Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







giovedì 28 maggio 2015

SAI COSA VUOLE DIRE IN DIALETTO PARMIGIANO LA PAROLA ???


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLA FOTO PER INGRANDIRLA)

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola 
"DEBÀ". In Italiano "DEBÀ" vuol dire ”PROCESSO”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano 
"ZGAMBINÄDA". In Italiano ”ZGAMBINÄDA” vuol dire ”CAMMINATA”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "DOBÄR". In Italiano la parola "DOBÄR" vuole dire il ”ADDOBBARE”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "PJÓ o PJÓD". In Italiano la parola "PJÓ o PJÓD" vuol dire “ARATRO”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "PATÀFJA". In Italiano la parola " PATÀFJA" vuol dire ”CARTELLONE MURALE ”

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parole "DSÈVVOD". In Italiano la parola " DSÈVVOD" vuol dire ”INSIPIDO ”


Tgnèmmos vìsst

MAURO CORUZZI (PLATINETTE), VUOLE FARE UNA SERATA A PARMA...


MAURO CORUZZI, (IN ARTE PLATINETTE) DA LANGHIRANO, PARMIGIANO D'ADOZIONE, VUOLE LAVORARE IN UNA SERATA A PARMA. ECCOLO IN UNA FOTO SCATTATA QUEST'ANNO A SAN REMO DOVE HA PARTECIPATO CON UNA CANZONE, E IN UNA FOTO DEGLI ANNI 70 QUANDO LAVORAVA A RADIO PARMA. PERCHE' NON ORGANIZZARE UNA SERATA CON GLI ARTISTI PARMIGIANI FRA I QUALI MAURO CORUZZI ??? LA SCORSA SETTIMANA E' STATA ORGANIZZATA UNA SERATA A SCOPO BENEFICO CON SUCCESSO AL CASTELLETTO CON 6 ARTISTI PARMIGIANI .


(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
(MAURO CORUZZI A SAN REMO 2015)
(MAURO CORUZZI NEGLI ANNI 70)


mercoledì 27 maggio 2015

Martedi 9 giugno 2015 ore 17 Presso l'auditoriun “Romano Gandofi” della Corale Verdi vicolo Asdente 1 (Parma) presentazione del libro “Rezdóre a Parma” Testi di Lorenzo Sartorio Foto di Luca Pezzani



Martedi 9 giugno 2015 ore 17
Presso l'auditoriun “Romano Gandofi” 
della Corale Verdi vicolo Asdente 1 (Parma)
presentazione del libro

“Rezdóre a Parma”

Testi di Lorenzo Sartorio
Foto di Luca Pezzani

Dopo il saluto del presidente della Corale Verdi Cav. Andrea Rinaldi, la Dptt.sa Cina Foglia, presidente Movimento Italiano Casalinghe, (MO.I.CA) sezione di Parma, si intratterà con l'autore.
Mentre Enrico Maletti, apprezzato finedicitore, declamerà alcune poesie in vernacolo parmigiano.
IL LIBRO EDITO DA GRAPHITAL E DISTRIBUITO DA GAZZETTA DI PARMA SARA' NELLE EDICOLE DI PARMA E PROVINCIA 
DA SABATO 13 GIUGNO
.
(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)


Tgnèmmos vìsst

Giornata Mondiale sulla SLA, Collecchio il 7 giugno. "UN PONTE VERSO GLI ALTRI"

                              TI ASPETTIAMO

alla  “Benefica camminata” che si terrà a Collecchio il 7 giugno p.v.
invita e porta con te amici, parenti, colleghi...
La manifestazione "UN PONTE VERSO GLI ALTRI"
organizzata in occasione della Giornata Mondiale sulla SLA che si celebrerà il 21 giugno p.v.
 per informare sensibilizzare sulla questa patologia e raccogliere fondi per Aisla Parma a sostegno dei nostri progetti sul territorio.

Con la cortesia di dare la massima visibiltà e diffusione all'evento.
Ringraziamo anticipatamente tutti quelli che vorranno partecipare  e saranno al nostro fianco, sarà una bella occasione per incontrarci e conoscerci .


(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)


Tgnèmmos vìsst



martedì 26 maggio 2015


ENRICO MALETTI E ALDO PESCE QUEST'ANNO FESTEGGIANO RISPETTIVAMENTE 
51 E 49 ANNI CON IL TEATRO DIALETTALE.
IN QUESTI ANNI HANNO VISTO PARECCHI CAMBIAMENTI. 


(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)



Tgnèmmos vìsst
COMMEMORATO AL CIMITERO DELLA VILLETTA L'ATTORE E AUTORE DIALETTALE BRUNO LANFRANCHI A 20 DALLA SCOMPARSA. SONO STATI LETTI ALCUNI DEI SUI TESTI IN DIALETTO PARMIGIANO DA ETTORINA CACCIANI, GIANCARLO ILARI, FRANCO GRECI, GIUSEPPE MEZZADRI, MAURIZIO TRAPELLI, ENRICO MALETTI, ALDO PESCE MIRELLA CENNI, PAOLO BRIGANTI, ACCOMPAGNATI DALLA FISARMONICA DI CORRADO MEDIOLI. HANNO RALLEGRATO CON I BURATTINI DANIELA E GIORDANO FERRARI. E' INTERVENUTO IL SINDACO DI PARMA FEDERICO PIZZAROTTI.

(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)
(FOTO DI CRISTINA CABASSA)


Tgnèmmos vìsst

"Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn" Pärma Verón'na 2-2. Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 26 maggio 2015


(Testo in dialetto parmigiano)
Pärma Verón'na 2-2
Mirànt déz : dal momént ch' a péns che st’ an' ch' vén purtrop at' sarè da n’ätra pärta a zugär, a mètt il man avanti e at' ringràsi p'r i séz campionät zughè ala granda, par tutt il petnaduri ch' a t’ à fat al tò barbér e par la profesjonalitè ch' a t’é sémpor dimostrè ! in bòcca al lòvv l'òmmo
Casàn séz : purtrop l’an' pasè l’é un ricord in tutt i séns, cme risultät, cme forma fìzica, cme tutt; anca tì second mi a né t' vèdd l’ora ch'a riva al trentón a sinch ór dal dopmezdì e po’ as' vedrà
Feddal séz : oh camlón, Toni al t’à freghè bén ah ? va bén sta trancuìll, a né t' si mìga al prìmm ch’ al frega cóll furbación li, e ti sta trancuìll anca cóll contrat, che tutt somè sa' né t' ciamäva mìga indrè al Pärma t’ariss scaldè la panchén'na a Palèrom fin adésa
Lucaréli òt : che pchè a l’ùltim second cóll gol magnè, al sarìss stè un finäl parfét p'r un romanz lòngh vintisìnch an', con la speransa ch’ as' pòsa catär ala zvèlta 'n ätor editór ch' al cata ädj avtór chi pòson continvär ala zvèlta bombén
Gobbi òt : anca par Massimo cme par Mirànt, l’é 'na spece äd vót ala cariéra, Massimo ch' a l’ò mandè a Misurina socuànt volti a fär scorta d’osigeno, in-t-la pisina äd Cocón par sarcär äd tirär via un cuälch anètt ala cärta d’ identitè parchè ai zugadór cme da chi indrè cme lu a gh' vój bén bombén
Varela déz : gran zugadór, rivè chì in-t-al momént pu brutt, al s’é comportè benìssim e l’à zughè ala granda in tùtti il pozisjón indó al l’à mìss al misster e anca jerdlà un gol ecesjonäl
Lila sètt : l’ùnnich sìggn dal pasàg' äd Taci a Pärma in fén di cont al n’é stè gnan malàs, sa' considerèmma còll che second mi l’à ciapè fin adésa ( cioè zéro cme tutt ) e còll ch' l’à réz, dai du gol sgnè a un impìggn sémpor ezemplär
Mauri sìncov : at' pól béle capir al parchè, second mi da un ragas äd dezdòt an', con 'na gran carjéra davanti e tùtta la pìlla ch' a t’andrè a ciapär, impuntäros a ch’ la manéra li p'r un po’ äd sold a mi la m' pär 'na còza un po’ ezageräda po’ l’é in-t-al tò dirìtt at' farè cme at' n’é vója
Jorquera sìncov : l’invizìbbil, coviolén a pärta ! vón di pòch zugadór ch'a t' fè fin fadiga a tirärogh fóra 'na batuda, tant j’én dzèvvod, tant i ’n san äd njénta ! a son sicur che un vint an' fa in seconda categoria a j’ò zughè con di pù bón che lu, al Bubu Robuschi par prìmm, vón ch’ al stopäva la bala anca in-t-na coltùra e po’ äd la bala al fäva còll ch’ al n’äva vója, ätor che covjolén
Nocerino déz : zò al capél, zugadór che in camp al sa sémpor indó mèttros e có fär, parsón’na äd gran serietè e anca lù gran profesjonìssta ch' l’à dè fìn a l’ùltma gòssa äd sudor par la maja crozäda! Complimént e gràsja äd tutt
Palladén séz : srà ch' l’é béle un po’ ch' a ’n gh’é mìga la fila fóra da l’uss par comprärol, srà tutt còll ch' a vrèmma, però lù l’é stè vón dal sòcol dur ch' l’à tgnù bòta fin ala fén e l’é stè chi a alenäros sénsa ciapär gnanca un bòr anca parècc' fìss'c ! adésa cme adésa dil foto con i tifóz äd ch’ la scuadràsa là o di selfie con Moggi a 'n m' intarésa fin lì, bón’ni vacansi anca a lù e adio
Donadón déz : Mìsster, un vót al corag' ch’ al gh' à avù a portär in fonda anca ch’ la stagjón chi, anca se mi parsonalmént a 'n arìss pù zughè, in camp a gh’ arìss fat andär Tavecchio Tommasi Lotito e Albertini, e magàra anca chi du furbacjón la ch’ j àn tajè la corda e j’én scapè in manéra vargognóza, in camp a gh' mandäva tutt lilór a fär la scuädra di pajas ätor che bali, a tutt il manéri gràsja äd tutt Mìsster, dìll stagjón favolózi prìmma che còssta chi, e anca in còssta a gh' l’èmma caväda a catär cuél äd bón
AVANTI CROCIATI !!!
Tgnèmmos vìsst
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)
 



domenica 24 maggio 2015

IL VANGELO DELLA DOMENICA: COMMENTO DI DON UMBERTO COCCONI.

IL VANGELO DI DOMENICA 24 MAGGIO 2015
Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà». (Vangelo di Giovanni)

L'uomo non è forse, per natura, colui che ricerca la verità delle cose, che si interroga sul senso della vita? Eppure, nello stesso tempo, l’uomo ha paura della verità, preferisce nascondersi dietro la menzogna, preferisce le tenebre alla luce. «Chiunque fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio», leggiamo ancora in Giovanni. Il vangelo, ancora una volta, ci rivelerà una conoscenza della realtà così sconvolgente da scandalizzarci, così sconcertante, che saremmo,di primo acchito, tentati di rifiutarla. «Veniva nel mondo la luce vera quella che illumina ogni uomo», leggiamo nel prologo del vangelo, dunque, l’umanità è come avvolta nella notte, vive nell’oscurità, nell’errore, nella menzogna e nell’inganno. Il Vangelo è la buona notizia che guida l’uomo alla comprensione della verità, non è altro che lo svelamento di ciò che era nascosto sin dalla fondazione del mondo. Si legge nel trentanovesimo aforisma de L'Anticristo di Nietzsche questa frase lapidaria: «Il Vangelo morì sulla croce». Come si può affermare una cosa simile: non potrebbe esserci fraintendimento più grande! E’ stata piuttosto la “menzogna” a morire sulla croce, perché proprio lì è stato sconfitto il potere del “principe di questo mondo”, il potere della morte basato sull’inganno e sulla falsità che ci ha fatto credere e ha continuato a farci credere che Dio non è Padre. 

E se Dio non è Padre, che senso ha la nostra vita, qual è il senso dei nostri limiti? È davvero la fine di tutto! Allora la nostra vita naviga nella disperazione e senza uno scopo. Invece la croce, “scandalo e stoltezza” agli occhi del mondo, vince questa menzogna, rivelandoci che proprio sulla croce si manifesta pienamente l’amore di Dio. Gesù, giudicato e condannato ingiustamente, porta su di sé il male di tutti e, portando su di sé il male per amore, ci mostra che c’è un amore più grande di ogni male e di ogni morte e che quell’amore li vince, proprio perché li porta su di sé. La croce ci mostra l’amore che unisce il Padre e il Figlio e nel contempo il loro amore per il mondo: dal loro reciproco donarsi, si effonde lo Spirito che dà la vita al mondo. Ed è proprio lo Spirito Santo, il reciproco amore del Padre e del Figlio, a farci comprendere che noi siamo realmente figli, che abbiamo un Padre e che siamo fratelli. Il segno che la luce della verità ha sconfitto le tenebre dell’errore è la testimonianza della fraternità, della possibilità di vivere un’esistenza bella, nella gioia, nella condivisione, nella solidarietà. Perché Gesù dice ai discepoli che ha ancora molte cose da dire? Gesù, con la sua vita e la sua morte, non ci ha forse detto tutto quanto doveva dirci? Non ci ha rivelato il massimo della conoscenza, ossia che Dio è amore? «Però questo amore è sempre non detto, perché non viene capito. 

Nell’amore c’è sempre un di più che non è mai dicibile, lo capisce solo chi ama. E lo Spirito Santo, essendo l’amore che noi discepoli riceviamo, ci fa capire questo non detto, ci introduce nell’indicibile e ci fa portare il peso della verità dell’amore» (Silvano Fausti). Il potere dello Spirito è di farci entrare nella verità che Gesù ha rivelato. Lo Spirito non parla di se stesso, ripete le cose che ha “ascoltato” tra il Padre e il Figlio e ci fa comprendere le cose di Dio, ci fa capire cosa fare qui e ora e che cosa è giusto e di conseguenza ciò che è sbagliato. Lo Spirito è il Maestro interiore, che guida ogni credente “alla verità tutta intera”. Quando si smarrisce una visione unitaria, fondata su principi condivisi, l'agire umano diviene ottuso, interessato e frammentato. Proprio perché la verità viene continuamente minacciata «dalla sua riduzione, cioè dall’ideologia. Anche noi corriamo sempre questo rischio nel modo di guardare la realtà e noi stessi, di concepirci, di concepire l’avvenimento cristiano, di vivere la vocazione» (Luigi Giussani). Lo Spirito Santo ci fa comprendere la pienezza della realtà, ci dà la possibilità di cogliere il tutto delle cose, del mondo e di Dio perché ci porta a guardare oltre la contingenza del momento, per accostarci via via al senso profondo degli eventi della storia umana.
(DON UMBERTO COCCONI)


Tgnèmmos vìsst
-

sabato 23 maggio 2015

I PROTAGONISTI DELLA SERATA "INSIEME SI PUO'" AL CIRCOLO CASTELLETTO DI VIA ZAROTTO


 ALDO PIAZZA (Ape regina), BARBARA BARBIERI (che Mina), CORRADO MEDIOLI (Fisarmonicista), DON PINI (Cantante Country), ENRICO MALETTI (Dialetto Parmigiano), GIACOMO MAINI (Trombettista e Cantante).

(Foto di Cristina Cabassa)
(Clicca sulle foto per ingrandirle)


 
 
 
 

Tgnèmmos vìsst.