espone la sua vita a favore delle pecore. Il mercenario è chi non è pastore, al quale le pecore non appartengono: vede venire il lupo e abbandona le pecore e fugge. E il lupo le rapisce e le disperde, perché è mercenario e non gli interessa delle pecore. Io-Sono il Pastore bello e conosco le mie e le mie conoscono me. Come il Padre conosce me e anch’io conosco il Padre e dispongo la mia vita a favore delle pecore. Anche altre pecore ho che non sono di questo recinto. Anche quelle bisogna che io conduca. E ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo Pastore. Per questo il Padre mi ama, perché io depongo la mia vita per prenderla di nuovo. Nessuno la toglie da me, ma io la depongo da me stesso. Ho il potere di deporla e ho il potere di prenderla di nuovo. Questo comando ho preso da parte del Padre mio». (Vangelo secondo Giovanni)
Queste immagini: il pastore, le pecore, il gregge, l’ovile, non significano molto per noi post-moderni. L’uomo, però, anche oggi segue pur sempre un pastore, cioè un modello che lo guidi. Il problema che si pone, quindi è questo: chi sto seguendo, chi è il mio pastore? Gesù dice di essere (Io-Sono, il nome di Dio!) il pastore bello, non “buono”, alla lettera proprio “bello”! E la prova della sua suprema Bellezza-Bontà è proprio il fatto che manda fuori le pecore dal recinto. Metaforicamente, Gesù propone all’uomo una libertà da tutti i recinti: lui è il Dio della libertà, che chiama ciascuno ad uscire dalle proprie prigioni, per giungere alla pienezza della vita, alla terra “dove scorre latte e miele”. I grandi del mondo, i capi religiosi e politici, tengono l’uomo prigioniero, rinchiuso dentro un ovile, sotto il loro controllo, sotto il loro dominio. Gesù al contrario vuole liberare ogni individuo “dal belato comune” e inautentico, imposto dai detentori del potere:la Verità sola rende liberi! Gesù si propone come il vero pastore, perché “espone” la sua vita per le pecore, le difende perché le ama, e per questo “dispone” della sua vita a loro vantaggio, per cui la “depone” per loro. Questi tre verbi, esporre, disporre, deporre, sono costituiti dal verbo porre preceduto da tre diversi prefissi che gli danno una connotazione particolare. Hanno tutti e tre come oggetto la parola vita: è la vita del pastore bello ad essere da lui stesso esposta, disposta, deposta. La parola pastore, inoltre, ha in sé il concetto del nutrire, perché è proprio lui quello che porta al pascolo le sue pecore e dà loro il cibo. Queste tre azioni, dunque, rimandano a tre momenti diversi dell’unica azione del nutrire. In questo caso, è il pastore a consegnare la sua vita, che non la tiene per sé,ma la offre ponendola all’altezza della bocca delle pecore. 

E’ Lui che si china per dare se stesso come cibo. Le pecore che si nutrono della vita del pastore possono vivere così la sua stessa vita, in quanto Gesù mette la propria vita a rischio, senza pensare di salvare se stesso. Dio è Dio in quanto non salva se stesso, ma si dona per salvare gli altri!La prima caratteristica del bel Pastore, quindi, è quella di “esporsi”, cioè di porsi fuori, di uscire allo scoperto: non s’imbosca, non ha paura di mettere la propria esistenza a repentaglio. Non è come il mercenario,che non solo, non ama le pecore, ma le considera un puro oggetto di speculazione. Infatti quando c’è da guadagnare, eccolo pronto ad arraffare, quando rischia di perdere, ecco che si ritira e fugge. Gesù non è un funzionario che lavora in cambio di uno stipendio, senza avere realmente a cuore le pecore: no, egli è un pastore autentico, perchè non vive del ruolo né della funzione rivestita, ma s’impegna in una relazione finalizzata al bene delle sue creature, fino a condividere tutta la vita con il proprio gregge e a divenire per lui un agnello mite e indifeso. Insomma, il pastore buono e bello è venuto per servire: la sua autorità consiste nel far crescere quanti gli vengono via via affidati. Il suo compito è di farli vivere in pienezza e la modalità del suo servizio è quella di spendersi per loro “fino alla fine”. E le nostre relazioni, di che tipo sono? Sono mercenarie o sono da “pastore bello”? Spesso, infatti, constatiamo che finché c’è un interesse, il nostro, restiamo dentro a una determinata situazione, poi se ci accorgiamo che il rischio è alto, non stiamo più al gioco. 

La parola interesse ha il significato di “essere tra, creare relazione con …”. Cosa c’è tra me e l’altro? Mi sta a cuore oppure ho a cuore semplicemente il mio io, il mio tornaconto, e l’altro è funzionale ai miei interessi? Sono forse io il mercenario-lupo che sbrana e distrugge? L’amore che Gesù ha per ciascuno di noi, invece, è lo stesso amore che il Padre ha per lui: questa è la sua vita. L’amore che il Padre ha per il Figlio e che il Figlio ha per il Padre e lo stesso che Lui ha per noi. Il suo desiderio però è che anche noi abbiamo per Lui il medesimo amore, in modo che tra noi e lui, tra l’uomo e Dio, circoli un unico Amore, un’unica Vita divina. “Disporre” significa che il Pastore bello “cede i diritti” sulla propria vita agli altri, in questo caso alle sue pecore. Sono le pecore a diventare proprietarie del Pastore! Il Pastore si mette nelle mani delle pecore, anzi, più ancora, “nella loro bocca”. Il buon pastore diventa cibo e vittima, agnello offerto, per questo “depone” la sua vita nella greppia della mangiatoia, per diventare nutrimento per tutti gli uomini, anche per quelli che noi consideriamo nemici e lontani, abbattendo così ogni steccato. Dio non ha nemici, non fa guerra– né santa, né giusta - a nessuno: ha solo figli da amare, ai quali dona la sua stessa Vita e il suo stesso Amore. Non vi deve essere che una razza al mondo: quella dei figli di Dio! Tutta l’umanità è costituita da figli di Dio, e quindi è chiamata a diventare un insieme di fratelli e sorelle. Si può fare la globalizzazione sotto il segno del ladro e del brigante, e questa la conosciamo bene, oppure sotto il segno della fraternità, che è l’esatto contrario: dobbiamo scegliere quale delle due vogliamo. Il Figlio di Dio, l’Agnello, che ha redento il mondo, ha deposto se stesso nella mani degli uomini, ed è sceso dal cielo, per portare sulla mensa dei figli di Dio, il Pane della Vita. Nell’immagine del bellissimo Pastore-Agnello eucaristico è riassunta tutta la vicenda di Gesù, immagine che noi siamo sempre chiamati a contemplare, per poter compiere la nostra scelta e dirigere la nostra vita verso la libertà.
(DON UMBERTO COCCONI)

giovedì 23 aprile 2015

SAI COSA VUOL DIRE IN DIALETTO PARMIGIANO LA PAROLA?????


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA)




Sapete cos'è in dialetto parmigiano " LA MÀCHINA DA FTÄR ". In Italiano " LA MÀCHINA DA FTÄR " è ”L'AFFETTATRICE”


Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "CARABÀN o FRATELLI BRANCA" In Italiano la parola “ CARABÀN o FRATELLI BRANCA" vuol dire (in un vocabolo dei gerghi di malavita) ”CARABINIERI”


Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "SENTÉZOM". In Italiano la parola “SENTÉZOM" vuol dire ”CENTESIMO”

Sapete cosa vogliono dire in dialetto parmigiano le parole "PAJÓN e GHISS ÄD PAJA". In Italiano le parole “ PAJÓN e GHISS ÄD PAJA" voglino dire ”PAGLIERICCIO e MATERASSO A SACCO”


Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "INDVINÄR o IMBROCÄR". In Italiano la parola “ 
INDVINÄR o IMBROCÄR" vuol dire ”AZZECCARE ”



Tgnèmmos vìsst


Spettacolo al Teatro Regio " Parma in Coro " dell' 11 Maggio chiusura della campagna " Una mano per l'Hospice " - Associazione Claudio Bonazzi pro Hospice Piccole Figlie.


(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)



I biglietti saranno in vendita :

a. Biglietteria del Teatro Regio
b. Cartoleria Avanzini  - via Cavour ,26  - Parma
c. Gioielleria  Carboni  -  via Mazzini 5/a – Parma
d. Per telefono contattando Mimma Petrolini ( presidente dell’Associazione ) al  339 49 10 463


Tgnèmmos vìsst





mercoledì 22 aprile 2015


SPETTACOLO DA NON PERDERE. LA COOPERATIVA "INSIEME" ORGANIZZA UNA SERATA DI BENEFICENZA IL 22 MAGGIO 2015 ALLE ORE 21, AL CIRCOLO CASTELLETTO DI VIA ZAROTTO. "TUTTI INSIEME SI PUO". PARTECIPERANNO ALLA SERATA: ALDO PIAZZA, (Drag Queen), CORRADO MEDIOLI, (Fisarmonicista), DON PINI,(Country), BARBARA BARBIERI, (Che Mina), ENRICO MALETTI, (Dialetto parmigiano), GIACOMO MAINI, Trombettista e cantante)...VI ASPETTIAMO... 

(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)




Tgnèmmos vìsst.

martedì 21 aprile 2015

SAI COSA VUOL DIRE IN DIALETTO PARMIGIANO LA PAROLA ?????????


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA)

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "ORBÄRA o BARLUZÄRA". In Italiano la parola "ORBÄRA o BARLUZÄRA" vuol dire ”ABBAGLIAMENTO”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "BORÀS" In Italiano la parola “ BORÀS" vuol dire ”STROFINACCIO o CANOVACCIO”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "DRAGHÈTT". In Italiano la parola “DRAGHÈTT" vuol dire ”CAVALCAVIA o SOVRAPASSAGGIO”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "CAVAGNA o PANÉRA". In Italiano la parola “ CAVAGNA o PANÉRA " vuol dire ”CESTA”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "STISS o BORNÌZA". In Italiano la parola “ STISS o BORNÌZA" vuol dire ”TIZZONE o BRACE


Tgnèmmos vìsst

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn": Empoli Pärma 2-2 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 21 aprile 2015



Testo in dialetto parmigiano
Empoli Pärma 2-2

Mirànt nóv : sul prìmm gol second mi as' podäva fär un cuelinén äd pù, mo in-t-al second témp t’é fat 'na paräda ch’ a 'n vdèva pù dal sparègg' äd Bològgna con Frey sul colp äd tésta äd Tare, 'na roba fenomenäla tant ch' a té t' si infìnna spetnè fa tì

Varéla nóv : äd n’ätor livél, in sèrti còzi al m’arcòrda Seedorf, cuand a gh' riva la bala invéci che agitäros al se cälma e al né va mäj in dificoltè, veramént l’é un zugadór äd balón äd còjj ch' al sa sémpor có fär, mercansìa rära al gióron d' incó

Costa sìncov : dòpa socuànt partìdi äd gran livél, jerdlà t’é girè a vód parècci volti, oh comuncue as' vèdda lontan déz chilometri ch' a t' si äd Rèzz dailà at' gh’é dìll tozädi studiädi da n’architètt mìga da un barbér, dìmm la vrìtè in-t-l' armäri gh’ät ancòrra i stvàj a ponta cól tach äd travèrs, la camiza äd jeans e al giubètt äd péla cól drago stampè in-t-la schén'na e il frangi cme i cowboy ?

Feddal séz : e anca tì 'na méza partìda zbaljäda dòpa ch' a t’è infilè un filòt äd gran partìdi ch' a t' paräv Piquè, trop spàsi lasè in méza, socuànt bùz e bali pèrsi, specialmént in-t-al prìmm témp, in-t-al second invéci ancòrra bén bombén

Casàni sìncov : fóra condisjón, a té t' sälvi un po’ con l’esperjénsa e l’inteligénsa tatica, dal rést un povor ragas che l’an' pasè l’à fat un campionät strepitóz, po’ st’ an' a gh’é tochè n’ intarvént nojóz un bél po’ e cuand l’é artornè l’à catè cla situasjón chi, dzèmma ch’ al gh' à tutt i motiv dal mond s’al n’é mìga pròprja in forma al sént par sènt

Gobbi séz : Capitàn in seconda, béla partida anca jerdlà, Massimo prepärot che sèrja B o sèrja D ti dedchì a ’n té t' móv mìga gnan par burla valabén ? génta cme ti la sarvìssa par ripartìr con la facia béla äd la serietè e l’onestè

Mauri sètt : che ràsa äd 'na ràza col garzón chi, al me pjäz parchè a deznóv an' al né s' lèsa mett'r i pè in tésta da nisón, insòmma ch' a gh' sia dal bón e ch’ al sia destinè a 'na béla carjéra al la vèdda anca 'n òrob; e po’ da còll ch' a s’é visst insìmma ala Gazètta at' si bón bombén anca con la cärna ala griglia, am' cascäva la gòssa a vèddor ch’ il foto li

Lila sètt : un ragas ch' a gh' la mètta tùtta e ch’ al s’é 'drè guadagnär al stipendi ( ops... as' fa par dir ) ; gran grénta sul gol äd Lodi cuand l’à recuperè 'na bala ch’ la paräva pérsa, e sémpor volenteróz e ala fén ädla féra anca cói pè a n’ò vìsst di bén péz

Lodi séz : al gol e poch äd pù ahn, mo l’é sarvì par fär capir ch' a sèmma ancòrra zvéli e con la vója äd véndor cära la péla, e acsì a m’ àvguri ch' a sia fin in fonda, almeno da fnir st’ agonia con dignitè

Ghezzal cuàtor : oh Mirko, a né t' n’imbròch mìga vùnna ah ? l’à sgnè Belfodil e ti ancòrra no, vèdda ti cme at' si mìss, nojätor spetèmma fiducióz

Covvà cuàtor : un pas, mo anca du o tri pas indrè; certo che cuand a gh’éra Casàn äd fianch l’éra n’ätra muzica, eh còmda, con Casàn atàca farìss sìnch o sez gol a l’an' anca mi, garanti al limón

Belfodil déz : domenica nòta a 'n n’ò mìga dormì trancuìll bombén, parchè cuand a sucéda di lavor acsì at' vén adòs la paura ch' a pòsa ésor la cassandra ädla fén dal mond o cuél äd sìmmil, oviamént am' riferìss al fat ch' l’ à fat gol dòpa 'na vìtta, in pratica a m’arcord che cuand l’à sgnè l’ùltma volta mi a ’n gh’äva ancòrra gnanca un cavì bjànch in tésta fì vù

Donadón òt : bravo Mìsster, parchè tra curatór, comisäri, bagolón, televizjón, documentäri, babalàn, tragatén a n’é mìga facil andär's alenär da razón cme si adrè fär vojätor e a figurär pù che degnamént, e po’ am' vén da dir che da cuand chi dù pajas e tragatén là j’én scapè cme do lévri, anca a livél äd tésta a si migliorè bombén, insòmma l’é städa 'na liberasjón par tutt o cuäzi, si parchè un cualchidón al j’à diféz, cuatè e protét fin al gióron prìmma ädla fuga anca se adésa i fan còjj che “mi l’ò sémpor dìtt”; si e cucù
AVANTI CROCIATI
Tgnèmmos vìsst
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

lunedì 20 aprile 2015

Bellissimo pomeriggio nella suggestiva cornice dell'Auditorium del Carmine del Conservatorio di Parma per il Lions Day, con la consegna delle cinque borse di studio della Circoscrizione Lions di Parma a cinque studenti meritevoli.
Madrina della manifestazione la sempre splendida Francesca Strozzi di TV Parma.



(FOTO DI PAOLO DIOSY E CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)



Tgnèmmos vìsst


GIRO CON BICI DA CORSA DOMENICA 26 APRILE CON U.V.P.

Domenica 26 aprile alle 8.15 ci troviamo da Bertinelli (allo sbocco del ponte nuovo sul Taro fra Collecchio e Medesano)
per pedalare insieme per un’ottantina di kilometri con biciclette da corsa (vedi volantino allegato)
Il tracciato è stato studiato con cura ed affronta alcune salite impegnative nei dintorni di Noceto e Salso; alcuni tratti sono in sterrato

Lo abbiamo chiamato Ronde Van Koosteren per assonanza con alcune delle classiche del Nord che si disputano in questo periodo
Si tratta di una libera biciclettata fra Amici, senza paternità della associazione UVP che non risponderà di eventuali infortuni meccanici e non.
Ogni partecipante è naturalmente tenuto al rispetto del Codice della Strada
A domenica !!

Con i migliori saluti
Alberto Gandini

Tgnèmmos vìsst

sabato 18 aprile 2015

QUESTA SERA A TV PARMA ORE 21, 30 "I Guai äd l'Avocät" con la Compagnia Teatro di Quartiere commedia in tre atti di Piero Piriastri



Le disavventure di un Avvocato galante, che oltre alle cause altrui deve pensare a riparare con la moglie le proprie scappatelle amorose. A risolvere il problema sarà un sua impiegata, assunta dalla moglie per controllarlo, la quale con astuzia femminile metterà a posto la situazione. Gli Interpreti sono: Ivo Campanini, Antonio Ruzzi, Enrico Maletti, Marco, Dardari, Raffaella Bonitatibus, Daniela Villa, Federica Pattini, Ilaria Civa Del Fonte, Silvia Reverberi, Monja Ghillani. La regia è di Ivo Campanini le scene sono di Maletti. 

LA REGISTRAZIONE E STATA EFFETTUATA AL TEATRO PEZZANI IN OTTOBRE DEL 1999.



Tgnèmmos vìsst


venerdì 17 aprile 2015

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn": Genoa Pärma 2-0. Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 17 aprile 2015




(Testo in dialetto Parmigiano)
Genoa Pärma 2-0

Mirànt séz : la scuädra l’é un po’ artornäda in-t-la sòvva, al prìmm témp i gnävon zò cme dill valanghi, al second un po’ meno mo l’é stè un brutt rizvéli da l’insònni

Varela sètt : Calimero, sémp'r al pù pozitiv ädla scuädra, lùccid, técnich, al né pärda mäj al balón, l’artór'n a dir, un zugadór cón i barbìz, 'rivè un tri/cuatr an' trop tärdi

Santacróza cuàtor : a né mìga sémpor domenica, o méj sabot sìra, la pù béla partida äd la carjéra sabot con lilór, vùnna asolutamént modésta jerdlà a Gènnva

Feddal séz : eh gìrrla e mèzzda la scudéla ( cme còlla ch'a dróva al so barbér ) l’é sémp'r al pù bräv dardè, a 'n sral mìga in préstit anca lù ahn par cäz, no parchè con còll ragas chi un cuälch bagarón al s' pól portär anca a ca' second mi

Lucaréli cuàtor : oh Capitàn, at' sér parècc' ruzznì dòpa un méz äd ripoz oblighè, at' sér infin pù elastich sabot a rampär su par la ramäda cme al bomber, che jerdlà sira a còrror adrè a Boriello e brigäda

Gobbi séz : Massimo su l’onda lónga ädla gran partida äd sabot sira at' si stè ancòrra lùccid e pimpant ; a ’n t’arè mìga robè anca la dòza äd Gerovital al Capitàn che lù l’éra piantè e ti t’andäv ancòrra cme Pluto ?

Lila cuàtor : rizvéli putòst complichè anca par còll ragas chi, tésta e fizich tajè cól maras, ciapè in méza cme un giovedì par tùtta la partìda, a un sèrt pónt al né säva gnanca pù indó l’éra

Nocerino cuàtor : Fra Martino sté gir invéci che sonär il campani i l’àn sonè lù, a metè camp i fävon pròprja còll chi n’ävon vója, sénsa che nisón a gh' l’abia caväda a contrastärja da razón

Lodi cuàtor ; al Genoa l’à tirè su la cadénsa sùbbit, e lù al sparìssa matematicament cuand la partìda la s' zuga su 'd gir; a n’é mìga sémpor l' Udinéz ch' l’à zughè ai du a l’ora

Ghezzal cuàtor : Mircodue l’à patì dal narvóz e basta ! dailà, cól nùmmor lì con la giravòlta e la bala sòtta 'l scärpi j’al fävon al circo vint’ an' fa, mo in-t-un camp da balón al né sarvìssa a njént, vèdda ti ah, ormäj al campionät l’é fnì

Belfodil cuàtor : a 'n särt pónt al telecronista al fa : Ghezzal e Belfodil, 'na copia d’atacant da zéro gol in campionät !! lé, fòrsi, brigant e bagolón a pärta, as' capìssa anca parchè a gh’èmma ch' la clasifica lì : al vèdda la porta benìssim, pchè che dòpa averla vìssta d’ogni tant a gh' vrìss anca casè dént'r un cuälch balón

Donadón séz : scuädra fjaca e l’éra anca da mèttor in preventiv, con la róza ch’ la s’é restäda, fär trèj partìdi in sètt dì l’é c’me scalär al Mont Bjanch in savàti, e a tutt il manéri Mìsster, ormäj ch'a s’é 'cetè äd zugär, tgnir ält al nòmm äd Pärma e dal Pärma fin ala fén e po’ ch’ la vaga indó la pénda
AVANTI CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo do Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)