Estratto di un minuto del doppiaggio in dialetto parmigiano, realizzato nell'estate del 1996, tratto dal film "Ombre rosse" (1939) di John Ford. La voce di Ringo (John Wayne) è di Enrico Maletti


Con la qualità non si scherza. Parola di Enrico Maletti

PARMAINDIALETTO Tv


Tgnèmmos vìsst
Al salùt pramzàn äd parmaindialetto.blogspot.com

“Parmaindialetto” è nato il 31 luglio del 2004. Quest’anno compie 13 anni

“Parmaindialetto” l’é nasù al 31 lùjj dal 2004. St’an’ al compìssa 13 an’

Per comunicare con "Parmaindialetto" e-mail parmaindialetto@gmail.com

L’ UNICA SEDE DI “Parmaindialetto” SI TROVA A PARMA “PÄRMA”.







martedì 29 settembre 2015

CAMPIONATO DI SERIE "D" 2015/ 2016 "Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn" Mezolära - Pärma Calcio 1913 - 0-0 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 29 settembre 2015.



(TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO)

Mezolära Pärma 0-0

Zommers sénsa vót : donca putén, mi e ti bizòggna ch' a strolgämma cuél da dir, parchè con ch' l’ andiamo chi it' faràn déz tir in porta arivär ala fén dal campionät e mi cò dìghia tutt il fésti ? metèmma in mòt la fantazia sionò la vén lónga un bél pò

Mesén'na séz : t’é zughè un po’ a l’arvérsa, al prìmm témp che còj là i provävon dìll riparténsi ( 'na volta a se dzäva “contropiede” mo adésa as' fa la figura ädj’antìgh ) at' stäv ält a pistär i pè a Melandri, al second témp che lor j’ àn arciamè tutt in trincea a né t' si pù andè su o mólt meno che in-t-al prìmm ! é véra o no ?

Caciól sètt : un stopper ( anca chi adésa al calcio modäron al diz “centräl” ) cme da chi indrè; i prìmm tri balón j’én un zbutón, 'na strénga e n’ätor zbutón o n’ätra strénga a second äd có sarìvìssa, e pò dòpa la cura p'r otanta minud dal tò pärti a né s' fa pù vèddor nisón ! a so anca mi che con Lucarélì av' si catè sùbbit, tì at' si vón ch' a né gh' vól mìga insgnè njént.

Lucarélì séz : oh Capitàn, un séz stirasè ahn ? l’éra mìga la giornäda con cóll campàs lì e tutt al rést, tra ti e Corapi a sì stè i dù nùmmor déz dal Mezolära, j assist méno pericolóz par la diféza dal Pärma ; e cóll gol li al fèmma o no ? dai domenica al gnirìss còmod con ch’ il tésti cuädri là

Ricci séz : sprechè da tarsén , fòrsi anca da zugadór äd balón, al gh' à 'na ghìggna ch’ al podriss andär a fär chi telefilm americàn tipo Beverly Hills ; Gigi chilù al gh' à da zugär in-t-un ról e basta : l’òmm adòs a ch’ j ätor

Corapi séz : la pù brutta partìda da l’inìssi äd l’an', sarà parchè par vón ch' a fa cantär la bala cme ti, al camp brutt l’é un sincuanta par sént in méno, sarà parchè t’é saltè un gióron d’alenamént p'r andär a Napoli dal barbér d’ Insigne, mo jerdlà a né t' fäv che pärdor di balón e anca pericolóz ! dai che domenica l’Ennio l’é lìss cme un biljärd e t’ artórn al solit regìssta da déz

Giorgén séz : pòchi zugädi, sia davanti che dardè, anca par ti a väl al discors fat p'r al tò zmél, sperèmma che andär avanti cuand as' zuga fóra ca' a né gh' véna mìga in mént a tutt la tatica d’arär al camp cuand arìva al Pärma; mo di al sät che a guardärot bén at' somìlli a me nòna Elvira con cól cucù lì ?

Melandri òt : al pù bón dal Pärma. técnica trancuilamént da sèrja B cme mìnnim, dribblingh da Garrincha, cross da Claudio Sala, purtrop sul second päl par do volti as' gh’é catè Sereni ch' l’é ält cme un can sedù e a né gh' l’ à mìga caväda a butär déntor ch’ il do piturädi ch' at' gh’é mìss; a tutt il manéri Macio l’é bón bombén, a l’ ò béle batzè

Baraye séz : un séz ch’ al sarìss stè ( in compagnia col Capitan ) al prìmm sìncov ädla stagjón, mo cme s’ fa ? però tato, dato ch’ at' gh’é di nùmmor, fìzich e técnich da la madònna, l’é un pchè che tutt il volti ch' at' riva al balón o at' tir dil balonädi sénsa conisjón o a t' intestardìss in dribbling in méza a sìnch avarsäri : zuga par e con la scuädra e at' vedrè ch' a té t' stuf äd sgnär di gol e färia sgnär

Sereni séz : mälmadur bombén; bravén mo at' si trop tìmmid : magna dal cavàl pìsst e dal cór äd león che in sèrja D i ’n stan mìga tant lì, i zbròcon e basta e si vèddon ch' a t' si timidén bón’na nota sonadór

Longobärdi sètt : ecco, l’ezat conträri, ciòmma da león, bärba da codìggn e lotär su tutt i balón dal prìmm a l’ùltim minud ; äd caràtor, centratàch che prìmma äd buscär al dà via, par la categorìa un top player e in camp as' capìssa al parchè

Apolón séz : Gigi, la partìda äd jerdlà l’éra la tipica partìda ch' at' l’arìss poduda vénsor ti e basta con un maghègg' dala panchén'na, parchè in camp l’éra dura, tropa dura, con nóv avarsèri intanè in area; purtrop njénta, a ’n t’é gnanca gnù l’idéa äd fär 'na telefonäda a mez’ ora dala fén a Max, che lu äd diletant al s' n’inténda un bél po’ e magàra la drìtta at' la däva lu in diréta, e ala fén ädla féra la scuädra l’é restäda piàta e scontäda, par färla curta, da òmm a òmm, se p'r il prìmmi cuàtor partìdi at' si stè semplicemént parfét, la cuinta té m' si mìga piazù, tant al so che ti at' si mìga cme un cuälchidón ch' a gh’éra j’ an' pasè ch’ al s’ ofendäva par cualùnncue stupidäda, ti té t' fè su il manghi e zò a lavorär
CARICA CROCIATI
Tgnèmmos vìsst
(Testo di Crociato 63)

(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

domenica 27 settembre 2015

IL VANGELO DELLA DOMENICA: COMMENTO DI DON UMBERTO COCCONI.

Gesù disse alla folla: «Se la tua mano ti scandalizza, tagliala: è meglio per te entrare nella vita monco, che con due mani andare nella Geenna, nel fuoco inestinguibile. Se il tuo piede ti scandalizza, taglialo: è meglio per te entrare nella vita zoppo, che esser gettato con due piedi nella Geenna. Se il tuo occhio ti scandalizza, cavalo: è meglio per te entrare nel regno di Dio con un occhio solo, che essere gettato con due occhi nella Geenna, dove il loro verme non muore e il fuoco non si estingue». (Vangelo secondo Marco)

1.       Parole davvero taglienti quelle di Gesù! Esse hanno come leitmotiv una domanda: “tu come usi il tuo corpo, la tua mano, i tuoi piedi, il tuo occhio? Il tuo corpo è vissuto e percepito come un dono, è il luogo della comunione, oppure è il luogo dell’appropriazione e della mercificazione di te stesso?”. La nostra società moderna come parla del corpo? E le religioni come ne trattano?
2.       Ci viene da pensare: “Le religioni con i loro comandamenti e divieti non rendono forse amara la cosa più bella della vita? Non innalzano forse cartelli di divieto proprio là dove la gioia e la felicità ci fanno pregustare qualcosa del Divino? Il cristianesimo ha davvero demonizzato l’eros?”.
3.       La stessa modernità, al contrario, non esibisce l’evidenza della fisicità come se fosse qualcosa di per sé tutto compiuto, ovvero come un assoluto? La sua identificazione con “il tutto esibito” coincide con l’annichilimento di ogni via "altra" a cui il corpo conduce.
4.       La fisicità, il più delle volte, sostituisce le relazioni, il possesso prende il posto dei legami, il corpo che è linguaggio diventa muto.
5.       E' proprio nel corpo che si manifesta l’unicità del nostro essere persona. Il nostro corpo è uno straordinario mediatore per entrare in relazione con noi stessi, con l’altro, con il mondo, non è “materia inerte, pesante”, ma luogo di “luce, di vita, di splendore”, che nasconde in sé il mistero, come afferma Giovanni Paolo II.
6.       Privata di questo valore simbolico la corporeità viene ridotta a evidenza, a ostentazione e alla fine diviene chiusura. In tal modo la parola sul corpo diventa menzogna e il corpo stesso, inganno, seduzione e promessa inadempiuta.
7.       Nella poetica di Alda Merini il “carnale” è presentato come luogo teologico di rivelazione, spazio adatto a celebrare la carne che si fa spirito e lo spirito che si fa carne: «Se tutto un infinito/ha potuto raccogliersi in un Corpo/come da un corpo/disprigionare non si può l'Immenso?».
8.       Il “corpo parla”, desidera, è fatto per l’incontro: più che bisogno è “domanda, richiamo, grido”, è movimento verso l’altro, non verso un oggetto, ma verso un soggetto, è un tendere verso l’altro-da-sé.
9.       Nel corpo non è racchiusa la registrazione della dimensione indelebile di ogni atto umano? Il corpo saggiato, venerato, divorato è salvato nella sua essenza dallo sguardo che è capace di coglierne in profondità il senso, la sua storia.
10.   Le parole taglienti di Gesù ci chiedono di compiere una riflessione sulla fenomenologia dei gesti d’amore, che compiamo con il nostro corpo. Gesti come guardare, accarezzare, abbracciare, incontrare, penetrare non possono significare qualsiasi cosa, dicono “corporalmente” la mia relazione con l’altro, chi voglio essere per lui e chi egli è per me. Sono anche suscettibili di verità o di menzogna.
11.   Non sono dunque estranei alla problematizzazione etica. Quando Gesù afferma: “Se il tuo occhio ti scandalizza, cavalo”, non vuol forse dire che il nostro sguardo proprio perché “non è casto” non è in grado di rispettare e sopportare la distanza dell’altro, la sua alterità, la sua indisponibilità?
12.   Proprio per questo non si è in grado di percepire il corpo come personale ed espressivo, ma lo si comprende come semplice oggetto del desiderio. «La castità è libertà o, più precisamente, libertà di fronte al desiderio» (Xavier Lacroix).
13.   Siamo ciechi tutte le volte che il nostro sguardo non è capace di cogliere il valore della bellezza dell’altro: il corpo dell’altro non è un idolo o uno strumento per me, ma è “irradiazione della presenza” in quanto la fisicità non è ostacolo, ma è rivelazione dell’interiorità del soggetto. E se di questo non sono capace “è meglio per me entrare nel regno di Dio con un occhio solo, che essere gettato con due occhi nella Geenna”.
14.   Prendiamo, ad esempio, il gesto della carezza. La carezza non è soltanto un momento intermedio per giungere alla tappa ulteriore dell’unione o accrescere l’intensità del godimento. E’ già un atteggiamento nei confronti dell’altro: «il soggetto che accarezza è nella sua carezza, nella sua mano»(Xavier Lacroix).
15.   Nella carezza è implicata tutta la persona, non soltanto il movimento delle mani, ma il respiro, lo stesso sguardo, il corpo in tutta la sua apparente esteriorità. Se da una parte la carezza è seduzione, in quanto è un condurre con sé e verso di sé, essa può rivelarmi il “carattere insieme accessibile e inaccessibile dell’altro”.
16.   Il gesto esprime inevitabilmente un’intrinseca ambivalenza: è possibilità di incontro e al tempo stesso percezione della distanza, è contatto carnale e tentazione di appropriazione o di dominio.
17.   Lo stesso si può dire dell’abbraccio. Abbracciare è accogliere, circondare, proteggere, ma potrebbe essere anche catturare, avvinghiare, incorporare l’altro nel mio proprio spazio. E’ un gesto di tenerezza, ma la stretta può trasmettere violenza e desiderio di abolire ogni distanza.
18.   La Parola di Dio racchiusa nel libro del Cantico dei Cantici annuncia una nuova parola sull’amore umano, rivela la possibilità di un amore non inquinato da un eros corrotto, ma anzi arricchito dalla purezza di un desiderio che, pure acceso e intenso, realizza una comunione più profonda.
19.   Una passione che già si accende fin dall’inizio del Cantico: «Mi baci coi baci della sua bocca!» dove la donna esprime l’ansia per l’incontro, la “fame” dell’amato, la ricerca del suo respiro. 
(UMBERTO COCCONI

(Tgnèmmos vìsst)

venerdì 25 settembre 2015


PARMA IN BICI. BICICLETTATA CITTADINA NELLA SETTIMANA EUROPEA DELLA MOBILITA' SOSTENIBILE. PARTENZA DAL PARCO DUCALE. ORGANIZZATA DA FIAB E AVIS COMUNALE

(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE) 




Tgnèmmos vìsst

giovedì 24 settembre 2015

SAPETE COSA VUOL DIRE IN DIALETTO PARMIGIANO ?????


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)


Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano "AVÉR SCULASÈ LA PRÉDA". In Italiano "AVÉR SCULASÈ LA PRÉDA" vuol dire ”AVERE ESPERIENZA DEL MONDO”. 

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola “PISTARÓLAIn Italiano la parola “PISTARÓLA” vuole dire “TAGLIERE RETTANGOLARE, PER TRITARVI SOPRA LE VERDURE CON LA MEZZALUNA”. 

Sapete cosa è in dialetto parmigiano la "CICOLÄTA ÄD NIMÄL” . In Italiano la "CICOLÄTA ÄD NIMÄL” è la “CICCIOLATA DI MAIALE”. 

Sapete cosa è in dialetto parmigiano il " GRASÓL". In Italiano il "GRASÓL" è il “CICCIOLO” 

Sapete cosa è in dialetto parmigiano la “COMÈTTA 'D CÄRTA”. In Italiano la “COMÈTTA 'D CÄRTA” è “L'AQUILONE “.

 Grazie agli amici di Facebook e a www.gazzettadiparma.it che mi seguono. 


Tgnèmmos vìsst



MALORI NON E' SIMPATICO AI TG NAZIONALI...PERO IL FROSINONE PAREGGIA CON LA JUVENTUS... MOLTO IMPORTANTE

NEL TG 1 DELLE ORE 9 E' STATA PIU IMPORTANTE LA NOTIZIA DEL PAREGGIO 1-1 FRA FROSINONE E JUVENTUS CHE LA MEDAGLIA D'ARGENTO VINTA DA ADRIANO MALORI AI CAMPIONATI DEL MONDO DI CICLISMO A CRONOMETRO... PER MALORI NON UNA PAROLA...A PARMA DIREBBERO

 "GNAN CAGHE'" 







Tgnèmmos vìsst


mercoledì 23 settembre 2015

MEDAGLIA D'ARGENTO PER ADRIANO MALORI NELLA CRONOMETRO AI MONDIALI DI CICLISMO.


MEDAGLIA D'ARGENTO PER ADRIANO MALORI NELLA CRONOMETRO AI MONDIALI DI CICLISMO CON IL TEMPO DI 1h,02,38 ALLE SPALLE DI KIRYIENKA, PRIMO PER SOLOI 9 SECONDI. GRANDE ADRIANO. NON MI SONO SBAGLIATO...





Tgnèmmos vìsst


PARLIAMO IN DIALETTO...



Tgnèmmos vìsst

martedì 22 settembre 2015

CAMPIONATO DI SERIE "D" 2015/ 2016 "Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn" Pärma Calcio 1913 - Alto Vicentén 2-0 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 21 settembre 2015.


(TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO)

Pärma - Alto Vicentén 2-0

Zommers déz : a gh’éra un ragas che a sédz’ an' l’à cminsè a fär dìll parädi strepitózi pròprja in cla porta li alenè dal stés alenador e l’é ancòrra 'drè färni adèsa ; a t’avguri tùtta la so carjéra però con n’ätra maja adòs, parchè còlla ch' l’à miss lù a mi la m' dà sémpor n’alergia péz che i pjumén

Adorni déz : chi csì a gh’é dal bón e mìga pòch, al difénda, l’atàca, al fa sémpor la còza giussta, insòmma al zuga con la maruga da veteran a darsèt an' ! dal rést al sànngov al n’é miga acua e as' vèdda

Caciól déz : un granatér cme da chi indrè, un zgrostadór gentil, al pär un po’ Lucio còll ch' a zugäva in-t-l’inter, mìga trop elegant, mo tanta sostansa e vón äd còj, apunto, che dòpa sìnch minud j' àn béle capì con il bón’ni o cóll cativi che dedlì a né s' pasa mìga !

Lucaréli déz : anca con un cuälch plùch bjanch in-t-la bärba, äd n’ätra categorja, e còsste chi al sé säva, du pas dedchì du pas dedlà e al balón t’al cjap sémpor ti ! e tutt d’atorna as' vèdda che zugär con un zugadór cme ti a fa bén a tutt ! dai Capitàn che a Nadäl tacämma béle a scrìvvor la prìmma pagina äd còll famóz lìbbor ch' a gh’èmma da scrìvvor tutt insèmma

Saporètt déz : ti a né t' s’ér ancòrra nasù ( beato ti ) mo sät che diferénsa pasa tra ti e un särt Stopàn ? che a tutt du a v’é tochè marcär un sert Rondón perìccol pùbblich nùmmor vón, e tutt do il volti Rondón al n’ à mìga vìsst la bìlia par novanta minud ! Stopàn al l’à marchè in- t-l’otantatrì e la partìda l’é restäda in-t-la stòrja dal Pärma, fa ti che paragón ch' a t’ò fat

Corapi déz : chi andèmma a scomodär ädla roba fén’na bombén, Lele Pin, zugadór inteligentìssim elegant e ch' l’arà pèrs déz balón in tùtta la carjéra, al vér “centromediano metodista” cme a sé dzäva da chi indrè ! zugadór béle pront par fär la Lega Pro, e second mi anca la sèrja B

Giorgén déz : ätor che Caceres, da chi a pòch i gh' diran ch' l’é petnè cme Giorgén sa’ t' vè avanti acsì, da ménta a mi ; strepitóz, cuantitè e tanta cualitè, “témp äd ragionamént” da sèrja A, al ròba un sach äd balón, mo la còza pù béla l’é che prìmma ancòrra ch'a gh' riva la bala l’à béle vìsst indó j’én i so compagn, al camp al pasag' ch’ al pól fär e tach, la zugäda ( äd spès in verticäla ) parféta e genjäla; Con Corapi i fan 'na còpja li in méza äd do categorjj suparjór

Ricci déz : catär al pù bräv jerdlà l’é n’impréza, mo còll ragas chi a darsètt an' al dimòsstra 'na maturitè, la capacitè impresjonànta äd zugär dapartùtt, e po’ sia lu che Adorni che socuànt äd chi ragas, i gh' àn 'na petnädura sénsa tant ravojamént dal barbér, cme i ragas äd 'na volta, la béla gioventù gjälda e blu

Melandri déz : e che gol Màccio ! chi drìbblingh li al ja fäva Ortega, con la diversitè che in-t-n an' a né gh n’é mìga gnù vón che vón, ti t’é béle fat du gol e at' si 'drè zugär 'na partida pù béla che ch' l’ätra

Baraye déz : al vól limè, piolè, zgrosè mo chi csì a gh’é dal talént a bìllich ! in-t-un cuälch movimént al me fa gnìr in ménta anca Tino, però a gh' n’à da magnär di tordè d’arbètta, zugär dìll brìsscoli e sfär zò di autobus prìmma äd dvintär cme lu, però l’é giòvvon s’al s’impìggna magàra ( s’al léza Nevio adio, a són fnì, al post äd Leonärdi al cmìnsa lù la procesjón )

Longobärdi déz : n’ätor bél zugadór “old style” ( in djalètt äd Liverpool ) ; centravanti ch’al conòssa tutt i movimènt e i truchètt da mestierànt, al lòta cme un león e ala fén al s' pìga insìmma ai znòc' parchè pròprja a né gh' n’ à pù ! bräv, l’é cla génta chi cla pjäz a Pärma, parchè la maja crozäda l’é la maja pù béla dal mond, mo cuand l’é sporca e sudäda l’é ancòrra pù béla

Apolón déz : Gigi co vót ch' at' dìgga ? avanti acsì, stop !! gran bél lavór in poch témp, pochìssim, la scuädra la srà tecnicamént äd n’ätor pianéta, mo zugär la bala in téra con pasag', schéma inserimént e semplicitè, vól dir ch' a gh’é la tò man ! dai ch' a provèmma la fuga sùbbit, che chi csì n’é mìga ca' nostra, a gh’é d'andär via al prìmma posìbbil dedchì !
CARICA CROCIATI!!!
Tgnèmmos vìsst

(Testo di Crociato 63)
 (Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)



domenica 20 settembre 2015

L'ASSOCIAZIONE "I NOSTRI BORGHI" HA FESTEGGIATO I SUOI 15 ANNI DI ATTIVITA' CON UNA CENA SOTTO LE STELLE IN VIA XX SETTEMBRE.


QUI IL MOMENTO DEL BRINDISI DA PARTE DEL PRESIDENTE FABRIZIO PALLINI. OSPITI IL SINDACO FEDERICO PIZZAROTTI, L'ASSESSORE CRISTIANO CASA, IL PRESIDENTE DELL'AVIS PROVINCIALE LUIGI MAZZINI, IL PRESENTATORE ALDO MUSCI, L'ESPERTO DI DIALETTO PARMIGIANO ENRICO MALETTI, PER IL PARMA CALCIO 1913 ERA PRESENTE L'ADDETTO STAMPA GABRIELE MAJO. LA DIREZIONE ARTISTICA E' STATA DI EGIDIO TIBALDI.


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)
(CLICCA SULLE FOTO PER INGRANDIRLE)

 

Tgnèmmos vìsst

venerdì 18 settembre 2015

DAL CIRCOLO RICREATIVO CULTURALE FAMIJA ALBARESE ANSPI RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO.


(CLICCA SULLA LOCANDINA PER INGRANDIRLA)



Tgnèmmos vìsst

CAMPIONATO DI SERIE "D" 2015 2016 "Il Pagéli di Crozè in djalètt Pramzàn" Fortis Juventus - Pärma Calcio 1913 - 0-5 Testo pubblicato sulla Gazzetta di Parma del 18 settembre 2015.


(TESTO IN DIALETTO PARMIGIANO)
Fortis Juventus - Pärma 0-5

Zommers déz : inaugurèmma la fila di déz par tutt, e sperèmma ch' a sia la prìmma äd 'na sfìlsa ch’ la ’n fnìssa pù : tajè la grèssta résta la béla impresjón, praticamént dizocupè par tùtta la partìda, l’ùnnica zbandäda l’é städa n’usida in-t-al finäl ch' a paräva t’andìss a bévor un cynar da chi ragas in curva
Mesén'na déz : e cóll ragas chì d’ indó sältol fóra ? al paräva al Zacärd di primm tri an' a Pärma, poténsa semplicitè e técnica, pjàn pjanén a ja conosèmma tutt e fin adésa a gh’é da dir che Galassi al né gh' à mìga visst mäl ansi
Caciól déz : déz minud par ciapär ilj amzùri ( e un cartlén ) cóll fradél caplón äd Balotéli, e dòpa fin in fónda parfét, mo vrèva dir 'na còza n’é mìga che còjj ch' a riva a zugär ataca al Capitàn a sé gh' taca a s’ciarìr e zlargär la pjàsa ? guärda Palètta cme l’éra cuand l’é rive e dòpa cuand l’é partì
Lucarélì déz : oh Capitàn có gh' fät a chi ragas li che ti pù at' vè su con j’ an' pù at' mètt su 'na ciòmma nigra e lónga e lór i van tutt in pjàsa ? P'r artornär un po’ séri, at' gh’é 'na vója äd fär un gol ch' a ’n t’al sé gnan ti ; second mi ormäi l’é madur
Saporètt déz : tant cme Mesén'na, ezòrdi da vécja volpa, ansi con ancòrra pù bèch äd fér e prepoténsa, a minud al fa gol con 'na sasäsa da cuaranta mèttor dòpa avér robè un balón äd poténsa ! n’ätra béla sorpréza
Corapi déz : par cäz sit parént d’Insigne dato ch' at' pär sò fradél geroglìffich in tésta compréz ? at' si stè al prìmm ch’ al m’ à impresionè la prìmma amichévol contra la scuädra äd Max a Colècc', e t’é mantgnù il promìssi, zugadór sicuramént äd n’ätra categoria, a 'n sarìss mìga dir cuäla mo in sèrja D té gh' zugh anca con 'na gamba e basta
Giorgén déz : par la seconda partida ( su trèj ) adrè fila par mi al pu bón in camp in asolut ! noióz ( con ch’j ätor ) cme un sensòs , idéi ciäri e velocitè äd capir al zógh mostruóza ( sémpor a chi livél chì ) ; insòmma cualitè e cuantitè mezdädi ala perfesjón in-t-un “cocktail” pù gustóz che un mojoto
Ricci déz : d’indó vénot ti vè ? copacabana ? porto alegre ? san paolo ? a j’ ò vìsst du o tri nùmmor pròprja da braziljàn da chi indrè, e dir ch' at' dovrìss ésor un tarsén ( adésa ja ciàmon esterno basso e esterno alto ) mo sia davanti che dardè a t’é pròprja fat stravèddor ! bravissim dabón
Vignäli déz : béle domenica al Tardini cuand at' si gnu su t’é dè la scosa ala scuädra, e anca jerdlà in Toscana té t' si confermè ! gran béla corsa e 'na dote che a chi livél chì l’é tutt ätor che scontäda, osìa ch’al pasa sémpor al balón
Melandri déz : al gol ch' l’ à sarè su la partìda al momént giusst, e che gol ! anca ti at' dè l’idea d’ ésor un zugadór ch’ al pòsa zugär pù in ält, avrà dir che se tutt a va cme gh' à d' andär st’ an' ch’ vén la scuädra la srà béle pronta a l’otanta par sént
Baraye déz : pronti via un tir e un gol in du minud, po’ n’ätor gol, alméno tri magnè però còll ch' fa impresjón l’é la velocitè, al pär verament Bolt a confront äd j’ätor finalìssta, al riva zmarchè in zona gol con 'na facilitè gnan da crèddor, second mi con chilù a gh' n’ in sarà da vèddor dil béli
Apolón déz : alé Gigi alé : ogni partìda j’ ò vìsst ezatamént còll ch' am' spetäva ; soferénsa la prìmma parchè a mancäva un po’ äd preparasjón e un po’ d’afiatamént, normäl par vìnt ragas ch’ i 'n s’éron mäj visst primma d’ un méz fa, soferénsa la seconda parchè 'na trincea dal cuìnndoz dezdòt l’éra meno difensiva dal Villafranca, e jerdlà un gran progrés parchè i ragas j’én adrè catär sia gamba che intéza, e alora si ch' a sälta fóra la técnica, e second mi Gigi at' si 'drè fär ezatamént còll ch'a sarvìssa e in pù a chi ragas chì second mi at' gh' é trasmètt 'na cälma e 'na serenitè ch' l’é tùtta mana ! e Domenica al prìmm ezam dabón, a sarvìra där al masim tutt, in camp e fóra, nojätor sèmma prónt

CARICA CROCIATI
(Tgnèmmos vìsst)
(Testo di Crociato 63)
(Correzione ortografica a cura di Enrico Maletti)

giovedì 17 settembre 2015

SAPETE COSA VUOL DIRE IN DIALETTO PARMIGIANO ?????


(FOTO DI CRISTINA CABASSA)


Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola "LORGNÈTTA". In Italiano la "LORGNÈTTA" è ”L'OCCHIALINO”. OCCHIALE AD UNA SOLA LENTE

Sapete cosa vuol dire in dialetto parmigiano la parola “ARPICLÄROSIn Italiano la parola “ARPICLÄROS” vule dire “RIMETTERSI IN SALUTE”. 

Sapete cosa è in dialetto parmigiano la "FOJÈTTA” . In Italiano la "FOJÈTTA” è “UN QUARTO DI VINO”. 

Sapete cosa è in dialetto parmigiano la " SÒMA". In Italiano la "SÒMA" è il “CARICO CHE SI METTE AI GIUMENTI” 

Sapete cosa è in dialetto parmigiano il “COCONÉN”. In Italiano il “COCONÉN” è “UN PEZZO DI LEGNO A FORMA DI UOVO CON CUI LE NOSTRE NONNE RAMMENDAVANO LE CALZE “. 

Grazie agli amici di Facebook 
e a www.gazzettadiparma.it che mi seguono. 


Tgnèmmos vìsst